Lo Staff del Forum dichiara la propria fedeltà al Magistero. Se, per qualche svista o disattenzione, dovessimo incorrere in qualche errore o inesattezza, accettiamo fin da ora, con filiale ubbidienza, quanto la Santa Chiesa giudica e insegna. Le affermazioni dei singoli forumisti non rappresentano in alcun modo la posizione del forum, e quindi dello Staff, che ospita tutti gli interventi non esplicitamente contrari al Regolamento di CR (dalla Magna Charta). O Maria concepita senza peccato prega per noi che ricorriamo a Te.
Pagina 1 di 38 12311 ... UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 377

Discussione: TESTI LITURGICI DELLA MESSA in Rito Romano (Anno liturgico 2013-2014 - A - II)

  1. #1
    Moderatore Globale L'avatar di Vox Populi
    Data Registrazione
    Apr 2006
    Località
    casa mia
    Messaggi
    61,581

    TESTI LITURGICI DELLA MESSA in Rito Romano (Anno liturgico 2013-2014 - A - II)

    ANNO LITURGICO 2013 - 2014

    Ciclo Liturgico festivo: A
    Ciclo Liturgico feriale (tempo Ordinario): II


    I testi eucologici (antifone, orazioni, prefazi) sono conformi alla traduzione della seconda edizione tipica del Messale Romano, promulgata dalla Conferenza Episcopale Italiana nel 1983 (attualmente in uso per la celebrazione in lingua italiana secondo la Forma Ordinaria del Rito Romano) e ai supplementi successivamente pubblicati relativi alle celebrazioni dei Santi inseriti nel Calendario Romano universale dopo il 1983.

    I testi delle Letture Bibliche sono conformi al Lezionario promulgato dalla Conferenza Episcopale Italiana il 12 novembre 2007 e divenuto obbligatorio per l'uso liturgico a partire dalla I Domenica di Avvento 2010.

  2. #2
    Moderatore Globale L'avatar di Vox Populi
    Data Registrazione
    Apr 2006
    Località
    casa mia
    Messaggi
    61,581
    1 dicembre 2013
    I DOMENICA DI AVVENTO

    Antifona d'Ingresso
    Sal 24,1-3
    A te, Signore, elèvo l'anima mia,
    Dio mio, in te confido: che io non sia confuso.
    Non trionfino su di me i miei nemici.
    Chiunque spera in te non resti deluso.

    Non si dice il Gloria.

    Colletta

    O Dio, nostro Padre, suscita in noi la volontà di andare incontro con le buone opere al tuo Cristo che viene, perché egli ci chiami accanto a se nella gloria a possedere il regno dei cieli. Per il nostro Signore...

    Oppure:
    O Dio, Padre misericordioso, che per riunire i popoli nel tuo regno hai inviato il tuo Figlio unigenito, maestro di verità e fonte di riconciliazione, risveglia in noi uno spirito vigilante, perché camminiamo sulle tue vie di libertà e di amore fino a contemplarti nell'eterna gloria. Per il nostro Signore...

    Prima Lettura Is 2,1-5
    Il Signore unisce tutti i popoli nella pace eterna del suo Regno.


    Dal libro del profeta Isaia
    Messaggio che Isaìa, figlio di Amoz, ricevette in visione su Giuda e su Gerusalemme.
    Alla fine dei giorni,
    il monte del tempio del Signore
    sarà saldo sulla cima dei monti
    e s’innalzerà sopra i colli,
    e ad esso affluiranno tutte le genti.
    Verranno molti popoli e diranno:
    «Venite, saliamo sul monte del Signore,
    al tempio del Dio di Giacobbe,
    perché ci insegni le sue vie
    e possiamo camminare per i suoi sentieri».
    Poiché da Sion uscirà la legge
    e da Gerusalemme la parola del Signore.
    Egli sarà giudice fra le genti
    e arbitro fra molti popoli.
    Spezzeranno le loro spade e ne faranno aratri,
    delle loro lance faranno falci;
    una nazione non alzerà più la spada
    contro un’altra nazione,
    non impareranno più l’arte della guerra.
    Casa di Giacobbe, venite,
    camminiamo nella luce del Signore.

    Salmo Responsoriale dal Salmo 121
    Andiamo con gioia incontro al Signore.

    Quale gioia, quando mi dissero:
    «Andremo alla casa del Signore!».
    Già sono fermi i nostri piedi
    alle tue porte, Gerusalemme!

    È là che salgono le tribù,
    le tribù del Signore,
    secondo la legge d’Israele,
    per lodare il nome del Signore.
    Là sono posti i troni del giudizio,
    i troni della casa di Davide.

    Chiedete pace per Gerusalemme:
    vivano sicuri quelli che ti amano;
    sia pace nelle tue mura,
    sicurezza nei tuoi palazzi.

    Per i miei fratelli e i miei amici
    io dirò: «Su di te sia pace!».
    Per la casa del Signore nostro Dio,
    chiederò per te il bene.

    Seconda Lettura Rm 13, 11-14
    La nostra salvezza è vicina.


    Dalla lettera di san Paolo apostolo ai Romani
    Fratelli, questo voi farete, consapevoli del momento: è ormai tempo di svegliarvi dal sonno, perché adesso la nostra salvezza è più vicina di quando diventammo credenti.
    La notte è avanzata, il giorno è vicino. Perciò gettiamo via le opere delle tenebre e indossiamo le armi della luce.
    Comportiamoci onestamente, come in pieno giorno: non in mezzo a orge e ubriachezze, non fra lussurie e impurità, non in litigi e gelosie. Rivestitevi invece del Signore Gesù Cristo.

    Canto al Vangelo Sal 84,8
    Alleluia, alleluia.
    Mostraci, Signore, la tua misericordia
    e donaci la tua salvezza.
    Alleluia.

    Vangelo Mt 24, 37-44
    Vegliate, per essere pronti al suo arrivo.


    Dal vangelo secondo Matteo
    In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli:
    «Come furono i giorni di Noè, così sarà la venuta del Figlio dell’uomo. Infatti, come nei giorni che precedettero il diluvio mangiavano e bevevano, prendevano moglie e prendevano marito, fino al giorno in cui Noè entrò nell’arca, e non si accorsero di nulla finché venne il diluvio e travolse tutti: così sarà anche la venuta del Figlio dell’uomo. Allora due uomini saranno nel campo: uno verrà portato via e l’altro lasciato. Due donne macineranno alla mola: una verrà portata via e l’altra lasciata.
    Vegliate dunque, perché non sapete in quale giorno il Signore vostro verrà. Cercate di capire questo: se il padrone di casa sapesse a quale ora della notte viene il ladro, veglierebbe e non si lascerebbe scassinare la casa. Perciò anche voi tenetevi pronti perché, nell’ora che non immaginate, viene il Figlio dell’uomo».

