Lo Staff del Forum dichiara la propria fedeltà al Magistero. Se, per qualche svista o disattenzione, dovessimo incorrere in qualche errore o inesattezza, accettiamo fin da ora, con filiale ubbidienza, quanto la Santa Chiesa giudica e insegna. Le affermazioni dei singoli forumisti non rappresentano in alcun modo la posizione del forum, e quindi dello Staff, che ospita tutti gli interventi non esplicitamente contrari al Regolamento di CR (dalla Magna Charta). O Maria concepita senza peccato prega per noi che ricorriamo a Te.
Pagina 2 di 204 PrimaPrima 12341252102 ... UltimaUltima
Risultati da 11 a 20 di 2035

Discussione: Peculiarità delle Celebrazioni del Papa nel corso dell'anno liturgico

  1. #11
    Moderatore Globale L'avatar di Vox Populi
    Data Registrazione
    Apr 2006
    Località
    casa mia
    Messaggi
    62,300
    La solennità del Santissimo Corpo e Sangue di Cristo

    Nella solennità del Santissimo Corpo e Sangue di Cristo (Corpus Domini), vi è la consuetudine, da parte del Papa, di celebrare la S. Messa sul sagrato dell'Arcibasilica Papale del SS. Salvatore e dei SS. Giovanni Battista ed Evangelista in Laterano, Cattedrale di Roma. Al termine della Messa si snoda la Processione con il SS. Sacramento lungo la via Merulana, fino al sagrato della Basilica Papale di S. Maria Maggiore, ove il Pontefice imparte la Benedizione Eucaristica.
    Benché in Italia la solennità del Corpus Domini sia stata trasferita alla II domenica dopo Pentecoste, questa celebrazione pontificia ha luogo nel suo giorno proprio, cioè il giovedì dopo la solennità della SS. Trinità. Alla Messa e alla Processione sono particolarmente invitati i sacerdoti, religiosi, religiose e fedeli della Diocesi di Roma.
    Vediamo alcune particolarità della celebrazione, partendo dal 1997.
    Le fonti sono le medesime dei messaggi precedenti.


    29 maggio 1997
    Nell'articolo de L'Osservatore Romano dedicato alla solennità, a firma di Giuseppe Fiorentino, viene fatta menzione dei Cardinali, Arcivescovi e Vescovi che hanno assistito alla celebrazione, ma non di eventuali concelebranti. Si suppone pertanto che in quell'anno (e presumibilmente anche negli anni precedenti, benché non sia in possesso di documentazione a supporto della mia tesi), il Santo Padre Giovanni Paolo II abbia celebrato la Messa da solo.


    11 giugno 1998
    Dall'articolo dell'OR, a firma di GIampaolo Mattei, apprendiamo che in questa occasione il Sommo Pontefice Giovanni Paolo II non ha celebrato da solo la S. Messa, come avvenuto l'anno precedente. Hanno infatti concelebrato con lui:
    • S.E. Card. Camillo Ruini, Vicario Generale di Sua Santità per la Diocesi di Roma
    • S.E. Card. Jaime Lucas Ortega y Alamino, Arcivescovo di San Cristobal de la Habana
    • Ecc.mi Arcivescovi e Vescovi della Conferenza Episcopale Cubana.


    Come riportato nel succitato articolo, il Card. Ortega e i Vescovi Cubani si trovavano a Roma in quel periodo per la visita ad limina Apostolorum. Va inoltre ricordato che Giovanni Paolo II, pochi mesi prima del Corpus Domini (precisamente dal 21 al 26 gennaio) aveva compiuto un Viaggio Apostolico proprio a Cuba.


    3 giugno 1999
    L'articolo dell'OR a firma di Giampaolo Mattei riporta l'indicazione di coloro che hanno concelebrato con il Santo Padre:
    • S.E. Card. Camillo Ruini, Vicario Generale di Sua Santità per la Diocesi di Roma
    • S.E. Mons. Cesare Nosiglia, Arcivescovo Vice-gerente di Roma
    • I Rettori dei Seminari della Diocesi di Roma
    • I trentuno Novelli Sacerdoti della Diocesi di Roma, ordinati dal Papa il 25 aprile del medesimo anno



    22 giugno 2000
    Siamo nell'anno del Grande Giubileo e la solennità del Corpus Domini acquista una valenza speciale. Infatti quest'anno non è più specificamente rivolta solo ai membri della Diocesi di Roma, ma a tutta la Chiesa; è infatti in pieno svolgimento il XLVII Congresso Eucaristico Internazionale, che era stato aperto dal Santo Padre la domenica precedente, con la celebrazione dei Secondi Vespri della SS. Trinità e l'Adorazione Eucaristica sul sagrato della Basilica Vaticana e si sarebbe chiuso la domenica seguente con la Statio Orbis, sempre presieduta da Giovanni Paolo II in piazza S. Pietro.
    Pertanto, come si evince dalla Notificazione dell'Ufficio delle Celebrazioni Liturgiche del Sommo Pontefice, la concelebrazione della S. Messa sul sagrato della Basilica Lateranense è aperta a tutti i Cardinali, Arcivescovi, Vescovi e Sacerdoti presenti a Roma.


    14 giugno 2001
    Terminato l'Anno Giubilare, la celebrazione del Corpus Domini torna a essere specificamente rivolta alla Diocesi di Roma. E questo si nota anche dalla scelta dei concelebranti, indicata da S.E. Mons. Piero Marini, Maestro delle Celebrazioni Liturgiche del Sommo Pontefice, nella Notificazione. Con il Papa concelebrano:
    S.E. Card. Camillo Ruini, Vicario Generale di Sua Santità per la Diocesi di Roma
    S.E. Mons. Cesare Nosiglia, Arcivescovo Vice-gerente di Roma
    Ecc.mi Vescovi Ausiliari di Roma
    I trentaquattro Sacerdoti novelli della Diocesi di Roma, ordinati dal Papa il 13 maggio del medesimo anno.
    A partire da quest'anno, grazie alla pagina web dell'Ufficio delle Celebrazioni Liturgiche del Sommo Pontefice sul sito ufficiale della Santa Sede, possiamo visualizzare alcune immagini della celebrazione:





    30 maggio 2002
    A differenza degli anni precedenti il Santo Padre Giovanni Paolo II non celebra personalmente la Messa, ma vi assiste indossando la stola rossa sull'abito talare bianco e tenendo l'omelia.
    La Messa è celebrata da S.E. Card. Camillo Ruini, Vicario Generale di Sua Santità per la Diocesi di Roma


    Concelebrano con il porporato, come da Notificazione dell'Ufficio delle Celebrazioni Liturgiche:
    S.E. Mons. Cesare Nosiglia, Arcivescovo Vice-gerente di Roma
    Ecc.mi Vescovi Ausiliari di Roma
    I venti Sacerdoti novelli della Diocesi di Roma, ordinati dal Pontefice il 21 aprile del medesimo anno

    Al termine della Messa, il Pontefice, indossato il piviale bianco, presiede la Processione fino al sagrato della Basilica di S. Maria Maggiore. A motivo dei già evidenti problemi di deambulazione, egli non scende sul sagrato per la Benedizione Eucaristica, ma la imparte direttamente dalla vettura utilizzata per la Processione:



    19 giugno 2003
    La celebrazione ha lo stesso svolgimento dell'anno precedente. Il Sommo Pontefice Giovanni Paolo II assiste con la stola rossa sull'abito talare alla S. Messa celebrata dal Cardinale Vicario Camillo Ruini e tiene l'omelia.

    Anche i concelebranti sono, come nel 2002:
    • S.E. Mons. Cesare Nosiglia, Arcivescovo Vice-gerente di Roma
    • Ecc.mi Vescovi Ausiliari di Roma
    • I trentuno Sacerdoti novelli della Diocesi di Roma, ordinati dal Papa l'11 maggio del medesimo anno.


    Al termine della Messa, il Papa, indossato il piviale bianco, presiede la Processione e, giunto sul sagrato della Basilica Liberiana, imparte dalla vettura mobile la Benedizione Eucaristica:



    10 giugno 2004
    Il Santo Padre Giovanni Paolo II, in casula bianca e mitra, presiede i Riti di Introduzione e la Liturgia della Parola e riceve i doni all'offertorio:


    La Liturgia Eucaristica e i Riti di Comunione sono presieduti da S.E. Card. Camillo Ruini, Vicario Generale di Sua Santità per la Diocesi di Roma

    Concelebrano con il Cardinale:
    • S.E. Mons. Luigi Moretti, Arcivescovo Vice-gerente di Roma
    • Ecc.mi Vescovi Ausiliari
    • I ventisei Sacerdoti novelli della Diocesi di Roma, ordinati dal Papa il 2 maggio del medesimo anno.

    Al termine della S. Messa il Pontefice, mantenendo la casula, presiede la Processione, concludendo la celebrazione con la Benedizione Eucaristica, impartita secondo la medesima modalità dei due anni precedenti:



    26 maggio 2005
    Il nuovo Papa Benedetto XVI presiede per la prima volta la celebrazione del Corpus Domini. Si ritorna alla prassi seguita da Giovanni Paolo II fino al 1997, in base alla quale il Pontefice celebra da solo la S. Messa della solennità, senza concelebranti:


    Per la processione viene ancora utilizzata la vettura mobile degli anni precedenti, ma la Benedizione Eucaristica torna ad essere impartita dall'altare mobile allestito sul sagrato della Basilica di Santa Maria Maggiore:



    15 giugno 2006
    Il Santo Padre Benedetto XVI presiede la celebrazione del Corpus Domini con la stessa modalità del 2005.



    7 giugno 2007
    Papa Benedetto XVI presiede la celebrazione del Corpus Domini con la stessa modalità degli anni precedenti.



    22 maggio 2008
    Il Sommo Pontefice Benedetto XVI presiede la celebrazione del Corpus Domini con la stessa modalità degli anni precedenti.

    «Vigilate ergo, quia nescitis qua die Dominus vester venturus sit».
    (Matth. 24,42)

  2. #12
    Cardinale Bellarmino
    visitatore
    Le Celebrazioni Eucaristiche in suffragio
    dei Cardinali e Vescovi deceduti nel corso dell'anno

    11 novembre 1997
    Alle ore 12.00, il Card. Bernardin Gantin, Decano del Sacro Collegio, ha presieduto – all’Altare della Cattedra della Basilica Vaticana – la Concelebrazione Eucaristica in suffragio dei Cardinali e Vescovi defunti durante l’anno, leggendo il testo dell’Omelia preparato dal Santo Padre.

    10 novembre 1998
    Alle ore 12.00, il Santo Padre Giovanni Paolo II ha presieduto – all’Altare della Cattedra della Basilica Vaticana – la Concelebrazione Eucaristica con i Signori Cardinali in suffragio dei Cardinali e Vescovi defunti durante l’anno.

    12 novembre 1999
    Alle ore 11.30, il Santo Padre Giovanni Paolo II ha presieduto – all’Altare della Cattedra della Basilica Vaticana – la Concelebrazione Eucaristica con i Signori Cardinali in suffragio dei Cardinali e Vescovi defunti durante l’anno.

    14 novembre 2000
    Alle ore 11.30, il Santo Padre Giovanni Paolo II ha presieduto – all’Altare della Cattedra della Basilica Vaticana – la Concelebrazione Eucaristica con i Signori Cardinali in suffragio dei Cardinali e Vescovi defunti durante l’anno.

    6 novembre 2001
    Alle ore 11.30, il Santo Padre Giovanni Paolo II ha presieduto – all’Altare della Cattedra della Basilica Vaticana – la Concelebrazione Eucaristica con i Signori Cardinali in suffragio dei Cardinali e Vescovi defunti durante l’anno.



    5 novembre 2002
    Alle ore 11.30, il Santo Padre Giovanni Paolo II ha assistito – tenendo l’Omelia e impartendo la Benedizione Apostolica – alla Concelebrazione Eucaristica in suffragio dei Cardinali e Vescovi defunti durante l’anno, presieduta dal Card. Angelo Sodano, Segretario di Stato, all’Altare della Confessione della Basilica Vaticana.





    13 novembre 2003
    Alle ore 11.30, il Santo Padre Giovanni Paolo II ha celebrato – all’Altare della Confessione della Basilica Vaticana – la Santa Messa in suffragio dei Cardinali e Vescovi defunti durante l’anno. Egli ha presieduto i Riti di introduzione, la Liturgia della Parola e i Riti di conclusione, mentre il Card. Joseph Ratzinger, Prefetto della Congregazione per la Dottrina della Fede e Decano del Collegio Cardinalizio, ha presieduto la Liturgia Eucaristica e i Riti di comunione.





    11 novembre 2004
    Alle ore 11.30, il Santo Padre Giovanni Paolo II ha celebrato – all’Altare della Cattedra della Basilica Vaticana – la Santa Messa in suffragio dei Cardinali e Vescovi defunti durante l’anno. Egli ha presieduto i Riti di introduzione, la Liturgia della Parola e i Riti di conclusione, mentre il Card. Joseph Ratzinger, Prefetto della Congregazione per la Dottrina della Fede e Decano del Collegio Cardinalizio, ha presieduto la Liturgia Eucaristica e i Riti di comunione.





    11 novembre 2005
    Alle ore 11.30, il Santo Padre Benedetto XVI ha presieduto – all’Altare della Cattedra della Basilica Vaticana – la Concelebrazione Eucaristica in suffragio dei Cardinali e Vescovi defunti durante l’anno.



    4 novembre 2006
    Alle ore 11.30, il Santo Padre Benedetto XVI ha presieduto – all’Altare della Cattedra della Basilica Vaticana – la Concelebrazione Eucaristica in suffragio dei Cardinali e Vescovi defunti durante l’anno.





    5 novembre 2007
    Alle ore 11.30, il Santo Padre Benedetto XVI ha presieduto – all’Altare della Cattedra della Basilica Vaticana – la Concelebrazione Eucaristica in suffragio dei Cardinali e Vescovi defunti durante l’anno.

    Tale celebrazione è stata la prima diretta dal nuovo Maestro delle Celebrazioni Liturgiche del Sommo Pontefice, Mons. Guido Marini.



    3 novembre 2008
    Alle ore 11.30, il Santo Padre Benedetto XVI ha presieduto – all’Altare della Cattedra della Basilica Vaticana – la Concelebrazione Eucaristica in suffragio dei Cardinali e Vescovi defunti durante l’anno.




  3. #13
    Cardinale Bellarmino
    visitatore
    Le Celebrazioni Eucaristiche in suffragio
    dei Sommi Pontefici Paolo VI e Giovanni Paolo I (1997 – 2004)
    e del Sommo Pontefice Giovanni Paolo II (2006 – 2008)


    28 settembre 1997
    Alle ore 10.30, all’Altare della Cattedra della Basilica Vaticana, l’Em.mo Card. Angelo Sodano, Segretario di Stato, ha presieduto la Santa Messa in suffragio dei defunti Sommi Pontefici Paolo VI e Giovanni Paolo I, concelebrando con i Signori Cardinali.

    28 settembre 1998
    Alle ore 18, all’Altare della Cattedra della Basilica Vaticana, l’Em.mo Card. Angelo Sodano, Segretario di Stato, ha presieduto la Santa Messa in suffragio dei defunti Sommi Pontefici Paolo VI e Giovanni Paolo I, nel XX anniversario della loro morte, concelebrando con i Signori Cardinali.

    28 settembre 1999
    All’Altare della Cattedra della Patriarcale Basilica Vaticana, l’Em.mo Card. Bernardin Gantin, Decano del Collegio Cardinalizio, ha presieduto la Santa Messa in suffragio dei defunti Sommi Pontefici Paolo VI e Giovanni Paolo I, senza la presenza del Santo Padre, concelebrando con i Signori Cardinali.

    Nella stessa mattinata il Santo Padre, nel cortile del Palazzo Apostolico di Castelgandolfo, ha presieduto una Santa Messa in suffragio dei due predecessori. Tale Messa non aveva un carattere solenne, poiché il Santo Padre non era assistito né da Mons. Maestro né da un Cerimoniere Pontificio, ma da S.E. Mons. Stanislaw Dziwisz, suo Segretario Particolare, in camice e stola.

    28 settembre 2000
    Alle ore 11.30 di questa mattina, all’Altare della Cattedra della Patriarcale Basilica Vaticana, il Santo Padre Giovanni Paolo II celebra, con gli Em.mi Cardinali, la Santa Messa in suffragio dei defunti Sommi Pontefici Paolo VI e Giovanni Paolo I.

    28 settembre 2001
    Alle ore 18 di questo pomeriggio, all’Altare della Cattedra della Patriarcale Basilica Vaticana, il Cardinale Angelo Sodano, Segretario di Stato, celebra, a nome del Santo Padre, la Santa Messa in suffragio dei defunti Sommi Pontefici Paolo VI e Giovanni Paolo I, concelebrando con i Signori Cardinali.

    I paramenti utilizzati sono di colore viola, poiché la celebrazione di suffragio si tiene senza la presenza del Santo Padre.



    28 settembre 2002
    Alle ore 18 di questo pomeriggio, all’Altare della Cattedra della Patriarcale Basilica Vaticana, il Cardinale Angelo Sodano, Segretario di Stato, celebra, a nome del Santo Padre, la Santa Messa in suffragio dei defunti Sommi Pontefici Paolo VI e Giovanni Paolo I, concelebrando con i Signori Cardinali.

    27 settembre 2003
    Alle ore 18 di questo pomeriggio, all’Altare della Confessione della Patriarcale Basilica Vaticana, ha luogo la Santa Messa nel XXV anniversario della morte dei Sommi Pontefici Paolo VI e Giovanni Paolo I.
    La Celebrazione è presieduta dal Santo Padre Giovanni Paolo II, il Quale tiene l’Omelia, guida la preghiera universale e imparte la Benedizione Apostolica.
    La Santa Messa è celebrata dall’Em.mo Card. Joseph Ratzinger, Decano del Collegio Cardinalizio, insieme con gli Em.mi Signori Cardinali.

    I paramenti utilizzati sono di colore verde, poiché la Messa – essendo celebrata alle ore 18 ed essendo sabato – è quella della Domenica del Tempo Ordinario.





    28 settembre 2004
    Alle ore 18 di questo pomeriggio, all’Altare della Cattedra nella Basilica Vaticana, ha luogo la Santa Messa in suffragio dei defunti Sommi Pontefici Paolo VI e Giovanni Paolo I.
    La Celebrazione Eucaristica è presieduta, a nome del Santo Padre, dall’Em.mo Card. Joseph Ratzinger, Decano del Collegio Cardinalizio, il quale concelebra con i Signori Cardinali.

    Il Cardinale indossa paramenti viola, poiché la celebrazione di suffragio si tiene senza la presenza del Santo Padre.





    2005
    Con l’elezione di Benedetto XVI, non viene celebrata la Messa in suffragio dei Pontefici Paolo VI e Giovanni Paolo I, in quanto il Cerimoniale dei Vescovi prevede che venga celebrata – ogni anno – la messa in suffragio dell’ultimo Ordinario diocesano defunto, in specie Giovanni Paolo II, per cui la Messa verrà celebrata nell’anniversario della sua morte nel 2006.

    Il Santo Padre Benedetto XVI, però, il 2 maggio 2005, trigesimo della morte di Giovanni Paolo II, alle 7.30 celebra la Messa nella sua Cappella privata e alle ore 19.00 scende nelle Grotte Vaticane per una visita in privato e un momento di preghiera sulla tomba del defunto Sommo Pontefice Giovanni Paolo II.

    3 aprile 2006
    Alle ore 17.30 di lunedì 3 aprile 2006, il Santo Padre Benedetto XVI ha presieduto, sul Sagrato della Basilica Vaticana, la Cappella Papale in suffragio di Giovanni Paolo II, concelebrando con gli Em.mi Sig. Cardinali.

    Al momento della Liturgia Eucaristica, si sono avvicinati all’altare:
    • l’Em.mo Card. Angelo Sodano, Segretario di Stato, Decano del Collegio Cardinalizio;
    • l’Em.mo Card. Roger Etchegaray, Presidente Emerito del Pontificio Consiglio per la Giustizia e la Pace e del Pontificio Consiglio Cor Unum, Vice Decano del Collegio Cardinalizio.





    2 aprile 2007
    Alle ore 17.30 di lunedì 2 aprile 2007, Lunedì della Settimana Santa, il Santo Padre Benedetto XVI ha presieduto, sul Sagrato della Basilica Vaticana, la Cappella Papale in suffragio di Giovanni Paolo II, concelebrando con gli Em.mi Sig. Cardinali.

    Sono state utilizzate vesti di colore viola poiché è stata celebrata la Messa del Lunedì della Settimana Santa.





    2 aprile 2008
    Mercoledì 2 aprile 2008, alle ore 10.30, al posto della consueta Udienza Generale, il Santo Padre Benedetto XVI ha presieduto, sul Sagrato della Basilica Vaticana, la Cappella Papale in suffragio di Giovanni Paolo II, concelebrando con gli Em.mi Sig. Cardinali.


  4. #14
    Cardinale Bellarmino
    visitatore
    Le Esequie dei Cardinali

    La parte relativa alle Esequie dei Cardinali prima del 2001 verrà aggiunta in seguito.

