Lo Staff del Forum dichiara la propria fedeltà al Magistero. Se, per qualche svista o disattenzione, dovessimo incorrere in qualche errore o inesattezza, accettiamo fin da ora, con filiale ubbidienza, quanto la Santa Chiesa giudica e insegna. Le affermazioni dei singoli forumisti non rappresentano in alcun modo la posizione del forum, e quindi dello Staff, che ospita tutti gli interventi non esplicitamente contrari al Regolamento di CR (dalla Magna Charta). O Maria concepita senza peccato prega per noi che ricorriamo a Te.
Pagina 1 di 15 12311 ... UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 149

Discussione: Cronache dall'Arcidiocesi di Milano. Archivio anno 2009.

  1. #1
    Veterano di CR
    Data Registrazione
    Sep 2007
    Messaggi
    1,298

    Cronache dall'Arcidiocesi di Milano. Archivio anno 2009.

    CRONACHE
    DALL'ARCIDIOCESI DI MILANO

    Anno 2009



    Archivio
    delle cronache
    dall'Arcidiocesi di Milano
    per anno:

    Anno 2009

    Anno 2010

    Anno 2011

    Anno 2012








    L’Arcivescovo di Milano card. Dionigi Tettamanzi



    Annuncia a Natale nella Messa di Mezzanotte


    la costituzione del “Fondo famiglia-lavoro


    per sostenere chi perde l’occupazione




    Perché l’annuncio in questo Natale?

    Il Natale cristiano chiama tutti ad uno slancio rinnovato, ad un supplemento speciale di fraternità e solidarietà.
    Questi tempi sono segnati da una crisi finanziaria ed economica che – secondo gli esperti – non ha ancora manifestato pienamente i suoi effetti destabilizzanti, soprattutto le preoccupanti ricadute sulla società e sulle famiglie.
    Lo scenario che si va delineando impone a tutti una riflessione seria e responsabile.
    Nell’intenso clima spirituale della Messa di Mezzanotte di Natale, a partire dalla meditazione del Vangelo e in una prospettiva anzitutto educativa per le comunità cristiane e per ciascuno dei fedeli della Diocesi, l’Arcivescovo di Milano cardinale Dionigi Tettamanzi ha annunciato la costituzione del “Fondo famiglia-lavoro”, da finalizzare all’aiuto di chi ha perso, sta perdendo o perderà l’occupazione.


    Le motivazioni dell’iniziativa dell’Arcivescovo

    Nell’omelia l’Arcivescovo ha anzitutto posto la domanda sul “perché” di questa crisi di portata mondiale, caratterizzata – a quanto sembra - da una particolare gravità e durata nel tempo.
    Per il cardinale Tettamanzi spetta ai politici, agli economisti, ai tecnici rinvenire le cause delle presente situazione. Ma appare comunque già con sufficiente chiarezza come l’origine dei mali stia a monte dell’economia: la produzione, la distribuzione e l’uso delle risorse, infatti, implica sempre un insopprimibile aspetto etico. Si chiede l’Arcivescovo: «Può dirsi etica un’economia che non mette al centro l’uomo ma il profitto da perseguire ad ogni costo? Quanta responsabilità – delle fatiche del momento presente – ha quella finanza divenuta virtuale, che ha perso di vista l’economia reale centrata sul benessere delle comunità e dei singoli? Non ho dubbi: l’etica – e il primo valore etico è il rispetto della persona in tutte le sue dimensioni – non è un’aggiunta all’economia, ma ne è il fondamento. Sempre quando si calpesta l’uomo sulla breve o lunga distanza a pagarne le gravissime conseguenze sono l’uomo, la società, la natura e l’economia stessa».
    Il cardinale Tettamanzi ha poi confidato le domande che questa situazione fa nascere in lui.
    «In questo Natale, già segnato dalle prime ondate di una grave crisi economica, un interrogativo mi tormenta: io, come Arcivescovo di Milano, cosa posso fare? Noi, come Chiesa ambrosiana, cosa possiamo fare?».
    Una domanda che ciascuno deve fare propria e che tutti deve interrogare.


    Un “la”che dia avvio ad un concerto

    Per l’Arcivescovo di Milano occorre porre un segno, quasi a dare il “la” ad un concerto che deve coinvolgere coralmente tutta la Chiesa ambrosiana e tutti gli uomini di buona volontà.
    « Il pensiero che delle famiglie in parrocchia, un vicino di casa, si possano trovare a vivere queste feste con il timore di perdere il proprio posto di lavoro non può non interrogare ciascuno di noi. C’è uno stile di vita costruito sul consumismo che tutti siamo invitati a cambiare per tornare a una santa sobrietà, segno di giustizia prima ancora che di virtù. C’è una solidarietà umana da ritrovare nei nostri paesi e nelle nostre città per uscire dall’anonimato e dall’isolamento, perché chi vive momenti di difficoltà non si senta abbandonato. C’è una nuova primavera sociale fatta di volontariato, mutuo soccorso, cooperazione da far fiorire perché insieme – ne sono certo -, solo insieme è possibile affrontare e superare le difficoltà che sperimentiamo e che si prospettano».
    Il cardinale Tettamanzi – muovendo da queste premesse - ha chiesto alla Chiesa di Milano di agire. E l’azione dovrà privilegiare chi nei prossimi mesi perderà il lavoro e così non sarà più in grado di mantenere dignitosamente sé e la propria famiglia.
    Certo, la nostra Chiesa ambrosiana – nelle sue istituzioni, parrocchie, associazioni – è da sempre accanto alle persone che soffrono forme di antica e nuova povertà.
    « Rinnovo l’appello alla responsabilità di tutti e di ciascuno affinché il miracolo della solidarietà, possibile dove si vive con autenticità il Vangelo, si ripeta anche in questo momento difficile. Realizziamo, insieme, dei gesti concreti di “solidarietà”. I nuovi e più profondi legami che nascono dall’Eucaristia – celebrata questa notte e quotidianamente –siano le motivazioni più evangeliche e convincenti per sostenere umanamente e spiritualmente chi è o sarà in difficoltà per la perdita del lavoro».
    La solidarietà si alimenta con la sobrietà. E questo stile è proposto a tutti: perché il cuore sia libero dalle ricchezze, per educarci a investire e a spendere per ciò che è necessario e importante e per condividere la nostra umanità e i nostri beni con chi è povero...


    Il “Fondo famiglia-lavoro”

    Concretamente – affinché l’intervento della notte di Natale non resti un generico appello – l’Arcivescovo ha costituito il “Fondo famiglia-lavoro” per sostenere chi è o si troverà nell’indigenza a seguito delle perdita dell’occupazione. La dotazione iniziale (che si chiede e spera di incrementare notevolmente) è di 1 milione di euro.
    Una somma che il cardinale Tettamanzi ha stanziato attingendo dall’otto per mille destinato per opere di carità, dalle offerte che gli sono pervenute in questi giorni “per la carità dell’Arcivescovo”, da scelte di sobrietà della diocesi e sue personali.
    Come già detto, la preoccupazione dell’Arcivescovo è anzitutto educativa. Per questo ha anzitutto chiesto a «tutte le comunità cristiane della diocesi di riflettere sulle conseguenze della crisi economica, di prestare particolare attenzione alle famiglie in difficoltà a causa del lavoro, di aderire con generosità a questo fondo».
    Anche a livello locale occorrerà poi concretizzare la riflessione aderendo al fondo. Sarà compito insieme dei sacerdoti e dei laici – attraverso i consigli pastorali, per gli affari economici e gli altri organismi competenti – operare un serio discernimento e decidere come parteciparvi (rimandare spese non urgenti o secondarie, destinare una percentuale del bilancio parrocchiale, intraprendere coraggiose scelte di sobrietà…).
    E sottolineando – ancora una volta – la centralità dell’aspetto educativo l’Arcivescovo ha raccomandato alle parrocchie di creare momenti di coinvolgimento dei singoli fedeli, delle famiglie e di tutte le persone di buona volontà nella riflessione sulla sobrietà e in questa gara di solidarietà.


    La sensibilizzazione locale

    All’avvio e alla presentazione dell’operazione avvenuta nella Messa di Mezzanotte del 25 dicembre segue ora la fase di sensibilizzazione nel territorio raccomandata dall’Arcivescovo.
    Una riflessione che sarà sostenuta anzitutto dalle tante competenze delle quali le parrocchie sono ricche: le Caritas, le ACLI e tanti singoli fedeli sono in grado di riflettere sulle ricadute locali della crisi globale, di rinnovare l’appello alla solidarietà e di proporre – alla comunità cristiana e ai singoli - lo stile della sobrietà.
    La comunicazione diocesana (www.chiesadimilano.it, il settimanale Avvenire-Milano7, Radio Marconi, il mensile “Il Segno”, il magazine televisivo trasmesso da telenova “La Chiesa nella Città”) sta già offrendo - e continuerà a farlo - degli strumenti per accompagnare questa riflessione.
    Al tempo stesso, in questa prima fase, la Caritas Ambrosiana e le ACLI stanno studiando le forme più adatte, a partire dalla loro esperienza, per la gestione e l’utilizzo di questo fondo.


    Le modalità di gestione del fondo

    La primaria finalità di questo fondo è di fornire una concreta risposta in termini economici alle famiglie che si trovino costrette a fronteggiare le conseguenze finanziarie della perdita di lavoro di un proprio componente e non risultino protette da altri ammortizzatori e/o tutele sociali.
    La modalità scelta è quella di fornire un assegno a parziale integrazione del mancato reddito da lavoro.
    Caritas Ambrosiana ed ACLI saranno chiamate a concorrere sinergicamente alla realizzazione di questa meritoria iniziativa valorizzando la propria capillare presenza sul territorio e le proprie vocazioni istituzionali (capacità di ascolto ed accoglienza per Caritas, erogazione di servizi alle famiglie ed ai lavoratori per ACLI e lettura dei bisogni sociali per entrambe).
    La distribuzione dei fondi non avverrà infatti da subito e non sarà “a pioggia”. Oltre a perdere l’efficacia dell’aiuto che si vuole portare, un simile metodo impedisce di raggiungere adeguatamente chi – tra tutte le persone provate dalla perdita del lavoro – è in situazione di più grave difficoltà.


    Il coinvolgimento del territorio

    Punto di forza del progetto è il coinvolgimento attivo del territorio e la costruzione di reti di solidarietà.
    Solo se le parrocchie e le associazioni saranno attente e vigili si potrà raggiungere chi è in grave difficoltà. Solo se “dal basso” si rinnovano e creano reti solidali si potrà andare oltre la logica dell’assistenzialismo, del contributo a fondo perso.
    I 74 decanati in cui la Diocesi è suddivisa, le Caritas e ed i circoli ACLI saranno chiamati alla ricognizione e alla rilevazione puntuale dei bisogni sociali cui far fronte e quindi a stendere la formale richiesta di contributo nella forma di un progetto di sostegno per un determinato numero di nuclei familiari.
    A livello centrale Caritas Ambrosiana e ACLI verificheranno la pertinenza e la solidità dei progetti ed erogheranno il fondo richiesto.
    Saranno poi gli stessi enti locali richiedenti a distribuirlo alle persone in difficoltà, agendo con la massima discrezione.
    Un simile procedimento consentirà alla Chiesa ambrosiana di conoscere e di affrontare le dinamiche socio-economiche con puntualità, efficacia ed efficienza, valorizzando le potenzialità di presenza ed azione sociale sul territorio con modalità nuove e concrete.
    Applicando le indicazioni del cardinale Tettamanzi si giungerà così a promuovere le progettualità sociali locali mediante un processo di delega assistita, responsabilizzando e facendo crescere le competenze già presenti nelle parrocchie e sul territorio.
    Fondamentale, per la buona riuscita del progetto, sarà la capacità di attivare localmente altre persone per realizzare ulteriori iniziative di sostegno familiare, coinvolgendo anche le stesse persone assistite.
    Con questo modo di agire ci si proporrà anche ad altri attori sul territorio per attrarre ulteriori forze e risorse.



    Milano, 25 Dicembre 2008




    Scheda a cura di:


    Ufficio Comunicazioni sociali, Diocesi di Milano
    Ultima modifica di Raffaele; 01-08-2011 alle 17:19 Motivo: aggiornamento

  2. #2
    Iscritto L'avatar di Diesirae
    Data Registrazione
    Aug 2008
    Località
    Tunisia
    Età
    71
    Messaggi
    422
    Un grazie all'Arcivescovo e a tutta la Diocesi di Milano!
    Grazie per il coraggio, l'umiltà, la cristianità e la semplicità di questo gesto.
    Grazie per aver scelto quello che ogni cristiano sentiva di dover scegliere.
    Grazie per averci donato l'orgoglio di essere cristiani.
    Grazie per averci indicato la strada da seguire.
    Grazie per aver testimoniato la civiltà cristiana fondata sull'amore, sulla condivisione, sulla solidarietà.
    Grazie per averci ricordato che senza la carità a nulla valgono la fede e la speranza.
    Ultima modifica di Diesirae; 25-12-2008 alle 17:06

  3. #3
    Saggio del Forum
    Data Registrazione
    Nov 2007
    Località
    senna comasco
    Età
    57
    Messaggi
    1,778
    Addio soldi per l'oratorio nuovo...
    A parte le battute, si tratta di un'iniziativa più che lodevole, che apprezzo ancora di più perché mi sembra andare nell'ottica della sussidiarietà, chiedendo il coivolgimento di tanti enti e istituzioni ecclesiali.

  4. #4
    Gran CierRino
    Data Registrazione
    May 2007
    Località
    Napoli
    Età
    45
    Messaggi
    9,263
    Il Cardinal Tettamanzi è un grande.

  5. #5
    Iscritto L'avatar di Mons.Salvator
    Data Registrazione
    May 2008
    Località
    Castel Frentano
    Età
    33
    Messaggi
    159
    Iddio benedica il grande Arcivescovo Tettamanzi per tutto quello che fa di bene per isuoi fedeli e non !

  6. #6
    Iscritto
    Data Registrazione
    Jul 2008
    Località
    In Lombardia
    Età
    32
    Messaggi
    163
    Che dire......grazie al grande cuore del cardinal Tettamanzi, aiutiamo chi è in difficoltà !

  7. #7
    Iscritto L'avatar di Giovanni Buono
    Data Registrazione
    Jan 2007
    Località
    Arcidiocesi Ambrosiana
    Età
    40
    Messaggi
    175
    Ringrazio di cuore il mio arcivescovo per questo gesto per nulla ovvio e scontato, che credo da un esempio di sobrietà personale ed ecclesiale e di attenzione agli ultimi non da poco.
    Credo che questo gesto contribuisca a spegnere le critiche in bocca a chi taccia la chiesa di lontananza dalla gente e di bearsi nelle ricchezze.
    Un gesto che rende concreto qui e ora l'amore di Cristo per le genti.
    Grazie Cardinale di questo segno di luce!

    Buon Natale a tutti!

    GB

  8. #8
    Iscritto
    Data Registrazione
    Sep 2007
    Località
    milano
    Età
    42
    Messaggi
    125
    Davvero un bel gesto del mio vescovo.

    Altro che la Chiesa che è legata ai soldi e altre balle anticlericali !!!

    Una magnifica iniziativa per quello che probabilmente sarà il suo ultimo Natale da vescovo di Milano.

  9. #9
    Moderatore Globale L'avatar di Vox Populi
    Data Registrazione
    Apr 2006
    Località
    casa mia
    Messaggi
    60,948
    piccolo ot : ieri sera al TG5 hanno parlato dell'istituzione del fondo, facendo vedere un filmato che hanno spacciato per "Messa di mezzanotte": peccato che l'Arcivescovo e i concelebranti fossero tutti in viola (probabilmente erano le immagini della Messa della I domenica di Avvento per l'entrata in vigore del nuovo lezionario)
    «Sicut dilexi vos, ut et vos diligatis invicem».
    (Io. 13,34)

  10. #10
    Collaboratore di "Dottrina della Fede" e Saggio del Forum. L'avatar di Fidei Depositum
    Data Registrazione
    Nov 2006
    Località
    Regio dissimilitudinis
    Messaggi
    5,745
    Citazione Originariamente Scritto da Vox Populi Visualizza Messaggio
    piccolo ot : ieri sera al TG5 hanno parlato dell'istituzione del fondo, facendo vedere un filmato che hanno spacciato per "Messa di mezzanotte": peccato che l'Arcivescovo e i concelebranti fossero tutti in viola (probabilmente erano le immagini della Messa della I domenica di Avvento per l'entrata in vigore del nuovo lezionario)
    Ah ecco: le stesse immagini le avevano mandate anche all'edizione delle 13. E io mi chiedevo: vabbé che io non conosco il rito ambrosiano e passi che gli ambrosiani sono liturgicamente un po' strani (scherzo ), ma il colore viola a Natale? Mi sembrava un pochettino strano.

Tag per Questa Discussione

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
>