Lo Staff del Forum dichiara la propria fedeltà al Magistero. Se, per qualche svista o disattenzione, dovessimo incorrere in qualche errore o inesattezza, accettiamo fin da ora, con filiale ubbidienza, quanto la Santa Chiesa giudica e insegna. Le affermazioni dei singoli forumisti non rappresentano in alcun modo la posizione del forum, e quindi dello Staff, che ospita tutti gli interventi non esplicitamente contrari al Regolamento di CR (dalla Magna Charta). O Maria concepita senza peccato prega per noi che ricorriamo a Te.
Pagina 11 di 12 PrimaPrima ... 9101112 UltimaUltima
Risultati da 101 a 110 di 120

Discussione: Cronache della diocesi di Savona - Noli anno 2021

  1. #101
    Cronista di CR
    L'avatar di Lettore 75
    Data Registrazione
    Apr 2010
    Località
    Casa mia
    Età
    46
    Messaggi
    1,470

    Il bilancio del fondo per l’emergenza Covid

    La Diocesi di Savona-Noli ha complessivamente destinato 290.000 euro, dal fondo straordinario della Conferenza Episcopale Italiana per la nostra diocesi (denominato “Insieme per ripartire”), al sostegno delle persone fragili colpite dall’emergenza sanitaria.
    Questi fondi, gestiti dalla Fondazione diocesana ComunitàServizi per una quota di 281.768 euro su mandato del vescovo, sono stati destinati ai Centri di ascolto diocesano e parrocchiali o vicariali e ad alcune associazioni caritative presenti in diocesi e sono stati utilizzati nella maggior parte dei casi come sussidi volti a compensare uno stato di riduzione o assenza del reddito dovuto anche alle conseguenze dell’emergenza sanitaria. Nel complesso la chiesa di Savona attraverso il fondo proveniente dall’8×1000 della Cei ha potuto sostenere direttamente con sussidi economici 314 nuclei composti da 658 persone, di queste 156 minorenni e 16 anziani.
    Le famiglie sostenute hanno chiesto di essere aiutate per le spese relative alla gestione della casa: affitti, bollette, spese condominiali. Quasi l’85% dei sussidi erogati hanno riguardato questa voce. Significativo il sostegno per la salute delle persone che ha raggiunto il 6,7% del fondo. In particolare si è potuti intervenire con delle spese odontoiatriche ormai non più rimandabili, donando la possibilità di un sorriso anche a coloro che si trovano in una condizione economica ormai insostenibile. Per la formazione sono stati destinati 4,2% dei sussidi, sia per la partecipazione a corsi di formazione per un possibile sbocco lavorativo sia attraverso l’acquisto di tablet per la didattica a distanza dei ragazzi.
    Oltre l’80% dei sussidi ha riguardato famiglie in grave disagio socio-economico con o senza minori. Poche le persone anziane che si sono rivolte per una integrazione del reddito, perché molto probabilmente perché loro le condizioni economiche sono rimaste stabili, piuttosto sono aumentati i le loro difficoltà legate ad un aumento delle condizioni di solitudine.
    In pochissimi casi si è intervenuti con erogazioni economiche dirette per le persone senza dimora che hanno invece usufruito dei servizi loro dedicati come la mensa (nel 2020 oltre 28.000 pasti a 700 persone) attraverso pacchi da asporto o pasti consegnati in loco portati dalla Comunità di sant’Egidio (sempre nel 2020 oltre 8.000 pasti a 252 persone).
    Per gli aiuti alimentari si è provveduto a sostenere anche le famiglie con l’Emporio della solidarietà attraverso la spesa presso i locali di via Romagnoli a Savona (oltre 3.000 spese a nuclei con 450 persone) o ancora attraverso i pacchi viveri consegnati alle famiglie dai Centri di ascolto parrocchiali e vicariali (oltre 3000 pacchi a 450 famiglie) e dalle Conferenze della san Vincenzo con circa 278 persone sostenute.
    Anche il Centro aiuto alla vita e il Centro italiano femminile hanno contribuito sostenendo delle famiglie che versavano in grande difficoltà così come la Comunità Papa Giovanni XXIII ha potuto rendere un migliore servizio alle persone accolte nella casa di accoglienza di Finale Ligure. In questo caso il fondo si è aggiunto ai fondi ordinari e alle offerte, permettendo quindi un potenziamento del sostegno alle tante famiglie e alle persone che si sono rivolte ai diversi volti della chiesa di Savona-Noli attraverso volontari e operatori delle diverse realtà diocesane che si dedicano instancabilmente a sostenere chi si trova in difficoltà.
    Questo il prospetto riassuntivo:
    Destinatario del Fondo CEI straordinario Importo
    Fondazione Comunità Servizi per servizi alimentari € 29.133,63
    Fondazione Comunità Servizi – CDA diocesano Sussidi economici € 191.808,18
    Fondazione Comunità Servizi – Acquisto materiale sanitario € 1.231,28
    CDA – Varazze – Sussidi economici € 4.800,00
    CDA – San Francesco Savona – Sussidi economici € 12.000,00
    CDA – Santissima Trinità Savona – Sussidi economici e acquisto generi alimentari € 4.800,00
    CDA – Vicaria del Ponente – Sussidi economici € 2.400,00
    CDA – San Paolo Savona – Sussidi economici € 4.800,00
    CDA – Santa Maria Maggiore Cogoleto – Sussidi economici € 7.200,00
    CDA – Vicaria Vado – Sussidi economici € 2.400,00
    ODV San Vincenzo Savona – Sussidi economici e acquisto generi alimentari € 8.000,00
    Consultorio Familiare – Sussidi economici € 2.400,00
    Comunità di Sant’Egidio – Sussidi economici e acquisto generi alimentari € 6.000,00
    Centro Aiuto alla Vita di Savona – Sussidi economici € 2.000,00
    Associazione Papa Giovanni XXIII Servizi a persone fragili € 6.232,00€
    Spese tenuta conto € 49,00
    Residuo (interventi programmati poi annullati in attesa di nuova destinazione) € 4.745,91
    Totale 290.000,00







