Lo Staff del Forum dichiara la propria fedeltà al Magistero. Se, per qualche svista o disattenzione, dovessimo incorrere in qualche errore o inesattezza, accettiamo fin da ora, con filiale ubbidienza, quanto la Santa Chiesa giudica e insegna. Le affermazioni dei singoli forumisti non rappresentano in alcun modo la posizione del forum, e quindi dello Staff, che ospita tutti gli interventi non esplicitamente contrari al Regolamento di CR (dalla Magna Charta). O Maria concepita senza peccato prega per noi che ricorriamo a Te.
Risultati da 1 a 3 di 3

Discussione: Santa Maria Francesca di Gesù (Anna Maria Rubatto), vergine (14/2/1844 - 6/8/1904).

  1. #1
    Cronista di CR L'avatar di Laudato Si’
    Data Registrazione
    Jan 2020
    Località
    Bergamo.
    Messaggi
    22,743

    Santa Maria Francesca di Gesù (Anna Maria Rubatto), vergine (14/2/1844 - 6/8/1904).

    Discussione dedicata alla religiosa Santa Maria Francesca di Gesù.


    Santa Maria Francesca di Gesù




    Santa Maria Francesca di Gesù, al secolo Anna Maria Rubatto (Carmagnola, 14 febbraio 1844; † Montevideo, 6 agosto 1904), è stata una religiosa missionaria. Fu la fondatrice dell’Istituto delle Suore Terziarie Cappuccine.

    Biografia
    Anna Maria nacque il 14 febbraio 1844 a Carmagnola, un fiorente centro agricolo commerciale non lontano da Torino.

    La morte di fratellini e sorelline, a causa della diffusa mortalità infantile, e la perdita dei genitori determinarono il suo trasferimento a Torino all’età di 19 anni, dove fu collaboratrice, dama di compagnia e consigliera per l’amministrazione dell’ingente patrimonio della nobildonna Marianna Costa Scoffone. A Torino ebbe come direttori spirituali prima padre Felice Carpignano, poi il canonico Bartolomeo Giuganino.

    Nell’estate del 1883 si recò insieme alla sorella Maddalena a Loano, nella riviera ligure di Ponente, per la cura dei bagni; lì cominciò a frequentare la chiesa dei Cappuccini. Uscendo dalla chiesa, in un mattino d’agosto, si imbatté in un giovane operaio ferito alla testa da una pietra caduta dai ponti di un edificio in costruzione: soccorse il giovane, lavò e medicò la ferita e, consegnandogli lo stipendio pari a due giornate di lavoro, lo mandò a casa perché potesse riposarsi. In seguito a questo episodio fu invitata a far parte della comunità religiosa femminile alla quale era destinata la costruzione, un piccolo nucleo di giovani che iniziavano la vita comunitaria come terziarie cappuccine per richiesta di Maria Elice, coadiuvata da padre Angelico.

    Il noviziato ebbe inizio il 23 gennaio 1885. Anna Maria prese il nome di suor Maria Francesca di Gesù. La sua vita era caratterizzata da preghiera, penitenza e povertà, con la protezione di monsignor Filippo Allegro, vescovo di Albenga.

    La prima professione di madre Francesca e delle sue prime compagne avvenne il 17 settembre 1886, festa delle Stigmate di San Francesco.

    Suor Francesca rivelò doti di organizzatrice di opere di bene, incurante di ogni pregiudizio e condizionamento puramente umano, con orientamento verso i più poveri, per evangelizzarli attraverso le opere di carità. Si recava tra i pescatori e li istruiva nella dottrina cristiana, fino a far loro ricevere i Sacramenti.

    Sotto la sua guida vennero aperte in vent’anni venti case in Italia e in America Latina. Il 13 marzo 1900 ad Alto Alegre un gruppo di indios armati di archi, frecce, bastoni e fucili diedero assalto alla comunità sterminandola insieme ai cristiani del villaggio, con 261 morti accertati. All’arrivo a Genova il 22 marzo del telegramma che riferiva del massacro, suor Francesca spalancò le braccia verso il cielo e, congiungendo le mani, esclamò:
    «Sia fatta la volontà di Dio».

    Poi svenne dal dolore. Ripresasi aggiunse:
    «Perché non mi avete fatto martire con queste mie figlie? Perché non ne ero degna».

    Si trasferì come missionaria in Uruguay presso gli indios e morì il 6 agosto 1904 a Montevideo, dopo essersi ammalata di cancro. La sua salma fu sepolta nel medesimo luogo, come ella chiese nel suo testamento, nella prima casa aperta nel nuovo continente.

    Culto
    La causa per la sua beatificazione fu introdotta nel 1965, il decreto sull’eroicità delle virtù si ebbe il 1º settembre 1988 e il 10 ottobre 1993 suor Francesca fu beatificata da San Giovanni Paolo II a Roma.

    Il 24 marzo 2000, a Colonia (Uruguay), si verificò l’inspiegabile guarigione di un giovane colpito da trauma cranio-encefalico con grave emorragia subaracnoidea, coma grave, ipertensione endocranica e danno assonale diffuso. L’Inchiesta diocesana si svolse presso la Curia arcivescovile di Montevideo dall’11 maggio 2005 al 21 agosto 2006. Il decreto di validità giuridica fu emesso dalla allora Congregazione delle Cause dei Santi il 24 maggio 2013. La consulta medica, il 24 gennaio 2019, espresse unanimemente il parere positivo circa l’inspiegabile assenza di esiti neurologici. Il Congresso dei consultori teologi si pronunciò il 29 ottobre seguente, sempre all’unanimità e affermativamente, circa il miracolo e la sua attribuzione alla Beata Maria Francesca di Gesù. Alle medesime conclusioni giunse la sessione ordinaria dei cardinali e dei vescovi, riunitasi il 18 febbraio 2020.

    Sicché Papa Francesco, il 21 febbraio seguente, ratificò il parere autorizzando la promulgazione del Decreto super miraculo.

    La canonizzazione è stata celebrata in Piazza San Pietro il 15 maggio 2022 dallo stesso Pontefice. Nella medesima celebrazione sono stati canonizzati altri nove santi: suor Maria Domenica Mantovani, cofondatrice delle Piccole Suore della Sacra Famiglia; suor Maria di Gesù Santocanale, S.C.I.L.; suor Maria Francesca di Gesù Rubatto, S.C.M.R.; suor Marie Rivier, fondatrice delle Suore della Presentazione di Maria; padre Titus Brandsma, O.Carm.; Lazarus Devasahayam Pillai, martire; César de Bus, D.C., fondatore; Luigi Maria Palazzolo, fondatore; Giustino Russolillo, fondatore; padre Charles de Foucauld, O.C.S.O.

    […].


    Da Cathopedia, fonte. La pagina è disponibile, come indicato qui, sotto licenza CC-BY-SA; link alla licenza d’uso. Pagina modificata per adattamenti. Fonte della immagine (disponibile sotto la stessa licenza): medesima pagina.
    Ultima modifica di Gerensis; 23-09-2022 alle 08:19
    «Vigilate ergo, quia nescitis qua die Dominus vester venturus sit».
    (Matth. 24, 42).



  2. #2
    Cronista di CR L'avatar di Laudato Si’
    Data Registrazione
    Jan 2020
    Località
    Bergamo.
    Messaggi
    22,743
    6 agosto.

    8. A Montevideo in Uruguay, beata [oggi santa – N.d.R.] Maria Francesca di Gesù (Anna Maria) Rubatto, vergine, che fondò nella città di Loano vicino a Savona l’Istituto delle Suore Terziarie Cappuccine e, partita per l’America Latina, si adoperò con ogni cura nel servire i poveri

    (Da: Martirologio Romano riformato a norma dei Decreti del Concilio Ecumenico Vaticano II e promulgato da papa Giovanni Paolo II, Libreria Editrice Vaticana, Conferenza Episcopale Italiana, Fondazione di religione Santi Francesco di Assisi e Caterina da Siena, Roma, 2004, pp. 612-613).
    «Vigilate ergo, quia nescitis qua die Dominus vester venturus sit».
    (Matth. 24, 42).



  3. #3

Tag per Questa Discussione

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
>