Lo Staff del Forum dichiara la propria fedeltà al Magistero. Se, per qualche svista o disattenzione, dovessimo incorrere in qualche errore o inesattezza, accettiamo fin da ora, con filiale ubbidienza, quanto la Santa Chiesa giudica e insegna. Le affermazioni dei singoli forumisti non rappresentano in alcun modo la posizione del forum, e quindi dello Staff, che ospita tutti gli interventi non esplicitamente contrari al Regolamento di CR (dalla Magna Charta). O Maria concepita senza peccato prega per noi che ricorriamo a Te.
Pagina 1 di 15 12311 ... UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 145

Discussione: La Chiesa Cattolica in Brasile e la situazione dei cattolici brasiliani

  1. #1
    Vecchia guardia di CR
    Data Registrazione
    Jan 2007
    Località
    Terra Sanctæ Crucis (Brasiliæ)
    Età
    29
    Messaggi
    2,363

    La Chiesa Cattolica in Brasile e la situazione dei cattolici brasiliani

    La Chiesa Cattolica è la più grande denominazione religiosa del Brasile dal periodo coloniale, quando è stata introdotta dai missionari portoghesi. Ancora oggi la Chiesa ha grande influenza nella vita sociale, politica e culturale della popolazione. Il Brasile è il più grande Paese cattolico del mondo, con approssimativamente 75% (quasi 150 milioni) di abitanti cattolici.



    Brevi Cenni Storici

    Il cristianesimo arriva con la scoperta del Brasile e lascia profonde radici nella società dal periodo coloniale. La celebrazione della Santa Messa nel 26 aprile di 1500 è stato il primo atto pubblico doppo la scoperta.


    La Prima Messa in Brasile - Victor Meirelles - 1861
    Museu Nacional de Belas Artes

    Le Missioni propriamente dette hanno cominciato in 1549 con sei gesuiti comandati dal Prete Manuel da Nóbrega e dal Beato José de Anchieta (fondatore della città di São Paulo). Gli carmelitani scalzi arrivano in 1584, gli benedittini nel 1581, gli francescani nel 1584, gli oratoriani in 1611, gli mercedari nel 1640 e gli cappuccini nel 1642. La prima Diocesi è eretta nel 1551 nella Città di Salvador (Bahia). Durante i secoli XVI e XVII, la legislazione ha buscato un equilibrio tra il Governo e la Chiesa, provando di amministrare i conflitti tra i missionari, coloni e indigeni.

    Fino al secolo XVIII, lo Stato ha controllato l'attività ecclesiastica con l'utilizzo del Padroado. Ha ammesso il sostentamento della Chiesa ed ha ostacolato l'entrata di altri culti nel Brasile, in cambio del riconoscimento e dell'obbedienza. Lo Stato nominava e remunareva i vescovi e preti, confermava le condenazioni della Inquisizione e controllava il comportamento del clero.

    In 7 di gennaio di 1890, dopo la Proclamazione della Repubblica, viene decretata la separazione tra Chiesa e Stato. La Repubblica finisce con il Padroado, riconosce il carattere laico dello Stato e assegna la libertà religiosa.

    La Costituzione di 1934 prevede la collaborazione tra Chiesa e Stato. L'ensino religioso facoltativo è applicato nelle scuole pubbliche e il nome di Dio viene menzionato nella Costituzione.

    In 1952 è fondata la Conferenza Episcopale Nazionale ("Conferência Nacional dos Bispos do Brasil" - CNBB). Nella fine degli anni 50 la Chiesa inizia a pensare più nelle questioni sociali.

    Con la Dittatura Militare del 1964, i conflitti con lo Stato si intensificono. Molti preti sono torturati e morti. I vescovi sono perseguiti. La Chiesa attua negli settori popolari. Inspirata nella Eresia della Liberazione, il compromesso cristiano è trasformato in difesa della giustizia sociale. Le Chiese sono trasformate in palco politico, le Messe e la musica liturgica in protesto sociale.

