Lo Staff del Forum dichiara la propria fedeltà al Magistero. Se, per qualche svista o disattenzione, dovessimo incorrere in qualche errore o inesattezza, accettiamo fin da ora, con filiale ubbidienza, quanto la Santa Chiesa giudica e insegna. Le affermazioni dei singoli forumisti non rappresentano in alcun modo la posizione del forum, e quindi dello Staff, che ospita tutti gli interventi non esplicitamente contrari al Regolamento di CR (dalla Magna Charta). O Maria concepita senza peccato prega per noi che ricorriamo a Te.
Pagina 99 di 120 PrimaPrima ... 4989979899100101109 ... UltimaUltima
Risultati da 981 a 990 di 1195

Discussione: Interviste, dialoghi e testi non magisteriali di Papa Francesco

  1. #981
    Veterano di CR
    Data Registrazione
    Jun 2020
    Località
    Roma
    Età
    51
    Messaggi
    1,640
    Citazione Originariamente Scritto da Ultimitempi Visualizza Messaggio
    https://www.biblistica.it/?page_id=10
    Chi siamo


    Noi non ci riferiamo ad alcuna religione o setta. Crediamo anzi che tutte le religioni siano false.
    --------------------------

    Con il massimo e più totale rispetto per i signori del sito biblistica e per le loro opinioni in merito alle religioni, non penso che un'interpretazione biblica fatta da chi crede che tutte le religioni siano false sia vincolante per una persona cattolica
    Ultima modifica di bingen2; 20-08-2021 alle 09:38

  2. #982
    Moderatore Globale L'avatar di Vox Populi
    Data Registrazione
    Apr 2006
    Località
    casa mia
    Messaggi
    59,991
    Gesù porta a compimento i comandamenti di Dio, in particolare il comandamento dell'amore del prossimo, interiorizzando e radicalizzando le sue esigenze: l'amore del prossimo scaturisce da un cuore che ama, e che, proprio perché ama, è disposto a vivere le esigenze più alte. Gesù mostra che i comandamenti non devono essere intesi come un limite minimo da non oltrepassare, ma piuttosto come una strada aperta per un cammino morale e spirituale di perfezione, la cui anima è l'amore (cf Col 3,14).
    (San Giovanni Paolo II, Enciclica Veritatis Splendor, n. 15).

    Sinceramente, non vedo contraddizione tra la catechesi di Papa Francesco dell'altro giorno e quanto insegnato dal suo santo predecessore nel passo sopra riportato.
    «Parate viam Domini, rectas facite semitas eius»
    (Luc. 3, 4)

  3. #983
    CierRino
    Data Registrazione
    May 2011
    Località
    alto Lazio
    Età
    74
    Messaggi
    6,002
    Citazione Originariamente Scritto da Vox Populi Visualizza Messaggio

    ...Sinceramente, non vedo contraddizione tra la catechesi di Papa Francesco dell'altro giorno e quanto insegnato dal suo santo predecessore nel passo sopra riportato.
    finita la dotazione dei "grazie", lo faccio così.

    La "contraddizione" è però inventata da coloro che vorrebbero creare un' arbitraria divisione tra un prima e un dopo l'avvento di questo Papa.
    Sono ormai molti anni che si assiste a questo continuo proporre affermazioni, con l'intento di far emergere chissà quaie distorsione della Dottrina, da parte di questo Santo Padre, tacciato persino di eresia.
    Poi l'ipocrisia peggiora il già disgustoso boccone.
    Prosit a quanti se ne cibano.

  4. #984
    CierRino
    Data Registrazione
    May 2011
    Località
    alto Lazio
    Età
    74
    Messaggi
    6,002
    Citazione Originariamente Scritto da bingen2 Visualizza Messaggio
    https://www.biblistica.it/?page_id=10
    Chi siamo


    Noi non ci riferiamo ad alcuna religione o setta. Crediamo anzi che tutte le religioni siano false.
    --------------------------

    Con il massimo e più totale rispetto per i signori del sito biblistica e per le loro opinioni in merito alle religioni, non penso che un'interpretazione biblica fatta da chi crede che tutte le religioni siano false sia vincolante per una persona cattolica
    Solo per comprendere il perchè mi sia sfuggito, ma quelle postate da Ultimitempi, mi sono parse citazioni dalle lettere (Rm) di San Paolo, non interpretazioni personali di questo o altro biblista.
    Trovi che siano state manipolate?
    A me non pare, perchè in fondo sono letteralmente corrette anche confrontandole con le altre versioni.

