Lo Staff del Forum dichiara la propria fedeltà al Magistero. Se, per qualche svista o disattenzione, dovessimo incorrere in qualche errore o inesattezza, accettiamo fin da ora, con filiale ubbidienza, quanto la Santa Chiesa giudica e insegna. Le affermazioni dei singoli forumisti non rappresentano in alcun modo la posizione del forum, e quindi dello Staff, che ospita tutti gli interventi non esplicitamente contrari al Regolamento di CR (dalla Magna Charta). O Maria concepita senza peccato prega per noi che ricorriamo a Te.
Pagina 1 di 176 1231151101 ... UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 1751

Discussione: Il caso "Vatileaks": fughe di notizie, indagini e processi

  1. #1
    Saggio del Forum L'avatar di lucpip
    Data Registrazione
    Jun 2007
    Località
    Varés
    Età
    53
    Messaggi
    8,764

    Il caso "Vatileaks": fughe di notizie, indagini e processi

    apro questa discussione, delicata perchè penso che sia giusto parlarne, anche se sono basito.


    I MISTERI DELLA FINANZA IN VATICANO: LE RIVELAZIONI DI MONSIGNOR VIGANÒ IN UNA LETTERA AL PAPA SUGLI APPALTI PARLA DI CORRUZIONE
    Sergio Rizzo, Corriere della sera

    «Corruzione». La parola è sinonimo di malaffare e degrado morale. Ma se a pronunciarla è un altissimo prelato vicino al Papa, come rivela questa sera «Gli intoccabili», il programma d'inchiesta del giornalista Gian Luigi Nuzzi che va in onda su La7, allora vengono i brividi. Il suo nome: Carlo Maria Viganò, fino a qualche mese fa segretario generale del governatorato del Vaticano, la struttura che gestisce gli appalti e le forniture del più piccolo e potente Stato della Terra.

    «Corruzione» è proprio il termine che quel monsignore usa per descrivere in una clamorosa lettera a Benedetto XVI l'incredibile situazione che si è trovato davanti dopo aver assunto nel luglio del 2009 il delicatissimo incarico. Una bomba sganciata nelle stanze del potere vaticano il 27 marzo del 2011, nell'estremo tentativo di sventare una manovra di corridoio che culminerà con la sua rimozione.

    «Un mio trasferimento provocherebbe smarrimento in quanti hanno creduto fosse possibile risanare tante situazioni di corruzione e prevaricazione», scrive Viganò al Papa. Facendo capire a Joseph Ratzinger di non essere affatto isolato: «I cardinali Velasio De Paolis, Paolo Sardi e Angelo Comastri conoscono bene la situazione».

    La storia ricostruita da «Gli intoccabili» ha tutti gli ingredienti di un noir di prim'ordine. Trame misteriose, colpi di scena, testimonianze sconvolgenti. È un terremoto senza precedenti, che fa tremare i vertici delle gerarchie ecclesiastiche.

    Tutto comincia nel maggio del 2009, quando il Papa decide di affidare la gestione degli appalti al cardinale Giovanni Layolo e a monsignor Viganò, che sostituiscono rispettivamente il cardinale Edmund Casimir Szoka e monsignor Renato Boccardo nei ruoli di presidente e segretario generale del governatorato. Quella struttura è un buco nero: nel 2009 perde 8 milioni di euro. Cifra apparentemente modesta, ma estremamente significativa se rapportata alle dimensioni dello Stato Vaticano.

    «Non avrei mai pensato di trovarmi davanti a una situazione così disastrosa», rivela Viganò in un altro scioccante appunto inviato a Ratzinger nella scorsa primavera. Definendola «inimmaginabile», e per giunta «a tutti nota in Curia». Dal pentolone che ha scoperchiato salta fuori l'inverosimile.

    I servizi tecnici sono un regno diviso in piccoli feudi. In Vaticano opera una cordata di fornitori che non fanno praticamente gare: dentro le mura dello Stato della Chiesa lavorano sempre le stesse ditte, a costi doppi rispetto all'esterno anche perché non esiste alcuna trasparenza nella gestione degli appalti di edilizia e impiantistica. Insomma, una moderna fabbrica di San Pietro che ingoia denaro a ritmi ingiustificati, come dimostra il conto astronomico che viene presentato per il presepe montato nel Natale 2009 a piazza San Pietro: 550 mila euro.

    Non bastasse, c'è una situazione finanziaria allucinante: le casse del governatorato subiscono perdite del 50-60%. Per tamponarla, spiega Viganò, la gestione dei fondi è stata affidata a un «comitato finanza e gestione composto da alcuni grandi banchieri, i quali sono risultati fare più il loro interesse che i nostri». Racconta il monsignore che una sola operazione finanziaria nel dicembre 2009 ha mandato in fumo due milioni e mezzo di dollari.

    Ma chi fa parte di questo comitato? Nuzzi fa i nomi di quattro pezzi da novanta della finanza italiana. Quelli di Pellegrino Capaldo, Carlo Fratta Pasini, Ettore Gotti Tedeschi e Massimo Ponzellini. Capaldo è l'ex presidente della Banca di Roma: banchiere cattolico apprezzatissimo anche al di fuori degli ambienti ecclesiastici, è attualmente il proprietario della casa vinicola Feudi di San Gregorio.

    Fratta Pasini è il presidente del Banco popolare. Gotti Tedeschi, consigliere di amministrazione della Cassa depositi e prestiti, la banca del Tesoro italiano, nonché consigliere della Fondazione San Raffaele di don Luigi Verzé, è il banchiere poi scelto da Ratzinger per guidare lo Ior. Ponzellini è l'ex presidente della Banca popolare di Milano, ma ha ricoperto in passato anche molti incarichi in società del Tesoro, come il Poligrafico dello Stato.

    Viganò prende l'incarico maledettamente sul serio. La sua scure colpisce dappertutto: non risparmia nemmeno il conto del famoso presepe, tagliato d'emblée di 200 mila euro, né la gestione dei giardini, uno dei capitoli più problematici. Il risultato è che il bilancio del governatorato passa da un deficit di 8 milioni a un utile di 34,4 milioni nel giro di un anno. Ma tanto rigore non gli vale un encomio. Anzi, per lui cominciano i guai. «Viganò si è fatto un sacco di nemici e quei nemici si stanno muovendo nell'ombra per fargliela pagare», è il commento de «Gli intoccabili».

    Fatto sta che sul Giornale escono alcuni articoli non firmati, nei quali è contenuto un segnale preciso: il segretario generale del governatorato ha praticamente le ore contate. Ed è proprio quello che accade. Il segretario di Stato Tarcisio Bertone lo solleva dall'incarico, e la decisione fa saltare anche la nomina a cardinale che gli sarebbe stata promessa. Tanto per cambiare la rimozione avviene con il solito meccanismo del promoveatur ut amoveatur. Viganò viene nominato Nunzio apostolico della Santa sede negli Stati Uniti e spedito a Washington. Incarico prestigiosissimo, anche se a 7.228 chilometri di distanza.

    A nulla serve l'appello disperato e diretto a Ratzinger. Che anzi si rivela un errore, perché scavalcando Bertone ottiene semmai l'effetto contrario. Ma Viganò non digerisce affatto la decisione e inizia una corrispondenza infuocata con il segretario di Stato. Lettere nelle quali rivendica il risanamento ottenuto «eliminando la corruzione ampiamente diffusa», e chiede di essere messo a confronto con i suoi accusatori in un processo «ai sensi del canone 220 del codice di diritto canonico».

    Senza limitarsi alle generiche affermazioni, riferisce il servizio de «Gli intoccabili», punta pure il dito su un personaggio che ritiene abbia avuto un ruolo nella vicenda che lo riguarda: Marco Simeon. Figlio di un benzinaio di Sanremo, è uno degli animatori della cooperativa sociale «Il Cammino», fornitrice di fiori del Papa. Considerato molto vicino a Bertone, è autore di una carriera fulminea, per gli standard italiani.

    Prima a Capitalia, la ex Banca di Roma di Cesare Geronzi, banchiere con altissime aderenze vaticane. Quindi a Mediobanca, come capo delle relazioni istituzionali, sempre al seguito di Geronzi. Infine alla Rai, dove a quello stesso incarico aggiunge la direzione di Rai Vaticano. Interpellato da Nuzzi, risponde con una risata: «Non ne so assolutamente niente». E forse questo è solo l'inizio.

    (http://rassegna.camera.it/chiosco_ne...Article=19UTZS)
    Ogni giorno che passa è un giorno in meno - COMING SOON!

  2. #2
    Saggio del Forum L'avatar di lucpip
    Data Registrazione
    Jun 2007
    Località
    Varés
    Età
    53
    Messaggi
    8,764
    Ogni giorno che passa è un giorno in meno - COMING SOON!

  3. #3
    Saggio del Forum L'avatar di Pikachu
    Data Registrazione
    Dec 2007
    Località
    Piemonte
    Messaggi
    6,630
    Senza sbilanciarmi in favore di nessuno, dico che purtroppo temevo che la "questione Viganò" non potesse concludersi semplicemente allontanandolo dal Vaticano.
    C'è persino la lettera firmata scannerizzata...


  4. #4
    Moderatore Globale L'avatar di Vox Populi
    Data Registrazione
    Apr 2006
    Località
    casa mia
    Messaggi
    62,416
    Nemmeno io voglio né posso esprimere un giudizio, non sappiamo nemmeno se tutto ciò che è scritto in questi articoli corrisponda o meno al vero.
    Un dato oggettivo c'è, e ne avevamo parlato a suo tempo: sotto la gestione Viganò i conti del Governatorato, in rosso da anni, erano stati del tutto risanati, grazie a una gestione più oculata (e non sono dati tenuti sub secreto, ma disponibili a tutti; basti controllare i bilanci pubblicati annualmente dalla sala stampa vaticana). Che qualcuno, a cui forse stava bene la situazione precedente, abbia deciso di fargliela pagare?
    Venit Ioannes Baptista praedicans in deserto Iudaeae et dicens:
    «Paenitentiam agite; appropinquavit enim regnum caelorum».
    (Matth. 3, 1-2)

  5. #5
    Iscritto
    Data Registrazione
    May 2011
    Località
    Basilicata
    Età
    31
    Messaggi
    242
    Quando leggo queste cose un pò di tristezza mi viene, anche perchè a parlare non è un giornalista in cerca di scoop ma è un vescovo. Il fatto di indirizzare una lettera al Papa firmata non depone che a suo favore, è oggettivo che ha fatto un grande lavoro, basta vedere i dati che a qualunque dirigente avrebbe comportato encomi solenni. Questo è uno dei casi in cui la critica può servire a migliorare le cose che non vanno in vaticano, e ce ne sono sopratutto dal punto di vista finanziario e della corruzione. Preghiamo affinchè il Papa possa continuare la sua opera di pulizia, interceda dal cielo papa Giovanni Paolo I.

  6. #6
    Sono quelle notizie che lasciano disorientato il povero cristiano che vive in una parrocchia che fatica persino a pagare le spese per riscaldare la chiesa...
    E poi,se è vero quello che è scritto, quanto astio, rancore, desiderio di vendetta fra gli "alti" del Vaticano.....
    Quale esempio!!!!

  7. #7
    Partecipante a CR
    Data Registrazione
    Jan 2012
    Località
    Cagliari
    Età
    56
    Messaggi
    719
    ehhhhhhhh fosse solo quello che si legge.......... le guerre intestine all'interno delle Sacre Mura sono purtroppo all'ordine del giorno. ci si dimentica che si parla e si deve assolutamente e senza mistificazioni sempre e soltanto parlare di Stato della Città del Vaticano... Stato, con i suoi uffici, i suoi direttori, presidenti e governatori, con leggi e pastette, con favori e favoriti e favorenti, con manutengoli e manutenuti, con furberie e ruberie, con facilitazioni e manchevolezze. In Vaticano non si avanza nel lavoro per formazione ed esperienza, non sono riconosciute le professionalità salvo dove non se ne può fare a meno (i farmacisti, i medici del FAS), vige una concreta forma di razzismo culturale da sottosviluppo fideistico nei confronti del personale laico, il primo frate in missione per studio a Roma cerca di venir subito dirottato a lavorare in Vaticano, neanche fosse un obbligo. La vicenda di monsignor Viganò, quindi non è l'ultima e non sarà l'ultima, ma perché lo SCV è un microcosmo che riflette il malaffare delle amministrazioni come qualsivoglia amministrazione pubblica, con una aggravante: che ci sono dietro "gli ordinati" i quali dovrebbero anteporre il bene della Chiesa Universale alla loro umana bramosia di successo, beni e gratificazioni. Sulla questione del nuovo responsabile di RAI Vaticano ... per favore... stendiamo una intera fabbrica di tappeti perché un velo pietoso è troppo poco. Basti il fatto che non ha mai fatto televisione e la chiudiamo qua.

  8. #8
    Veterano di CR L'avatar di Selvaticus
    Data Registrazione
    Oct 2009
    Località
    Confini del Regno
    Messaggi
    1,330
    [18]Vedendo Gesù una gran folla intorno a sé, ordinò di passare all'altra riva. [19]Allora uno scriba si avvicinò e gli disse: «Maestro, io ti seguirò dovunque tu andrai». [20]Gli rispose Gesù: «Le volpi hanno le loro tane e gli uccelli del cielo i loro nidi, ma il Figlio dell'uomo non ha dove posare il capo».

    Se tornasse...più o meno uno straccione,con i calzari polverosi,sudato...,Lui,che con il solo pensiero potrebbe annientare la "piccolezza" di certi "maneggioni" in vesti filettate, corrosi dall'invidia (salvando il sacro),cosa pensate che farebbe?

  9. #9
    Veterano di CR L'avatar di Dossofilo
    Data Registrazione
    Jan 2011
    Località
    Santa Margherita Ligure
    Messaggi
    1,484
    Non si deve aver paura di scoperchiare questo calderone pieno di magnagne. E' probabile che i media utilizzino questi scandali per screditare la Chiesa; a ben vedere però, mettendo in evidenza questi tristi episodi, ci fanno anche un po' un favore: forse solo il pubblico sputtanamento può smuovere un po' le cose. Speriamo.

  10. #10
    Fedelissimo di CR L'avatar di fenix
    Data Registrazione
    Nov 2011
    Località
    italia
    Messaggi
    3,169
    Sfortunatamente esistono episodi del genere e altri meno conosciuti.

Tag per Questa Discussione

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
>