    Fonte: Sito della Diocesi (sia per la notizia che per le foto )

    Confitemini Domino, quoniam bonus.Quoniam in saeculum misericordia ejus. (Sal.117)

  2. #102
    Cronista di CR
    L'avatar di Lettore 75
    Data Registrazione
    Apr 2010
    Località
    Casa mia
    Età
    46
    Messaggi
    1,470

    Fondi CEI emergenza Covid, aiutate case di risposo e parrocchie

    Sono quarantaquattro le parrocchie della diocesi che hanno potuto giovarsi in questi mesi del fondo straordinario erogato dalla Conferenza episcopale italiana per l’emergenza dovuta alla pandemia e che per la nostra realtà diocesana corrispondeva alla cifra di 250.716,68 euro. Il contributo è stato erogato dall’economato su esplicita richiesta scritta dei parroci al vescovo, quando si sono trovati in forti difficoltà a pagare servizi, tasse, sanificazioni e aiuti ai poveri.Un sostegno particolare, di 90.000 euro, lo ha avuto la parrocchia del santissimo Salvatore di Valleggia, titolare della Casa di riposo san Giuseppe che ha vissuto l’ultimo anno di attività (ha chiuso definitivamente l’8 marzo scorso) con problematiche sanitarie e gestionali seriamente aggravate dalla pandemia che ha originato un calo di presenze degli ospiti, generando vittime e molti contagiati tra gli ospiti e gli operatori.Con il fondo straordinario è stato aiutato anche l’istituto Figlie di N.S. di Misericordia, che gestisce a Savona l’Hospice “Centro misericordia” per malati terminali e che ha ricevuto 20.086,41 euro..La diocesi, per l’acquisto di totem e piantane oltre a materiale sanificante, disinfettante per tutte le parrocchie della diocesi, ha beneficiato di 13.392,37 euro. Altri 25.900 euro sono stati destinati ad enti diocesani, tra i quali il Seminario vescovile, l’Opera Mater Misericordiae, la Colonia alpina Padre Cocchi e il Santuario N.S. di Misericordia, per contribuire alle spese ordinarie e all’acquisto di materiale sanificante.E’ da ricordare che il Fondo diocesano “Insieme per ripartire”, oltreché dai 290.000 euro del contributo Cei, è stato alimentato anche dal vescovo, dai sacerdoti tramite la colletta della Messa crismale, dalla Caritas diocesana, da imprese e privati cittadini. Sono stati raccolti circa 120.000 euro, in corso di utilizzo esclusivamente per la carità verso famiglie e persone in difficoltà e povertà. In questi giorni, infine, l’assemblea ordinaria della Conferenza episcopale italiana ha deciso uno stanziamento ulteriore di fondi che per la nostra diocesi ammontano a 205.321,49 euro.







