Lo Staff del Forum dichiara la propria fedeltà al Magistero. Se, per qualche svista o disattenzione, dovessimo incorrere in qualche errore o inesattezza, accettiamo fin da ora, con filiale ubbidienza, quanto la Santa Chiesa giudica e insegna. Le affermazioni dei singoli forumisti non rappresentano in alcun modo la posizione del forum, e quindi dello Staff, che ospita tutti gli interventi non esplicitamente contrari al Regolamento di CR (dalla Magna Charta). O Maria concepita senza peccato prega per noi che ricorriamo a Te.
Pagina 3 di 30 PrimaPrima 1234513 ... UltimaUltima
Risultati da 21 a 30 di 291

Discussione: Enciclica di Papa Francesco “Laudato si’, sulla cura della casa comune”

  1. #21
    Gran CierRino
    Data Registrazione
    Mar 2013
    Località
    vinci
    Età
    62
    Messaggi
    7,991
    E' talmente bella e profonda da commuovere!

  2. #22
    Saggio del Forum L'avatar di lucpip
    Data Registrazione
    Jun 2007
    Località
    Varés
    Età
    53
    Messaggi
    8,765
    Ho letto alcuni punti per la prima volta (non ho voluto leggere di proposito l'anticipazione di Magister e vari commenti e articoli che ne anticipavano il contenuto per non essere condizionato). Per il rispetto dovuto al Sommo Pontefice mi astengo da ogni commento e rimango e rimarrò in silenzio sul merito.
    Ogni giorno che passa è un giorno in meno - COMING SOON!

  3. #23
    Moderatore Ecumenico L'avatar di DenkaSaeba25
    Data Registrazione
    Feb 2011
    Località
    Italia
    Età
    40
    Messaggi
    13,914
    Da quell che ho visto mi sembra un lavoro in linea con altri sullo stesso genere, come la Caritas in Veritate.

    Il primo capitolo mi e' sembrato un filo troppo tecnico, a prima vista. Ovviamente è troppo presto per giudicare il resto, che ho appena letto. Le reazioni dei media, come al solito mi sembrano focalizzate solo su un punto...
    Securus iudicat orbis terrarum

  4. #24
    Gran CierRino
    Data Registrazione
    Mar 2013
    Località
    vinci
    Età
    62
    Messaggi
    7,991
    Controllo dell'acqua fonte di guerra. E' "prevedibile che il controllo dell'acqua da parte di grandi imprese mondiali si trasformi in una delle principali fonti di conflitto di questo secolo" continua papa Francesco definendo l'accesso all'acqua potabile e sicura "un diritto umano essenziale, fondamentale e universale". La "povertà di acqua pubblica si ha specialmente in Africa" e "un problema serio è quello della qualità dell'acqua disponibile per i poveri, che provoca molte morti ogni giorno".

    Serve decrescita. "E' arrivata l'ora di accettare una certa decrescita in alcune parti del mondo procurando risorse perché si possa crescere in modo sano in altre parti" continua Francesco. "Sappiamo che è insostenibile il comportamento di coloro che consumano e distruggono sempre più, mentre altri ancora non riescono a vivere in conformità alla propria dignità umana. Per questo è arrivata l'ora di accettare una certa decrescita", scrive Francesco. Il Papa precisa: "Nessuno vuole tornare all'epoca delle caverne, però è indispensabile rallentare la marcia per guardare la realtà in un altro modo e recuperare i valori e i grandi fini distrutti da una sfrenatezza megalomane".

    No cereali transgenici e vivisezione. "L'estendersi delle coltivazioni di cereali transgenici distrugge la complessa trama degli ecosistemi, diminuisce la diversità nella produzione e colpisce il presente o il futuro delle economie regionali" denuncia papa Francesco. Secondo Francesco, "qualsiasi uso e sperimentazione esige un religioso rispetto dell'integrità della creazione". Per questo definisce "contrario alla dignità umana far soffrire inutilmente gli animali e disporre indiscriminatamente della loro vita".

    Una rivoluzione ecologica. Il Papa chiede "una rivoluzione ecologica", nuovi stili di vita a apre anche alla possibilità di "esercitare una sana pressione su coloro che detengono il potere politico, economico e sociale". "E' questo - scrive Bergoglio - ciò che accade quando le scelte dei consumatori riescono a modificare il comportamento delle imprese".

    "Invito tutti a dedicare un momento di riflessione alle sfide che ci troviamo davanti in merito alla cura della nostra casa comune."

    Gender - Il Papa precisa che “l’accettazione del proprio corpo come dono di Dio è necessaria per accogliere e accettare il mondo intero come dono del Padre e casa comune; invece una logica di dominio sul proprio corpo si trasforma in una logica a volte sottile di dominio sul creato”. Per Bergoglio, infatti “imparare ad accogliere il proprio corpo, ad averne cura e a rispettare i suoi significati è essenziale per una vera ecologia umana. Anche apprezzare il proprio corpo nella sua femminilità o mascolinità è necessario per poter riconoscere sé stessi nell’incontro con l’altro diverso da sé. In tal modo è possibile accettare con gioia il dono specifico dell’altro o dell’altra, opera di Dio creatore, e arricchirsi reciprocamente. Pertanto, non è sano un atteggiamento che pretenda di cancellare la differenza sessuale perché non sa più confrontarsi con essa”.

    AbortoFrancesco precisa che “non è neppure compatibile la difesa della natura con la giustificazione dell’aborto. Non appare praticabile un cammino educativo per l’accoglienza degli esseri deboli che ci circondano, che a volte sono molesti o importuni, quando non si dà protezione a un embrione umano benché il suo arrivo sia causa di disagi e difficoltà”. Bergoglio attacca anche coloro che “invece di risolvere i problemi dei poveri e pensare a un mondo diverso, si limitano a proporre una riduzione della natalità. Non mancano pressioni internazionali sui Paesi in via di sviluppo che condizionano gli aiuti economici a determinate politiche di ‘salute riproduttiva’”.

    Il Papa sottolinea che “è molto nobile assumere il compito di avere cura del creato con piccole azioni quotidiane, ed è meraviglioso che l’educazione sia capace di motivarle fino a dar forma a uno stile di vita. L’educazione alla responsabilità ambientale può incoraggiare vari comportamenti che hanno un’incidenza diretta e importante nella cura per l’ambiente, come evitare l’uso di materiale plastico o di carta, ridurre il consumo di acqua, differenziare i rifiuti, cucinare solo quanto ragionevolmente si potrà mangiare, trattare con cura gli altri esseri viventi, utilizzare il trasporto pubblico o condividere un medesimo veicolo tra varie persone, piantare alberi, spegnere le luci inutili, e così via. Tutto ciò – conclude Francesco – fa parte di una creatività generosa e dignitosa, che mostra il meglio dell’essere umano. Riutilizzare qualcosa invece di disfarsene rapidamente, partendo da motivazioni profonde, può essere un atto di amore che esprime la nostra dignità”.

  5. #25
    Cronista di CR L'avatar di PaoVac
    Data Registrazione
    Nov 2007
    Località
    Archidioecesis Taurinensis
    Età
    48
    Messaggi
    8,169
    io, ma è parere strettamente personale, rimango sempre un po' perplesso quando vengono dedicate encicliche o altri documenti di alto magistero a temi non strettamente teologici, per questi forse andrebbe meglio un messaggio o un documento di qualche organismo della Curia

    mentre infatti il magistero ha per primo compito la riaffermazione della fede e dei costumi, la teologia è il suo ambito proprio e in questo caso esistono quindi prese di posizioni ufficiali ma su altri temi (ecologia, temi sociali, storici, ...) ci possono essere più opzioni legittime anche nella stessa Chiesa e il propendere per l'una o per l'altra potrebbe essere strumentalizzato o scontentare una parte; mentre, ovviamente, su questioni teologiche è tutta un'altra cosa, pensarla non in linea con il magistero è grave, ma sugli altri argomenti si possono avere varie idee

    cfr. San Giovanni Paolo II, Centesimus Annus, 3: "La presente Enciclica mira a mettere in evidenza la fecondità dei principi espressi da Leone XIII, i quali appartengono al patrimonio dottrinale della Chiesa e, per tale titolo, impegnano l'autorità del suo Magistero. Ma la sollecitudine pastorale mi ha spinto, altresì, a proporre l'analisi di alcuni avvenimenti della storia recente. È superfluo rilevare che il considerare attentamente il corso degli avvenimenti per discernere le nuove esigenze dell'evangelizzazione fa parte del compito dei Pastori. Tale esame, tuttavia, non intende dare giudizi definitivi, in quanto di per sé non rientra nell'ambito specifico del Magistero."
    Quid quaeritis viventem cum mortuis? (Lc 24, 5)

  6. #26
    CierRino d'oro L'avatar di ITER PARA TUTUM
    Data Registrazione
    Sep 2007
    Località
    Chiavari (GE) e Val di Vara (SP)
    Età
    68
    Messaggi
    10,329
    Mi sembra chiara la condanna della tecnocrazia, che non si può che condividere, e non soltanto perché a scrivere è il Papa, ma anche e soprattutto perchè ogni volta che gli interessi della finanza sono stati fatti valere su quelli della persona, a rimetterci sono state sempre le categorie sociali più deboli.
    Anche l'attuale crisi in cui si dibatte l'Italia non origina da mancanza di risorse, ma da cattivo utilizzo delle stesse.

  7. #27
    Partecipante a CR L'avatar di emericus
    Data Registrazione
    Jul 2008
    Località
    apud Augusta Praetoria Salassorum
    Età
    33
    Messaggi
    749
    Un'enciclica da leggere con attenzione, mi preoccupa il fatto che il Papa si mostri così deciso verso l'idea del cambiamento climatico come effetto di un'azione eminentemente antropologica (la storia anche recent è costellatadi cambiamenti climatici-l'Altro Medioevo era un periodo di gran calura,il Basso MEdiovo,dopo il 1300,è un periododi forte freddo...questo l'enciclica nn lo ricorda): è vero che poi nega la legittimità dell'aborto e condanna il paganesimo ecologista che criminalizza l'uomo (come dovrebbe essere ovvio), però ora il rischio di giustificare pasticci ambientalisti e teorie di controlli demografici da parte di ambienti cattolici mi pare farsi più semplice... vorrei tanto sbagliarmi.

    Non ho proprio capito una frase dell'Enciclica:"evitare di utilizzare materiale di plastica o di carta"... di carta??! cosa ci sarebbe di male?

  8. #28
    Phantom
    visitatore
    Citazione Originariamente Scritto da lucpip Visualizza Messaggio
    Ho letto alcuni punti per la prima volta (non ho voluto leggere di proposito l'anticipazione di Magister e vari commenti e articoli che ne anticipavano il contenuto per non essere condizionato). Per il rispetto dovuto al Sommo Pontefice mi astengo da ogni commento e rimango e rimarrò in silenzio sul merito.
    Sì, mi associo a te come impressioni.

  9. #29
    Moderatore Ecumenico L'avatar di DenkaSaeba25
    Data Registrazione
    Feb 2011
    Località
    Italia
    Età
    40
    Messaggi
    13,914
    Citazione Originariamente Scritto da emericus Visualizza Messaggio
    Un'enciclica da leggere con attenzione, mi preoccupa il fatto che il Papa si mostri così deciso verso l'idea del cambiamento climatico come effetto di un'azione eminentemente antropologica (la storia anche recent è costellatadi cambiamenti climatici-l'Altro Medioevo era un periodo di gran calura,il Basso MEdiovo,dopo il 1300,è un periododi forte freddo...questo l'enciclica nn lo ricorda): è vero che poi nega la legittimità dell'aborto e condanna il paganesimo ecologista che criminalizza l'uomo (come dovrebbe essere ovvio), però ora il rischio di giustificare pasticci ambientalisti e teorie di controlli demografici da parte di ambienti cattolici mi pare farsi più semplice... vorrei tanto sbagliarmi.

    Non ho proprio capito una frase dell'Enciclica:"evitare di utilizzare materiale di plastica o di carta"... di carta??! cosa ci sarebbe di male?
    Il Papa dà appoggio ad una teoria scientifica che ha evidenze massivamente maggiori di tutte le altre. Questo non è un unicum all'interno della storia del Magistero: basti ricordare l'appoggio dato da San Giovanni Paolo II alla teoria dell'evoluzione. Peraltro le conclusioni che trae da questo appoggio sono in vista di un magistero morale, non squisitamente "scientifico".

    Per quanto riguarda la carta, ne parla all'interno del primo capitolo: la maggior parte della carta non viene riciclata, aumentando la cultura dello scarto.
    Securus iudicat orbis terrarum

  10. #30
    Moderatore Ecumenico L'avatar di DenkaSaeba25
    Data Registrazione
    Feb 2011
    Località
    Italia
    Età
    40
    Messaggi
    13,914
    Citazione Originariamente Scritto da UbiDeusIbiPax Visualizza Messaggio
    A tal proposito ieri girava un tweet sarcastico in cui si chiedeva se le copie dell'enciclica della LEV fossero in carta riciclata o meno...
    Posso assicurare che non lo è

    Credo sia stato fatto per contenere i costi, visto che un'enciclica in carta riciclata costerebbe almeno il triplo.
    Securus iudicat orbis terrarum

Tag per Questa Discussione

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
>