Lo Staff del Forum dichiara la propria fedeltà al Magistero. Se, per qualche svista o disattenzione, dovessimo incorrere in qualche errore o inesattezza, accettiamo fin da ora, con filiale ubbidienza, quanto la Santa Chiesa giudica e insegna. Le affermazioni dei singoli forumisti non rappresentano in alcun modo la posizione del forum, e quindi dello Staff, che ospita tutti gli interventi non esplicitamente contrari al Regolamento di CR (dalla Magna Charta). O Maria concepita senza peccato prega per noi che ricorriamo a Te.
Pagina 28 di 176 PrimaPrima ... 1826272829303878128 ... UltimaUltima
Risultati da 271 a 280 di 1751

Discussione: Il caso "Vatileaks": fughe di notizie, indagini e processi

  1. #271
    Triumviro emerito di Liturgie papali L'avatar di Liturgo
    Data Registrazione
    May 2007
    Località
    Roma
    Età
    30
    Messaggi
    2,189
    Io ancora non capisco perchè continuano a difendere a spada tratta Bertone, diffamando l'operato di Mons. Viganò. Bertone presso l'opinione pubblica internazionale è molto criticato, specie dato il suo legame con il precedente governo, oramai è visto come l'esempio del prelato con magagne politiche ed economiche.
    "Mihi ostendit Deus neminem communem aut inmundum dicere hominem "
    At 10:28

  2. #272
    Moderatore Globale L'avatar di Vox Populi
    Data Registrazione
    Apr 2006
    Località
    casa mia
    Messaggi
    62,416
    Atteniamoci all'argomento della discussione senza divagare, grazie.
    Venit Ioannes Baptista praedicans in deserto Iudaeae et dicens:
    «Paenitentiam agite; appropinquavit enim regnum caelorum».
    (Matth. 3, 1-2)

  3. #273
    Collaboratore di "Dottrina della Fede" L'avatar di evergreen
    Data Registrazione
    Jan 2007
    Messaggi
    7,534
    Citazione Originariamente Scritto da Vox Populi Visualizza Messaggio
    Vorrei precisare che le statue del presepe di piazza San Pietro non vengono realizzate ogni anno ex novo, ma sono state commissionate dal S. Vincenzo Pallotti nel 1842 per la basilica romana di S. Andrea della Valle (come viene ricordato ogni anno dalla Radio Vaticana nel "dossier" che l'emittente predispone per le celebrazioni natalizie, cfr ad esempio quello del 2011, pag. 9).

    Questo non sapevo. Ma è certo che se anche mons. Viganò ha speso la bellezza di 300.000 euro per il presepe, allora significa che costa sul serio. Altro che mille euro e un paio di ore di lavoro di un volontario.
    Io il presepe d piazza san Pietro lo vedo dal vivo. E' enorme.
    Le critiche dicono: "Costa quanto un appartamento". A mio avviso, per dimensioni e materiali, è davvero un piccolo appartamento.

  4. #274
    Collaboratore di "Dottrina della Fede" L'avatar di evergreen
    Data Registrazione
    Jan 2007
    Messaggi
    7,534
    Citazione Originariamente Scritto da Mercarte Visualizza Messaggio
    Non ho capito perchè la Santa Sede debba spendere una fortuna per fare un bel presepe!
    Cos'è un contest?
    E poi, ogni hanno tutti quei soldi?

    Nel 2009/10 la Chiesa ha devoluto ai poveri 440 milioni di euro (880 miliardi di lire). Ma la Chiesa non è solo carità, perchè è anche bellezza. Soprattutto la Chiesa di Roma, è un punto di riferimento per tutto il mondo. E' un dato di fatto che non può essere negato.
    Se poi ci sono state persone che hanno speculato su queste cifre, allora sono d' accordo nel dire che hanno sbagliato.

  5. #275
    Phantom
    visitatore
    Citazione Originariamente Scritto da evergreen Visualizza Messaggio
    Nel 2009/10 la Chiesa ha devoluto ai poveri 440 milioni di euro (880 miliardi di lire). Ma la Chiesa non è solo carità, perchè è anche bellezza. Soprattutto la Chiesa di Roma, è un punto di riferimento per tutto il mondo. E' un dato di fatto che non può essere negato.
    Se poi ci sono state persone che hanno speculato su queste cifre, allora sono d' accordo nel dire che hanno sbagliato.
    Sottoscrivo al 100%.

    Permettetemi una cosa; se davvero ci dovranno essere cambiamenti nell'organigramma della Santa Sede, questo secondo me accadrà solo dopo il Concistoro.

  6. #276
    Cronista di CR L'avatar di sobiesky
    Data Registrazione
    Dec 2009
    Località
    roma
    Età
    72
    Messaggi
    2,516
    Citazione Originariamente Scritto da agapino-1 Visualizza Messaggio
    Anche perché quando i nostri bravi volontari e operatori vengono a sapere (se è vero) che fino a prima di Viganò si spendevano allegramente quasi 500.000 euro per l' allestimento del presepe in piazza s.Pietro non so come possiamo giustificare. In un buon oratorio ben organizzato per la stessa opera basterebbero le ore di qualche volenteroso e al massimo poche migliaia di euro.
    Scusate, forse la mia domanda potrà apparire oziosa, ma le varie statue che compongono il presepe e la stessa "capanna", ecc. quando alla fine del periodo natalizio vengono tolte, che fine fanno? non dovrebbero essere riposte e ben conservate così che poi l'anno seguente si possono nuovamente riutilizzare così da ridurre al minimo indispensabile le spese solamente a quelle impreviste? (es. statua rotta, ecc.). Perchè spendere la bellezza di 500 mila euro? a me, francamente, mi sembra esagerato. Poi per esempio nelle nostre case non penso che ogni anno compriamo decine di statuine nuove perchè quelle dell'anno precedente le abbiamo buttate. Io da oltre dieci anni utilizzo sempre le stesse cose e semmai aggiungo qualche piccolo decoro. Ed è sempre bello ed una gioia per tutti.
    Un sereno lunedì a tutti..

  7. #277
    Partecipante a CR
    Data Registrazione
    Jan 2012
    Località
    Cagliari
    Età
    56
    Messaggi
    719
    Citazione Originariamente Scritto da evergreen Visualizza Messaggio
    Per favore cerchiamo di essere un pò più realisti. Con poche migliaia di euro faresti un presepe che a piazza san Pietro farebbe ridere anche le pecore.

    Se invece vuoi fare un presepe serio, artigianale, punto di riferimento per tutto il mondo, e che tutti gli uomini di tutto il mondo e le televisioni di tutto il mondo devono guardare, ammirare e valutare.....ebbene con mille euro non ci compri manco una statua.

    Esempio di statua artigianale alta solo 50 cm (quelle di piazza san Pietro sono invece enormi):
    http://www.ebay.it/itm/ws/eBayISAPI.dll?ViewItem&clk_rvr_id=313418 492005&item=130637568792



    Questa è la dimostrazione che ormai si scrive solo per il gusto di sparlare e denigrare il Governatorato dello SCV.

    p.s.

    Che si doveva risparmiare sono d' accordo anche io, ma adesso stiamo incominciando a scrivere assurdità senza alcun senso.
    gentile evergreen, senza nulla togliere alla probabile esagerazione polemica (ma condivisibile al 100%) di Agapino-1, mi preme sottolineare una cosa importante: non è che ogni anno dei valenti e industriosi artisti dell'intaglio o dei fonditori d'arte o degli scultori rinomati si mettano a produrre delle statue colossali per il presepe di Piazza San Pietro, e neanche ci sono i sarti della floreria che rspolverano e curano damaschi e sete preziose per abbellire le medesime statue. Sono statue realizzate da San Vincenzo Pallotti nel 1842 per il presepe di Sant'Andrea della Valle. Ordunque i 500.000 uro e poi 350.000 vanno ad esser caricati sulla realizzazione in polistirolo legno e tubi innocenti delle capanne, delle architetture e delle scenografie. Non le pare un po' troppino????

  8. #278
    Moderatore Ecumenico L'avatar di DenkaSaeba25
    Data Registrazione
    Feb 2011
    Località
    Italia
    Età
    40
    Messaggi
    13,914
    Citazione Originariamente Scritto da malloreddus Visualizza Messaggio
    gentile evergreen, senza nulla togliere alla probabile esagerazione polemica (ma condivisibile al 100%) di Agapino-1, mi preme sottolineare una cosa importante: non è che ogni anno dei valenti e industriosi artisti dell'intaglio o dei fonditori d'arte o degli scultori rinomati si mettano a produrre delle statue colossali per il presepe di Piazza San Pietro, e neanche ci sono i sarti della floreria che rspolverano e curano damaschi e sete preziose per abbellire le medesime statue. Sono statue realizzate da San Vincenzo Pallotti nel 1842 per il presepe di Sant'Andrea della Valle. Ordunque i 500.000 uro e poi 350.000 vanno ad esser caricati sulla realizzazione in polistirolo legno e tubi innocenti delle capanne, delle architetture e delle scenografie. Non le pare un po' troppino????
    E' quello che dico anche io. Con 350.000 euro si fa un presepe ex-novo ogni anno.
    Poi, per carità, non sono fatti miei. Ma anche considerando un eventuale costo di restauro, anche prendendo la neve vera dall'Everest o dall'Antartide non credo si arriverebbe ad un costo così assurdo.