    Si dice il Credo.

    Sulle Offerte

    Accogli, Signore, il pane e il vino, dono della tua benevolenza, e fa' che l'umile espressione della nostra fede sia per noi di salvezza eterna. Per Cristo nostro Signore.

    Prefazio dell'Avvento I oppure I/a

    Antifona alla Comunione Sal 84,13

    Il Signore elargirà il suo bene
    e la nostra terra produrrà il suo frutto.

    oppure: Mt 24,42
    «Vegliate, perché non sapete
    in quale giorno verrà il Signore».

    Dopo la Comunione
    La partecipazione a questo sacramento, che a noi pellegrini sulla terra rivela il senso cristiano della vita, ci sostenga, Signore, nel nostro cammino e ci guidi ai beni eterni. Per Cristo nostro Signore.

  3. #3
    Moderatore Globale L'avatar di Vox Populi
    Data Registrazione
    Apr 2006
    Località
    casa mia
    Messaggi
    61,581
    2 dicembre 2013
    LUNEDI DELLA I SETTIMANA DI AVVENTO

    Antifona d'Ingresso
    Cf Ger 31,10; Is 35,4
    Ascoltate, o popoli, la voce del Signore;
    proclamate la sua parola sino ai confini della terra:
    il nostro Salvatore verrà, non abbiate timore.

    Colletta
    Il tuo aiuto, o Padre, ci renda perseveranti nel bene in attesa del Cristo tuo Figlio; quando egli verrà e busserà alla porta ci trovi vigilanti nella preghiera, operosi nella carità fraterna ed esultanti nella lode. Per il nostro Signore...

    Prima Lettura Is 4,2-6
    Ci sarà gioia per gli scampati di Israele.


    Dal libro del profeta Isaìa
    In quel giorno, il germoglio del Signore crescerà in onore e gloria e il frutto della terra sarà a magnificenza e ornamento per i superstiti d’Israele. Chi sarà rimasto in Sion e chi sarà superstite in Gerusalemme sarà chiamato santo: quanti saranno iscritti per restare in vita in Gerusalemme.
    Quando il Signore avrà lavato le brutture delle figlie di Sion e avrà pulito Gerusalemme dal sangue che vi è stato versato, con il soffio del giudizio e con il soffio dello sterminio, allora creerà il Signore su ogni punto del monte Sion e su tutti i luoghi delle sue assemblee una nube di fumo durante il giorno e un bagliore di fuoco fiammeggiante durante la notte, perché la gloria del Signore sarà sopra ogni cosa come protezione, come una tenda sarà ombra contro il caldo di giorno e rifugio e riparo contro la bufera e contro la pioggia.

    Salmo Responsoriale Dal Salmo 121
    Andiamo con gioia incontro al Signore.

    Quale gioia, quando mi dissero:
    «Andremo alla casa del Signore!».
    Già sono fermi i nostri piedi
    alle tue porte, Gerusalemme!

    Gerusalemme è costruita
    come città unita e compatta.
    È là che salgono le tribù,
    le tribù del Signore.

    Chiedete pace per Gerusalemme:
    vivano sicuri quelli che ti amano;
    sia pace nelle tue mura,
    sicurezza nei tuoi palazzi.

    Per i miei fratelli e i miei amici
    io dirò: «Su di te sia pace!».
    Per la casa del Signore nostro Dio,
    chiederò per te il bene.

    Canto al Vangelo Sal 79,4
    Alleluia, alleluia.
    Signore, nostro Dio, vieni a liberarci:
    fa’ splendere il tuo volto e noi saremo salvi.
    Alleluia.

    Vangelo Mt 8, 5-11
    Molti dall'oriente e dall'occidente verranno nel regno dei cieli.


    Dal vangelo secondo Matteo
    In quel tempo, entrato Gesù in Cafàrnao, gli venne incontro un centurione che lo scongiurava e diceva: «Signore, il mio servo è in casa, a letto, paralizzato e soffre terribilmente». Gli disse: «Verrò e lo guarirò».
    Ma il centurione rispose: «Signore, io non sono degno che tu entri sotto il mio tetto, ma di’ soltanto una parola e il mio servo sarà guarito. Pur essendo anch’io un subalterno, ho dei soldati sotto di me e dico a uno: “Va’!”, ed egli va; e a un altro: “Vieni!”, ed egli viene; e al mio servo: “Fa’ questo!”, ed egli lo fa».
    Ascoltandolo, Gesù si meravigliò e disse a quelli che lo seguivano: «In verità io vi dico, in Israele non ho trovato nessuno con una fede così grande! Ora io vi dico che molti verranno dall’oriente e dall’occidente e siederanno a mensa con Abramo, Isacco e Giacobbe nel regno dei cieli».

    Sulle Offerte
    Accogli, Signore, il pane e il vino, dono della tua benevolenza, e fa' che l'umile espressione della nostra fede sia per noi pegno di salvezza eterna. Per Cristo nostro Signore.

    Oppure:
    Ti offriamo, Signore, questo sacrificio di lode nella serena fiducia di esser liberati dai mali presenti e futuri e di ottenere l'eredità che ci hai promesso. Per Cristo nostro Signore.

    Prefazio dell'Avvento I oppure I/a.

    Antifona alla Comunione Cf Sal 105,4-5; Is 38,3

    Vieni, Signore, a visitarci con la tua pace:
    la tua presenza ci riempirà di gioia.

    Oppure: Mt 8,11
    Molti verranno dall'oriente e dall'occidente
    e siederanno a mensa nel regno dei cieli.

    Dopo la Comunione
    La partecipazione a questo sacramento, che a noi pellegrini sulla terra rivela il senso cristiano della vita, ci sostenga, Signore, nel nostro cammino e ci guidi ai beni eterni. Per Cristo nostro Signore.

    Oppure:
    Signore Dio nostro, il mistero di cui ci hai reso partecipi, alimenti la lampada della nostra fede e ci renda vigilanti nell'attesa del tuo Figlio, per essere introdotti con lui al convito nuziale. Per Cristo nostro Signore.

  4. #4
    Moderatore Globale L'avatar di Vox Populi
    Data Registrazione
    Apr 2006
    Località
    casa mia
    Messaggi
    61,581
    3 dicembre 2013
    SAN FRANCESCO SAVERIO Sacerdote
    Memoria

    Antifona d'Ingresso
    Sal 95,3-4
    Narrate tra i popoli la gloria del Signore,
    a tutte le nazioni dite i suoi prodigi;
    grande è il Signore e degno di ogni lode.