    2001
    Nel corso dell’anno 2001 il Santo Padre ha presieduto le Esequie dei Cardinali:
    • Giuseppe Casoria, Prefetto Emerito della Congregazione per i Sacramenti e il Culto Divino (10 febbraio);
    • Paolo Bertoli, Prefetto Emerito della Congregazione per le Cause dei Santi e Camerlengo Emerito di S.R.C. (9 novembre);

    Esequie del Card. Giuseppe Casoria
    Il Santo Padre ha presieduto – all’Altare della Cattedra della Basilica Vaticana – sia la Santa Messa che i Riti di commiato;





    Esequie del Card. Paolo Bertoli
    Il Santo Padre ha presieduto – all’Altare della Cattedra della Basilica Vaticana – sia la Santa Messa che i Riti di commiato.

    Al momento della Liturgia Eucaristica sono saliti all’Altare:
    - l’Em.mo Card. Joseph Ratzinger, Prefetto della Congregazione per la Dottrina della Fede e Vice Decano del Collegio Cardinalizio;
    - l’Em.mo Card. Angelo Sodano, Segretario di Stato.



    2002
    Nel corso dell’anno 2002 il Santo Padre ha presieduto le Esequie dei Cardinali:
    • Lucas Moreira Neves, O.P., Prefetto Emerito della Congregazione per i Vescovi (11 settembre)
    • François-Xavier Nguyen Van Thuan, Presidente del Pontificio Consiglio per la Giustizia e la Pace (20 settembre)

    Esequie del Card. Lucas Moreira Neves
    Il Rito si è tenuto all’Altare della Confessione della Basilica Vaticana. Il Santo Padre, che aveva la sua sede presso la statua di Longino, ha assistito in stola alla Santa Messa presieduta dal Card. Joseph Ratzinger, Prefetto della Congregazione della Dottrina della Fede e Vice Decano del Collegio Cardinalizio, tenendo l’omelia. Al termine della celebrazione, rivestito il piviale rosso e la mitra bianca, ha presieduto i Riti di Commiato.

    Esequie del Card. François Xavier N. Van Thuan
    Il Rito si è tenuto all’Altare della Confessione della Basilica Vaticana. Il Santo Padre, che aveva la sua sede presso la statua di Longino, ha assistito in stola alla Santa Messa presieduta dal Card. Angelo Sodano, Segretario di Stato, tenendo l’omelia. Al termine della celebrazione, rivestito il piviale rosso e la mitra bianca, ha presieduto i Riti di Commiato.

    2003
    Nel corso del 2003 il Santo Padre ha presieduto le Esequie del Cardinale Aurelio Sabattani, Prefetto Emerito del Tribunale della Segnatura Apostolica.

    Il Rito si è tenuto all’Altare della Confessione della Basilica Vaticana. Il Santo Padre, che aveva la sua sede presso la statua di Longino, ha assistito in stola alla Santa Messa presieduta dal Card. Angelo Sodano, Segretario di Stato, tenendo l’omelia. Al termine della celebrazione, rivestito il piviale rosso e la mitra bianca, ha presieduto i Riti di Commiato.





    2004
    Nell’anno 2004 Papa Giovanni Paolo II non ha presieduto le Esequie di alcun Membro del Sacro Collegio.

    2005
    Nell’anno 2005 Giovanni Paolo II ha presieduto le Esequie del Card. Jan Pieter Schotte, C.I.C.M., Segretario Generale Emerito del Sinodo dei Vescovi (14 gennaio)

    Il Rito si è tenuto all’Altare della Confessione della Basilica Vaticana. Il Santo Padre, che aveva la sua sede presso la statua di Longino, ha presieduto, in casula e mitra, i Riti di introduzione, la Liturgia della Parola e i Riti di commiato.

    Il Card. Joseph Ratzinger, Prefetto della Congregazione della Dottrina della Fede e Decano del Collegio Cardinalizio, ha presieduto la Liturgia Eucaristica e i Riti di comunione. Al termine della celebrazione, rivestito il piviale rosso e la mitra bianca, ha presieduto i Riti di Commiato.

    Al momento della Liturgia Eucaristica, si sono avvicinati all’altare:
    • l’Em.mo Card. Angelo Sodano, Segretario di Stato, Decano del Collegio Cardinalizio;
    • l’Em.mo Card. Roger Etchegaray, Presidente Emerito del Pontificio Consiglio per la Giustizia e la Pace e del Pontificio Consiglio Cor Unum, Vice Decano del Collegio Cardinalizio.





    Nello stesso anno Benedetto XVI ha presieduto – all’Altare della Cattedra della Basilica Vaticana – sia la Santa Messa che i Riti di commiato per le Esequie del Card. Giuseppe Caprio, Gran Maestro Emerito dell’Ordine Equestre del Santo Sepolcro e Presidente Emerito della Prefettura per gli Affari Economici della Santa Sede.

    Al momento della Liturgia Eucaristica, si sono avvicinati all’altare:
    • l’Em.mo Card. Angelo Sodano, Segretario di Stato, Decano del Collegio Cardinalizio;
    • l’Em.mo Card. Roger Etchegaray, Presidente Emerito del Pontificio Consiglio per la Giustizia e la Pace e del Pontificio Consiglio Cor Unum, Vice Decano del Collegio Cardinalizio.






    2006
    Nell’anno 2006 Benedetto XVI ha presieduto le Esequie dei Cardinali:
    • Dino Monduzzi, Prefetto Emerito della Casa Pontificia (16 ottobre);
    • Mario Francesco Pompedda, Prefetto Emerito del Supremo Tribunale della Segnatura Apostolica (20 ottobre);

    Esequie del Card. Dino Monduzzi
    Il Santo Padre ha presieduto – all’Altare della Cattedra della Basilica Vaticana – sia la Santa Messa che i Riti di commiato.

    Al momento della Liturgia Eucaristica, si sono avvicinati all’altare:
    • l’Em.mo Card. Angelo Sodano, Segretario di Stato Emerito, Decano del Collegio Cardinalizio;
    • l’Em.mo Card. Roger Etchegaray, Presidente Emerito del Pontificio Consiglio per la Giustizia e la Pace e del Pontificio Consiglio Cor Unum, Vice Decano del Collegio Cardinalizio.



    Esequie del Card. Mario Francesco Pompedda
    Il Santo Padre ha presieduto – all’Altare della Cattedra della Basilica Vaticana – sia la Santa Messa che i Riti di commiato.




    2007
    Nell’anno 2007 Benedetto XVI ha presieduto le Esequie dei Cardinali:
    - Antonio Maria Javierre Ortas, S.D.B., Prefetto Emerito della Congregazione per il Culto Divino e la Disciplina dei Sacramenti (2 febbraio)
    - Angelo Felici, Prefetto Emerito della Congregazione per le Cause dei Santi e Presidente Emerito della Pontificia Commissione Ecclesia Dei (19 giugno)
    - Alfons Maria Stickler, S.D.B., Archivista e Bibliotecario Emerito di S.R.C. (14 dicembre)

    Esequie del Card. Antonio Maria Javierre Ortas, S.D.B.
    Il Santo Padre ha presieduto – all’Altare della Cattedra della Basilica Vaticana – sia la Santa Messa che i Riti di commiato.

    Insieme al Santo Padre e ai Cardinali ha pure concelebrato il Rettore Maggiore dei Salesiani, Congregazione di appartenenza del defunto Cardinale.



    Esequie del Card. Angelo Felici
    Il Santo Padre ha presieduto – all’Altare della Cattedra della Basilica Vaticana – sia la Santa Messa che i Riti di commiato. In questa occasione il Santo Padre non è stato assistito da S.E. Mons. Piero Marini, ma da Mons. Franco Camaldo, Decano dei Cerimonieri Pontifici.

    Al momento della Liturgia Eucaristica, si sono avvicinati all’altare:
    • l’Em.mo Card. Angelo Sodano, Segretario di Stato Emerito, Decano del Collegio Cardinalizio;
    • l’Em.mo Card. Roger Etchegaray, Presidente Emerito del Pontificio Consiglio per la Giustizia e la Pace e del Pontificio Consiglio Cor Unum, Vice Decano del Collegio Cardinalizio.






    Esequie del Card. Alfons Maria Stickler, S.D.B.
    Il Santo Padre ha presieduto – all’Altare della Cattedra della Basilica Vaticana – sia la Santa Messa che i Riti di commiato.

    Questa è stata la prima Celebrazione delle Esequie di un Cardinale diretta da Mons. Guido Marini, nuovo Maestro delle Celebrazioni del Sommo Pontefice.

    Al momento della Liturgia Eucaristica, si sono avvicinati all’altare:
    • l’Em.mo Card. Angelo Sodano, Segretario di Stato Emerito, Decano del Collegio Cardinalizio;
    • l’Em.mo Card. Giovanni Battista Re, Prefetto della Congregazione per i Vescovi e Presidente della Pontificia Commissione per l’America Latina;








    2008
    Nell’anno 2008 Benedetto XVI ha presieduto le Esequie dei Cardinali:
    - Alfonso Lopez Trujillo, Presidente del Pontificio Consiglio per la Famiglia (23 aprile);
    - Antonio Innocenti, Prefetto Emerito della Congregazione per il Clero (10 settembre)

    Inoltre Papa Benedetto XVI ha presieduto una celebrazione in suffragio del Card. Bernardin Gantin, Decano Emerito del Collegio Cardinalizio (23 maggio), le cui Esequie si sono tenute in Africa.

    Esequie del Card. Alfonso Lopez Trujillo
    Con le Esequie del Card. Trujillo, è entrata in vigore la nuova prassi per le celebrazioni delle Esequie dei Cardinali. Il Papa non presiede più la Messa, ma presiede esclusivamente il Rito della Commendatio e della Valedictio alla fine della celebrazione eucaristica, indossando il piviale rosso.

    La Santa Messa viene presieduta dal Card. Angelo Sodano, Decano del Collegio Cardinalizio, che concelebra con i Signori Cardinali.

    Al momento della Liturgia Eucaristica, si sono avvicinati all’altare:
    • l’Em.mo Card. Giovanni Battista Re, Prefetto della Congregazione per i Vescovi e Presidente della Pontificia Commissione per l’America Latina
    • l’Em.mo Card. Francis Arinze, Prefetto della Congregazione per il Culto Divino e la Disciplina dei Sacramenti



    Celebrazione in suffragio del Card. Bernardin Gantin
    Anche per la celebrazione in suffragio del Card. Gantin, la Santa Messa viene presieduta dal Card. Angelo Sodano, Decano del Collegio Cardinalizio, che concelebra con i Signori Cardinali.

    Il Papa, terminata la Messa, fa il suo ingresso in Basilica e presiede, in piviale e mitra, i Riti della Commendatio e della Valedictio.

    Al momento della Liturgia Eucaristica, si sono avvicinati all’altare:
    • l’Em.mo Card. Jozef Tomko, Presidente Emerito del Pontificio Comitato per i Congressi Eucaristici Internazionali
    • l’Em.mo Card. Bernard Francis Law, Arciprete della Basilica Papale di Santa Maria Maggiore;






    Esequie del Card. Antonio Innocenti
    Anche per la celebrazione in suffragio del Card. Gantin, la Santa Messa viene presieduta dal Card. Angelo Sodano, Decano del Collegio Cardinalizio, che concelebra con i Signori Cardinali.

    Il Papa, terminata la Messa, fa il suo ingresso in Basilica e presiede, in piviale e mitra, i Riti della Commendatio e della Valedictio.

    Al momento della Liturgia Eucaristica, si sono avvicinati all’altare:
    • l’Em.mo Card. Giovanni Battista Re, Prefetto della Congregazione per i Vescovi e Presidente della Pontificia Commissione per l’America Latina
    • l’Em.mo Card. Francis Arinze, Prefetto della Congregazione per il Culto Divino e la Disciplina dei Sacramenti


  5. #15
    Cardinale Bellarmino
    visitatore
    La solennità dei Santi Pietro e Paolo (29 giugno)

    1997
    Il Santo Padre ha presieduto la Cappella Papale nel corso della quale ha imposto il Pallio agli Arcivescovi Metropoliti provenienti da varie nazioni.

    Era presente alla celebrazione Madre Teresa di Calcutta, e questo fu il suo ultimo incontro con Papa Giovanni Paolo II. Non si registra però la presenza di alcun Rappresentante del Patriarca di Costantinopoli

    1998
    Il Santo Padre Giovanni Paolo II ha presieduto la Cappella Papale nel corso della quale ha imposto il Pallio agli Arcivescovi Metropoliti provenienti da varie nazioni.

    L’omelia del Santo Padre sottolinea inoltre la presenza di Sua Eminenza John, Metropolita di Pergamo e Rappresentante del Patriarca di Costantinopoli Bartolomeo I.

    1999



    Il Santo Padre ha presieduto la Cappella Papale nel corso della quale ha imposto il Pallio agli Arcivescovi Metropoliti provenienti da varie nazioni.

    Era inoltre presente Sua Eminenza Chrisostomos Kostantidinis, Metropolita di Efeso e Rappresentante del Patriarca di Costantinopoli Bartolomeo I.

    2000
    Il Santo Padre ha presieduto la Cappella Papale nel corso della quale ha imposto il Pallio agli Arcivescovi Metropoliti provenienti da varie nazioni.

    2001
    Il Santo Padre Giovanni Paolo II ha presieduto la Cappella Papale nella Solennità dei Santi Pietro e Paolo, nel corso della quale ha imposto il Pallio agli Arcivescovi Metropoliti. Al Rito ha assistito, come si vede dalla foto, il Rappresentante del Patriarca di Costantinopoli.

    Giovanni Paolo II ha presieduto i Riti di introduzione, la Liturgia della Parola, il Rito della Imposizione del Pallio e i Riti di conclusione, rivestito del piviale rosso e della mitra, dalla sede posta fuori dal cancello della Basilica Vaticana. La Liturgia Eucaristica e i Riti di comunione sono stati presieduti dal Card. Angelo Sodano, Segretario di Stato.

    Inoltre, per l’occasione, oltre ai Metropoliti hanno anche concelebrato i Vescovi eletti nel corso dell’anno precedente, presenti a Roma per un convegno organizzato dalla Congregazione per i Vescovi.








    2002
    Il Santo Padre Giovanni Paolo II ha presieduto la Cappella Papale nella Solennità dei Santi Pietro e Paolo, nel corso della quale ha imposto il Pallio agli Arcivescovi Metropoliti. Al Rito ha assistito, come si vede dalla foto, il Rappresentante del Patriarca di Costantinopoli.

    Giovanni Paolo II ha presieduto i Riti di introduzione, la Liturgia della Parola, il Rito della Imposizione del Pallio e i Riti di conclusione, rivestito della casula rossa e della mitra, dalla sede posta fuori dal cancello della Basilica Vaticana. La Liturgia Eucaristica e i Riti di comunione sono stati presieduti dal Card. Angelo Sodano, Segretario di Stato.





    2003
    Nel 2003 il Santo Padre, alla vigilia della Solennità dei Santi Pietro e Paolo, ha presieduto la Celebrazione dei Primi Vesperi nella Basilica Vaticana, durante i quali è stata promulgata l’Esortazione Apostolica Post-Sinodale Ecclesia in Europa.

    Il Santo Padre, che indossava la stola rossa sulla veste talare, in piviale dai Cardinali:
    • Paul Poupard, Presidente del Pontificio Consiglio per la Cultura, già Presidente Delegato della Assemblea Sinodale
    • Joachim Meisner, Arcivescovo di Koln (Germania), già Presidente Delegato della Assemblea Sinodale
    • Jan Pieter Schotte, C.I.C.M., Segretario Generale del Sinodo dei Vescovi
    • Antonio Maria Rouco Varela, Arcivescovo di Madrid (Spagna), già Relatore Generale della Assemblea Sinodale

    Tra questi il Card. Jan Pieter Schotte, C.I.C.M., Segretario Generale del Sinodo dei Vescovi, che al momento del Magnificat compie l’incensazione di rito. Al termine del Rito, al quale ha assistito il Rappresentante del Patriarca di Costantinopoli con il suo seguito, il Papa, coadiuvato dal Card. Schotte, ha firmato l’Esortazione Apostolica e l’ha consegnata (oltre che ad alcuni laici e religiosi) ai quattro Cardinali (sopra citati) e a tre Vescovi:

    • S.E. Mons. Amedèe Grab, Vescovo di Chur (Svizzera), Presidente del Consiglio delle Conferenze Episcopali Europee;
    • S.E. Mons. Jozef Miroslaw Zycinski, Arcivescovo di Lublin (Polonia), già Segretario Speciale della Assemblea Sinodale
    • S.E. Mons. Vincent Nichols, Arcivescovo di Birmingham (Inghilterra), già Segretario Speciale della Assemblea Sinodale









    Nella Solennità dei Santi Apostoli Pietro e Paolo, il Santo Padre ha presieduto la Cappella Papale nel corso della quale ha imposto il Pallio agli Arcivescovi Metropoliti provenienti da varie nazioni. Al Rito era presente il Rappresentante del Patriarca Bartolomeo I.

    Come tutti gli anni, al termine della consegna del Pallio ai Metropoliti, il Papa consegna al Segretario della Congregazione per i Vescovi (in questa foto l’Arcivescovo Francesco Monterisi) alcuni Palli affinché vengano consegnati ai Metropoliti che non sono potuti convenire a Roma al Rito presieduto dal Papa.









    2004
    Il Santo Padre ha presieduto, sul Sagrato della Basilica Vaticana, la Cappella Papale nel corso della quale ha imposto il Pallio agli Arcivescovi Metropoliti provenienti da varie nazioni. Al Rito è presente Sua Santità Bartolomeo I, Patriarca di Costantinopoli, con il suo Seguito.

    Il Papa e il Patriarca prendono posto insieme alla Sede predisposta davanti all’Altare per il tempo dei Riti di introduzione e della Liturgia della Parola. Il Patriarca e il Papa tengono l’Omelia. Al momento della consegna dei Palli, il Patriarca si porta alla sede predisposta per lui accanto alle sedie dei Cardinali. Si riuniscono poi per lo scambio di pace e la benedizione.

    In questa occasione riceve il Pallio anche il Card. Justin Francis Rigali, neo Arcivescovo Metropolita di Philadelphia (Stati Uniti), nominato a tale sede verso la fine del 2003 e creato Cardinale nel Concistoro del 21 ottobre dello stesso anno.







    2005
    Il Santo Padre Benedetto XVI presiede, all’Altare della Confessione della Basilica Vaticana, la Cappella Papale nel corso della quale ha imposto il Pallio agli Arcivescovi Metropoliti provenienti da varie nazioni. Al Rito è presente il Rappresentante del Patriarca di Costantinopoli.

    Nel corso della Celebrazione, ricevono il Pallio anche il Card. Angelo Sodano, nominato alla fine del mese di aprile Decano del Collegio Cardinalizio e S.E. Mons. Stanislaw Dziwisz, già Segretario Particolare di Papa Giovanni Paolo II, eletto Arcivescovo di Cracovia il 3 giugno dello stesso anno.







    2006
    Il Santo Padre Benedetto XVI presiede, all’Altare della Confessione della Basilica Vaticana, la Cappella Papale nel corso della quale ha imposto il Pallio agli Arcivescovi Metropoliti provenienti da varie nazioni. Al Rito è presente il Rappresentante del Patriarca di Costantinopoli.

    Nel corso di tale rito hanno ricevuto il Pallio anche il Card. Crescenzio Sepe, nominato Arcivescovo di Napoli il 20 maggio precedente e il Card. Jorge Liberato Urosa Savino, Arcivescovo di Caracas, Santiago de Venezuela il 5 novembre 2005 e creato Cardinale nel Concistoro del 24 marzo 2006.



    2007
    Il Santo Padre, alla vigilia della Solennità dei Santi Pietro e Paolo, ha presieduto nella Basilica Papale di San Paolo fuori le Mura, la Celebrazione dei Primi Vesperi, nel corso dei quali ha annunciato la sua intenzione di convocare un Anno Paolino.





    Il Santo Padre Benedetto XVI ha poi presieduto, nel giorno della Solennità, all’Altare della Confessione della Basilica Vaticana, la Cappella Papale nel corso della quale ha imposto il Pallio agli Arcivescovi Metropoliti provenienti da varie nazioni. Al Rito è presente il Rappresentante del Patriarca di Costantinopoli.





    2008
    Il Santo Padre, alla vigilia della Solennità dei Santi Pietro e Paolo, ha presieduto nella Basilica Papale di San Paolo fuori le Mura, la Celebrazione dei Primi Vesperi, nel corso dei quali ha aperto ufficialmente l’Anno Paolino. Al Rito, durante il quale è il Papa è stato assistito – come Cardinali Diaconi – dai Cardinali Andrea Cordero Lanza di Montezemolo, Arciprete della Basilica e Sergio Sebastiani, era presente anche Sua Santità Bartolomeo I, Patriarca di Costantinopoli.





    Il giorno successivo, nella Solennità dei Santi Pietro e Paolo, il Papa ha presieduto la Cappella Papale nel corso della quale ha imposto il Pallio agli Arcivescovi Metropoliti provenienti da varie nazioni. Al Rito era presente il Patriarca di Costantinopoli con il suo Seguito.

    Il Papa e il Patriarca avevano la loro sede presso l’Altare della Confessione, ove sono rimasti insieme fino al Rito della Imposizione del Pallio, quando il Patriarca è andato ad occupare la sede per lui predisposta. Si sono poi riuniti per il gesto di pace e la benedizione finale.





    Ultima modifica di Vox Populi; 17-01-2009 alle 15:10

  6. #16
    Moderatore Globale L'avatar di Vox Populi
    Data Registrazione
    Apr 2006
    Località
    casa mia
    Messaggi
    62,300
    Le celebrazioni in occasione di anniversari personali dei Pontefici

    Analizziamo ora le celebrazioni che Giovanni Paolo II e Benedetto XVI hanno presieduto in anniversari legati alla loro persona.
    Fonti: Archivio delle omelie di Giovanni Paolo II sul sito ufficiale della Santa Sede; archivio su cd-rom de L'Osservatore Romano, anni 1997-98-99; archivio dei bollettini della Sala Stampa Vaticana sul sito ufficiale della Santa Sede; per le immagini: archivio fotografico dell'Ufficio delle Celebrazioni Liturgiche del Sommo Pontefice sul sito della Santa Sede; archivio Profimedia; Fotografia Felici

    Cinquantesimo Anniversario di Ordinazione Presbiterale di Giovanni Paolo II

    Venerdì 1° novembre 1996, solennità di Tutti i Santi e anniversario esatto della sua Ordinazione (01/11/1946), il Santo Padre Giovanni Paolo II ha presieduto nella Basilica Vaticana una solenne concelebrazione, alla quale erano stati invitati particolarmente i sacerdoti, religiosi, religiose e fedeli della Diocesi di Roma.
    Con il Papa hanno concelebrato S.E. Card. Camillo Ruini, Vicario Generale di Sua Santità per la Diocesi di Roma, i Vescovi Ausiliari e settecento Presbiteri della medesima Diocesi.

    Domenica 10 novembre, il Sommo Pontefice Giovanni Paolo II ha presieduto nella Basilica di San Pietro la solenne concelebrazione di ringraziamento per il 50° anniversario di Ordinazione Presbiterale. Con lui ha concelebrato buona parte del Collegio Cardinalizio, oltre a centinaia di Arcivescovi, Vescovi e Presbiteri di tutto il mondo che avevano ricevuto l'Ordinazione Sacerdotale nel 1946.
    Per l'occasione il Santo Padre ha indossato una casula rossa donata dall'Arcidiocesi di Milano. Anche la mitra (che egli aveva già indossato il 12 maggio del medesimo anno per la Beatificazione di sei Servi di Dio, tra i quali il Cardinale Alfredo Ildefonso Schuster) era stata donata dalla medesima Arcidiocesi.


    Il Santo Padre, lunedì 9 giugno 1997, nel corso del viaggio apostolico in Polonia, ha nuovamente ricordato l'avvenuto anniversario di ordinazione con una Messa in forma privata celebrata a Krakow, nella cripta della Cattedrale del Wawel, sul medesimo altare ove aveva celebrato la prima Messa, indossando per l'occasione la medesima pianeta dell'Ordinazione Sacerdotale. Un'immagine inedita di questa celebrazione venne pubblicata dall'Osservatore Romano nel numero dell'1/11/1997:



    Ventesimo Anniversario di Pontificato e Quarantesimo di Episcopato di Giovanni Paolo II

    Il 16 ottobre 1998 ricorreva il 20° anniversario dell'elezione al Sommo Pontificato di Giovanni Paolo II, il quale, il 28 settembre del medesimo anno, aveva ricordato anche il 40° anniversario della sua Ordinazione Episcopale.
    Il Santo Padre presiedette la solenne S. Messa di ringraziamento per i due importanti anniversari domenica 18 ottobre, XXX per annum, sul Sagrato della Basilica Vaticana. Con lui hanno concelebrato trentanove Cardinali, cento tra Arcivescovi e Vescovi e ottocento Sacerdoti, tra i quali molti Parroci della Diocesi di Roma.
    Per la Preghiera Eucaristica, sono saliti all'altare insieme al Papa:
    • S.E. Card. Bernardin Gantin, Decano del Collegio Cardinalizio, Prefetto emerito della Congregazione per i Vescovi;
    • S.E. Card. Angelo Sodano, Segretario di Stato;
    • S.E. Card. Camillo Ruini, Vicario Generale di Sua Santità per la Diocesi di Roma;
    • S.E. Card. Franciszek Macharski, Arcivescovo di Krakow, Polonia


    E' stata celebrata la Messa propria della domenica corrente. Per l'occasione il Pontefice ha indossato casula verde e mitra, dono della Diocesi di Roma per i due anniversari:



    Ottantesimo genetliaco di Giovanni Paolo II

    Giovedì 18 maggio 2000, nell'anno del Grande Giubileo, il Santo Padre Giovanni Paolo II ha presieduto, sul sagrato della Basilica Vaticana, la concelebrazione per il suo ottantesimo genetliaco, che ricorreva proprio in quel giorno. Per volontà del Papa, l'anniversario è coinciso con la celebrazione del Giubileo dei Presbiteri.
    La concelebrazione era aperta a tutti i Cardinali, Arcivescovi, Vescovi e Presbiteri presenti a Roma.





    Venticinquesimo Anniversario di Pontificato di Giovanni Paolo II

    Il Santo Padre Giovanni Paolo II ha presieduto, giovedì 16 ottobre 2003, la solenne concelebrazione sul sagrato della Basilica di San Pietro per il 25° anniversario della sua elezione al Sommo Pontificato, che ricorreva proprio in quel giorno.
    Con lui hanno concelebrato i Cardinali, Arcivescovi e Vescovi presenti nell'Urbe e i Parroci della Diocesi di Roma.



    Ottantesimo genetliaco di Benedetto XVI

    Il Santo Padre Benedetto XVI ha presieduto, domenica 15 aprile 2007, II di Pasqua de Divina Misericordia, la solenne concelebrazione sul sagrato della Basilica Vaticana in occasione dell'ottantesimo genetliaco (16/04/1927).
    Per l'occasione il Papa ha indossato una casula bianca donatagli dal fratello, Mons. Georg Ratzinger.


    Con il Santo Padre hanno concelebrato sessanta Cardinali, gli Arcivescovi e Vescovi Capi-Dicastero della Curia Romana, i Vescovi Ausiliari di Roma e una rappresentanza dei Presbiteri della medesima Diocesi.
    Con Benedetto XVI sono saliti all'altare per la Preghiera Eucaristica:
    • S.E. Card. Angelo Sodano, Decano del Collegio Cardinalizio, già Segretario di Stato
    • S.E. Card. Roger Etchegaray, Sotto-Decano del Collegio Cardinalizio, Presidente emerito del Pontificio Consiglio per la Giustizia e la Pace

    «Vigilate ergo, quia nescitis qua die Dominus vester venturus sit».
    (Matth. 24,42)

  7. #17
    Cardinale Bellarmino
    visitatore
    La Vacanza della Sede Apostolica
    e l'Elezione del Sommo Pontefice


    Gli Eventi del 2005


    Fonti delle informazioni:
    SEDE APOSTOLICA VACANTE. Eventi e celebrazioni. Anno 2005, a cura dell’Ufficio delle Celebrazioni Liturgiche del Sommo Pontefice (2007)
    INIZIO DEL MINISTERO PETRINO DEL VESCOVO DI ROMA BENEDETTO XVI, a cura dell’Ufficio delle Celebrazioni Liturgiche del Sommo Pontefice (2007);
    Bollettino della Sala Stampa della Santa Sede

    Fonti delle immagini:
    Pagina web dell’Ufficio delle Celebrazioni Liturgiche del Sommo Pontefice; Catholic Press Photo; JAMD; Corbis

    Abbreviazioni:
    UDG: Costituzione Apostolica Universi Dominici Gregis (1994)
    OERP: Ordo Exsequiarum Romani Pontificis (1998, Ufficio delle Celebrazioni Liturgiche)
    ORC: Ordo Rituum Conclavis (1998, Ufficio delle Celebrazioni Liturgiche)
    ORM: Ordo Rituum Ministeri Petrini initio Romae Episcopi (2005, Ufficio delle Celebrazioni Liturgiche)
    AAS: Acta Apostolicae Sedis (Supplementum del 17 aprile 2005)

    Domenica 3 aprile
    Rito della Constatazione della morte del Pontefice Giovanni Paolo II
    Alle ore 9 ha avuto luogo, nella Cappella dell’Appartamento del Santo Padre Giovanni Paolo II, il rito della Constatazione della morte, secondo quanto prescritto dalla UDG e dall’OERP.
    Per l’occasione l’Ufficio delle Celebrazioni Liturgiche ha emesso una Notificazione (non apparsa né sull’Osservatore Romano, né negli AAS), a firma dell’Ecc.mo Mons. Piero Marini, Arcivescovo titolare di Martirano, Maestro delle Celebrazioni Liturgiche Pontificie, con la quale venivano convocate, per l’ora indicata, con l’abito corale loro proprio, le seguenti persone:
    • S.E.R. Card. Eduardo Martinez Somalo, Camerlengo di S.R.C.
    • S.E.R. Mons. Paolo Sardi, Arcivescovo tit. di Sutri, Vice Camerlengo di S.R.C.
    • S.E.R. Mons. Leonardo Sandri, Arcivescovo tit. di Civitanova, Sostituto alla Segreteria di Stato
    • Mons. Karel Kasteel, Decano del Collegio dei Prelati Chierici di Camera
    • Mons. Antonio Macculi, Prelato Chierico di Camera
    • Mons. Vincenzo Ferrara, Prelato Chierico di Camera
    • Avv. Enrico Serafini, Segretario e Cancelliere della Camera Apostolica
    • Dott. Renato Buzzonetti, Direttore dei Servizi Sanitari

    Erano inoltre presenti il Card. Marian Jaworski, Arcivescovo di Lviv dei Latini (Ucraina), amico personale del Pontefice, i Segretari e i Famigliari del Sommo Pontefice, nonché S.E. Mons. Piero Marini, Maestro delle Celebrazioni Liturgiche del Sommo Pontefice, insieme a Mons. Konrad Kranjewski, Cerimoniere Pontificio.



    Questo è il testo dell’Atto di riconoscimento sottoscritto da tutti i presenti al Rito:

    IN DEI NOMINE. AMEN.
    RECOGNITIO CADAVERIS SANCTAE MEMORIAE
    IOANNIS PAULI PAPAE II
    OLIM CAROLI WOJTYLA
    Cum Sanctissimus Dominus Noster Divina Providentia Ioannes Paulus Papa II, sicut Altissimo placuit, die 2 mensis Aprilis, anno 2005, hora 21.37, debitum naturae persolverit, Em.mus ac Rev.mus D.nus Card. Eduardus Martinez Somalo, Sanctae Romanae Ecclesiae Camerarius, una cum Exc.mo ac Rev.mo D.no Petro Marini, Magistro Celebrationum Liturgicarum, necnon Exc.mo ac Rev.mo D.no Paolo Sardi, Vice Camerario, Rev.mo D.no Carolo Kasteel, Decano Clericorum Camerae Apostolicae, Rev.mo D.no Antonio Macculi, Clerico Camerae, Rev.mo D.no Vincentio Ferrara, Clerico Camerae, atque infrascripto Notario et Cancellario Camerae, Adv. Henrico Serafini, omnibus a praedicto Magistro Celebrationum Liturgicarum rite convocatis, se contulit subsequenti die hora 9 a.m. ad locum domus Pontificiae, et ingressus cum omnibus supradictis in Sacellum privatum praefati Pontificis, ipsius corpus, vestibus pontificalibus indutum, exanimatum invenit. Archiatra Pontificius, D.nus Renatus Buzzonetti, coram praesentibus documentum mortem Pontificis eiusque causas comprobans edixit. Cardinalis Camerarius, una cum comitibus suis, cadaver Ioannis Pauli II, olim Caroli Wojtyla, rite recognovit ac debitis reverentiis defuncto Pontifici redditis fervidisque precibus pro eius anima effusis, discessit.

    Datum in Sacello privato, die 3 mensis Aprilis, anno 2005.
    Praesentes aderant infrascripti testes:


    Eduardus Card. Martinez, Camerarius
    + Petrus Marini, Archiepiscopus tit. Marturanensis,
    Magister Celebrationum Liturgicarum pontificalium
    + Paulus Sardi, Vice Camerarius
    Carolus Kasteel, Decanus Camerae Apostolicae
    Antonius Maria Macculi
    Vincentius Ferrara
    Henricus Serafini, Notarius-Cancellarius
    L + S

    Santa Messa sul Sagrato della Basilica Vaticana
    Alle ore 10.30, nella Domenica della Divina Misericordia, l’Em.mo Card. Angelo Sodano, presiede la Concelebrazione Eucaristica in suffragio di Sua Santità Giovanni Paolo II. Concelebrano i Cardinali presenti a Roma e gli Arcivescovi e Vescovi della Curia Romana.





    Si sono avvicinati all’Altare per la Preghiera Eucaristica:
    • l’Em.mo Card. Joseph Ratzinger, Decano del Collegio Cardinalizio;
    • l’Em.mo Card. Ignace Moussa I Daoud;
    Al termine del Rito l’Arcivescovo Leonardo Sandri, Sostituto alla Segreteria di Stato, legge il testo predisposto dal Santo Padre per la meditazione al Regina Coeli della Domenica della Divina Misericordia.

    Esposizione della Salma nella Sala Clementina e Inizio delle Visite
    Alle ore 12.30 ha avuto luogo, nella Sala Clementina del Palazzo Apostolico Vaticano, la Celebrazione per dare inizio alle visite alla Salma del Romano Pontefice. Tale rito è stato presieduto dal Card. Eduardo Martinez Somalo, Camerlengo di S.R.C.

    Per l’occasione l’Ufficio delle Celebrazioni Liturgiche ha emesso la seguente notificazione:

    NOTIFICAZIONE
    Domenica 3 aprile, alle ore 12.30, il Cardinale Camerlengo presiederà nella Sala Clementina una celebrazione per dare inizio alle visite della salma del Romano Pontefice defunto in modo che i fedeli possano rendergli l’omaggio della pietà cristiana.
    Tutti coloro che, in conformità al Motu Proprio “Pontificalis Domus” compongono la Cappella Pontificia e desiderano partecipare alla celebrazione, sono pregati di trovarsi per le ore 12.15 nella Sala Clementina, rivestendo il proprio abito corale.
    L’accesso al Palazzo Apostolico avverrà dal cortile di San Damaso e sarà consentito fino alle 16 di domenica 3 aprile.
    Le visite per i componenti della Cappella Papale, per le Autorità e per il Corpo Diplomatico riprenderanno lunedì 4 aprile dalle ore 9 fino alle ore 16.

    Città del Vaticano, 3 aprile 2005.

    Per mandato del Cardinale Camerlengo
    + Piero Marini
    Arcivescovo titolare di Martirano
    Maestro delle Celebrazioni Liturgiche Pontificie



    Lunedì 4 aprile
    Traslazione della Salma nella Basilica Vaticana
    Alle ore 17.00 di lunedì 4 aprile, ha avuto luogo il Rito della Traslazione della Salma del defunto Pontefice Giovanni Paolo II dalla Sala Clementina del Palazzo Apostolico alla Basilica Vaticana.

    Come indicato nella Notificazione pubblicata dall’Ufficio delle Celebrazioni Liturgiche e dai Praeparanda per tale celebrazione:
    • l’Em.mo Cardinale Camerlengo, in qualità di Celebrante, rivestito del piviale rosso e della mitra bianca damascata, due Diaconi, rivestiti delle dalmatiche rosse, i Cardinali, la Famiglia Pontificia, i Penitenzieri si radunano nella Sala Clementina;
    • gli Arcivescovi, i Vescovi, il Capitolo di San Pietro e i Prelati si radunano nella Prima Loggia del Palazzo Apostolico;
    • i Sacerdoti si radunano nella Sala Ducale e nella Sala Regia;

    Dopo un iniziale momento di preghiera, ha luogo la processione che, dopo essere uscita dal Palazzo Apostolico attraverso il Portone di Bronzo, attraverso la Piazza antistante la Basilica Vaticana. Giunta davanti ai cancelli della Basilica, la salma viene mostrata ai fedeli e poi viene recata davanti all’Altare della Confessione, dove viene incensata e aspersa dal Cardinale Camerlengo.

    Davanti alla salma del defunto Pontefice, il Card. Eduardo Martinez Somalo, Camerlengo di S.R.C., affiancato da S.E. Mons. Piero Marini, Maestro delle Celebrazioni Liturgiche e da Mons. Massimo Boarotto, Cerimoniere Pontificio.

    Dietro alla salma sono presenti, tra gli altri:
    • S.E. Mons. James Michael Harvey, Arcivescovo titolare di Memphis, Prefetto della Casa Pontificia;
    • S.E. Mons. Stanislaw Dziwisz, Arcivescovo titolare di San Leone, Prefetto Aggiunto della Casa Pontificia e Segretario Particolare del defunto Pontefice;
    • S.E. Mons. Francesco Monterisi, Arcivescovo titolare di Alba Marittima, Segretario della Congregazione per i Vescovi e del Collegio Cardinalizio;
    • S.E. Mons. Oscar Rizzato, Arcivescovo titolare di Viruno, Elemosiniere di Sua Santità;
    • S.E. Mons. Leonardo Sandri, Arcivescovo titolare di Civitanova, Sostituto alla Segreteria di Stato;
    • Mons. Paolo De Nicolò, Reggente della Prefettura della Casa Pontificia;
    • Mons. Mieczyslaw Mockryzki, della Segreteria Particolare del Sommo Pontefice



    Liturgia della Parola nella Basilica Vaticana
    Terminata la processione, ed avvenuta l’aspersione e l’incensazione della salma da parte del Cardinale Camerlengo, ha luogo una breve Liturgia della Parola.
    Qualche tempo dopo la conclusione della Liturgia, la Basilica Vaticana viene aperta per l’afflusso dei fedeli giunti a Roma per onorare la memoria del Pontefice defunto.



    Venerdì 8 aprile
    Deposizione della Salma nella bara
    Come indicato nella Notificazione dell’Ufficio delle Celebrazioni Liturgiche del Sommo Pontefice, pubblicata nel Supplementum degli AAS del 17 aprile 2005, alle ore 7.30, prima della Messa Esequiale, ha luogo il Rito della Deposizione della Salma del Romano Pontefice nella bara, presieduto dal Card. Eduardo Martinez Somalo, Camerlengo di S.R.C., che indossa la stola sull’abito corale.

    Al Rito intervengono, oltre al Camerlengo:
    • l’Em.mo Card. Joseph Ratzinger, Decano del Collegio Cardinalizio;
    • l’Em.mo Card. Eugenio de Araujo Sales, Protopresbitero del Collegio Cardinalizio;
    • l’Em.mo Card. Jorge Arturo Medina Estevez, Protodiacono del Collegio Cardinalizio;
    • l’Em.mo Card. Angelo Sodano, già Segretario di Stato;
    • l’Em.mo Card. Franciszek Macharski, Arcivescovo di Krakow
    • l’Em.mo Card. Camillo Ruini, Vicario Generale di Sua Santità per la Diocesi di Roma;
    • l’Em.mo Card. Francesco Marchisano, Arciprete della Basilica Vaticana;
    • S.E. Mons. Leonardo Sandri, Sostituto alla Segreteria di Stato;
    • S.E. Mons. Angelo Comastri, Vicario Generale di Sua Santità per la Città del Vaticano;
    • S.E. Mons. James M. Harvey, Prefetto della Casa Pontificia;
    • S.E. Mons. Oscar Rizzato, Elemosiniere di Sua Santità;
    • S.E. Mons. Paolo Sardi, Vice Camerlengo di S.R.C.;
    • S.E. Mons. Piero Marini, Maestro delle Celebrazioni Liturgiche del Sommo Pontefice;
    • S.E. Mons. Stanislaw Dziwisz, Segretario Particolare del Santo Padre;
    • S.E. Mons. Renato Boccardo, Segretario del Governatorato della Città del Vaticano;
    • S.E. Mons. Vittorio Lanzani, Canonico della Basilica Vaticana e Delegato della Fabbrica di San Pietro;
    • S.E. Mons. Emery Kabongo Kunandowi, Arcivescovo-Vescovo Emerito di Luebo (Rep. Dem. del Congo), Canonico della Basilica Vaticana e già membro della Segreteria Particolare del Sommo Pontefice;
    • Mons. Karel Kasteel, Decano del Collegio dei Prelati Chierici di Camera;
    • Avv. Enrico Serafini, Segretario e Cancelliere della Camera Apostolica;
    • Alcuni Canonici della Basilica Vaticana
    • I Familiari del defunto Pontefice

    Sono inoltre presenti alcune persone ammesse dalla Maestro delle Celebrazioni Liturgiche, alcuni Ministranti, alcuni componenti della Cappella Musicale Sistina e gli addetti alla deposizione nella bara.

    Ecco alcune immagini:


    Il Cardinale Camerlengo e il Cardinale Decano firmano il Rogito
    che sarà inserito nella bara del defunto Pontefice.



    Il Maestro delle Celebrazioni e il Segretario Particolare del Pontefice
    depongono sul suo volto un piccolo lino bianco



    Il Maestro depone nella bara il sacchetto con le medaglie del pontificato

    Messa Esequiale per il Romano Pontefice defunto
    Alle ore 10.30, ha luogo – sul Sagrato della Basilica Vaticana – la Santa Messa Esequiale per il defunto Pontefice Giovanni Paolo II, presieduta dal Card. Joseph Ratzinger, Decano del Collegio Cardinalizio, concelebrata con i Cardinali e i Patriarchi delle Chiese Orientali.

    Al termine dei Riti di comunione, ha luogo l’Ultima Commendatio e la Valedictio. Essa è compiuta:
    • per le Chiese Orientali da S.B. Card. Stephanos II Ghattas, Patriarca di Alessandria dei Copti, assistito dagli altri Patriarchi Orientali sia cattolici che ortodossi;
    • per la Chiesa di Roma da S.Em. Card. Camillo Ruini, Vicario Generale di Sua Santità per la Diocesi di Roma;
    • per la Chiesa universale da S.Em. Card. Joseph Ratzinger, Decano del Collegio Cardinalizio;


    Il Card. Stephanos II Ghattas compie il saluto delle Chiese Orientali


    Il Card. Joseph Ratzinger compie l’aspersione della bara del Pontefice


    Tumulazione della salma del Romano Pontefice
    Terminata la celebrazione della Messa Esequiale, la salma viene trasportata nella Basilica Vaticana. Congedati i Cardinali concelebranti, ha luogo la processione verso le Grotte Vaticane, alla quale partecipano tutti coloro che hanno preso parte al Rito della deposizione della salma nella bara.

    Il Rito è presieduto dal Card. Eduardo Martinez Somalo, Camerlengo di S.R.C., che indossa il piviale rosso e la mitra bianca damascata.

    Tale rito prevede, oltre ad alcune preghiere, anche la posizione dei sigilli sulla bara del Pontefice, la deposizione della bara nella tomba predisposta nelle Grotte e l’aspersione da parte dei presenti. Ecco alcune immagini:


    Viene disposta la processione verso le Grotte Vaticane


    Dietro la Salma i familiari del defunto Pontefice ed alcuni Arcivescovi e Vescovi


    Viene posto il sigillo dell’Ufficio delle Celebrazioni Liturgiche del Sommo Pontefice


    Mons. Paolo De Nicolò pone il sigillo della Prefettura della Casa Pontificia


    L’Avv. Enrico Serafini pone il sigillo della Camera Apostolica


    Sabato 9 – Sabato 16 aprile (Novendiali)
    2° giorno: i fedeli della Città del Vaticano
    Il Card. Francesco Marchisano, Vicario Generale di Sua Santità per la Città del Vaticano, presiede la seconda Celebrazione Eucaristica dei Novendiali (la prima è stata la Santa Messa Esequiale), alla quale sono stati particolarmente invitati i fedeli della Città del Vaticano.



    3° giorno: i fedeli della Città di Roma
    Il Card. Camillo Ruini, Vicario Generale di Sua Santità per la Diocesi di Roma, presiede la terza Celebrazione Eucaristica dei Novendiali, dedicata ai fedeli della Città di Roma.

    4° giorno: i Capitoli delle Basiliche Patriarcali
    Il Card. Bernard Francis Law, Arcivescovo Emerito di Boston, Arciprete della Basilica di Santa Maria Maggiore, presiede la quarta Celebrazione Eucaristica dei Novendiali, alla quale sono stati invitati i Membri dei Capitoli delle Basiliche Patriarcali Romane.



    5° giorno: la Cappella Papale
    Il Card. Eugenio de Araujo Sales, Arcivescovo Emerito di Sao Sebastiao do Rio de Janeiro (Brasile), Protopresbitero del Collegio Cardinalizio, presiede la quinta Celebrazione Eucaristica dei Novendiali, concelebrata con i Signori Cardinali, alla quale sono stati invitati i componenti della Cappella Papale.



    Al termine della Santa Messa, i Cardinali – processionalmente – si sono recati a rendere omaggio alla tomba di Giovanni Paolo II.

    6° giorno: la Curia Romana
    S.E. Mons. Leonardo Sandri, Arcivescovo titolare di Civitanova, Sostituto alla Segreteria di Stato, presiede la sesta Celebrazione Eucaristica dei Novendiali, dedicata alla Curia Romana.



    7° giorno: le Chiese Orientali
    Sua Beatitudine il Card. Nasrallah Pierre Sfeir, Patriarca di Antiochia dei Maroniti, assistito da Sua Beatitudine il Card. Ignace Moussa I Daoud, Patriarca Emerito di Antiochia dei Siri e Prefetto della Congregazione per le Chiese Orientali e dal Card. Lubomyr Husar, Arcivescovo Maggiore di Leopoli degli Ucraini, ha presieduto la settima Celebrazione Eucaristica dei Novendiali, dedicata alle Chiese Orientali.



    8° giorno: gli Istituti di Vita Consacrata
    S.E. Mons. Piergiorgio Silvano Nesti, Arcivescovo Emerito di Camerino-San Severino Marche, Segretario della Congregazione per gli Istituti di Vita Consacrata e le Società di Vita Apostolica, ha presieduto l’ottava Celebrazione dei Novendiali, dedicata ai Religiosi e alle Religiose.



    9° giorno: la Cappella Papale
    Il Card. Jorge Arturo Medina Estevez, Protodiacono del Collegio Cardinalizio, presiede la nona e ultima Celebrazione Eucaristica dei Novendiali, concelebrata con i Signori Cardinali, alla quale sono stati invitati i componenti della Cappella Papale.



    Lunedì 18 aprile
    Messa pro Eligendo Pontifice nella Basilica Vaticana
    Nel corso dei Novendiali, durante le Congregazioni Generali del Collegio Cardinalizio, è stato deciso che il Conclave avrebbe avuto inizio lunedì 18 aprile. Secondo quanto prescritto dall’OERP e dall’ORC, nella mattinata di questo giorno il Collegio Cardinalizio si raduna per la celebrazione della Santa Messa pro Eligendo Romano Pontifice nella Basilica Vaticana.

    Tale celebrazione è stata presieduta dall’Em.mo Card. Joseph Ratzinger, Decano del Collegio Cardinalizio, il quale ha concelebrato con i Cardinali elettori che nel pomeriggio avrebbero fatto il loro ingresso in Conclave.

    Diversamente dai Conclavi del 1978, a tale celebrazione, oltre alla Cappella Papale, sono stati invitati anche i fedeli presenti a Roma, per unirsi ai Cardinali nella preghiera e nella invocazione affinché il Signore possa essere loro di aiuto nella scelta del nuovo Successore dell’Apostolo Pietro.
    Secondo infatti la Notificazione pubblicata dall’Ufficio delle Celebrazioni Liturgiche del Sommo Pontefice, per mandato del Collegio Cardinalizio, il 7 aprile 2005, i Cardinali non concelebranti e tutti gli altri membri della Cappella Papale erano invitati ad indossare l’abito corale loro proprio, mentre i Parroci di Roma, sulla veste e la cotta indossavano la stola rossa.

    Hanno assistito al Rito, tra gli altri, S.E. Mons. Leonardo Sandri, Sostituto alla Segreteria di Stato, S.E. Mons. Giovanni Lajolo, Segretario per i Rapporti con gli Stati, S.E. Mons. Paolo Sardi, Vice Camerlengo di S.R.C., S.E. Mons. Piero Marini, Maestro delle Celebrazioni Liturgiche Pontificie, S.E. Mons. James Michael Harvey, Prefetto della Casa Pontificia, S.E. Mons. Stanislaw Dziwisz, Prefetto Aggiunto della Casa Pontificia, oltre una sessantina di Arcivescovi e Vescovi, tra cui i Segretari delle Congregazioni e dei Pontifici Consigli, S.E. Mons. Giuseppe Betori, Segretario Generale della C.E.I., i Vescovi Ausiliari della Diocesi di Roma e numerosi altri Prelati.





    Ingresso in Conclave
    Nel pomeriggio dello stesso giorno, i Cardinali elettori si sono radunati nell’Aula delle Benedizioni del Palazzo Apostolico Vaticano, da cui è partita la processione verso la Cappella Sistina, ove ha avuto ufficialmente inizio il Conclave che ha portato alla elezione di Papa Benedetto XVI.

    Si sono riuniti nell’Aula, oltre ai Cardinali:
    • S.E. Mons. Piero Marini, Maestro delle Celebrazioni Liturgiche Pontificie
    • S.E. Mons. Francesco Monterisi, Segretario del Conclave
    • Mons. Georg Gaenswein, Segretario del Cardinale Decano
    • i Cerimonieri Pontifici
    • un Diacono
    • tre Ministranti del Preseminario San Pio X
    • la Cappella Musicale Sistina

    Nello stesso tempo si radunavano all’interno della Cappella Sistina:
    • S.E. Mons. Leonardo Sandri, Sostituto alla Segreteria di Stato
    • S.E. Mons. Giovanni Lajolo, Segretario per i Rapporti con gli Stati
    • S.E. Mons. James Michael Harvey, Prefetto della Casa Pontificia
    • i due Religiosi addetti alla Sagrestia;
    • i Sacerdoti incaricati delle Confessioni;
    • il Comandante della Guardia Svizzera;
    • il personale tecnico e di servizio incaricato;

    Dopo una breve introduzione fatta da S.E. Mons. Piero Marini, Maestro delle Celebrazioni Liturgiche Pontificie, ha avuto inizio il momento di preghiera presieduto dal Card. Joseph Ratzinger, Decano del Sacro Collegio, che indossava la stola rossa sull’abito corale cardinalizio.

    Al canto delle Litanie dei Santi, i Cardinali hanno raggiunto la Cappella Sistina, dove hanno prestato – toccando con la mano il libro dei Vangeli – il giuramento prescritto.





    Terminato il giuramento da parte dei Cardinali presenti, S.E. Mons. Piero Marini, Maestro delle Celebrazioni Liturgiche Pontificie, ha intimato l’Extra Omnes; in questo modo tutti coloro che erano presenti in Cappella Sistina sono usciti, escluso il suddetto Maestro e il Card. Tomas Spidlik, S.I., incaricato di tenere la meditazione per i Cardinali.



    Martedì 19 aprile
    Prima Benedizione Urbi et Orbi del nuovo Pontefice Benedetto XVI
    Dopo due fumate nere (nella sera di lunedì 18 e a mezzogiorno circa di martedì 19), ha luogo la fumata bianca che annuncia l’elezione del nuovo Sommo Pontefice.

    L’annuncio del nome viene dato dal Card. Jorge Arturo Medina Estevez, Protodiacono del Collegio Cardinalizio, che si affaccia alla Loggia Centrale della Basilica, accompagnato dai Cerimonieri Pontifici Mons. Enrico Viganò e Mons. Giulio Viviani.

    Egli pronuncia la formula di rito e annuncia l’elezione del Card. Joseph Ratzinger a Sommo Pontefice, il quale assume il nome di BENEDETTO XVI.



    Qualche momento dopo, il Santo Padre, preceduto da Mons. Konrad Krajewski, Cerimoniere Pontificio che recava la croce astile, accompagnato dal Card. Angelo Sodano, Vice Decano del Collegio Cardinalizio, dal Card. William Wakefield Baum, in quel momento Cardinale Protopresbitero, dal Card. Jorge Arturo Medina Estevez, Protodiacono del Collegio Cardinalizio, assistito da S.E. Mons. Piero Marini, Maestro delle Celebrazioni Liturgiche Pontificie e da Mons. Francesco Camaldo, Decano dei Cerimonieri Pontifici, fa il suo ingresso sulla Loggia Centrale della Basilica dove rivolge il suo primo breve messaggio.

    Dopo che Mons. William Millea ha portato il microfono e Mons. Massimo Boarotto è giunto dinanzi al Santo Padre recando il libro, il Santo Padre ha impartito la sua prima Benedizione Urbi et Orbi.



    Mercoledì 20 aprile
    Concelebrazione Eucaristica con i Cardinali elettori nella Cappella Sistina
    La mattina successiva all’elezione a Sommo Pontefice, il Santo Padre Benedetto XVI ha concelebrato la Santa Messa, nella Cappella Sistina, ancora predisposta per il Conclave, ma adattata per la celebrazione della Messa, con i Signori Cardinali elettori. A tale Messa hanno assistito anche il Sostituto alla Segreteria di Stato, il Segretario per i Rapporti con gli Stati, il Prefetto della Casa Pontificia.

    Il Santo Padre indossava una casula bianca ed una sua mitra personale, ed impugnava la croce pastorale appartenuta a Papa Giovanni Paolo II; era assistito da S.E. Mons. Piero Marini, Maestro delle Celebrazioni Liturgiche Pontificie, che indossava l’abito corale completo e da Mons. Francesco Camaldo, Decano dei Cerimonieri Pontifici.

    Al momento della Liturgia Eucaristica si sono avvicinati all’Altare il Card. Angelo Sodano, Vice Decano del Collegio Cardinalizio e il Card. Alfonso Lopez Trujillo.





    Domenica 24 aprile
    Solenne Celebrazione Eucaristica
    per l’Inizio del Ministero Petrino del Vescovo di Roma

    Nella mattinata di domenica 24 aprile, il Santo Padre Benedetto XVI presiede la Celebrazione Eucaristica per l’Inizio del Ministero Petrino del Vescovo di Roma. Tale Eucarestia è concelebrata con i Cardinali e con i Patriarchi di Rito orientale.

    Il Santo Padre è assistito da S.E. Mons. Piero Marini, Maestro delle Celebrazioni Liturgiche, e da Mons. Enrico Viganò, Cerimoniere Pontificio.

    La Liturgia prevede, inizialmente, una statio presso il sepolcro dell’Apostolo Pietro da parte del Papa e dei Patriarchi orientali; successivamente due Diaconi prendono due vassoi recanti il Pallio con gli spilloni e l’Anello del Pescatore.

    Al canto delle Laudes Regiae i Concelebranti si recano all’Altare. Ha luogo la consegna del Pallio da parte del Card. Jorge Arturo Medina Estevez, Protodiacono del Collegio Cardinalizio, la recita di una Orazione da parte del Card. Stephen Kim Sou-Hwan, Protopresbitero e la consegna dell’Anello del Pescatore da parte del Card. Angelo Sodano, Vice Decano del Collegio Cardinalizio.

    Segue l’obbedienza al Santo Padre effettuata da 12 persone, tra cui i tre Cardinali sopra citati. La Messa prosegue nel modo solito.









    Lunedì 25 aprile
    Visita alla Basilica di San Paolo fuori le mura
    Dopo aver incontrato nella mattinata i pellegrini tedeschi giunti a Roma per la Messa di Inizio Pontificato, nel pomeriggio il Santo Padre si reca in visita presso la Basilica di San Paolo fuori le mura, per onorare la memoria dell’Apostolo delle Genti.

    L’ORM prevede per la Visita un breve momento di preghiera, tutto di carattere paolino, con l’omelia del Santo Padre. In questa celebrazione il Santo Padre è assistito da S.E. Mons. Piero Marini, Maestro delle Celebrazioni Liturgiche, e da Mons. Massimo Boarotto, Cerimoniere Pontificio.





    Sabato 7 maggio
    Solenne Insediamento sulla Cathedra Romana del Vescovo di Roma
    Come previsto dalla UDG e dall’ORM, sabato 7 maggio, il Santo Padre Benedetto XVI si reca presso la Basilica di San Giovanni in Laterano per il Solenne Insediamento sulla Cathedra Romana.

    Concelebrano insieme al Santo Padre i Cardinali presenti a Roma, tra cui il Card. Camillo Ruini, Vicario Generale di Sua Santità per la Diocesi di Roma,S.E. Mons. Luigi Moretti, Vicegerente della Diocesi e i Vescovi Ausiliari, nonché il Consiglio Episcopale della Diocesi. Assistono al Rito numerosi Arcivescovi e Vescovi.

    Il Santo Padre è assistito da S.E. Mons. Piero Marini, Maestro delle Celebrazioni e da Mons. William Millea, Cerimoniere Pontificio.





    Visita alla Basilica di Santa Maria Maggiore
    Terminata la Celebrazione Eucaristica, il Santo Padre si reca presso la Basilica di Santa Maria Maggiore, ove venera l’immagine della Salus Populi Romani, secondo il rito prescritto dall’ORM.

    Il Santo Padre, accompagnato dal Card. Angelo Sodano, Segretario di Stato e Decano del Collegio Cardinalizio, assistito – come per la Santa Messa in Laterano – da S.E. Mons. Piero Marini, Maestro delle Celebrazioni e da Mons. William Millea, è accolto dal Card. Bernard Francis Law, Arcivescovo Emerito di Boston e Arciprete della Basilica Lateranense e dal Capitolo della medesima Basilica.




  8. #18
    Iscritto L'avatar di episcopos
    Data Registrazione
    Jan 2008
    Località
    casa
    Età
    43
    Messaggi
    278
    queste cose sono davvero molto interessanti... che ne dite? grazie a chi l'ha fatto...

  9. #19
    Saggio del Forum L'avatar di Pikachu
    Data Registrazione
    Dec 2007
    Località
    Piemonte
    Messaggi
    6,630

    Peculiarità delle Celebrazioni del Papa nel corso dell'anno liturgico

    FEBBRAIO
    2 Martedì

    Festa della Presentazione del Signore
    Giornata della Vita Consacrata
    Basilica Vaticana, ore 17.30
    Vespri con i membri degli Istituti di Vita Consacrata e delle Società di Vita Apostolica
    Questa celebrazione è, se non sbaglio, una novità: non verrà più celebrata la messa dal Cardinale Prefetto della Congregazione per gli Istituti di Vita Consacrata e delle Società di Vita Apostolicacon seguente saluto del Papa, ma sarà il Santo Padre in persona a presiedere i Secondi Vespri della Festa; a questo punto chiedo: ci sarà anche la processione con la benedizione delle Candele? Se sì, prima della celebrazione vespertina (gli anni scorsi avveniva prima della messa)?


    MARZO
    25 Giovedì
    Piazza San Pietro, ore 20.30
    Incontro con i Giovani di Roma e del Lazio in preparazione alla Giornata Mondiale della Gioventù
    Dunque non si tratterà di una celebrazione liturgica, come Vox aveva ipotizzato dopo l'omelia del Te Deum, ma di un semplice "incontro" come nel 2006.


    La messa, come del resto era già avvenuto nel 2007, cadrà il Lunedì Santo, pertanto il Papa celebrerà in viola, giusto?


  10. #20
    Moderatore Globale L'avatar di Vox Populi
    Data Registrazione
    Apr 2006
    Località
    casa mia
    Messaggi
    62,300
    Citazione Originariamente Scritto da Pikachu Visualizza Messaggio
    a questo punto chiedo: ci sarà anche la processione con la benedizione delle Candele?
    Il Messale Romano e il Caeremoniale Episcoporum prevedono solo la benedizione delle candele e la processione unite alla Messa, non a un'Ora dell'Ufficio o a un'altra azione liturgica.

    Per quanto riguarda il 25 marzo
    Dunque non si tratterà di una celebrazione liturgica, come Vox aveva ipotizzato dopo l'omelia del Te Deum, ma di un semplice "incontro" come nel 2006.
    Beh, il fatto che sia inserito nel calendario dell'Ufficio delle Celebrazioni (non della Prefettura della Casa Pontificia o di un altro ente Vaticano) significa che, anche se non dovesse trattarsi di una vera e propria liturgia (Messa o Liturgia delle Ore), dovrebbe essere comunque qualcosa di più di una semplice udienza


    La messa, come del resto era già avvenuto nel 2007, cadrà il Lunedì Santo, pertanto il Papa celebrerà in viola, giusto?
    Esatto.
    Da notare anche che il calendario non parla di "Messa di suffragio", probabilmente in quanto sono già state approvate le virtù eroiche di Giovanni Paolo II ed è prossima la sua beatificazione.
    «Vigilate ergo, quia nescitis qua die Dominus vester venturus sit».
    (Matth. 24,42)

Discussioni Simili

  1. Programmi di canti per le Celebrazioni Liturgiche
    Di Dadux nel forum Musica ed Arte Sacra
    Risposte: 2915
    Ultimo Messaggio: Ieri, 22:01
  2. Risposte: 513
    Ultimo Messaggio: 10-01-2022, 11:21
  3. L'Ufficio delle Celebrazioni Liturgiche del Sommo Pontefice
    Di Vox Populi nel forum Liturgie Papali
    Risposte: 23
    Ultimo Messaggio: 11-10-2021, 13:44
  4. Liturgia e danza
    Di Taita nel forum Liturgia
    Risposte: 153
    Ultimo Messaggio: 16-08-2020, 21:57

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
>