Lo Staff del Forum dichiara la propria fedeltà al Magistero. Se, per qualche svista o disattenzione, dovessimo incorrere in qualche errore o inesattezza, accettiamo fin da ora, con filiale ubbidienza, quanto la Santa Chiesa giudica e insegna. Le affermazioni dei singoli forumisti non rappresentano in alcun modo la posizione del forum, e quindi dello Staff, che ospita tutti gli interventi non esplicitamente contrari al Regolamento di CR (dalla Magna Charta). O Maria concepita senza peccato prega per noi che ricorriamo a Te.
Risultati da 1 a 9 di 9

Discussione: Beato Franz Jägerstätter (1907 – 1943) Martire

  1. #1
    CierRino L'avatar di Heribert Clemens
    Data Registrazione
    Oct 2014
    Località
    Italia
    Messaggi
    5,470

    Beato Franz Jägerstätter (1907 – 1943) Martire

    Franz Jägerstätter è un profeta con una larghezza di vedute e una profondità che pochi suoi contemporanei hanno avuto, è un esempio di fedeltà alle richieste della coscienza, un difensore della non violenza e della pace, una sentinella contro le ideologie, un uomo di fede per il quale Dio era davvero centro e fulcro della vita.

    Franz Jägerstätter è un profeta con una larghezza di vedute e una profondità che pochi suoi contemporanei hanno avuto, è un esempio di fedeltà alle richieste della coscienza, un difensore della non violenza e della pace, una sentinella contro le ideologie, un uomo di fede per il quale Dio era davvero centro e fulcro della vita.

    La sua profetica testimonianza della verità cristiana riposa su una chiara, radicale e lungimirante analisi della barbarie del regime nazionalsocialista, che disprezza Dio e gli uomini, del suo razzismo, della sua ideologia di guerra e deificazione dello Stato, così come della sua volontà di distruzione della Chiesa e del cristianesimo.

    Grazie ad una coscienza formata e matura, ha pronunciato un no deciso al nazionalsocialismo e, a causa del suo coerente rifiuto di combattere come soldato nella guerra di Hitler, è stato giustiziato.“


    fonte

  2. #2
    CierRino L'avatar di Heribert Clemens
    Data Registrazione
    Oct 2014
    Località
    Italia
    Messaggi
    5,470
    Per mons. Scheuer, “Jägerstätter era un credente che veramente aveva Dio al centro della sua vita” e per questo motivo “è un modello della lealtà nei confronti della coscienza, sostenitore della non violenza e della pace, e metteva in guardia dalle ideologie”.

    fonte

  3. #3
    CierRino L'avatar di Heribert Clemens
    Data Registrazione
    Oct 2014
    Località
    Italia
    Messaggi
    5,470
    Lettera del beato Franz Jägerstätter, cattolico austriaco, scritta pochi giorni prima della sua decapitazione in un carcere nei pressi di Berlino, il 9 agosto 1943.

    «Se Dio non mi avesse dato la grazia e la forza di morire, se necessario, per difendere la mia fede, forse farei semplicemente ciò che fa la maggior parte della gente». Si chiedeva poi con grande chiarezza: «Si può essere allo stesso tempo soldato di Cristo e soldato per il nazionalsocialismo, si può combattere per la vittoria di Cristo e della sua Chiesa e contemporaneamente combattere perché vinca il nazionalsocialismo?».

    fonte

  4. #4
    CierRino L'avatar di Heribert Clemens
    Data Registrazione
    Oct 2014
    Località
    Italia
    Messaggi
    5,470
    In un tempo come il nostro, dove non mancano i condizionamenti e addirittura la manipolazione delle coscienze e delle intelligenze, talvolta attraverso forme subdole che si servono delle moderne e più avanzate tecnologie, la testimonianza del beato Franz, del suo indomito coraggio e della sua ferma e forte coerenza è un importantissimo esempio.

    La peculiarità del nostro beato è racchiusa nel suo martirio (1943), inserito nel contesto storico particolarmente tragico del periodo del III Reich, durante la seconda guerra mondiale. Il beato Franz era un uomo del nostro tempo, un uomo normale, con dei difetti e persino per un certo periodo di vita, con uno stile di vita piuttosto leggero e mondano. Ma in seguito alla sua vocazione e con la grazia di Dio giunse a mettere la volontà di Dio al di sopra di tutto, arrivando, dopo lunghe lotte interne a una vita straordinaria di testimonianza cristiana. Per le sue convinzioni di fede ha affrontato la morte. Il suo cammino è una sfida ed un incoraggiamento per tutti i cristiani che possono prendere esempio da lui, per vivere con coerenza ed impegno radicale la loro fede, anche fino alle estreme conseguenze se necessario.

    I beati e i santi hanno sempre dato l'esempio di cosa significhi e comporti l'essere cristiani, anche in particolari concreti momenti della storia.

