Lo Staff del Forum dichiara la propria fedeltà al Magistero. Se, per qualche svista o disattenzione, dovessimo incorrere in qualche errore o inesattezza, accettiamo fin da ora, con filiale ubbidienza, quanto la Santa Chiesa giudica e insegna. Le affermazioni dei singoli forumisti non rappresentano in alcun modo la posizione del forum, e quindi dello Staff, che ospita tutti gli interventi non esplicitamente contrari al Regolamento di CR (dalla Magna Charta). O Maria concepita senza peccato prega per noi che ricorriamo a Te.
Pagina 4 di 38 PrimaPrima ... 2345614 ... UltimaUltima
Risultati da 31 a 40 di 377

Discussione: Rinnovamento nello Spirito (RnS): informazioni sul movimento e sulle sue iniziative

  1. #31
    utente cancellato
    Data Registrazione
    Feb 2010
    Messaggi
    0
    Citazione Originariamente Scritto da oratorio pride Visualizza Messaggio
    Nota veloce. Non appartengo a Rns proprio perché non sono d'accordo con questa impostazione. Oggi il cristiano ha il compito di proclamare e spiegare, o in altre parole, rendere ragione della speranza cristiana. Nel contesto attuale non basta la proclamazione, bisogna saper spiegare cosa e perché si proclama, bisogna (anche qui in altri termini) saper parlare al cuore e all'intelligenza della persone (come la Chiesa ha sempre fatto).
    Non sono d'accordo poi su questa idea di potenza, Sant' Agostino (mica paglia) diceva che per redimere e giustificare l'uomo schiavo di Satana, Dio, tra la potenza e la giustizia ha scelto la giustizia (e questo mi fa dubitare che Martinez abbia letto Agostino).
    E si. Infatti questo movimento invoca e proclama la potenza dello spirito santo.
    Ed esso viene con potenza e fluisce tra gli uomini di buona volontà trasformandoli e facendone uomini nuovi.
    Questa potenza c'è. E' vero. E si trasforma in quelli che vuole in giustizia ed aggiungo in opere.
    Mi è capitato di vedere fratelli di cammino ispirati a compiere delle opere e prontamente bloccati dal "consiglio pastorale" perchè si innescano gelosie ed incomprensioni.
    Anche a me è capitato. Ma la grazia dello spirito era così forte che ho avuto un discernimento assai rapido.
    Uscito dal rinnovamento ho avviato un'opera che prosegue ininterrotta da 12 anni, momento del distacco dal RNS.
    Poi come dicevo prima, molti di loro che hanno il carisma di invocare e far fluire questo spirito, spesso rimangono fuori dalla grazia della conversione e dell'annuncio.
    Spesso sono proprio i capi. Soprattutto quelli locali. Non tutti a dir la verità ma tanto quanto basta per guastare molto di questo movimento.

  2. #32
    Nuovo iscritto
    Data Registrazione
    Apr 2010
    Località
    Padova
    Età
    61
    Messaggi
    8
    Frequento gruppo carismatici dal 2004. Devo molto ad alcuni di questi gruppi e sono ancora legato a loro. Però credo che non bisogna essere fanatici e che bisogna fare anche autocritica. Ci sono diverse cose che non vanno.
    Tanto per dirne una le preghiere spontanee possono essere una bella occasione per imparare a pregare col cuore. Purtroppo molti ne approfittano per sproloqui interminabili. È un’arma a doppio taglio. Come anche la lettura casuale di versetti della Bibbia. Il più delle volte lo Spirito non c’entra proprio niente.
    Spesso nelle riunioni di preghiera non c’è il minimo spazio per il raccoglimento personale, per il silenzio.
    Credo comunque che bisogna fare distinzioni fra gruppi e gruppi. Tutto dipende da chi dirige il gruppo.
    Continuerò a frequentare i carismatici perché non credo che esista il gruppo ideale, senza difetti.
    Ave maria.

  3. #33
    Iscritto L'avatar di Maria869
    Data Registrazione
    Oct 2008
    Località
    Milano
    Messaggi
    393
    Citazione Originariamente Scritto da oratorio pride Visualizza Messaggio
    Nota veloce. Non appartengo a Rns proprio perché non sono d'accordo con questa impostazione. Oggi il cristiano ha il compito di proclamare e spiegare, o in altre parole, rendere ragione della speranza cristiana. Nel contesto attuale non basta la proclamazione, bisogna saper spiegare cosa e perché si proclama, bisogna (anche qui in altri termini) saper parlare al cuore e all'intelligenza della persone (come la Chiesa ha sempre fatto).
    Non sono d'accordo poi su questa idea di potenza, Sant' Agostino (mica paglia) diceva che per redimere e giustificare l'uomo schiavo di Satana, Dio, tra la potenza e la giustizia ha scelto la giustizia (e questo mi fa dubitare che Martinez abbia letto Agostino).
    Perdonami non ho potuto riportare tutto il suo intervento! In realtà Martinez ha preso spunto per questo messaggio proprio da S.Agostino e l'ha citato più volte > "E con il poema d’amore di Sant’Agostino, Tu eri dentro di me, Salvatore Martinez ha proclamato l’Inno alla Verità". > http://www.rns-italia.it/news/Rimini10/23.htm

    E' verissimo che occorre rendere ragione della nostra speranza, ma qui l'accento è posto sulla totale mancanza di Kérigma di molte nostre "spiegazioni".. S.Paolo scrive: "non baso la mia predicazione sulla sapienza degli uomini, ma sulla potenza di Dio", eppure non era un ignorante, no? La preparazione intellettuale, dottrinale, umana, dovrebbero essere a servizio dello Spirito... Purtroppo gli appelli alla formazione e alla crescita che lo stesso Martinez ripete da anni non sono sempre seguiti dagli appartenenti al RnS!, da qui gli abusi di certi "carismatici".. Ho notato che questo accade dove il gruppo non è seguito da un sacerdote, forse perché dopo secoli di delega ai consacrati il popolo di Dio non è pronto a crescere da solo in un cammino forte come questo.. Occorre più integrazione nelle parrocchie: in America questo è avvenuto con frutti splendidi di rinnovamento della fede delle loro parrocchie e con la maturazione degli stessi gruppi.. a volte la penuria di sacerdoti o la loro diffidenza verso questo tipo di spiritualità ha fatto mancare il loro prezioso supporto..

  4. #34
    Saggio del Forum
    Data Registrazione
    Nov 2007
    Località
    senna comasco
    Età
    56
    Messaggi
    1,783
    Come documentazione:
    Tratta dal "De Trinitate" di Sant. Agostino, cap. XIII

    Ma Dio per superare il diavolo non scelse la via della potenza, bensì quella della giustizia

    13. 17. Il diavolo non doveva essere superato dalla potenza, ma dalla giustizia di Dio. Infatti che c’è di più potente dell’Onnipotente? O quale creatura ha una potenza comparabile a quella del Creatore? Ma il diavolo, per il vizio della sua perversità, si è innamorato della potenza, ha abbandonato e combattuto la giustizia; gli uomini a loro volta imitano tanto più il diavolo quanto più trascurano e perfino aborriscono la giustizia per aspirare alla potenza e godono del possesso o bruciano dal desiderio di essa; e così piacque a Dio, per sottrarre l’uomo al potere del diavolo, di vincere il diavolo non con la potenza ma con la giustizia, affinché anche gli uomini, ad imitazione di Cristo, cercassero di vincere il diavolo con la giustizia, non con la potenza. Non che la potenza sia da fuggire come qualcosa di male, ma bisogna rispettare l’ordine secondo il quale la giustizia è al primo posto. Quanto grande può essere infatti la potenza dei mortali? Conservino dunque la giustizia fin che sono mortali, la potenza sarà loro data quando saranno immortali. In confronto a questa, la potenza di quegli uomini che sono chiamati potenti sulla terra - per quanto grande essa sia - non è che una debolezza ridicola, e là dove sembra che i cattivi manifestino finalmente la loro potenza si scava la fossa per il peccatore 75. Il giusto invece canta e dice: Beato l’uomo che tu istruisci, o Signore, e al quale dai l’insegnamento della tua legge perché sia tranquillo nei giorni dell’afflizione, fino a quando si scavi una fossa per il peccatore. Perché il Signore non respingerà il suo popolo e non abbandonerà la sua eredità; fino a quando la giustizia si muti in giudizio; e tutti coloro che la possiedono hanno il cuore retto 76. Dunque, durante il tempo in cui non si manifesta ancora la potenza del popolo di Dio il Signore non respingerà il suo popolo e non abbandonerà la sua eredità, per quanto grandi siano le amarezze e le umiliazioni che essa debba subire nella sua umiltà e debolezza, fino a quando la giustizia che posseggono, malgrado la loro debolezza, gli uomini pii, si muti in giudizio, cioè fino a quando la giustizia non riceva il potere di giudicare. Tale privilegio è riservato ai giusti per la fine dei tempi, allorquando la potenza, seguendo il suo ordine, farà seguito alla giustizia che l’ha preceduta. Infatti è la potenza appoggiata sulla giustizia, o la giustizia unita con la potenza, che costituisce il potere di giudicare. Ora la giustizia appartiene alla volontà buona: per questo gli Angeli, alla nascita di Cristo, hanno detto: Gloria a Dio nel più alto dei cieli e pace in terra agli uomini di buona volontà 77. La potenza deve seguire la giustizia, non precederla, perciò trova il suo posto nelle res secundae, cioè nella prosperità. Ora la parola secundae (prospere), deriva dal verbo sequi (seguire). Infatti, poiché come abbiamo detto prima sono necessarie due cose per rendere l’uomo beato: volere il bene e potere ciò che si vuole, bisogna, come abbiamo notato nella medesima discussione, che sia assente quel disordine perverso che fa sì che l’uomo, fra queste due condizioni della felicità, scelga di potere ciò che vuole e trascuri di volere ciò che conviene, dato che deve prima avere una volontà buona e, soltanto dopo, una grande potenza. Ora la volontà per essere buona deve essere purgata dai vizi; se l’uomo è vinto da essi, la sconfitta lo trascina a volere il male; come allora la sua volontà sarà buona? Perciò bisogna augurarsi che la potenza sia data fin d’ora, però contro i vizi, ma gli uomini non vogliono essere potenti per vincere i vizi, bensì per vincere gli uomini. A che cosa li porta questo se non ad essere effettivamente vinti riportando una vittoria ingannevole, essendo vincitori apparentemente, non realmente? L’uomo voglia essere prudente, forte, temperante, giusto e, per poter esserlo veramente, ambisca in realtà la potenza e desideri di essere potente su se stesso e paradossalmente potente contro se stesso in favore di se stesso. Quanto agli altri beni che vuole con una volontà buona, ma che esulano dal suo potere, come l’immortalità, la vera e perfetta felicità, non cessi di desiderarli e li aspetti con pazienza.

  5. #35
    Iscritto L'avatar di Maria869
    Data Registrazione
    Oct 2008
    Località
    Milano
    Messaggi
    393
    Citazione Originariamente Scritto da oratorio pride Visualizza Messaggio
    Come documentazione:
    Tratta dal "De Trinitate" di Sant. Agostino, cap. XIII

    Ma Dio per superare il diavolo non scelse la via della potenza, bensì quella della giustizia

    13. 17. Il diavolo non doveva essere superato dalla potenza, ma dalla giustizia di Dio (...) gli uomini a loro volta imitano tanto più il diavolo quanto più trascurano e perfino aborriscono la giustizia per aspirare alla potenza e godono del possesso o bruciano dal desiderio di essa;(...)
    La potenza deve seguire la giustizia, non precederla....
    Infatti "lo Spirito è cacciato al sopraggiungere dell'iniquità"(Sapienza1)
    La potenza è DI DIO, è Lui che opera per mezzo di uomini giusti, che in quanto tali non aspirano alla propria gloria ma a quella di Dio.. c'è da dubitare di quei carismi che accompagnano una vita non giusta, e di fatto l'incoerenza degli uomini spegne i carismi, che sono dati ad ogni figlio di Dio.. Come è stato detto a Rimini: la nostra vocazione è la gloria di Dio, è Lui che deve crescere, io devo scomparire..

  6. #36
    Nuovo iscritto
    Data Registrazione
    Jul 2010
    Località
    roma
    Messaggi
    33
    salve a tutti, sono nuova.
    da novembre sto frequentando dei carismatici con relative messe di guarigione e devo dire che la mia vita è cambiata.
    io nonostante i problemi, ho acquistato una serenità interiore incredibile e appena posso leggo cose che riguardano i carismatici le loro riunioni ecc.
    ho fatto diverse unzioni ed ho intenzione ad ottobre di iniziare il corso sul battesimo dello Spirito.
    vorrei avere + info che potete su tutti i movimenti carismatici, nelle varie zone di roma e in italia.
    se C'è chi ha fatto il corso sul battesimo, magari se mi dà qualche info in più e anche qualche informazione in più sui carismi.
    non so se ne è già parlato.
    devo dire che a me personalmente la messa classica, un po' mi annoiava e invece non vedo l'ora che arrivi il giorno per quella carismatica.
    è allegra, si piange e si ride, si gioisce, e la gente intorno a te ci crede.
    Gesù lo senti proprio lì, insieme a noi.
    noi abbiamo un frate eccezionale che è padre ludovico e lui ci crede talmente tanto, che ti fa credere anche a te.

  7. #37
    Bannato
    Data Registrazione
    Dec 2006
    Età
    38
    Messaggi
    43,267
    Citazione Originariamente Scritto da regina Visualizza Messaggio
    devo dire che a me personalmente la messa classica, un po' mi annoiava e invece non vedo l'ora che arrivi il giorno per quella carismatica.
    è allegra, si piange e si ride, si gioisce, e la gente intorno a te ci crede.
    Quella carismatica non ti annoia per queste attività o per altro?

  8. #38
    Nuovo iscritto
    Data Registrazione
    Jul 2010
    Località
    roma
    Messaggi
    33
    non mi annoia perchè la vivo pienamente, piango, gioisco e sento Gesù lì in mezzo. la gente intorno la vedo partecipe con gli occhi lucidi come i miei.
    non è come la messa normale, dove molti vanno perchè oggi è domenica si DEVE andare a messa.
    ad una messa carismatica, si VUOLE andare a messa.
    io aspetto con ansia per poterci andare.
    è una messa piena di emozioni, con belle prediche e perchè no, anche con guarigioni!

  9. #39
    Nuovo iscritto
    Data Registrazione
    Aug 2009
    Messaggi
    28
    Citazione Originariamente Scritto da regina Visualizza Messaggio
    dove molti vanno perchè oggi è domenica si DEVE andare a messa.
    ad una messa carismatica, si VUOLE andare a messa.
    Nessuno obbliga nessuno ad andare alla santa Messa, meno di tutti Iddio.

    Citazione Originariamente Scritto da regina Visualizza Messaggio
    io aspetto con ansia per poterci andare.
    è una messa piena di emozioni, con belle prediche e perchè no, anche con guarigioni!
    Vacci piano con le guarigioni, e non trattarle con leggerezza.
    Viva il Papa!

  10. #40
    Nuovo iscritto
    Data Registrazione
    Jul 2010
    Località
    roma
    Messaggi
    33
    certo Dio, non obbliga nessuno, però sappiamo e lo sai anche tu che molti vanno a messa, senza sentirlo, così come fanno tante altre cose.

Discussioni Simili

  1. Rinnovamento nello Spirito e riposo nello Spirito
    Di Alessandro 59 nel forum Dottrina della Fede
    Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 31-05-2009, 00:18
  2. Rinnovamento nello Spirito e apertura della Bibbia
    Di Alessandro 59 nel forum Dottrina della Fede
    Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 22-05-2009, 12:44

Tag per Questa Discussione

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •