Lo Staff del Forum dichiara la propria fedeltà al Magistero. Se, per qualche svista o disattenzione, dovessimo incorrere in qualche errore o inesattezza, accettiamo fin da ora, con filiale ubbidienza, quanto la Santa Chiesa giudica e insegna. Le affermazioni dei singoli forumisti non rappresentano in alcun modo la posizione del forum, e quindi dello Staff, che ospita tutti gli interventi non esplicitamente contrari al Regolamento di CR (dalla Magna Charta). O Maria concepita senza peccato prega per noi che ricorriamo a Te.
Pagina 3 di 11 PrimaPrima 12345 ... UltimaUltima
Risultati da 21 a 30 di 103

Discussione: La Chiesa in Svizzera: notizie e informazioni

  1. #21
    Saggio del Forum L'avatar di Pikachu
    Data Registrazione
    Dec 2007
    Località
    Piemonte
    Messaggi
    6,630
    Citazione Originariamente Scritto da lucpip Visualizza Messaggio
    La vicenda della Diocesi di Coira è molto travagliata. Già sotto Giovanni Paolo II pur avendo il capitolo il diritto di indicare una terna, al di fuori di essa venne nominato mons. Hass che poi dopo infinite polemiche venne trasferito in quanto ritenuto troppo tradizionalista. Penso che le attuali polemiche siano sempre su questa strada.
    Fondamentalmente il Vescovo Huonder è cattolico, è stato nominato da Benedetto XVI e non disdegna liturgie degne ed addirittura qualche Messa in forma straordinaria.
    Io però non volevo entrare nel merito, che mi interessa fino a un certo punto: intendevo evidenziare la follia a cui siamo arrivati se il Vicario generale di un Vescovo (il suo principale collaboratore!) rilascia un'intervista in cui, nel criticare implicitamente il suo superiore, non solo auspica un nuovo Vescovo in discontinuità, ma si permette di dare per scontato il fatto che quello in carica lascerà a 75 anni (Reverendo, a volte ci sono le proroghe!), tra l'altro usando quello spiacevole verbo "andarsene", ed addirittura di dare suggerimenti non richiesti alla Sede Apostolica. Ecco perché dico che abbiamo perso la brocca.

    La verità, comunque, è che si sta candidando lui stesso.


  2. #22
    coram Deo
    visitatore
    Citazione Originariamente Scritto da Pikachu Visualizza Messaggio
    La verità, comunque, è che si sta candidando lui stesso.
    Esattamente.

    Il vescovo in carica, peraltro, è ancora in tempo per nominare al suo posto un nuovo vicario generale.

    E dopo questa boutade, direi che sarebbe pienamente giustificato!

  3. #23
    CierRino
    Data Registrazione
    Apr 2012
    Località
    Italia
    Messaggi
    5,285
    Nella diocesi di Coira coesistono opposte tendenze. La parte nord, quella di Zurigo e San Gallo è molto vicina ad istanze progressiste tipiche del nord della Svizzera, mentre la parte grigionese (e italofona) è più conservatrice e segue gli influssi della Chiesa italiana.

    Da tempo Zurigo e San Gallo reclamano la divisione della diocesi.

    Per altro la diocesi soffre una forte crisi di vocazioni; perde il 15% del clero ogni 10 anni. Lo smembramento sostanzialmente creerebbe due microdiocesi.

  4. #24
    Saggio del Forum
    Data Registrazione
    Sep 2007
    Località
    Arcidiocesi di Milano
    Messaggi
    10,508
    Citazione Originariamente Scritto da Pikachu Visualizza Messaggio
    La verità, comunque, è che si sta candidando lui stesso.
    Infatti, è esattamente quello che ho pensato. Visto che la politica di gettare fango addosso ai vescovi, soprattutto se cattolici e senza deviazioni dottrinali, ultimamente paga, anche lui ci prova. E ritengo molto probabile il suo successo.
    Comunque è allucinante come ormai in molti settori della Chiesa e in molte conferenze episcopali si sia totalmente perso il senso della gerarchia (anzi è diventato un merito disprezzarla) per non parlare di diritto canonico.

  5. #25
    Saggio del Forum
    Data Registrazione
    Sep 2007
    Località
    Arcidiocesi di Milano
    Messaggi
    10,508
    Citazione Originariamente Scritto da coram Deo Visualizza Messaggio
    Esattamente.

    Il vescovo in carica, peraltro, è ancora in tempo per nominare al suo posto un nuovo vicario generale.

    E dopo questa boutade, direi che sarebbe pienamente giustificato!
    Non vedono l'ora. La provocazione è fatta apposta per creare il pretesto di cacciare subito il vescovo senza attendere nemmeno l'età pensionabile.

  6. #26
    CierRino
    Data Registrazione
    Apr 2012
    Località
    Italia
    Messaggi
    5,285
    L'attuale vescovo è stato iù volte fortemente contestato da fedeli e dagli sessi sacerdoti per le sue posizioni rigide, sopratutto in materia di omosessualità.

  7. #27
    Moderatore L'avatar di Mercarte
    Data Registrazione
    Aug 2009
    Località
    Sondrio
    Messaggi
    1,706
    Citazione Originariamente Scritto da Marco123 Visualizza Messaggio
    L'attuale vescovo è stato iù volte fortemente contestato da fedeli e dagli sessi sacerdoti per le sue posizioni rigide, sopratutto in materia di omosessualità.
    Eh figurarsi! Se tocchi un certo argomento attualmente puoi giusto considerarti mediaticamente morto, parte subito un attacco da tutti i fronti, pure da quei "cattolici" che preferirebbero bestemmiare piuttosto che dire le cose come stanno. Che tempi...

  8. #28
    Saggio del Forum L'avatar di Laus Deo
    Data Registrazione
    Jan 2008
    Località
    Bologna
    Età
    58
    Messaggi
    2,473
    Veramente a me la frase che evidenzio in neretto
    Citazione Originariamente Scritto da Nathaniel Visualizza Messaggio
    Coira senza vescovo
    Chiesta una pausa di riflessione per la diocesi dopo la partenza di monsignor Huonder

    Il vicario generale della diocesi di Coira, Martin Kopp, chiede di non procedere alla nomina di un nuovo vescovo l'anno prossimo, subito dopo la partenza per motivi d'età di monsignor Vitus Huonder. Per Kopp, è prima necessario ritrovare una certa serenità nel vescovado.

    Il Papa dovrebbe piuttosto "nominare per un certo tempo un amministratore apostolico", afferma il vicario generale dalle colonne di Tages-Anzeiger e Bund.

    Kopp si dice "convinto che la diocesi di Coira non possa continuare come funziona ora". La gestione della Chiesa di Huonder è lontana dalla visione che ne hanno i fedeli nella Svizzera centrale. Se il successore dovesse continuare a rappresentare il corso attuale, "la diocesi è morta".

    http://www.rsi.ch/news/ticino-e-grig...o-8209669.html
    a una prima lettura mi era parsa sostenere che i fedeli apprezzano la gestione della Chiesa di Huonder, mentre il Vicario Generale dice che la realtà è diversa da quella che i fedeli si immaginano; poi, rileggendola, mi rendo conto che si può anche intendere che l'aspettativa dei fedeli è diversa da quella che il Vescovo propone. Ma in ogni caso non mi sembra che l'affermazione brilli per chiarezza e univocità...

    Quanto invece all'affermazione di Marco123 secondo cui
    Citazione Originariamente Scritto da Marco123 Visualizza Messaggio
    Nella diocesi di Coira coesistono opposte tendenze. La parte nord, quella di Zurigo e San Gallo è molto vicina ad istanze progressiste tipiche del nord della Svizzera, mentre la parte grigionese (e italofona) è più conservatrice e segue gli influssi della Chiesa italiana.

    Da tempo Zurigo e San Gallo reclamano la divisione della diocesi.

    Per altro la diocesi soffre una forte crisi di vocazioni; perde il 15% del clero ogni 10 anni. Lo smembramento sostanzialmente creerebbe due microdiocesi.
    mi limito a far notare:
    1) che San Gallo è già Diocesi a sé stante, smembrata da Chur nel 1847;
    2) che, secondo Catholic Hierarchy (mi fido dei dati riportati dal sito, senza aver cercato altre fonti) tra le sei Diocesi svizzere - escludendo le due abbazie territoriali - Chur è quasi la più grande per superficie (appena meno di Basel, mentre tutte le altre sono estese meno della metà di Chur), ed è la seconda per popolazione totale, anche in questo caso dopo Basel, mentre per numero di cattolici è la terza dopo Basel e Lausanne, Genève et Fribourg in quanto quest'ultima ha una maggiore percentuale di cattolici rispetto alla popolazione totale.
    Pertanto, quandanche il cantone di Zurigo (uno dei sette cantoni ricompresi attualmente nella Diocesi di Chur) fosse trasferito dalla Diocesi di Chur a quella di Sankt Gallen, non "creeremmo due microdiocesi" ma Chur resterebbe la seconda per superficie (più del doppio rispetto alla terza, che è Sion), mentre Sankt Gallen crescerebbe rispetto ad oggi del 60% della sua superficie; diverso sarebbe il discorso della popolazione, in quanto il cantone di Zurigo costituisce da solo i quattro quinti della popolazione della Diocesi, e quindi Sankt Gallen diverrebbe la seconda Diocesi della Svizzera per popolazione, mentre Chur resterebbe comunque quarta, mantenendo una popolazione più elevata rispetto a Lugano e Sion. Mi sembra quindi che sarebbe esagerato parlare di "due microdiocesi".

  9. #29
    CierRino
    Data Registrazione
    Apr 2012
    Località
    Italia
    Messaggi
    5,285
    Citazione Originariamente Scritto da Laus Deo Visualizza Messaggio
    ..

    Quanto invece all'affermazione di Marco123 secondo cui

    mi limito a far notare:
    1) che San Gallo è già Diocesi a sé stante, smembrata da Chur nel 1847;
    Varie associazioni cattoliche di San Gallo hanno protestato contro il vescovo di Coira. Il tentativo di staccare Zurigo da Coira è in corso da un secolo e mezzo o forse più. Le diocesi di Coira, Basilea e San Gallo hanno una elevata autonomia nell'eleggere i vescovi. Autonomia che mentre a Basilea e San Gallo viene concretamente esercitata, per Coira è da tempo in discussione. E' una delle ragioni, insieme a quella della tendenza progressista, a far scendere in piazza i cattolici di San Gallo contro il vescovo di Coira.

    Il italiano la diocesi si chiama Coira, come la chiamano tutti i siti svizzeri di lingua italiana. E' corretto chiamarla così, non un è un italianismo.

    http://www.tio.ch/News/Svizzera/Cron...covo-di-Coira/

  10. #30
    CierRino
    Data Registrazione
    Apr 2012
    Località
    Italia
    Messaggi
    5,285
    Circa la portata delle dichiarazioni del vicario sulla "morte della diocesi" ricordo che già per la diocesi di San Gallo il Vaticano dovette accettare una situazione de fatto di secessione della diocesi di San Gallo dall'unione aeque principaliter con quella di Coira. Le tradizioni autonomiste del clero locale rispetto al Vaticano sono molte sentite in Svizzera, come dimostrato dal diritto di elezione delle diocesi di Coira, San Gallo e Basilea.

    Zurigo non reclama l'unione con San Gallo, ma di diventare essa stessa diocesi, con diritto di elezione del vescovo.
    Ultima modifica di Marco123; 24-10-2016 alle 15:27

Tag per Questa Discussione

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
>