    Testo completo: Dal Rito di beatificazione del Servo di Dio 26 ottobre 2007

  5. #5
    CierRino L'avatar di Heribert Clemens
    Data Registrazione
    Oct 2014
    Località
    Italia
    Messaggi
    5,470
    Franz Jägerstätter (1907 – 1943) Martire - Biografia

    Un esempio luminoso in tempi oscuri

    > La famiglia Huber - Jägerstätter (PDF/28KB)

    -
    La famiglia Huber - Jägerstätter

    -Il giovane Franz

    -La figlia Hildegard

  6. #6

  7. #7
    CierRino L'avatar di Heribert Clemens
    Data Registrazione
    Oct 2014
    Località
    Italia
    Messaggi
    5,470

    Un esempio luminoso in tempi oscuri

    Quello che vogliamo vedere sono cristiani che riescono a resistere, in mezzo a queste tenebre, con superiore chiarezza, compostezza e sicurezza, che si oppongono con la più pura pace e serenità all’assenza di pace e di gioia, all’egoismo e all’odio; che non sono delle canne che si piegano di qua e di là al minimo vento, che non si limitano a guardare cosa fanno gli altri o gli amici, ma che si chiedono davvero ‘cosa insegna la nostra fede?’ o “forse la coscienza può sopportare tutto ciò senza avere qualcosa di cui pentirsi?’”

    Citazione sopra e sotto di Franz Jägerstätter

    Anche se non tutti hanno grande solerzia per la lettura, già dedicare un po’ di tempo nelle lunghe sere invernali può bastare, perché un uomo che non legge non sarà mai in grado di reggersi sulle proprie gambe, e spesso diventerà solo un fantoccio nelle mani di altri.”

    Un’altra citazione dalla stessa lettera mostra ancora il pensiero del giovane Franz: “Abbiamo imparato già a scuola che l’uomo possiede la ragione e il libero arbitrio, ed è proprio dal nostro libero arbitrio che dipende se vorremo essere eternamente felici o eternamente infelici”

    da > La famiglia Huber - Jägerstätter

  8. #8
    CierRino L'avatar di Heribert Clemens
    Data Registrazione
    Oct 2014
    Località
    Italia
    Messaggi
    5,470




    Franz Jägerstätter (1907 - 1943), contadino e padre, obiettore di coscienza e combattente della resistenza

    Franz Jägerstätter, il sacrestano di Sankt Radegund nell'Innviertel, non era un pacifista. Ma si rifiutò di servire nella Wehrmacht tedesca in un'ingiusta guerra di aggressione: "Perché uccidere le persone che non ti hanno fatto nulla?"

    Fu anche disubbidiente al "suo" vescovo, che lo esortava, anche nell'interesse della sua famiglia, a obbedire alla bozza d'ordine.


    La Corte marziale del Reich a Berlino condannò a morte Franz Jägerstätter il 6 luglio 1943. Il 9 agosto 1943 fu decapitato nel penitenziario di Brandeburgo. Franz Jägerstätter ha abbandonato la sua famiglia? Maria Dammer, una delle tre figlie, dice: No. "Anche se si fosse trasferito, non avrebbe avuto la garanzia che sarebbe tornato a casa". La vedova di Jägerstätter, che aveva sostenuto l'atteggiamento coerente del marito, ha dovuto affrontare per decenni incomprensioni anche dopo la guerra. È morta centenaria nel 2013. Di conseguenza, ha potuto vedere il cambiamento nell'opinione pubblica. In occasione della festa nazionale del 2007, la Chiesa cattolica ha celebrato la beatificazione di Franz Jägerstätter nella cattedrale di Linz. All'inizio, le migliaia di persone nella cattedrale hanno salutato Franziska Jägerstätter con lunghi applausi.

    Quella fu la "canonizzazione" da parte dei credenti. Questo onorava una donna forte che sentiva la coscienza del marito e la condivideva con dolore. (Rudi Siegl, Pastore Mariahilf-Bregenz)



    Le figlie di Franz e Franziska Jägerstätter - Rosalia, Maria e Aloisia - a Pasqua del 1943. Inviarono la foto al padre in carcere a Berlino.

    fonte


  9. #9
    CierRino L'avatar di Heribert Clemens
    Data Registrazione
    Oct 2014
    Località
    Italia
    Messaggi
    5,470
    Dagli scritti del Beato Franz Jägerstätter:

    "Dobbiamo amare i nostri nemici, benedire coloro che ci maledicono, pregare per coloro che ci perseguitano e l'amore di Dio vincerà e prevarrà per l'eternità. Felici coloro che vivono e muoiono nell'amore di Dio".


    "Se devo scrivere con le mani incatenate, lo trovo molto meglio che se il mio mondo fosse incatenato. In una prigione nessuna catena, nemmeno una condanna a morte, può derubare l'uomo della sua fede e del suo libero arbitrio. Dio dà tanta forza che è possibile sopportare qualsiasi sofferenza, una forza molto più forte di tutta la potenza del mondo. La potenza di Dio non può essere superata."


    fonte

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •