Lo Staff del Forum dichiara la propria fedeltà al Magistero. Se, per qualche svista o disattenzione, dovessimo incorrere in qualche errore o inesattezza, accettiamo fin da ora, con filiale ubbidienza, quanto la Santa Chiesa giudica e insegna. Le affermazioni dei singoli forumisti non rappresentano in alcun modo la posizione del forum, e quindi dello Staff, che ospita tutti gli interventi non esplicitamente contrari al Regolamento di CR (dalla Magna Charta). O Maria concepita senza peccato prega per noi che ricorriamo a Te.
Pagina 13 di 14 PrimaPrima ... 311121314 UltimaUltima
Risultati da 121 a 130 di 137

Discussione: L'impegno silenzioso delle Sentinelle in Piedi

  1. #121
    Cronista di CR
    Data Registrazione
    Dec 2017
    Località
    Pinerolo
    Età
    51
    Messaggi
    57
    Mi permetto di segnalare questa audizione di Alfredo Mantovano.
    Il problema principale, a mio parere, è il concetto stesso di crimine d'odio, che è estremamente problematico e che lascia troppa discrezionalità negli ambiti di applicazione
    https://www.tempi.it/audizione-in-commissione-giustizia-su-omo-transfobia/

  2. #122
    Saggio del Forum L'avatar di Laus Deo
    Data Registrazione
    Jan 2008
    Località
    Bologna
    Età
    58
    Messaggi
    2,472
    Citazione Originariamente Scritto da lele81va Visualizza Messaggio
    Continuo a non trovare riferimenti oggettivi al DDL ma ideologiche interpretazioni prive di cognizione di causa.
    Le discussioni sane si basano sui fatti e non sulle opinioni.

    Ma voi il DDL lo avete letto? Ditemi questo e possiamo parlarne.
    Certo che sì, per esempio lo si trova qui (visto che tu non hai indicato una fonte) ed è anche breve.
    Il problema sta tutto nell'ambiguità sia del concetto di omofobia (che viene anche precisato nel progetto di legge rifacendosi alla normativa europea come «una paura e un’avversione irrazionale nei confronti dell’omosessualità e di gay, lesbiche, bisessuali e transessuali(GLBT), basata sul pregiudizio e analoga al razzismo, alla xenofobia, all’antisemitismo e al sessismo»; ma chi è che stabilisce se una paura o avversione è irrazionale oppure no?) sia ancor più dell'ipotesi di "discriminazione" che è ancora più fumosa, perché si vuole «un intervento legislativo che sanzioni le condotte dettate da intento persecutorio nei confronti di persone omosessuali o transessuali, proprio in dipendenza del loro orientamento sessuale o della loro identità di genere», mentre ora esse sarebbero considerate «come semplici azioni prive di volontà discriminatoria».
    Nel testo proposto (e parlo della sua parte illustrativa, perché nella specifica proposta di modifica degli articoli di legge è ancora meno evidente in cosa consista e quali limiti abbia l'ipotesi discriminatoria omofoba o transfoba) non c'è nulla che chiarisca quando c'è intento persecutorio e discriminatorio e quando no.
    E allora ci ritroviamo esattamente nella situazione della legge Cirinnà, che quando doveva essere approvata tutti giuravano che non c'era alcuna assimilazione delle unioni civili al matrimonio, mentre non appena c'è stata l'approvazione la Cirinnà esultava perché finalmente abbiamo il matrimonio omosessuale; con tutto il corteo che poi ne è seguito: richieste di adozione, di fecondazione eterologa (perché due donne unite civilmente non possono reciprocamente fecondarsi), di autorizzazione alla pratica dell'utero in affitto (perché sarebbe discriminatorio impedire a due uomini uniti civilmente di avere "prole" generata col seme di almeno uno di loro), ecc.
    Concretamente ti chiedo: come ricavi, dal testo del progetto di legge, che un formatore di seminario o un Vescovo che dica a un candidato: "non ti posso ammettere agli ordini perché sei omosessuale e non adegui i requisiti previsti dalla normativa ecclesiale" non sarebbe perseguibile?
    Il progetto di legge equipara la discriminazione per motivi razzisti, religiosi, ecc. all'asserita "discriminazione" per motivi di orientamento sessuale o identità di genere. Davvero tu ritieni accettabile che, come non si può dire "non ti ammetto agli ordini perché sei nigeriano, o zairese" (ovviamente inaccettabile se la motivazione è unicamente questa) così non si possa dire "non ti ammetto agli ordini perché sei omosessuale"?

  3. #123
    Iscritto
    Data Registrazione
    Jul 2008
    Località
    varese
    Messaggi
    152
    Andiamo punto per punto. La legge Cirinnà non ha mai dato il via a tutto quello che dici. Anzi lo stralcio sull'obbligo di fedeltà serviva proprio per far cadere il tema delle adozioni (la legge sulle adozioni vede la stabilità della coppia come fondamentale), tutto quello che concerne utero in affitto ed eterologa non sono normati in quel testo.
    Le norme sull'ingresso in seminario non centrano perché non sono contemplate in un regolamento o legge statale. Non è come un'assunzione su un posto di lavoro che invece ha dei regolamenti legislativi.
    Concordo sul piano della definizione di "irrazionale" che così non chiarisce il punto in modo chiaro.
    Citazione Originariamente Scritto da Laus Deo Visualizza Messaggio
    Certo che sì, per esempio lo si trova qui (visto che tu non hai indicato una fonte) ed è anche breve.
    Il problema sta tutto nell'ambiguità sia del concetto di omofobia (che viene anche precisato nel progetto di legge rifacendosi alla normativa europea come «una paura e un’avversione irrazionale nei confronti dell’omosessualità e di gay, lesbiche, bisessuali e transessuali(GLBT), basata sul pregiudizio e analoga al razzismo, alla xenofobia, all’antisemitismo e al sessismo»; ma chi è che stabilisce se una paura o avversione è irrazionale oppure no?) sia ancor più dell'ipotesi di "discriminazione" che è ancora più fumosa, perché si vuole «un intervento legislativo che sanzioni le condotte dettate da intento persecutorio nei confronti di persone omosessuali o transessuali, proprio in dipendenza del loro orientamento sessuale o della loro identità di genere», mentre ora esse sarebbero considerate «come semplici azioni prive di volontà discriminatoria».
    Nel testo proposto (e parlo della sua parte illustrativa, perché nella specifica proposta di modifica degli articoli di legge è ancora meno evidente in cosa consista e quali limiti abbia l'ipotesi discriminatoria omofoba o transfoba) non c'è nulla che chiarisca quando c'è intento persecutorio e discriminatorio e quando no.
    E allora ci ritroviamo esattamente nella situazione della legge Cirinnà, che quando doveva essere approvata tutti giuravano che non c'era alcuna assimilazione delle unioni civili al matrimonio, mentre non appena c'è stata l'approvazione la Cirinnà esultava perché finalmente abbiamo il matrimonio omosessuale; con tutto il corteo che poi ne è seguito: richieste di adozione, di fecondazione eterologa (perché due donne unite civilmente non possono reciprocamente fecondarsi), di autorizzazione alla pratica dell'utero in affitto (perché sarebbe discriminatorio impedire a due uomini uniti civilmente di avere "prole" generata col seme di almeno uno di loro), ecc.
    Concretamente ti chiedo: come ricavi, dal testo del progetto di legge, che un formatore di seminario o un Vescovo che dica a un candidato: "non ti posso ammettere agli ordini perché sei omosessuale e non adegui i requisiti previsti dalla normativa ecclesiale" non sarebbe perseguibile?
    Il progetto di legge equipara la discriminazione per motivi razzisti, religiosi, ecc. all'asserita "discriminazione" per motivi di orientamento sessuale o identità di genere. Davvero tu ritieni accettabile che, come non si può dire "non ti ammetto agli ordini perché sei nigeriano, o zairese" (ovviamente inaccettabile se la motivazione è unicamente questa) così non si possa dire "non ti ammetto agli ordini perché sei omosessuale"?

  4. #124
    Veterano di CR
    Data Registrazione
    Jun 2020
    Località
    Roma
    Età
    52
    Messaggi
    1,640
    Citazione Originariamente Scritto da lele81va Visualizza Messaggio
    Andiamo punto per punto. La legge Cirinnà non ha mai dato il via a tutto quello che dici. Anzi lo stralcio sull'obbligo di fedeltà serviva proprio per far cadere il tema delle adozioni (la legge sulle adozioni vede la stabilità della coppia come fondamentale), tutto quello che concerne utero in affitto ed eterologa non sono normati in quel testo.
    Le norme sull'ingresso in seminario non centrano perché non sono contemplate in un regolamento o legge statale. Non è come un'assunzione su un posto di lavoro che invece ha dei regolamenti legislativi.
    Concordo sul piano della definizione di "irrazionale" che così non chiarisce il punto in modo chiaro.
    che c'entra?
    il reato d'opinione che vogliono inserire vale erga omnes, su qualunque caso, non solo per quelli contemplati da leggi

  5. #125
    Moderatrice L'avatar di AntonellaB
    Data Registrazione
    Jan 2007
    Località
    Torino
    Messaggi
    8,375
    A parte il fatto che questo considerevole aumento di violenze verso le persone omosessuali mi sembra pretestuoso (vi risulta?) , in ogni caso la legge punisce i reati contro le persone con le aggravanti del caso e non c'è bisogno di proporre altro, ma questo decreto è fatto apposta per tappare la bocca a chi sostiene ad esempio che il matrimonio è solo tra un uomo e una donna, oppure a coloro che affermano che i bambini devono avere una mamma e un papà , oppure chi cita il CCC a riguardo agli atti omosessuali...e così via. Tutti questi saranno perseguiti nelle loro opinioni come discriminatori e quindi omofobi. Questa è una cosa molto grave e inaccettabile.
    Finchè....non ritorni....il Signore!

  6. #126
    Cronista di CR L'avatar di Chicco
    Data Registrazione
    Sep 2009
    Località
    Sardegna
    Messaggi
    11,658
    Citazione Originariamente Scritto da AntonellaB Visualizza Messaggio
    A parte il fatto che questo considerevole aumento di violenze verso le persone omosessuali mi sembra pretestuoso (vi risulta?) , in ogni caso la legge punisce i reati contro le persone con le aggravanti del caso e non c'è bisogno di proporre altro,
    Riguardo le discriminazioni di chi offendere chi è così ci sono ancora e una certezza di pena per chi perseguita o offende qualcun'altro anche riguardo questo secondo me serve.

    Piuttosto non a tutti piace dichiarare le proprie cose quindi se anche non la si fa rientrare sotto quel nome importante è non recare danno al prossimo ne con quell'orientamento e ne gli altri.





    ma questo decreto è fatto apposta per tappare la bocca a chi sostiene ad esempio che il matrimonio è solo tra un uomo e una donna, oppure a coloro che affermano che i bambini devono avere una mamma e un papà , oppure chi cita il CCC a riguardo agli atti omosessuali...e così via. Tutti questi saranno perseguiti nelle loro opinioni come discriminatori e quindi omofobi. Questa è una cosa molto grave e inaccettabile.
    Su questo che dite mi ritrovo d'accordo invece perché i bambini hanno bisogno di una mamma e un papà.

    Riguardo il matrimonio dell'altra sponda poi penso ci sia poco da discutere perché attualmente leggi simili in materia esistono già anche se non si chimano sulla carta così.
    Non fare agli altri ciò che non vuoi sia fatto a te!!! Sei fortunato? Bene!! Divertiti, goditi ciò che di buono hai ma non fare del male a nessuno!!

  7. #127
    Veterano di CR
    Data Registrazione
    Jun 2020
    Località
    Roma
    Età
    52
    Messaggi
    1,640
    Citazione Originariamente Scritto da Chicco Visualizza Messaggio
    Riguardo le discriminazioni di chi offendere chi è così ci sono ancora e una certezza di pena per chi perseguita o offende qualcun'altro anche riguardo questo secondo me serve.
    ma questo c'è già

  8. #128
    Vice-Decana dei Cronisti di CR
    Data Registrazione
    Sep 2007
    Località
    Genova
    Messaggi
    24,489
    Anche qui a Genova, raduno delle Sentinelle in Piedi che si svolgerà venerdì prossimo:
    https://www.genova24.it/2020/07/le-s...gh9uHuz6EkvncU

    Ci andrò perchè è incredibile l'improntitudine di certi legislatori a fronte, tra l'altro, di una grave crisi economica a causa della pandemia che ha messo in ginocchio migliaia di italiani.
    Empatia e preoccupazione verso questi soggetti uguale a zero, meglio studiare decreti bavaglio per tutelare situazioni e persone che sono già tutelate dalla legge come ha segnalato la CEI (normalmente silente ma se alza la voce, allora la situazione è grave davvero):
    https://www.avvenire.it/chiesa/pagine/omofobia-non-serve-una-nuova-legge


    Ultima modifica di Sunshine; 08-07-2020 alle 11:30


  9. #129
    Veterano di CR
    Data Registrazione
    Jun 2020
    Località
    Roma
    Età
    52
    Messaggi
    1,640
    Citazione Originariamente Scritto da lele81va Visualizza Messaggio
    Difendo da sempre il diritto di tutti ad esprimere le proprie idee in assenso o dissenso che siamo, ma la cosa importante è manifestarle con cognizione di causa e agendo sulla base di fatti.
    Ho letto il DDL in discussione e chiedo: dove si direbbe che non si possono criticare le unioni civili o utero in affitto? Dove si metterebbe in discussione la patria potestà? Dove si vieta a un sacerdote di insegnare la via cristiana all'affettività?
    Nel momento in cui mi dimostrate con i fatti che questo c'è scritto bene altrimenti lo trovo solo un modo propagandistico e poso veritiero in informare.
    Queste riflessioni sono a prescindere dal senso del contenuto, ma sono di etica comportamentale.

    Un abbraccio fraterno e con la Pace di Cristo.
    lo nota persino Avvenire
    https://www.avvenire.it/attualita/pa...-fa-riflettere

  10. #130
    Iscritto L'avatar di Isaia
    Data Registrazione
    Mar 2020
    Località
    Casa mia.
    Messaggi
    122
    Citazione Originariamente Scritto da AntonellaB Visualizza Messaggio
    A parte il fatto che questo considerevole aumento di violenze verso le persone omosessuali mi sembra pretestuoso (vi risulta?)
    https://www.provitaefamiglia.it/blog...onale-omofobia
    L'articolo risale al mese di Gennaio dell'anno corrente. Qui i dati del 2018. Molti di più sono i crimini legati al credo religioso e alla razza/etnia.
    Vedremo, poi, quanti saranno i sacerdoti e vescovi denunciati per aver definito l'omosessualità un atto moralmente disordinato. Dopo le unioni civili, il DDL Zan... poi? Il prossimo passo? Legalizzazione dell'utero in affitto? Mi sa che Bagnasco aveva ragione.
    "L'uomo è creato per lodare, riverire e servire Dio nostro Signore".

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
>