  9. #279
    Saggio del Forum L'avatar di lucpip
    Data Registrazione
    Jun 2007
    Località
    Varés
    Età
    53
    Messaggi
    8,764
    «L’Osservatore Romano» parla della missione di Viganò
    Due giorni dopo la pubblicazione del comunicato che sconfessava il nunzio Usa, il quotidiano vaticano descrive l’incontro avvenuto alla Casa Bianca

    ANDREA TORNIELLI
    CITTÀ DEL VATICANO


    Sabato, sulle pagine del quotidiano della Santa Sede, veniva riprodotto il comunicato a firma di due cardinali e di due vescovi – la vecchia e la nuova gestione del Governatorato vaticano, nel quale si smentivano le accuse contenute nelle lettere inviate dall’arcivescovo Carlo Maria Viganò al Papa e al Segretario di Stato Bertone oggetto della trasmissione televisiva «Gli Intoccabili» su La7. Due giorni dopo, alla prima uscita possibile («L’Osservatore Romano» esce il sabato pomeriggio con la data di domenica, quindi esce nuovamente il lunedì pomeriggio), ecco un articolo che potrebbe essere letto come la volontà di affermare, anche senza dirlo esplicitamente, che quel comunicato non ha cambiato nulla e che il nunzio negli Usa gode della fiducia dei suoi superiori.

    Si tratta del breve e tradizionale resoconto relativo all’inizio della missione del nuovo rappresentante papale negli Stati Uniti. Testi come questo solitamente vengono trasmessi al quotidiano vaticano dalla Segreteria di Stato, che li redige, e sono pubblicati anche diversi giorni dopo la presentazione delle credenziali. Viganò, l’ex segretario generale del Governatorato, era arrivato come rappresentante del Papa presso i vescovi e il governo americano il 16 novembre 2011. Nell’articolo si ricorda che il giorno successivo di apriva a Baltimora la riunione plenaria dell’episcopato, e in quella occasione Viganò «ha voluto consegnare la lettera commendatizia del cardinale segretario di Stato Tarcisio Bertone a monsignor Timothy Dolan, arcivescovo di New York e presidente della Conferenza episcopale americana».

    Il 18 gennaio scorso, il nuovo nunzio è stato ricevuto nello «studio ovale» della Casa Bianca dal presidente Barak Obama che «lo ha ricevuto molto amabilmente, pregandolo subito di trasmettere i suoi saluti a Sua Santità insieme ai migliori auguri per la sua alta missione». Il presidente, si legge ancora nell’articolo sull’«Osservatore Romano», ha poi «sottolineato la sua stima per l’opera della Chiesa cattolica, non solo negli Stati Uniti d’America, ma nel mondo intero. In particolare, ha rilevato come la voce del Santo Padre e l’attenzione della Chiesa cattolica per quanti sono afflitti dalla povertà, dalla fame e dalle guerre, rendano la Santa Sede un importante partner degli Stati Uniti».

    Dunque Viganò è entrato nel pieno delle sue funzioni della sua missione diplomatica alla vigilia della trasmissione televisiva che ha reso pubbliche le sue dure lettere con le denunce di episodi di «corruzione» in Vaticano, messa in onda il 25 gennaio. Gli episodi da lui denunciati sono stati seccamente smentiti con il comunicato del 4 febbraio, nel quale il Governatorato ha definito le affermazioni del nunzio negli Usa «frutto di valutazioni erronee», o basate «su timori non suffragati da prove, anzi apertamente contraddetti dalle principali personalità invocate come testimoni».

    L’articolo de «L’Osservatore Romano» è stato pubblicato a pagina 7, in basso, ed è sensibilmente più corto di quello che lo affianca, dedicato all’inizio della missione del nuovo nunzio in Uzbekistan. Nella parte finale della comunicazione probabilmente è saltata qualche riga, perché si legge: «Da parte sua, monsignor Viganò, dopo aver ricordato la visita del Santo Padre in terra statunitense nel 2009 e la calorosa accoglienza riservatagli allora dalla First Lady Michelle Obama…». In realtà Benedetto XVI aveva visitato gli Stati Uniti, intervenendo anche alle Nazioni Unite, l’anno precedente, dal 15 al 21 aprile 2008, ed era stato accolto calorosamente alla Casa Bianca dalla first lady Laura Bush.

    Fonte: http://vaticaninsider.lastampa.it/ho...rticolo/12374/
    Ogni giorno che passa è un giorno in meno - COMING SOON!

  10. #280
    Moderatore Globale L'avatar di Vox Populi
    Data Registrazione
    Apr 2006
    Località
    casa mia
    Messaggi
    62,416
    La prossima settimana, da martedì 14 a giovedì 16, avrà luogo in Vaticano la consueta sessione invernale del Consiglio di Cardinali per lo studio dei problemi organizzativi ed economici della Santa Sede (la riunione è segnalata nell'agenda del Card. Scola, che fa parte di tale consiglio). Vedremo se nel corso dell'incontro si parlerà anche della vicenda Viganò.
    Venit Ioannes Baptista praedicans in deserto Iudaeae et dicens:
    «Paenitentiam agite; appropinquavit enim regnum caelorum».
    (Matth. 3, 1-2)

Tag per Questa Discussione

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
>