    Fonte: Sito della Diocesi (sia per la notizia che per le foto )
    Confitemini Domino, quoniam bonus.Quoniam in saeculum misericordia ejus. (Sal.117)

  3. #103
    Cronista di CR
    L'avatar di Lettore 75
    Data Registrazione
    Apr 2010
    Località
    Casa mia
    Età
    46
    Messaggi
    1,470

    Festa dei nonni a Finalmarina

    L’ha istituita lo scorso 31 gennaio Papa Francesco pensando a tutti gli anziani, soprattutto a quanti hanno più sofferto la solitudine a causa della pandemia, e l’ha associata alla memoria liturgica dei santi Gioacchino ed Anna, i genitori di Maria. La prima Giornata mondiale dei nonni e degli anziani avrà la sua celebrazione principale nella diocesi di Savona-Noli sabato 24 luglio con la Messa che il vescovo monsignor Calogero Marino presiederà nella basilica di san Giovanni Battista in Finalmarina alle ore 18.Il Papa ha parlato della vocazione, propria dei nonni e degli anziani, di “custodire le radici, trasmettere la fede ai giovani e prendersi cura dei piccoli”. Ai naturali dubbi di chi vede le proprie energie esaurirsi, di chi vede difficile cominciare a comportarsi “in maniera differente” quando ormai “l’abitudine è divenuta la regola”, o dedicarsi “a chi è più povero” quando ha già “tanti pensieri” per la sua famiglia, o sente la solitudine come un “macigno troppo pesante”, il Papa ha risposto con l’invito ad aprire “il proprio cuore all’opera dello Spirito Santo che soffia dove vuole” e “fa quello che vuole”. Francesco ha infine invitato gli anziani a tenere viva la memoria: da quella dolorosa della guerra i giovani possono imparare il valore della pace, mentre quella di chi ha dovuto emigrare “può aiutare a costruire un mondo più umano, più accogliente”.In occasione della prima Giornata mondiale dei nonni e degli anziani, la Penitenzieria apostolica ha emanato un Decreto che concede l’indulgenza plenaria, alle consuete condizioni (confessione sacramentale, comunione eucaristica e preghiera secondo le intenzioni del Sommo Pontefice) ai nonni, agli anziani e a tutti i fedeli che il 25 luglio prenderanno parte alla Messa in san Pietro presieduta da Francesco o alle varie funzioni che si svolgeranno in tutto il mondo. L’indulgenza plenaria viene concessa anche a quei fedeli che, sempre il 25 luglio, “dedicheranno del tempo adeguato a visitare in presenza o virtualmente i fratelli anziani bisognosi o in difficoltà (come i malati, gli abbandonati, i disabili e simili)”.







    Fonte: Sito della Diocesi (sia per la notizia che per le foto )
    Confitemini Domino, quoniam bonus.Quoniam in saeculum misericordia ejus. (Sal.117)

  4. #104
    Cronista di CR
    L'avatar di Lettore 75
    Data Registrazione
    Apr 2010
    Località
    Casa mia
    Età
    46
    Messaggi
    1,470

    Il dramma di Cuba raccontato dai missionari liguri

    Don Michele Farina, sacerdote diocesano già missionario fidei donum a Cuba e che sta preparandosi ad una nuova missione con la Sma in Repubblica Centrafricana, aggiorna sulla drammatica situazione sanitaria e sociale di Cuba, dove è attiva tuttora la missione interdiocesana ligure.Da diversi mesi la situazione economica di Cuba è gravemente peggiorata, la scarsità di alimenti, di medicine, è andata via via aumentando. A rendere la situazione ancor più critica da alcune settimane è l’aumentare dei contagi al Covid, gli ospedali sono al collasso, mancano le medicine e l’ossigeno, si sono creati centri di isolamento ma senza le condizioni necessarie; la gente è costretta a code infinite per reperire il cibo necessario per la giornata e gli assembramenti sono a volte inevitabili. Da molte voci, anche da parte di medici, si chiede aiuto ad altri paesi, alla comunità internazionale, ma da parte del governo si continua a dire che la situazione è sotto controllo e che Cuba ha i mezzi per superare la crisi. Questa “ostinazione” delle autorità ha fatto sì che domenica 11 luglio accadesse qualcosa di straordinario: molte persone sono scese in strada per manifestare, tutto è cominciato a San Antonio de los Baños (a circa 30 Km. dall’Avana) e la cosa si è moltiplicata per molte altre città dell’isola, migliaia di persone al grido: “libertà” e “non abbiamo più paura”. Cose viste solo nel 1959, anno del trionfo della Rivoluzione.Don Claudio Arata, missionario della diocesi di Chiavari, scrive così: “Proprio mentre l’Italia vinceva l’Europeo di calcio, a Cuba stava succedendo qualcosa di storico. Tante persone in molte città del Paese, da ovest a est, sono scese in piazza e per le strade per protestare contro il governo. Noi stiamo bene. Da noi la gente è tranquilla e non si espone molto. Però in tante città di Cuba ieri ci sono state tante proteste, anche con violenze e disordini. Non siamo sorpresi rispetto a quello che sta accadendo perché la situazione è davvero insostenibile. È così da mesi, problemi economici, cibo che manca, zero medicine, pandemia con contagi fuori controllo e morti, mancanza di corrente programmata di sei ore quasi tutti i giorni. La gente è stanca, senza speranza, non vede aiuto e sollievo. Davanti alle proteste, come reagiscono tutti i Paesi non democratici ed autoritari, repressione e soluzioni drastiche come spegnere le comunicazioni internet dentro e con altri Paesi”.Anche don Piero Pigollo, missionario genovese a Cuba, condivide la sua testimonianza: “Noi stiamo bene, qui la situazione, rispetto al resto del Paese, è più tranquilla… è da ieri sera che gli ‘amici di fronte’ (la sede del Partito Comunista Cubano) mettono musica e ogni tanto danno le comunicazioni sulle misure restrittive per le prossime due settimane per via del peggioramento del Covid, o forse anche per vigilare meglio su eventuali disordini. Ieri il Presidente ha richiamato i rivoluzionari a rispondere scendendo in piazza e nelle strade. Noi qui non si può fare quasi niente, da oggi dopo le 13 non si può girare da nessuna parte”.Ho raccolto anche la testimonianza di un sacerdote della diocesi di Camagüey, dove un suo confratello è stato arrestato: “Nel mezzo delle storiche proteste pacifiche e della violenta repressione da parte del governo cubano dell’11 luglio, padre Castor Álvarez è stato picchiato e detenuto a Camagüey mentre difendeva alcuni giovani manifestanti, il sacerdote si trova presso la questura di Montecarlo a Camagüey, accusato di disordini pubblici”. In un messaggio successivo mi ha fatto sapere che padre Castor, dopo circa otto ore di trattative del vescovo, è stato liberato e che si trova a casa sua con una ferita in testa curata con quattro punti di sutura. Anche un seminarista della diocesi di Matanzas si trova detenuto, dopo che la polizia lo ha prelevato direttamente a casa dei suoi genitori, dove si trovava in vacanza. Conclude il suo messaggio il sacerdote di Camagüey: “La situazione è molto tesa, c’è molta violenza, soprattutto dopo che il Presidente di Cuba, Diaz-Canel, in un messaggio alla televisione domenica sera, ha invitato a usare ogni mezzo per fermare le manifestazioni. Pregate per noi, perché c’è molta tensione, paura e quello che è cominciato domenica non si fermerà”. Accogliamo perciò l’invito a pregare per Cuba, per la libertà e per la pace.Il 12 luglio, infine, la Conferenza episcopale cubana ha diramato un comunicato nel quale si legge: “Comprendiamo che il Governo ha delle responsabilità e ha cercato di adottare misure per alleviare le suddette difficoltà, ma comprendiamo anche che le persone hanno il diritto di esprimere i propri bisogni, desideri e speranze e, a loro volta, di esprimere pubblicamente come alcune misure che sono state prese, stiano pesando notevolmente. È necessario che ogni persona contribuisca con la sua creatività e iniziativa e che ogni famiglia lavori per il proprio benessere, sapendo che quando ciò accade, si lavora per il bene della Nazione. In questo momento, come pastori, ci preoccupa che le risposte a queste affermazioni siano l’immobilità che contribuisce a dare continuità ai problemi, senza risolverli. Non solo vediamo che le situazioni peggiorano, ma anche che si va verso una rigidità e un indurimento delle posizioni che potrebbero generare risposte negative, con conseguenze imprevedibili che danneggerebbero tutti noi. Una soluzione favorevole non si raggiunge con imposizioni, né invocando lo scontro, ma esercitando l’ascolto reciproco, cercando accordi comuni alla ricerca di passi concreti e tangibili che contribuiscano, con l’apporto di tutti i cubani, senza esclusioni, a costruire la Patria ‘con tutti e per il bene di tutti’. Questo è il paese che vogliamo”.







    Fonte: Sito della Diocesi (sia per la notizia che per le foto )
    Confitemini Domino, quoniam bonus.Quoniam in saeculum misericordia ejus. (Sal.117)

  5. #105
    Cronista di CR
    L'avatar di Lettore 75
    Data Registrazione
    Apr 2010
    Località
    Casa mia
    Età
    46
    Messaggi
    1,470

    Feste patronali a Segno, Varazze, Fornaci e Quiliano

    Numerose le feste patronali in diocesi durante l’estate, ovviamente ancora condizionate dalle norme anti-contagio.La confraternita di santa Margherita in Segno festeggia la patrona domenica 25 luglio alle 20.30 sul sagrato dell’oratorio con la Messa presieduta dal Vicario generale don Angelo Magnano e concelebrata dal parroco don Giuseppe Ippolito.Domenica 1° agosto, festa per san Donato a Varazze sul colle del Parasio con la Messa alle 9 celebrata da don Claudio Doglio e preceduta da una processione simbolica intorno alla chiesa, con i priori delle confraternite varazzine, il parroco, le autorità, portando la piccola cassa del santo patrono.Giovedì 5 agosto festa nel quartiere savonese di Fornaci per la Madonna della Neve con Messa alle 21 nel cortile dell’oratorio. Il Comitato per la festa (parrocchia, associazioni, Sms Fornaci e commercianti) ha proposto al Comune una serie di iniziative tre le quali un arrivo “virtuale” della statua mariana dal mare con la proiezione di immagini sulla facciata della chiesa. E sul selciato tre artisti dell’Associazione nazionale madonnari potranno dipingere con gessi colorati altrettanti quadri (2x3m) sul tema della festa. Previste anche esposizioni di opere, manufatti e materiale promozionale da parte di artisti e associazioni e di prodotti da parte degli esercenti, nonché la visita itinerante alle “Madunette” promossa da Judax Agorà e un concerto all’alba sullo Scaletto dei Pescatori sabato 14 agosto alle 5,45.A Quiliano, infine, il convento dei padri Cappuccini propone diverse iniziative per la festa della Madonna degli angeli, patrona del Comune. La novena di preparazione, con una preghiera particolare per le persone più colpite dalla pandemia, si svolgerà dal 24 luglio al 1° agosto alle ore 20,45 con il rosario e la Messa. Mercoledì 28 luglio la Messa delle ore 20,45 sarà dedicata in particolare agli anziani, quella del 30 luglio invece vedrà la partecipazione delle confraternite e delle associazioni di volontariato. Domenica 1° agosto, oltre alle Messa delle 9,30, sarà celebrata alle ore 20,45 la Messa solenne presieduta dal parroco di Quiliano don Alessio Allori. Nell’occasione si rinnoverà la festa dei bambini e la loro consacrazione alla Madonna, con il conclusivo lancio di palloncini. Lunedì 2 agosto, festa della Madonna degli angeli, le Messe saranno alle ore 7, 8, 9,30 e 21, quest’ultima presieduta da padre Francesco Rossi, provinciale dei Cappuccini liguri. Alle ore 18 adorazione eucaristica e vespri. Infine, martedì 3 agosto, alle ore 20,30, sarà celebrata la Messa per i benefattori del convento.






    Fonte: Sito della Diocesi (sia per la notizia che per le foto )
    Confitemini Domino, quoniam bonus.Quoniam in saeculum misericordia ejus. (Sal.117)

  6. #106
    Cronista di CR
    L'avatar di Lettore 75
    Data Registrazione
    Apr 2010
    Località
    Casa mia
    Età
    46
    Messaggi
    1,470

    Concerto all’alba presso i francescani di Varazze

    Costruire relazioni nella prospettiva del cammino sinodale. Con questo obiettivo l’Ufficio diocesano pellegrinaggi e pastorale del tempo libero, turismo e sport organizza alcuni eventi nel periodo estivo; le singole iniziative, poste nell’ambito del progetto nazionale “Ora viene il bello”, terranno conto delle limitazioni dovute alla pandemia. Sostenuta dall’Ufficio e organizzata dal “Manipolo della musica” è l’ottava edizione del “Concerto all’alba”, previsto sabato 21 agosto, con inizio alle 5.56 presso la Fraternità francescana dei Piani di San Giacomo a Varazze. Si tratta di un concerto di chitarra, prologo del “Galà di armonia 2021” organizzato dall’associazione musicale.







    Fonte: Sito della Diocesi (sia per la notizia che per le foto )
    Confitemini Domino, quoniam bonus.Quoniam in saeculum misericordia ejus. (Sal.117)

  7. #107
    Cronista di CR
    L'avatar di Lettore 75
    Data Registrazione
    Apr 2010
    Località
    Casa mia
    Età
    46
    Messaggi
    1,470

    Al via la seconda sessione del Sinodo diocesano

    Si avvicina la seconda sessione del Sinodo diocesano, che si svolgerà venerdì 1° e sabato 2 ottobre presso il teatro dell’istituto scolastico “S. Maria Giuseppa Rossello”, in via Montegrappa a Savona. Questo il programma stabilito dalla segreteria: venerdì 1° ottobre, alle ore 18, dopo la accoglienza si terrà la preghiera dei vespri. Seguirà, alle ore 18,30, la presentazione del testo preparato dalla commissione per la redazione dei documenti, la quale si è attenuta alla traccia di lavoro proposta dal vescovo, integrandola con gli interventi avvenuti in assemblea. Dopo la cena, dalle ore 20,30 alle ore 22,30 avrà luogo la discussione sul testo.Sabato 2 ottobre la giornata si aprirà alle ore 8,30 con l’Eucaristia nel salone. Alle ore 9,30 riprenderanno i lavori sull’indice e si voterà sul documento proposto. Alle ore 11,30 avrà luogo la presentazione delle commissioni sinodali, con successiva discussione. Dopo il pranzo, dalle 14,30 alle 15.30 sarà possibile effettuare le iscrizioni dei sinodali alle commissioni, che alla fine saranno presentate all’assemblea nella loro composizione. Dopo la scelta dei presidenti, le commissioni si organizzeranno per le prime convocazioni. Si terminerà alle ore 17 con una breve preghiera.l’Ufficio liturgico diocesano diretto da padre Franco Gazzera curerà la preparazione del libretto della preghiera. Per partecipare all’assemblea plenaria del 1° e 2 ottobre occorrerà il green pass. Fonte: Sito della Diocesi
    Confitemini Domino, quoniam bonus.Quoniam in saeculum misericordia ejus. (Sal.117)

  8. #108
    Cronista di CR
    L'avatar di Lettore 75
    Data Registrazione
    Apr 2010
    Località
    Casa mia
    Età
    46
    Messaggi
    1,470

    Don Soosai eletto vicario foraneo del Levante

    Don Silvester Soosai, parroco di Celle san Michele, Celle santa Maria Assunta e Sanda, è il nuovo vicario foraneo del Levante savonese. L’elezione è avvenuta nel corso della riunione di vicaria, avvenuta in questi giorni alla presenza del vescovo. Don Silvester prende il posto di don Alessio Allori, trasferito nella zona di Quiliano-Valleggia, e avrà il compito di coordinare pastoralmente la vicaria più estesa, comprendendo le parrocchie delle Albisole e Stelle, di Celle, di Varazze e di Cogoleto.Domani, martedì 28 settembre alle ore 10 presso la parrocchia di san Pietro in via Untoria, si riunirà la vicaria di Savona per eleggere il nuovo vicario foraneo al posto di don Germano Grazzini, trasferito in questi giorni nelle Albisole. Anche a questa riunione parteciperà il vescovo Calogero Marino.Fonte: Sito della Diocesi
    Confitemini Domino, quoniam bonus.Quoniam in saeculum misericordia ejus. (Sal.117)

  9. #109
    Cronista di CR
    L'avatar di Lettore 75
    Data Registrazione
    Apr 2010
    Località
    Casa mia
    Età
    46
    Messaggi
    1,470

    Post Si conclude la giornata del creato a Cogoleto

    Giungono al termine a Cogoleto le iniziative sul tema della salvaguardia dell’ambiente, in sintonia con la 16° Giornata nazionale per la custodia del creato, promossa dalla Conferenza episcopale italiana. Il programma cogoletese è stato pensato dal circolo Acli “Helder Camara” insieme con l’amministrazione comunale, la diocesi di Savona-Noli, la parrocchia di santa Maria Maggiore e la cooperativa “Il rastrello”.Giovedì 30 settembre la Messa di conclusione delle iniziative avrà luogo nella parrocchiale di santa Maria alle ore 18. Una coda si avrà sabato 2 ottobre, giornata mondiale della nonviolenza, con la dedicazione di un albero a Franz Jaegerstaetter, alle ore 11 nel giardino della convivialità delle differenze, in località Beuca.Fonte: Sito della Diocesi
    Confitemini Domino, quoniam bonus.Quoniam in saeculum misericordia ejus. (Sal.117)

  10. #110
    Cronista di CR
    L'avatar di Lettore 75
    Data Registrazione
    Apr 2010
    Località
    Casa mia
    Età
    46
    Messaggi
    1,470

    Restauro dell’Oratorio di S. Francesco a Stella S. Bernardo

    La confraternita di Stella san Bernardo ha scelto la festa del proprio patrono, san Francesco d’Assisi, per riaprire l’oratorio dopo gli interventi di restauro. Il programma di lunedì 4 ottobre prevede, alle ore 15,30, l’apertura della chiesa e, un’ora dopo, l’incontro pubblico con i progettisti, gli architetti Marco Ricchebuono e Giulia Castruccio, e la ditta restauratrice, la cooperativa sociale Coedis. Alle ore 18, nel corso dei vespri, sarà benedetto l’oratorio e, alle ore 18,30, sarà celebrata la Messa.Tutti gli appuntamenti si svolgeranno nel rispetto delle disposizioni anti Covid, con la capienza dell’oratorio limitata a 34 posti. Non mancheranno, dalle ore 16 in poi, le tradizionali focaccette ad allietare il pomeriggio.Fonte: Sito della Diocesi
    Confitemini Domino, quoniam bonus.Quoniam in saeculum misericordia ejus. (Sal.117)

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •