Lo Staff del Forum dichiara la propria fedeltà al Magistero. Se, per qualche svista o disattenzione, dovessimo incorrere in qualche errore o inesattezza, accettiamo fin da ora, con filiale ubbidienza, quanto la Santa Chiesa giudica e insegna. Le affermazioni dei singoli forumisti non rappresentano in alcun modo la posizione del forum, e quindi dello Staff, che ospita tutti gli interventi non esplicitamente contrari al Regolamento di CR (dalla Magna Charta). O Maria concepita senza peccato prega per noi che ricorriamo a Te.
Pagina 13 di 19 PrimaPrima ... 31112131415 ... UltimaUltima
Risultati da 121 a 130 di 189

Discussione: Considerazioni/opinioni sul Papa al di fuori dei pronunciamenti infallibili

  1. #121
    Iscritto
    Data Registrazione
    Sep 2021
    Località
    Bari
    Messaggi
    152
    Citazione Originariamente Scritto da Michele Ghislieri Visualizza Messaggio
    Quindi in base a quello che dici, per coerenza, avresti dovuto accettare, in silenzio e sottomissione, anche i documenti papali che favorivano la schiavitù di islamici ed ebrei, o quelli che confinavano gli ebrei nei ghetti. Anche quei documenti, sebbene non definissero dottrine circa la fede e i costumi e non fossero infallibili, erano Magistero ecclesiastico.

    H. Hurter, Theologiae Dogmaticae Compendium: "[...] Finché la Chiesa non insegna con autorità infallibile, la dottrina proposta non è di per sé irreformabile; perciò, se dopo un esame assai accurato a qualcuno sembra che esistano ragioni gravissime contro la dottrina così proposta, sarà lecito senza temerarietà sospendere l’assenso. [...] Se alla mente del fedele si presentano ragioni gravi e solide, soprattutto teologiche, contro decisioni del magistero autentico [=non infallibile], sia episcopale che pontificio, gli sarà lecito respingere l’errore, assentire condizionatamente, o perfino sospendere anche l’assenso."
    Premessa:
    La citazione in italiano di Hurter rivela il copia incolla da siti sedevacantisti (radio spada o similari. è il solito testo dozzinale di silveira. Con ciò abbiamo capito cosa ci sta a fare qui Lei.


    Segnalazione per gli altri utenti, sul magistero autentico:
    Can. 752 - Non proprio un assenso di fede, ma un religioso ossequio dell'intelletto e della volontà deve essere prestato alla dottrina, che sia il Sommo Pontefice sia il Collegio dei Vescovi enunciano circa la fede e i costumi, esercitando il magistero autentico, anche se non intendono proclamarla con atto definitivo; i fedeli perciò procurino di evitare quello che con essa non concorda.

    Da dicembre 2021
    Can. 1365 - Chi, oltre al caso di cui nel can. 1364, § 1, insegna una dottrina condannata dal Romano Pontefice o dal Concilio Ecumenico o respinge pertinacemente la dottrina di cui nel can. 750, § 2, o nel can. 752, ed ammonito dalla Sede Apostolica o dall’Ordinario non ritratta, sia punito
    con una censura e la privazione dell’ufficio; a queste sanzioni ne possono essere aggiunte altre di
    cui nel can. 1336 §§ 2-4.

    Ciò posto: le leggi sugli ebrei (che Ghisleri avrebbe considerato normali se fosse vissuto a quei tempi) vincolavano in quanto leggi, così come oggi le leggi fiscali vaticane vincolano in quanto leggi.
    Il magistero non c'entra nulla.
    Pregasi il propagandista Ghisleri di fare il bravo e non confondere le idee agli altri utenti.

  2. #122
    Iscritto
    Data Registrazione
    Sep 2021
    Località
    Bari
    Messaggi
    152
    Citazione Originariamente Scritto da Ulell Visualizza Messaggio
    Non diciamo eresie. Il Papa è vicario di Cristo, non Cristo in persona.
    Gli atti emanati dal Papa si possono discutere, altrimenti tutte le esegesi delle encicliche e delle loro eventuali applicazioni a cosa servono?
    Suppongo che con "mettere in discussione" non intendesse dire "discutere" ma "sindacare" (stava riproducendo un mio messaggio con altre parole). È evidente che non si dubita della possibilità di fare esegesi delle encicliche. Si fa con la Bibbia....

  3. #123
    Moderatore e Cronista di CR L'avatar di Abbas S:Flaviae
    Data Registrazione
    Apr 2009
    Località
    Civitas Calatanisiadensis
    Messaggi
    9,971
    Citazione Originariamente Scritto da Sacro Collegio Visualizza Messaggio
    Questo significa privare le persone di una precisa spiritualità, legata ad una forma di preghiera, che viene bollata di inadeguatezza.

    Se l'agire di queste persone ha dei limiti può essere corretto. Qui invece si è agito per amputazione, non solo di atti, ma anche della sensibilità spirituale dei singoli, che così non sono invitati a pregare, ma tacciati di inadeguatezza per una sensibilità spirituale diversa.
    Infatti nessuno è stato privato della spiritualità, anche perché il Papa non può certo entrare in casa di ogni cattolico per vedere se prega con Radio Maria con PadrePioTv o con le Massime Eterne di Sant'Alfonso. Ciò che è stato fatto è un ridimensionamento per far capire che, qualunque sia la spiritualità che abbiamo, se siamo cattolici, dobbiamo esprimerla nella piena comunione con la Chiesa Cattolica, di cui il Papa è supremo pastore. Se tale comunione è inficiata da idee malsane, che arrivano, nei casi più estremi, allo scisma e all'eresia, non si parla più di spiritualità cattolica ma di una generale spiritualità cristiana.
    Dev'essere il singolo cattolico ad adeguarsi alla Comunità che è la Chiesa e non viceversa, perché non siamo autocefali né apparteniamo alle confessioni evangeliche, dove ogni gruppo fa sé.
    Se non riusciamo a capire cosa differenzia la Chiesa da queste altre forme di cristianesimo allora abbiamo urgente necessità di riaprire qualche buon catechismo.
    Capisco che nell'epoca in cui vince il capriccio e l'individualismo, dover fare riferimento a un'autorità viene faticoso ma la Chiesa è un'istituzione, una societas, non un agglomerato di monadi.
    vi prego, vi imploro con umiltà e con fiducia – permettete a Cristo di parlare all’uomo.

  4. #124
    Veterano di CR L'avatar di Ulell
    Data Registrazione
    Jan 2009
    Località
    Prov di Bari
    Età
    42
    Messaggi
    1,670
    Citazione Originariamente Scritto da Evagrio Pontico Visualizza Messaggio
    Suppongo che con "mettere in discussione" non intendesse dire "discutere" ma "sindacare" (stava riproducendo un mio messaggio con altre parole). È evidente che non si dubita della possibilità di fare esegesi delle encicliche. Si fa con la Bibbia....
    Significa "parlarne" e dire "è giusto" o "è sbagliato" per me, cioè esprimere un giudizio. Che non è sicuramente vincolante per la Chiesa tutta, ma sicuramente pone delle domande sui tempi in corso.
    Fedele al Papa!

  5. #125
    Iscritto L'avatar di Sacro Collegio
    Data Registrazione
    Jan 2020
    Località
    Monza
    Età
    35
    Messaggi
    322
    Citazione Originariamente Scritto da Abbas S:Flaviae Visualizza Messaggio
    Infatti nessuno è stato privato della spiritualità, anche perché il Papa non può certo entrare in casa di ogni cattolico per vedere se prega con Radio Maria con PadrePioTv o con le Massime Eterne di Sant'Alfonso. Ciò che è stato fatto è un ridimensionamento per far capire che, qualunque sia la spiritualità che abbiamo, se siamo cattolici, dobbiamo esprimerla nella piena comunione con la Chiesa Cattolica, di cui il Papa è supremo pastore. Se tale comunione è inficiata da idee malsane, che arrivano, nei casi più estremi, allo scisma e all'eresia, non si parla più di spiritualità cattolica ma di una generale spiritualità cristiana.
    Dev'essere il singolo cattolico ad adeguarsi alla Comunità che è la Chiesa e non viceversa, perché non siamo autocefali né apparteniamo alle confessioni evangeliche, dove ogni gruppo fa sé.
    Se non riusciamo a capire cosa differenzia la Chiesa da queste altre forme di cristianesimo allora abbiamo urgente necessità di riaprire qualche buon catechismo.
    Capisco che nell'epoca in cui vince il capriccio e l'individualismo, dover fare riferimento a un'autorità viene faticoso ma la Chiesa è un'istituzione, una societas, non un agglomerato di monadi.
    Il povero Abramo, pregò perché non venisse distrutta la città di Sodoma... 50,45,40 ... 10!
    Sappiamo come é andata a finire.
    Neanche 10 sono quelli che per Papa Francesco meritano che il venerato Rito di San Pio V venga preservato.
    Altra generosa misericordia.

  6. #126
    Iscritto L'avatar di Sacro Collegio
    Data Registrazione
    Jan 2020
    Località
    Monza
    Età
    35
    Messaggi
    322
    Venendo al discorso sulla "papolatria", suggerisco la lettura di qualche bel tetso di Storia della Chiesa dedicato al papato.

    Leggiamo la biografia di Alessandro VI (Borgia), Giovanni XXII, per esempio.

    Allora torneranno in mente le parole del Cardinale Ratzinger, che di papato mi pare possa dire qualcosa più di noi:

    "Non direi così, nel senso che sia lo Spirito Santo a sceglierlo. Direi che lo Spirito Santo non prende esattamente il controllo della questione, ma piuttosto da quel buon educatore che è, ci lascia molto spazio, molta libertà, senza pienamente abbandonarci. Così che il ruolo dello Spirito dovrebbe essere inteso in un senso molto più elastico, non che egli detti il candidato per il quale uno debba votare. Probabilmente l’unica sicurezza che egli offre è che la cosa non possa essere totalmente rovinata. Ci sono troppi esempi di Papi che evidentemente lo Spirito Santo non avrebbe scelto"

  7. #127
    Cronista di CR L'avatar di Laudato Si’
    Data Registrazione
    Jan 2020
    Località
    Bergamo.
    Messaggi
    23,573
    Citazione Originariamente Scritto da Ulell Visualizza Messaggio
    Significa "parlarne" e dire "è giusto" o "è sbagliato" per me, cioè esprimere un giudizio.
    E, col massimo rispetto, tu, io e qualunque altro fedele chi siamo per dire addirittura che «è sbagliato» (e quindi magari anche per non seguire, tanto noi possiamo fare quel che meglio ci pare, no?) quanto scrive il Vicario di Cristo?! L’insegnamento del Magistero del Papa è il prosieguo, lo specchio perfetto, dell’insegnamento di Cristo, quell’insegnamento che proviene da Cristo stesso, quell’insegnamento che Gesù garantì a Pietro quando gli dette la missione di confermare nella fede i proprii fratelli (cfr. Lc 22, 32).
    Ultima modifica di Laudato Si’; 30-12-2021 alle 10:30
    «Chi ha conservato la fede in Dio non ha perduto niente,
    quand’anche avesse perduto il resto del mondo» (Axel Oxenstierna).



  8. #128
    Moderatore e Cronista di CR L'avatar di Abbas S:Flaviae
    Data Registrazione
    Apr 2009
    Località
    Civitas Calatanisiadensis
    Messaggi
    9,971
    Citazione Originariamente Scritto da Sacro Collegio Visualizza Messaggio
    Il povero Abramo, pregò perché non venisse distrutta la città di Sodoma... 50,45,40 ... 10!
    Sappiamo come é andata a finire.
    Neanche 10 sono quelli che per Papa Francesco meritano che il venerato Rito di San Pio V venga preservato.
    Altra generosa misericordia.
    La Misericordia non è accontentare i capricci di tutti, ma mostrare a tutti come giungere alla santità. Non è buono un padre che ai figli concede ogni cosa per misericordia, ma il padre che per amore sa dire di no e li educa.

    Citazione Originariamente Scritto da Sacro Collegio Visualizza Messaggio
    Allora torneranno in mente le parole del Cardinale Ratzinger, che di papato mi pare possa dire qualcosa più di noi:

    "Non direi così, nel senso che sia lo Spirito Santo a sceglierlo. Direi che lo Spirito Santo non prende esattamente il controllo della questione, ma piuttosto da quel buon educatore che è, ci lascia molto spazio, molta libertà, senza pienamente abbandonarci. Così che il ruolo dello Spirito dovrebbe essere inteso in un senso molto più elastico, non che egli detti il candidato per il quale uno debba votare. Probabilmente l’unica sicurezza che egli offre è che la cosa non possa essere totalmente rovinata. Ci sono troppi esempi di Papi che evidentemente lo Spirito Santo non avrebbe scelto"
    Immagino che lui stesso stesse pensando a queste sue parole quando decise di rinunciare al Pontificato.
    A parte ciò dire che ci sono Papi che lo Spirito Santo "non avrebbe scelto" non significa che il loro Pontificato è stato in mano a Satana. Lo Spirito Santo non li ha scelti ma li ha comunque guidati in quelle cose che riguardano il bene della Chiesa.
    Smettiamola di fare queste palesi accuse nei confronti di un Papa solo perché non sta acconsentendo ai nostri capricci. Se i Papi acconsentissero ai capricci di tutti la Chiesa non esisterebbe più già da secoli.
    vi prego, vi imploro con umiltà e con fiducia – permettete a Cristo di parlare all’uomo.

  9. #129
    Iscritto L'avatar di Sacro Collegio
    Data Registrazione
    Jan 2020
    Località
    Monza
    Età
    35
    Messaggi
    322
    Citazione Originariamente Scritto da Abbas S:Flaviae Visualizza Messaggio
    La Misericordia non è accontentare i capricci di tutti, ma mostrare a tutti come giungere alla santità. Non è buono un padre che ai figli concede ogni cosa per misericordia, ma il padre che per amore sa dire di no e li educa.
    La Misericordia non è nemmeno pensiero unico.

  10. #130
    Veterano di CR L'avatar di Dan87
    Data Registrazione
    Jan 2018
    Località
    S.Lucia
    Età
    35
    Messaggi
    1,099
    Papolatria e credere che il Papa sia Dio, ovvero l'idea di Dio coincide esattamente con quella del Papa. Non penso ci sia nessuno qua che si è persuaso che il Papa è Dio. Ma che abbia la prerogativa lui non noi di governare la Chiesa è un fatto, e non lo giudico, è lui chiamato a disporre cosa fare e sulle spalle ha ogni responsabilità di quello che fa, ma se ha intrapreso quella decisione, sarebbe inutile pensare che non lo abbia fatto ponderandolo e ben sapendo pure che ci sarebbero state delle resistenze,o pensare che è un ingiusto. E facilissimo dare a ogni uomo dell'ingiusto quando non fa quello che voglio io. Io invito a pensare che se intraprende una scelta lo fa ponderandola, perché io ho visto è leggo siti dove addirittura lo trattano come se fosse un massone o l'anticristo.Se qualunque rispetto per l'autorità diventa Papolatria allora si confonde la Papolatria con il rispetto dell'autorità.Poi se ciascuno vuole prendere una disposizione del Papa Francesco e accostarlo a Papa Borgia può farlo. Paragone che posto nella società civile sarebbe reputato a mio avviso con poco senso.

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
>