Lo Staff del Forum dichiara la propria fedeltà al Magistero. Se, per qualche svista o disattenzione, dovessimo incorrere in qualche errore o inesattezza, accettiamo fin da ora, con filiale ubbidienza, quanto la Santa Chiesa giudica e insegna. Le affermazioni dei singoli forumisti non rappresentano in alcun modo la posizione del forum, e quindi dello Staff, che ospita tutti gli interventi non esplicitamente contrari al Regolamento di CR (dalla Magna Charta). O Maria concepita senza peccato prega per noi che ricorriamo a Te.
Pagina 38 di 38 PrimaPrima ... 28363738
Risultati da 371 a 380 di 380

Discussione: TESTI LITURGICI DELLA MESSA in Rito Romano (Anno Liturgico 2016-2017 - A - I)

  1. #371
    Moderatore Globale L'avatar di Vox Populi
    Data Registrazione
    Apr 2006
    Località
    casa mia
    Messaggi
    62,366
    24 novembre 2017
    SANTI ANDREA DUNG-LAC Sacerdote E COMPAGNI, Martiri
    Memoria

    Antifona d'Ingresso
    Cf Gal 6,14; 1 Cor 1,1

    Non ci sarà per noi altra gloria
    che nella croce del Signore nostro Gesù Cristo.
    La parola della croce
    per noi che siamo stati salvati
    è potenza di Dio.

    Colletta
    O Dio, origine e fonte di ogni paternità,
    che hai reso fedeli alla croce del tuo Figlio
    fino all’effusione del sangue,
    i santi Andrea Dung-Lac e compagni martiri,
    per la loro comune intercessione
    fa’ che diventiamo missionari e testimoni
    del tuo amore fra gli uomini,
    per chiamarci ed essere tuoi figli.
    Per il nostro Signore...

    Prima Lettura 1 Mac 4,36-37.52-59
    Celebrarono la dedicazione dell'altare e offrirono olocausti con gioia.


    Dal primo libro dei Maccabèi
    In quei giorni, Giuda e i suoi fratelli dissero: «Ecco, sono stati sconfitti i nostri nemici: andiamo a purificare il santuario e a riconsacrarlo». Così si radunò tutto l’esercito e salirono al monte Sion.
    Si radunarono il mattino del venticinque del nono mese, cioè il mese di Chisleu, nell’anno centoquarantotto, e offrirono il sacrificio secondo la legge sul nuovo altare degli olocausti che avevano costruito. Nella stessa stagione e nello stesso giorno in cui l’avevano profanato i pagani, fu riconsacrato fra canti e suoni di cetre e arpe e cimbali. Tutto il popolo si prostrò con la faccia a terra, e adorarono e benedissero il Cielo che era stato loro propizio.
    Celebrarono la dedicazione dell’altare per otto giorni e offrirono olocausti con gioia e sacrificarono vittime di ringraziamento e di lode. Poi ornarono la facciata del tempio con corone d’oro e piccoli scudi. Rifecero i portoni e le celle sacre, munendole di porte.
    Grandissima fu la gioia del popolo, perché era stata cancellata l’onta dei pagani.
    Giuda, i suoi fratelli e tutta l’assemblea d’Israele, poi, stabilirono che si celebrassero i giorni della dedicazione dell’altare nella loro ricorrenza, ogni anno, per otto giorni, cominciando dal venticinque del mese di Chisleu, con gioia ed esultanza.

    Salmo Responsoriale 1 Cr 29
    Lodiamo il tuo nome glorioso, Signore.

    Benedetto sei tu, Signore,
    Dio d’Israele, nostro padre,
    ora e per sempre.

    Tua, Signore, è la grandezza, la potenza,
    lo splendore, la gloria e la maestà:
    perché tutto, nei cieli e sulla terra, è tuo.

    Tuo è il regno, Signore:
    ti innalzi sovrano sopra ogni cosa.
    Da te provengono la ricchezza e la gloria.

    Tu domini tutto;
    nella tua mano c’è forza e potenza,
    con la tua mano dai a tutti ricchezza e potere.

    Canto al Vangelo Gv 10,27
    Alleluia, alleluia.
    Le mie pecore ascoltano la mia voce, dice il Signore,
    e io le conosco ed esse mi seguono.
    Alleluia.

    Vangelo Lc 19, 45-48
    Avete fatto della mia casa un covo di ladri.


    Dal vangelo secondo Luca
    In quel tempo, Gesù, entrato nel tempio, si mise a scacciare quelli che vendevano, dicendo loro: «Sta scritto: “La mia casa sarà casa di preghiera”. Voi invece ne avete fatto un covo di ladri».
    Ogni giorno insegnava nel tempio. I capi dei sacerdoti e gli scribi cercavano di farlo morire e così anche i capi del popolo; ma non sapevano che cosa fare, perché tutto il popolo pendeva dalle sue labbra nell’ascoltarlo.

    Sulle Offerte
    Accogli, o Padre, i doni che ti presentiamo
    nel ricordo della passione dei santi martiri vietnamiti;
    dona anche a noi fra le avversità del mondo
    la grazia di una fortezza intrepida
    e trasformaci in offerta a te gradita.
    Per Cristo nostro Signore.

    Prefazio dei Santi Martiri.

    Antifona alla Comunione Cf Mt 5,10

    Beati i perseguitati per causa della giustizia,
    perché di essi è il regno dei cieli.

    Dopo la Comunione
    Signore, Dio nostro,
    che nella celebrazione del santi martiri Andrea e compagni
    ci hai nutriti dell’unico pane eucaristico,
    concedici di perseverare unanimi nella tua carità
    per ottenere il premio eterno
    riservato a quanti soffrono per la fede.
    Per Cristo nostro Signore.

  2. #372
    Moderatore Globale L'avatar di Vox Populi
    Data Registrazione
    Apr 2006
    Località
    casa mia
    Messaggi
    62,366
    25 novembre 2017
    SABATO DELLA XXXIII SETTIMANA DEL TEMPO ORDINARIO

    Prima Lettura
    1 Mac 6,1-13
    Per i mali che ho commesso a Gerusalemme, muoio nella più profonda tristezza.


    Dal primo libro dei Maccabèi
    In quei giorni, mentre il re Antioco percorreva le regioni settentrionali, sentì che c’era in Persia la città di Elimàide, famosa per ricchezza, argento e oro; che c’era un tempio ricchissimo, dove si trovavano armature d’oro, corazze e armi, lasciate là da Alessandro, figlio di Filippo, il re macèdone che aveva regnato per primo sui Greci. Allora vi si recò e cercava di impadronirsi della città e di depredarla, ma non vi riuscì, perché il suo piano fu risaputo dagli abitanti della città, che si opposero a lui con le armi; egli fu messo in fuga e dovette ritirarsi con grande tristezza e tornare a Babilonia.
    Venne poi un messaggero in Persia ad annunziargli che erano state sconfitte le truppe inviate contro Giuda. Lisia si era mosso con un esercito tra i più agguerriti, ma era stato messo in fuga dai nemici, i quali si erano rinforzati con armi e truppe e ingenti spoglie, tolte alle truppe che avevano sconfitto, e inoltre avevano demolito l’abominio da lui innalzato sull’altare a Gerusalemme, avevano cinto d’alte mura, come prima, il santuario e Bet-Sur, che era una sua città.
    Il re, sentendo queste notizie, rimase sbigottito e scosso terribilmente; si mise a letto e cadde ammalato per la tristezza, perché non era avvenuto secondo quanto aveva desiderato. Rimase così molti giorni, perché si rinnovava in lui una forte depressione e credeva di morire.
    Chiamò tutti i suoi amici e disse loro: «Se ne va il sonno dai miei occhi e l’animo è oppresso dai dispiaceri. Ho detto in cuor mio: in quale tribolazione sono giunto, in quale terribile agitazione sono caduto, io che ero così fortunato e benvoluto sul mio trono! Ora mi ricordo dei mali che ho commesso a Gerusalemme, portando via tutti gli arredi d’oro e d’argento che vi si trovavano e mandando a sopprimere gli abitanti di Giuda senza ragione. Riconosco che a causa di tali cose mi colpiscono questi mali; ed ecco, muoio nella più profonda tristezza in paese straniero».

    Salmo Responsoriale Dal Salmo 9
    Esulterò, Signore, per la tua salvezza.

    Renderò grazie al Signore con tutto il cuore,
    annuncerò tutte le tue meraviglie.
    Gioirò ed esulterò in te,
    canterò inni al tuo nome, o Altissimo.

    Mentre i miei nemici tornano indietro,
    davanti a te inciampano e scompaiono.
    Hai minacciato le nazioni, hai sterminato il malvagio,
    il loro nome hai cancellato in eterno, per sempre.

    Sono sprofondate le genti nella fossa che hanno scavato,
    nella rete che hanno nascosto si è impigliato il loro piede.
    Perché il misero non sarà mai dimenticato,
    la speranza dei poveri non sarà mai delusa.

    Canto al Vangelo 2 Tm 1,10
    Alleluia, alleluia.
    Il Salvatore nostro Cristo Gesù ha vinto la morte
    e ha fatto risplendere la vita per mezzo del Vangelo.
    Alleluia.

    Vangelo Lc 20,27-40
    Dio non è dei morti, ma dei viventi.


    Dal vangelo secondo Luca
    In quel tempo, si avvicinarono a Gesù alcuni sadducèi – i quali dicono che non c’è risurrezione – e gli posero questa domanda: «Maestro, Mosè ci ha prescritto: “Se muore il fratello di qualcuno che ha moglie, ma è senza figli, suo fratello prenda la moglie e dia una discendenza al proprio fratello”. C’erano dunque sette fratelli: il primo, dopo aver preso moglie, morì senza figli. Allora la prese il secondo e poi il terzo e così tutti e sette morirono senza lasciare figli. Da ultimo morì anche la donna. La donna dunque, alla risurrezione, di chi sarà moglie? Poiché tutti e sette l’hanno avuta in moglie».
    Gesù rispose loro: «I figli di questo mondo prendono moglie e prendono marito; ma quelli che sono giudicati degni della vita futura e della risurrezione dai morti, non prendono né moglie né marito: infatti non possono più morire, perché sono uguali agli angeli e, poiché sono figli della risurrezione, sono figli di Dio. Che poi i morti risorgano, lo ha indicato anche Mosè a proposito del roveto, quando dice: “Il Signore è il Dio di Abramo, Dio di Isacco e Dio di Giacobbe”. Dio non è dei morti, ma dei viventi; perché tutti vivono per lui».
    Dissero allora alcuni scribi: «Maestro, hai parlato bene». E non osavano più rivolgergli alcuna domanda.

    _________________________________

    Memorie facoltative:

    SANTA CATERINA DI ALESSANDRIA Vergine e Martire


    Dal Comune dei Martiri (per una Vergine Martire) oppure delle Vergini.

    Colletta

    Dio onnipotente ed eterno,
    che hai dato al tuo popolo
    santa Caterina, vergine e martire intrepida,
    per sua intercessione
    concedi a noi di essere saldi nella fede,
    forti nella perseveranza
    e di operare assiduamente per l’unità della Chiesa.
    Per il nostro Signore...


    SANTA MARIA IN SABATO

    Dal Comune della Beata Vergine Maria. Si possono utilizzare anche i formulari contenuti nel volume Messe della Beata Vergine Maria.

  3. #373
    Moderatore Globale L'avatar di Vox Populi
    Data Registrazione
    Apr 2006
    Località
    casa mia
    Messaggi
    62,366
    26 novembre 2017
    NOSTRO SIGNORE GESU’ CRISTO RE DELL'UNIVERSO
    Solennità

    Antifona d'Ingresso
    Ap 5,12; 1,6
    L'Agnello immolato
    è degno di ricevere potenza
    e ricchezza e sapienza e forza e onore:
    a lui gloria e potenza nei secoli, in eterno.

    Si dice il Gloria.

    Colletta

    Dio onnipotente ed eterno,
    che hai voluto rinnovare tutte le cose
    in Cristo tuo Figlio, Re dell'universo,
    fa' che ogni creatura, libera dalla schiavitù del peccato,
    ti serva e ti lodi senza fine.
    Per il nostro Signore...

    Oppure:
    O Padre, che hai posto il tuo Figlio
    come unico re e pastore di tutti gli uomini,
    per costruire nelle tormentate vicende della storia
    il tuo regno d’amore,
    alimenta in noi la certezza di fede, che un giorno,
    annientato anche l’ultimo nemico, la morte,
    egli ti consegnerà l’opera della sua redenzione,
    perché tu sia tutto in tutti.
    Egli è Dio...

    Prima Lettura Ez 34,11-12.15-17
    Voi siete mio gregge: io giudicherò tra pecora e pecora.


    Dal libro del profeta Ezechièle
    Così dice il Signore Dio: Ecco, io stesso cercherò le mie pecore e le passerò in rassegna. Come un pastore passa in rassegna il suo gregge quando si trova in mezzo alle sue pecore che erano state disperse, così io passerò in rassegna le mie pecore e le radunerò da tutti i luoghi dove erano disperse nei giorni nuvolosi e di caligine.
    Io stesso condurrò le mie pecore al pascolo e io le farò riposare. Oracolo del Signore Dio. Andrò in cerca della pecora perduta e ricondurrò all’ovile quella smarrita, fascerò quella ferita e curerò quella malata, avrò cura della grassa e della forte; le pascerò con giustizia.
    A te, mio gregge, così dice il Signore Dio: Ecco, io giudicherò fra pecora e pecora, fra montoni e capri.

    Salmo Responsoriale Dal Salmo 22
    Il Signore è il mio pastore: non manco di nulla.

    Il Signore è il mio pastore:
    non manco di nulla.
    Su pascoli erbosi mi fa riposare.
    Ad acque tranquille mi conduce.

    Rinfranca l’anima mia,
    mi guida per il giusto cammino
    a motivo del suo nome.

    Davanti a me tu prepari una mensa
    sotto gli occhi dei miei nemici.
    Ungi di olio il mio capo;
    il mio calice trabocca.

    Sì, bontà e fedeltà mi saranno compagne
    tutti i giorni della mia vita,
    abiterò ancora nella casa del Signore
    per lunghi giorni.

    Seconda Lettura 1 Cor 15,20-26a.28
    Consegnerà il regno a Dio Padre, perché Dio sia tutto in tutti.


    Dalla prima lettera di san Paolo apostolo ai Corinzi
    Fratelli, Cristo è risorto dai morti, primizia di coloro che sono morti. Perché, se per mezzo di un uomo venne la morte, per mezzo di un uomo verrà anche la risurrezione dei morti. Come infatti in Adamo tutti muoiono, così in Cristo tutti riceveranno la vita.
    Ognuno però al suo posto: prima Cristo, che è la primizia; poi, alla sua venuta, quelli che sono di Cristo. Poi sarà la fine, quando egli consegnerà il regno a Dio Padre, dopo avere ridotto al nulla ogni Principato e ogni Potenza e Forza.
    È necessario infatti che egli regni finché non abbia posto tutti i nemici sotto i suoi piedi. L’ultimo nemico a essere annientato sarà la morte.
    E quando tutto gli sarà stato sottomesso, anch’egli, il Figlio, sarà sottomesso a Colui che gli ha sottomesso ogni cosa, perché Dio sia tutto in tutti.

    Canto al Vangelo Mc 11,9.10
    Alleluia, alleluia.
    Benedetto colui che viene nel nome del Signore!
    Benedetto il Regno che viene, del nostro padre Davide!
    Alleluia.

    Vangelo Mt 25,31-46
    Siederà sul trono della sua gloria e separerà gli uni dagli altri.


    Dal vangelo secondo Matteo
    In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli:
    «Quando il Figlio dell’uomo verrà nella sua gloria, e tutti gli angeli con lui, siederà sul trono della sua gloria. Davanti a lui verranno radunati tutti i popoli. Egli separerà gli uni dagli altri, come il pastore separa le pecore dalle capre, e porrà le pecore alla sua destra e le capre alla sinistra.
    Allora il re dirà a quelli che saranno alla sua destra: “Venite, benedetti del Padre mio, ricevete in eredità il regno preparato per voi fin dalla creazione del mondo, perché ho avuto fame e mi avete dato da mangiare, ho avuto sete e mi avete dato da bere, ero straniero e mi avete accolto, nudo e mi avete vestito, malato e mi avete visitato, ero in carcere e siete venuti a trovarmi”.
    Allora i giusti gli risponderanno: “Signore, quando ti abbiamo visto affamato e ti abbiamo dato da mangiare, o assetato e ti abbiamo dato da bere? Quando mai ti abbiamo visto straniero e ti abbiamo accolto, o nudo e ti abbiamo vestito? Quando mai ti abbiamo visto malato o in carcere e siamo venuti a visitarti?”. E il re risponderà loro: “In verità io vi dico: tutto quello che avete fatto a uno solo di questi miei fratelli più piccoli, l’avete fatto a me”.
    Poi dirà anche a quelli che saranno alla sinistra: “Via, lontano da me, maledetti, nel fuoco eterno, preparato per il diavolo e per i suoi angeli, perché ho avuto fame e non mi avete dato da mangiare, ho avuto sete e non mi avete dato da bere, ero straniero e non mi avete accolto, nudo e non mi avete vestito, malato e in carcere e non mi avete visitato”.
    Anch’essi allora risponderanno: “Signore, quando ti abbiamo visto affamato o assetato o straniero o nudo o malato o in carcere, e non ti abbiamo servito?”. Allora egli risponderà loro: “In verità io vi dico: tutto quello che non avete fatto a uno solo di questi più piccoli, non l’avete fatto a me”.
    E se ne andranno: questi al supplizio eterno, i giusti invece alla vita eterna».

    Si dice il Credo.

    Sulle Offerte

    Accetta, o Padre,
    questo sacrificio di riconciliazione,
    e per i meriti del Cristo tuo Figlio
    concedi a tutti i popoli il dono dell'unità e della pace.
    Egli vive e regna nei secoli dei secoli.

    Prefazio
    E’ veramente cosa buona e giusta,
    nostro dovere e fonte di salvezza,
    rendere grazie sempre e in ogni luogo
    a te, Signore, Padre santo,
    Dio onnipotente ed eterno.
    Tu con olio di esultanza
    hai consacrato Sacerdote eterno
    e Re dell’universo il tuo unico Figlio,
    Gesù Cristo nostro Signore.
    Egli, sacrificando se stesso
    immacolata vittima di pace sull’altare della Croce,
    operò il mistero dell’umana redenzione;
    assoggettate al suo potere tutte le creature,
    offrì alla tua maestà infinita
    il regno eterno e universale:
    regno di verità e di vita,
    regno di santità e di grazia,
    regno di giustizia, di amore e di pace.
    E noi,
    uniti agli Angeli e agli Arcangeli,
    ai Troni e alle Dominazioni
    e alla moltitudine dei Cori celesti,
    cantiamo con voce incessante
    l’inno della tua gloria

    Antifona alla Comunione Sal 28,10-11
    Re in eterno siede il Signore:
    benedirà il suo popolo nella pace.

    Oppure: Cf Mt 25,31-32
    «Il Figlio dell’uomo verrà nella sua gloria
    per giudicare tutte le genti».

    Dopo la Comunione
    O Dio, nostro Padre, che ci hai nutriti
    con il pane della vita immortale,
    fa' che obbediamo con gioia
    a Cristo, Re dell'universo,
    per vivere senza fine con lui
    nel suo regno glorioso.
    Egli vive e regna nei secoli dei secoli.

  4. #374
    Moderatore Globale L'avatar di Vox Populi
    Data Registrazione
    Apr 2006
    Località
    casa mia
    Messaggi
    62,366
    XXXIV SETTIMANA DEL TEMPO ORDINARIO

    Poiché nella XXXIV domenica del tempo Ordinario è stata celebrata la solennità di Nostro Signore Gesù Cristo Re dell'Universo, vengono di seguito riportate le antifone e orazioni proposte per le ferie della XXXIV settimana.

    Antifona d'Ingresso Sal 84,9

    Il Signore parla di pace
    al suo popolo, e ai suoi fedeli
    e a quanti ritornano a lui con tutto il cuore.

    Colletta
    Ridesta, Signore, la volontà dei tuoi fedeli
    perché, collaborando con impegno alla tua opera di salvezza,
    ottengano in misura sempre più abbondante
    i doni della tua misericordia.
    Per il nostro Signore...

    Sulle Offerte
    Accogli, Signore, questi santi doni
    che ci hai comandato di offrire in tuo onore,
    perché, obbedienti alla tua parola,
    diventiamo anche noi un’offerta a te gradita.
    Per Cristo nostro Signore.

    Antifona alla Comunione Sal 116,1.2
    Popoli tutti, lodate il Signore,
    perché grande è il suo amore per noi.

    Oppure: Mt 28,20
    «Ecco, io sono con voi tutti i giorni
    sino alla fine del mondo», dice il Signore.

    Dopo la Comunione
    O Dio, che in questi santi misteri
    ci hai dato la gioia di unirci
    alla tua stessa vita,
    non permettere che ci separiamo mai da te,
    fonte di ogni bene.
    Per Cristo nostro Signore.

  5. #375
    Moderatore Globale L'avatar di Vox Populi
    Data Registrazione
    Apr 2006
    Località
    casa mia
    Messaggi
    62,366
    27 novembre 2017
    LUNEDI DELLA XXXIV SETTIMANA DEL TEMPO ORDINARIO

    Prima Lettura
    Dn 1, 1-6. 8-20
    Non si trovò chi fosse pari a Danièle, Ananìa, Misaèle e Azarìa.


    Dal libro del profeta Danièle
    L’anno terzo del regno di Ioiakìm, re di Giuda, Nabucodònosor, re di Babilonia, marciò su Gerusalemme e la cinse d’assedio. Il Signore diede Ioiakìm, re di Giuda, nelle sue mani, insieme con una parte degli arredi del tempio di Dio, ed egli li trasportò nel paese di Sinar, nel tempio del suo dio, e li depositò nel tesoro del tempio del suo dio.
    Il re ordinò ad Asfenàz, capo dei suoi funzionari di corte, di condurgli giovani israeliti di stirpe regale o di famiglia nobile, senza difetti, di bell’aspetto, dotati di ogni sapienza, istruiti, intelligenti e tali da poter stare nella reggia, e di insegnare loro la scrittura e la lingua dei Caldèi. Il re assegnò loro una razione giornaliera delle sue vivande e del vino che egli beveva; dovevano essere educati per tre anni, al termine dei quali sarebbero entrati al servizio del re. Fra loro vi erano alcuni Giudei: Daniele, Ananìa, Misaèle e Azarìa.
    Ma Daniele decise in cuor suo di non contaminarsi con le vivande del re e con il vino dei suoi banchetti e chiese al capo dei funzionari di non obbligarlo a contaminarsi. Dio fece sì che Daniele incontrasse la benevolenza e la simpatia del capo dei funzionari. Però egli disse a Daniele: «Io temo che il re, mio signore, che ha stabilito quello che dovete mangiare e bere, trovi le vostre facce più magre di quelle degli altri giovani della vostra età e così mi rendereste responsabile davanti al re». Ma Daniele disse al custode, al quale il capo dei funzionari aveva affidato Daniele, Ananìa, Misaèle e Azarìa: «Mettici alla prova per dieci giorni, dandoci da mangiare verdure e da bere acqua, poi si confrontino, alla tua presenza, le nostre facce con quelle dei giovani che mangiano le vivande del re; quindi deciderai di fare con i tuoi servi come avrai constatato».
    Egli acconsentì e fece la prova per dieci giorni, al termine dei quali si vide che le loro facce erano più belle e più floride di quelle di tutti gli altri giovani che mangiavano le vivande del re. Da allora in poi il sovrintendente fece togliere l’assegnazione delle vivande e del vino che bevevano, e diede loro soltanto verdure.
    Dio concesse a questi quattro giovani di conoscere e comprendere ogni scrittura e ogni sapienza, e rese Daniele interprete di visioni e di sogni.
    Terminato il tempo, stabilito dal re, entro il quale i giovani dovevano essergli presentati, il capo dei funzionari li portò a Nabucodònosor. Il re parlò con loro, ma fra tutti non si trovò nessuno pari a Daniele, Ananìa, Misaèle e Azarìa, i quali rimasero al servizio del re; su qualunque argomento in fatto di sapienza e intelligenza il re li interrogasse, li trovava dieci volte superiori a tutti i maghi e indovini che c’erano in tutto il suo regno.

    Salmo Responsoriale Dn 3,52-56
    A te la lode e la gloria nei secoli.

    Benedetto sei tu, Signore, Dio dei padri nostri,
    benedetto il tuo nome glorioso e santo.

    Benedetto sei tu nel tuo tempio santo, glorioso,
    benedetto sei tu sul trono del tuo regno.

    Benedetto sei tu che penetri con lo sguardo gli abissi
    e siedi sui cherubini,
    benedetto sei tu nel firmamento del cielo.

    Canto al Vangelo Mt 24,42
    Alleluia, alleluia.
    Vegliate e tenetevi pronti,
    perché, nell’ora che non immaginate,
    viene il Figlio dell’uomo.
    Alleluia.

    Vangelo Lc 21, 1-4
    Vide una vedova povera che gettava due monetine.


    Dal vangelo secondo Luca
    In quel tempo, Gesù, alzàti gli occhi, vide i ricchi che gettavano le loro offerte nel tesoro del tempio.
    Vide anche una vedova povera, che vi gettava due monetine, e disse: «In verità vi dico: questa vedova, così povera, ha gettato più di tutti. Tutti costoro, infatti, hanno gettato come offerta parte del loro superfluo. Ella invece, nella sua miseria, ha gettato tutto quello che aveva per vivere».

  6. #376
    Moderatore Globale L'avatar di Vox Populi
    Data Registrazione
    Apr 2006
    Località
    casa mia
    Messaggi
    62,366
    28 novembre 2017
    MARTEDI DELLA XXXIV SETTIMANA DEL TEMPO ORDINARIO

    Prima Lettura
    Dn 2,31-45
    Dio farà sorgere un regno che non sarà mai distrutto e annienterà tutti gli altri regni.


    Dal libro del profeta Daniele
    In quei giorni, Daniele disse a Nabucodònosor:
    «Tu stavi osservando, o re, ed ecco una statua, una statua enorme, di straordinario splendore, si ergeva davanti a te con terribile aspetto. Aveva la testa d’oro puro, il petto e le braccia d’argento, il ventre e le cosce di bronzo, le gambe di ferro e i piedi in parte di ferro e in parte d’argilla.
    Mentre stavi guardando, una pietra si staccò dal monte, ma senza intervento di mano d’uomo, e andò a battere contro i piedi della statua, che erano di ferro e d’argilla, e li frantumò. Allora si frantumarono anche il ferro, l’argilla, il bronzo, l’argento e l’oro e divennero come la pula sulle aie d’estate; il vento li portò via senza lasciare traccia, mentre la pietra, che aveva colpito la statua, divenne una grande montagna che riempì tutta la terra.
    Questo è il sogno: ora ne daremo la spiegazione al re. Tu, o re, sei il re dei re; a te il Dio del cielo ha concesso il regno, la potenza, la forza e la gloria. Dovunque si trovino figli dell’uomo, animali selvatici e uccelli del cielo, egli li ha dati nelle tue mani; tu li dòmini tutti: tu sei la testa d’oro. Dopo di te sorgerà un altro regno, inferiore al tuo; poi un terzo regno, quello di bronzo, che dominerà su tutta la terra.
    Ci sarà poi un quarto regno, duro come il ferro: come il ferro spezza e frantuma tutto, così quel regno spezzerà e frantumerà tutto. Come hai visto, i piedi e le dita erano in parte d’argilla da vasaio e in parte di ferro: ciò significa che il regno sarà diviso, ma ci sarà in esso la durezza del ferro, poiché hai veduto il ferro unito all’argilla fangosa. Se le dita dei piedi erano in parte di ferro e in parte d’argilla, ciò significa che una parte del regno sarà forte e l’altra fragile. Il fatto d’aver visto il ferro mescolato all’argilla significa che le due parti si uniranno per via di matrimoni, ma non potranno diventare una cosa sola, come il ferro non si amalgama con l’argilla fangosa.
    Al tempo di questi re, il Dio del cielo farà sorgere un regno che non sarà mai distrutto e non sarà trasmesso ad altro popolo: stritolerà e annienterà tutti gli altri regni, mentre esso durerà per sempre. Questo significa quella pietra che tu hai visto staccarsi dal monte, non per intervento di una mano, e che ha stritolato il ferro, il bronzo, l’argilla, l’argento e l’oro.
    Il Dio grande ha fatto conoscere al re quello che avverrà da questo tempo in poi. Il sogno è vero e degna di fede ne è la spiegazione».

    Salmo Responsoriale Dn 3
    A lui la lode e la gloria nei secoli.

    Benedite, opere tutte del Signore, il Signore.
    Benedite, angeli del Signore, il Signore.

    Benedite, cieli, il Signore.
    Benedite, acque tutte, che siete sopra i cieli, il Signore.

    Benedite, potenze tutte del Signore, il Signore,
    lodatelo ed esaltatelo nei secoli.

    Canto al Vangelo Ap 2,10
    Alleluia, alleluia.
    Sii fedele fino alla morte, dice il Signore,
    e ti darò la corona della vita.
    Alleluia.

    Vangelo Lc 21,5-11
    Non sarà lasciata pietra su pietra.


    Dal vangelo secondo Luca
    In quel tempo, mentre alcuni parlavano del tempio, che era ornato di belle pietre e di doni votivi, Gesù disse: «Verranno giorni nei quali, di quello che vedete, non sarà lasciata pietra su pietra che non sarà distrutta».
    Gli domandarono: «Maestro, quando dunque accadranno queste cose e quale sarà il segno, quando esse staranno per accadere?». Rispose: «Badate di non lasciarvi ingannare. Molti infatti verranno nel mio nome dicendo: “Sono io”, e: “Il tempo è vicino”. Non andate dietro a loro! Quando sentirete di guerre e di rivoluzioni, non vi terrorizzate, perché prima devono avvenire queste cose, ma non è subito la fine».
    Poi diceva loro: «Si solleverà nazione contro nazione e regno contro regno, e vi saranno in diversi luoghi terremoti, carestie e pestilenze; vi saranno anche fatti terrificanti e segni grandiosi dal cielo».

  7. #377
    Moderatore Globale L'avatar di Vox Populi
    Data Registrazione
    Apr 2006
    Località
    casa mia
    Messaggi
    62,366
    29 novembre 2017
    MERCOLEDI DELLA XXXIV SETTIMANA DEL TEMPO ORDINARIO

    Prima Lettura
    Dn 5, 1-6.13-14.16-17. 23-28
    Apparvero le dita di una mano d’uomo, che si misero a scrivere.


    Dal libro del profeta Daniele
    In quei giorni, il re Baldassàr imbandì un grande banchetto a mille dei suoi dignitari e insieme con loro si diede a bere vino. Quando Baldassàr ebbe molto bevuto, comandò che fossero portati i vasi d’oro e d’argento che Nabucodònosor, suo padre, aveva asportato dal tempio di Gerusalemme, perché vi bevessero il re e i suoi dignitari, le sue mogli e le sue concubine. Furono quindi portati i vasi d’oro, che erano stati asportati dal tempio di Dio a Gerusalemme, e il re, i suoi dignitari, le sue mogli e le sue concubine li usarono per bere; mentre bevevano il vino, lodavano gli dèi d’oro, d’argento, di bronzo, di ferro, di legno e di pietra.
    In quel momento apparvero le dita di una mano d’uomo, che si misero a scrivere sull’intonaco della parete del palazzo reale, di fronte al candelabro, e il re vide il palmo di quella mano che scriveva. Allora il re cambiò colore: spaventosi pensieri lo assalirono, le giunture dei suoi fianchi si allentarono, i suoi ginocchi battevano l’uno contro l’altro.
    Fu allora introdotto Daniele alla presenza del re ed egli gli disse: «Sei tu Daniele, un deportato dei Giudei, che il re, mio padre, ha portato qui dalla Giudea? Ho inteso dire che tu possiedi lo spirito degli dèi santi e che si trova in te luce, intelligenza e sapienza straordinaria. Ora, mi è stato detto che tu sei esperto nel dare spiegazioni e risolvere questioni difficili. Se quindi potrai leggermi questa scrittura e darmene la spiegazione, tu sarai vestito di porpora, porterai al collo una collana d’oro e sarai terzo nel governo del regno».
    Daniele rispose al re: «Tieni pure i tuoi doni per te e da’ ad altri i tuoi regali: tuttavia io leggerò la scrittura al re e gliene darò la spiegazione. Ti sei innalzato contro il Signore del cielo e sono stati portati davanti a te i vasi del suo tempio e in essi avete bevuto tu, i tuoi dignitari, le tue mogli, le tue concubine: tu hai reso lode agli dèi d’argento, d’oro, di bronzo, di ferro, di legno, di pietra, i quali non vedono, non odono e non comprendono, e non hai glorificato Dio, nelle cui mani è la tua vita e a cui appartengono tutte le tue vie. Da lui fu allora mandato il palmo di quella mano che ha tracciato quello scritto. E questo è lo scritto tracciato: Mene, Tekel, Peres, e questa ne è l’interpretazione: Mene: Dio ha contato il tuo regno e gli ha posto fine; Tekel: tu sei stato pesato sulle bilance e sei stato trovato insufficiente; Peres: il tuo regno è stato diviso e dato ai Medi e ai Persiani».

    Salmo Responsoriale Dn 3,62-67
    A lui la lode e la gloria nei secoli.

    Benedite, sole e luna, il Signore.
    Benedite, stelle del cielo, il Signore.

    Benedite, piogge e rugiade, il Signore.
    Benedite, o venti tutti, il Signore.

    Benedite, fuoco e calore, il Signore.
    Benedite, freddo e caldo, il Signore.

    Canto al Vangelo Ap 2,10
    Alleluia, alleluia.
    Sii fedele fino alla morte, dice il Signore,
    e ti darò la corona della vita.
    Alleluia.

    Vangelo Lc 21, 12-19
    Sarete odiati da tutti a causa del mio nome. Ma nemmeno un capello del vostro capo andrà perduto.


    Dal vangelo secondo Luca
    In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli:
    «Metteranno le mani su di voi e vi perseguiteranno, consegnandovi alle sinagoghe e alle prigioni, trascinandovi davanti a re e governatori, a causa del mio nome. Avrete allora occasione di dare testimonianza.
    Mettetevi dunque in mente di non preparare prima la vostra difesa; io vi darò parola e sapienza, cosicché tutti i vostri avversari non potranno resistere né controbattere.
    Sarete traditi perfino dai genitori, dai fratelli, dai parenti e dagli amici, e uccideranno alcuni di voi; sarete odiati da tutti a causa del mio nome. Ma nemmeno un capello del vostro capo andrà perduto.
    Con la vostra perseveranza salverete la vostra vita».

  8. #378
    Moderatore Globale L'avatar di Vox Populi
    Data Registrazione
    Apr 2006
    Località
    casa mia
    Messaggi
    62,366
    30 novembre 2017
    SANT'ANDREA Apostolo
    Festa

    Antifona d'Ingresso
    Cf Mt 4,18-19
    Sulle sponde del mare di Galilea
    il Signore vide due fratelli, Pietro e Andrea,
    e li chiamò: «Venite dietro a me, vi farò pescatori di uomini».

    Si dice il Gloria.

    Colletta

    Dio onnipotente, esaudisci la nostra preghiera
    nella festa dell'apostolo sant'Andrea;
    egli che fu annunziatore del Vangelo
    e pastore della tua Chiesa,
    sia sempre nostro intercessore nel cielo.
    Per il nostro Signore...

    Prima Lettura Rm 10,9-18
    La fede viene dall’ascolto e l’ascolto riguarda la parola di Cristo.


    Dalla lettera di san Paolo apostolo ai Romani
    Fratello, se con la tua bocca proclamerai: «Gesù è il Signore!», e con il tuo cuore crederai che Dio lo ha risuscitato dai morti, sarai salvo. Con il cuore infatti si crede per ottenere la giustizia, e con la bocca si fa la professione di fede per avere la salvezza.
    Dice infatti la Scrittura: «Chiunque crede in lui non sarà deluso». Poiché non c’è distinzione fra Giudeo e Greco, dato che lui stesso è il Signore di tutti, ricco verso tutti quelli che lo invocano. Infatti: «Chiunque invocherà il nome del Signore sarà salvato».
    Ora, come invocheranno colui nel quale non hanno creduto? Come crederanno in colui del quale non hanno sentito parlare? Come ne sentiranno parlare senza qualcuno che lo annunci? E come lo annunceranno, se non sono stati inviati? Come sta scritto: «Quanto sono belli i piedi di coloro che recano un lieto annuncio di bene!».
    Ma non tutti hanno obbedito al Vangelo. Lo dice Isaìa: «Signore, chi ha creduto dopo averci ascoltato?». Dunque, la fede viene dall’ascolto e l’ascolto riguarda la parola di Cristo. Ora io dico: forse non hanno udito? Tutt’altro:
    «Per tutta la terra è corsa la loro voce,
    e fino agli estremi confini del mondo le loro parole».

    Salmo Responsoriale Dal Salmo 18
    Per tutta la terra si diffonde il loro annuncio.

    I cieli narrano la gloria di Dio,
    l’opera delle sue mani annuncia il firmamento.
    Il giorno al giorno ne affida il racconto
    e la notte alla notte ne trasmette notizia.

    Senza linguaggio, senza parole,
    senza che si oda la loro voce,
    per tutta la terra si diffonde il loro annuncio
    e ai confini del mondo il loro messaggio.

    Canto al Vangelo Mt 4,19
    Alleluia, alleluia.
    Venite dietro a me,
    vi farò pescatori di uomini.
    Alleluia.

    Vangelo Mt 4,18-22
    Essi subito lasciarono le reti e lo seguirono.


    Dal vangelo secondo Matteo
    In quel tempo, mentre camminava lungo il mare di Galilea, Gesù vide due fratelli, Simone, chiamato Pietro, e Andrea suo fratello, che gettavano le reti in mare; erano infatti pescatori. E disse loro: «Venite dietro a me, vi farò pescatori di uomini». Ed essi subito lasciarono le reti e lo seguirono.
    Andando oltre, vide altri due fratelli, Giacomo, figlio di Zebedèo, e Giovanni suo fratello, che nella barca, insieme a Zebedèo loro padre, riparavano le loro reti, e li chiamò. Ed essi subito lasciarono la barca e il loro padre e lo seguirono.

    Sulle Offerte
    Accogli, Signore, con i doni che ti presentiamo
    nella festa di sant'Andrea apostolo
    l'umile offerta di noi stessi
    e donaci in cambio la tua vita divina.
    Per Cristo nostro Signore.

    Prefazio degli Apostoli.

    Antifona alla Comunione Gv 1,41-42

    Andrea disse a suo fratello Simone:
    «Abbiamo trovato il Messia, il Cristo».
    E lo condusse a Gesù.

    Dopo la Comunione
    La partecipazione al tuo sacramento, Signore,
    ci fortifichi e ci dia la gioia di portare in noi,
    sull'esempio di sant'Andrea apostolo,
    i patimenti del Cristo,
    per partecipare alla gloria della risurrezione.
    Per Cristo nostro Signore.

  9. #379
    Moderatore Globale L'avatar di Vox Populi
    Data Registrazione
    Apr 2006
    Località
    casa mia
    Messaggi
    62,366
    1 dicembre 2017
    VENERDI DELLA XXXIV SETTIMANA DEL TEMPO ORDINARIO

    Prima Lettura
    Dn 7, 2-14
    Ecco venire con le nubi del cielo uno simile a un figlio d’uomo.


    Dal libro del profeta Danièle
    Io, Daniele, guardavo nella mia visione notturna ed ecco, i quattro venti del cielo si abbattevano impetuosamente sul Mare Grande e quattro grandi bestie, differenti l’una dall’altra, salivano dal mare. La prima era simile a un leone e aveva ali di aquila. Mentre io stavo guardando, le furono strappate le ali e fu sollevata da terra e fatta stare su due piedi come un uomo e le fu dato un cuore d’uomo.
    Poi ecco una seconda bestia, simile a un orso, la quale stava alzata da un lato e aveva tre costole in bocca, fra i denti, e le fu detto: «Su, divora molta carne».
    Dopo di questa, mentre stavo guardando, eccone un’altra simile a un leopardo, la quale aveva quattro ali d’uccello sul dorso; quella bestia aveva quattro teste e le fu dato il potere.
    Dopo di questa, stavo ancora guardando nelle visioni notturne ed ecco una quarta bestia, spaventosa, terribile, d’una forza straordinaria, con grandi denti di ferro; divorava, stritolava e il rimanente se lo metteva sotto i piedi e lo calpestava: era diversa da tutte le altre bestie precedenti e aveva dieci corna.
    Stavo osservando queste corna, quand’ecco spuntare in mezzo a quelle un altro corno più piccolo, davanti al quale tre delle prime corna furono divelte: vidi che quel corno aveva occhi simili a quelli di un uomo e una bocca che proferiva parole arroganti.
    Io continuavo a guardare,
    quand’ecco furono collocati troni
    e un vegliardo si assise.
    La sua veste era candida come la neve
    e i capelli del suo capo erano candidi come la lana;
    il suo trono era come vampe di fuoco
    con le ruote come fuoco ardente.
    Un fiume di fuoco scorreva
    e usciva dinanzi a lui,
    mille migliaia lo servivano
    e diecimila miriadi lo assistevano.
    La corte sedette e i libri furono aperti.
    Continuai a guardare a causa delle parole arroganti che quel corno proferiva, e vidi che la bestia fu uccisa e il suo corpo distrutto e gettato a bruciare nel fuoco. Alle altre bestie fu tolto il potere e la durata della loro vita fu fissata fino a un termine stabilito.
    Guardando ancora nelle visioni notturne,
    ecco venire con le nubi del cielo
    uno simile a un figlio d’uomo;
    giunse fino al vegliardo e fu presentato a lui.
    Gli furono dati potere, gloria e regno;
    tutti i popoli, nazioni e lingue lo servivano:
    il suo potere è un potere eterno,
    che non finirà mai,
    e il suo regno non sarà mai distrutto.

    Salmo Responsoriale Dn 3,75-81

    A lui la lode e la gloria nei secoli.

    Benedite, monti e colline, il Signore.
    Benedite, creature tutte che germinate sulla terra, il Signore.

    Benedite, sorgenti, il Signore.
    Benedite, mari e fiumi, il Signore.

    Benedite, mostri marini e quanto si muove nell’acqua, il Signore.
    Benedite, uccelli tutti dell’aria, il Signore.

    Benedite, animali tutti, selvaggi e domestici, il Signore,
    lodatelo ed esaltatelo nei secoli.

    Canto al Vangelo Lc 21,29-33
    Alleluia, alleluia.
    Risollevatevi e alzate il capo,
    perché la vostra liberazione è vicina.
    Alleluia.

    Vangelo Lc 21, 29-33
    Quando vedrete accadere queste cose, sappiate che il regno di Dio è vicino.


    Dal vangelo secondo Luca
    In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli una parabola:
    «Osservate la pianta di fico e tutti gli alberi: quando già germogliano, capite voi stessi, guardandoli, che ormai l’estate è vicina. Così anche voi: quando vedrete accadere queste cose, sappiate che il regno di Dio è vicino.
    In verità io vi dico: non passerà questa generazione prima che tutto avvenga. Il cielo e la terra passeranno, ma le mie parole non passeranno».

  10. #380
    Moderatore Globale L'avatar di Vox Populi
    Data Registrazione
    Apr 2006
    Località
    casa mia
    Messaggi
    62,366
    2 dicembre 2017
    SABATO DELLA XXXIV SETTIMANA DEL TEMPO ORDINARIO

    Prima Lettura
    Dn 7, 15-27
    Il regno e il potere saranno dati al popolo dei santi dell'Altissimo.


    Dal libro del profeta Danièle
    Io, Daniele, mi sentii agitato nell’animo, tanto le visioni della mia mente mi avevano turbato; mi accostai a uno dei vicini e gli domandai il vero significato di tutte queste cose ed egli me ne diede questa spiegazione: «Le quattro grandi bestie rappresentano quattro re, che sorgeranno dalla terra; ma i santi dell’Altissimo riceveranno il regno e lo possederanno per sempre, in eterno».
    Volli poi sapere la verità intorno alla quarta bestia, che era diversa da tutte le altre e molto spaventosa, che aveva denti di ferro e artigli di bronzo, che divorava, stritolava e il rimanente se lo metteva sotto i piedi e lo calpestava, e anche intorno alle dieci corna che aveva sulla testa e intorno a quell’ultimo corno che era spuntato e davanti al quale erano cadute tre corna e del perché quel corno aveva occhi e una bocca che proferiva parole arroganti e appariva maggiore delle altre corna.
    Io intanto stavo guardando e quel corno muoveva guerra ai santi e li vinceva, finché venne il vegliardo e fu resa giustizia ai santi dell’Altissimo e giunse il tempo in cui i santi dovevano possedere il regno.
    Egli dunque mi disse: «La quarta bestia significa che ci sarà sulla terra un quarto regno diverso da tutti gli altri e divorerà tutta la terra, la schiaccerà e la stritolerà.
    Le dieci corna significano che dieci re sorgeranno da quel regno e dopo di loro ne seguirà un altro, diverso dai precedenti: abbatterà tre re e proferirà parole contro l’Altissimo e insulterà i santi dell’Altissimo; penserà di mutare i tempi e la legge. I santi gli saranno dati in mano per un tempo, tempi e metà di un tempo.
    Si terrà poi il giudizio e gli sarà tolto il potere, quindi verrà sterminato e distrutto completamente. Allora il regno, il potere e la grandezza dei regni che sono sotto il cielo saranno dati al popolo dei santi dell’Altissimo, il cui regno sarà eterno e tutti gli imperi lo serviranno e gli obbediranno».

    Salmo Responsoriale Dn 3,82-87
    A lui la lode e la gloria nei secoli.

    Benedite, figli dell’uomo, il Signore.
    Benedite, figli d’Israele, il Signore.

    Benedite, sacerdoti del Signore, il Signore.
    Benedite, servi del Signore, il Signore.

    Benedite, spiriti e anime dei giusti, il Signore.
    Benedite, santi e umili di cuore, il Signore.

    Canto al Vangelo Lc 21,36
    Alleluia, alleluia.
    Vegliate in ogni momento pregando,
    perché abbiate la forza di comparire davanti al Figlio dell’uomo.
    Alleluia.

    Vangelo Lc 21, 34-36
    Vegliate, perché abbiate la forza di sfuggire a tutto ciò che deve accadere.


    Dal vangelo secondo Luca
    In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli:
    «State attenti a voi stessi, che i vostri cuori non si appesantiscano in dissipazioni, ubriachezze e affanni della vita e che quel giorno non vi piombi addosso all’improvviso; come un laccio infatti esso si abbatterà sopra tutti coloro che abitano sulla faccia di tutta la terra.
    Vegliate in ogni momento pregando, perché abbiate la forza di sfuggire a tutto ciò che sta per accadere e di comparire davanti al Figlio dell’uomo».

    _________________________________

    Memoria facoltativa:
    SANTA MARIA IN SABATO


    Dal Comune della Beata Vergine Maria. Si possono utilizzare anche i formulari contenuti nel volume Messe della Beata Vergine Maria.

Tag per Questa Discussione

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
>