Lo Staff del Forum dichiara la propria fedeltà al Magistero. Se, per qualche svista o disattenzione, dovessimo incorrere in qualche errore o inesattezza, accettiamo fin da ora, con filiale ubbidienza, quanto la Santa Chiesa giudica e insegna. Le affermazioni dei singoli forumisti non rappresentano in alcun modo la posizione del forum, e quindi dello Staff, che ospita tutti gli interventi non esplicitamente contrari al Regolamento di CR (dalla Magna Charta). O Maria concepita senza peccato prega per noi che ricorriamo a Te.
Risultati da 1 a 4 di 4

Discussione: Le esequie nel Rito Bizantino.

  1. #1
    Veterano di CR
    Data Registrazione
    Jul 2008
    Località
    Roma
    Messaggi
    1,002

    Le esequie nel Rito Bizantino.

    Sino alla riforma ottocentesca del typikon della Grande Chiesa, per ogni categoria di fedeli: uomini, donne, bambini, bambine, monaci, sacerdoti, vescovi, regnanti, i libri liturgici prevedevano riti funebri propri. La riforma abolì tali differenze.

    Anche la Chiesa Cattolica non prevede differenziazioni. Il testo dell'ufficio delle esequie è riportato dall'Euchologhion to mega pubblicato a Roma nel 1873 e mai ristampato.
    Il rituale non prevede in occasione dei funerali la celebrazione della Divina Liturgia, ma una akoloutia articolata.
    Questa si svolge in tre fasi in tre luoghi diversi.

    Ha inizio in casa del defunto, dove il sacerdote recita alcune preghiere; è il medesimo rito che poi verrà utilizzato per le commemorazioni periodiche.
    Il corteo funebre accompagna la salma alla chiesa al canto del trisaghion.

    La cerimonia in chiesa ha inizio con il canto di specifici versetti del salmo 118 (119); seguono gli elovghitaria: brevi inni intercalati dal versetto “Εὐλογητὸς εἶ, Κύριε, δίδαξόν με τὰ δικαιώματά σου”“Benedetto sei tu, Signore: insegnami i tuoi decreti” e altri inni (idiomela). Se vi è l’uso si cantano i makarismi (beatitudini) altrimenti si passa alla lettura dell’epistola -Tessalonicesi (4,13-17) -preceduta, come di consueto, dal canto da parte del lettore del prokimenon - un versetto tratto spesso dai salmi- La bellezza di questo specifico prokimenon ha fatto sì che spesso venga intonato invece dai celebranti e quindi ripreso da tutti i presenti: Μακαρία ὁδός, πορεύει σήμερον, ὅτι ἡτοιμάσθη σοὶ τόπος ἀναπαύσεως.”Beata è la via in cui oggi cammini, poiché è preparato per te un luogo di riposo eterno.”
    Il Vangelo quindi letto è quello secondo Giovanni. (5, 24-30).
    Segue una breve litania diaconale e quella che possiamo considerare la preghiera funebre del rito bizantino per eccellenza:Dio degli spiriti e di ogni carne che, calpestata la morte hai sopraffatto il demonio ed hai largito la vita al mondo, Tu, o Signore concedi il riposo anche all'anima del defunto tuo servo N. e ponilo nel luogo della luce, della letizia, del refrigerio, dove non vi è dolore né affanno né gemito. Condona a lui ogni peccato commesso in parole, in opere, in pensiero, quale Dio clemente ed amante degli uomini; poiché non vi è persona che viva e non pecchi. Tu solo infatti, o Signore, sei senza peccato: la tua giustizia è in eterno e la tua parola è verità.
    Il ben noto canto: “Αἰωνία σου ἡ μνήμη, ἀξιομακάριστε καὶ ἀείμνηστε ἀδελφέ ἡμῶν.” – “Eterna la tua memoria, fratello nostro indimenticabile e degno della beatitudine” precede l’estremo saluto al defunto. Secondo la tradizione l’intera cerimonia ha avuto luogo a bara aperta e i presenti, raccogliendo l’invito del coro: ”Venite, fratelli, a dare l’ultimo saluto al defunto, ringraziando Dio. Egli, infatti, si è separato dai suoi parenti e va verso il sepolcro e non si preoccupa più delle vanità e del corpo pieno di sofferenza. Dove sono ora i parenti e gli amici? Ora che ci separiamo da lui preghiamo perché il Signore gli conceda il riposo eterno” sfilano per dare l’ultimo bacio al defunto
    La terza fase del rito ha luogo al cimitero, dove il sacerdote versa del vino e una manciata di terra sulla salma.

    Una forma particolare del rito è prevista per l’eventuale celebrazione durante la Settimana Luminosa o del Rinnovamento: quella che segue la Pasqua.

    Anche i fanciulli al disotto dei sette anni hanno una propria officiatura.

    Poiché non sono riuscito a trovare l’Euchologhion to mega, per la realizzazione dei miei opuscoli ho fatto ricorso a testi ortodossi greci e ciprioti ampiamente presenti su internet.

    ΑΚΟΛΟΥΘΙΑ ΝΕΚΡΩΣΙΜΩΣ - UFFICIO DELLE ESEQUIE

    ΑΚΟΛΟΥΘΙΑ ΝΕΚΡΩΣΙΜΟΣ ΚΑΤΑ ΤΗΝ ΔΙΑΚΑΙΝΗΣΙΜΟΝ ΕΒΔΟΜΑΔΑ - UFFICIO DELLE ESEQUIE NELLA SETTIMANA DEL RINNOVAMENTO

    ΑΚΟΛΟΥΘΙΑ ΝΕΚΡΩΣΙΜΩΣ ΕΙΣ ΝΗΠΙΑ - UFFICIO DELLE ESEQUIE DEI FANCIULLI

    ΑΚΟΛΟΥΘΙΑ ΝΕΚΡΩΣΙΜΟΣ ΕΙΣ ΝΗΠΙΑ ΚΑΤΑ ΤΗΝ ΔΙΑΚΑΙΝΗΣΙΜΟΝ ΕΒΔΟΜΑΔΑ - UFFICIO DELLE ESEQUIE DEI FANCIULLI NELLA SETTIMANA DEL RINNOVAMENTO

    I testi sono raggiungibili dalla pagina http://www.webalice.it/giovanni.fabr..._liturgici.htm

  2. #2
    Veterano di CR
    Data Registrazione
    Jul 2008
    Località
    Roma
    Messaggi
    1,002
    Citazione Originariamente Scritto da GiovanniF Visualizza Messaggio
    ...
    I testi sono raggiungibili dalla pagina http://www.webalice.it/giovanni.fabr..._liturgici.htm
    I testi sono ora raggiungibili all'indirizzo: http://www.liturgiabizantina.it/Testi_liturgici/Testi_liturgici.htm

  3. #3
    Veterano di CR
    Data Registrazione
    Jul 2008
    Località
    Roma
    Messaggi
    1,002
    Citazione Originariamente Scritto da GiovanniF Visualizza Messaggio

    Poiché non sono riuscito a trovare l’Euchologhion to mega...
    Ho pubblicato, nella consueta veste bilingue, l'ufficio delle esequie dei laici tratto dall'Euchologhion to Mega pubblicato in Roma nel 1873:
    http://www.liturgiabizantina.it/Test...ci.htm#esequie
    Pur condividendo la struttura dei testi già pubblicati - che è del resto quella del mattutino - questo testo riporta una versione più antica del rito che si differenzia per alcune particolarità: L'Amomos (il salmo 118) viene letto o cantato integralmente; viene cantato l'intero canone dei defunti, tratto dal mattutino del sabato della sesta settimana dell'Oktoichos. Sono aggiunti alcuni tropari al momento dell'Aspasmos, il bacio finale di commiato che i parenti e gli amici danno al defunto - ricordo che secondo l'uso orientale il funerale viene celebrato a bara aperta.
    Una nota, pubblicata nell'originale in fondo all'akoloutia e da me portata in testa, specifica che tale rito serve per il funerale di tutti i laici: uomini, donne e bambini.

  4. #4
    Veterano di CR
    Data Registrazione
    Jul 2008
    Località
    Roma
    Messaggi
    1,002
    Ho rivisto il testo delle officiature precedentemente indicate, apportando alcune piccole variazioni e inserendo nel rito base. http://www.liturgiabizantina.it/Test...ci/Esequie.pdf alcune specificità proprie delle esequie di un sacerdote, in base al moderno uso greco.

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
>