Lo Staff del Forum dichiara la propria fedeltà al Magistero. Se, per qualche svista o disattenzione, dovessimo incorrere in qualche errore o inesattezza, accettiamo fin da ora, con filiale ubbidienza, quanto la Santa Chiesa giudica e insegna. Le affermazioni dei singoli forumisti non rappresentano in alcun modo la posizione del forum, e quindi dello Staff, che ospita tutti gli interventi non esplicitamente contrari al Regolamento di CR (dalla Magna Charta). O Maria concepita senza peccato prega per noi che ricorriamo a Te.
Pagina 3 di 44 PrimaPrima 1234513 ... UltimaUltima
Risultati da 21 a 30 di 433

Discussione: Esortazione Apostolica post-sinodale del Santo Padre Francesco "Amoris Laetitia"

  1. #21
    CierRino L'avatar di S.Stefano
    Data Registrazione
    Jun 2008
    Località
    Estero
    Età
    66
    Messaggi
    5,151
    Citazione Originariamente Scritto da Cavalier Visualizza Messaggio
    CVD

    Ma tanto, anche senza articoli come questo, ci sono sacerdoti che già lo pensano.
    Con tanto di titolo virgolettato...
    Andate in tutto il mondo ad annunziare il Vangelo.

  2. #22
    CierRino L'avatar di Heribert Clemens
    Data Registrazione
    Oct 2014
    Località
    Italia
    Messaggi
    5,465


    Papa in Messico:

    conferenza stampa aereo, divorziati risposati

    Integrare nella Chiesa non significa fare la comunione”.

    A precisarlo è stato il Papa, interpellato dai giornalisti, nel briefing sul volo di ritorno dal Messico, sulla questione dei divorziati risposati.

    “La parola-chiave che usò il Sinodo – e io la riprenderò – è integrare nella vita della Chiesa le famiglie ferite, le famiglie di risposati”, ha ribadito Francesco:

    “Io conosco cattolici risposati che vanno in chiesa una volta l’anno, due volte: ‘Ma, io voglio fare la comunione!’, come se la comunione fosse un’onorificenza.

    Un lavoro di integrazione … tutte le porte sono aperte. Ma non si può dire, di qui in più, ‘possono fare la comunione’. Questo sarebbe una ferita anche ai matrimoni, alla coppia, perché non farà compiere loro quella strada di integrazione”.

    http://agensir.it/quotidiano/2016/2/...-la-comunione/



  3. #23
    Iscritto
    Data Registrazione
    Mar 2016
    Località
    verona
    Età
    54
    Messaggi
    72
    n. 83 "La Chiesa ... rigetta fermamente la pena di morte" (Relatio finalis, 2015, 64)

  4. #24
    Cronista di CR L'avatar di PaoVac
    Data Registrazione
    Nov 2007
    Località
    Archidioecesis Taurinensis
    Età
    48
    Messaggi
    8,169
    CCC 1650
    Se i divorziati si sono risposati civilmente, essi si trovano in una situazione che oggettivamente contrasta con la Legge di Dio. Perciò essi non possono accedere alla Comunione eucaristica, per tutto il tempo che perdura tale situazione.

    FC 84
    La Chiesa, tuttavia, ribadisce la sua prassi, fondata sulla Sacra Scrittura, di non ammettere alla comunione eucaristica i divorziati risposati.

    AL nota 315
    In certi casi, potrebbe essere anche l’aiuto dei Sacramenti.

    ecco, se questa non è un evoluzione della dottrina poco ci manca... mentre, tra l'altro, in CCC e FC vi erano frasi chiare e nette, in AL si scrivono paragrafi e paragrafi sulla, giusta, ci mancherebbe, valutazione pastorale dei vari casi; ma, secondo me, un documento deve dare delle indicazioni generali, chiare e nette, altrimenti il rischio, come già si intuisce, è che ciascun Vescovo e ciascun sacerdote adotti un comportamento a sé, generando confusione e facendo quasi una "classifica" del pastore più accogliente o più rigido

    in AL trovo molte parole per fare contenti un po' tutti, ciascuno ci potrà trovare un appiglio e una giustificazione al proprio comportamento, spiace perché una volta aperta questa breccia, poi se ne potranno aprire altre, una morale fai da te, soggettiva... cito ad esempio "È vero che le norme generali presentano un bene che non si deve mai disattendere né trascurare, ma nella loro formulazione non possono abbracciare assolutamente tutte le situazioni particolari. Nello stesso tempo occorre dire che, proprio per questa ragione, ciò che fa parte di un discernimento pratico davanti ad una situazione particolare non può essere elevato al livello di una norma." AL, 304 e mi chiedo che cosa voglia dire? Se la norma, come giustamente si legge, è bussola per il bene, allora questo bene, per definizione, è criterio superiore e giudicante le singole situazioni, altrimenti che norma sarebbe?

    un ulteriore considerazione: penso che sia il primo documento che abbia nel titolo la parola "Amor", più che la teologica e biblica "Caritas"; tra l'altro, non vorrei dire, ma in latino "Amor" ha una connotazione molto terrena, chissà perché ho pensato all'ars amandi di Ovidio, che è ben altra cosa!!
    Quid quaeritis viventem cum mortuis? (Lc 24, 5)

  5. #25
    Moderatore L'avatar di Carbonate
    Data Registrazione
    Nov 2010
    Località
    Carbonate
    Messaggi
    8,939
    Citazione Originariamente Scritto da PaoVac Visualizza Messaggio
    CCC 1650
    Se i divorziati si sono risposati civilmente, essi si trovano in una situazione che oggettivamente contrasta con la Legge di Dio. Perciò essi non possono accedere alla Comunione eucaristica, per tutto il tempo che perdura tale situazione.

    FC 84
    La Chiesa, tuttavia, ribadisce la sua prassi, fondata sulla Sacra Scrittura, di non ammettere alla comunione eucaristica i divorziati risposati.

    AL nota 315
    In certi casi, potrebbe essere anche l’aiuto dei Sacramenti.

    ecco, se questa non è un evoluzione della dottrina poco ci manca... mentre, tra l'altro, in CCC e FC vi erano frasi chiare e nette, in AL si scrivono paragrafi e paragrafi sulla, giusta, ci mancherebbe, valutazione pastorale dei vari casi; ma, secondo me, un documento deve dare delle indicazioni generali, chiare e nette, altrimenti il rischio, come già si intuisce, è che ciascun Vescovo e ciascun sacerdote adotti un comportamento a sé, generando confusione e facendo quasi una "classifica" del pastore più accogliente o più rigido
    Sì, diciamo che prendere questi tre estratti e leggerli in sequenza, per dire che non si è introdotto nessun cambiamento nella dottrina bisogna fare un po' di salti mortali. Il che, se devo essere onesto, mi lascia un po' perplesso.

    Però non ho ancora avuto il tempo di leggere il testo nella sua interezza quindi, prima di fare qualsiasi tipo di commento, preferisco conoscere tutto il contenuto. Commentare estrapolando frasi, in genere, è una cosa che non mi piace fare.

  6. #26
    CierRino d'oro, platino e diamanti
    Data Registrazione
    Sep 2007
    Località
    Genova
    Messaggi
    24,482
    Citazione Originariamente Scritto da Salve Regina Visualizza Messaggio
    Esortazione Apostolica Amoris laetitia

    Capitolo ottavo, dal paragrafo 305. Nota 351.
    A causa dei condizionamenti o dei fattori attenuanti, è possibile che, entro una situazione oggettiva di peccato – che non sia soggettivamente colpevole o che non lo sia in modo pieno – si possa vivere in grazia di Dio, si possa amare, e si possa anche crescere nella vita di grazia e di carità, ricevendo a tale scopo l’aiuto della Chiesa.[351]
    [351] In certi casi, potrebbe essere anche l’aiuto dei Sacramenti. Per questo, «ai sacerdoti ricordo che il confessionale non dev’essere una sala di tortura bensì il luogo della misericordia del Signore» (Esort. ap. Evangelii gaudium [24 novembre 2013], 44: AAS 105 [2013], 1038). Ugualmente segnalo che l’Eucaristia «non è un premio per i perfetti, ma un generoso rimedio e un alimento per i deboli» (ibid., 47: 1039).
    Aggiungo quest'altro passaggio:
    301.(...) Per questo non è più possibile dire che tutti coloro che si trovano in qualche situazione cosiddetta “irregolare” vivano in stato di peccato mortale, privi della grazia santificante. I limiti non dipendono
    semplicemente da una eventuale ignoranza della norma. Un soggetto, pur conoscendo bene la
    norma, può avere grande difficoltà nel comprendere «valori insiti nella norma morale» [339] o si
    può trovare in condizioni concrete che non gli permettano di agire diversamente e di prendere
    altre decisioni senza una nuova colpa (...).


    Porto la mia esperienza personale: conosco delle persone che convivono sapendo benissimo di avere una situazione "irregolare" ed i cattolici di vivere in peccato mortale, ma hanno scelto la via più "facile" per motivi familiari, economici, burocratici ecc.
    Raramente si "regolarizzano" sposandosi in chiesa perchè a loro sta bene così. E parlo di vedovi "accompagnati", oppure di persone mai sposate, o di altre che hanno avuto l'annullamento del Tribunale Ecclesiastico di un precedente matrimonio, tutte situazioni per cui nulla osta di consacrare la loro unione davanti a Dio.
    Il pericolo che ravviso nei paragrafi precedenti e susseguenti è che comunque molti porteranno avanti la convivenza come scelta egoistica avanzando però la "pretesa" di accedere ugualmente all'Eucarestia.
    E' vero che il Papa raccomanda un percorso di approfondimento e crescita con l'aiuto dei Sacerdoti ma sappiamo quanto questi sono già oberati e tante coppie (immagino) non si assoggetteranno per diversi motivi, "saltando" subito all'Eucarestia perchè lo dice Papa Francesco.
    Senza contare i preti che sono d'accordo sulla linea dell'Eucarestia ai divorziati, proprio per una forma mentale (e spirituale).
    Temo perciò, col tempo e per i più svariati motivi, una deriva ed una sorta di abuso come si sta verificando con la Comunione nelle mani e la S. Messa prefestiva.
    Ciò che era stata indicata come una possibile alternativa, adesso è diventata la regola.
    Ultima modifica di Sunshine; 08-04-2016 alle 22:19


  7. #27
    Phantom
    visitatore
    Se solo il papa e la Chiesa fossero più chiari nella comunicazione... sì sì; no no!

  8. #28
    CierRino L'avatar di S.Stefano
    Data Registrazione
    Jun 2008
    Località
    Estero
    Età
    66
    Messaggi
    5,151
    Citazione Originariamente Scritto da Phantom Visualizza Messaggio
    Se solo il papa e la Chiesa fossero più chiari nella comunicazione... sì sì; no no!
    Il n°151, ad esempio, è molto chiaro. Quindi penso sarai d'accordo.
    Andate in tutto il mondo ad annunziare il Vangelo.

  9. #29
    Cronista di CR L'avatar di PaoVac
    Data Registrazione
    Nov 2007
    Località
    Archidioecesis Taurinensis
    Età
    48
    Messaggi
    8,169
    Citazione Originariamente Scritto da Sunshine Visualizza Messaggio
    l'annullamento del Tribunale Ecclesiastico
    dichiarazione di nullità, non annullamento

    non ho potuto verificare ma Magister aveva pubblicato degli estratti già l'altra sera?
    http://chiesa.espresso.repubblica.it/articolo/1351270 il post porta la data del 7 aprile
    Quid quaeritis viventem cum mortuis? (Lc 24, 5)

  10. #30
    Cronista di CR L'avatar di PaoVac
    Data Registrazione
    Nov 2007
    Località
    Archidioecesis Taurinensis
    Età
    48
    Messaggi
    8,169
    un commento di Magister e del sacerdote spagnolo José Pérez-Soba
    Ultima modifica di PaoVac; 09-04-2016 alle 00:34
    Quid quaeritis viventem cum mortuis? (Lc 24, 5)

Tag per Questa Discussione

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
>