    Colletta
    O Dio, che hai chiamato molti popoli dell'Oriente alla luce del Vangelo, con la predicazione apostolica di san Francesco Saverio, fa' che ogni comunità cristiana arda dello stesso fervore missionario, perché su tutta la terra la santa Chiesa si allieti di nuovi figli. Per il nostro Signore...

    Prima Lettura Is 11, 1-10
    Su di lui si poserà lo spirito del Signore.


    Dal libro del profeta Isaìa
    In quel giorno,
    un germoglio spunterà dal tronco di Iesse,
    un virgulto germoglierà dalle sue radici.
    Su di lui si poserà lo spirito del Signore,
    spirito di sapienza e d’intelligenza,
    spirito di consiglio e di fortezza,
    spirito di conoscenza e di timore del Signore.
    Si compiacerà del timore del Signore.
    Non giudicherà secondo le apparenze
    e non prenderà decisioni per sentito dire;
    ma giudicherà con giustizia i miseri
    e prenderà decisioni eque per gli umili della terra.
    Percuoterà il violento con la verga della sua bocca,
    con il soffio delle sue labbra ucciderà l’empio.
    La giustizia sarà fascia dei suoi lombi
    e la fedeltà cintura dei suoi fianchi.
    Il lupo dimorerà insieme con l’agnello;
    il leopardo si sdraierà accanto al capretto;
    il vitello e il leoncello pascoleranno insieme
    e un piccolo fanciullo li guiderà.
    La mucca e l’orsa pascoleranno insieme;
    i loro piccoli si sdraieranno insieme.
    Il leone si ciberà di paglia, come il bue.
    Il lattante si trastullerà sulla buca della vipera;
    il bambino metterà la mano nel covo del serpente velenoso.
    Non agiranno più iniquamente né saccheggeranno
    in tutto il mio santo monte,
    perché la conoscenza del Signore riempirà la terra
    come le acque ricoprono il mare.
    In quel giorno avverrà
    che la radice di Iesse sarà un vessillo per i popoli.
    Le nazioni la cercheranno con ansia.
    La sua dimora sarà gloriosa.

    Salmo Responsoriale Dal Salmo 71
    Nei suoi giorni fioriranno giustizia e pace.

    O Dio, affida al re il tuo diritto,
    al figlio di re la tua giustizia;
    egli giudichi il tuo popolo secondo giustizia
    e i tuoi poveri secondo il diritto.

    Nei suoi giorni fiorisca il giusto
    e abbondi la pace,
    finché non si spenga la luna.
    E dòmini da mare a mare,
    dal fiume sino ai confini della terra.

    Perché egli libererà il misero che invoca
    e il povero che non trova aiuto.
    Abbia pietà del debole e del misero
    e salvi la vita dei miseri.

    Il suo nome duri in eterno,
    davanti al sole germogli il suo nome.
    In lui siano benedette tutte le stirpi della terra
    e tutte le genti lo dicano beato.

    Canto al Vangelo
    Alleluia, alleluia.
    Ecco, viene il Signore nostro Dio con potenza grande,
    illuminerà gli occhi dei suoi servi.
    Alleluia.

    Vangelo Lc 10, 21-24
    Gesù esultò nello Spirito Santo.


    Dal vangelo secondo Luca
    In quella stessa ora Gesù esultò di gioia nello Spirito Santo e disse: «Ti rendo lode, o Padre, Signore del cielo e della terra, perché hai nascosto queste cose ai sapienti e ai dotti e le hai rivelate ai piccoli. Sì, o Padre, perché così hai deciso nella tua benevolenza. Tutto è stato dato a me dal Padre mio e nessuno sa chi è il Figlio se non il Padre, né chi è il Padre se non il Figlio e colui al quale il Figlio vorrà rivelarlo».
    E, rivolto ai discepoli, in disparte, disse: «Beati gli occhi che vedono ciò che voi vedete. Io vi dico che molti profeti e re hanno voluto vedere ciò che voi guardate, ma non lo videro, e ascoltare ciò che voi ascoltate, ma non lo ascoltarono».

    Sulle Offerte
    Accogli i doni che ti offriamo, o Signore, nel ricordo di san Francesco Saverio, che peregrinò alle lontane terre dell'Oriente sospinto dal desiderio di salvare l'umanità; concedi anche a noi di essere annunziatori e testimoni della fede, per venire incontro a te con una moltitudine di fratelli. Per Cristo nostro Signore.

    Prefazio dell'Avvento I o I/a oppure dei Santi Pastori.

    Antifona alla Comunione Cf Mc 16,15; Mt 28,20

    «Andate in tutto il mondo
    e predicate il Vangelo:
    io sono con voi tutti i giorni,
    sino alla fine dei tempi»,
    dice il Signore.

    Dopo la Comunione
    L'Eucaristia che abbiamo celebrato, Signore, ci comunichi la carità apostolica di san Francesco Saverio, perché ognuno di noi viva in modo autentico la sua vocazione cristiana, e ottenga il premio promesso ai buoni operai del Vangelo. Per Cristo nostro Signore.

  5. #5
    Moderatore Globale L'avatar di Vox Populi
    Data Registrazione
    Apr 2006
    Località
    casa mia
    Messaggi
    61,581
    4 dicembre 2013
    MERCOLEDI DELLA I SETTIMANA DI AVVENTO

    Antifona d'Ingresso
    Cf Ab 2,3; 1 Cor 4,5
    Il Signore viene, non tarderà:
    svelerà i segreti delle tenebre,
    si farà conoscere a tutti i popoli.

    Colletta
    Dio grande e misericordioso, prepara con la tua potenza il nostro cuore a incontrare il Cristo che viene, perché ci trovi degni di partecipare al banchetto della vita e ci serva egli stesso nel suo avvento glorioso. Per il nostro Signore...

    Prima Lettura Is 25, 6-10a
    Il Signore invita tutti al suo banchetto e asciuga le lacrime su ogni volto.


    Dal libro del profeta Isaìa
    In quel giorno,
    preparerà il Signore degli eserciti
    per tutti i popoli, su questo monte,
    un banchetto di grasse vivande,
    un banchetto di vini eccellenti,
    di cibi succulenti, di vini raffinati.
    Egli strapperà su questo monte
    il velo che copriva la faccia di tutti i popoli
    e la coltre distesa su tutte le nazioni.
    Eliminerà la morte per sempre.
    Il Signore Dio asciugherà le lacrime su ogni volto,
    l’ignominia del suo popolo
    farà scomparire da tutta la terra,
    poiché il Signore ha parlato.
    E si dirà in quel giorno: «Ecco il nostro Dio;
    in lui abbiamo sperato perché ci salvasse.
    Questi è il Signore in cui abbiamo sperato;
    rallegriamoci, esultiamo per la sua salvezza,
    poiché la mano del Signore si poserà su questo monte».

