Lo Staff del Forum dichiara la propria fedeltà al Magistero. Se, per qualche svista o disattenzione, dovessimo incorrere in qualche errore o inesattezza, accettiamo fin da ora, con filiale ubbidienza, quanto la Santa Chiesa giudica e insegna. Le affermazioni dei singoli forumisti non rappresentano in alcun modo la posizione del forum, e quindi dello Staff, che ospita tutti gli interventi non esplicitamente contrari al Regolamento di CR (dalla Magna Charta). O Maria concepita senza peccato prega per noi che ricorriamo a Te.
Pagina 114 di 131 PrimaPrima ... 1464104112113114115116124 ... UltimaUltima
Risultati da 1,131 a 1,140 di 1302

Discussione: Interviste, dialoghi e testi non magisteriali di Papa Francesco

  1. #1131
    Iscritto L'avatar di Sacro Collegio
    Data Registrazione
    Jan 2020
    Località
    Monza
    Età
    34
    Messaggi
    231
    Citazione Originariamente Scritto da Laudato Si’ Visualizza Messaggio
    A me onestamente sembra tutt’altro...
    La rigidità è anche capire che non tutti hanno la nostra visione delle cose.

  2. #1132
    Iscritto L'avatar di Sacro Collegio
    Data Registrazione
    Jan 2020
    Località
    Monza
    Età
    34
    Messaggi
    231
    Citazione Originariamente Scritto da S.Stefano Visualizza Messaggio
    La Chiesa Cattolica nei secoli mi sembra abbia insegnato che certi comportamenti sono oggettivamente peccato grave. Non mi risulta che abbia mai certificato che certe persone con questi comportamenti vadano automaticamente all'inferno.
    La conversione può arrivare anche in punto di morte, ma deve esserci: se non si insegna le cose chiaramente nemmeno in punto di morte uno può sentire il peso del peccato di cui liberarsi.

  3. #1133
    Iscritto L'avatar di Sacro Collegio
    Data Registrazione
    Jan 2020
    Località
    Monza
    Età
    34
    Messaggi
    231
    Citazione Originariamente Scritto da Raffaele Visualizza Messaggio
    Sono andato coraggiosamente avanti nella lettura, e mi sono trovato davanti degli incomprensibili strali verso i giovani sacerdoti che chiedono il permesso (secondo la procedura che lui stesso ha stabilito peraltro) di celebrare con l'antico rito, con tanto di narrazione del trattamento misericordioso cui alcuni sono stati sottoposti. Come tutti sappiamo saranno marchiati a vita per la loro (regolare) richiesta.

    Deve essere veramente grande il loro crimine, se quelli che commettono tutti gli altri peccati, compresi quelli che gridano al Cielo, sono da comprendere e questi solo sono da biasimare. E poi deve essere una necessità pastorale urgentissima: evidentemente spuntano ovunque come funghi: un vero e quotidiano problema.

    La loro colpa - l'unico vero peccato mortale secondo una certa mentalità- sarebbe "andare indietro", presumo rispetto alla vaghezza di certi discorsi che si risolvono in un "fate come ci pare". Se chiami un'azione cattiva col suo nome sei un arretrato.

    Onestamente Francesco riconosce di non aver pazienza con quelli che la pensano diversamente da lui, perché non ha tempo da perdere con le altrui fantasie. Pare non rendersi conto di adottare quella rigidità che rimprovera negli altri.

    Mentre la nave in Europa affonda, gli untori sono i "rigidi" e nella Chiesa si scatena una caccia alle streghe verso chi dice mezza parola in latino di troppo.
    Sottoscrivo in pieno. La derisione dei giovani sacerdoti è la cosa più tremenda: un padre dovrebbe avere tutt'altra considerazione.

  4. #1134
    CierRino L'avatar di S.Stefano
    Data Registrazione
    Jun 2008
    Località
    Estero
    Età
    66
    Messaggi
    5,151
    Citazione Originariamente Scritto da Sacro Collegio Visualizza Messaggio
    La conversione può arrivare anche in punto di morte, ma deve esserci: se non si insegna le cose chiaramente nemmeno in punto di morte uno può sentire il peso del peccato di cui liberarsi.
    Quello che volevo dire è che la Chiesa canonizza, non danna. Se mai la Chiesa si è abrogata il diritto o la possibilità di affermare che il tale (omosessuale, ladro, assassino, adultero, avaro,...) figurati se possiamo farlo noi.
    Andate in tutto il mondo ad annunziare il Vangelo.

  5. #1135
    CierRino L'avatar di S.Stefano
    Data Registrazione
    Jun 2008
    Località
    Estero
    Età
    66
    Messaggi
    5,151
    Citazione Originariamente Scritto da Sacro Collegio Visualizza Messaggio
    Sottoscrivo in pieno. La derisione dei giovani sacerdoti è la cosa più tremenda: un padre dovrebbe avere tutt'altra considerazione.
    Si deride e si parla con sarcasmo del Papa e tu ti scandalizzi per due sacerdoti?
    Andate in tutto il mondo ad annunziare il Vangelo.

  6. #1136
    Amministratore L'avatar di Raffaele
    Data Registrazione
    May 2008
    Messaggi
    4,762
    Ogni critica è derisione. Data questa premessa non ci sono margini di dialogo.

    Nel forum finisce qui. In altri ambienti segue un'aperta persecuzione. Conosciamo la procedura. Conosciamo bene il clima. Proprio per questo i più stanno ben zitti.

    Citazione Originariamente Scritto da Laudato Si’ Visualizza Messaggio
    Scusami, ma non siamo noi a decidere cosa deve dire il Papa, né tanto meno dobbiamo sparlare di lui.
    Sparla del Papa chi annuisce ad ogni sua affermazione che si trova in queste tristi interviste, anche se infelice, equivoca o confusionaria. Oggi ho acceso la TV dopo mesi e di cosa si è parlato? Ma del famoso "preconclave" naturalmente. E poi una serie di illazioni sui prelati "tradizionalisti". Sarebbe stato meglio evitare di parlarne, no?
    In Cristo l'universo è creato e tutto sussiste in lui.

  7. #1137
    Moderatore Globale L'avatar di Vox Populi
    Data Registrazione
    Apr 2006
    Località
    casa mia
    Messaggi
    61,164
    Citazione Originariamente Scritto da Raffaele Visualizza Messaggio
    Sono andato coraggiosamente avanti nella lettura, e mi sono trovato davanti degli incomprensibili strali verso i giovani sacerdoti che chiedono il permesso (secondo la procedura che lui stesso ha stabilito peraltro) di celebrare con l'antico rito, con tanto di narrazione del trattamento misericordioso cui alcuni sono stati sottoposti.
    Ho letto solo ora quel passaggio. Davvero raggelante.
    Un vescovo potrebbe legittimamente non avere una spiritualità orientata all'usus antiquior, ma di fronte a una richiesta da parte di un suo sacerdote deve discernere e dare una risposta che potrebbe anche essere negativa ma sulla base di motivazioni valide e senza trattare come pezze da piedi coloro verso i quali dovrebbe essere padre e pastore.
    Qui in Italia abbiamo l'esempio dell'arcivescovo Perego e del cardinale Zuppi, non certo ascrivibili alla categoria dei "conservatori" (per quanto valgano queste etichette) ma che, di fronte alla richiesta proveniente da sacerdoti e fedeli, hanno lasciato da parte quelle che potrebbero essere le loro convinzioni personali agendo come pastori del gregge.
    Nel caso del vescovo di cui parla il Papa (purtroppo - mi pare - con compiacimento da parte sua) ci troviamo di fronte a un atteggiamento simile a quei bulletti di periferia che, dopo aver pestato o costretto ad azioni degradanti un loro compagno di scuola, se ne vantano postando il video sui social.
    Se - Dio non voglia! - quei sacerdoti dovessero abbandonare la Chiesa cattolica per entrare nella FSSPX o, peggio, in una conventicola sedevacantista, una parte di responsabilità sarà da ascrivere anche a chi li ha umiliati in quel modo.
    Oboedientia et Pax

  8. #1138
    Cronista di CR L'avatar di Laudato Si’
    Data Registrazione
    Jan 2020
    Località
    Bergamo.
    Messaggi
    19,980
    Citazione Originariamente Scritto da Raffaele Visualizza Messaggio
    Oggi ho acceso la TV dopo mesi e di cosa si è parlato? Ma del famoso "preconclave" naturalmente. E poi una serie di illazioni sui prelati "tradizionalisti". Sarebbe stato meglio evitare di parlarne, no?
    Su questo concordo pienamente con te, anche perché certe notizie creano solo confusione tra i fedeli.
    «Facciamo che la nostra vita sia una luce di Cristo;
    insieme porteremo la luce del Vangelo all’intera realtà» (Papa Francesco).




  9. #1139
    Gran CierRino
    Data Registrazione
    Mar 2013
    Località
    vinci
    Età
    62
    Messaggi
    7,983
    Citazione Originariamente Scritto da Salve Regina Visualizza Messaggio
    Rispondo ad Ultimitempi, notando purtroppo che lui non argomenta mai agli appunti che gli vengono spesso rivolti.

    Quali dubbi ho sulla fede? Tutti quelli possibili, perché sono un povero peccatore e cerco in Pietro la roccia sicura sulla quale appoggiarmi.
    Dell'intervento con i gesuiti slovacchi ho voluto mettere in risalto due passaggi: uno sulle coppie di seconda unione e l'altro sulle coppie omosessuali.
    Quello che è evidente e non richiede spazio interpretativo, è proprio la scelta precisa di impostare il ragionamento sulla coppia: vale a dire l'unità di intenti, progettuale, fisica di due persone per realizzare la propria relazione nell'amore. Coppia intesa quindi nel senso più ampio del termine, come si evince facilmente dal testo: nessuna limitazione, condizione, differenziazione.
    Pertanto, qual è la logica conseguenza che porta il ragionamento a conclusione?
    Vivere in una coppia di seconda unione, compresa la sessualità, è una scelta di vita che non comporta un peccato mortale.
    Vivere in una coppia omosessuale, compresa la sessualità, dà diritto a ricevere una pastorale ecclesiale ad hoc, per andare incontro a Cristo come coppia omosessuale.

    Ringrazio Raffaele ed i moderatori per lo spazio, e brevemente scrivo sulla figura di Pietro.
    Pietro, visto da un non cattolico, svolge un compito di una monotonia e ripetitività estreme: può unicamente confermare ciò che Gesù ha detto.
    Dal di fuori può sembrare una cosa banale e scontata.
    Invece per la Chiesa Cattolica è vitale: Pietro ha l'obbligo di continuare ad insegnare ciò che Gesù ha comandato. Sempre uguale, senza modifiche.
    Si potrebbe obbiettare (fideisticamente): ma Pietro è Pietro, non sbaglia mai e quindi bisogna credere ad ogni parola che dice e gesto che fa.

    E' Gesù stesso che ci dà la risposta.
    Nel momento in cui Simone dice: "Tu sei il Cristo, il Figlio del Dio Vivente", Gesù gli riconosce "Tu sei Pietro".
    Ma pochi istanti dopo quando Pietro rimprovera il Maestro perché ha parlato apertamente di dover essere ucciso, Gesù lo attacca "Vattene da me satana".
    Come è possibile che nel giro di pochi secondi, dapprima è Pietro e poi non più?
    Lo spiega bene Gesù: è Pietro quando parla secondo Dio. Non è Pietro quando parla secondo gli uomini.
    E dunque? Continua, per favore. Stai dicendo fra le righe che Papa Francesco non conferma la Dottrina Cattolica?

    Il Papa: l’aborto è omicidio. Il matrimonio solo tra uomo e donna.

    "L'antisemitismo è alla moda, sta risorgendo. È una cosa brutta brutta brutta". Quanto poi all'aborto, è senza mezzi termini "un omicidio". Anche se i rapporti con chi abortisce o provoca l'aborto vanno affrontati pure sul piano pastorale oltre che dottrinale. E per quanto riguarda i matrimoni gay, per la Chiesa il matrimonio è un sacramento, l'unione tra uomo e donna. E i sacramenti non possono essere cambiati. Le unioni tra persone dello stesso sesso vanno regolati per via civile.

    https://www.avvenire.it/papa/pagine/...ovacchia-muolo
    Ultima modifica di Ultimitempi; 23-09-2021 alle 01:14

  10. #1140
    Veterano di CR L'avatar di Restauratore
    Data Registrazione
    Jun 2018
    Località
    Altamura
    Età
    47
    Messaggi
    1,895
    Citazione Originariamente Scritto da Ultimitempi Visualizza Messaggio
    E dunque? Continua, per favore. Stai dicendo fra le righe che Papa Francesco non conferma la Dottrina Cattolica?

    Il Papa: l’aborto è omicidio. Il matrimonio solo tra uomo e donna.

    "L'antisemitismo è alla moda, sta risorgendo. È una cosa brutta brutta brutta". Quanto poi all'aborto, è senza mezzi termini "un omicidio". Anche se i rapporti con chi abortisce o provoca l'aborto vanno affrontati pure sul piano pastorale oltre che dottrinale. E per quanto riguarda i matrimoni gay, per la Chiesa il matrimonio è un sacramento, l'unione tra uomo e donna. E i sacramenti non possono essere cambiati. Le unioni tra persone dello stesso sesso vanno regolati per via civile.

    https://www.avvenire.it/papa/pagine/...ovacchia-muolo
    Guarda che dire che le unioni gay vanno regolate civilmente è essere contro la dottrina cattolica, anche se si parla (e voglio sperare, dato che civile e non sacramento può essere anche il matrimonio) di Unioni Civili.

    https://www.vatican.va/roman_curia/c...unions_it.html

    Questa difesa fideistica e papolatrica fa male anche alla Chiesa....
    Mi accusano di essere preconciliare ma mi consolo pensando che anche Gesù lo era

Tag per Questa Discussione

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
>