  5. #985
    Veterano di CR
    Data Registrazione
    Jun 2020
    Località
    Roma
    Età
    51
    Messaggi
    1,640
    Citazione Originariamente Scritto da Vox Populi Visualizza Messaggio
    Gesù porta a compimento i comandamenti di Dio, in particolare il comandamento dell'amore del prossimo, interiorizzando e radicalizzando le sue esigenze: l'amore del prossimo scaturisce da un cuore che ama, e che, proprio perché ama, è disposto a vivere le esigenze più alte. Gesù mostra che i comandamenti non devono essere intesi come un limite minimo da non oltrepassare, ma piuttosto come una strada aperta per un cammino morale e spirituale di perfezione, la cui anima è l'amore (cf Col 3,14).
    (San Giovanni Paolo II, Enciclica Veritatis Splendor, n. 15).

    Sinceramente, non vedo contraddizione tra la catechesi di Papa Francesco dell'altro giorno e quanto insegnato dal suo santo predecessore nel passo sopra riportato.
    ma infatti nessuno ha parlato di, o si è inventato, contraddizioni.

  6. #986
    Veterano di CR
    Data Registrazione
    Jun 2020
    Località
    Roma
    Età
    51
    Messaggi
    1,640
    Chi si attenesse ai fatti, e non cercasse in ogni occasione di manipolarli per odio ideologico, avrebbe ricordato che la citazione del sito di biblistica.it riportata ieri da Ultimitempi era molto più lunga, perché riprendeva l'intero testo riportato al link (che è stato lasciato) https://www.biblistica.it/?page_id=694, una lunghissima riflessione che si conclude con una citazione del teologo protestante Alexandre Vinet, e a questa avevo commentato, che usa semprel'espressione "Yeshùa",

    Anche nella citazione ridotta, chi avesse letto con attenzione avrebbe visto che ci sono alcune citazioni bibliiche, e c'è molto commento (in neretto)
    Citazione Originariamente Scritto da Ultimitempi Visualizza Messaggio
    “Non siete sotto la legge ma sotto la grazia”. – Rm 6:14.
    Il passo biblico di Rm 6:14 è particolarmente amato da coloro che credono che la Legge di Dio sia stata abolita. Paolo scrive: “Non siete sotto la legge ma sotto la grazia”. Onestamente, non si comprende come il fatto di essere sotto la grazia possa comportare l’abolizione della Legge di Dio. Questo fatto di essere ‘sotto qualcosa’ va compreso. Non serve qui chissà quale analisi critica del testo greco: basta il buon senso. Quest’argomento che riguarda l’essere “sotto la legge” è illustrato da Paolo con un esempio in Gal 3:24,25:“La legge è stata come un precettore per condurci a Cristo, affinché noi fossimo giustificati per fede. Ma ora che la fede è venuta, non siamo più sotto precettore”. Il precettore guidava passo passo i bambini e i ragazzi finché, giunti all’età matura, erano indipendenti e non avevano più bisogno di lui. Che accadeva al precettore quando i giovani non erano più “sotto precettore”? Veniva forse rinnegato e cacciato via? No. I ragazzi divenuti adulti non dipendevano più da lui, ma perché? Perché avevano ormai imparato tutto l’insegnamento del precettore, lo avevano interiorizzato, e agivano da soli proprio in conformità a ciò che avevano appreso dal precettore. Questo concetto Paolo lo spiega in Gal 5:18: “Se siete guidati dallo Spirito, non siete sotto la legge”. È proprio in questo che sta l’essenza del “nuovo patto”:
    “‘Ecco, i giorni vengono’, dice il Signore, ‘in cui io farò un nuovo patto . . . questo è il patto che farò . . . io metterò la mia legge nell’intimo loro, la scriverò sul loro cuore’”. – Ger 31:31-33.
    Secondo il legalismo farisaico, l’applicazione scrupolosissima della Legge avrebbe recato la salvezza. Queste “opere della Legge” (opere ritenute meritorie in base al legalismo) non possono portare a essere dichiarati giusti: “L’uomo non è giustificato per le opere della legge” (Gal 2:16). “Israele, che ricercava una legge di giustizia, non ha raggiunto questa legge” (Rm 9:31). Di quegli ebrei legalisti Paolo dice: “Io rendo loro testimonianza infatti che hanno zelo per Dio, ma zelo senza conoscenza. Perché, ignorando la giustizia di Dio e cercando di stabilire la propria, non si sono sottomessi alla giustizia di Dio; poiché Cristo è il termine della legge, per la giustificazione di tutti coloro che credono”. – Rm 10:2-4.

