Lo Staff del Forum dichiara la propria fedeltà al Magistero. Se, per qualche svista o disattenzione, dovessimo incorrere in qualche errore o inesattezza, accettiamo fin da ora, con filiale ubbidienza, quanto la Santa Chiesa giudica e insegna. Le affermazioni dei singoli forumisti non rappresentano in alcun modo la posizione del forum, e quindi dello Staff, che ospita tutti gli interventi non esplicitamente contrari al Regolamento di CR (dalla Magna Charta). O Maria concepita senza peccato prega per noi che ricorriamo a Te.
Risultati da 1 a 7 di 7

Discussione: Manufatto medievale (?) con pergamena e sigillo cardinalizio da decifrare

  1. #1
    Nuovo iscritto
    Data Registrazione
    Apr 2020
    Località
    Roma
    Età
    64
    Messaggi
    4

    Manufatto medievale (?) con pergamena e sigillo cardinalizio da decifrare

    Buongiorno a tutti.
    Sono un neo-iscritto, amante delle cose che ci raccontano del nostro passato ed in particolare di opere d’arte sacra. Le raccolgo per mercatini e non importano epoca e valore, basta che stimolino il mio spirito di ricerca, storica, religiosa ed iconografica.
    Recentemente sono entrato in possesso di un singolare manufatto con tre figure in preghiera (dimensioni 35x20), intessuto di fili di rame, dipinto a olio in alcune parti (i volti e le mani) e recante sul retro una piccola pergamena con sigillo cardinalizio in ceralacca. Ecco alcune foto:



    Il manufatto proviene da Sarzana (La Spezia), ma non saprei dire se ciò possa avere alcun nesso con l'opera.
    Credo di essere riuscito a risalire a colui che ha impresso quel sigillo: dovrebbe trattarsi del Card. Giuseppe Pecci, già Vescovo di Gubbio e prima ancora di Cesaropoli (Macedonia), da non confondersi col ben più noto omonimo “nepote" di Papa Leone XIII.
    Nel chiedervi anzitutto conferma circa la bontà delle mie conclusioni riguardo alla paternità del sigillo, sono ad approfittare della vostra competenza e disponibilità per cercare di capirne di più del manufatto e della pergamena, che se con certezza non sono coevi al sigillo, molto probabilmente non lo sono nemmeno tra di loro.
    Il trittico parrebbe richiamarsi all'iconografia sacra bizantina (la Diocesi di Cesaropoli potrebbe entrarci qualcosa?). La figura a sinistra parrebbe essere nostra Maria SS., con spalle e capo coperte da un manto su cui son visibili tre stelle, una sul capo ed una su ciascuna spalla a significare la perpetua verginità (prima, durante e dopo il parto). La figura centrale a questo punto può essere solo una Santa, ma la figura sulla destra? Forse nostro Signore Gesù Cristo o un Apostolo?
    La pergamena, invece, pare recare un testo in una qualche forma antica di latino ecclesiastico, che le mie scarse conoscenze mi impediscono di datare e decifrare. Dalle mie ricerche in internet ho appreso che presso la Diocesi di Gubbio il Pecci è stato anche depositario del "Regesto delle pergamene spettanti alla Cattedrale" (che questo possa essere un indizio?)
    Nella speranza di aver suscitato il vostro interesse, vi ringrazio anticipatamente per il tempo che vorrete dedicarmi e per il vostro eventuale contributo alla mia ricerca.
    Ultima modifica di Ambrosiano; 02-06-2020 alle 13:44 Motivo: Inserite direttamente le foto.

  2. #2
    Moderatore e Cronista di CR L'avatar di Abbas S:Flaviae
    Data Registrazione
    Apr 2009
    Località
    Civitas Calatanisiadensis
    Messaggi
    9,526
    Per quanto riguarda il sigillo, in effetti è quello del Pecci, quindi siamo nel XVIII secolo. La pergamena non ha una scrittura molto antica, potrebbe essere stata scritta fra il '600 e il '700, quindi siamo sempre in quell'epoca, e il manufatto non mi sembra affatto medievale, perché, se si tratta di un'icona, sembra dipinta in stile "italiano", molto in voga nella Russia di Pietro il Grande.
    La presenza del sigillo è strana, di solito si metteva sulle reliquie non su oggetti d'arte, inoltre si vede il filo serico tagliato, per cui ritengo che la parte in tuo possesso difetti del resto, che, forse, era la vera e propria reliquia.
    Le tre figure sembrerebbero la Madonna, san Giovanni e santa Maria Maddalena, questo mi fa pensare che l'immagine ha a che fare con la Crocifissione. Forse faceva parte di una reliquia della Croce.
    Bisognerebbe capire cosa c'è scritto nella pergamena, le prime parole sembrerebbero "Nostra Domina..." abbreviate, mentre nel finale pare di leggere "euang...ngelo".
    vi prego, vi imploro con umiltà e con fiducia – permettete a Cristo di parlare all’uomo.

  3. #3
    Nuovo iscritto
    Data Registrazione
    Apr 2020
    Località
    Roma
    Età
    64
    Messaggi
    4
    Grazie mille per il prezioso contributo, Abbas. Le tue intuizioni e osservazioni sono assolutamente condivisibili.
    Specie quanto all'iconografia delle tre figure ed ed alla loro probabile attinenza con la Crocifissione, se non proprio con una non più presente reliqua della Croce (da qui, come giustamente osservi, il motivo del sigillo cardinalizio).
    Ciò è reso ancor più plausibile dal fatto che prima di quell'"Euang" (credo un abbreviazione di "Vangelo" o "Evangelista) da te identificato parrebbe potersi leggere un "Juha'" ("Giovanni"). Se così fosse, avremmo un esplicito richamo all'unica figura maschile del trittico.
    La parola immediatamente successiva è invece chiaramente "Angelo" (o "Angeli").
    Ti sarò molto grato se vorrai ulteriormente approfondire, specie quanto al testo latino della pergamena (se ritieni, in privato posso mandarti foto di maggior dettaglio e leggibilità).
    Grazie ancora, un caro saluto.


    Citazione Originariamente Scritto da Abbas S:Flaviae Visualizza Messaggio
    Per quanto riguarda il sigillo, in effetti è quello del Pecci, quindi siamo nel XVIII secolo. La pergamena non ha una scrittura molto antica, potrebbe essere stata scritta fra il '600 e il '700, quindi siamo sempre in quell'epoca, e il manufatto non mi sembra affatto medievale, perché, se si tratta di un'icona, sembra dipinta in stile "italiano", molto in voga nella Russia di Pietro il Grande.
    La presenza del sigillo è strana, di solito si metteva sulle reliquie non su oggetti d'arte, inoltre si vede il filo serico tagliato, per cui ritengo che la parte in tuo possesso difetti del resto, che, forse, era la vera e propria reliquia.
    Le tre figure sembrerebbero la Madonna, san Giovanni e santa Maria Maddalena, questo mi fa pensare che l'immagine ha a che fare con la Crocifissione. Forse faceva parte di una reliquia della Croce.
    Bisognerebbe capire cosa c'è scritto nella pergamena, le prime parole sembrerebbero "Nostra Domina..." abbreviate, mentre nel finale pare di leggere "euang...ngelo".

  4. #4
    Moderatore e Cronista di CR L'avatar di Abbas S:Flaviae
    Data Registrazione
    Apr 2009
    Località
    Civitas Calatanisiadensis
    Messaggi
    9,526
    Si, se hai una foto migliore della pergamena postala pure, magari si legge qualcosina in più, anche se è evidentemente mancante di un bel pezzo.
    vi prego, vi imploro con umiltà e con fiducia – permettete a Cristo di parlare all’uomo.

  5. #5
    Nuovo iscritto
    Data Registrazione
    Apr 2020
    Località
    Roma
    Età
    64
    Messaggi
    4
    Ecco il link ad alcune immagini di maggior dettaglio della pergamena.

    https://imgur.com/a/zpKbw0c

    Ringrazio sin d'ora Ambrosiano se vorrà anche in questa circostanza, come già in occasione del mio primo post, inserirle direttamente.
    Citazione Originariamente Scritto da Abbas S:Flaviae Visualizza Messaggio
    Si, se hai una foto migliore della pergamena postala pure, magari si legge qualcosina in più, anche se è evidentemente mancante di un bel pezzo.

  6. #6
    Moderatore e Cronista di CR L'avatar di Abbas S:Flaviae
    Data Registrazione
    Apr 2009
    Località
    Civitas Calatanisiadensis
    Messaggi
    9,526
    Sulla parte sinistra della pergamena mi pare di leggere così: "N(os)tra D(omi)na B(eata) Virgo Ma(ria) & S(anctus) Joha(nnes) Evang(elista)" poi sembra di leggere "Angelo" e sotto molto sbiadito potrebbe essere "S(ancta) Madalena", considerando anche la possibile identità delle tre figure.
    La parte destra è illegibile, sembrerebbe di riconoscere in alto le lettere "Petr" e sotto "tho".
    Mi rimane incomprensibile la presenza del termine "Angelo", quindi potrebbe anche essere un'altra parola, avevo pensato ad Apostolo, però leggendola in qualunque modo sembra proprio "Angelo".
    La parte destra potrebbe essere la "dedica", magari il "Petr" potrebbe essere un "Pietro" che donò o a cui fu donata l'immagine? Sono solo supposizioni, ma non credo sia possibile fare più di questo.
    vi prego, vi imploro con umiltà e con fiducia – permettete a Cristo di parlare all’uomo.

  7. #7
    Nuovo iscritto
    Data Registrazione
    Apr 2020
    Località
    Roma
    Età
    64
    Messaggi
    4
    Fantastico, hai fatto PIU' del possibile!
    Ti ringrazio molto

    Citazione Originariamente Scritto da Abbas S:Flaviae Visualizza Messaggio
    Sulla parte sinistra della pergamena mi pare di leggere così: "N(os)tra D(omi)na B(eata) Virgo Ma(ria) & S(anctus) Joha(nnes) Evang(elista)" poi sembra di leggere "Angelo" e sotto molto sbiadito potrebbe essere "S(ancta) Madalena", considerando anche la possibile identità delle tre figure.
    La parte destra è illegibile, sembrerebbe di riconoscere in alto le lettere "Petr" e sotto "tho".
    Mi rimane incomprensibile la presenza del termine "Angelo", quindi potrebbe anche essere un'altra parola, avevo pensato ad Apostolo, però leggendola in qualunque modo sembra proprio "Angelo".
    La parte destra potrebbe essere la "dedica", magari il "Petr" potrebbe essere un "Pietro" che donò o a cui fu donata l'immagine? Sono solo supposizioni, ma non credo sia possibile fare più di questo.

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
>