Lo Staff del Forum dichiara la propria fedeltà al Magistero. Se, per qualche svista o disattenzione, dovessimo incorrere in qualche errore o inesattezza, accettiamo fin da ora, con filiale ubbidienza, quanto la Santa Chiesa giudica e insegna. Le affermazioni dei singoli forumisti non rappresentano in alcun modo la posizione del forum, e quindi dello Staff, che ospita tutti gli interventi non esplicitamente contrari al Regolamento di CR (dalla Magna Charta). O Maria concepita senza peccato prega per noi che ricorriamo a Te.
Pagina 1 di 67 1231151 ... UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 663

Discussione: Commenti al Motu Proprio "Traditionis Custodes"

  1. #1
    Veterano di CR L'avatar di Restauratore
    Data Registrazione
    Jun 2018
    Località
    Altamura
    Età
    47
    Messaggi
    1,891

    Commenti al Motu Proprio "Traditionis Custodes"

    Citazione Originariamente Scritto da Laudato Si’ Visualizza Messaggio
    LETTERA APOSTOLICA
    IN FORMA DI MOTU «PROPRIO»
    DEL SOMMO PONTEFICE

    FRANCESCO

    «TRADITIONIS CUSTODES»

    SULL’USO DELLA LITURGIA ROMANA ANTERIORE ALLA RIFORMA DEL 1970

    (Fonte, dal sito della Santa Sede).


    Citazione Originariamente Scritto da Laudato Si’ Visualizza Messaggio
    LETTERA DEL SANTO PADRE FRANCESCO
    AI VESCOVI DI TUTTO IL MONDO PER PRESENTARE IL MOTU PROPRIO «TRADITIONIS CUSTODES» SULL’USO DELLA LITURGIA ROMANA ANTERIORE ALLA RIFORMA DEL 1970





    Che tristezza
    Ultima modifica di Gerensis; 16-07-2021 alle 17:09 Motivo: Aggiunti i quote.
    Mi accusano di essere preconciliare ma mi consolo pensando che anche Gesù lo era

  2. #2
    Moderatore e Cronista di CR L'avatar di Abbas S:Flaviae
    Data Registrazione
    Apr 2009
    Località
    Civitas Calatanisiadensis
    Messaggi
    9,334
    Nella lettera di "presentazione" al Motu Proprio, che il Papa invia ai vescovi sono esplicitati i motivi, che sono davvero sotto gli occhi di tutti e che alcuni cercano di negare nonostante l'evidenza.
    Una lettera molto severa quella del Papa, ma anche chiara e, soprattutto, ispirata dalla sollecitudine paterna del Romano Pontefice e dalla consapevolezza che l'esperimento di Benedetto XVI non ha prodotto i risultati sperati, anzi ha creato ulteriori divisioni.
    Interessante anche il riferimento alla "creatività" liturgica di certi sacerdoti. Era ora che si procedesse a un riordino di una situazione che negli ultimi tempi era davvero abbandonata a se stessa.
    vi prego, vi imploro con umiltà e con fiducia – permettete a Cristo di parlare all’uomo.

  3. #3
    Veterano di CR L'avatar di Restauratore
    Data Registrazione
    Jun 2018
    Località
    Altamura
    Età
    47
    Messaggi
    1,891
    Citazione Originariamente Scritto da Abbas S:Flaviae Visualizza Messaggio
    Nella lettera di "presentazione" al Motu Proprio, che il Papa invia ai vescovi sono esplicitati i motivi, che sono davvero sotto gli occhi di tutti e che alcuni cercano di negare nonostante l'evidenza.
    Una lettera molto severa quella del Papa, ma anche chiara e, soprattutto, ispirata dalla sollecitudine paterna del Romano Pontefice e dalla consapevolezza che l'esperimento di Benedetto XVI non ha prodotto i risultati sperati, anzi ha creato ulteriori divisioni.
    Interessante anche il riferimento alla "creatività" liturgica di certi sacerdoti. Era ora che si procedesse a un riordino di una situazione che negli ultimi tempi era davvero abbandonata a se stessa.
    In verità la Messa Vetus Ordo aveva dimostrato di attirare molti fedeli, specie nei giovani, e i seminari delle Fraternità tradizionali sono i pochi a non conoscere crisi vocazionale.
    Mi accusano di essere preconciliare ma mi consolo pensando che anche Gesù lo era

  4. #4
    Saggio del Forum
    Data Registrazione
    Sep 2007
    Località
    Arcidiocesi di Milano
    Messaggi
    10,422
    Del resto questo era uno degli obiettivi del Conclave (anche se non certamente uno dei principali), quindi direi che è arrivato fin troppo tardi rispetto a quello che ci si poteva aspettare.
    Purtroppo quello che succederà è che gli abusi della "forma ordinaria" (da oggi di nuovo unica forma) dove c'erano continueranno come prima e saranno tollerati e la forma straordinaria diventerà abusiva oltre che illecita. E' infatti ovvio che praticamente nessuno che in questi anni ha seguito assiduamente la forma straordinaria di punto in bianco cambierà idea, ed è altrettanto ovvio che ci saranno ben poche concessioni da parte dei vescovi, dato che la richiesta di abolire di fatto la forma straordinaria è partita soprattutto da loro.
    In definitiva non vedo come questa scelta possa favorire in qualche modo l'unità dato che allontanerà (probabilmente in molti casi definitivamente) chi vuole continuare a seguire la fu forma straordinaria. A meno che l'idea di unità che sottende a questo motu proprio sia esclusiva e non inclusiva, cosa che purtroppo non escludo affatto.

  5. #5
    Cronista di CR
    Data Registrazione
    Sep 2011
    Località
    Milano/Lodi
    Età
    43
    Messaggi
    564
    Citazione Originariamente Scritto da cisnusculum Visualizza Messaggio
    Del resto questo era uno degli obiettivi del Conclave (anche se non certamente uno dei principali), quindi direi che è arrivato fin troppo tardi rispetto a quello che ci si poteva aspettare.
    Purtroppo quello che succederà è che gli abusi della "forma ordinaria" (da oggi di nuovo unica forma) dove c'erano continueranno come prima e saranno tollerati e la forma straordinaria diventerà abusiva oltre che illecita. E' infatti ovvio che praticamente nessuno che in questi anni ha seguito assiduamente la forma straordinaria di punto in bianco cambierà idea, ed è altrettanto ovvio che ci saranno ben poche concessioni da parte dei vescovi, dato che la richiesta di abolire di fatto la forma straordinaria è partita soprattutto da loro.
    In definitiva non vedo come questa scelta possa favorire in qualche modo l'unità dato che allontanerà (probabilmente in molti casi definitivamente) chi vuole continuare a seguire la fu forma straordinaria. A meno che l'idea di unità che sottende a questo motu proprio sia esclusiva e non inclusiva, cosa che purtroppo non escludo affatto.
    Condivido in pieno. Se venisse usata tanta sollecitudine anche verso gli abusi della forma ordinaria, ci sarebbe sicuramente molta più unità nella Chiesa. Sono sicuro che molti di coloro che sono molto attratti dalla (ex) forma straordinaria vogliono fuggire dagli abusi della forma ordinaria e cercare quella sacralità e spiritualità che ormai è raro trovare nelle celebrazioni ordinarie.
    Se poi tra coloro che seguono la (ex) forma straordinaria ci sono veramente degli scismatici, che vengano individuati e perseguiti secondo le regole del diritto canonico, ma fare di tutta un'erba un fascio avrà solo l'effetto di ampliare la divisione.
    Ma se l'intento è esclusivo e non inclusivo allora tutto si spiega...

  6. #6
    Moderatore e Cronista di CR L'avatar di Abbas S:Flaviae
    Data Registrazione
    Apr 2009
    Località
    Civitas Calatanisiadensis
    Messaggi
    9,334
    Citazione Originariamente Scritto da Restauratore Visualizza Messaggio
    In verità la Messa Vetus Ordo aveva dimostrato di attirare molti fedeli, specie nei giovani, e i seminari delle Fraternità tradizionali sono i pochi a non conoscere crisi vocazionale.
    Attirare non significa aiutare, il Papa lo ha spiegato benissimo nella lettera di "presentazione", non sono i numeri ma la qualità che conta. Puoi anche avere 10.000 seminaristi ma se hanno il cervello impapocchiato è come non averne neanche uno. Questo, ovviamente, vale per qualunque idea liturgica, per qualunque rito e per qualunque cultura.
    Le motivazioni espresse nella lettera sono chiarissime e sono cose che stanno sotto gli occhi di tutti, basterebbe solo leggere gli interventi su questa sezione del forum.
    Ovviamente la notizia è spiacevole per vari motivi, ma se si è arrivati a una decisione così drastica la colpa non è certo del Papa, ma di chi ha usato le aperture di Giovanni Paolo II e Benedetto XVI per fomentare divisione e anticonciliarismo.
    vi prego, vi imploro con umiltà e con fiducia – permettete a Cristo di parlare all’uomo.

  7. #7
    Veterano di CR
    Data Registrazione
    Jun 2020
    Località
    Roma
    Età
    52
    Messaggi
    1,640
    Se S.S. il Santo Padre Papa Francesco, Pontefice felicemente regnante, ha preso questa decisione, bisogna tributarle tutta l'obbedienza, l'ossequio ed il rispetto dovuti: Roma locuta, causa finita.
    Però, quando, nei mesi scorsi, cominciò a circolare la notizia, qualcuno, non tutti, iniziò ad aggredire con ferocia e odio chiunque accennasse all'ipotesi di una riforma del Summorum Pontificum, con inverosimili accuse di complottismo, lefevrismo, sedevacantismo, antipapafrancesco-ismo.
    Spero che costoro, e se serve riprendo i loro post uno per uno e li ripubblico, stiano zitti per un bel po'.

  8. #8
    Saggio del Forum
    Data Registrazione
    Sep 2007
    Località
    Arcidiocesi di Milano
    Messaggi
    10,422
    Citazione Originariamente Scritto da bingen2 Visualizza Messaggio
    Spero che costoro, e se serve riprendo i loro post uno per uno e li ripubblico, stiano zitti per un bel po'.
    E perchè dovrebbero? Hanno vinto.

  9. #9
    Collaboratore di "Dottrina della Fede" L'avatar di SantoSubito
    Data Registrazione
    Sep 2008
    Località
    Padova
    Età
    30
    Messaggi
    3,374
    Alcune considerazioni, leggendo il Motu Proprio:

    1. Intanto, non è stato vietato nulla di ciò che già esiste. É chiesto "semplicemente" un atto di unità ecclesiale, nel senso che chi partecipa a questa forma di celebrazione non deve farlo per dispregio al Concilio, al Messale Romano "di Paolo VI e Giovanni Paolo II" (che ormai è l'unico ordinario) e al Magistero. Penso sia una cosa semplice da fare. E invece, leggendo anche alcune tristezze, penso che il Papa non abbia tanto torto a dire che non c'è comunione ecclesiastica piena. Non è ex cathedra, ma è un pronunciamento sulla fede, perchè la Liturgia è fonte e culmine della vita della Chiesa. E non l'ha detto SantoSubito, ma il Concilio.

    2. Si ribadisce che il Vescovo, se non l'avesse ancora capito dopo più di 50 anni dal Concilio, è il Liturgo della Diocesi: è lui che deve sovrintendere, gestire, regolare, insegnare, tutto ciò che riguarda la Liturgia. Qui si apre il capitolo di come oggi lo intendano, e alcuni lo intendono anche teatralmente. Me ne rendo conto. Però la verità è questa: ontologicamente il Vescovo presiede la Liturgia della Diocesi, e nel presiedere insegna, e se necessario bacchetta.

    3. Basta chiedere una autorizzazione per continuare a celebrare, se ci sono motivazioni: quali fedeli si sentono già orfani? Quali congregazioni (riconosciute tanto che sono passate sotto la Congregazione per la vita consacrata e gli istituti di vita apostolica) potranno dire "che Papa cattivo, doveva stare ancora Benedetto"?

    Mia considerazione a margine: guardate che, seppur in buona fede e soprattutto per ricucire uno scisma, ma è un tantinello pericoloso dire formule del tipo "due forme della stessa lex orandi"..
    Dirige nos, Domine, ad augusta per angusta, sic itur ad astra excelsior!

  10. #10
    Saggio del Forum
    Data Registrazione
    Sep 2007
    Località
    Arcidiocesi di Milano
    Messaggi
    10,422
    Citazione Originariamente Scritto da SantoSubito Visualizza Messaggio

    3. Basta chiedere una autorizzazione per continuare a celebrare,
    In realtà non basta chiedere, ma bisogna ottenere. Sappiamo bene che molti vescovi vietavano anche quando il Summorum Pontificum era in vigore (e quindi non era nemmeno richiesta la loro autorizzazione) figuriamoci adesso. Del resto sono stati proprio i vescovi a chiedere insistentemente l'abolizione, non vedo perchè adesso dovrebbero autorizzare (ovviamente ci sono eccezioni ma come sappiamo molto minoritarie).

Tag per Questa Discussione

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
>