    https://www.biblistica.it/?page_id=694
    Facendo fare il calcolo a Word, le parole di commento sono 202 su 387 totali, cioè più della metà
    le citazioni delle lettere di San Paolo, non solo quella ai Romani, ma (a leggere con attenzione) c'è anche quella ai Galati, ed una citazione di Geremia, sono meno della metà del testo.
    Rispetto alla fedeltà dei passi di San Paolo e di Geremia, controllando con la versione del sito del Vaticano ci sono alcune piccole differenze, di cui io, non essendo una biblista e non avendo la smisurata arroganza, boria e presunzione di ritenermi tale, io, non so quantificare l'importanza: magari sono differenze da nulla, magari sono invece differenze sì piccole ma che hanno però grosse conseguenze teologiche.
    Per evitare ogni rischio di confusione, poiché a me sta a cuore la fedeltà al Vangelo di Nostro Signore ed al Trono di Pietro, e non fumisterie ideologiche fallite nella storia, io personalmente, mia opinione, ritengo più sicuro prendere le citazioni bibliche dal sito della Santa Sede che non da un sito i cui titolari, con piena ed assoluta legittimità, dichiarano: "Crediamo anzi che tutte le religioni siano false".

  7. #987
    CierRino
    Data Registrazione
    May 2011
    Località
    alto Lazio
    Età
    74
    Messaggi
    6,002
    Citazione Originariamente Scritto da bingen2 Visualizza Messaggio
    Chi si attenesse ai fatti, e non cercasse in ogni occasione di manipolarli per odio ideologico,
    Per evitare ogni rischio di confusione, poiché a me sta a cuore la fedeltà al Vangelo di Nostro Signore ed al Trono di Pietro, e non fumisterie ideologiche fallite nella storia,.
    Gentile Bingen2,
    siccome questo è un ritornello che riproponi con la frequenza di un mantra,
    mi permetto di chiederti se, al netto delle formule impersonali, ti riferisci a qualcuno in particolare e, sempre al netto delle formule impersonali, se l'ideologia a cui fai cenno non sia per caso il materialismo dialettico o il comunismo etc...

    Lo chiedo perchè, (ma è un'ipotesi impersonale anche la mia), se per caso, visto che riciccia quasi regolarmente dopo un qualche mio intervento o a (impersonale) commento ad esso, dimostrerebbe un'abissale incapacità di giudicare idee o propensioni di altri e un'altrettanto abissale presunzione di saperli valutare.
    Naturalmente si fa per parlare così un po' impersonalmente

  8. #988
    Vecchia guardia di CR
    Data Registrazione
    Aug 2018
    Località
    Cagliari
    Età
    37
    Messaggi
    2,111
    Citazione Originariamente Scritto da Vox Populi Visualizza Messaggio
    Gesù porta a compimento i comandamenti di Dio, in particolare il comandamento dell'amore del prossimo, interiorizzando e radicalizzando le sue esigenze: l'amore del prossimo scaturisce da un cuore che ama, e che, proprio perché ama, è disposto a vivere le esigenze più alte. Gesù mostra che i comandamenti non devono essere intesi come un limite minimo da non oltrepassare, ma piuttosto come una strada aperta per un cammino morale e spirituale di perfezione, la cui anima è l'amore (cf Col 3,14).
    (San Giovanni Paolo II, Enciclica Veritatis Splendor, n. 15).

    Sinceramente, non vedo contraddizione tra la catechesi di Papa Francesco dell'altro giorno e quanto insegnato dal suo santo predecessore nel passo sopra riportato.
    Dicono due cose completamente diverse. Il comandamento è una base da cui partire per arrivare alla perfezione (ecco perché S. Giovanni Paolo II parla di "limite minimo"), e quindi non bisogna limitarsi ad una nozionistica osservanza, ma comprenderli appieno nella logica della carità. Altro discorso è quello del Papa attuale: i comandamenti sarebbero restrittivi, in certi punti, quindi non integrali, non da seguire assolutamente. Vi sono deroghe che si possono e devono fare, secondo lui. E se ne vede la ragione, lui stesso non rispetta le sue stesse modifiche alla liturgia. Quanto è credibile l'ingegnere della motorizzazione che viaggia senza cintura di sicurezza, e che dice che la cintura va prima o poi "superata" in quanto non "assoluta", non "per tutti"? Così è credibile il Papa quando mi parla di comandamenti non assoluti.

  9. #989
    CierRino
    Data Registrazione
    May 2011
    Località
    alto Lazio
    Età
    74
    Messaggi
    6,002
    Citazione Originariamente Scritto da Hijo del hombre;1939537[B
    ]Dicono due cose completamente diverse. I[/B]l comandamento è una base da cui partire per arrivare alla perfezione (ecco perché S. Giovanni Paolo II parla di "limite minimo"), e quindi non bisogna limitarsi ad una nozionistica osservanza, ma comprenderli appieno nella logica della carità. Altro discorso è quello del Papa attuale: i comandamenti sarebbero restrittivi, in certi punti, quindi non integrali, non da seguire assolutamente. Vi sono deroghe che si possono e devono fare, secondo lui. E se ne vede la ragione, lui stesso non rispetta le sue stesse modifiche alla liturgia. Quanto è credibile l'ingegnere della motorizzazione che viaggia senza cintura di sicurezza, e che dice che la cintura va prima o poi "superata" in quanto non "assoluta", non "per tutti"? Così è credibile il Papa quando mi parla di comandamenti non assoluti.
    mi permetto di citarti questo passaggio della gentile Bingen2, perchè mi pare che in esso si affermi che colui o coloro che intendano evidenziare contraddizioni che, a suo dire, nessuno si è mai permesso di fare, corra il rischio di sentirsi etichettato come un ubriaco ideologico.

    La Legge, però, esiste. Ma esiste con un altro modo: la stessa Legge, i Dieci Comandamenti, ma con un altro modo, perché da se stessa non può giustificare una volta che è venuto il Signore Gesù.
    ponendosi perfettamente in linea, com'è ovvio e come solo qualche ubriaco ideologico sente il bisogno di ribadire ogni volta cercando di prendere in castagna ed epurare gli altri, con Nostro Signore Gesù Cristo quando dice, in Matteo 19, "Mosè vi disse..... Io però vi dico".
    Ora io non so se tu lo sia o meno, (astemio) ma io certamente e ideologicamente parlando, lo sono diventato ormai da oltre quattro decenni, e non bevo alcuna bevanda alcolica.
    Meno male, altrimenti sai gli scrupoli...

    NB, trovo degno di attenzione il livello di violenza verbale che in una discussione su un forum cattolico, si riesce a raggiungere: ubriaco ideologico (è persino divertente...no, è squallido, direi)
    Ultima modifica di minusculus; 20-08-2021 alle 16:41

  10. #990
    Cronista di CR L'avatar di PaoVac
    Data Registrazione
    Nov 2007
    Località
    Archidioecesis Taurinensis
    Età
    47
    Messaggi
    7,948
    A leggere senza occhiali ideologici quanto detto sa Papa Francesco sembrerebbe che sì, i comandamenti sono qualcosa di preparatorio e di relativo, fino alla pienezza della Legge della Carità di Cristo.
    A leggere San Giovanni Paolo II sembrerebbe di capire che i comandamenti non siano stati aboliti ma riassunti e perfezionati dalla Legge Nuova del Vangelo.
    Ora, come si concilia quanto detto da Papa Francesco con il fatto che i Dieci Comandamenti sono la Legge morale naturale che ogni uomo percepisce, credente o non credente che sia ed è per questo che valgono sempre, per carità si tratta sempre di limite minimo da cui partire per crescere nella carità di Cristo ma sempre un riferimento sono, hanno quindi comunque un valore assoluto, non sono modificabili a piacimento o no??

Tag per Questa Discussione

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •