Lo Staff del Forum dichiara la propria fedeltà al Magistero. Se, per qualche svista o disattenzione, dovessimo incorrere in qualche errore o inesattezza, accettiamo fin da ora, con filiale ubbidienza, quanto la Santa Chiesa giudica e insegna. Le affermazioni dei singoli forumisti non rappresentano in alcun modo la posizione del forum, e quindi dello Staff, che ospita tutti gli interventi non esplicitamente contrari al Regolamento di CR (dalla Magna Charta). O Maria concepita senza peccato prega per noi che ricorriamo a Te.
Pagina 4 di 5 PrimaPrima ... 2345 UltimaUltima
Risultati da 31 a 40 di 44

Discussione: Film "i due Papi"

  1. #31
    Veterano di CR
    Data Registrazione
    Jan 2015
    Località
    Lombardia
    Età
    38
    Messaggi
    1,110
    Citazione Originariamente Scritto da gsimy Visualizza Messaggio
    Recensione del film da parte di Famiglia Cristiana
    Da per scontato lo 'spirito conservatore di Ratzinger'

    Dice che non ci sono stati toni irrispettosi,e che ha descritto i protagonisti con grande sincerità...

    Cioé boh
    Questi si sono bevuti il cervello.
    Sapevo che famiglia cristiana era caduta in basso, ma non pensavo potesse cadere così in basso.
    È quanto di più irrispettoso ci possa essere, io ho sottolineato le idiozie riferite a Ratzinger, ma in realtà a ben vedere neache Francesco si salva. Pensare che un papa possa pensare che l'assoluzione sia una "parolina magica" è un insulto, e questo l'hanno fatto dire a Francesco.
    Comunque le cose che dice Ratzinger nel film sono degne di un bigotto ignorante. Che poi Ratzinger fu un grandissimo innovatore (si dimentica che lui stilò personalmente parte delle costituzioni dogmatiche del concilio vaticano II), questi devono fare pace con il cervello.

  2. #32
    Cronista di CR L'avatar di PaoVac
    Data Registrazione
    Nov 2007
    Località
    Archidioecesis Taurinensis
    Età
    48
    Messaggi
    8,091
    il problema è che il grande pubblico si berrà tutto quanto, senza nessun sussulto critico, per la nota mancanza di conoscenza di come sono andate le cose (la gente crede a quello che dice la tv senza porsi troppi problemi e senza approfondire troppo), non tutti hanno gli strumenti culturali per verificare se le cose raccontate sono realistiche; oltretutto da punto di vista massmediale le semplificazioni sono sempre preferite, è molto più semplice contrapporre i due Papi che cercare di andare a fondo delle questioni...
    ecco, forse, ai tempi della Sala Stampa di non molti anni fa, ci sarebbe stata subito una conferenza stampa per chiarire come sono andate le cose, ma il problema è che avrebbe sicuramente avuto meno impatto mediatico del film... oppure, perché il Vaticano non produce una bella serie sui Papi e la propone alle varie piattaforme in streaming, almeno ci potrebbe essere un po' di contraddittorio...
    Quid quaeritis viventem cum mortuis? (Lc 24, 5)

  3. #33
    Moderatrice L'avatar di AntonellaB
    Data Registrazione
    Jan 2007
    Località
    Torino
    Messaggi
    8,375
    Citazione Originariamente Scritto da PaoVac Visualizza Messaggio
    il problema è che il grande pubblico si berrà tutto quanto, senza nessun sussulto critico, per la nota mancanza di conoscenza di come sono andate le cose (la gente crede a quello che dice la tv senza porsi troppi problemi e senza approfondire troppo), non tutti hanno gli strumenti culturali per verificare se le cose raccontate sono realistiche; oltretutto da punto di vista massmediale le semplificazioni sono sempre preferite, è molto più semplice contrapporre i due Papi che cercare di andare a fondo delle questioni...
    ecco, forse, ai tempi della Sala Stampa di non molti anni fa, ci sarebbe stata subito una conferenza stampa per chiarire come sono andate le cose, ma il problema è che avrebbe sicuramente avuto meno impatto mediatico del film... oppure, perché il Vaticano non produce una bella serie sui Papi e la propone alle varie piattaforme in streaming, almeno ci potrebbe essere un po' di contraddittorio...
    Mi chiedevo proprio questo. Essendo i protagonisti del film ancora viventi non è necessaria la loro autorizzazione previa visione ? Quando quel mio amico, tutto emozionato, mi propose questo "bellissimo", pensai a lungo come rispondergli per non offenderlo, però non ho potuto trattenermi dal dirgli come stanno le cose e che quella pellicola è brutta.
    Finchè....non ritorni....il Signore!

  4. #34
    Partecipante a CR
    Data Registrazione
    Apr 2017
    Località
    Diocesi di Treviso
    Età
    26
    Messaggi
    839
    Citazione Originariamente Scritto da Pellegrina Visualizza Messaggio
    E che ti aspettavi da famiglia (allargata) "kristiana"?

    che elogiassero gli attori, la recitazione, la regia etc ma dicessero che il film riportava una versione distorta e ideologica della realtà
    invece così incoraggiano i fedeli a vederlo e a ritenere che quello che viene mostrato sia vero

  5. #35
    Veterano di CR L'avatar di Restauratore
    Data Registrazione
    Jun 2018
    Località
    Altamura
    Età
    47
    Messaggi
    1,897
    Citazione Originariamente Scritto da gsimy Visualizza Messaggio
    Recensione del film da parte di Famiglia Cristiana





    Da per scontato lo 'spirito conservatore di Ratzinger'

    Dice che non ci sono stati toni irrispettosi,e che ha descritto i protagonisti con grande sincerità...

    Cioé boh
    Questi stanno male. Ma male male male! Tra loro ed Avvenire la stampa Cattolica è caduta in basso
    Mi accusano di essere preconciliare ma mi consolo pensando che anche Gesù lo era

  6. #36
    Vecchia guardia di CR
    Data Registrazione
    May 2018
    Località
    Casa dei soliti ceffi
    Messaggi
    2,287

  7. #37
    Vecchia guardia di CR
    Data Registrazione
    May 2018
    Località
    Casa dei soliti ceffi
    Messaggi
    2,287
    https://www.ilfattoquotidiano.it/2020/01/01/i-due-papi-dovrebbe-essere-ispirato-a-una-storia-vera-ma-non-e-cosi/5643102

    ‘I due papi’ dovrebbe essere ispirato a una storia vera. Ma non è così

    Ratzinger viene ritratto in modo caricaturale, arcigno e goffo benché la somiglianza con Anthony Hopkins che lo interpreta sia impressionante. Tra l’altro con la smania di essere eletto Papa, dopo la morte di Karol Wojtyla, cosa assolutamente irreale. Ma la cosa che ferisce maggiormente è l’accusa totalmente infondata che Benedetto XVI fa nel film di essere colpevole della copertura della pedofilia del fondatore dei Legionari di Cristo, padre Marcial Maciel Degollado.
    La storia recente sa bene quanto l’allora cardinale Ratzinger, prefetto della Congregazione per la dottrina della fede, si sia battuto, negli ultimi anni del pontificato di San Giovanni Paolo II, per smascherare gli abusi commessi da Maciel nei confronti di numerosi bambini e di suoi seminaristi. L’orrore di un uomo la cui condotta Ratzinger, divenuto Pontefice, non ha avuto timore a definire immorale, facendo verità e giustizia di tanto abominio.
    È ingiusto e ingrato se, per far apparire Francesco come il Papa buono e Benedetto XVI come quello cattivo, si mistifichi la verità in questo modo.

  8. #38
    Veterano di CR
    Data Registrazione
    Jan 2015
    Località
    Lombardia
    Età
    38
    Messaggi
    1,110
    Insomma che dire...
    Mai mi sarei aspettato una difesa dal fatto quotidiano.
    Che mondo strano...
    Famiglia cristiana ed Avvenire dormono e non si accorgono di niente, mentre giornali, tipo il fatto, non certo teneri con la Chiesa, la difendono.
    È proprio vero che le vie del Signore sono infinite.
    Ora aspetto la difesa di Ratzinger dal sito dell'UAAR, non si sa mai

  9. #39
    Cronista di CR L'avatar di terranovas
    Data Registrazione
    Oct 2010
    Località
    Tuscany near the sea
    Messaggi
    2,274
    Ho visto il film ieri sera e mi è piaciuto, molto più della serie di Sorrentino in onda in questo periodo.
    Per prima cosa ho visto due grandi attori che hanno recitato molto bene.

    Nonostante le critiche al film, a mio parere, devo dire che papa Benedetto XVI non ne esce male, viene fatto il ritratto di una persona che è diversa da quella della realtà, ma è anche vero che è un ritratto della percezione che molta gente ha avuto di questo papa. E se nella prima parte il ritratto è ingeneroso, nella seconda parte e nel finale la figura di papa Benedetto XVI viene rivestita di umanità e si vede la grandezza di questo pontefice.
    La stessa cosa avviene per papa Francesco, ma al contrario, nella prima parte vi è una grande empatia poi le vicende legate alla dittatura argentina mettono in ombra la sua fede e le sue decisioni. Anche in questo caso è l'umanità della persona che viene messa in luce, con i dubbi, le fatiche, gli errori, ma anche la perseveranza ad andare avanti.

    Quindi a mio avviso è un film che si può vedere, nel complesso è una storia romanzata (e devo dire che sarebbe stato molto meglio che fosse messa bene in evidenza che non ha attinenza con la realtà).
    Non credo proprio infatti, che il card. Bergoglio volesse dimettersi, così come credo che papa Benedetto XVI sia in realtà una persona molto umile cosa che nel film non appare.
    Però il film ha il pregio di porre delle domande, di stimolare la riflessione. Propone una chiave d'interpretazione per la rinuncia del papa al suo ministero petrino, non credo che sia la chiave interpretativa giusta ma stimola a pensare e a ragionare sul peso e sulla responsabilità di questa scelta.

    Consigliato dunque a chi conosce la storia e le personalità dei due pontefici e che non si lascia sviare da una ricostruzione un po' fantasiosa.

    Ho letto un articolo su questo film di Marco Tosatti dove scrive:
    «Non ho Netflix, e in genere ormai guardo poco i film (la televisione proprio per nulla, o quasi, visto il livello….).
    Sono andato nel pomeriggio in una casa amica e che cosa ti trovo? La fanciulla di casa (anni quindici) stava guardando, su Netflix, “i due papi”.
    Non so nemmeno perché, dal momento che pur essendo battezzata e forse cattolica non è certo praticante».

    Ecco, forse questo è, in negativo, un ottimo esempio di quello che siamo tenuti a fare. Dobbiamo scendere in campo, dobbiamo insegnare alle giovani generazioni ad avere e sviluppare un senso critico, aiutarle a comprendere la realtà e i fatti della vita. Ma sopratutto non dare nulla di scontato perché la ricerca di Dio è presente nel cuore dell'uomo, nonostante le apparenze. E sopratutto non manifestare, come fa Tosatti, disprezzo per le giovani generazioni, ma accompagnarle nella loro crescita affinché possano diventare persone adulte e cristiane, avvicinandole alla religione e non allontanandole.
    «Non approfittartene della vittoria e non dare il segreto agli altri, furbissimo uomo che vinci il Maestro con l'arma della parola materna». L'Evangelo come mi è stato rivelato

  10. #40
    Moderatore Globale L'avatar di Vox Populi
    Data Registrazione
    Apr 2006
    Località
    casa mia
    Messaggi
    61,614
    Citazione Originariamente Scritto da terranovas Visualizza Messaggio
    Non credo proprio infatti, che il card. Bergoglio volesse dimettersi
    Il Card. Bergoglio aveva compiuto 75 anni il 17 dicembre 2011 e pertanto aveva presentato la rinuncia alla guida pastorale dell'Arcidiocesi di Buenos Aires come previsto dal Can. 401 §1, e questo è un dato di fatto, non un'invenzione del film
    Oboedientia et Pax

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
>