Lo Staff del Forum dichiara la propria fedeltà al Magistero. Se, per qualche svista o disattenzione, dovessimo incorrere in qualche errore o inesattezza, accettiamo fin da ora, con filiale ubbidienza, quanto la Santa Chiesa giudica e insegna. Le affermazioni dei singoli forumisti non rappresentano in alcun modo la posizione del forum, e quindi dello Staff, che ospita tutti gli interventi non esplicitamente contrari al Regolamento di CR (dalla Magna Charta). O Maria concepita senza peccato prega per noi che ricorriamo a Te.
Pagina 125 di 125 PrimaPrima ... 2575115123124125
Risultati da 1,241 a 1,249 di 1249

Discussione: Dal 18 maggio 2020 sono riprese le celebrazioni col popolo: parliamone

  1. #1241
    Partecipante a CR
    Data Registrazione
    Aug 2017
    Località
    Venezia
    Messaggi
    521
    Queste discussioni iniziano ad assumere dei contorni a dir poco tragicomici nella misura in cui le onnipresenti (non) argomentazioni a qualsiasi critica o levata si appalesano essere due:
    a) La disobbedienza ai "legittimi pastori", paventando ogni minimo dissentire su qualsivoglia questione come scisma ed eresia (e, mi si perdonerà, ma ho sempre avuto alquanta diffidenza di chi è così solerte ad attribuire patenti di scisma ed eresia, considerando che la retta confutazione degli errori rende già ciò evidente, e l'invocarle viceversa suggerisce una certa debolezza o assenza della predetta confutazione);
    b) La c.d. "pandemia" (o più correttamente epidemia, vista l'ineguale diffusione e forma del virus su diversi territorj)

    Al punto a) cercare di rispondere è persino inutile, poiché c'è dietro tutta una concezione ecclesiologica, della tradizione liturgica e dell'autorità liturgica che andrebbe profondamente rivista, e questo messaggio non è il luogo più opportuno.

    Al punto b), cosa non dire se non quello che taluni van dicendo da quando è iniziata questa epidemia? Che per secoli si sono trovate soluzioni, anche in caso di malattie molto più gravi, per distribuire la Santa Comunione nella bocca, limitando le possibilità del contagio materiale (anche se, giusta molti santi padri, tale contagio sarebbe sostanzialmente impossibile per la grazia intrinseca del Sacramento; ma ammettiamo pure scolasticamente e razionalisticamente che sia possibile), senza per questo dover compiere quello che fino agli anni '80 era un grave abuso e poi è stato malauguratamente concesso (concessione, non norma di pari valore, benché di fatto sia divenuta addirittura di valore superiore e oggi unica). Tanto più se - stando a quanto dicono taluni - non siamo nella fase più aggressiva dell'epidemia (dove, sempre nell'ipotesi razionalistica di cui sopra, era meglio allora sospendere la Comunione per un tempo ragionevole piuttosto che distribuirla in un modo semi-blasfemo con guanti e similari), ma anzi la gente oggi si raguna numerosissima e senza le più basilari precauzioni (che non sono mascherelle et similia, bensì il rispettare le minime distanze e non alitare in faccia agli estranei, cosa che si dovrebbe fare per cortesia con o senza virus) persino nelle discoteche.

    Ed ecco quinci che giunge il genio a dire che lì hanno tutti una certificazione di vaccinazioni (il nome di super green pass, mi perdonerete, credo sarebbe a malapena adatto per il cattivone nelle più scadenti storie umoristiche di supereroi a fumetti), mentre i vescovi italiani ("quegl'insensibili alla salute pubblica", par che taluno dica, dopo che sotto tale pretesto poco mancava che abiurassero pubblicamente la fede in Dio se glielo chiedeva lo stato!) non hanno voluto imporre questo per l'accesso nelle chiese.

    L'accesso alle chiese cristiane, a memoria d'uomo, non è mai stato vietato a nessuno, cristiani, eretici, giudei o pagani che fossero; al massimo li si faceva uscire dopo il Vangelo, per mantenere la sacralità della ierurgia, ma pure questa prassi andò presto dismessa. Quindi, dato inedito nella storia, oggi invece si dovrebbe rigorosamente vietare l'ingresso a cristiani battezzati se non vaccinati, che quindi rivelansi essere peggio dei giudei, peggio dei pagani, e persino peggio dei cani visto che in molte chiese entrano pure quest'ultimi. "Mistero della fede", direbbe qualcuno, se non fosse blasfemo chiamare tutto ciò "fede" (no, pardon, è perfettamente "fede", nella gaia scienza però e non in Dio: quanto sono anticristici i tempi in cui alla fede si richiedono prove scientifiche, e alla scienza si richiede la fede!).

  2. #1242
    Partecipante a CR
    Data Registrazione
    Aug 2017
    Località
    Venezia
    Messaggi
    521
    Citazione Originariamente Scritto da Laudato Si’ Visualizza Messaggio
    Fonda pure una tua Chiesa personale e stabilisci che tu sei il supremo legislatore… chissà, magari qualche (non) fedele che vorrà aderire lo troverai.
    Sicuramente se nella Chiesa di Roma si vien trattati così male ben pochi vi vorranno rimanere. La fermezza si può esercitare senza il dileggio dell'interlocutore.

  3. #1243
    Cronista di CR L'avatar di Laudato Si’
    Data Registrazione
    Jan 2020
    Località
    Bergamo.
    Messaggi
    15,374
    Citazione Originariamente Scritto da Traditio Marciana Visualizza Messaggio
    […] la gente oggi si raguna numerosissima e senza le più basilari precauzioni […] persino nelle discoteche […].
    Beh, evito di scrivere la mia opinione su questo perché il turpiloquio nel forum è vietato. Come già dicevo, il lassismo sulle precauzioni (mascherine, distanza di almeno 1 metro e se possibile anche di più, igiene delle mani…) ormai impera spietato, soprattutto fuori delle chiese. Poi ci sorprendiamo se abbiamo più 13700 contagi al giorno. Ma, ripeto, a mio parere ciò è dovuto anche all’atteggiamento del Governo, che in questi ultimi tempi secondo me è stato un po’ troppo permissivo (tanto per fare un esempio, le discoteche proprio sono fra quei luoghi che non doverebbero più riaprire fino alla fine della pandemia… non mi pare che serva essere dei genii per capirlo e per comprenderne il motivo!), perché purtroppo ci sono persone alle quali o vengono imposte le cose o non se le mettono in testa, e quindi s’ammassano appena lo Stato allarga un po’ le maglie. E in ogni caso il Green Pass non è una scusa per fare ciò che si vuole, perché esso non esime dal rispettare le altre regole per arginare la diffusione del virus.
    Ultima modifica di Laudato Si’; 26-11-2021 alle 00:07
    «Et tunc videbunt Filium hominis venientem in nube cum potestate et gloria magna».
    (Luc. 21, 27).




  4. #1244
    Partecipante a CR
    Data Registrazione
    Aug 2017
    Località
    Venezia
    Messaggi
    521
    Citazione Originariamente Scritto da Laudato Si’ Visualizza Messaggio
    Beh, evito di scrivere la mia opinione su questo perché il turpiloquio nel forum è vietato. Come già dicevo, il lassismo sulle precauzioni (mascherine, distanza di almeno 1 metro e se possibile anche di più, igiene delle mani...) ormai impera spietato, soprattutto fuori delle chiese. Poi ci sorprendiamo se abbiamo 13 mila contagii al giorno. Ma, ripeto, a mio parere ciò è dovuto anche all’atteggiamento del Governo, che in questi ultimi tempi è stato un po’ troppo permissivo (le discoteche proprio sono fra quei luoghi che non doverebbero più riaprire fino alla fine della pandemia… non mi pare che serva essere dei genii per capirlo e per comprenderne il motivo!). E in ogni caso il Green Pass non è una scusa per fare ciò che più si vuole, perché esso non esime dal rispettare le altre regole per arginare la diffusione del virus.
    Nota: mentre il plurale corretto di "genio" è "genii" (anche se forse è meno rude scrivere genî oppure genj), il plurale di "contagio" è "contagi", poiché la "i" del singolare è un mero segno diacritico che indica che la "g" è da leggersi non come gutturale ma come affricata prepalatale, al contrario di come faremmo naturalmente leggendo "go"; dacché al plurale il problema non si pone, poiché vedendo "gi" pronunziamo spontaneamente un'affricata, il segno diacritico non è necessario e basta una sola "i" quale marca grammaticale del plurale.

  5. #1245
    Cronista di CR L'avatar di Laudato Si’
    Data Registrazione
    Jan 2020
    Località
    Bergamo.
    Messaggi
    15,374
    Citazione Originariamente Scritto da Traditio Marciana Visualizza Messaggio
    Nota: mentre il plurale corretto di "genio" è "genii" (anche se forse è meno rude scrivere genî oppure genj), il plurale di "contagio" è "contagi", poiché la "i" del singolare è un mero segno diacritico che indica che la "g" è da leggersi non come gutturale ma come affricata prepalatale, al contrario di come faremmo naturalmente leggendo "go"; dacché al plurale il problema non si pone, poiché vedendo "gi" pronunziamo spontaneamente un'affricata, il segno diacritico non è necessario e basta una sola "i" quale marca grammaticale del plurale.
    Grazie davvero per la correzione, non si finisce mai d’imparare (sì, ammetto che mi piace usare i plurali “all’antica”, anche perché sono ortograficamente più corretti e distinguono al plurale le parole uscenti in -e o in -o da quelle con la stessa radice terminanti con il dittongo -io, come gene e genio ovvero varo e vario).
    Ultima modifica di Laudato Si’; 26-11-2021 alle 00:21
    «Et tunc videbunt Filium hominis venientem in nube cum potestate et gloria magna».
    (Luc. 21, 27).




  6. #1246
    Moderatore e Cronista di CR L'avatar di Abbas S:Flaviae
    Data Registrazione
    Apr 2009
    Località
    Civitas Calatanisiadensis
    Messaggi
    8,838
    Citazione Originariamente Scritto da Traditio Marciana Visualizza Messaggio
    Sicuramente se nella Chiesa di Roma si vien trattati così male ben pochi vi vorranno rimanere. La fermezza si può esercitare senza il dileggio dell'interlocutore.
    La Chiesa non è un partito politico che si adegua ai capricci del momento, e il Cristianesimo non ha come scopo quello di compiacere gli uomini ma di "cristificarli", se questo è indigesto a qualcuno, vuol dire che non è ancora pronto ad abbracciare pienamente la fede cristiana.
    Io trovo più assurdità nell'invocare misericordia quando una cosa è a proprio favore e nell'ergere la bandiera dell'intransigenza quando il discorso non conviene.
    Esiste un equilibrio nell'interlocuzione che vale fin quanto entrambi gli interlocutori lo accettano, ma qui il discorso partiva già squilibrato, perché non si tratta di una contestazione, che può pur essere legittima (penso che chiunque di noi abbia almeno una cosa in cui non è in piena sintonia con il Magistero della Chiesa), ma di una proclamata disobbedienza, unita a parole irrispettose nei confronti dei pastori legittimi e, siccome non siamo al bar di Mario, ma in un forum cattolico, certe cose devono necessariamente essere definite e chiamate con il loro nome, senza tanti giri di parole, per evitare che l'insana idea contemporanea di "libertà" si insinui anche nella concezione della fede, che è Libertà autentica, ben diversa da quella propinataci dall'attuale cultura dei disvalori.
    Si può esprimere anche una sofferenza per determinate cose e più volte abbiamo letto e scritto nel forum cose simili, ma questo, se siamo cattolici, non deve mai sfociare nella disobbedienza e, ancor peggio, nella disobbedienza proclamata e consigliata. Io sono cattolico e questa cosa non mi piace, posso pregare se ritengo che deve cambiare, posso dire "secondo me così non va", ma non disobbedisco, perché la disobbedienza (non la contestazione) pone automaticamente in crisi l'appartenenza stessa a una Chiesa o a qualunque altra realtà sociale. E' chiaro che termini come "scisma" o "eresia" sono iperbolici, ma bisogna anche rendersi conto che grandi danni iniziano da piccole cose, o forse pensiamo che Lutero, Calvino &co. siano partiti direttamente dalla "finissima" teologia?
    Gesù ci mette chiaramente in guardia dal modo subdolo che usa il divisore, partendo da un piccolo strappo per creare una grande voragine, e sottolinea: chi è fedele nel poco, è fedele anche nel molto.
    Invece di cercare giustificazioni alle nostre disobbedienze, cerchiamo di trovare la parte positiva, lo scopo positivo di quelle cose che non ci piacciono, e vivremo sicuramente meglio la nostra fede, perché la vivremo in piena comunione con la Chiesa che il Signore ha voluto, e che è rappresentata hic et nunc dai legittimi pastori viventi non dalle ossa di chi ha fatto il suo tempo.
    vi prego, vi imploro con umiltà e con fiducia – permettete a Cristo di parlare all’uomo.

  7. #1247
    Fedelissimo di CR L'avatar di Verbum Domini
    Data Registrazione
    Jul 2020
    Località
    Casa mia
    Età
    19
    Messaggi
    4,052
    Citazione Originariamente Scritto da Laudato Si’ Visualizza Messaggio
    Beh, evito di scrivere la mia opinione su questo perché il turpiloquio nel forum è vietato. Come già dicevo, il lassismo sulle precauzioni (mascherine, distanza di almeno 1 metro e se possibile anche di più, igiene delle mani…) ormai impera spietato, soprattutto fuori delle chiese. Poi ci sorprendiamo se abbiamo più 13700 contagi al giorno. Ma, ripeto, a mio parere ciò è dovuto anche all’atteggiamento del Governo, che in questi ultimi tempi secondo me è stato un po’ troppo permissivo (tanto per fare un esempio, le discoteche proprio sono fra quei luoghi che non doverebbero più riaprire fino alla fine della pandemia… non mi pare che serva essere dei genii per capirlo e per comprenderne il motivo!).
    Tesoro bello forse non sai come va il mondo... devono lavorare anche loro sai?
    Maranathà, vieni Signore Gesù!

  8. #1248
    Iscritto
    Data Registrazione
    Aug 2021
    Località
    Lombardia
    Messaggi
    144
    Piccolo esame di coscienza: Io, nella Chiesa, che posto occupo? Sono sicuro di aver compreso appieno quello che il Magistero vuole trasmettermi? Ho le credenziali in regola per poter contestare uno o più punti nei quali sono in disaccordo? Ho la capacità di farmi piccolo e nutrire la fiducia necessaria nelle istituzioni ecclesiastiche che hanno ricevuto il mandato direttamente da Gesù Cristo e opera costantemente per mezzo dello Spirito Santo che le guida nelle decisioni da prendere? Sono in grado di fare un passo indietro o di tacere quando il mio interlocutore dimostra argomentazioni migliori rispetto alle mie?

  9. #1249
    Moderatore e Cronista di CR L'avatar di Abbas S:Flaviae
    Data Registrazione
    Apr 2009
    Località
    Civitas Calatanisiadensis
    Messaggi
    8,838
    Citazione Originariamente Scritto da Tobi Visualizza Messaggio
    Ho le credenziali in regola per poter contestare uno o più punti nei quali sono in disaccordo?
    Sulle altre "domande" sono d'accordo con te, su questa però vorrei fare una specificazione, come dicevo già precedentemente. Essendo noi esseri dotati di intelligenza, che deriva da vari fattori, soprattutto dalla cultura (intesa come background storico, studi e mondo attuale) è naturale che non tutti abbiamo il medesimo modo di vedere il mondo ed è naturale che possiamo non essere d'accordo su una cosa. Penso, inoltre, che sia un diritto, ma anche un dovere verso se stessi, far presenti i propri dubbi in modo da ottenere, per quanto possibile, i dovuti chiarimenti.
    Fatto questo, laddove permane il disaccordo, deve subentrare l'obbedienza, in nome di quella fede che proclamiamo quando diciamo "Credo la Chiesa una santa cattolica apostolica", che non è un'entità da archivio, ma il Corpo mistico di Cristo che vive adesso e qui.
    E' chiaro che qui non si sta proclamando l'infallibilità a 360° del Papa o dei vescovi, poiché sappiamo tutti bene che, essendo esseri umani come noi, possono sbagliare come noi, e sappiamo che l'infallibilità riguarda solo specifici argomenti. Tuttavia, in quanto cattolici, dovremmo avere una certa fiducia nelle parole stesse del Signore, che assicura la sua presenza e l'assistenza del Paraclito fino alla fine dei tempi. Se questo viene meno si crea una crisi, una rottura, difficilmente sanabile. E' come quando in un rapporto d'amore viene a mancare la fiducia, si insinua il sospetto, e, pian piano, le due persone si allontanano sempre di più, fino a separarsi. Questo è il gioco di Satana, questo è quello che dobbiamo evitare, cercando di comprendere il perché di una cosa, al di là del fatto che ci piaccia o meno.
    vi prego, vi imploro con umiltà e con fiducia – permettete a Cristo di parlare all’uomo.

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •