Lo Staff del Forum dichiara la propria fedeltà al Magistero. Se, per qualche svista o disattenzione, dovessimo incorrere in qualche errore o inesattezza, accettiamo fin da ora, con filiale ubbidienza, quanto la Santa Chiesa giudica e insegna. Le affermazioni dei singoli forumisti non rappresentano in alcun modo la posizione del forum, e quindi dello Staff, che ospita tutti gli interventi non esplicitamente contrari al Regolamento di CR (dalla Magna Charta). O Maria concepita senza peccato prega per noi che ricorriamo a Te.
Pagina 1 di 7 123 ... UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 64

Discussione: Il mio viaggio a Medjugorje

  1. #1
    Veterano di CR L'avatar di Humus
    Data Registrazione
    Sep 2007
    Località
    Monferrato
    Età
    37
    Messaggi
    1,073

    Il mio viaggio a Medjugorje

    === Questa discussione è dedicata esclusivamente al racconto dei viaggi a Medjugorje, non alla discussione sulla verità delle apparizioni ===




    Racconterò qui la mia testimonianza. Molti non avran voglia di leggere tutto, per cui racconto dal principio cosa ho concluso per ora, anche se onestamente non mi sento in grado di affermar nulla con precisione (l'esperienza continua anche dopo il ritorno) tuttavia riassumerò in pochi punti:

    • Non ho idea riguardo alle apparizioni, non so dire se siano vere o false
    • Il clima di preghiera non mi ha colpito ne in positivo ne in negativo, mi son trovato a pregare bene e male a seconda dei momenti, esattamente come mi accade in Italia.
    • Ho assistito al miracolo del sole e ho toccato ed osservato la goccia che cola dal ginocchio del Cristo risorto
    • Non erano presenti i veggenti, tutti all'estero.
    • L'esperienza è stata di grande aiuto sul piano spirituale per tutti i presenti.
    • Le testimonianze ascoltate sono state veramente toccanti ed è chiaro che (Madonna apparsa o meno) sono frutto di preghiera e determinazione.


    Alla domanda: "mi consiglieresti di andare?" risponderei male non può fare ed è un momento di preghiera, ma ho notato che l'esperienza ha pesi differenti a seconda della preparazione delle persone. Chi ha una fede matura e conosce l'insegnamento del Cristo troverà ben poco di nuovo. Chi ha una fede fragile può ricevere un grande aiuto per il fenomeno religioso e i sentimenti che li dominano.
    Che sia apparsa/appaia la vergine è forse irrilevante dal punto di vista religioso: fin quando il pellegrino torna a casa più forte non c'è da preoccuparsi.

    Alla domanda "ma sei tornato a casa diverso?" rispondo che tutto dipende dalla propria preparazione, capacità di far gruppo e condividere. No, non sono tornato a casa diverso, non sono tornato più altruista o più felice, sono tornato arricchito però: le testimonianze sono esempi di vita e quelle a cui ho assistito a Medjugorje sono toccanti e fanno riflettere e spingono a mutare comportamento.

    Infine metto un link alle foto che ho fatto, ognuna ha una breve didascalia che illustra la ripresa.

    DA QUI INIZIA IL RACCONTO. Ovviamente è del tutto personale, ogni sensazione è soggettiva ed ogni commento ed affermazione appartiene alla sfera dell'opinabile.

    LA PARTENZA

    La partenza dall'Italia è avvenuta in pullman alle 15 circa. Il viaggio è stato molto lungo, Si tratta di circa 15 ore con varie fermate in autogrill ogni 4 - 5 ore. Siamo partiti dal Piemonte, la cena quindi è stata fatta in zona Trieste poichè erano già le 19.

    FUORI DALL'ITALIA

    Superato il confine italiano si entra in Slovenia, poi si passa in Croazia ed infine si arriva in Bosnia. Il viaggio era ormai in notturna. Fino al confine italiano la strada è rimasta piacevole, solo in Bosnia può dar qualche problema a chi soffre perchè le strade sono veramente mal ridotte e piene di curve. Le frontiere sono solo all'ingresso della Croazia e alla sua uscita ed anche in Bosnia. La Slovenia ha aderito al trattato sulla libera circolazione per cui non vi sono controlli. Negli altri due casi invece c'è stato il controllo della carta d'identità. Un agente sale sul pullman dopo aver controllato i documenti del viaggio tenuti dall'autista e controlla ogni singolo documento.
    Non han fatto alcun tipo di problema in merito ai bagagli, ne li han controllati.

    ARRIVO IN BOSNIA

    Siamo arrivati in prima mattinata (alle 6 circa) ma il sole stava sorgendo per cui solo a questo punto mi rendo conto del degrado della Bosnia, prima immersa nella notte. I paesi che passiamo sono molto poveri, come le poche autovetture che incrociamo o che ci superano. Non esiste controllo della polizia. La polizia bosniaca non è altro che l'esercito convertito, ma è molto raro vedere un poliziotto in giro. Le regole della strada sono un optional, i bosniaci guidano in maniera pericolosa e spesso sono scoperti dall'assicurazione, per cui attenzione agli incidenti! Da dopo la dogana bosniaca il tragitto è monotono, il paesaggio è tutto composto da pietre e vegetazione agonizzante e bassa, il terreno è rosso ed arido. L'attività umana è assente, ci sono diverse case, ma tutte mal ridotte o non completamente costruite.
    Il transito maggiore è costituito dai pullman di pellegrini in partenza/arrivo.
    Una volta giunti in Medjugorje abbiamo velocemente posato le valigie in albergo e ci siamo preparati e lavati. Alle 7.30 eravamo nuovamente sul pullman in partenza per la collina delle apparizioni.

    COLLINA DELLE APPARIZIONI

    La collina delle apparizioni è semplicemente una collina, non c'è molto da descrivere, pensate a sassi e terra, un ambiente orrido e asciutto. Aggiungete ora la salita ed avrete la collina delle apparizioni. Non esiste un percorso, è un po' come in montagna, sai dove andare solo perchè il terreno porta i segni del passaggio altrui. Il "percorso" ha una struttura ad A.

    A

    Si parte dal percorso a sinistra e si sale fino alla punta per poi ridiscendere dalla parte a destra. Così facendo si percorrono le tappe per la via crucis che sono segnate sui "lati" del percorso. A metà salita invece (la stanghetta della A) si trova un percorso che taglia la via crucis, al cui centro vi è la statua della Vergine. Li è apparsa e li han posizionato la statua. Il nostro gruppo ha recitato il rosario terminandolo li, senza seguire l'itinerario della via crucis. C'è stato quindi un momento di preghiera comune, guidata dal capogruppo, ed un momento di preghiera personale.

    La statua della vergine è circondata da una recinzione a stella e al suo interno le persone lasciano i desiderata, che vengono raccolti e bruciati la sera (in modo che nessuno possa leggerli e anche per un significato simbolico)

    Si scende poi dal lato destro, il percorso è piuttosto ripido, consiglio calma, bastoni per gli anziani, e scarpe buone per tutti.

    Al fondo della discesa si trovano le due croci blu, posizionate da un veggente (non son ferrato, i nomi non li ricordo) per segnare il posto in cui appariva la Vergine in modo che i pellegrini potessero avere un riferimento. Sono duce croci blu perchè all'epoca il veggente aveva in casa solo queste aste di ferro e le uni e verniciò con l'unica vernice che aveva in casa. Anche alla base di queste croci vi sono numerosi pellegrini in preghiera. Anzi, devo dire che ho trovato pellegrini in profonda preghiera qui, mentre alla statua precedente vuoi per il posto, la curiosità si era facilmente distratti.

    IL MIRACOLO DEL SOLE

    Mentre scattavo foto mi han indicato il sole, ho assistito a quel fenomeno di cui si parla molto. Lo descrivo per come è possibile. Il cielo era nuvolo quel giorno, osservando il sole normalmente non sarei riuscito a guardarlo per più di 2 secondi senza aver fastidio agli occhi e necessità di chiuderli. Alla statua della Madonna, per curiosità osservai il sole e lo potei vedere per 1 secondo, perchè la luce infastidiva, nel guardarlo vedevo attorno ad esso una sorta di stella, una forma molto regolare, ma non ci diedi peso, si sa che ci sono molti fenomeni di riflessione e rifrazione della luce, tuttavia non dissi nulla nonostante fosse la prima volta in vita mia a notar un effetto simile (nella forma a stella). Scesi alle due croci mi venne indicato il sole, ora riuscivo a guardarlo senza fastidio e per una 50ina di secondi senza distogliere lo sguardo. Inizialmente ero poco convinto, pensavo che le anomalie che notavo fossero dovute alla luce, alle nuvole, all'occhio che reagiva male alla luce, insomma ho pensato fosse un effetto comune a tutti ma dovuto ai limiti fisici dell'occhio umano. però mi accorsi che effettivamente, a differenza di prima riuscivo a guardare il sole senza difficoltà particolari, e osservando bene notati anche ciò che notavano gli altri. Dal sole uscivano come dei raggi, come i raggi che partono dalle mani della Vergine in molte sue raffigurazioni, non erano raggi lunghi erano ben visibili però, quasi come fossero fumi che uscivano dal sole, il sole si muoveva in maniera anomala, non era fermo, inoltre dal centro si notava un effetto scuro, nero, poi giallo, poi verde, poi viola. Altro non so dirvi, come ha detto Brosio, non saprei dire se l'effetto fosse imputabile ad un miracolo, so solo che in vita mia l'ho visto solo sulla collina delle apparizione a Medjugorje.
    Io non ho dato peso all'evento, non vedo e non amo seguire o vincolare la mia fede ai miracoli perchè li temo, sia perchè possono esser un boomerang (se si rivelano falsi) sia perchè io son partito già credente, e non ho dubbi che il Signore possa far miracoli, ma come dice il Vangelo i segni sono fatti per far si che la gente creda, ma beato chi pur non vedendo ha creduto. Non mi dilungo sulla questione perchè questo è un semplice racconto dell'accaduto ed è meglio che rimanga il più possibile scevro da giudizi.
    Ho sia foto che video ma non si vede nulla in essi perchè è impossibile mettere a fuoco il sole, troppo luminoso, l'esposimetro delle fotocamere lo rileva come bianco annullando tutti i colori presenti. Inoltre la messa a fuoco non credo sia possibile, avete mai visto foto del sole se non al tramonto e all'alba? Al massimo sono foto in cui il sole è una sorta di grossa stella con i raggi che invadono tutto.

    IL CRISTO RISORTO

    Siamo poi andati alla statua del Cristo risorto, per andarci abbiamo ripreso il pullman che dal monte della apparizioni ci ha riportati alla Chiesa. La statua si trova poco distante, sul retro della chiesa. Essa è una grande statua in bronzo, dal ginocchio della statua scende una goccia. Non ho molto da descrivere, a differenza del sole in cui le forme erano sconosciuti e varie, indescrivibili quanto è indescrivibile la forma del fumo...beh riguardo alla statua si tratta di una semplice goccia che esce dal ginocchio destro della statua.
    Non vi racconto la sua storia perchè la saprete. In ogni caso, ci sono molti pellegrini in fila che toccano con fazzoletti il ginocchio aspettando che scenda la goccia (che esce con ritmo regolare ogni 10 secondi circa direi). La goccia letteralmente esce dal ginocchio, non appare dal nulla, si intravede un piccolo gocciolino e prende forma in pochi secondi per poi colare.
    Se si ha pazienza in 10 minuti di coda si riesce a toccare la goccia. Io ho preferito evitare, come ho detto non ero interessato. Per cui ho preferito cercare un sacerdote per la confessione.

    LA CONFESSIONE

    Sulla sinistra della chiesa vi è una lunga fila di cabine con una etichetta che reca la lingua del parroco che vi è all'interno. A Medjugorje ogni parroco può, una volta accreditatosi, confessare o dire messe assieme agli altri parroci della sua lingua.
    La fila per le cabine italiane era molto lunga così l'organizzatore ha incaricato una sua amica di intercettare un parroco. Li intorno alla chiesa sono molti i parroci presenti, fermi o in attesa che si concluda la funzione precedente (ogni ora c è una messa in una lingua diversa). Così abbiamo fermato un parroco il quale mi ha confessato li, su una panchina.

    LA MESSA

    La messa è stata una delle più partecipate della mia vita e dopo circa un anno che non partecipavo all'eucarestia mi sono riavvicinato.
    La Chiesa era piena, la messa in italiano era alle 11, sono riuscito però, rimanendo in piedi, a posizionarmi nelle zone vicine all'altare. Una messa concelebrata da 14 parroci, un diacono e 2 chierichetti. I Parroci sono tutti esterni, si notava dal fatto che fossero i chierichetti a istruirli sul come dare la comunione ai fedeli indicando ad ognuno che percorso fare in modo che tutti i fedeli rimanessero il più possibile fermi.

    Mi ha colpito molto il fatto che le prediche fossero energiche e non blande come quelle che sono abituato a sentire, si da molta importanza alla preghiera e più volte hanno invitato alla preghiera per la Chiesa, ora in un momento di grave difficoltà.

    La messa segue la liturgia classica ovviamente, i canti erano in italiano e tutti conosciuti in modo che si potesse cantare in coro.

    VISITA ALLA COMUNITà CENACOLO

    La Comunità cenacolo non vi spiego cos'è. In breve è una organizzazione creata da una suora per aiutare i giovani in difficoltà. Li ho assistito a due toccanti testimonianze. Due giovani ci han raccontato la loro vita, entrambi sorridenti e felici della loro situazione e fede attuale. Non posso certo ripeterla qui perchè farei torto loro raccontandola male. Queste loro testimonianze mi han colpito al cuore, sarà perchè sono praticamente miei coetanei. Anche la loro spiegazione riguardo alle piccole accortezze che gli vengono imposte (a tavola versare a se l'acqua per ultimi, prima agli altri, per esempio) mi ha fatto capire come siano inseriti in un percorso che ha cambiato totalmente la loro vita. Il tutto volontariamente.

    SALITA SUL MONTE KRIZEVAC

    Ora siamo di nuovo in piena mattina, ci siam alzati alle 5 e alle 6 siamo già ai piedi del monte. Il monte è piuttosto alto e come per la collina delle apparizioni si tratta di sassi e terra rossa. La salita è molto più difficile, i dislivelli tra le pietre sono maggiori e la presenza di numerosi gruppi precedenti vincola il passo.
    E' una salita che molti affrontano intorno alle 2 del pomeriggio, ma ricordate che sono sassi e batte il sole (a differenza del giorno precedente).
    Anche qui il percorso è segnato dalle tappe della via crucis e si conclude, salendo a serpentina, con la croce in cemento eretta nel 1933 (prima delle apparizioni).
    Non amo questi momenti, perchè mi è difficile pregare con così tante distrazioni, inoltre sono timido e il pregare con a fianco persone che non conosco mi rende ancora meno concentrato. Ma forse è stato un bene trovarmi in quella situazione, una buona palestra.
    Non ho molto da dire riguardo alla salita, i ritmi sono lenti e per concludere la via crucis e ridiscendere ci abbiamo messo intorno alle 5 ore.
    La salita come detto è difficoltosa e spesso la necessità di stare uniti porta con se l'obbligo di comportarsi come caprioli abbarbicandosi sulle pietre ai limiti della vegetazione.
    Qui il percorso è obbligato perchè il monte è ricoperto dalla tipica vegetazione di quelle zone, arbusti bassi e magri che però impediscono il passaggio.
    I gruppi che sono presenti sono di diverse lingue, per cui alle volte ci si trova in coda a gruppi tedeschi in preghiera (quindi non è possibile nemmeno aggregarsi a loro) e si attende di poter stazionare davanti alla tappa anche per 10 minuti o più.
    Arrivati alla sommità vi è la croce in cemento di cui ho già scritto, i pellegrini si posizionano alla sua base e pregano.
    L ultimo tratto di strada che conduce alla sommità è particolarmente ripido ed affollato.
    Inoltre chi non riesce (per impossibilità fisiche) a far la salita è portato su su una specie di portantina in cui si sta seduti, brutalmente, una sedia con due sbarre lunghe. Non so se sia sempre compito loro, ma io ho visto proprio i ragazzi della comunità cenacolo portar su una signora anziana.
    La discesa è veramente terribile, perfino io che mi ritengo agile ho dovuto prestare molta attenzione, il percorso si fa stretto, si procede al massimo due affiancati e non termina mai. Ripido e con rocce piuttosto grosse e conficcate nella terra, scivolose perchè ormai levigate. Credetemi: prestate attenzione.
    I più anziani faran meglio a riposarsi una buona mezz'ora alla croce prima di scendere, serve forza nelle gambe.

    Siam poi tornati alla Chiesa e ci siamo recati nuovamente a messa, ma le impressioni sono le stesse di prima.

    L'ORFANOTROFIO

    L'orfanotrofio delle sorelle missionarie della famiglia ferita è una struttura che ospita gli orfani di guerra e anche gli anziani soli. Gestita da suore. Purtroppo non ricordo il nome, ma una di loro ci ha accolto e ci ha illustrato il funzionamento dopodichè ci ha dato qualche consiglio. Ho ammirato la sua determinazione e la sua solarità, nonchè la sua fede.

    IL CASTELLO DEI CANADESI

    E' una struttura che pare un pugno in un occhio, ma ha motivo quella forma, anche se non l'ho capito. Un grosso castello che serve ad ospitare sacerdoti americani in ritiro ed offre, quando lo stato lo permette, aiuto agli orfani sotto forma di pranzi, cene.
    I due canadesi sono una ricchissima coppia che ha lasciato tutto per vivere in semplicità in Canada destinando i loro soldi all'aiuto. Solo la donna parla italiano. Convertiti e fedeli, pregano e raccontano la loro storia senza vergogna. Sempre per lo stesso motivo evito di raccontare la testimonianza, non saprei riportarla in maniera corretta. Ho notato che ha colpito soprattutto i signori di mezza età però. Sono anche loro un grande esempio e fanno proprio pensare che a medjugorje ci sia qualcosa... difatti è anomalo che un canadese ricco sfondato venda tutto per vivere in Bosnia lottando per interessi non più personali.

    Ecco mi pare di avervi raccontato tutto, lascio stare la visita a Mostar, trovate qualche accenno nelle fotografie. Se siete interessati però vi dico anche riguardo a quel pomeriggio, ma c'è poco di utile da dire.
    Il ritorno in pullman è avvenuto con partenza alle tre di notte e arrivo alle 19.30. Ma è stato meno pesante rispetto all'andata.


    CONSIDERAZIONI PERSONALI

    Tornato a casa, pieno di dubbi e perplessità sono corso da un sacerdote, non il solito con cui parlo, ma da un altro, piuttosto preparato e noto direi poichè collabora con famiglia cristiana ed altre riviste, autore di libri e conoscitore della Chiesa nonchè coinvolto nel concilio vaticano II.
    Il mio entusiasmo è *****to nel parlare con lui, soprattutto perchè ha demolito Medjugorje riprendendo quella lettera di Marija in cui smentisce alcune rivelazioni scusandosi per aver fatto dire alla vergine parole mai pronunciate.
    Tuttavia si è dichiarato disinformato e non apprezza ne crede alle apparizioni mariane, ovvero si dice del tutto disinteressato (e scettico per Medjugorje) a tali apparizioni, ben più interessato agli effetti. Per cui pur condannando le veggenti apprezza il fenomeno, perchè anche se fosse falso è chiaro che si è creata una situazione che agevola e porta alla conversione di molti.
    Tuttavia la sua preparazione in materia era talmente scarsa che ho preferito lasciar perdere trovandomi comunque d'accordo su questa conclusione.

    Io sarò sincero, mi aspettavo di più, effettivamente ciò che aiuta è il clima, l'idea che li ci sia qualcosa, il fenomeno in se, ma non riuscirei ad affermare che non sia capitato qualcosa di eccezionale in quei luoghi. Anzi.
    Per me ha rappresentato una conoscenza e una occasione di riflessione profonda, rimessa in discussione di alcune mie basi, una riscoperta della preghiera come strumento utile.

    Parlando dei 5 punti fondamentali che la Vergine invita a seguire invece sono dubbioso. Rosario, digiuno due volte a settimana, eucarestia quotidianamente, lettura della bibbia quotidianamente, confessione una volta al mese.
    Io il rosario non riesco a dirlo, preferisco di gran lunga continuare col mio modo, riflessione, preghiere, contemplazione per quel che riesco. La recita del rosario si riduce per me a movimento di labbra e siccome la stessa vergine avrebbe richiesto partecipazione col cuore, preferisco offrire quella alla maniera mia.
    Il digiuno è a me sconosciuto e non credo lo rispetterò, preferisco altre forme di digiuno che non descriverò perchè non siano scambiate come giustificazioni.
    La Bibbia la leggo già quotidianamente, la confessione invece è stata una riscoperta, soprattutto alla luce della testimonianza dei due canadesi che hanno individuato in essa un mezzo per ripartire nella vita.
    Infine, eucarestia quotidiana... beh, ai pellegrini ormai viene già detto che si deve andare a messa una volta alla domenica... ed in effetti non saprei come una persona che lavora possa riuscire a far tutto questo in una giornata: lavorare, cucinare, sbrigare le faccende di casa, leggere la Bibbia, dire un rosario e digiunare due volte a settimana. Lo trovo eccessivo e rischioso. ma questo è un parere mio, e sarò ben felice di sapere che qualcuno riesce in ciò che io reputo al limite dell'umano.

    Se avete domande risponderò volentieri!
    Ultima modifica di Raffaele; 05-03-2012 alle 09:22

  2. #2
    Vecchia guardia di CR L'avatar di Claudine
    Data Registrazione
    Feb 2008
    Località
    Unione Europea
    Età
    53
    Messaggi
    2,283
    io non sono mai stata a Medjugorie e preferisco l'idea di tornare a Lourdes. Quello però che mi sento di dirti è che non sarà ne un rosario al giorno ( 15, 20 minuti ) ne un momento di lettura della Parola ( anche solo un versetto) ad impedirti di svolgere le tue attività quotidiane ;) Per l'eucarestia quotidiana purtroppo se non abiti in città a volte è difficile trovare una chiesa dove si celebri in un orario compatibile con gli impegni lavorativi e familiari..
    Per quanto riguarda il rosario, prova ad iniziare meditando solo i misteri, se sei abituato alla meditazione potrai apprezzare rapidamente la bellezza di questo modo di meditare sui punti significativi delle tappe della vita di Cristo, vedrai che le preghiere verranno da se...
    Fiat Voluntas Tua.

  3. #3
    Iscritto
    Data Registrazione
    Oct 2006
    Località
    Italia
    Età
    59
    Messaggi
    245
    Grazie di esserti dilungato nel racconto, veramente interessante

    Dico anch'io la mia piccola opinione: abbiamo davvero bisogno di riscoprire il digiuno. Per i primi cristiani era assolutamente normale, e lo e' sempre stato, fino a tempi recentissimi

    A cosa serve? Non so spiegare ma serve. Provare per credere. Finche' non provi non puoi sapere. Vale la pena. Se vuoi fartene una ragione, so che ci sono dei libri che lo spiegano, ma si capisce meglio facendolo che non leggendo

  4. #4
    Partecipante a CR L'avatar di giulio76
    Data Registrazione
    Sep 2007
    Località
    catania
    Età
    45
    Messaggi
    973
    Citazione Originariamente Scritto da Humus Visualizza Messaggio
    Parlando dei 5 punti fondamentali che la Vergine invita a seguire invece sono dubbioso. Rosario, digiuno due volte a settimana, eucarestia quotidianamente, lettura della bibbia quotidianamente, confessione una volta al mese.
    Io il rosario non riesco a dirlo, preferisco di gran lunga continuare col mio modo, riflessione, preghiere, contemplazione per quel che riesco. La recita del rosario si riduce per me a movimento di labbra e siccome la stessa vergine avrebbe richiesto partecipazione col cuore, preferisco offrire quella alla maniera mia.
    Il digiuno è a me sconosciuto e non credo lo rispetterò, preferisco altre forme di digiuno che non descriverò perchè non siano scambiate come giustificazioni.
    La Bibbia la leggo già quotidianamente, la confessione invece è stata una riscoperta, soprattutto alla luce della testimonianza dei due canadesi che hanno individuato in essa un mezzo per ripartire nella vita.
    Infine, eucarestia quotidiana... beh, ai pellegrini ormai viene già detto che si deve andare a messa una volta alla domenica... ed in effetti non saprei come una persona che lavora possa riuscire a far tutto questo in una giornata: lavorare, cucinare, sbrigare le faccende di casa, leggere la Bibbia, dire un rosario e digiunare due volte a settimana. Lo trovo eccessivo e rischioso. ma questo è un parere mio, e sarò ben felice di sapere che qualcuno riesce in ciò che io reputo al limite dell'umano.

    Se avete domande risponderò volentieri!
    Bè ti posso dire come faccio io, la mattina mi alzo un quarto d'ora prima del solito e faccio le lodi e la Parola del giorno meditata. Durante il tragitto per andare a lavoro (tempo circa 20 min.) dico il primo rosario, alle 12:00 mi sintonizzo su radio maria e con la cuffietta nelle mie orecchie mentre lavoro sento l'Angelus e faccio l'ora media. Uscito dal lavoro nel tragitto di ritorno faccio il secondo rosario, arrivato a casa prima di cena recito i vespri. La sera dopo cena prima di coricarmi recito il rosario con mia moglie e rivediamo insieme le letture del giorno. In totale ho fatto i tre rosari che la Madonna consiglia e la liturgia delle ore. Se esco prima da lavoro vado a messa, ma non capita tutte le volte. Vedi quando ami una persona lo trovi sempre il tempo per stare con Lei.
    Non faccio il digiuno per miei problemi di salute, non posso mangiare pane in quantità, ma faccio digiuno su altre cose, come per esempio guardare la TV oppure rinunciare a dolci. Orami il digiuno viene pesante perchè si è persa l'abitudine al sacrificio.
    Per il rosario posso dirti che puoi incominciare con il fare il credo e 7 pater,ave gloria, ma io ormai da quando recito il rosario sento lo Spirito Santo che mi parla dentro è come una ventata di pace sulle difficoltà delle giornate. Peccato che non tutti lo aprezzano.
    Alla fine per avere una ventata di gioia ogni giorno un sacerdote santo consigliava tre piccoli passi giornalieri che riassumo:
    1) leggere la mattina un pò di Vangelo lentamente e sotto l'azione dello Spirito Santo
    2) fare visità a Gesù eucarestia anche 5 minuti
    3) fare tre azioni buone e dimenticarsene.
    Vedrai che la tua giornata sarà una esplosione di gioia.
    Ti auguro un buon cammino nella luce di Gesù.

  5. #5
    Vice-Decana dei Cronisti di CR
    Data Registrazione
    Sep 2007
    Località
    Genova
    Messaggi
    24,513
    Grazie Humus per la tua bella e precisa testimonianza. Volevo però fare alcune considerazioni:

    1. La statua del Cristo a me ha sempre un po’ deluso nel senso che mi sono messa in coda per ben 3 volte ed ho visto quelli che mi precedevano ritirare fazzoletti pregni dal ginocchio ma… arrivato il mio turno, il fazzoletto rimaneva completamente asciutto (e il cavo del ginocchio pure). Non ho mai saputo spiegarmi questo: qualcuno mi ha detto che io non ho bisogno di “segni”…sarà…

    2. Ho smesso di parlare con sacerdoti che non credono in Medjugorje, men che meno che non ci sono mi andati… dicono di quelle cose . Preferisco parlarne con chi ci crede o, ancora meglio con chi c’è stato semplicemente per uno scambio di informazioni e di opinioni.

    3. Riguardo al Rosario e al digiuno, se non sei abituato e vorresti praticarli, ti consiglio di cominciare piano pianino: il rosario solo una decina, il digiuno solo mezza giornata a pane ed acqua e poi una cena leggera. Poco alla volta, con l’aiuto della Madonna, riuscirai a completare, anzi, quando non potrai ne sentirai l’esigenza. Meglio se cominci il rosario e il digiuno per un’intenzione tua o per qualcun altro, ti sarà più facile.

    4. Riguardo a quanto dici: “Infine, eucarestia quotidiana... beh, ai pellegrini ormai viene già detto che si deve andare a messa una volta alla domenica... ed in effetti non saprei come una persona che lavora possa riuscire a far tutto questo in una giornata: lavorare, cucinare, sbrigare le faccende di casa, leggere la Bibbia, dire un rosario e digiunare due volte a settimana. Lo trovo eccessivo e rischioso. ma questo è un parere mio, e sarò ben felice di sapere che qualcuno riesce in ciò che io reputo al limite dell'umano.”, posso dirti che, io che sono una donna che lavora con famiglia, l’ho fatto per anni (e ancora, quando posso continuo a farlo). E’ solo una questione di organizzazione. Quando comincerai a mettere in atto quanto la Madonna chiede, ti renderai conto del lungo tempo che dedichiamo a cose inutili


  6. #6
    Veterano di CR L'avatar di Humus
    Data Registrazione
    Sep 2007
    Località
    Monferrato
    Età
    37
    Messaggi
    1,073
    Ci tengo a precisare che io ho già provato il digiuno a pane ed acqua ed il rosario sono giorni che lo recito quotidianamente. Non sono così sfaticato, le cose le faccio, e se prendo un impegno lo rispetto. Tuttavia ho idea che il digiuno migliore si quello in cui si mortifica il corpo ma si aiuta anche il prossimo. Come? Come mi ha suggerito un sacerdote: uscire pure a cena con gli amici, ma prender non ciò che si vuole, ma il minimo indispensabile, fare il conto di cosa si sarebbe preso et voilà: sia sacrificio che una decina di euro da metter da parte per chi ha bisogno.

    Mi è stato spiegato che il digiuno in origine nasce con queste due ragioni, mortificare il corpo privandosi del cibo che viene destinato a chi ne ha bisogno. Per cui digiunare tot volte alla settimana significa mettere in comunione ciò che si ha con chi non ha. In questo senso ha una grande utilità.

    Comunque credo che non esista una strada unica, ma più strade, ad ognuno la scelta in base all'utilità che poi ottiene.

  7. #7
    Vice-Decana dei Cronisti di CR
    Data Registrazione
    Sep 2007
    Località
    Genova
    Messaggi
    24,513
    Citazione Originariamente Scritto da Humus Visualizza Messaggio
    Ci tengo a precisare che io ho già provato il digiuno a pane ed acqua ed il rosario sono giorni che lo recito quotidianamente. Non sono così sfaticato, le cose le faccio, e se prendo un impegno lo rispetto.
    Nessuno ti ha trattato come uno sfaticato: tu hai fatto precise domande e noi ti abbiamo dato precise risposte


  8. #8
    Veterano di CR L'avatar di Humus
    Data Registrazione
    Sep 2007
    Località
    Monferrato
    Età
    37
    Messaggi
    1,073
    Lo dicevo col sorriso sulle labbra, non era un rimprovero.

  9. #9
    Partecipante a CR L'avatar di giulio76
    Data Registrazione
    Sep 2007
    Località
    catania
    Età
    45
    Messaggi
    973
    Citazione Originariamente Scritto da Humus Visualizza Messaggio

    Mi è stato spiegato che il digiuno in origine nasce con queste due ragioni, mortificare il corpo privandosi del cibo che viene destinato a chi ne ha bisogno. Per cui digiunare tot volte alla settimana significa mettere in comunione ciò che si ha con chi non ha. In questo senso ha una grande utilità.

    Comunque credo che non esista una strada unica, ma più strade, ad ognuno la scelta in base all'utilità che poi ottiene.
    Ed è vero il digiuno nasce per distaccarsi dal superfluo e donarlo ai poveri. Ma il digiuno consigliato dalla Madonna è ben diverso è un digiuno non per i poveri ma per noi stessi. Siamo talmente presi dalla frenesia della vita, dall'ingordigia, dalla comodità che non sappiamo più fare un sacrificio. Non sappiamo più privarci della TV, del fumo, del mangiare. Per tale motivo ogni privazione donata per le intenzioni della Madonna è una piccola luce che risplende nelle tenebre.

  10. #10
    Vice-Decana dei Cronisti di CR
    Data Registrazione
    Sep 2007
    Località
    Genova
    Messaggi
    24,513
    Citazione Originariamente Scritto da UbiDeusIbiPax Visualizza Messaggio
    L'uno non esclude l'altro: digiuniamo pure per noi stessi, e i soldi "risparmiati" diamoli ben volentieri a chi ha meno di noi, magari aggiungendoci qualcosa in più - memori della vedova che gettò due monetine nel tesoro, tutto ciò che aveva (Mc 12,41-44).
    Non è esattamente così, per quanto riguarda Medjugorje. La Madonna ha chiesto il digiuno per cambiare il nostro cuore, per i Suoi progetti, per indicazioni precise, ovvio deve essere accompagnato dalla preghiera. Ricordo uno dei Suoi primi mesaggi in cui diceva: "Col digiuno e la preghiera potrete allontanare anche le guerre".



Discussioni Simili

  1. il viaggio cristiano
    Di giovanna elena nel forum Catechismo
    Risposte: 7
    Ultimo Messaggio: 19-12-2015, 18:01
  2. Prima di un viaggio
    Di VirCatholicus nel forum Elenco preghiere
    Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 23-11-2009, 23:15
  3. Viaggio Apostolico di Benedetto XVI in USA
    Di Vox Populi nel forum Principale
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 15-04-2008, 13:33

Tag per Questa Discussione

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •