Lo Staff del Forum dichiara la propria fedeltà al Magistero. Se, per qualche svista o disattenzione, dovessimo incorrere in qualche errore o inesattezza, accettiamo fin da ora, con filiale ubbidienza, quanto la Santa Chiesa giudica e insegna. Le affermazioni dei singoli forumisti non rappresentano in alcun modo la posizione del forum, e quindi dello Staff, che ospita tutti gli interventi non esplicitamente contrari al Regolamento di CR (dalla Magna Charta). O Maria concepita senza peccato prega per noi che ricorriamo a Te.
Pagina 11 di 12 PrimaPrima ... 9101112 UltimaUltima
Risultati da 101 a 110 di 112

Discussione: Notizie sugli Ordinariati eretti a norma della Cost. Ap. «Anglicanorum Coetibus»

  1. #101
    Phantom
    visitatore
    Secondo me intendeva riferirsi a coloro che sono cattolici da sempre e che non provengono dal protestantesimo.

  2. #102
    Moderatore Globale L'avatar di Ambrosiano
    Data Registrazione
    May 2006
    Località
    Milano
    Messaggi
    12,210
    Citazione Originariamente Scritto da Phantom Visualizza Messaggio
    Secondo me intendeva riferirsi a coloro che sono cattolici da sempre e che non provengono dal protestantesimo.
    Ma scusa, è stato appena detto che quella parrocchia è stata fondata da ex-anglicani convertiti negli anni '80 !

    A quei tempi era sensato porre la parrocchia alle dipendenze del vescovo locale.
    Ma con la nascita dell'Ordinariato, mi parrebbe anche più sensato porla sotto l'Ordinariato, che altrimenti non si capisce cosa ci stia a fare!

  3. #103
    Phantom
    visitatore
    Citazione Originariamente Scritto da Ambrosiano Visualizza Messaggio
    A quei tempi era sensato porre la parrocchia alle dipendenze del vescovo locale.
    Ma con la nascita dell'Ordinariato, mi parrebbe anche più sensato porla sotto l'Ordinariato, che altrimenti non si capisce cosa ci stia a fare!
    Concordo in pieno.

  4. #104
    CierRino
    Data Registrazione
    Apr 2012
    Località
    Italia
    Messaggi
    5,620
    Gli ordinariati sono falliti. Tutti messi insieme non arrivano a 150 sacerdoti, in gran parte anziani. Essendo quasi tutti coniugati faticano a trovarsi vescovi idonei.

  5. #105
    Phantom
    visitatore
    Citazione Originariamente Scritto da Marco123 Visualizza Messaggio
    Gli ordinariati sono falliti. Tutti messi insieme non arrivano a 150 sacerdoti, in gran parte anziani. Essendo quasi tutti coniugati faticano a trovarsi vescovi idonei.
    Ecco perché per quello in USA hanno messo un vescovo proveniente dalla Chiesa cattolica.

  6. #106
    Moderatore Globale L'avatar di Vox Populi
    Data Registrazione
    Apr 2006
    Località
    casa mia
    Messaggi
    62,992
    Segnalo anche qui:

    Citazione Originariamente Scritto da Nathaniel Visualizza Messaggio
    Rinuncia dell’Ordinario Personale di Our Lady of the Southern Cross (Australia) e nomina del nuovo Ordinario Personale

    Il Santo Padre Francesco ha accettato la rinuncia al governo pastorale dell’Ordinario Personale di Our Lady of the Southern Cross (Australia), presentata dal Rev.do Mons. Harry Entwistle e ha nominato Ordinario del suddetto Ordinariato Personale il Rev.do Carl Reid, finora Decano di tutte le parrocchie canadesi dell’Ordinariato Personale The Chair of Saint Peter (U.S.A.) e parroco di una comunità del medesimo Ordinariato nella British Columbia in Canada.

    Rev.do Carl Reid

    Il Rev.do Carl Reid, nato il 14 dicembre 1950, è stato battezzato il 14 agosto 1951 nella Anglican Church in Canada. Si è laureato in Ingegneria presso la Queen’s University, di Kingston, Ontario nel 1973. La sua formazione teologica è avvenuta attraverso il St. Bede’s Online Theological College e ha conseguito un Master of Divinity degree. Nel 2006, gli è stato conferito il titolo di Doctor of Divinity honoris causa. È stato ordinato diacono nella Anglican Church in Canada nel 1988 e ministro nella stessa giurisdizione il 23 giugno 1990. È stato ordinato vescovo suffraganeo per la stessa comunione il 27 gennaio 2007. Dopo essere stato ricevuto nella piena comunione della Chiesa Cattolica, il Rev. Carl Reid è stato ordinato sacerdote il 26 gennaio 2013 dell’Ordinariato Personale The Chair of Saint Peter.

    [...]

    Sala stampa Santa Sede

    Lumen ad revelationem gentium
    et gloriam plebis tuae Israel.
    (Luc. 2, 32)

  7. #107
    Moderatore Globale L'avatar di Vox Populi
    Data Registrazione
    Apr 2006
    Località
    casa mia
    Messaggi
    62,992
    Norme Complementari alla Costituzione Apostolica “Anglicanorum coetibus” della Congregazione per la Dottrina della Fede, 09.04.2019


    CONGREGAZIONE PER LA DOTTRINA DELLA FEDE

    Norme Complementari alla Costituzione Apostolica Anglicanorum coetibus


    Dipendenza dalla Santa Sede


    Articolo 1


    Ciascun Ordinariato dipende dalla Congregazione per la Dottrina della Fede e mantiene stretti rapporti con gli altri Dicasteri Romani a seconda della loro competenza.


    Rapporti con le Conferenze Episcopali e i Vescovi diocesani

    Articolo 2


    § 1. L’Ordinario segue le direttive della Conferenza Episcopale nazionale in quanto compatibili con le norme contenute nella Costituzione Apostolica Anglicanorum coetibus.

    § 2. L’Ordinario è membro della rispettiva Conferenza Episcopale.

    Articolo 3

    L’Ordinario, nell’esercizio del suo ufficio, deve mantenere stretti legami di comunione con il Vescovo della Diocesi in cui l’Ordinariato è presente per coordinare la sua azione pastorale con il piano pastorale della Diocesi.


    L’Ordinario

    Articolo 4


    § 1. L’Ordinario può essere un vescovo o un presbitero nominato dal Romano Pontefice ad nutum Sanctae Sedis, in base ad una terna presentata dal Consiglio di governo. Per lui si applicano i cann. 383-388, 392-394, e 396-398 del Codice di Diritto Canonico.

    §2. L’Ordinario ha la facoltà di incardinare nell’Ordinariato i ministri anglicani entrati in piena comunione con la Chiesa Cattolica; in particolare coloro che sono già incardinati in una diocesi in virtù della Pastoral Provision e i candidati appartenenti all’Ordinariato da lui promossi agli Ordini Sacri. I chierici che stanno per essere incardinati nell’ Ordinariato devono essere scardinati dalla loro diocesi di origine.

    § 3. Sentita la Conferenza Episcopale e ottenuto il consenso del Consiglio di governo e l’approvazione della Santa Sede, l’Ordinario, se ne vede la necessità, può erigere decanati territoriali, sotto la guida di un delegato dell’Ordinario e comprendenti i fedeli di più parrocchie personali.


    I fedeli dell’Ordinariato

    Articolo 5


    § 1. I fedeli laici provenienti dall’Anglicanesimo che desiderano appartenere all’Ordinariato, dopo aver fatto la Professione di fede e, tenuto conto del can. 845, aver ricevuto i Sacramenti dell’Iniziazione, debbono essere iscritti in un apposito registro dell’Ordinariato. Coloro che hanno ricevuto tutti i Sacramenti dell’Iniziazione fuori dall’Ordinariato non possono ordinariamente essere ammessi come membri, a meno che siano congiunti di una famiglia appartenente all’Ordinariato.

    § 2. Coloro che sono stati battezzati nella Chiesa Cattolica, ma non hanno ricevuto gli altri Sacramenti dell’Iniziazione, e poi, tramite la missione evangelizzatrice dell’Ordinariato, riprendono la prassi della fede, possono essere ammessi come membri dell’Ordinariato e ricevere il Sacramento della Cresima o il Sacramento della Eucaristia oppure entrambi1.

    §3. Una persona che è stata battezzata validamente in un'altra comunità ecclesiale al di fuori della Chiesa Cattolica, e successivamente esprime la volontà di entrare in piena comunione con la Chiesa Cattolica, a seguito della missione evangelizzante dell’Ordinariato, può essere ammessa all’appartenenza nell’Ordinariato dal momento in cui essa entra nella piena comunione e riceve i sacramenti della Cresima e dell’Eucaristia. Inoltre, ciò è valido anche per coloro che non sono validamente battezzati, ma che sono venuti alla fede attraverso la missione evangelizzante dell’Ordinariato e, dunque, possono cosí ricevere in essa tutti i sacramenti dell’iniziazione.

    §4. I fedeli laici e i membri degli Istituti di Vita Consacrata e di Società di Vita Apostolica, quando collaborano in attività pastorali o caritative, diocesane o parrocchiali, dipendono dal Vescovo diocesano o dal parroco del luogo, per cui in questo caso la potestà di questi ultimi è esercitata in modo congiunto con quella dell’Ordinario e del parroco dell’Ordinariato.


    Il clero

    Articolo 6


    § 1. L’Ordinario, per ammettere candidati agli Ordini Sacri deve ottenere il consenso del Consiglio di governo. In considerazione della tradizione ed esperienza ecclesiale anglicana, l’Ordinario può presentare al Santo Padre la richiesta di ammissione di uomini sposati all’ordinazione presbiterale nell’Ordinariato, dopo un processo di discernimento basato su criteri oggettivi e le necessità dell’Ordinariato. Tali criteri oggettivi sono determinati dall’Ordinario, dopo aver consultato la Conferenza Episcopale locale, e debbono essere approvati dalla Santa Sede.

    § 2. Coloro che erano stati ordinati nella Chiesa Cattolica e in seguito hanno aderito alla Comunione Anglicana, non possono essere ammessi all’esercizio del ministero sacro nell’Ordinariato. I chierici anglicani che si trovano in situazioni matrimoniali irregolari non possono essere ammessi agli Ordini Sacri nell’Ordinariato.

    § 3. I presbiteri incardinati nell’Ordinariato ricevono le necessarie facoltà dall’Ordinario.

    Articolo 7

    § 1 L’Ordinario deve assicurare un’adeguata remunerazione ai chierici incardinati nell’Ordinariato e provvedere alla previdenza sociale per sovvenire alle loro necessità in caso di malattia, di invalidità o vecchiaia.

    § 2. L’Ordinario potrà convenire con la Conferenza Episcopale eventuali risorse o fondi disponibili per il sostentamento del clero dell’Ordinariato.

    § 3. In caso di necessità, i presbiteri, con il permesso dell’Ordinario, potranno esercitare una professione secolare, compatibile con l’esercizio del ministero sacerdotale (cf. CIC, can. 286).

    Articolo 8

    § 1. I presbiteri, pur costituendo il presbiterio dell’Ordinariato, possono essere eletti membri del Consiglio Presbiterale della Diocesi nel cui territorio esercitano la cura pastorale dei fedeli dell’Ordinariato (cf. CIC, can. 498, § 2).

    § 2. I presbiteri e i diaconi incardinati nell’Ordinariato possono essere, secondo il modo determinato dal Vescovo diocesano, membri del Consiglio Pastorale della Diocesi nel cui territorio esercitano il loro ministero (cf. CIC, can. 512, § 1).

    Articolo 9

    § 1. I chierici incardinati nell’Ordinariato devono essere disponibili a prestare aiuto alla Diocesi in cui hanno il domicilio o il quasi-domicilio, dovunque sia ritenuto opportuno per la cura pastorale dei fedeli. In questo caso dipendono dal Vescovo diocesano per quello che riguarda l’incarico pastorale o l’ufficio che ricevono.

    § 2. Dove e quando sia ritenuto opportuno, i chierici incardinati in una Diocesi o in un Istituto di Vita Consacrata o in una Società di Vita Apostolica, col consenso scritto rispettivamente del loro Vescovo diocesano o del loro Superiore, possono collaborare alla cura pastorale dell’Ordinariato. In questo caso dipendono dall’Ordinario per quello che riguarda l’incarico pastorale o l’ufficio che ricevono.

    § 3. Nei casi previsti nei paragrafi precedenti deve intervenire una convenzione scritta tra l’Ordinario e il Vescovo diocesano o il Superiore dell’Istituto di Vita Consacrata o il Moderatore della Società di Vita Apostolica, in cui siano chiaramente stabiliti i termini della collaborazione e tutto ciò che riguarda il sostentamento.

    Articolo 10

    § 1. La formazione del clero dell’Ordinariato deve raggiungere due obiettivi: 1) una formazione congiunta con i seminaristi diocesani secondo le circostanze locali; 2) una formazione, in piena armonia con la tradizione cattolica, in quegli aspetti del patrimonio anglicano di particolare valore.

    §2. I seminaristi dell’Ordinariato riceveranno la loro formazione teologica con gli altri seminaristi in un Seminario o in una Facoltà teologica, in accordo con il Vescovo diocesano o i Vescovi interessati. I candidati possono ricevere una particolare formazione sacerdotale.

    § 3. L’Ordinariato deve avere una sua Ratio institutionis sacerdotalis, approvata dalla Santa Sede; ogni casa di formazione dovrà redigere un proprio Regolamento, approvato dall’Ordinario (cf. CIC, can. 242, §1).

    § 4. L’Ordinario può accettare come seminaristi solo i fedeli che fanno parte di una parrocchia personale o di una comunità dell’Ordinariato come puro coloro che provengono dall’Anglicanesimo e hanno ristabilito la piena comunione con la Chiesa Cattolica.

    §5. L’Ordinariato cura la formazione permanente dei suoi chierici, partecipando ai programmi locali predisposti dalla Conferenza Episcopale e dal Vescovo diocesano, cosí come nei loro programmi di formazione permanente.


    I Vescovi già anglicani

    Articolo 11


    § 1. Un Vescovo già anglicano e coniugato è eleggibile per essere nominato Ordinario. In tal caso è ordinato presbitero nella Chiesa cattolica ed esercita nell’Ordinariato il ministero pastorale e sacramentale con piena autorità giurisdizionale.

    § 2. Un Vescovo già anglicano che appartiene all’Ordinariato può essere chiamato ad assistere l’Ordinario nell’amministrazione dell’Ordinariato.

    § 3. Un Vescovo già anglicano che appartiene all’Ordinariato può essere invitato a partecipare agli incontri della Conferenza dei Vescovi del rispettivo territorio, nello stesso modo di un vescovo emerito.

    § 4. Un Vescovo già anglicano che appartiene all’Ordinariato e che non è stato ordinato vescovo nella Chiesa Cattolica, può chiedere alla Santa Sede il permesso di usare le insegne episcopali.


    Il Consiglio di governo

    Articolo 12


    § 1. Il Consiglio di governo, in accordo con gli Statuti approvati dall’Ordinario, ha i diritti e le competenze che secondo il Codice di Diritto Canonico sono propri del Consiglio Presbiterale e del Collegio dei Consultori.

    § 2. Oltre tali competenze, l’Ordinario ha bisogno del consenso del Consiglio di governo per:

    a. ammettere un candidato agli Ordini Sacri;

    b. erigere o sopprimere una parrocchia personale;

    c. erigere o sopprimere una casa di formazione;

    d. approvare un programma formativo.

    § 3. L’Ordinario deve inoltre sentire il parere del Consiglio di governo circa gli indirizzi pastorali dell’Ordinariato e i principi ispiratori della formazione dei chierici.

    § 4. Il Consiglio di governo ha voto deliberativo:

    a. per formare la terna di nomi da inviare alla Santa Sede per la nomina dell’Ordinario;

    b. nell’elaborare le proposte di cambiamento delle Norme Complementari dell’Ordinariato da presentare alla Santa Sede;

    c. nella redazione degli Statuti del Consiglio di governo, degli Statuti del Consiglio Pastorale e del Regolamento delle case di formazione.

    § 5. Il Consiglio di governo è composto secondo gli Statuti del Consiglio. La metà dei membri è eletta dai presbiteri dell’Ordinariato.


    Il Consiglio Pastorale

    Articolo 13


    § 1. Il Consiglio Pastorale, istituito dall’Ordinario, esprime il suo parere circa l’attività pastorale dell’Ordinariato.

    § 2. Il Consiglio Pastorale, presieduto dall’Ordinario, è retto dagli Statuti approvati dall’Ordinario.


    Le parrocchie personali

    Articolo 14


    § 1. Il parroco può essere assistito nella cura pastorale della parrocchia da un vicario parrocchiale, nominato dall’Ordinario; nella parrocchia dev’essere costituito un Consiglio pastorale e un Consiglio per gli affari economici.

    § 2. Se non c’è un vicario, in caso di assenza, d’impedimento o di morte del parroco, il parroco del territorio in cui si trova la chiesa della parrocchia personale, può esercitare, se necessario, le sue facoltà di parroco in modo suppletivo.

    § 3. Per la cura pastorale dei fedeli che si trovano nel territorio di Diocesi in cui non è stata eretta una parrocchia personale, sentito il parere del Vescovo diocesano, l’Ordinario può provvedere con una quasi-parrocchia (cf. CIC, can. 516, § 1).


    La Celebrazione del Culto Divino

    Articolo 15


    §1 Divine Worship, la forma liturgica approvata dalla Santa Sede ad uso per l’Ordinariato, dà espressione e preserva il culto cattolico e il degno patrimonio liturgico anglicano, inteso come ciò che ha alimentato la fede cattolica in tutta la storia della tradizione anglicana e ha spinto le aspirazioni verso l’unità ecclesiale.

    §2 La celebrazione liturgica pubblica secondo Divine Worship è limitata agli Ordinariati Personali stabiliti con la Costituzione Apostolica Anglicanorum coetibus. Qualsiasi prete incardinato nell’ Ordinariato può celebrare secondo Divine Worship al di fuori delle parrochie dell’ Ordinariato quando celebra la Santa Messa senza la partecipazione dei fedeli, e pubblicamente con il permesso del Rettore/Parroco della chiesa oppure della parrocchia coinvolta.

    §3 Nei casi di necessità pastorale oppure in assenza di un prete incardinato in un Ordinariato, se richiesto, qualsiasi prete incardinato nella diocesi oppure in un Istituto di Vita Consacrata o di una Società di Vita Apostolica può celebrare secondo Divine Worship per i membri dell’Ordinariato. Qualsiasi prete incardinato nella diocesi oppure in un Istituto di Vita Consacrata o in una Società di Vita Apostolica può concelebrare secondo Divine Worship.

    Il Sommo Pontefice Francesco, nell’Udienza concessa l’8 marzo 2019, al sottoscritto Cardinale Prefetto della Congregazione per la Dottrina della Fede, ha approvato questa versione riveduta delle Norme Complementari, decisa nella Sessione Plenaria di questo Dicastero.

    Dato a Roma, dalla Sede della Congregazione per la Dottrina della Fede, il 19 marzo 2019, Solennità di San Giuseppe, Sposo della B.V. Maria, Patrona della Chiesa Universale.


    Luis F. Card. LADARIA, S.I.

    Prefetto

    + Giacomo MORANDI

    Arcivescovo tit. di Cerveteri

    Segretario

    ___________________

    1Questo paragrafo è stato aggiunto al testo delle Norme Complementari a seguito di una decisione della Sessione Ordinaria del 29 maggio 2013, approvata da Papa Francesco in data 31 maggio 2013.

    [00607-IT.01] [Testo originale: Italiano]

    (...)


    fonte: Sala Stampa della Santa Sede

  8. #108
    Saggio del Forum
    Data Registrazione
    Sep 2007
    Località
    Arcidiocesi di Milano
    Messaggi
    10,637
    Un aggiornamento necessario


    La Costituzione apostolica Anglicanorum coetibus circa l’istituzione di ordinariati personali per anglicani che entrano nella piena comunione con la Chiesa cattolica — firmata da Benedetto XVI il 4 novembre 2009 — andava incontro alle richieste di alcuni gruppi anglicani che domandavano di essere accolti, anche corporativamente, nella piena comunione cattolica. Recependo queste istanze, il Pontefice, che «dal Signore Gesù ha il mandato di garantire l’unità dell’episcopato e di presiedere e tutelare la comunione universale di tutte le Chiese», non poteva non predisporre i mezzi perché il desiderio di quei gruppi venisse realizzato.

    Con la Anglicanorum coetibus si provvedeva a una normativa generale che regolasse l’istituzione e la vita di Ordinariati personali per quei fedeli anglicani che desideravano entrare corporativamente in piena comunione con la Chiesa cattolica. Tale normativa era integrata da Norme complementari emanate dalla Sede Apostolica. Attualmente, esistono tre Ordinariati: Nostra Signora di Walsingham in Inghilterra, Cattedra di San Pietro negli Stati Uniti d’America e Nostra Signora della Croce del Sud in Australia.

    A distanza di dieci anni dalla promulgazione della Costituzione apostolica, Papa Francesco ha provveduto ad approvare, nell’udienza concessa l’8 marzo 2019, la versione riveduta delle Norme complementari, decise dalla Congregazione per la dottrina della fede, a firma del prefetto, il cardinale Luis Francisco Ladaria Ferrer, e del segretario, l’arcivescovo Giacomo Morandi. Si tratta, in pratica, di un aggiornamento resosi necessario dopo un rodaggio temporale, quasi una sorta di “tagliando”. Sono stati accolti alcuni suggerimenti e alcune indicazioni teologiche, di diritto canonico ed ecumeniche, per rendere più consona allo spirito della Costituzione apostolica l’applicazione delle norme. L’esperienza maturata in questi dieci anni — sulla quale farà il punto un convegno internazionale che si svolgerà alla Pontificia Università Gregoriana nel prossimo mese di novembre — ha permesso di focalizzare l’attenzione su certi aspetti in modo da rendere la loro attuazione più fedele, inserendo nel testo anche nuovi paragrafi.

    Per scendere nel dettaglio, all’articolo 4, dove si fa riferimento all’Ordinario che ha la facoltà di incardinare nell’Ordinariato i ministri anglicani entrati nella piena comunione con la Chiesa cattolica, è stato aggiunto nelle Norme complementari riviste il riferimento particolare a «coloro che sono già incardinati in una diocesi in virtù della Pastoral Provision e i candidati appartenenti all’Ordinariato da lui promossi agli Ordini Sacri». Inoltre, i chierici che «stanno per essere incardinati nell’Ordinariato devono essere scardinati dalla loro diocesi di origine». Va ricordato che la Pastoral Provision è stata creata nel 1980 negli Stati Uniti d’America per ricevere gli ex preti anglicani sposati nel ministero ordinato cattolico.

    Riguardo ai fedeli dell’Ordinariato, di cui si tratta all’articolo 5, le nuove Norme complementari specificano il caso di una persona che è stata battezzata validamente in un’altra comunità ecclesiale al di fuori della Chiesa cattolica. Quando questa esprime la volontà di entrare in piena comunione con la Chiesa cattolica, grazie agli sforzi e alla missione evangelizzante dell’Ordinariato, potrà venire ammessa e appartenere all’Ordinariato nel momento in cui «entra nella piena comunione e riceve i sacramenti della Cresima e dell’Eucaristia». Inoltre, viene sottolineato che ciò si applica anche a quanti non sono validamente battezzati, ma sempre grazie all’azione evangelizzatrice dell’Ordinariato hanno scoperto la fede in modo da ricevere tutti i sacramenti dell’iniziazione.

    Una novità viene introdotta nell’articolo 10 che si occupa del clero. Nel precedente paragrafo 2 si specificava che i candidati al sacerdozio potevano ricevere una particolare formazione sacerdotale «secondo un programma specifico nello stesso seminario o in una casa di formazione appositamente eretta, col consenso del Consiglio di governo, per la trasmissione del patrimonio anglicano». Nelle nuove Norme complementari allo stesso paragrafo 2 si menzionano i seminaristi dell’Ordinariato, i quali riceveranno la loro formazione teologica con gli altri seminaristi in un «Seminario o in una Facoltà teologica, in accordo con il Vescovo diocesano o i Vescovi interessati». Aggiungendo semplicemente che tali candidati «possono ricevere una particolare formazione sacerdotale», si semplifica la norma e la si rende più adatta alle esigenze attuali. Sempre nell’articolo 10 che riguarda il clero, al paragrafo 5 è stato aggiunto che l’Ordinariato, nell’ottica della formazione permanente dei suoi chierici, promuoverà la partecipazione non solo agli incontri locali organizzati dalla Conferenza episcopale e dal vescovo diocesano, ma anche ai loro programmi di formazione permanente.

    Nelle nuove Norme complementari è stato inserito un intero articolo, il 15, dedicato alla celebrazione del Culto Divino. Viene riconosciuto che il Messale proprio degli Ordinariati personali, chiamato Divine Worship, cioè la forma approvata dalla Santa Sede ad uso dell’Ordinariato, esprime e preserva il culto cattolico e «il degno patrimonio liturgico anglicano, inteso come ciò che ha alimentato la fede cattolica in tutta la storia della tradizione anglicana e ha spinto le aspirazioni verso l’unità ecclesiale».

    Da qui, la sottolineatura che la celebrazione liturgica pubblica secondo Divine Worship è «limitata agli Ordinariati Personali» stabiliti con la Costituzione apostolica Anglicanorum coetibus. Viene autorizzato qualsiasi prete incardinato nell’Ordinariato a celebrare secondo Divine Worship. Ciò vale al di fuori delle parrocchie dell’Ordinariato quando il sacerdote celebra la Messa senza la partecipazione dei fedeli, e anche pubblicamente con il permesso del rettore/parroco della chiesa oppure della parrocchia coinvolta. Inoltre, quando le necessità pastorali lo richiedano, oppure in assenza di un prete incardinato in un Ordinariato, se viene richiesto, qualsiasi prete incardinato nella diocesi oppure in un istituto di vita consacrata o in una società di vita apostolica può celebrare secondo Divine Worship per i membri dell’Ordinariato. Infine, viene concesso a qualsiasi prete incardinato nella diocesi oppure in un istituto di vita consacrata o in una società di vita apostolica di concelebrare secondo Divine Worship.

    di Nicola Gori

    http://www.osservatoreromano.va/it/n...nto-necessario

  9. #109
    Veterano di CR L'avatar di Lollo
    Data Registrazione
    Aug 2018
    Località
    Caravaggio (Bg)
    Età
    21
    Messaggi
    1,477
    Segnalo anche qui: https://catholicherald.co.uk/cardina...ic-priesthood/ Il 12 marzo il cardinal Nichols ha ordinato sacerdote Jonathan Goodall, già “vescovo” anglicano di Ebbsfleet. Oltre a father Jonathan, l’anno scorso altri tre “vescovi” anglicani sono stati ammessi nella Chiesa Cattolica: Michael Nazir-Ali, ordinato sacerdote dallo stesso cardinal Nichols a ottobre; John Goddard, che verrà ordinato presbitero a Liverpool in aprile; Peter Foster, ricevuto nella Chiesa nello scorso ottobre.
    "Non quod ego volo, sed quod tu" (Mc 14,36)

  10. #110
    Iscritto
    Data Registrazione
    Jun 2008
    Località
    Nichelino (TO)
    Età
    59
    Messaggi
    114
    Citazione Originariamente Scritto da Lollo Visualizza Messaggio
    Segnalo anche qui: https://catholicherald.co.uk/cardina...ic-priesthood/ Il 12 marzo il cardinal Nichols ha ordinato sacerdote Jonathan Goodall, già “vescovo” anglicano di Ebbsfleet. Oltre a father Jonathan, l’anno scorso altri tre “vescovi” anglicani sono stati ammessi nella Chiesa Cattolica: Michael Nazir-Ali, ordinato sacerdote dallo stesso cardinal Nichols a ottobre; John Goddard, che verrà ordinato presbitero a Liverpool in aprile; Peter Foster, ricevuto nella Chiesa nello scorso ottobre.
    Link incompleto (fagli un "copia ed incolla")

Tag per Questa Discussione

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
>