Lo Staff del Forum dichiara la propria fedeltà al Magistero. Se, per qualche svista o disattenzione, dovessimo incorrere in qualche errore o inesattezza, accettiamo fin da ora, con filiale ubbidienza, quanto la Santa Chiesa giudica e insegna. Le affermazioni dei singoli forumisti non rappresentano in alcun modo la posizione del forum, e quindi dello Staff, che ospita tutti gli interventi non esplicitamente contrari al Regolamento di CR (dalla Magna Charta). O Maria concepita senza peccato prega per noi che ricorriamo a Te.
Pagina 28 di 38 PrimaPrima ... 182627282930 ... UltimaUltima
Risultati da 271 a 280 di 374

Discussione: TESTI LITURGICI DELLA MESSA in Rito Romano (Anno Liturgico 2021-2022 - C - II)

  1. #271
    Moderatore Globale L'avatar di Vox Populi
    Data Registrazione
    Apr 2006
    Località
    casa mia
    Messaggi
    62,402
    16 agosto 2022
    Martedì della XX settimana del Tempo Ordinario

    Prima Lettura
    Ez 28, 1-10
    Mentre tu sei un uomo e non un dio, hai reso il tuo cuore come quello di Dio.


    Dal libro del profeta Ezechièle
    Mi fu rivolta questa parola del Signore:
    «Figlio dell’uomo, parla al principe di Tiro: Così dice il Signore Dio:
    Poiché il tuo cuore si è insuperbito e hai detto:
    “Io sono un dio,
    siedo su un trono divino in mezzo ai mari”,
    mentre tu sei un uomo e non un dio,
    hai reso il tuo cuore come quello di Dio,
    ecco, tu sei più saggio di Daniele,
    nessun segreto ti è nascosto.
    Con la tua saggezza e la tua intelligenza
    hai creato la tua potenza
    ammassato oro e argento nei tuoi scrigni;
    con la tua grande sapienza e i tuoi traffici
    hai accresciuto le tue ricchezze
    e per le tue ricchezze si è inorgoglito il tuo cuore.
    Perciò così dice il Signore Dio:
    Poiché hai reso il tuo cuore come quello di Dio,
    ecco, io manderò contro di te
    i più feroci popoli stranieri;
    snuderanno le spade contro la tua bella saggezza,
    profaneranno il tuo splendore.
    Ti precipiteranno nella fossa
    e morirai della morte degli uccisi in mare.
    Ripeterai ancora: “Io sono un dio”,
    di fronte ai tuoi uccisori?
    Ma sei un uomo e non un dio,
    in balìa di chi ti uccide.
    Per mano di stranieri morirai
    della morte dei non circoncisi,
    perché io ho parlato».

    Salmo Responsoriale Da Dt 32, 26-36
    Il Signore farà giustizia al suo popolo.
    Oppure:
    Salvaci, Signore, per la gloria del tuo nome.

    «Io ho detto: Li voglio disperdere,
    cancellarne tra gli uomini il ricordo,
    se non temessi l’arroganza del nemico.
    Non si ingannino i loro avversari.

    Non dicano: La nostra mano ha vinto,
    non è il Signore che ha operato tutto questo!
    Sono un popolo insensato
    e in essi non c’è intelligenza.

    Come può un uomo solo inseguirne mille
    o due soli metterne in fuga diecimila?
    Non è forse perché la loro Roccia li ha venduti,
    il Signore li ha consegnati?

    Sì, vicino è il giorno della loro rovina
    e il loro destino si affretta a venire».
    Perché il Signore farà giustizia al suo popolo
    e dei suoi servi avrà compassione.

    Canto al Vangelo 2 Cor 8, 9
    Alleluia, alleluia.
    Gesù Cristo, da ricco che era, si è fatto povero per voi,
    perché voi diventaste ricchi per mezzo della sua povertà.
    Alleluia.

    Vangelo Mt 19, 23-30
    È più facile che un cammello passi per la cruna di un ago, che un ricco entri nel regno di Dio.


    Dal Vangelo secondo Matteo
    In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli: «In verità io vi dico: difficilmente un ricco entrerà nel regno dei cieli. Ve lo ripeto: è più facile che un cammello passi per la cruna di un ago, che un ricco entri nel regno di Dio».
    A queste parole i discepoli rimasero molto stupiti e dicevano: «Allora, chi può essere salvato?». Gesù li guardò e disse: «Questo è impossibile agli uomini, ma a Dio tutto è possibile».
    Allora Pietro gli rispose: «Ecco, noi abbiamo lasciato tutto e ti abbiamo seguito; che cosa dunque ne avremo?». E Gesù disse loro: «In verità io vi dico: voi che mi avete seguito, quando il Figlio dell’uomo sarà seduto sul trono della sua gloria, alla rigenerazione del mondo, siederete anche voi su dodici troni a giudicare le dodici tribù d’Israele. Chiunque avrà lasciato case, o fratelli, o sorelle, o padre, o madre, o figli, o campi per il mio nome, riceverà cento volte tanto e avrà in eredità la vita eterna. Molti dei primi saranno ultimi e molti degli ultimi saranno primi».

    _________________________________

    Memoria facoltativa:
    Santo Stefano di Ungheria


    Dal Comune dei santi: per un santo.

    Colletta

    Dio onnipotente, assisti la tua Chiesa
    nella memoria di santo Stefano [di Ungheria]:
    egli che, mentre regnava in terra,
    guidò il suo popolo alla fede,
    sia nostro glorioso intercessore presso di te nel cielo.
    Per il nostro Signore Gesù Cristo, tuo Figlio, che è Dio,
    e vive e regna con te, nell’unità dello Spirito Santo,
    per tutti i secoli dei secoli.

  2. #272
    Moderatore Globale L'avatar di Vox Populi
    Data Registrazione
    Apr 2006
    Località
    casa mia
    Messaggi
    62,402
    17 agosto 2022
    Mercoledì della XX settimana del Tempo Ordinario

    Prima Lettura
    Ez 34, 1-11
    Strapperò loro di bocca le mie pecore e non saranno più il loro pasto.


    Dal libro del profeta Ezechièle
    Mi fu rivolta questa parola del Signore:
    «Figlio dell’uomo, profetizza contro i pastori d’Israele, profetizza e riferisci ai pastori: Così dice il Signore Dio: Guai ai pastori d’Israele, che pascono se stessi! I pastori non dovrebbero forse pascere il gregge? Vi nutrite di latte, vi rivestite di lana, ammazzate le pecore più grasse, ma non pascolate il gregge. Non avete reso forti le pecore deboli, non avete curato le inferme, non avete fasciato quelle ferite, non avete riportato le disperse. Non siete andati in cerca delle smarrite, ma le avete guidate con crudeltà e violenza. Per colpa del pastore si sono disperse e sono preda di tutte le bestie selvatiche: sono sbandate. Vanno errando le mie pecore su tutti i monti e su ogni colle elevato, le mie pecore si disperdono su tutto il territorio del paese e nessuno va in cerca di loro e se ne cura.
    Perciò, pastori, ascoltate la parola del Signore: Com’è vero che io vivo – oracolo del Signore Dio –, poiché il mio gregge è diventato una preda e le mie pecore il pasto d’ogni bestia selvatica per colpa del pastore e poiché i miei pastori non sono andati in cerca del mio gregge – hanno pasciuto se stessi senza aver cura del mio gregge –, udite quindi, pastori, la parola del Signore: Così dice il Signore Dio: Eccomi contro i pastori: a loro chiederò conto del mio gregge e non li lascerò più pascolare il mio gregge, così non pasceranno più se stessi, ma strapperò loro di bocca le mie pecore e non saranno più il loro pasto. Perché così dice il Signore Dio: Ecco, io stesso cercherò le mie pecore e le passerò in rassegna».

    Salmo Responsoriale Dal Salmo 22 (23)
    Il Signore è il mio pastore: non manco di nulla.

    Il Signore è il mio pastore:
    non manco di nulla.
    Su pascoli erbosi mi fa riposare,
    ad acque tranquille mi conduce.
    Rinfranca l’anima mia.

    Mi guida per il giusto cammino
    a motivo del suo nome.
    Anche se vado per una valle oscura,
    non temo alcun male, perché tu sei con me.
    Il tuo bastone e il tuo vincastro
    mi danno sicurezza.

    Davanti a me tu prepari una mensa
    sotto gli occhi dei miei nemici.
    Ungi di olio il mio capo;
    il mio calice trabocca.

    Sì, bontà e fedeltà mi saranno compagne
    tutti i giorni della mia vita,
    abiterò ancora nella casa del Signore
    per lunghi giorni.

    Canto al Vangelo Eb 4,12
    Alleluia, alleluia.
    La parola di Dio è viva, efficace;
    discerne i sentimenti e i pensieri del cuore.
    Alleluia.

    Vangelo Mt 20, 1-16
    Sei invidioso perché io sono buono?


    Dal Vangelo secondo Matteo
    In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli questa parabola:
    «Il regno dei cieli è simile a un padrone di casa che uscì all’alba per prendere a giornata lavoratori per la sua vigna. Si accordò con loro per un denaro al giorno e li mandò nella sua vigna. Uscito poi verso le nove del mattino, ne vide altri che stavano in piazza, disoccupati, e disse loro: “Andate anche voi nella vigna; quello che è giusto ve lo darò”. Ed essi andarono. Uscì di nuovo verso mezzogiorno, e verso le tre, e fece altrettanto. Uscito ancora verso le cinque, ne vide altri che se ne stavano lì e disse loro: “Perché ve ne state qui tutto il giorno senza far niente?”. Gli risposero: “Perché nessuno ci ha presi a giornata”. Ed egli disse loro: “Andate anche voi nella vigna”.
    Quando fu sera, il padrone della vigna disse al suo fattore: “Chiama i lavoratori e da’ loro la paga, incominciando dagli ultimi fino ai primi”. Venuti quelli delle cinque del pomeriggio, ricevettero ciascuno un denaro. Quando arrivarono i primi, pensarono che avrebbero ricevuto di più. Ma anch’essi ricevettero ciascuno un denaro. Nel ritirarlo, però, mormoravano contro il padrone dicendo: “Questi ultimi hanno lavorato un’ora soltanto e li hai trattati come noi, che abbiamo sopportato il peso della giornata e il caldo”.
    Ma il padrone, rispondendo a uno di loro, disse: “Amico, io non ti faccio torto. Non hai forse concordato con me per un denaro? Prendi il tuo e vattene. Ma io voglio dare anche a quest’ultimo quanto a te: non posso fare delle mie cose quello che voglio? Oppure tu sei invidioso perché io sono buono?”.
    Così gli ultimi saranno primi e i primi, ultimi».

  3. #273
    Moderatore Globale L'avatar di Vox Populi
    Data Registrazione
    Apr 2006
    Località
    casa mia
    Messaggi
    62,402
    18 agosto 2022
    Giovedì della XX settimana del Tempo Ordinario

    Prima Lettura
    Ez 36, 23-28
    Vi darò un cuore nuovo. Porrò il mio spirito dentro di voi.


    Dal libro del profeta Ezechièle
    Così dice il Signore Dio: «Santificherò il mio nome grande, profanato fra le nazioni, profanato da voi in mezzo a loro. Allora le nazioni sapranno che io sono il Signore – oracolo del Signore Dio –, quando mostrerò la mia santità in voi davanti ai loro occhi.
    Vi prenderò dalle nazioni, vi radunerò da ogni terra e vi condurrò sul vostro suolo. Vi aspergerò con acqua pura e sarete purificati; io vi purificherò da tutte le vostre impurità e da tutti i vostri idoli; vi darò un cuore nuovo, metterò dentro di voi uno spirito nuovo, toglierò da voi il cuore di pietra e vi darò un cuore di carne.
    Porrò il mio spirito dentro di voi e vi farò vivere secondo le mie leggi e vi farò osservare e mettere in pratica le mie norme. Abiterete nella terra che io diedi ai vostri padri; voi sarete il mio popolo e io sarò il vostro Dio».

    Salmo Responsoriale Dal Salmo 50 (51)
    Vi aspergerò con acqua pura e sarete purificati.

    Crea in me, o Dio, un cuore puro,
    rinnova in me uno spirito saldo.
    Non scacciarmi dalla tua presenza
    e non privarmi del tuo santo spirito.

    Rendimi la gioia della tua salvezza,
    sostienimi con uno spirito generoso.
    Insegnerò ai ribelli le tue vie
    e i peccatori a te ritorneranno.

    Tu non gradisci il sacrificio;
    se offro olocausti, tu non li accetti.
    Uno spirito contrito è sacrificio a Dio;
    un cuore contrito e affranto tu, o Dio, non disprezzi.

    Canto al Vangelo Cf. Sal 94 (95), 8ab
    Alleluia, alleluia.
    Oggi non indurite il vostro cuore,
    ma ascoltate la voce del Signore.
    Alleluia.

    Vangelo Mt 22, 1-14
    Tutti quelli che troverete, chiamateli alle nozze.


    Dal Vangelo secondo Matteo
    In quel tempo, Gesù, riprese a parlare con parabole [ai capi dei sacerdoti e ai farisei] e disse:
    «Il regno dei cieli è simile a un re, che fece una festa di nozze per suo figlio. Egli mandò i suoi servi a chiamare gli invitati alle nozze, ma questi non volevano venire.
    Mandò di nuovo altri servi con quest’ordine: “Dite agli invitati: Ecco, ho preparato il mio pranzo; i miei buoi e gli animali ingrassati sono già uccisi e tutto è pronto; venite alle nozze!”. Ma quelli non se ne curarono e andarono chi al proprio campo, chi ai propri affari; altri poi presero i suoi servi, li insultarono e li uccisero. Allora il re si indignò: mandò le sue truppe, fece uccidere quegli assassini e diede alle fiamme la loro città.
    Poi disse ai suoi servi: “La festa di nozze è pronta, ma gli invitati non erano degni; andate ora ai crocicchi delle strade e tutti quelli che troverete, chiamateli alle nozze”. Usciti per le strade, quei servi radunarono tutti quelli che trovarono, cattivi e buoni, e la sala delle nozze si riempì di commensali.
    Il re entrò per vedere i commensali e lì scorse un uomo che non indossava l’abito nuziale. Gli disse: “Amico, come mai sei entrato qui senza l’abito nuziale?”. Quello ammutolì. Allora il re ordinò ai servi: “Legatelo mani e piedi e gettatelo fuori nelle tenebre; là sarà pianto e stridore di denti”.
    Perché molti sono chiamati, ma pochi eletti».

  4. #274
    Moderatore Globale L'avatar di Vox Populi
    Data Registrazione
    Apr 2006
    Località
    casa mia
    Messaggi
    62,402
    19 agosto 2022
    Venerdì della XX settimana del Tempo Ordinario

    Prima Lettura
    Ez 37, 1-14
    Ossa inaridite, udite la parola del Signore. Aprirò le vostre tombe e vi farò uscire dai vostri sepolcri, o popolo mio.


    Dal libro del profeta Ezechièle
    In quei giorni, la mano del Signore fu sopra di me e il Signore mi portò fuori in spirito e mi depose nella pianura che era piena di ossa; mi fece passare accanto a esse da ogni parte. Vidi che erano in grandissima quantità nella distesa della valle e tutte inaridite.
    Mi disse: «Figlio dell’uomo, potranno queste ossa rivivere?». Io risposi: «Signore Dio, tu lo sai». Egli mi replicò: «Profetizza su queste ossa e annuncia loro: “Ossa inaridite, udite la parola del Signore. Così dice il Signore Dio a queste ossa: Ecco, io faccio entrare in voi lo spirito e rivivrete. Metterò su di voi i nervi e farò crescere su di voi la carne, su di voi stenderò la pelle e infonderò in voi lo spirito e rivivrete. Saprete che io sono il Signore”». Io profetizzai come mi era stato ordinato; mentre profetizzavo, sentii un rumore e vidi un movimento fra le ossa, che si accostavano l’uno all’altro, ciascuno al suo corrispondente. Guardai, ed ecco apparire sopra di esse i nervi; la carne cresceva e la pelle le ricopriva, ma non c’era spirito in loro.
    Egli aggiunse: «Profetizza allo spirito, profetizza, figlio dell’uomo, e annuncia allo spirito: “Così dice il Signore Dio: Spirito, vieni dai quattro venti e soffia su questi morti, perché rivivano”». Io profetizzai come mi aveva comandato e lo spirito entrò in essi e ritornarono in vita e si alzarono in piedi; erano un esercito grande, sterminato.
    Mi disse: «Figlio dell’uomo, queste ossa sono tutta la casa d’Israele. Ecco, essi vanno dicendo: “Le nostre ossa sono inaridite, la nostra speranza è svanita, noi siamo perduti”. Perciò profetizza e annuncia loro: “Così dice il Signore Dio: Ecco, io apro i vostri sepolcri, vi faccio uscire dalle vostre tombe, o popolo mio, e vi riconduco nella terra d’Israele. Riconoscerete che io sono il Signore, quando aprirò le vostre tombe e vi farò uscire dai vostri sepolcri, o popolo mio. Farò entrare in voi il mio spirito e rivivrete; vi farò riposare nella vostra terra. Saprete che io sono il Signore. L’ho detto e lo farò”». Oracolo del Signore Dio.

    Salmo Responsoriale Dal Salmo 106 (107)
    Rendete grazie al Signore, il suo amore è per sempre.

    Lo dicano quelli che il Signore ha riscattato,
    che ha riscattato dalla mano dell’oppressore
    e ha radunato da terre diverse,
    dall’oriente e dall’occidente,
    dal settentrione e dal mezzogiorno.

    Alcuni vagavano nel deserto su strade perdute,
    senza trovare una città in cui abitare.
    Erano affamati e assetati,
    veniva meno la loro vita.

    Nell’angustia gridarono al Signore
    ed egli li liberò dalle loro angosce.
    Li guidò per una strada sicura,
    perché andassero verso una città in cui abitare.

    Ringrazino il Signore per il suo amore,
    per le sue meraviglie a favore degli uomini,
    perché ha saziato un animo assetato,
    un animo affamato ha ricolmato di bene.

    Canto al Vangelo Sal 24 (25), 4b.5a
    Alleluia, alleluia.
    Insegnami, Signore, i tuoi sentieri,
    guidami nella tua fedeltà e istruiscimi.
    Alleluia.

    Vangelo Mt 22, 34-40
    Amerai il Signore tuo Dio, e il tuo prossimo come te stesso.


    Dal Vangelo secondo Matteo
    In quel tempo, i farisei, avendo udito che Gesù aveva chiuso la bocca ai sadducèi, si riunirono insieme e uno di loro, un dottore della Legge, lo interrogò per metterlo alla prova: «Maestro, nella Legge, qual è il grande comandamento?».
    Gli rispose: «“Amerai il Signore tuo Dio con tutto il tuo cuore, con tutta la tua anima e con tutta la tua mente”. Questo è il grande e primo comandamento. Il secondo poi è simile a quello: “Amerai il tuo prossimo come te stesso”. Da questi due comandamenti dipendono tutta la Legge e i Profeti».

    _________________________________

    Memoria facoltativa:
    San Giovanni Eudes, presbitero


    Dal Comune dei pastori: per un pastore, o dal Comune dei santi: per i religiosi.

    Colletta

    O Dio, che in modo mirabile
    hai scelto il santo presbitero Giovanni [Eudes]
    per far conoscere le insondabili ricchezze di Cristo,
    concedi a noi, sul suo esempio e per il suo insegnamento,
    di crescere nella tua conoscenza,
    per vivere fedelmente nella luce del Vangelo.
    Per il nostro Signore Gesù Cristo, tuo Figlio, che è Dio,
    e vive e regna con te, nell’unità dello Spirito Santo,
    per tutti i secoli dei secoli.

  5. #275
    Moderatore Globale L'avatar di Vox Populi
    Data Registrazione
    Apr 2006
    Località
    casa mia
    Messaggi
    62,402
    20 agosto 2022
    San Bernardo, abate e dottore della Chiesa
    Memoria

    Antifona d'Ingresso

    Il Signore ha ricolmato san Bernardo dello spirito di intelligenza:
    egli servì il popolo di Dio con abbondanza di dottrina.

    Colletta
    O Dio, che hai suscitato nella Chiesa il santo abate Bernardo,
    acceso di zelo per la tua casa
    come lampada che arde e risplende,
    per sua intercessione concedi a noi lo stesso fervore di spirito,
    per camminare sempre come figli della luce.
    Per il nostro Signore Gesù Cristo, tuo Figlio, che è Dio,
    e vive e regna con te, nell’unità dello Spirito Santo,
    per tutti i secoli dei secoli.

    Prima Lettura Ez 43, 1-7a
    La gloria del Signore entrò nel tempio.


    Dal libro del profeta Ezechièle
    [Quell’uomo] mi condusse verso la porta che guarda a oriente ed ecco che la gloria del Dio d’Israele giungeva dalla via orientale e il suo rumore era come il rumore delle grandi acque e la terra risplendeva della sua gloria.
    La visione che io vidi era simile a quella che avevo visto quando andai per distruggere la città e simile a quella che avevo visto presso il fiume Chebar. Io caddi con la faccia a terra. La gloria del Signore entrò nel tempio per la porta che guarda a oriente.
    Lo spirito mi prese e mi condusse nel cortile interno: ecco, la gloria del Signore riempiva il tempio. Mentre quell’uomo stava in piedi accanto a me, sentii che qualcuno entro il tempio mi parlava e mi diceva: «Figlio dell’uomo, questo è il luogo del mio trono e il luogo dove posano i miei piedi, dove io abiterò in mezzo ai figli d’Israele, per sempre».

    Salmo Responsoriale Dal Salmo 84 (85)
    La gloria del Signore abiti la nostra terra.
    Oppure:
    Risplenda in mezzo a noi, Signore, la tua gloria.

    Ascolterò che cosa dice Dio, il Signore:
    egli annuncia la pace.
    Sì, la sua salvezza è vicina a chi lo teme,
    perché la sua gloria abiti la nostra terra.

    Amore e verità s’incontreranno,
    giustizia e pace si baceranno.
    Verità germoglierà dalla terra
    e giustizia si affaccerà dal cielo.

    Certo, il Signore donerà il suo bene
    e la nostra terra darà il suo frutto;
    giustizia camminerà davanti a lui:
    i suoi passi tracceranno il cammino.

    Canto al Vangelo Mt 23, 9b.10b
    Alleluia, alleluia.
    Uno solo è il Padre vostro, quello celeste
    e uno solo è la vostra Guida, il Cristo.
    Alleluia.

    Vangelo Mt 23, 1-12
    Dicono e non fanno.


    Dal Vangelo secondo Matteo
    In quel tempo, Gesù si rivolse alla folla e ai suoi discepoli dicendo:
    «Sulla cattedra di Mosè si sono seduti gli scribi e i farisei. Praticate e osservate tutto ciò che vi dicono, ma non agite secondo le loro opere, perché essi dicono e non fanno. Legano infatti fardelli pesanti e difficili da portare e li pongono sulle spalle della gente, ma essi non vogliono muoverli neppure con un dito.
    Tutte le loro opere le fanno per essere ammirati dalla gente: allargano i loro filattèri e allungano le frange; si compiacciono dei posti d’onore nei banchetti, dei primi seggi nelle sinagoghe, dei saluti nelle piazze, come anche di essere chiamati “rabbì” dalla gente.
    Ma voi non fatevi chiamare “rabbì”, perché uno solo è il vostro Maestro e voi siete tutti fratelli. E non chiamate “padre” nessuno di voi sulla terra, perché uno solo è il Padre vostro, quello celeste. E non fatevi chiamare “guide”, perché uno solo è la vostra Guida, il Cristo.
    Chi tra voi è più grande, sarà vostro servo; chi invece si esalterà, sarà umiliato e chi si umilierà sarà esaltato».

    Sulle Offerte
    Ti offriamo, o Signore, il sacramento dell’unità e della pace
    nella memoria di san Bernardo abate
    che, insigne per la parola e l’azione,
    operò instancabilmente per la concordia
    e l’armonia nella tua Chiesa.
    Per Cristo nostro Signore.

    Antifona alla Comunione Gv 15, 9
    Come il Padre ha amato me, anche io ho amato voi.
    Rimanete nel mio amore.

    Dopo la Comunione
    Il cibo che abbiamo ricevuto
    compia in noi la sua opera, o Signore,
    perché, nella memoria di san Bernardo,
    confermati dal suo esempio e istruiti dal suo insegnamento,
    siamo rapiti dall’amore del tuo Verbo fatto uomo.
    Egli vive e regna nei secoli dei secoli.

  6. #276
    Moderatore Globale L'avatar di Vox Populi
    Data Registrazione
    Apr 2006
    Località
    casa mia
    Messaggi
    62,402
    21 agosto 2022
    XXI DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO

    Antifona d'Ingresso
    Sal 85, 1-3
    Signore, tendi l’orecchio, rispondimi.
    Tu, mio Dio, salva il tuo servo, che in te confida.
    Pietà di me, o Signore, a te grido tutto il giorno.

    Si dice il Gloria.

    Colletta

    O Dio, che unisci in un solo volere le menti dei fedeli,
    concedi al tuo popolo di amare ciò che comandi
    e desiderare ciò che prometti,
    perché tra le vicende del mondo
    là siano fissi i nostri cuori dove è la vera gioia.
    Per il nostro Signore Gesù Cristo, tuo Figlio, che è Dio,
    e vive e regna con te, nell’unità dello Spirito Santo,
    per tutti i secoli dei secoli.

    Oppure:
    O Padre, che inviti tutti gli uomini
    al banchetto pasquale della vita nuova,
    concedi a noi di crescere nel tuo amore
    passando per la porta stretta della croce,
    perché, uniti al sacrificio del tuo Figlio,
    gustiamo il frutto della libertà vera.
    Per il nostro Signore Gesù Cristo, tuo Figlio, che è Dio,
    e vive e regna con te, nell’unità dello Spirito Santo,
    per tutti i secoli dei secoli.

    Prima Lettura Is 66, 18b-21
    Ricondurranno tutti i vostri fratelli da tutte le genti.


    Dal libro del profeta Isaia
    Così dice il Signore:
    «Io verrò a radunare tutte le genti e tutte le lingue; essi verranno e vedranno la mia gloria.
    Io porrò in essi un segno e manderò i loro superstiti alle popolazioni di Tarsis, Put, Lud, Mesec, Ros, Tubal e Iavan, alle isole lontane che non hanno udito parlare di me e non hanno visto la mia gloria; essi annunceranno la mia gloria alle genti.
    Ricondurranno tutti i vostri fratelli da tutte le genti come offerta al Signore, su cavalli, su carri, su portantine, su muli, su dromedari, al mio santo monte di Gerusalemme – dice il Signore –, come i figli d’Israele portano l’offerta in vasi puri nel tempio del Signore.
    Anche tra loro mi prenderò sacerdoti levìti, dice il Signore».

    Salmo Responsoriale Salmo 116 (117)
    Tutti i popoli vedranno la gloria del Signore.

    Genti tutte, lodate il Signore,
    popoli tutti, cantate la sua lode.

    Perché forte è il suo amore per noi
    e la fedeltà del Signore dura per sempre.

    Seconda Lettura Eb 12, 5-7.11-13
    Il Signore corregge colui che egli ama.


    Dalla lettera degli Ebrei
    Fratelli, avete già dimenticato l’esortazione a voi rivolta come a figli:
    «Figlio mio, non disprezzare la correzione del Signore
    e non ti perdere d’animo quando sei ripreso da lui;
    perché il Signore corregge colui che egli ama
    e percuote chiunque riconosce come figlio».
    È per la vostra correzione che voi soffrite! Dio vi tratta come figli; e qual è il figlio che non viene corretto dal padre? Certo, sul momento, ogni correzione non sembra causa di gioia, ma di tristezza; dopo, però, arreca un frutto di pace e di giustizia a quelli che per suo mezzo sono stati addestrati.
    Perciò, rinfrancate le mani inerti e le ginocchia fiacche e camminate diritti con i vostri piedi, perché il piede che zoppica non abbia a storpiarsi, ma piuttosto a guarire.

    Canto al Vangelo Gv 14, 6
    Alleluia, alleluia.
    Io sono la via, la verità e la vita, dice il Signore;
    nessuno viene al Padre se non per mezzo di me.
    Alleluia.

    Vangelo Lc 13, 22-30
    Verranno da oriente a occidente e siederanno a mensa nel regno di Dio.


    Dal Vangelo secondo Luca
    In quel tempo, Gesù passava insegnando per città e villaggi, mentre era in cammino verso Gerusalemme.
    Un tale gli chiese: «Signore, sono pochi quelli che si salvano?».
    Disse loro: «Sforzatevi di entrare per la porta stretta, perché molti, io vi dico, cercheranno di entrare, ma non ci riusciranno.
    Quando il padrone di casa si alzerà e chiuderà la porta, voi, rimasti fuori, comincerete a bussare alla porta, dicendo: “Signore, aprici!”. Ma egli vi risponderà: “Non so di dove siete”. Allora comincerete a dire: “Abbiamo mangiato e bevuto in tua presenza e tu hai insegnato nelle nostre piazze”. Ma egli vi dichiarerà: “Voi, non so di dove siete. Allontanatevi da me, voi tutti operatori di ingiustizia!”.
    Là ci sarà pianto e stridore di denti, quando vedrete Abramo, Isacco e Giacobbe e tutti i profeti nel regno di Dio, voi invece cacciati fuori.
    Verranno da oriente e da occidente, da settentrione e da mezzogiorno e siederanno a mensa nel regno di Dio. Ed ecco, vi sono ultimi che saranno primi, e vi sono primi che saranno ultimi».

    Si dice il Credo.

    Sulle Offerte

    O Signore, che ti sei acquistato
    una moltitudine di figli
    con l’unico e perfetto sacrificio di Cristo,
    concedi a noi, nella tua Chiesa,
    il dono dell’unità e della pace.
    Per Cristo nostro Signore.

    Antifona alla Comunione Cf. Sal 103, 13-15
    Con il frutto delle tue opere si sazia la terra, o Signore;
    tu trai il cibo dalla terra:
    vino che allieta il cuore dell’uomo,
    pane che sostiene il suo cuore.

    Oppure: Gv 6, 54
    «Chi mangia la mia carne e beve il mio sangue
    ha la vita eterna
    e io lo risusciterò nell’ultimo giorno», dice il Signore.

    Oppure: Lc 13, 30
    Ecco, vi sono ultimi che saranno primi,
    e vi sono primi che saranno ultimi.

    Dopo la Comunione
    Porta a compimento in noi, o Signore,
    l’opera risanatrice della tua misericordia
    e fa’ che, interiormente rinnovati,
    possiamo piacere a te in tutta la nostra vita.
    Per Cristo nostro Signore.

  7. #277
    Moderatore Globale L'avatar di Vox Populi
    Data Registrazione
    Apr 2006
    Località
    casa mia
    Messaggi
    62,402
    22 agosto 2022
    Beata Vergine Maria Regina
    Memoria

    Antifona d'Ingresso
    Cf. Sal 44, 10.14
    Alla tua destra è assisa la Regina, tessuto d’oro è il suo vestito.

    Colletta
    O Padre, che ci hai dato come Madre e Regina
    la Vergine Maria,
    dalla quale nacque Cristo tuo Figlio,
    per sua intercessione concedi a noi
    la gloria promessa ai tuoi figli nel regno dei cieli.
    Per il nostro Signore Gesù Cristo, tuo Figlio, che è Dio,
    e vive e regna con te, nell’unità dello Spirito Santo,
    per tutti i secoli dei secoli.

    Prima Lettura 2 Ts 1, 1-5.11b-12
    Sia glorificato il nome del Signore nostro Gesù in voi, e voi in lui.


    Dalla seconda lettera di san Paolo apostolo ai Tessalonicési
    Paolo e Silvano e Timòteo alla Chiesa dei Tessalonicési che è in Dio Padre nostro e nel Signore Gesù Cristo: a voi, grazia e pace da Dio Padre e dal Signore Gesù Cristo.
    Dobbiamo sempre rendere grazie a Dio per voi, fratelli, come è giusto, perché la vostra fede fa grandi progressi e l’amore di ciascuno di voi verso gli altri va crescendo. Così noi possiamo gloriarci di voi nelle Chiese di Dio, per la vostra perseveranza e la vostra fede in tutte le vostre persecuzioni e tribolazioni che sopportate. È questo un segno del giusto giudizio di Dio, perché siate fatti degni del regno di Dio, per il quale appunto soffrite.
    Il nostro Dio vi renda degni della sua chiamata e, con la sua potenza, porti a compimento ogni proposito di bene e l’opera della vostra fede, perché sia glorificato il nome del Signore nostro Gesù in voi, e voi in lui, secondo la grazia del nostro Dio e del Signore Gesù Cristo.

    Salmo Responsoriale Dal Salmo 95 (96)
    Annunciate a tutti i popoli le meraviglie del Signore.

    Cantate al Signore un canto nuovo,
    cantate al Signore, uomini di tutta la terra.
    Cantate al Signore, benedite il suo nome.

    Annunciate di giorno in giorno la sua salvezza.
    In mezzo alle genti narrate la sua gloria,
    a tutti i popoli dite le sue meraviglie.

    Grande è il Signore e degno di ogni lode,
    terribile sopra tutti gli dèi.
    Tutti gli dèi dei popoli sono un nulla,
    il Signore invece ha fatto i cieli.

    Canto al Vangelo Gv 10, 27
    Alleluia, alleluia.
    Le mie pecore ascoltano la mia voce, dice il Signore,
    e io le conosco ed esse mi seguono.
    Alleluia.

    Vangelo Mt 23, 13-22
    Guai a voi, guide cieche.


    Dal Vangelo secondo Matteo
    In quel tempo, Gesù parlò dicendo:
    «Guai a voi, scribi e farisei ipocriti, che chiudete il regno dei cieli davanti alla gente; di fatto non entrate voi, e non lasciate entrare nemmeno quelli che vogliono entrare.
    Guai a voi, scribi e farisei ipocriti, che percorrete il mare e la terra per fare un solo prosèlito e, quando lo è divenuto, lo rendete degno della Geènna due volte più di voi.
    Guai a voi, guide cieche, che dite: “Se uno giura per il tempio, non conta nulla; se invece uno giura per l’oro del tempio, resta obbligato”. Stolti e ciechi! Che cosa è più grande: l’oro o il tempio che rende sacro l’oro? E dite ancora: “Se uno giura per l’altare, non conta nulla; se invece uno giura per l’offerta che vi sta sopra, resta obbligato”. Ciechi! Che cosa è più grande: l’offerta o l’altare che rende sacra l’offerta? Ebbene, chi giura per l’altare, giura per l’altare e per quanto vi sta sopra; e chi giura per il tempio, giura per il tempio e per Colui che lo abita. E chi giura per il cielo, giura per il trono di Dio e per Colui che vi è assiso».

    Sulle Offerte
    Ti offriamo, o Padre, i nostri doni
    nella memoria della beata Vergine Maria
    e a te innalziamo la nostra supplica
    perché ci soccorra l’umanità del suo Figlio,
    che si offrì per noi Agnello senza macchia sulla croce.
    Egli vive e regna nei secoli dei secoli.

    Prefazio della beata Vergine Maria I, o II.

    Antifona alla Comunione Cf. Lc 1, 45

    Beata sei tu, Vergine Maria, perché hai creduto:
    in te si è compiuta la parola del Signore.

    Dopo la Comunione
    O Signore, che ci hai nutriti con i tuoi sacramenti,
    concedi a noi, che celebriamo la memoria
    della beata Vergine Maria,
    di partecipare al convito eterno.
    Per Cristo nostro Signore.

  8. #278
    Moderatore Globale L'avatar di Vox Populi
    Data Registrazione
    Apr 2006
    Località
    casa mia
    Messaggi
    62,402
    23 agosto 2022
    Martedì della XXI settimana del Tempo Ordinario

    Prima Lettura
    2 Ts 2, 1-3a.13-17
    Mantenete le tradizioni che avete appreso.


    Dalla seconda lettera di san Paolo apostolo ai Tessalonicési
    Riguardo alla venuta del Signore nostro Gesù Cristo e al nostro radunarci con lui, vi preghiamo, fratelli, di non lasciarvi troppo presto confondere la mente e allarmare né da ispirazioni né da discorsi, né da qualche lettera fatta passare come nostra, quasi che il giorno del Signore sia già presente. Nessuno vi inganni in alcun modo!
    Noi dobbiamo sempre rendere grazie a Dio per voi, fratelli amati dal Signore, perché Dio vi ha scelti come primizia per la salvezza, per mezzo dello Spirito santificatore e della fede nella verità. A questo egli vi ha chiamati mediante il nostro Vangelo, per entrare in possesso della gloria del Signore nostro Gesù Cristo.
    Perciò, fratelli, state saldi e mantenete le tradizioni che avete appreso sia dalla nostra parola sia dalla nostra lettera. E lo stesso Signore nostro Gesù Cristo e Dio, Padre nostro, che ci ha amati e ci ha dato, per sua grazia, una consolazione eterna e una buona speranza, conforti i vostri cuori e li confermi in ogni opera e parola di bene.

    Salmo Responsoriale Dal Salmo 95 (96)
    Vieni, Signore, a giudicare la terra.

    Dite tra le genti: «Il Signore regna!».
    È stabile il mondo, non potrà vacillare!
    Egli giudica i popoli con rettitudine.

    Gioiscano i cieli, esulti la terra,
    risuoni il mare e quanto racchiude;
    sia in festa la campagna e quanto contiene.

    Acclamino tutti gli alberi della foresta
    davanti al Signore che viene:
    sì, egli viene a giudicare la terra;
    giudicherà il mondo con giustizia
    e nella sua fedeltà i popoli.

    Canto al Vangelo Eb 4, 12
    Alleluia, alleluia.
    La parola di Dio è viva, efficace:
    discerne i sentimenti e i pensieri del cuore.
    Alleluia.

    Vangelo Mt 23, 23-26
    Queste erano le cose da fare, senza tralasciare quelle.


    Dal Vangelo secondo Matteo
    In quel tempo, Gesù parlò dicendo:
    «Guai a voi, scribi e farisei ipocriti, che pagate la decima sulla menta, sull’anéto e sul cumìno, e trasgredite le prescrizioni più gravi della Legge: la giustizia, la misericordia e la fedeltà. Queste invece erano le cose da fare, senza tralasciare quelle. Guide cieche, che filtrate il moscerino e ingoiate il cammello!
    Guai a voi, scribi e farisei ipocriti, che pulite l’esterno del bicchiere e del piatto, ma all’interno sono pieni di avidità e d’intemperanza. Fariseo cieco, pulisci prima l’interno del bicchiere, perché anche l’esterno diventi pulito!».

    _________________________________

    Memoria facoltativa:
    Santa Rosa da Lima, vergine


    Dal Comune delle vergini: per una vergine.

    Colletta

    O Dio, che a santa Rosa [da Lima], ardente del tuo amore,
    hai ispirato il proposito di rinunciare al mondo
    per dedicarsi interamente a te in austera penitenza,
    concedi a noi, per sua intercessione,
    di seguire in terra la via della vita,
    per dissetarci in cielo al torrente delle tue delizie.
    Per il nostro Signore Gesù Cristo, tuo Figlio, che è Dio,
    e vive e regna con te, nell’unità dello Spirito Santo,
    per tutti i secoli dei secoli.

  9. #279
    Moderatore Globale L'avatar di Vox Populi
    Data Registrazione
    Apr 2006
    Località
    casa mia
    Messaggi
    62,402
    24 agosto 2022
    SAN BARTOLOMEO, apostolo
    Festa

    Antifona d'Ingresso
    Sal 95, 2-3

    Annunciate di giorno in giorno la salvezza del Signore,
    in mezzo alle genti narrate la sua gloria.

    Si dice il Gloria.

    Colletta

    Rafforza in noi, o Padre,
    la fede che spinse il santo apostolo Bartolomeo
    ad aderire con animo sincero a Cristo tuo Figlio,
    e per sua intercessione fa’ che la tua Chiesa
    sia per tutti i popoli sacramento di salvezza.
    Per il nostro Signore Gesù Cristo, tuo Figlio, che è Dio,
    e vive e regna con te, nell’unità dello Spirito Santo,
    per tutti i secoli dei secoli.

    Prima Lettura Ap 21, 9b-14
    Sopra i basamenti sono i dodici nomi dei dodici apostoli dell'Agnello.


    Dal libro dell'Apocalisse di san Giovanni apostolo
    Uno dei sette angeli mi parlò e disse: «Vieni, ti mostrerò la promessa sposa, la sposa dell’Agnello».
    L’angelo mi trasportò in spirito su di un monte grande e alto, e mi mostrò la città santa, Gerusalemme, che scende dal cielo, da Dio, risplendente della gloria di Dio. Il suo splendore è simile a quello di una gemma preziosissima, come pietra di diaspro cristallino.
    È cinta da grandi e alte mura con dodici porte: sopra queste porte stanno dodici angeli e nomi scritti, i nomi delle dodici tribù dei figli d’Israele. A oriente tre porte, a settentrione tre porte, a mezzogiorno tre porte e a occidente tre porte.
    Le mura della città poggiano su dodici basamenti, sopra i quali sono i dodici nomi dei dodici apostoli dell’Agnello.

    Salmo Responsoriale Dal Salmo 144 (((145)
    I tuoi santi, Signore, dicono la gloria del tuo regno.

    Ti lodino, Signore, tutte le tue opere
    e ti benedicano i tuoi fedeli.
    Dicano la gloria del tuo regno
    e parlino della tua potenza.

    Per far conoscere agli uomini le tue imprese
    e la splendida gloria del tuo regno.
    Il tuo regno è un regno eterno,
    il tuo dominio si estende per tutte le generazioni.

    Giusto è il Signore in tutte le sue vie
    e buono in tutte le sue opere.
    Il Signore è vicino a chiunque lo invoca,
    a quanti lo invocano con sincerità.

    Canto al Vangelo Gv 1, 49b
    Alleluia, alleluia.
    Rabbì, tu sei il Figlio di Dio,
    tu sei il re d’Israele!
    Alleluia.

    Vangelo Gv 1, 45-51
    Ecco davvero un Israelita in cui non c’è falsità.


    Dal Vangelo secondo Giovanni
    In quel tempo, Filippo trovò Natanaèle e gli disse: «Abbiamo trovato colui del quale hanno scritto Mosè, nella Legge, e i Profeti: Gesù, il figlio di Giuseppe, di Nàzaret». Natanaèle gli disse: «Da Nàzaret può venire qualcosa di buono?». Filippo gli rispose: «Vieni e vedi».
    Gesù intanto, visto Natanaèle che gli veniva incontro, disse di lui: «Ecco davvero un Israelita in cui non c’è falsità». Natanaèle gli domandò: «Come mi conosci?». Gli rispose Gesù: «Prima che Filippo ti chiamasse, io ti ho visto quando eri sotto l’albero di fichi». Gli replicò Natanaèle: «Rabbì, tu sei il Figlio di Dio, tu sei il re d’Israele!». Gli rispose Gesù: «Perché ti ho detto che ti avevo visto sotto l’albero di fichi, tu credi? Vedrai cose più grandi di queste!».
    Poi gli disse: «In verità, in verità io vi dico: vedrete il cielo aperto e gli angeli di Dio salire e scendere sopra il Figlio dell’uomo».

    Sulle Offerte
    Accogli, o Signore, questo sacrificio di lode
    nella festa dell’apostolo san Bartolomeo,
    e per sua intercessione concedi al popolo cristiano
    il soccorso della tua misericordia.
    Per Cristo nostro Signore.

    Prefazio degli apostoli I-II.

    Antifona alla Comunione Lc 22, 29-30

    «Io preparo per voi un regno, come il Padre l’ha preparato per me,
    perché mangiate e beviate alla mia mensa», dice il Signore.

    Dopo la Comunione
    Il pegno della salvezza eterna
    che abbiamo ricevuto, o Signore,
    nella festa di san Bartolomeo apostolo,
    ci sia di aiuto per la vita presente e per quella futura.
    Per Cristo nostro Signore.

    Si può utilizzare la formula della benedizione solenne Nelle feste degli apostoli.

  10. #280
    Moderatore Globale L'avatar di Vox Populi
    Data Registrazione
    Apr 2006
    Località
    casa mia
    Messaggi
    62,402
    25 agosto 2022
    Giovedì della XXI settimana del Tempo Ordinario

    Prima Lettura
    1 Cor 1, 1-9
    In Cristo siete stati arricchiti di tutti i doni.


    Dalla prima lettera di san Paolo apostolo ai Corìnzi
    Paolo, chiamato a essere apostolo di Cristo Gesù per volontà di Dio, e il fratello Sòstene, alla Chiesa di Dio che è a Corinto, a coloro che sono stati santificati in Cristo Gesù, santi per chiamata, insieme a tutti quelli che in ogni luogo invocano il nome del Signore nostro Gesù Cristo, Signore nostro e loro: grazia a voi e pace da Dio Padre nostro e dal Signore Gesù Cristo!
    Rendo grazie continuamente al mio Dio per voi, a motivo della grazia di Dio che vi è stata data in Cristo Gesù, perché in lui siete stati arricchiti di tutti i doni, quelli della parola e quelli della conoscenza. La testimonianza di Cristo si è stabilita tra voi così saldamente che non manca più alcun carisma a voi, che aspettate la manifestazione del Signore nostro Gesù Cristo.
    Egli vi renderà saldi sino alla fine, irreprensibili nel giorno del Signore nostro Gesù Cristo. Degno di fede è Dio, dal quale siete stati chiamati alla comunione con il Figlio suo Gesù Cristo, Signore nostro!

    Salmo Responsoriale Dal Salmo 144 (145)
    Benedirò il tuo nome per sempre, Signore.

    Ti voglio benedire ogni giorno,
    lodare il tuo nome in eterno e per sempre.
    Grande è il Signore e degno di ogni lode;
    senza fine è la sua grandezza.

    Una generazione narra all’altra le tue opere,
    annuncia le tue imprese.
    Il glorioso splendore della tua maestà
    e le tue meraviglie voglio meditare.

    Parlino della tua terribile potenza:
    anch’io voglio raccontare la tua grandezza.
    Diffondano il ricordo della tua bontà immensa,
    acclamino la tua giustizia.

    Canto al Vangelo Mt 24, 42a.44
    Alleluia, alleluia.
    Vegliate e tenetevi pronti,
    perché, nell’ora che non immaginate,
    viene il Figlio dell’uomo.
    Alleluia.

    Vangelo Mt 24, 42-51
    Tenetevi pronti.


    Dal Vangelo secondo Matteo
    In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli:
    «Vegliate, perché non sapete in quale giorno il Signore vostro verrà. Cercate di capire questo: se il padrone di casa sapesse a quale ora della notte viene il ladro, veglierebbe e non si lascerebbe scassinare la casa. Perciò anche voi tenetevi pronti perché, nell’ora che non immaginate, viene il Figlio dell’uomo.
    Chi è dunque il servo fidato e prudente, che il padrone ha messo a capo dei suoi domestici per dare loro il cibo a tempo debito? Beato quel servo che il padrone, arrivando, troverà ad agire così! Davvero io vi dico: lo metterà a capo di tutti i suoi beni.
    Ma se quel servo malvagio dicesse in cuor suo: “Il mio padrone tarda”, e cominciasse a percuotere i suoi compagni e a mangiare e a bere con gli ubriaconi, il padrone di quel servo arriverà un giorno in cui non se l’aspetta e a un’ora che non sa, lo punirà severamente e gli infliggerà la sorte che meritano gli ipocriti: là sarà pianto e stridore di denti».

    _________________________________

    Memorie facoltative:

    San Luigi IX


    Dal Comune dei santi: per un santo.

    Colletta

    O Dio, che hai innalzato san Luigi
    dalla regalità terrena alla gloria del regno dei cieli,
    fa’ che per sua intercessione,
    cooperando all’edificazione della città terrena,
    teniamo viva la speranza della città eterna.
    Per il nostro Signore Gesù Cristo, tuo Figlio, che è Dio,
    e vive e regna con te, nell’unità dello Spirito Santo,
    per tutti i secoli dei secoli.


    San Giuseppe Calasanzio, presbitero

    Dal Comune dei santi: per gli educatori, o dal Comune dei pastori: per un pastore.

    Colletta

    O Dio, che hai dato al santo presbitero Giuseppe [Calasanzio]
    doni straordinari di carità e pazienza
    per dedicare la vita a istruire i giovani
    e a formarli in ogni virtù,
    concedi a noi, che lo veneriamo come maestro di sapienza,
    di essere come lui cooperatori della verità.
    Per il nostro Signore Gesù Cristo, tuo Figlio, che è Dio,
    e vive e regna con te, nell’unità dello Spirito Santo,
    per tutti i secoli dei secoli.

Tag per Questa Discussione

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
>