Lo Staff del Forum dichiara la propria fedeltà al Magistero. Se, per qualche svista o disattenzione, dovessimo incorrere in qualche errore o inesattezza, accettiamo fin da ora, con filiale ubbidienza, quanto la Santa Chiesa giudica e insegna. Le affermazioni dei singoli forumisti non rappresentano in alcun modo la posizione del forum, e quindi dello Staff, che ospita tutti gli interventi non esplicitamente contrari al Regolamento di CR (dalla Magna Charta). O Maria concepita senza peccato prega per noi che ricorriamo a Te.
Pagina 45 di 53 PrimaPrima ... 354344454647 ... UltimaUltima
Risultati da 441 a 450 di 524

Discussione: I Canti del Rinnovamento nello Spirito

  1. #441
    CierRino L'avatar di Verbum Domini
    Data Registrazione
    Jul 2020
    Località
    Casa mia
    Età
    19
    Messaggi
    5,354

    18 Gennaio 2022 - Inizio Settimana di Preghiera per l'Unità dei Cristiani

    "In Oriente abbiamo visto apparire la sua stella e siamo venuti qui per onorarlo" (Mt 2,2). La stella sorta a Oriente, che guidò i Magi alla scoperta del Signore Gesù, simbolo della manifestazione, è “il tesoro che i cristiani del Medio Oriente possono offrire ai loro fratelli e sorelle in tutto il mondo. Le divisioni tra noi smorzano la luce della testimonianza dei cristiani e oscurano la strada, impedendo ad altri di trovare la via che porta a Cristo. Al contrario, cristiani uniti che adorano Cristo insieme e aprono i loro scrigni in uno scambio di doni, diventano segno dell’unità che Dio desidera per tutto il creato. Mai come in questi tempi difficili sentiamo il bisogno di una luce che vinca le tenebre, e quella luce, come proclamano i cristiani, è stata manifestata in Gesù Cristo”., sottolinea il Pontificio Consiglio nell’Introduzione del sussidio, illustrando il contesto in cui è stato preparato: “I cristiani del Medio Oriente offrono questo materiale per la Settimana di preghiera per l’unità, consapevoli che il mondo condivide molti dei loro stessi travagli e delle difficoltà da loro sperimentate e anela ad una luce che possa dissipare le tenebre sul cammino verso il Salvatore. (…) Ringraziamo di tutto cuore i membri del Gruppo locale e preghiamo affinché una maggiore unità tra i cristiani in Medio Oriente e nel mondo possa contribuire a una vita più dignitosa, giusta e pacifica per tutti gli uomini e le donne del nostro tempo e dei tempi a venire”. Papa Francesco, nell’Angelus del 16 gennaio 2022, ha ricordato l’iniziativa, invitando alla preghiera e all’offerta delle sofferenze per questa intenzione: “Anche noi cristiani, nella diversità delle nostre confessioni e tradizioni, siamo pellegrini in cammino verso la piena unità, e ci avviciniamo alla meta quanto più teniamo lo sguardo fisso su Gesù, nostro unico Signore. Durante la Settimana di Preghiera, offriamo anche le nostre fatiche e le nostre sofferenze per l’unità dei cristiani”. Carissimi, in questa settimana innalziamo al Signore le nostre preghiere e chiediamogli, come dicevo ieri, di guidarci nella strada che ci unisce e che ci accomuna. Chiediamo allo Spirito Santo di illuminare le menti dei nostri Pastori e di quelli delle altre confessioni religiosi perchè possano arrivare a compiere questo obbiettivo di pace, di gioia e di misericordia. Le parole del Salmo che abbiamo ascoltato il giorno dell'Epifania ci sia di esempio perchè veramente possano adorare "tutti i popoli" il Signore. Amen.


    Titolo: ALZATI E RISPLENDI
    Adatto per: Ingresso
    Album: Usato con permesso (Chants de l'Emmanuel)




    TESTO DEL CANTO:
    Alzati e risplendi, ecco la tua luce,
    è su te la gloria del Signor. (2v)
    Volgi i tuoi occhi e guarda lontano
    che il tuo cuore palpiti di allegria:
    ecco i tuoi figli che vengono a te,
    le tue figlie danzano di gioia.

    RIT. Gerusalem, Gerusalem,
    spogliati della tua tristezza;
    Gerusalem, Gerusalem,
    canta e danza al tuo Signor.

    Marceranno i popoli alla tua luce
    ed i re vedranno il tuo splendor (2v).
    Stuoli di cammelli ti invaderanno,
    tesori dal mare affluiranno a te.
    Verranno da Efa, da Saba e da Kedar,
    per lodare il nome del Signor. RIT.

    Figli di stranieri costruiranno le tue mura
    ed i loro re verranno a te. (2v)
    Io farò di te una fonte di gioia,
    tu sarai chiamata città del Signore.
    Il dolore e il lutto finiranno,
    sarai la mia gloria tra le genti. RIT.


    Fonte:https://www.cgfmanet.org/infosfera/c...o...%20More%20


    Ut Unum Sint!
    Sono questi i santi apostoli che con il loro sangue hanno fecondato la Chiesa!

  2. #442
    CierRino L'avatar di Verbum Domini
    Data Registrazione
    Jul 2020
    Località
    Casa mia
    Età
    19
    Messaggi
    5,354

    Canto 23 Gennaio - III Domenica del Tempo Ordinario e Domenica della Parola di Dio

    Con la Lettera apostolica in forma di Motu proprio “Aperuit illis”, Papa Francesco ha stabilito che “la III Domenica del Tempo ordinario sia dedicata alla celebrazione, riflessione e divulgazione della Parola di Dio”. La liturgia è intelligente. Al resoconto del discorso di Gesù alla gente del suo paese di Nazaret, antepone il prologo del Vangelo. L’evangelista Luca intende essere uno storico perché vuole che i cristiani si rendano conto “della solidità degli insegnamenti” ricevuti e siano convinti dell’importanza decisiva per la storia di tutti gli uomini della vita di Gesù. Per questo soltanto lui pone all’inizio della narrazione del ministero pubblico di Gesù un discorso programmatico che precisi subito lo scopo che Gesù si prefigge. È il “manifesto” di Gesù. Eccolo: egli opera con la potenza di Dio, difatti lo Spirito è su di lui. La sua non sarà un’opera umana, meno che mai politica, ma la rivelazione del progetto di Dio. La sua missione è quella di accogliere misericordiosamente tutti gli uomini per liberarli. È il compimento della profezia di Isaia che Gesù si appropria. A Nazaret, quel sabato, Gesù annunciò il tempo nuovo che non avrebbe più avuto per protagonista l’uomo, ma “Dio fatto uomo”. La gente della sinagoga una cosa udì allora con chiarezza: l’inizio di “un anno della grazia del Signore”. In sostanza il Vangelo dice: non sono gli ordinamenti umani a salvare l’umanità, sarà lo Spirito del Signore. In questa affermazione c’è, se si vuole, tanto pessimismo, purtroppo fin troppo documentato dalla storia; ma c’è anche, e più grande, tanta speranza, perché ci assicura che lo Spirito è su Gesù e, perciò, su tutti quelli che fanno comunione con Gesù. E questo riguarda l’oggi: “Oggi si è adempiuta questa Scrittura che voi ascoltate”. L’oggi storico di Gesù diventa, per la forza dello Spirito, l’oggi liturgico della Chiesa, il nostro di ogni Messa. La predica di Nazaret diventa oggi storia nostra. Se ascoltiamo! Questa domenica é il risultato di tutto quello che abbiamo compiuto in questi tempi forti vissuti: con l'Avvento abbiamo contemplato la nostra Madre che portava in grembo il Verbo di Dio, la Parola che si é fatta carne e che si é manifestata per tre volte: con l'Epifania ai magi, con il Battesimo e con le Nozze a Cana. Come ci ha detto il Salmo di Domenica scorsa, annunciamo a tutti i popoli le meraviglie del Signore, le parole del Signore che sono spirito e vita. Annunciamo questo spirito, questa vita, questa luce, questo grande amore del Signore che si manifesta nella Parola di Dio e come diciamo nella Santa Messa, rendiamo grazie a Dio per questo grande Dono. Buona Domenica a tutti!!!

    Titolo: IO VOGLIO AMARTI
    Adatto per: Comunione
    Album: Parola D'Amore (2008)




    TESTO DEL CANTO:
    https://issuu.com/nicolaruello/docs/...v.2014_/480?ff (Numero 346)

    Fonte testo corsivo: http://www.lachiesa.it/calendario/De...20220123.shtml


    Ut Unum Sint!
    Sono questi i santi apostoli che con il loro sangue hanno fecondato la Chiesa!

  3. #443
    Cronista di CR L'avatar di Laudato Si’
    Data Registrazione
    Jan 2020
    Località
    Bergamo.
    Messaggi
    19,841

    Canto del 24/1: mem. di San Francesco di Sales e VII giorno della Sett. di preghiera.

    Il canto che il caro Verbum Domini ha scelto per questa giornata, a leggere il testo, sembra quasi la preghiera d’un malato che si rivolge al Signore implorandoGli di guarirlo. E questo aspetto contribuisce a renderlo adattissimo alla Settimana che stiamo vivendo, ma, più in generale, alla nostra epoca. Sì, perché le divisioni che nel corso della Storia si sono create nella Santa Chiesa sono paragonabili a ferite dolenti che necessitano d’un risanamento, altrimenti continueranno a spargere inimicizie e discordie – che sicuramente non sono benaccette a Dio – tra le membra di quell’unico Corpo costituito dai credenti in Gesù, quando invece Iddio nel Suo imperscrutabile disegno lo dispose «perché nel corpo non vi sia divisione, ma anzi le varie membra abbiano cura le une delle altre» (1Cor 12, 15). Sotto questo aspetto tutti noi siamo in un certo senso malati che hanno bisogno di guarigione, se non della carne, dello spirito. Oh, quante volte al vedere un nostro fratello nel bisogno ci volgiamo dall’altra parte! Oh, quante volte ci rifiutiamo di cooperare per l’unità, magari in alcuni casi contribuendo financo a fomentare i rancori! Il raggiungimento di quella mèta che speriamo tanto di conquistare, ossia l’unità tra i credenti nel Cristo, dipende da ognuno di noi! Oggi – spinti da questo canto e dalla testimonianza operosa di San Francesco di Sales, Dottore della Chiesa, di cui il 24 gennaio si celebra la memoria, il quale durante la sua vita terrena ricondusse molti fratelli nel Cristo alla comunione nella fede cattolica – chiediamo al Signore di volgere il Suo sguardo quaggiù, di guarire il Corpo del Cristo, la Chiesa che è Sua Sposa, da tutte le divisioni che ancora troppo lo lacerano, di donarci la pace e di renderci «una sola cosa» (Gv 17, 22), «perfetti nell'unità» (ivi, v. 23), secondo il volere di Gesù.



    Titolo del canto: O Signore, guardami.
    Adatto per: Comunione.
    Autore: Rinnovamento nello Spirito Santo.
    Editore: Edizioni RnS.
    Album: Mi arrendo al Tuo Amore (2010).
    Video (dal canale YouTube del Rinnovamento nello Spirito Santo):



    Testo:

    O Signore, guardami: nella fede sono qui,
    per toccare appena il lembo del mantello,
    e la forza che verrà sarà come unguento che
    mi risanerà e guarito io sarò.

    Gesù, Gesù, vieni in me e guariscimi;
    Gesù, vieni in me e nella Tua pace io vivrò.

    O Signore, guardaci: nella fede siamo qui.
    Il Tuo Nome è potenza che guarisce
    e, se il mondo finirà, la Parola resterà,
    perché Tu sei Via, Vita e Verità.

    Gesù, Gesù, vieni in noi e guariscici;
    Gesù, vieni in noi e nella Tua pace noi vivremo.

    O Signore, guardaci: ai Tuoi piedi siamo qui.
    Tu ci chiami alla presenza del Tuo Amore
    ed il cuore canta già la Tua grande fedeltà:
    Tu ci doni vita nuova e libertà.

    Gesù, Gesù, vieni in noi e guariscici;
    Gesù, vieni in noi e nella Tua pace noi vivremo.

    Gesù, Gesù, vieni in noi e guariscici;
    Gesù, vieni in noi e nella Tua pace noi vivremo.

    E nella Tua pace noi vivremo,
    e nella Tua pace io vivrò.



    (Testo riportato in base all’art. 70 della Legge 22 aprile 1941, n. 633.
    Citazioni bibliche:
    La Sacra Bibbia, Conferenza Episcopale Italiana, Fondazione di Religione Santi Francesco d’Assisi e Caterina da Siena, 2008).
    Ultima modifica di Laudato Si’; 24-01-2022 alle 06:01
    «Apostolórum pássio diem sacrávit sæculi,
    Petri triúmphum nóbilem, Pauli corónam præferens».




  4. #444
    CierRino L'avatar di Verbum Domini
    Data Registrazione
    Jul 2020
    Località
    Casa mia
    Età
    19
    Messaggi
    5,354
    Ut Unum Sint!


    Grazie mille Laudato! Signore guardaci, guariscici e rendici uniti nel Tuo grande amore!
    Sono questi i santi apostoli che con il loro sangue hanno fecondato la Chiesa!

  5. #445
    CierRino L'avatar di Verbum Domini
    Data Registrazione
    Jul 2020
    Località
    Casa mia
    Età
    19
    Messaggi
    5,354

    Canto del 25 Gennaio - Ottavo giorno dell'Ottavario dell'Unità dei Cristiani

    Un solo corpo, un solo spirito, come una sola è la speranza alla quale siete stati chiamati, quella della vostra vocazione; un solo Signore, una sola fede, un solo battesimo. Un solo Dio Padre di tutti, che è al di sopra di tutti, agisce per mezzo di tutti ed è presente in tutti. A ciascuno di noi, tuttavia, è stata data la grazia secondo la misura del dono di Cristo. Queste sono le bellissime parole del quarto capitolo della Lettera di San Paolo Apostolo agli Efesini. In questo ottavario abbiamo pregato per l'unità dei Cristiani affinché avendo la fede e speranza arriveremo ad essere tutti uniti come fratelli e sorelle amati dal Signore. L'Apostolo delle genti, la cui conversione si celebra oggi, è testimone del fatto che tutti possono rendersi partecipi per arrivare all'unità. Un sol corpo, un sol spirito, un solo Signore: una sola fede ci deve accompagnare: quella in Cristo Gesù e così facendo ciascuno di noi potrà andare, come dicono il Salmo e il Vangelo della Festa di oggi, in tutto il mondo ad annunciare il Vangelo che è il messaggio di amore, di speranza, di fede, di misericordia, di pace e di unità. Amen! Ut Unum Sint!


    Titolo: UN SOL CORPO, UN SOL SPIRITO
    Adatto per: Finale
    Album: Gold Collection (1988 - 2007)




    TESTO DEL CANTO:
    RIT. Un sol corpo, un sol Spirito,
    un solo Signore,
    una sola fede ci accomunerà.
    Un sol corpo un sol Spirito,
    un solo Signore:
    questa è la speranza che uniti ci renderà

    Rendici umili o Dio,
    mansueti e pazienti,
    facci amare di più,
    chi vive accanto a noi,
    conservaci nell'unità
    con vincoli di pace,
    avremo un solo Padre che vive in mezzo a noi. RIT.

    Rinnovaci con il tuo Spirito
    nel corpo e nella mente,
    guidaci alla santità,
    rafforza in noi la fede.
    Rivestici dell'uomo nuovo
    per essere più puri
    e forti nella verità la vita cambierem. RIT.

    Fa' scomparire da noi asprezza,
    sdegno ed ira,
    le nostre bocche, Signor,
    proclamino il tuo amor.
    Dacci il coraggio di avere
    per sempre in te fiducia
    e creature nuove insieme diverrem. RIT.


    "In Oriente abbiamo visto apparire la sua stella e siamo venuti qui per onorarlo" (Mt 2,2)
    Sono questi i santi apostoli che con il loro sangue hanno fecondato la Chiesa!

  6. #446
    CierRino L'avatar di Verbum Domini
    Data Registrazione
    Jul 2020
    Località
    Casa mia
    Età
    19
    Messaggi
    5,354
    Citazione Originariamente Scritto da Laudato Si’ Visualizza Messaggio
    26 gennaio 2022:
    Giornata di preghiera del Forum per la pace in Ucraina.


    Cari utenti e lettori del Forum Cattolici Romani,
    con il placet dello Staff, sono lieto d’informarvi che domani, mercoledì 26 gennaio 2022, si terrà in questa discussione una Giornata di preghiera del Forum per la pace in Ucraina. Tal iniziativa è stata proposta, anche a seguito dell’appello che il Santo Padre Francesco ci ha rivolto dopo l’Angelus della scorsa domenica, per impetrare da Dio la fine d’una grave situazione che pare farsi ogni giorno più delicata, dinnanzi alla quale la nostra coscienza cristiana non ci permette di stare a guardare, e che purtroppo minaccia la pace di cui la nostra Europa – per grazia di quel Dio che per noi vuole solo la pace e la speranza nel futuro (cfr. Ger 29, 11) – tuttora gode.
    La Giornata sarà aperta da me con un canto domani mattina e, sempre mediante un canto, chiusa nella tarda serata. In quell’arco di tempo chiunque vorrà unirsi, in qualsivoglia ora, potrà postare una preghiera, una supplica o un’invocazione al Signore per l’intenzione suindicata.

    Confidando in un’assidua partecipazione, vi porgo un caro saluto in Cristo, Signore della Pace.

    Vostro,
    Laudato Si’.

    Ringraziando Laudato per l’idea invito anche io a prendere parte a questa iniziativa e avviso che domani posterò in questa discussione un canto per la Giornata di Preghiera. Dio della Pace, ascoltaci!
    Sono questi i santi apostoli che con il loro sangue hanno fecondato la Chiesa!

  7. #447
    CierRino L'avatar di Verbum Domini
    Data Registrazione
    Jul 2020
    Località
    Casa mia
    Età
    19
    Messaggi
    5,354

    Canto del 26 Gennaio - Preghiera per la Pace in Ucraina

    Giunti quasi al termine della Giornata di Preghiera per la Pace per l’Ucraina, chiediamo ancora una volta al Signore di portare la Pace e di portare unità tra i popoli. Come fece San Giovanni Paolo II urliamo: mai più guerra! Chiediamo a Gesù, principe della Pace, di risanare le ferite e di liberare i cuori da ogni pensiero di guerra e di discordia ma stiamo tranquilli che con la Sua protezione non dobbiamo avere timore perché Egli ci salverà. Dio della Pace, ascoltaci!


    Titolo: GESU' E' LA PACE
    Adatto per: RINGRAZIAMENTO (dopo Comunione)
    Album: Prostati Adoriamo (1992)




    TESTO DEL CANTO:
    Gesù e' la pace che scioglie ogni timor,
    Egli e' la pace, la nostra pace.
    Gesù e' la pace che libera il tuo cuor,
    Egli e' la pace, la nostra pace.

    Getta in lui ogni affanno
    perché egli avrà cura di te,
    Egli e' la pace, la nostra pace.

    Dona a Gesù il tuo cuore e la risanerà,
    Egli e' la pace, la nostra pace.
    Sono questi i santi apostoli che con il loro sangue hanno fecondato la Chiesa!

  8. #448
    Cronista di CR L'avatar di Laudato Si’
    Data Registrazione
    Jan 2020
    Località
    Bergamo.
    Messaggi
    19,841
    O Signore, ascoltaci! Ti supplichiamo!

    Grazie, Verbum! Bel canto!
    «Apostolórum pássio diem sacrávit sæculi,
    Petri triúmphum nóbilem, Pauli corónam præferens».




  9. #449
    CierRino L'avatar di Verbum Domini
    Data Registrazione
    Jul 2020
    Località
    Casa mia
    Età
    19
    Messaggi
    5,354

    Canto del 30 Gennaio - IV Domenica del Tempo Ordinario

    Gesù è il vero profeta, che ci parla e ci porta il regno di Dio, l'amore di Dio, la tenerezza e la potenza di Dio che ci salva. Ma come i profeti della Bibbia, non viene accolto. Pensiamo al profeta Geremia mandato a predicare la conversione e la penitenza: viene contestato, ma Dio gli promette la sua protezione. Ci sono delle espressioni profonde dell'amore di Dio rivolto a Geremia (e ciascuno le può applicare a sé) "prima di formarti nel grembo materno ti ho conosciuto, prima che tu uscissi alla luce, ti ho consacrato, ti ho stabilito profeta delle nazioni. Alzati in fretta, dì loro tutto ciò che ti ordinerò, non spaventarti di fronte a loro, io sono con te per salvarti" Gesù, come ci racconta il vangelo, "mandato a portare ai poveri il lieto annunzio, a proclamare a prigionieri la liberazione" quando afferma "Oggi si è compiuta questa Scrittura", si trova davanti l'incomprensione, la critica, il rifiuto dei suoi compaesani. A quel punto ricorda loro la benevolenza di Dio manifestata anche verso i pagani, come la vedova di Zarepta, miracolata dal profeta Elia e il generale Naaman, il Siro, guarito dal profeta Eliseo. Il Signore non viene meno alle sue promesse, al suo amore. Anzi fa comprendere la sua presenza con i tanti atti di amore che esprime, anche con miracoli, verso chi è povero, malato, peccatore, bisognoso di aiuto e di salvezza. Gesù è amore, Gesù ci insegna ad amare, Gesù ci ha dato il suo comandamento, che è il distintivo del cristiano, "Amatevi gli uni gli altri, come Io ho amato voi". Comprendiamo allora come l'apostolo Paolo nei suoi scritti, come nella lettera ai Corinti, ci parla dell'amore, della carità, come la virtù e l'espressione di vita più grande. Ci aiuta anche a imparare a vivere la carità nelle varie situazioni, a esprimerla in tanti modi concreti e veri. Afferma. Anche se io facessi le cose più grandi, ma non ho la carità, sono una nullità. Anche se facessi gesti grandi e sacrifici, ma per vanto, senza la carità, non contano nulla. "La carità è magnanima, benevola è la carità, non è invidiosa, non si vanta, non si gonfia d'orgoglio, non manca di rispetto, non cerca il proprio interesse, non si adira, non tiene conto del male ricevuto, non gode dell'ingiustizia, ma si compiace della verità. Tutto scusa, tutto crede, tutto spera, tutto sopporta. La carità non avrà mai fine". Affidiamoci alla carità che è la cosa più grande, come dice San Paolo, ed è linfa vitale per la nostra Fede in Lui. Chiediamo al Signore un sono sempre più grande della Fede, della Speranza (che viene dall’alto come dice San Giacomo nella sua lettera) e della Carità. Così la nostra bocca, come dice il Salmo di oggi, racconterà la sua salvezza, racconterà il Suo Amore. Amen. Buona Domenica a tutti!!!


    Titolo: INNO ALLA CARITÀ
    Adatto per: Comunione
    Album: MI arrendo al Tuo Amore (2010)




    TESTO DEL CANTO:
    Se anche io parlassi tutte le lingue
    E conoscessi i misteri e la scienza
    Se avessi il dono della profezia
    Ma non avessi la carità
    non sarei nulla, nulla.

    RIT. La carità è paziente,
    la carità è benigna
    e si compiace della verità
    Tutto essa tollera,
    tutto crede e spera
    Non finirà la carità.

    Se avessi fede da spostar le montagne
    E offrissi ai poveri tutti i miei beni
    Se dessi il corpo per essere arso
    Ma non avessi la carità
    non sarei nulla, nulla. RIT. (x2)

    Non finirà la carità. (x2)
    Non finirà la carità.


    Fonte testo corsivo: http://www.lachiesa.it/calendario/om...led/36509.html
    Sono questi i santi apostoli che con il loro sangue hanno fecondato la Chiesa!

  10. #450
    CierRino L'avatar di Verbum Domini
    Data Registrazione
    Jul 2020
    Località
    Casa mia
    Età
    19
    Messaggi
    5,354
    Carissimi,
    I canti di Domenica 6 Febbraio e di Domenica 13 Febbraio non saranno pubblicati perchè sono in piena sessione di esami.
    Riprenderò a postare Domenica 20 Febbraio e sicuramente organizzerò, come l'anno scorso, i "Venerdì Quaresimali" dato che sarò in un periodo più tranquillo.
    Grazie per la comprensione!
    Sono questi i santi apostoli che con il loro sangue hanno fecondato la Chiesa!

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
>