Lo Staff del Forum dichiara la propria fedeltà al Magistero. Se, per qualche svista o disattenzione, dovessimo incorrere in qualche errore o inesattezza, accettiamo fin da ora, con filiale ubbidienza, quanto la Santa Chiesa giudica e insegna. Le affermazioni dei singoli forumisti non rappresentano in alcun modo la posizione del forum, e quindi dello Staff, che ospita tutti gli interventi non esplicitamente contrari al Regolamento di CR (dalla Magna Charta). O Maria concepita senza peccato prega per noi che ricorriamo a Te.
Pagina 1 di 73 1231151 ... UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 730

Discussione: La Crisi Del Sacerdozio

  1. #1
    Iscritto
    Data Registrazione
    Nov 2006
    Età
    51
    Messaggi
    149

    La Crisi Del Sacerdozio

    Cari forumisti vorrei che riflettessimo insieme sul grave problema, di grande attualità, rappresentato dalla crisi delle vocazioni. Oramai risultano pieni solo i seminari della Fratenità Sacerdotale di San Pio X e quelli che improntati ad una formazione c.d. tradizionalista del sacerdozio.
    Cosa ne pensate al riguardo?

  2. #2
    Utente Senior
    Data Registrazione
    Sep 2006
    Messaggi
    594
    Purtroppo nella nostra società odierna il prete viene sempre più visto come un animatore e un organizzatore che non come un sacerdote.
    Molti giovani che hanno la vocazione al sacerdozio sono attratti dal modello tradizionale del prete, dedito anzitutto alla Messa, ai Sacramenti, alla preghiera.

  3. #3
    Fedelissimo di CR L'avatar di VTR
    Data Registrazione
    May 2006
    Località
    N/A
    Messaggi
    3,037
    I Legionari di Cristo non hanno di questi problemi: nell'ultimo triennio sono più di 150 i sacerdoti ordinati... e per essere ordinato sacerdote legionario devono passare anche 12-13 anni!!!! Deo Gratias

  4. #4
    Partecipante a CR L'avatar di vonengeln
    Data Registrazione
    Aug 2006
    Località
    Legnano (arcidiocesi di Milano)
    Età
    60
    Messaggi
    539
    Citazione Originariamente Scritto da diesirae Visualizza Messaggio
    Non ho dati, ma credo che qualcuno li possa postare. Mi sembra si parli molto, specie negli ultimi tempi, di una lenta ripresa quanto al numero delle ordinazioni.

    Perchè i seminari della FSSPX sono pieni? Boh, ma sono veramente pieni? Da alcune gallerie di foto su siti che non segnalo vedo che a Econe lo scorso anno ne hanno ordinati 4, 4 anche in un altro seminario. Ok, non sono pochi, ma non sono nemmeno tantissimi.

    Il fatto poi che seminari di congregazioni più tradizionali, come i Legionari di Cristo, siano pieni dovrebbe, secondo me, far riflettere certi Vescovi su chi nominano come rettore, direttori spirituali, professori... dei loro seminari diocesani.
    Sicuramente congregazioni dove è posto nel giusto valore il valore del sacerdozio cattolico, che è molto di più dell'assistente sociale o dell'animatore liturgico, hanno i seminari pieni.

    Secondo me la fraternità san PIO X ,non è in perfetta comunione con la Santa Sede, e questo limita il numero dei candidati al sacerdozio.

    Infatti la Fraternità San Pietro, ha avuto il "problema" di dover allargare il proprio seminario americano perchè era insufficiente per tutti i candidati al sacerdozio.

    A Gricigliano, l'anno scorso hanno avuto l'ingresso di 38 seminaristi, ce ne fossero così tanti anche nella nostra Arcidiocesi!

    Il sacerdote cattolico è alter Christus, per questo uno può sacrificare la propria vita, per fare l'assistente sociale no!!!!

  5. #5
    Iscritto
    Data Registrazione
    May 2006
    Località
    Roma, Caput Mundi
    Età
    49
    Messaggi
    186
    Forse i seminari della FSSPX e gli altri tradizionali sono pieni perché sono pochi in proporzione rispetto agli altri.
    Se, per esempio, un Italiano volesse farsi prete, potrebbe andare in ognuno dei tanti seminari diocesani, ma se volesse essere tradizionale potrebbe andare solo a Griciliano (o all'estero). Dunque, il seminario di Griciliano ha un bacino d'utenza molto più elevato di ogni singolo seminario diocesano, e, comunque, non mi sembra che straripi di seminaristi italiani.
    Però, le realtà tradizionaliste sono molto nascoste: suppongo che la maggiornaza degli Italiani nemmeno sappia che esistono.
    I molti che frequentano le parrocchie normali sono raramente spinti a farsi prete: il mio ex viceparroco era incazzato nero perché in 40 anni di vita della parrocchia avevamo avuto un solo prete. Ma la mia ex parrocchia non è certo il luogo più adatto a far nascere vocazioni, talmente è poco incline alla spiritualità e alla meditazione.
    Di sicuro chi vive la fede in modo tradizionale ha più facilità ad aprire il cuore alla chiamata perché tocca con mano e assimila il sacro, perché vede i sacerdoti che non sono solo degli animatori: ha dei modelli diversi ai quali ispirarsi e di cui desiderare di seguire la strada.
    E, comunque, in generale, il problema è che il modello del prete non è un modello da seguire. Nella vita l'aspirazione è quella di diventare megamanager: le stesse famiglie non penso che accolgano la scelta di un figlio di farsi prete con grande gioia, figuriamoci gli amici!

  6. #6
    Partecipante a CR L'avatar di vonengeln
    Data Registrazione
    Aug 2006
    Località
    Legnano (arcidiocesi di Milano)
    Età
    60
    Messaggi
    539
    Citazione Originariamente Scritto da Lumen Visualizza Messaggio
    Nella vita l'aspirazione è quella di diventare megamanager: le stesse famiglie non penso che accolgano la scelta di un figlio di farsi prete con grande gioia, figuriamoci gli amici!
    Non in tutte, mio caro amico, se Andrea (mio figlio) mi dicesse di sentirsi chiamato al sacerdozio, gli direi di pensarci bene, perchè è una scelta MOLTO importante.
    Se lui mi dicesse di essere sicuro nella sua scelta, lo appoggerei e sosterrei.

    Non ritengo affatto che sia un disonore avere un figlio sacerdote, ANZI!!!!!

  7. #7
    Comprendo pienamente, e sono della tua stessa opinione, pur non avendo ancora figli. Tuttavia quello che vedo in giro è un ammasso di madri tutte prese a fare del loro figlio uno stimato primario, un potente avvocato, un abile commercialista... quelle che vorrebbero un sacerdote sono molto, molto poche.

  8. #8
    Iscritto
    Data Registrazione
    May 2006
    Località
    Roma, Caput Mundi
    Età
    49
    Messaggi
    186
    Citazione Originariamente Scritto da vonengeln Visualizza Messaggio
    Non in tutte, mio caro amico, se Andrea (mio figlio) mi dicesse di sentirsi chiamato al sacerdozio, gli direi di pensarci bene, perchè è una scelta MOLTO importante.
    Se lui mi dicesse di essere sicuro nella sua scelta, lo appoggerei e sosterrei.

    Non ritengo affatto che sia un disonore avere un figlio sacerdote, ANZI!!!!!
    E menomale. Questo è ottimo! Ma l'aria che tira è molto diversa. Lo dico per esperienze dirette vissute, oltre che guardandomi un po' intorno.

  9. #9
    Iscritto
    Data Registrazione
    Oct 2006
    Località
    Wollerau (CH)
    Età
    52
    Messaggi
    81
    Citazione Originariamente Scritto da Lumen Visualizza Messaggio
    Forse i seminari della FSSPX e gli altri tradizionali sono pieni perché sono pochi in proporzione rispetto agli altri.
    Se, per esempio, un Italiano volesse farsi prete, potrebbe andare in ognuno dei tanti seminari diocesani, ma se volesse essere tradizionale potrebbe andare solo a Griciliano (o all'estero). Dunque, il seminario di Griciliano ha un bacino d'utenza molto più elevato di ogni singolo seminario diocesano, e, comunque, non mi sembra che straripi di seminaristi italiani.
    Però, le realtà tradizionaliste sono molto nascoste: suppongo che la maggiornaza degli Italiani nemmeno sappia che esistono.
    I molti che frequentano le parrocchie normali sono raramente spinti a farsi prete: il mio ex viceparroco era incazzato nero perché in 40 anni di vita della parrocchia avevamo avuto un solo prete. Ma la mia ex parrocchia non è certo il luogo più adatto a far nascere vocazioni, talmente è poco incline alla spiritualità e alla meditazione.
    Di sicuro chi vive la fede in modo tradizionale ha più facilità ad aprire il cuore alla chiamata perché tocca con mano e assimila il sacro, perché vede i sacerdoti che non sono solo degli animatori: ha dei modelli diversi ai quali ispirarsi e di cui desiderare di seguire la strada.
    E, comunque, in generale, il problema è che il modello del prete non è un modello da seguire. Nella vita l'aspirazione è quella di diventare megamanager: le stesse famiglie non penso che accolgano la scelta di un figlio di farsi prete con grande gioia, figuriamoci gli amici!
    Credo che i seminari tradizionalisti abbiano, in rapporto al bacino d'utenza, un numero superiore di chiamate al sacerdozio (o alla vita consacrata, considerando anche le donne) rispetto alle diocesi.
    Mi spiego meglio. Nelle diocesi il numero di fedeli tradizionalisti è normalmente una percentuale minima dei fedeli, però questa piccola percentuale riesce a riempire seminari quando i fedeli "normali" fanno fatica a spedire uno o due candidati al sacerdozio.
    Aspetto d'essere smentito :-)

  10. #10
    Iscritto L'avatar di andre
    Data Registrazione
    Jul 2006
    Età
    41
    Messaggi
    100
    Citazione Originariamente Scritto da thecrazypianist Visualizza Messaggio
    quelle che vorrebbero un sacerdote sono molto, molto poche.
    Io direi nessuna...

    E la frase " VOI AVETE RAGIONE, MA FACCIAMO COSì, DATEMI I VOSTRI FIGLI, NE FARO' DEI FUTURI SACERDOTI..E VOI POTRETE TENERVI IL VOSTRO.." è quella ch eil mio Arcivescovo replica a tutte quelle comunità dalle quali sposta il sacerdote verso altri lidi. Ci fu persino uno sciopero della fame...

    C'era un bell'articolo dell'Arcivescovo due anni fa sul giornale diocesano che parlava dell'ergomento. Dovessi trovarlo lo posterò.

    Per quanto riguarda il tema "Giovani e Sacerdozio", invece, credo che di giovani che pensano al sacerdozio ce ne siano più di quanti non si pensi. La gran parte però poi sopiscono o seppelliscono questa vocazione assoggetandola al pensiero comune del "vai in chiesa, sei uno sfigato" o cose simili. Oppure, per le cosiddette vocazioni adulte, di ragazzi universitari o già lavoratori che lasciano per entrare in seminario, io steso ho amici che dicono "chi entra a trent'anni in seminario è perchè ha fallito tutto nella vita, non ha capito nulla". Nonostante avessi tentato di far loro cambiare, o almeno ammorbidire, questo pensiero che è sbagliatissimo, non c'è stato verso.

    La Chiesa oggi da molti è vista come un covo di ipocriti, cardinaloni pasciuti che se ne sbattono del bene del mondo e della fame e dela povertà, ricoperti di beni e libagioni. O preti che fanno i loro interessi, fregandosene del bene della parrocchia. Gli unci che si salvano sono i missionari.

    Ma vagliela a far capire che non è tutta così la Chiesa...
    "Signore prendimi come sono, con i miei difetti con le mie mancanze, ma fammi diventare come tu mi desideri." Giovanni Paolo I

Discussioni Simili

  1. La Validità del Sacerdozio (San Giovanni Crisostomo)
    Di ProPontificeNostro nel forum Storia della Chiesa e Agiografia
    Risposte: 7
    Ultimo Messaggio: 18-02-2009, 22:47
  2. Sacerdozio e Castità
    Di Cristiano nel forum Dottrina della Fede
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 15-11-2007, 19:21

Tag per Questa Discussione

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
>