    Salmo Responsoriale Salmo 22
    Abiterò nella casa del Signore tutti i giorni della mia vita.

    Il Signore è il mio pastore:
    non manco di nulla.
    Su pascoli erbosi mi fa riposare,
    ad acque tranquille mi conduce.
    Rinfranca l’anima mia.

    Mi guida per il giusto cammino
    a motivo del suo nome.
    Anche se vado per una valle oscura,
    non temo alcun male, perché tu sei con me.
    Il tuo bastone e il tuo vincastro
    mi danno sicurezza.

    Davanti a me tu prepari una mensa
    sotto gli occhi dei miei nemici.
    Ungi di olio il mio capo;
    il mio calice trabocca.

    Sì, bontà e fedeltà mi saranno compagne
    tutti i giorni della mia vita,
    abiterò ancora nella casa del Signore
    per lunghi giorni.

    Canto al Vangelo
    Alleluia, alleluia.
    Ecco, viene il Signore a salvare il suo popolo:
    beati coloro che sono preparati all’incontro.
    Alleluia.

    Vangelo Mt 15, 29-37
    Gesù guarisce molti malati e moltiplica i pani.


    Dal vangelo secondo Matteo
    In quel tempo, Gesù giunse presso il mare di Galilea e, salito sul monte, lì si fermò. Attorno a lui si radunò molta folla, recando con sé zoppi, storpi, ciechi, sordi e molti altri malati; li deposero ai suoi piedi, ed egli li guarì, tanto che la folla era piena di stupore nel vedere i muti che parlavano, gli storpi guariti, gli zoppi che camminavano e i ciechi che vedevano. E lodava il Dio d’Israele.
    Allora Gesù chiamò a sé i suoi discepoli e disse: «Sento compassione per la folla. Ormai da tre giorni stanno con me e non hanno da mangiare. Non voglio rimandarli digiuni, perché non vengano meno lungo il cammino». E i discepoli gli dissero: «Come possiamo trovare in un deserto tanti pani da sfamare una folla così grande?».
    Gesù domandò loro: «Quanti pani avete?». Dissero: «Sette, e pochi pesciolini». Dopo aver ordinato alla folla di sedersi per terra, prese i sette pani e i pesci, rese grazie, li spezzò e li dava ai discepoli, e i discepoli alla folla.
    Tutti mangiarono a sazietà. Portarono via i pezzi avanzati: sette sporte piene.

    Sulle Offerte
    Sempre si rinnovi, Signore, l'offerta di questo sacrificio, che attua il santo mistero da te istituito, e con la sua divina potenza renda efficace in noi l'opera della salvezza. Per Cristo nostro Signore.

    Oppure:
    L'offerta che ti presentiamo, Signore, dia gloria al tuo nome e ottenga a noi il perdono e la pace. Per Cristo nostro Signore.

    Prefazio dell'Avvento I oppure I/a.

    Antifona alla Comunione Is 40,10; cf 34,5

    Il Signore nostro Dio verrà con potenza
    e riempirà di luce i suoi fedeli.

    Oppure: Mt 15,32
    «Sento compassione di questa folla:
    non voglio rimandarli digiuni,
    perché non svengano lungo la strada».

    Dopo la Comunione
    O Dio, nostro Padre, la forza di questo sacramento ci liberi dal peccato e ci prepari alle feste del Natale. Per Cristo nostro Signore.

    Oppure:
    O Padre, che ci hai nutriti con il corpo e sangue del tuo Figlio, fa' che rimaniamo nel tuo amore, viviamo della tua vita e camminiamo verso la tua pace. Per Cristo nostro Signore.

    _________________________________

    Memoria facoltativa:
    SAN GIOVANNI DAMASCENO Sacerdote e Dottore della Chiesa


    dal Comune dei Dottori della Chiesa o dei Pastori.

    Colletta

    Signore, che in san Giovanni Damasceno hai dato alla tua Chiesa un insigne maestro della sapienza dei padri, fa' che la vera fede, che egli insegnò con gli scritti e con la vita, sia sempre nostra forza e nostra luce. Per il nostro Signore...

  6. #6
    Moderatore Globale L'avatar di Vox Populi
    Data Registrazione
    Apr 2006
    Località
    casa mia
    Messaggi
    61,581
    5 dicembre 2013
    GIOVEDI DELLA I SETTIMANA DI AVVENTO

    Antifona d'Ingresso
    Cf Sal 118,151-152
    Tu sei vicino, o Signore; tutte le tue vie sono verità.
    Fin da principio ho conosciuto
    dalla tua testimonianza che tu sei in eterno.

    Colletta
    Ridesta la tua potenza, Signore, e con grande forza soccorri i tuoi fedeli; la tua grazia vinca le resistenze del peccato e affretti il momento della salvezza. Per il nostro Signore...

    Prima Lettura Is 26,1-6
    Entri una nazione giusta che si mantiene fedele.


    Dal libro del profeta Isaia
    In quel giorno si canterà questo canto nella terra di Giuda:
    «Abbiamo una città forte;
    mura e bastioni egli ha posto a salvezza.
    Aprite le porte:
    entri una nazione giusta,
    che si mantiene fedele.
    La sua volontà è salda;
    tu le assicurerai la pace,
    pace perché in te confida.
    Confidate nel Signore sempre,
    perché il Signore è una roccia eterna,
    perché egli ha abbattuto
    coloro che abitavano in alto,
    ha rovesciato la città eccelsa,
    l’ha rovesciata fino a terra,
    l’ha rasa al suolo.
    I piedi la calpestano:
    sono i piedi degli oppressi,
    i passi dei poveri».

    Salmo Responsoriale Dal Salmo 117
    Benedetto colui che viene nel nome del Signore.

    Rendete grazie al Signore perché è buono,
    perché il suo amore è per sempre.
    È meglio rifugiarsi nel Signore
    che confidare nell’uomo.
    È meglio rifugiarsi nel Signore
    che confidare nei potenti.

    Apritemi le porte della giustizia:
    vi entrerò per ringraziare il Signore.
    È questa la porta del Signore:
    per essa entrano i giusti.
    Ti rendo grazie, perché mi hai risposto,
    perché sei stato la mia salvezza.

    Ti preghiamo, Signore: dona la salvezza!
    Ti preghiamo, Signore: dona la vittoria!
    Benedetto colui che viene nel nome del Signore.
    Vi benediciamo dalla casa del Signore.
    Il Signore è Dio, egli ci illumina.

    Canto al Vangelo Is 55,6
    Alleluia, alleluia.
    Cercate il Signore, mentre si fa trovare,
    invocatelo, mentre è vicino.
    Alleluia.

    Vangelo Mt 7,21.24-27
    Chi fa la volontà del Padre mio, entrerà nel regno dei cieli.


    Dal vangelo secondo Matteo
    In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli:
    «Non chiunque mi dice: “Signore, Signore”, entrerà nel regno dei cieli, ma colui che fa la volontà del Padre mio che è nei cieli.
    Perciò chiunque ascolta queste mie parole e le mette in pratica, sarà simile a un uomo saggio, che ha costruito la sua casa sulla roccia. Cadde la pioggia, strariparono i fiumi, soffiarono i venti e si abbatterono su quella casa, ma essa non cadde, perché era fondata sulla roccia.
    Chiunque ascolta queste mie parole e non le mette in pratica, sarà simile a un uomo stolto, che ha costruito la sua casa sulla sabbia. Cadde la pioggia, strariparono i fiumi, soffiarono i venti e si abbatterono su quella casa, ed essa cadde e la sua rovina fu grande».

    Sulle Offerte
    Accogli, Signore, il pane e il vino, dono della tua benevolenza, e fa' che l'umile espressione della nostra fede sia per noi pegno di salvezza eterna. Per Cristo nostro Signore.

    Oppure:
    Accetta, Signore, i doni che ti presentiamo, e sia fonte di redenzione e di pace questo sacrificio che cancella i peccati del mondo. Per Cristo nostro Signore.

    Prefazio dell'Avvento I oppure I/a.

    Antifona alla Comunione Tt 2,12-13

    Viviamo in questo mondo con giustizia e pietà,
    nell'attesa che si compia la beata speranza,
    e venga la gloria del nostro Dio.

    Oppure: Mt 7, 21
    «Non chiunque mi dice: Signore, Signore,
    entrerà nel regno dei cieli,
    ma chi fa la volontà del Padre mio».

    Dopo la Comunione
    La partecipazione a questo sacramento, che a noi pellegrini sulla terra rivela il senso cristiano della vita, ci sostenga, Signore, nel nostro cammino e ci guidi ai beni eterni. Per Cristo nostro Signore.

    Oppure:
    O Padre, la forza del tuo Spirito, operante in questi santi misteri, sia per noi sostegno nella vita presente e pegno sicuro della felicità eterna. Per Cristo nostro Signore.

  7. #7
    Moderatore Globale L'avatar di Vox Populi
    Data Registrazione
    Apr 2006
    Località
    casa mia
    Messaggi
    61,581
    6 dicembre 2013
    VENERDI DELLA I SETTIMANA DI AVVENTO

    Antifona d'Ingresso

    Il Signore verrà con splendore
    a visitare il suo popolo nella pace,
    per fargli dono della sua vita eterna.

    Colletta
    Ridesta la tua potenza e vieni, Signore: nei pericoli che ci minacciano a causa dei nostri peccati la tua protezione ci liberi, il tuo soccorso ci salvi. Tu sei Dio...

    Prima Lettura Is 29, 17-24
    In quel giorno gli occhi dei ciechi vedranno.


    Dal libro del profeta Isaìa
    Così dice il Signore Dio:
    «Certo, ancora un po’
    e il Libano si cambierà in un frutteto
    e il frutteto sarà considerato una selva.
    Udranno in quel giorno i sordi le parole del libro;
    liberati dall’oscurità e dalle tenebre,
    gli occhi dei ciechi vedranno.
    Gli umili si rallegreranno di nuovo nel Signore,
    i più poveri gioiranno nel Santo d’Israele.
    Perché il tiranno non sarà più, sparirà l’arrogante,
    saranno eliminati quanti tramano iniquità,
    quanti con la parola rendono colpevoli gli altri,
    quanti alla porta tendono tranelli al giudice
    e rovinano il giusto per un nulla.
    Pertanto, dice alla casa di Giacobbe il Signore,
    che riscattò Abramo:
    “D’ora in poi Giacobbe non dovrà più arrossire,
    il suo viso non impallidirà più,
    poiché vedendo i suoi figli l’opera delle mie mani tra loro,
    santificheranno il mio nome,
    santificheranno il Santo di Giacobbe
    e temeranno il Dio d’Israele.
    Gli spiriti traviati apprenderanno la sapienza,
    quelli che mormorano impareranno la lezione”».

    Salmo Responsoriale Dal Salmo 26
    Il Signore è la mia luce e mia salvezza.

    Il Signore è mia luce e mia salvezza:
    di chi avrò timore?
    Il Signore è difesa della mia vita:
    di chi avrò paura?

    Una cosa ho chiesto al Signore,
    questa sola io cerco:
    abitare nella casa del Signore
    tutti i giorni della mia vita,
    per contemplare la bellezza del Signore
    e ammirare il suo santuario.

    Sono certo di contemplare la bontà del Signore
    nella terra dei viventi.
    Spera nel Signore, sii forte,
    si rinsaldi il tuo cuore e spera nel Signore.

    Canto al Vangelo
    Alleluia, alleluia.
    Il Signore viene, andiamogli incontro:
    egli è la luce del mondo.
    Alleluia.

    Vangelo Mt 9,27-31
    Gesù guarisce due ciechi che credono in lui.


    Dal vangelo secondo Matteo
    In quel tempo, mentre Gesù si allontanava, due ciechi lo seguirono gridando: «Figlio di Davide, abbi pietà di noi!».
    Entrato in casa, i ciechi gli si avvicinarono e Gesù disse loro: «Credete che io possa fare questo?». Gli risposero: «Sì, o Signore!».
    Allora toccò loro gli occhi e disse: «Avvenga per voi secondo la vostra fede». E si aprirono loro gli occhi.
    Quindi Gesù li ammonì dicendo: «Badate che nessuno lo sappia!». Ma essi, appena usciti, ne diffusero la notizia in tutta quella regione.

    Sulle Offerte
    Ti siano gradite, Signore, le nostre umili offerte e preghiere; all'estrema povertà dei nostri meriti supplica l'aiuto della tua misericordia. Per Cristo nostro Signore.

    Oppure:
    O Signore, questo sacrificio di riconciliazione e di lode ci ottenga la gioiosa esperienza del tuo perdono e trasformi tutta la nostra vita in perenne rendimento di grazie. Per Cristo nostro Signore.

    Prefazio dell'Avvento I oppure I/a.

    Antifona alla Comunione Fil 3,20-21

    Aspettiamo il nostro Salvatore Gesù Cristo:
    egli trasfigurerà il nostro corpo mortale
    a immagine del suo corpo glorioso.

    Oppure Mt 9,29-30
    Gesù disse: «Sia fatto a voi secondo la vostra fede».
    E si aprirono i loro occhi.

    Dopo la Comunione

    O Dio, che in questo sacramento ci hai nutriti con il pane della vita, insegnaci a valutare con sapienza i beni della terra, nella continua ricerca dei beni del cielo. Per Cristo nostro Signore.

    Oppure:
    O Dio, che ci hai colmato dei tuoi doni, fa' che rinnovati dal pane della vita, procediamo sicuri nel cammino della salvezza. Per Cristo nostro Signore.

    _________________________________

    Memoria facoltativa:
    SAN NICOLA Vescovo


    dal Comune dei Pastori (per i Vescovi)

    Colletta

    Assisti il tuo popolo, Dio misericordioso, e per l'intercessione del vescovo san Nicola, che veneriamo nostro protettore, salvaci da ogni pericolo nel cammino che conduce alla salvezza. Per il nostro Signore...

  8. #8
    Moderatore Globale L'avatar di Vox Populi
    Data Registrazione
    Apr 2006
    Località
    casa mia
    Messaggi
    61,581
    7 dicembre 2013
    SANT'AMBROGIO Vescovo e Dottore della Chiesa
    Memoria

    Antifona d'Ingresso
    Dn 12,3
    I saggi rifulgeranno
    come lo splendore del firmamento;
    coloro che insegneranno a molti la giustizia
    brilleranno come stelle per sempre.

    Colletta
    O Dio, che nel vescovo sant'Ambrogio ci hai dato un insigne maestro della fede cattolica e un esempio di apostolica fortezza, suscita nella Chiesa uomini secondo il tuo cuore, che la guidino con coraggio e sapienza. Per il nostro Signore...

    Prima Lettura Is 30, 19-21.23-26
    A un tuo grido di supplica il Signore ti farà grazia.


    Dal libro del profeta Isaìa
    Popolo di Sion, che abiti a Gerusalemme,
    tu non dovrai più piangere.
    A un tuo grido di supplica [il Signore] ti farà grazia;
    appena udrà, ti darà risposta.
    Anche se il Signore ti darà il pane dell’afflizione
    e l’acqua della tribolazione,
    non si terrà più nascosto il tuo maestro;
    i tuoi occhi vedranno il tuo maestro,
    i tuoi orecchi sentiranno questa parola dietro di te:
    «Questa è la strada, percorretela»,
    caso mai andiate a destra o a sinistra.
    Allora egli concederà la pioggia per il seme
    che avrai seminato nel terreno,
    e anche il pane, prodotto della terra, sarà abbondante e sostanzioso;
    in quel giorno il tuo bestiame pascolerà su un vasto prato.
    I buoi e gli asini che lavorano la terra
    mangeranno biada saporita,
    ventilata con la pala e con il vaglio.
    Su ogni monte e su ogni colle elevato
    scorreranno canali e torrenti d’acqua
    nel giorno della grande strage,
    quando cadranno le torri.
    La luce della luna sarà come la luce del sole
    e la luce del sole sarà sette volte di più,
    come la luce di sette giorni,
    quando il Signore curerà la piaga del suo popolo
    e guarirà le lividure prodotte dalle sue percosse.

    Salmo Responsoriale Dal Salmo 146
    Beati coloro che aspettano il Signore.

    È bello cantare inni al nostro Dio,
    è dolce innalzare la lode.
    Il Signore ricostruisce Gerusalemme,
    raduna i dispersi d’Israele.

    Risana i cuori affranti
    e fascia le loro ferite.
    Egli conta il numero delle stelle
    e chiama ciascuna per nome.

    Grande è il Signore nostro,
    grande nella sua potenza;
    la sua sapienza non si può calcolare.
    Il Signore sostiene i poveri,
    ma abbassa fino a terra i malvagi.

    Canto al Vangelo Is 33, 22
    Alleluia, alleluia.
    Il Signore è nostro giudice,
    nostro legislatore, nostro re:
    egli ci salverà.
    Alleluia.

    Vangelo Mt 9, 35-10,1.6-8
    Vedendo le folle, ne sentì compassione.


    Dal vangelo secondo Matteo
    In quel tempo, Gesù percorreva tutte le città e i villaggi, insegnando nelle loro sinagoghe, annunciando il vangelo del Regno e guarendo ogni malattia e ogni infermità.
    Vedendo le folle, ne sentì compassione, perché erano stanche e sfinite come pecore che non hanno pastore. Allora disse ai suoi discepoli: «La messe è abbondante, ma sono pochi gli operai! Pregate dunque il signore della messe, perché mandi operai nella sua messe!».
    Chiamati a sé i suoi dodici discepoli, diede loro potere sugli spiriti impuri per scacciarli e guarire ogni malattia e ogni infermità.
    E li inviò ordinando loro: «Rivolgetevi alle pecore perdute della casa d’Israele. Strada facendo, predicate, dicendo che il regno dei cieli è vicino. Guarite gli infermi, risuscitate i morti, purificate i lebbrosi, scacciate i demòni. Gratuitamente avete ricevuto, gratuitamente date».

    Sulle Offerte
    Venga su di noi, o Padre, il tuo Santo Spirito, nella celebrazione dei divini misteri, e ci riempia di quella luce evangelica che fece di sant'Ambrogio un ardente apostolo della fede. Per Cristo nostro Signore.

    Prefazio dell'Avvento I o I/a oppure dei Santi Pastori.

    Antifona alla Comunione cf Gv 10,11

    Il buon pastore dona la vita
    per il suo gregge.

    Dopo la Comunione
    O Dio, che ci hai rinnovati con la potenza misteriosa di questo sacramento, fa' che alla scuola di sant'Ambrogio vescovo camminiamo da forti sulla via della salvezza, per giungere alla gioia del convito eterno. Per Cristo nostro Signore.

  9. #9
    Moderatore Globale L'avatar di Vox Populi
    Data Registrazione
    Apr 2006
    Località
    casa mia
    Messaggi
    61,581
    8 dicembre 2013
    IMMACOLATA CONCEZIONE DELLA BEATA VERGINE MARIA
    Solennità


    N.B.: La solennità dell'Immacolata Concezione della Beata Vergine Maria, pur coincidendo quest'anno con la II domenica di Avvento, viene celebrata nel Rito Romano nel suo giorno proprio, a motivo della deroga alla norma della precedenza delle domeniche di Avvento sulle solennità della B.V.M. e dei Santi, concessa alla Conferenza Episcopale Italiana dalla Congregazione per il Culto Divino e la Disciplina dei Sacramenti. In base a detta concessione, la seconda lettura è quella della II domenica di Avvento e si deve fare menzione di tale tempo liturgico nell'omelia e nella preghiera universale (cfr Comunicato dell'Ufficio Liturgico Nazionale).

    Antifona d'Ingresso
    Is 61,10
    Esulto e gioisco nel Signore,
    l'anima mia si allieta nel mio Dio,
    perché mi ha rivestito delle vesti di salvezza,
    mi ha avvolto con il manto della giustizia,
    come una sposa adornata di gioielli.

    Si dice il Gloria.

    Colletta

    O Padre, che nell'Immacolata Concezione della Vergine hai preparato una degna dimora per il tuo Figlio, e in previsione della morte di lui l'hai preservata da ogni macchia di peccato, concedi anche a noi, per sua intercessione, di venire incontro a te in santità e purezza di spirito. Per il nostro Signore...

    Prima Lettura Gen 3,9-15.20
    Porrò inimicizia tra la tua stirpe e la stirpe della donna.


    Dal libro della Genesi
    [Dopo che l’uomo ebbe mangiato del frutto dell’albero,] il Signore Dio lo chiamò e gli disse: «Dove sei?». Rispose: «Ho udito la tua voce nel giardino: ho avuto paura, perché sono nudo, e mi sono nascosto». Riprese: «Chi ti ha fatto sapere che sei nudo? Hai forse mangiato dell’albero di cui ti avevo comandato di non mangiare?». Rispose l’uomo: «La donna che tu mi hai posto accanto mi ha dato dell’albero e io ne ho mangiato». Il Signore Dio disse alla donna: «Che hai fatto?». Rispose la donna: «Il serpente mi ha ingannata e io ho mangiato».
    Allora il Signore Dio disse al serpente:
    «Poiché hai fatto questo,
    maledetto tu fra tutto il bestiame
    e fra tutti gli animali selvatici!
    Sul tuo ventre camminerai
    e polvere mangerai
    per tutti i giorni della tua vita.
    Io porrò inimicizia fra te e la donna,
    fra la tua stirpe e la sua stirpe:
    questa ti schiaccerà la testa
    e tu le insidierai il calcagno».
    L’uomo chiamò sua moglie Eva, perché ella fu la madre di tutti i viventi.

    Salmo Responsoriale Dal Salmo 97
    Cantate al Signore un canto nuovo, perché ha compiuto meraviglie.

    Cantate al Signore un canto nuovo,
    perché ha compiuto meraviglie.
    Gli ha dato vittoria la sua destra
    e il suo braccio santo.

    Il Signore ha fatto conoscere la sua salvezza,
    agli occhi delle genti ha rivelato la sua giustizia.
    Egli si è ricordato del suo amore,
    della sua fedeltà alla casa d’Israele.

    Tutti i confini della terra hanno veduto
    la vittoria del nostro Dio.
    Acclami il Signore tutta la terra,
    gridate, esultate, cantate inni!

    Seconda Lettura Rm 15, 4-9
    Gesù Cristo salva tutti gli uomini.


    Dalla lettera di san Paolo apostolo ai Romani
    Fratelli, tutto ciò che è stato scritto prima di noi, è stato scritto per nostra istruzione, perché, in virtù della perseveranza e della consolazione che provengono dalle Scritture, teniamo viva la speranza.
    E il Dio della perseveranza e della consolazione vi conceda di avere gli uni verso gli altri gli stessi sentimenti, sull’esempio di Cristo Gesù, perché con un solo animo e una voce sola rendiate gloria a Dio, Padre del Signore nostro Gesù Cristo.
    Accoglietevi perciò gli uni gli altri come anche Cristo accolse voi, per la gloria di Dio. Dico infatti che Cristo è diventato servitore dei circoncisi per mostrare la fedeltà di Dio nel compiere le promesse dei padri; le genti invece glorificano Dio per la sua misericordia, come sta scritto:
    «Per questo ti loderò fra le genti e canterò inni al tuo nome».

    Canto al Vangelo Lc 1,28
    Alleluia, alleluia.
    Rallègrati, piena di grazia,
    il Signore è con te,
    benedetta tu fra le donne.
    Alleluia.

    Vangelo Lc 1, 26-38
    Ecco concepirai un figlio e lo darai alla luce.


    Dal vangelo secondo Luca
    In quel tempo, l’angelo Gabriele fu mandato da Dio in una città della Galilea, chiamata Nàzaret, a una vergine, promessa sposa di un uomo della casa di Davide, di nome Giuseppe. La vergine si chiamava Maria. Entrando da lei, disse: «Rallègrati, piena di grazia: il Signore è con te».
    A queste parole ella fu molto turbata e si domandava che senso avesse un saluto come questo. L’angelo le disse: «Non temere, Maria, perché hai trovato grazia presso Dio. Ed ecco, concepirai un figlio, lo darai alla luce e lo chiamerai Gesù. Sarà grande e verrà chiamato Figlio dell’Altissimo; il Signore Dio gli darà il trono di Davide suo padre e regnerà per sempre sulla casa di Giacobbe e il suo regno non avrà fine».
    Allora Maria disse all’angelo: «Come avverrà questo, poiché non conosco uomo?». Le rispose l’angelo: «Lo Spirito Santo scenderà su di te e la potenza dell’Altissimo ti coprirà con la sua ombra. Perciò colui che nascerà sarà santo e sarà chiamato Figlio di Dio. Ed ecco, Elisabetta, tua parente, nella sua vecchiaia ha concepito anch’essa un figlio e questo è il sesto mese per lei, che era detta sterile: nulla è impossibile a Dio».
    Allora Maria disse: «Ecco la serva del Signore: avvenga per me secondo la tua parola». E l’angelo si allontanò da lei.

    Si dice il Credo.

    Sulle Offerte

    Accetta, Signore, il sacrificio di salvezza, che ti offriamo nella festa dell'Immacolata Concezione della beata Vergine Maria, e come noi la riconosciamo preservata per tua grazia da ogni macchia di peccato, così, per sua intercessione, fa' che siamo liberati da ogni colpa. Per Cristo nostro Signore.

    Prefazio
    E’ veramente cosa buona e giusta,
    nostro dovere e fonte di salvezza,
    rendere grazie sempre e in ogni luogo
    a te, Signore, Padre santo,
    Dio onnipotente ed eterno.
    Tu hai preservato la Vergine Maria
    da ogni macchia di peccato originale,
    perché, piena di grazia,
    diventasse degna Madre del tuo Figlio.
    In lei hai segnato l’inizio della Chiesa,
    sposa di Cristo senza macchia e senza ruga,
    splendente di bellezza.
    Da lei, vergine purissima, doveva nascere il Figlio,
    agnello innocente che toglie le nostre colpe;
    e tu sopra ogni altra creatura
    la predestinavi per il tuo popolo
    avvocata di grazia e modello di santità.
    E noi, uniti ai cori degli angeli,
    proclamiamo esultanti la tua lode

    Antifona alla Comunione
    Grandi cose di te si cantano, o Maria,
    perché da te è nato il sole di giustizia,
    Cristo, nostro Dio.

    Dopo la Comunione
    Il sacramento che abbiamo ricevuto, Signore Dio nostro, guarisca in noi le ferite di quella colpa da cui, per singolare privilegio, hai preservato la beata Vergine Maria, nella sua immacolata Concezione. Per Cristo nostro Signore.

  10. #10
    Moderatore Globale L'avatar di Vox Populi
    Data Registrazione
    Apr 2006
    Località
    casa mia
    Messaggi
    61,581
    9 dicembre 2013
    LUNEDI DELLA II SETTIMANA DI AVVENTO

    Antifona d'Ingresso
    Cf Ger 31,10; Is 35,4
    Ascoltate, o popoli, la voce del Signore;
    proclamate la sua parola sino ai confini della terra:
    verrà il nostro Salvatore, non abbiate timore.

    Colletta
    Salga a te, o Padre, la preghiera del tuo popolo, perché nell'attesa fervida e operosa si prepari a celebrare con vera fede il grande mistero dell'incarnazione del tuo unico Figlio. Egli è Dio...

    Prima Lettura Is 35,1-10
    Il nostro Dio viene a salvarci.


    Dal libro del profeta Isaia
    Si rallegrino il deserto e la terra arida,
    esulti e fiorisca la steppa.
    Come fiore di narciso fiorisca;
    sì, canti con gioia e con giubilo.
    Le è data la gloria del Libano,
    lo splendore del Carmelo e di Saron.
    Essi vedranno la gloria del Signore,
    la magnificenza del nostro Dio.
    Irrobustite le mani fiacche,
    rendete salde le ginocchia vacillanti.
    Dite agli smarriti di cuore:
    «Coraggio, non temete!
    Ecco il vostro Dio,
    giunge la vendetta,
    la ricompensa divina.
    Egli viene a salvarvi».
    Allora si apriranno gli occhi dei ciechi
    e si schiuderanno gli orecchi dei sordi.
    Allora lo zoppo salterà come un cervo,
    griderà di gioia la lingua del muto,
    perché scaturiranno acque nel deserto,
    scorreranno torrenti nella steppa.
    La terra bruciata diventerà una palude,
    il suolo riarso sorgenti d’acqua.
    I luoghi dove si sdraiavano gli sciacalli
    diventeranno canneti e giuncaie.
    Ci sarà un sentiero e una strada
    e la chiameranno via santa;
    nessun impuro la percorrerà.
    Sarà una via che il suo popolo potrà percorrere
    e gli ignoranti non si smarriranno.
    Non ci sarà più il leone,
    nessuna bestia feroce la percorrerà o vi sosterà.
    Vi cammineranno i redenti.
    Su di essa ritorneranno i riscattati dal Signore
    e verranno in Sion con giubilo;
    felicità perenne splenderà sul loro capo;
    gioia e felicità li seguiranno
    e fuggiranno tristezza e pianto.

    Salmo Responsoriale Dal Salmo 84
    Ecco il nostro Dio, egli viene a salvarci.

    Ascolterò che cosa dice Dio, il Signore:
    egli annuncia la pace.
    Sì, la sua salvezza è vicina a chi lo teme,
    perché la sua gloria abiti la nostra terra.

    Amore e verità s’incontreranno,
    giustizia e pace si baceranno.
    Verità germoglierà dalla terra
    e giustizia si affaccerà dal cielo.

    Certo, il Signore donerà il suo bene
    e la nostra terra darà il suo frutto;
    giustizia camminerà davanti a lui:
    i suoi passi tracceranno il cammino.

    Canto al Vangelo
    Alleluia, alleluia.
    Ecco verrà il Signore,
    strapperà via il giogo della nostra schiavitù.
    Alleluia.

    Vangelo Lc 5,17-26
    Oggi abbiamo visto cose prodigiose.


    Dal vangelo secondo Luca
    Un giorno Gesù stava insegnando. Sedevano là anche dei farisei e maestri della Legge, venuti da ogni villaggio della Galilea e della Giudea, e da Gerusalemme. E la potenza del Signore gli faceva operare guarigioni.
    Ed ecco, alcuni uomini, portando su un letto un uomo che era paralizzato, cercavano di farlo entrare e di metterlo davanti a lui. Non trovando da quale parte farlo entrare a causa della folla, salirono sul tetto e, attraverso le tegole, lo calarono con il lettuccio davanti a Gesù nel mezzo della stanza.
    Vedendo la loro fede, disse: «Uomo, ti sono perdonati i tuoi peccati». Gli scribi e i farisei cominciarono a discutere, dicendo: «Chi è costui che dice bestemmie? Chi può perdonare i peccati, se non Dio soltanto?».
    Ma Gesù, conosciuti i loro ragionamenti, rispose: «Perché pensate così nel vostro cuore? Che cosa è più facile: dire “Ti sono perdonati i tuoi peccati”, oppure dire “Àlzati e cammina”? Ora, perché sappiate che il Figlio dell’uomo ha il potere sulla terra di perdonare i peccati, dico a te – disse al paralitico –: àlzati, prendi il tuo lettuccio e torna a casa tua». Subito egli si alzò davanti a loro, prese il lettuccio su cui era disteso e andò a casa sua, glorificando Dio.
    Tutti furono colti da stupore e davano gloria a Dio; pieni di timore dicevano: «Oggi abbiamo visto cose prodigiose».

    Sulle Offerte
    Accogli, Signore, il pane e il vino, dono della tua benevolenza, e fa' che l'umile espressione della nostra fede sia per noi pegno di salvezza eterna. Per Cristo nostro Signore.

    Oppure:
    Guarda, Signore, questa tua famiglia raccolta intorno all'altare, e custodiscila sempre nella tua carità, perché sia degna di offrirti il sacrificio di lode. Per Cristo nostro Signore.

    Prefazio dell'Avvento I o I/a.

    Antifona alla Comunione Cf Sal 105,4-5; Is 38,3

    Vieni, Signore, a visitarci con la tua pace;
    la tua presenza ci riempirà di gioia.

    Oppure: Cf Lc 5,26
    Tutti pieni di stupore lodavano Dio dicendo:
    «Oggi abbiamo visto i prodigi del Signore».

    Dopo la Comunione
    La partecipazione a questo sacramento, che a noi pellegrini sulla terra rivela il senso cristiano della vita, ci sostenga, Signore, nel nostro cammino e ci guidi ai beni eterni. Per Cristo nostro Signore.

    Oppure:
    Il pane eucaristico che abbiamo ricevuto, fruttifichi e rinnovi la tua famiglia, Signore, perché custodisca sempre il dono della fede e cammini fiduciosa sulla via segnata dai tuoi comandamenti. Per Cristo nostro Signore.

    _________________________________

    Memoria facoltativa:
    SAN JUAN DIEGO CUAUHTLATOATZIN


    Dal Comune dei Santi e delle Sante.

Tag per Questa Discussione

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
>