    Negli anni 80 e 90, l'Eresia della Liberazione è condannata dalla Santa Sede e perde parte della sua influenza. Allo stesso tempo, cresce la Rinnovazione Carismatica Cattolica e i movimenti più tradizionali.


    Fonte: Wikipedia. La traduzione dal portoghese all'italiano è mia.


  2. #2
    Bannato
    Data Registrazione
    Dec 2006
    Età
    38
    Messaggi
    43,267
    Quanti sono in Brasile gli indigeni Cattolici?
    Suppongo siano una minoranza.

  3. #3
    Vecchia guardia di CR
    Data Registrazione
    Jan 2007
    Località
    Terra Sanctæ Crucis (Brasiliæ)
    Età
    29
    Messaggi
    2,363
    Citazione Originariamente Scritto da ******* Visualizza Messaggio
    Quanti sono in Brasile gli indigeni Cattolici?
    Suppongo siano una minoranza.
    Secondo l'ultimo Censimento brasiliano (anno 2000), 59% degli indigeni sono cattolici e 20% sono protestanti.


  4. #4
    Vecchia guardia di CR
    Data Registrazione
    Jan 2007
    Località
    Terra Sanctæ Crucis (Brasiliæ)
    Età
    29
    Messaggi
    2,363
    Contesto Attuale

    Secondo l'ultimo Censimento brasiliano (anno 2000), 40% degli brasiliani sono Cattolici non praticanti.

    Le degli più grandi tradizioni religiosi brasiliane, sono le pellegrinazioni allo Santuario di Aparecida e la grande processione del Círio de Nazaré (foto) in Belém do Pará.


    Fonte: Daylife

    La Rinnovazione Carismatica Cattolica ha una forte presenza nella vita dei fedeli praticanti.

    Fonte: Wikipedia. La traduzione dal portoghese all'italiano è mia.


  5. #5
    Vecchia guardia di CR
    Data Registrazione
    Jan 2007
    Località
    Terra Sanctæ Crucis (Brasiliæ)
    Età
    29
    Messaggi
    2,363
    La Regina Brasiliæ

    Nostra Signora Aparecida o Nostra Signora della Concezione Aparecida, è la patrona del Brasile. Il santuario si trova ad Aparecida, nello stato di São Paulo. La si festeggia il 12 ottobre.


    La devozione alla Madonna Aparecida (letteralmente "apparita") è profondamente legata alla sofferenza e alla speranza del popolo nero. All'inizio del secolo XVIII, quando la schiavitù era forte nel nord dello stato di São Paulo, dalle profondità delle acque del Rio Paraíba emerse, nelle reti dei pescatori, una piccola immagine della Madonna: era di colore nero, lo stesso colore degli schiavi e delle schiave, ed era spezzata, come la vita del popolo schiavo.
    Il primo miracolo della Madonna Aparecida sarebbe avvenuto a beneficio dello schiavo nero Zaccaria.


    La grande Basilica


    La storia di Nostra Signora di Aparecida comincia nel 1717, quando si seppe che il conte di Assumar, don Pedro di Almeida e del Portogallo, governatore della Provincia di São Paulo e Minas Gerais, si sarebbe fermato nel villaggio di Guaratinguetá, durante il suo viaggio verso Vila Rica, l'odierna Ouro Preto in Minas Gerais.
    Per questa occasione alcuni pescatori furono incaricati di fornire il pesce per il banchetto da tenersi il giorno dopo in occasione della visita del conte. Tre pescatori, Domingos Garcia, Filipe Pedroso e João Alves andarono a pescare nel fiume Paraíba. Dopo alcuni tentativi infruttuosi, gettarono le reti in un'area chiamata Porto Itaguaçu.
    João Alves trovò nella sua rete una statua della Madonna, ma le mancava la testa. Gettò nuovamente le reti e questa volta vi era la testa della statua. In seguito i tre pescatori provarono a gettare le reti e queste erano colme di pesci.
    Per 15 anni la statua rimase nella casa di Felipe Pedroso, dove i vicini si riunivano per pregare il rosario. La devozione comincio a diffondersi, alcuni fedeli che avevano pregato davanti alla statua, affermavano di aver ricevuto delle grazie. Il culto si diffuse in tutto il Brasile.

    La statua miracolosa è stata incoronata nel 1904 per ordine di San Pio X e proclamata Regina e Patrona del Brasile dal Papa Pio XI.

    Fonte: Wikipedia


  6. #6
    Veterano di CR L'avatar di Clericale
    Data Registrazione
    Jun 2009
    Località
    Italia
    Età
    32
    Messaggi
    1,804
    Se non sbaglio questa è la più grande chiesa cattolica dopo quella si San Pietro.

  7. #7
    Vecchia guardia di CR
    Data Registrazione
    Jan 2007
    Località
    Terra Sanctæ Crucis (Brasiliæ)
    Età
    29
    Messaggi
    2,363
    I nostri Santi


    Santa Paolina del Cuore Agonizzante di Gesù



    Madre Paolina del Cuore Agonizzante di Gesù, al secolo Amabile Lucia Visintainer, nacque il 16 dicembre 1865 a Vigolo Vattaro in Provincia di Trento, Italia.
    Come tutta la gente della zona, i genitori erano cristiani praticanti e molto poveri. Nel settembre 1875, la sua famiglia, con tanti altri trentini, emigrò in Brasile, nello stato di Santa Caterina, dando così origine a Vigolo, che fa parte dell'attuale comune di Nova Trento.
    Ricevuta la prima Comunione, a circa 12 anni, Amabile iniziò la sua partecipazione all'attività parrocchiale, con il catechismo ai fanciulli, le visite agli ammalati e la pulizia della cappella di Vigolo.
    Il 12 luglio 1890, assieme alla sua coetanea Virginia Rosa Nicolodi, Amabile accolse una malata di cancro in fase terminale, dando inizio alla Congregazione delle Piccole Suore dell'Immacolata Concezione, che ebbe il 25 agosto 1895 l'approvazione del Vescovo di Curitiba, Mons. José de Camargo Barros.
    Nel dicembre dello stesso anno, assieme alle sue due prime compagne (Virginia e Teresa Anna Maule), Amabile emise i voti religiosi, assumendo il nome di Suor Paolina del Cuore Agonizzante di Gesù. La santità di vita e lo zelo apostolico di Madre Paolina e delle consorelle suscitarono molte vocazioni, nonostante la povertà e le difficoltà nelle quali esse vivevano.
    Nel 1903 Madre Paolina fu eletta Superiora Generale “ad vitam” e lasciò Nova Trento per occuparsi degli orfani, figli di ex-schiavi, e degli schiavi anziani ed abbandonati nel rione Ipiranga di São Paulo.
    Nel 1909 Madre Paolina fu deposta da Superiora Generale dall'Arcivescovo di São Paulo, Mons. Duarte Leopoldo e Silva, e mandata a lavorare con i malati della “Santa Casa” e gli anziani dell'ospizio San Vincenzo de' Paoli a Bragança Paulista, senza poter svolgere più nessuno incarico nella sua Congregazione. Furono anni segnati dalla preghiera, dal lavoro e dalla sofferenza: tutto essa accettò e sopportò affinché la Congregazione delle Piccole Suore proseguisse il suo cammino e “nostro Signore fosse conosciuto, amato e adorato da tutte le anime, in tutto il mondo”.
    Nel 1918, con il permesso dell'Arcivescovo Mons. Duarte, fu chiamata dalla Superiora Generale, Madre Vicência Teodora, alla “Casa Madre”, nell'Ipiranga, dove rimase fino alla morte, conducendovi una vita nascosta, intessuta di preghiera e di amorevole assistenza alle Suore inferme.
    Come “Veneranda Madre Fondatrice” fu messa in evidenza in occasione del Decreto di Lode concesso dalla Santa Sede alla Congregazione delle Piccole Suore, il 19 maggio 1933, e nella celebrazione del 50 anniversario della fondazione, il 12 luglio 1940, allorché Madre Paolina fece il suo Testamento spirituale: “Siate umili. Confidate sempre e molto nella divina Provvidenza; mai e poi mai dovete scoraggiarvi, malgrado i venti contrari. Vi dico di nuovo: confidate in Dio e in Maria Immacolata; siate fedeli e avanti!”.
    A partire dal 1938 Madre Paolina iniziò ad avere gravi disturbi, causati dal diabete. Dopo due interventi chirurgici, subì l'amputazione prima del dito medio e poi del braccio destro, e trascorse gli ultimi mesi nella cecità totale. Morì il 9 luglio 1942 e le ultime sue parole furono: ““Sia fatta la volontà di Dio”.
    La spiritualità ignaziana ricevuta dai suoi direttori spirituali presenta in Madre Paolina caratteristiche proprie, che fanno della “Veneranda Madre Fondatrice” una religiosa nella quale si possono ammirare le virtù teologali e religiose in grado eminente o eroico. Fede profonda e fiducia illimitata in Dio, amore appassionato a Gesù-Eucaristia, devozione tenera e filiale a Maria Immacolata, devozione e fiducia nel “nostro buon padre San Giuseppe” e venerazione per le autorità della Chiesa, religiose e civili. Carità senza limiti verso Dio, tradotta in gesti di servizio ai fratelli più poveri e bisognosi. Tutta la vita di Madre Paolina può essere sintetizzata dal titolo datole dal popolo di Vigolo (Nova Trento): “infermiera”, cioè, “essere-per-gli-altri”; o oggi dai suoi devoti e dalle sue Piccole Suore: “tutta di Dio e tutta dei fratelli”. Umiltà che condusse Madre Paolina all'annientamento di se stessa perché la Congregazione potesse andare avanti. La pagina più luminosa della santità e umiltà di Madre Paolina fu scritta dall'atteggiamento che ebbe allorché Mons. Duarte le annunciò la deposizione dal governo generale: “Si gettò in ginocchio... si umiliò... rispose che era prontissima a consegnare la Congregazione... si offrì spontaneamente a servire nella Congregazione come suddita”.
    Terminato il Capitolo dell'agosto 1909, ebbe inizio l'olocausto doloroso e meritorio della Madre Fondatrice, per la quale l'Arcivescovo di São Paulo aveva stabilito: “Viva e muoia nella Congregazione come suddita”. E rimase nell'ombra fino alla morte, in unione con Dio come dichiarò al suo direttore spirituale, Padre Luigi Maria Rossi, S.I.: “La presenza di Dio mi è così intima che mi pare impossibile perderla; e tale presenza dà all'anima mia una gioia che non posso descrivere”.
    Il carisma lasciato da Madre Paolina alla sua Congregazione consiste nella sensibilità a percepire il grido della realtà con i suoi bisogni e nella disponibilità a servire, nella Chiesa, i più bisognosi e coloro che vivono in situazione di grande ingiustizia, in spirito di semplicità, di umiltà e di vita interiore. È un servire alimentato da una spiritualità eucaristico-mariana, grazie alla quale ogni Piccola Suora fa di Gesù-Eucaristia il centro della propria vita, nutrita da una tenera devozione alla Vergine Immacolata e al buon Padre San Giuseppe.
    La prima Santa del Brasile è stata beatificata dal Venerabile Papa Giovanni Paolo II il 18 ottobre 1991, a Florianópolis (Stato di Santa Caterina) e canonizata dallo stesso Papa a Roma nel 19 maggio 2002.


    Fonte: vatican.va



    Sant'Antonio di Sant'Anna Galvão




    Sant'Antonio di Sant'Anna Galvão, più comunemente conosciuto come Frei Galvão (Guaratinguetá, 1739 – San Paolo del Brasile, 23 dicembre 1822), è stato un francescano brasiliano.

    Il 15 ottobre 1998 divenne il primo brasiliano ad essere beatificato dal Vaticano e l'11 maggio 2007 è stato canonizzato da Papa Benedetto XVI, diventando il primo santo della Chiesa Cattolica ad essere nato in Brasile.

    Nato a Guaratinguetá, città dello stato di San Paolo, da una famiglia benestante (sua madre Isabel Leite de Barros, era bis-nipote del famoso "bandeirante" Fernão Dias Pais), entrò a tredici anni nel Collegio di Belem, a Bahia, e prese i voti il 16 aprile 1761.
    Entrò nell'Ordine francescano, fondando il Mosteiro de Luz (Monastero della Luce) che ancora oggi campeggia nella sua città natale; la struttura fu voluta come centro d'accoglienza degli ammalati e dei derelitti della regione.
    Giovanni Paolo II lo definì, in occasione della sua beatificazione (25 ottobre 1998), «ardente adoratore dell'Eucaristia, consigliere di vita spirituale, difensore dei poveri».


    Benedetto XVI lo ha elevato agli onori degli altari il 11 maggio 2007, in occasione del suo viaggio apostolico in Brasile, compiendo un atto non usuale, vale a dire la canonizzazione di un santo al di fuori del Vaticano.

    "Dichiariamo e definiamo santo il beato Antônio de Sant'Anna Galvão. E lo inscriviamo nell'elenco dei santi. E stabiliamo che in tutta la Chiesa sia devotamente onorato tra i santi."
    Benedetto XVI, dal discorso per la canonizzazione, 11 maggio 2007, São Paulo


    Fonte: Wikipedia


  8. #8
    Vecchia guardia di CR
    Data Registrazione
    Jan 2007
    Località
    Terra Sanctæ Crucis (Brasiliæ)
    Età
    29
    Messaggi
    2,363
    La divisione dei Cattolici per Stato della Federazione:


    Fonte: Censimento del anno 2000


  9. #9
    Vecchia guardia di CR
    Data Registrazione
    Jan 2007
    Località
    Terra Sanctæ Crucis (Brasiliæ)
    Età
    29
    Messaggi
    2,363
    Circoscrizioni ecclesiastiche





    Elenco delle diocesi suddivise per province ecclesiastiche:


    Provincia ecclesiastica di Aparecida
    Arcidiocesi di Aparecida
    Diocesi di Lorena
    Diocesi di São José dos Campos
    Diocesi di Taubaté

    Provincia ecclesiastica di Aracaju
    Arcidiocesi di Aracaju
    Diocesi di Estância
    Diocesi di Propriá

    Provincia ecclesiastica di Belém do Pará
    Arcidiocesi di Belém do Pará
    Diocesi di Abaetetuba
    Diocesi di Bragança do Pará
    Diocesi di Castanhal
    Diocesi di Macapá
    Diocesi di Marabá
    Diocesi di Ponta de Pedras
    Diocesi di Santarém
    Diocesi di Santíssima Conceição do Araguaia
    Prelatura territoriale di Cametá
    Prelatura territoriale di Itaituba
    Prelatura territoriale di Marajó
    Prelatura territoriale di Óbidos
    Prelatura territoriale di Xingu

    Provincia ecclesiastica di Belo Horizonte
    Arcidiocesi di Belo Horizonte
    Diocesi di Divinópolis
    Diocesi di Luz
    Diocesi di Oliveira
    Diocesi di Sete Lagoas

    Provincia ecclesiastica di Botucatu
    Arcidiocesi di Botucatu
    Diocesi di Araçatuba
    Diocesi di Assis
    Diocesi di Bauru
    Diocesi di Lins
    Diocesi di Marília
    Diocesi di Ourinhos
    Diocesi di Presidente Prudente

    Provincia ecclesiastica di Brasília
    Arcidiocesi di Brasília
    Diocesi di Formosa
    Diocesi di Luziânia
    Diocesi di Uruaçu

    Provincia ecclesiastica di Campinas
    Arcidiocesi di Campinas
    Diocesi di Amparo
    Diocesi di Bragança Paulista
    Diocesi di Limeira
    Diocesi di Piracicaba
    Diocesi di São Carlos

    Provincia ecclesiastica di Campo Grande
    Arcidiocesi di Campo Grande
    Diocesi di Corumbá
    Diocesi di Coxim
    Diocesi di Dourados
    Diocesi di Jardim
    Diocesi di Três Lagoas

    Provincia ecclesiastica di Cascavel
    Arcidiocesi di Cascavel
    Diocesi di Foz do Iguaçu
    Diocesi di Palmas-Francisco Beltrão
    Diocesi di Toledo

    Provincia ecclesiastica di Cuiabá
    Arcidiocesi di Cuiabá
    Diocesi di Barra do Garças
    Diocesi di Diamantino
    Diocesi di Guiratinga
    Diocesi di Juína
    Diocesi di Rondonópolis
    Diocesi di São Luíz de Cáceres
    Diocesi di Sinop
    Prelatura territoriale di Paranatinga
    Prelatura territoriale di São Félix

    Provincia ecclesiastica di Curitiba
    Arcidiocesi di Curitiba
    Diocesi di Guarapuava
    Diocesi di Paranaguá
    Diocesi di Ponta Grossa
    Eparchia di San Giovanni Battista di Curitiba degli Ucraini (Chiesa ucraina)
    Diocesi di União da Vitória

    Provincia ecclesiastica di Diamantina
    Arcidiocesi di Diamantina
    Diocesi di Almenara
    Diocesi di Araçuaí
    Diocesi di Guanhães
    Diocesi di Teófilo Otoni

    Provincia ecclesiastica di Feira de Santana
    Arcidiocesi di Feira de Santana
    Diocesi di Barra
    Diocesi di Barreiras
    Diocesi di Bonfim
    Diocesi di Irecê
    Diocesi di Juazeiro
    Diocesi di Paulo Afonso
    Diocesi di Ruy Barbosa
    Diocesi di Serrinha

    Provincia ecclesiastica di Florianópolis
    Arcidiocesi di Florianópolis
    Diocesi di Blumenau
    Diocesi di Caçador
    Diocesi di Chapecó
    Diocesi di Criciúma
    Diocesi di Joaçaba
    Diocesi di Joinville
    Diocesi di Lages
    Diocesi di Rio do Sul
    Diocesi di Tubarão

    Provincia ecclesiastica di Fortaleza
    Arcidiocesi di Fortaleza
    Diocesi di Crateús
    Diocesi di Crato
    Diocesi di Iguatu
    Diocesi di Itapipoca
    Diocesi di Limoeiro do Norte
    Diocesi di Quixadá
    Diocesi di Sobral
    Diocesi di Tianguá

    Provincia ecclesiastica di Goiânia
    Arcidiocesi di Goiânia
    Diocesi di Anápolis
    Diocesi di Goiás
    Diocesi di Ipameri
    Diocesi di Itumbiara
    Diocesi di Jataí
    Diocesi di Rubiataba-Mozarlândia
    Diocesi di São Luís de Montes Belos

    Provincia ecclesiastica di Juiz de Fora
    Arcidiocesi di Juiz de Fora
    Diocesi di Leopoldina
    Diocesi di São João del Rei

    Provincia ecclesiastica di Londrina
    Arcidiocesi di Londrina
    Diocesi di Apucarana
    Diocesi di Cornélio Procópio
    Diocesi di Jacarezinho

    Provincia ecclesiastica di Maceió
    Arcidiocesi di Maceió
    Diocesi di Palmeira dos Índios
    Diocesi di Penedo

    Provincia ecclesiastica di Manaus
    Arcidiocesi di Manaus
    Diocesi dell'Alto Solimões
    Diocesi di Cruzeiro do Sul
    Diocesi di Parintins
    Diocesi di Rio Branco
    Diocesi di Roraima
    Diocesi di São Gabriel da Cachoeira
    Prelatura territoriale di Borba
    Prelatura territoriale di Coari
    Prelatura territoriale di Itacoatiara
    Prelatura territoriale di Tefé

    Provincia ecclesiastica di Mariana
    Arcidiocesi di Mariana
    Diocesi di Caratinga
    Diocesi di Governador Valadares
    Diocesi di Itabira-Fabriciano

    Provincia ecclesiastica di Maringá
    Arcidiocesi di Maringá
    Diocesi di Campo Mourão
    Diocesi di Paranavaí
    Diocesi di Umuarama

    Provincia ecclesiastica di Montes Claros
    Arcidiocesi di Montes Claros
    Diocesi di Janaúba
    Diocesi di Januária
    Diocesi di Paracatu

    Provincia ecclesiastica di Natal
    Arcidiocesi di Natal
    Diocesi di Caicó
    Diocesi di Mossoró

    Provincia ecclesiastica di Niterói
    Arcidiocesi di Niterói
    Diocesi di Campos
    Diocesi di Nova Friburgo
    Diocesi di Petrópolis

    Provincia ecclesiastica di Olinda e Recife
    Arcidiocesi di Olinda e Recife
    Diocesi di Afogados da Ingazeira
    Diocesi di Caruaru
    Diocesi di Floresta
    Diocesi di Garanhuns
    Diocesi di Nazaré
    Diocesi di Palmares
    Diocesi di Pesqueira
    Diocesi di Petrolina

    Provincia ecclesiastica di Palmas
    Arcidiocesi di Palmas
    Diocesi di Miracema do Tocantins
    Diocesi di Porto Nacional
    Diocesi di Tocantinópolis
    Prelatura territoriale di Cristalândia

    Provincia ecclesiastica della Paraíba
    Arcidiocesi della Paraíba
    Diocesi di Cajazeiras
    Diocesi di Campina Grande
    Diocesi di Guarabira
    Diocesi di Patos

    Provincia ecclesiastica di Porto Alegre
    Arcidiocesi di Porto Alegre
    Diocesi di Bagé
    Diocesi di Cachoeira do Sul
    Diocesi di Caxias do Sul
    Diocesi di Cruz Alta
    Diocesi di Erexim
    Diocesi di Frederico Westphalen
    Diocesi di Novo Hamburgo
    Diocesi di Osório
    Diocesi di Passo Fundo
    Diocesi di Pelotas
    Diocesi di Rio Grande
    Diocesi di Santa Cruz do Sul
    Diocesi di Santa Maria
    Diocesi di Santo Ângelo
    Diocesi di Uruguaiana
    Diocesi di Vacaria

    Provincia ecclesiastica di Porto Velho
    Arcidiocesi di Porto Velho
    Diocesi di Guajará-Mirim
    Diocesi di Humaitá
    Diocesi di Ji-Paraná
    Prelatura territoriale di Lábrea

    Provincia ecclesiastica di Pouso Alegre
    Arcidiocesi di Pouso Alegre
    Diocesi di Campanha
    Diocesi di Guaxupé

    Provincia ecclesiastica di Ribeirão Preto
    Arcidiocesi di Ribeirão Preto
    Diocesi di Barretos
    Diocesi di Catanduva
    Diocesi di Franca
    Diocesi di Jaboticabal
    Diocesi di Jales
    Diocesi di São João da Boa Vista
    Diocesi di São José do Rio Preto

    Provincia ecclesiastica del Rio de Janeiro
    Arcidiocesi del Rio de Janeiro
    Diocesi di Barra do Piraí-Volta Redonda
    Diocesi di Duque de Caxias
    Diocesi di Itaguaí
    Diocesi di Nova Iguaçu
    Diocesi di Valença

    Provincia ecclesiastica di São Paulo
    Arcidiocesi di San Paolo
    Diocesi di Campo Limpo
    Diocesi di Caraguatatuba
    Diocesi di Guarulhos
    Diocesi di Mogi das Cruzes
    Eparchia di Nostra Signora del Libano di San Paolo dei Maroniti (Maronita)
    Eparchia di Nostra Signora del Paradiso di San Paolo dei Melchiti (Melchita)
    Diocesi di Osasco
    Diocesi di Santo Amaro
    Diocesi di Santo André
    Diocesi di Santos
    Diocesi di São Miguel Paulista

    Provincia ecclesiastica di San Salvador di Bahia
    Arcidiocesi di San Salvador di Bahia
    Diocesi di Alagoinhas
    Diocesi di Amargosa
    Diocesi di Eunápolis
    Diocesi di Ilhéus
    Diocesi di Itabuna
    Diocesi di Teixeira de Freitas-Caravelas

    Provincia ecclesiastica di São Luís do Maranhão
    Arcidiocesi di São Luís do Maranhão
    Diocesi di Bacabal
    Diocesi di Balsas
    Diocesi di Brejo
    Diocesi di Carolina
    Diocesi di Caxias do Maranhão
    Diocesi di Coroatá
    Diocesi di Grajaú
    Diocesi di Imperatriz
    Diocesi di Pinheiro
    Diocesi di Viana
    Diocesi di Zé Doca

    Provincia ecclesiastica di Sorocaba
    Arcidiocesi di Sorocaba
    Diocesi di Itapetininga
    Diocesi di Itapeva
    Diocesi di Jundiaí
    Diocesi di Registro

    Provincia ecclesiastica di Teresina
    Arcidiocesi di Teresina
    Diocesi di Bom Jesus do Gurguéia
    Diocesi di Campo Maior
    Diocesi di Floriano
    Diocesi di Oeiras
    Diocesi di Parnaíba
    Diocesi di Picos
    Diocesi di São Raimundo Nonato

    Provincia ecclesiastica di Uberaba
    Arcidiocesi di Uberaba
    Diocesi di Ituiutaba
    Diocesi di Patos de Minas
    Diocesi di Uberlândia

    Provincia ecclesiastica di Vitória
    Arcidiocesi di Vitória
    Diocesi di Cachoeiro de Itapemirim
    Diocesi di Colatina
    Diocesi di São Mateus

    Provincia ecclesiastica di Vitória da Conquista
    Arcidiocesi di Vitória da Conquista
    Diocesi di Bom Jesus da Lapa
    Diocesi di Caetité
    Diocesi di Jequié
    Diocesi di Livramento de Nossa Senhora

    Altro
    Amministrazione apostolica personale San Giovanni Maria Vianney
    Ordinariato militare in Brasile
    Ordinariato del Brasile per i fedeli di rito orientale


  10. #10
    Vecchia guardia di CR L'avatar di Kirishitan
    Data Registrazione
    Jan 2009
    Località
    .
    Messaggi
    2,588
    Grazie SanPietro! Thread eccellente!

Discussioni Simili

  1. Chiesa Cattolica e cattolici in Polonia
    Di Cultor Veritatis nel forum Principale
    Risposte: 71
    Ultimo Messaggio: 17-10-2021, 05:36
  2. Chiesa Cattolica e cattolici in Spagna.
    Di Cardinale Dante nel forum Principale
    Risposte: 120
    Ultimo Messaggio: 17-05-2021, 10:37
  3. Romania: la situazione della Chiesa e dei cattolici
    Di robdealb91 nel forum Principale
    Risposte: 7
    Ultimo Messaggio: 02-02-2009, 11:24

Tag per Questa Discussione

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •