Lo Staff del Forum dichiara la propria fedeltà al Magistero. Se, per qualche svista o disattenzione, dovessimo incorrere in qualche errore o inesattezza, accettiamo fin da ora, con filiale ubbidienza, quanto la Santa Chiesa giudica e insegna. Le affermazioni dei singoli forumisti non rappresentano in alcun modo la posizione del forum, e quindi dello Staff, che ospita tutti gli interventi non esplicitamente contrari al Regolamento di CR (dalla Magna Charta). O Maria concepita senza peccato prega per noi che ricorriamo a Te.
Pagina 3 di 17 PrimaPrima 1234513 ... UltimaUltima
Risultati da 21 a 30 di 169

Discussione: Il Credo (Professione di fede o Simbolo) nelle celebrazioni liturgiche

  1. #21
    Moderatore Globale L'avatar di Ambrosiano
    Data Registrazione
    May 2006
    Località
    Milano
    Messaggi
    11,765
    Citazione Originariamente Scritto da artaxerse Visualizza Messaggio
    Quale intonate di solito?
    Tono domenicale o festivo?

    Il Gloria domenicale è stupendo con il suo vocalizio.
    Concordo.

    Mi riferivo al festivo. Si sente che dopo l'amen ci deve essere qualcos'altro.

  2. #22
    Lucilla
    visitatore

    ...e si recita il Credo

    e si recita il Credo:

    Credo in Deum Patrem omnipotentem, Creatorem caeli et terrae. Et in Iesum Christum, Filium eius unicum, Dominum nostrum, qui conceptus est de Spiritu Sancto, natus ex Maria Virgine, passus sub Pontio Pilato, crucifixus, mortuus, et sepultus, descendit ad infernos, tertia die resurrexit a mortuis, ascendit ad caelos, sedet ad dexteram Dei Patris omnipotentis, inde venturus est iudicare vivos et mortuos. Credo in Spiritum Sanctum, sanctam Ecclesiam catholicam, sanctorum communionem, remissionem peccatorum, carnis resurrectionem et vitam aeternam. Amen.


    Io credo in Dio, Padre onnipotente, creatore del cielo e della terra; e in Gesù Cristo, suo unico Figlio, nostro Signore, il quale fu concepito di Spirito Santo, nacque da Maria Vergine, patì sotto Ponzio Pilato, fu crocifisso, morì e fu sepolto; discese agli inferi; il terzo giorno risuscitò da morte; salì al cielo, siede alla destra di Dio Padre onnipotente; di là verrà a giudicare i vivi e i morti. Credo nello Spirito Santo, la santa Chiesa cattolica, la comunione dei santi, la remissione dei peccati, la risurrezione della carne, la vita eterna.
    Amen.


    Innanzitutto grazie per qs. bellissimo post. Poi, scusa la mia ignoranza e chiedo scusa a tutti quelli che magari farò inorridire, ma perché qs. "Credo" e non quello che comunemente si recita in Chiesa alla S. Messa? Qualcuno mi può spiegare le ragioni della predilezione se è personale o altro ? Eppoi, se è di "precetto", diciamo così, recitare qs. forma nel rosario per esempio od altre occasioni di preghiera, perché alla S.Messa appunto viene recitata quell'altra, e perché al Catechismo abbiamo imparato più che altro quella della S.M.?
    Grazie per la pazienza.

  3. #23
    Utente Senior
    Data Registrazione
    Sep 2006
    Messaggi
    594
    Questo è il cosiddetto "Credo degli Apostoli", più antico e più breve.
    Alla Messa si recita (o si canta!) il Simbolo Niceno-Costantinopolitano, cioè la forma più lunga e dettagliata del Credo, codificata appunto dei due Concilii Ecumenici di Nicea e Costantinopoli.

  4. #24
    Partecipante a CR L'avatar di est modus
    Data Registrazione
    Dec 2006
    Località
    Decanato di Monza
    Età
    89
    Messaggi
    837

    E si recvita il Credo

    Brava Lucilla, hai posto una domanda più che legittima. Bravissimo Ladrone, hai dato una risposta esauriente in sole due righe. A Lucilla, se mastica un po' di greco o conosce qualcuno che può aiutarla, suggerisco di procurarsi l'Enchiridion Symbolorum, che qualsiasi prete può prestarle. Complimenti ad entrambi.

  5. #25
    Lucilla
    visitatore
    Citazione Originariamente Scritto da Ladrone Visualizza Messaggio
    Questo è il cosiddetto "Credo degli Apostoli", più antico e più breve.
    Alla Messa si recita (o si canta!) il Simbolo Niceno-Costantinopolitano, cioè la forma più lunga e dettagliata del Credo, codificata appunto dei due Concilii Ecumenici di Nicea e Costantinopoli.

    Ehm ... in realtà conosco entrambi e la loro origine :occhiali: dunque se ho capito bene a Messa solamente si recita quello niceno-c. e nelle altre occasioni quello degli apostoli, così? Se recito quello niceno sempre, allora va bene lo stesso, no?
    Grazie mille per tanta pazienza

  6. #26
    Lucilla
    visitatore
    Citazione Originariamente Scritto da est modus Visualizza Messaggio
    Brava Lucilla, hai posto una domanda più che legittima. Bravissimo Ladrone, hai dato una risposta esauriente in sole due righe. A Lucilla, se mastica un po' di greco o conosce qualcuno che può aiutarla, suggerisco di procurarsi l'Enchiridion Symbolorum, che qualsiasi prete può prestarle. Complimenti ad entrambi.
    Non mastico il greco ahimé ma me lo procurerò direttamente tradotto, se lo trovo. Grazie per l'indicazione.

  7. #27
    Moderatore Globale L'avatar di Ambrosiano
    Data Registrazione
    May 2006
    Località
    Milano
    Messaggi
    11,765
    Citazione Originariamente Scritto da Lucilla Visualizza Messaggio
    Ehm ... in realtà conosco entrambi e la loro origine :occhiali: dunque se ho capito bene a Messa solamente si recita quello niceno-c. e nelle altre occasioni quello degli apostoli, così? Se recito quello niceno sempre, allora va bene lo stesso, no?
    Grazie mille per tanta pazienza
    No, non è detto.
    Ad esempio il Rito Ambrosiano nelle domeniche di Quaresima prevede espressamente la possibilità di (ed in un certo senso incoraggia ad) usare il Simbolo degli Apostoli invece del solito Simbolo Niceno-Costantinopolitano. Ciò per la sua valenza battesimale in piena consonanza con il significato profondo delle Domeniche della Quaresima ambrosiana.

    Il foglietto della Messa di quest'anno prevedeva da parte del sacerdote questo invito alla sua recita:
    "Fratelli e sorelle, nel cammino quaresimale siamo chiamati a riscoprire la fonte della nostra vita cristiana: proclamiamo ora il Simbolo degli Apostoli, sintesi della fede che ci è stata trasmessa il giorno del nostro battesimo."

    Non so se ciò sia previsto anche nel R.Romano.
    Ma tant'è, l'affermazione che ho messo in grassetto non è dunque sempre valida.
    Ultima modifica di Ambrosiano; 02-05-2007 alle 16:53

  8. #28
    Vecchia guardia di CR L'avatar di Aloisius Gonzaga
    Data Registrazione
    May 2006
    Località
    Brixia
    Età
    34
    Messaggi
    2,335
    si, anche nel rito Romano è previsto il simbolo degli apostoli per la quaresima !
    laudetur Aloysius

  9. #29
    Al mio parroco il Credo apostolico piace (forse percé più breve?) e così lo usa molto spesso, anche nelle domeniche per annum.

  10. #30
    Utente Senior
    Data Registrazione
    Sep 2006
    Messaggi
    594
    Comunque si tratta di una novità del NO; almeno per il rito romano.
    Prima della riforma si cantava sempre il Credo in unum Deum.

Discussioni Simili

  1. Programmi di canti per le Celebrazioni Liturgiche
    Di Dadux nel forum Musica ed Arte Sacra
    Risposte: 2789
    Ultimo Messaggio: Ieri, 10:25
  2. L'uso delle candele nelle Celebrazioni liturgiche
    Di 1975LUCIA nel forum Liturgia
    Risposte: 107
    Ultimo Messaggio: 08-01-2022, 14:44
  3. Risposte: 26
    Ultimo Messaggio: 05-01-2022, 09:52
  4. Risposte: 405
    Ultimo Messaggio: 31-10-2013, 21:04
  5. Preparare, curare e vivere le celebrazioni liturgiche
    Di Lorenzo Perosi nel forum Liturgia
    Risposte: 15
    Ultimo Messaggio: 12-02-2009, 09:59

Tag per Questa Discussione

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
>