Lo Staff del Forum dichiara la propria fedeltà al Magistero. Se, per qualche svista o disattenzione, dovessimo incorrere in qualche errore o inesattezza, accettiamo fin da ora, con filiale ubbidienza, quanto la Santa Chiesa giudica e insegna. Le affermazioni dei singoli forumisti non rappresentano in alcun modo la posizione del forum, e quindi dello Staff, che ospita tutti gli interventi non esplicitamente contrari al Regolamento di CR (dalla Magna Charta). O Maria concepita senza peccato prega per noi che ricorriamo a Te.
Pagina 1 di 23 12311 ... UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 229

Discussione: TESTI LITURGICI DELLA MESSA in Rito Romano

  1. #1
    Moderatore Globale L'avatar di Vox Populi
    Data Registrazione
    Apr 2006
    Località
    casa mia
    Messaggi
    61,165

    TESTI LITURGICI DELLA MESSA in Rito Romano

    ANNO LITURGICO 2021 - 2022

    Ciclo Liturgico festivo: C
    Ciclo Liturgico feriale (tempo Ordinario): II


    I testi eucologici (antifone, orazioni, prefazi) sono conformi alla traduzione della terza edizione tipica del Messale Romano, promulgata dalla Conferenza Episcopale Italiana con Decreto n. 551/19, obbligatoria per l'uso liturgico dalla Domenica di Pasqua dell'anno 2021.

    I testi delle Letture Bibliche sono conformi al Lezionario promulgato dalla Conferenza Episcopale Italiana con Decreto n. 950/06, obbligatorio per l'uso liturgico a partire dalla I Domenica di Avvento 2010.

    A partire da questo collegamento è possibile consultare il testo completo del Rito della Messa con il popolo e relativa Appendice.




    I testi riportati nella presente discussione sono presi da:
    • Conferenza Episcopale Italiana (di seguito CEI), Messale Romano riformato a norma dei Decreti del Concilio Ecumenico Vaticano II, promulgato da Papa Paolo VI e riveduto da Papa Giovanni Paolo II, Fondazione di Religione Santi Francesco d'Assisi e Caterina da Siena (di seguito FRSFC), 2020, ISBN 978-88-944997-0-4
    • CEI, Lezionario Domenicale e Festivo - Anno C, FRSFC, 2007, ISBN 88-209-7988-8
    • CEI, Lezionario Feriale - Tempi forti, FRSFC, 2008, ISBN 978-88-209-8146-4
    • CEI, Lezionario Feriale - Tempo ordinario anno pari, FRSFC, 2009, ISBN 978-88-209-8215-7
    • CEI, Lezionario per le celebrazioni dei santi, FRSFC, 2009, ISBN 978-88-209-8313-0

  2. #2
    Moderatore Globale L'avatar di Vox Populi
    Data Registrazione
    Apr 2006
    Località
    casa mia
    Messaggi
    61,165
    28 novembre 2021
    I DOMENICA DI AVVENTO

    Antifona d'Ingresso
    Sal 24, 1-3
    A te, Signore, innalzo l’anima mia,
    mio Dio, in te confido: che io non resti deluso!
    Non trionfino su di me i miei nemici!
    Chiunque in te spera non resti deluso.

    Non si dice il Gloria.

    Colletta

    O Dio, nostro Padre,
    suscita in noi la volontà
    di andare incontro con le buone opere al tuo Cristo che viene,
    perché egli ci chiami accanto a sé nella gloria
    a possedere il regno dei cieli.
    Per il nostro Signore Gesù Cristo, tuo Figlio, che è Dio,
    e vive e regna con te, nell’unità dello Spirito Santo,
    per tutti i secoli dei secoli.

    Oppure:
    Padre santo,
    che mantieni nei secoli le tue promesse,
    rialza il capo dell’umanità oppressa dal male
    e apri i nostri cuori alla speranza,
    perché attendiamo vigilanti la venuta gloriosa di Cristo,
    giudice e salvatore.
    Egli è Dio, e vive e regna con te,
    nell’unità dello Spirito Santo,
    per tutti i secoli dei secoli.

    Prima Lettura Ger 33,14-16
    Farò germogliare per Davide un germoglio giusto.


    Dal libro del profeta Geremia
    Ecco, verranno giorni - oràcolo del Signore - nei quali io realizzerò le promesse di bene che ho fatto alla casa d'Israele e alla casa di Giuda.
    In quei giorni e in quel tempo farò germogliare per Davide un germoglio giusto, che eserciterà il giudizio e la giustizia sulla terra.
    In quei giorni Giuda sarà salvato e Gerusalemme vivrà tranquilla, e sarà chiamata: Signore-nostra-giustizia.

    Salmo Responsoriale Dal Salmo 24
    A te, Signore, innalzo l'anima mia, in te confido.

    Fammi conoscere, Signore, le tue vie,
    insegnami i tuoi sentieri.
    Guidami nella tua fedeltà e istruiscimi,
    perché sei tu il Dio della mia salvezza.

    Buono e retto è il Signore,
    indica ai peccatori la via giusta;
    guida i poveri secondo giustizia,
    insegna ai poveri la sua via.

    Tutti i sentieri del Signore sono amore e fedeltà
    per chi custodisce la sua alleanza e i suoi precetti.
    Il Signore si confida con chi lo teme:
    gli fa conoscere la sua alleanza.

    Seconda Lettura 1 Ts 3, 12 – 4, 2
    Il Signore renda saldi i vostri cuori al momento della venuta di Cristo.


    Dalla prima lettera di san Paolo apostolo ai Tessalonicési
    Fratelli, il Signore vi faccia crescere e sovrabbondare nell'amore fra voi e verso tutti, come sovrabbonda il nostro per voi, per rendere saldi i vostri cuori e irreprensibili nella santità, davanti a Dio e Padre nostro, alla venuta del Signore nostro Gesù con tutti i suoi santi. Per il resto, fratelli, vi preghiamo e supplichiamo nel Signore Gesù affinché, come avete imparato da noi il modo di comportarvi e di piacere a Dio - e così già vi comportate -, possiate progredire ancora di più. Voi conoscete quali regole di vita vi abbiamo dato da parte del Signore Gesù.

    Canto al Vangelo Sal 84, 8
    Alleluia, alleluia.
    Mostraci, Signore, la tua misericordia
    e donaci la tua salvezza.
    Alleluia.

    Vangelo Lc 21, 25-28.34-36
    La vostra liberazione è vicina.


    Dal Vangelo secondo Luca
    In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli: «Vi saranno segni nel sole, nella luna e nelle stelle, e sulla terra angoscia di popoli in ansia per il fragore del mare e dei flutti, mentre gli uomini moriranno per la paura e per l'attesa di ciò che dovrà accadere sulla terra. Le potenze dei cieli infatti saranno sconvolte.
    Allora vedranno il Figlio dell'uomo venire su una nube con grande potenza e gloria.
    Quando cominceranno ad accadere queste cose, risollevatevi e alzate il capo, perché la vostra liberazione è vicina.
    State attenti a voi stessi, che i vostri cuori non si appesantiscano in dissipazioni, ubriachezze e affanni della vita e che quel giorno non vi piombi addosso all'improvviso; come un laccio infatti esso si abbatterà sopra tutti coloro che abitano sulla faccia di tutta la terra. Vegliate in ogni momento pregando, perché abbiate la forza di sfuggire a tutto ciò che sta per accadere, e di comparire davanti al Figlio dell'uomo».

    Si dice il Credo.

    Sulle Offerte

    Accogli, o Signore, il pane e il vino,
    dono della tua benevolenza, e concedi che il nostro sacrificio spirituale compiuto nel tempo
    sia per noi pegno della redenzione eterna.
    Per Cristo nostro Signore.

    Prefazio dell’Avvento I oppure IA.

    Antifona alla Comunione Sal 84, 13

    Il Signore donerà il suo bene
    e la nostra terra darà il suo frutto.

    Oppure: Cf. Lc 21, 36
    Vegliate e pregate in ogni momento,
    per essere degni di comparire davanti al Figlio dell’uomo.

    Dopo la Comunione
    La partecipazione a questo sacramento,
    che a noi pellegrini sulla terra
    rivela il senso cristiano della vita,
    ci sostenga, o Signore, nel nostro cammino
    e ci guidi ai beni eterni.
    Per Cristo nostro Signore.

    Si può utilizzare la formula della benedizione solenne Nell'Avvento.

  3. #3
    Moderatore Globale L'avatar di Vox Populi
    Data Registrazione
    Apr 2006
    Località
    casa mia
    Messaggi
    61,165
    29 novembre 2021
    Lunedì della I settimana di Avvento

    Antifona d'Ingresso
    Cf. Ger 31, 10; Is 35, 4
    Ascoltate, genti, la parola del Signore,
    annunciatela alle isole più lontane:
    Coraggio, non temete!
    Ecco, giunge il vostro Dio.

    Colletta
    Il tuo aiuto, o Padre,
    ci renda perseveranti nel bene
    in attesa di Cristo tuo Figlio;
    quando egli verrà e busserà alla porta,
    ci trovi vigilanti nella preghiera,
    operosi nella carità fraterna
    ed esultanti nella lode.
    Egli è Dio, e vive e regna con te,
    nell’unità dello Spirito Santo,
    per tutti i secoli dei secoli.

    Prima Lettura Is 2, 1-5
    IIl Signore raduna tutti i popoli nella pace eterna del suo regno.


    Dal libro del profeta Isaìa
    Messaggio che Isaìa, figlio di Amoz, ricevette in visione su Giuda e su Gerusalemme.
    Alla fine dei giorni,
    il monte del tempio del Signore
    sarà saldo sulla cima dei monti
    e s’innalzerà sopra i colli
    e ad esso affluiranno tutte le genti.
    Verranno molti popoli e diranno:
    «Venite, saliamo sul monte del Signore,
    al tempio del Dio di Giacobbe,
    perché ci insegni le sue vie
    e possiamo camminare per i suoi sentieri».
    Poiché da Sion uscirà la legge
    e da Gerusalemme la parola del Signore.
    Egli sarà giudice fra le genti
    e arbitro fra molti popoli.
    Spezzeranno le loro spade e ne faranno aratri,
    delle loro lance faranno falci;
    una nazione non alzerà più la spada
    contro un’altra nazione,
    non impareranno più l’arte della guerra.
    Casa di Giacobbe, venite,
    camminiamo nella luce del Signore.

    Salmo Responsoriale Dal Salmo 121 (122)
    Andiamo con gioia incontro al Signore.

    Quale gioia, quando mi dissero:
    «Andremo alla casa del Signore!».
    Già sono fermi i nostri piedi
    alle tue porte, Gerusalemme!

    Gerusalemme è costruita
    come città unita e compatta.
    È là che salgono le tribù,
    le tribù del Signore.

    Chiedete pace per Gerusalemme:
    vivano sicuri quelli che ti amano;
    sia pace nelle tue mura,
    sicurezza nei tuoi palazzi.

    Per i miei fratelli e i miei amici
    io dirò: «Su di te sia pace!».
    Per la casa del Signore nostro Dio,
    chiederò per te il bene.

    Canto al Vangelo Cf. Sal 79 (80), 4
    Alleluia, alleluia.
    Signore, nostro Dio, vieni a liberarci:
    fa’ splendere il tuo volto e noi saremo salvi.
    Alleluia.

    Vangelo Mt 8, 5-11
    Molti dall'oriente e dall'occidente verranno nel regno dei cieli.


    Dal Vangelo secondo Matteo
    In quel tempo, entrato Gesù in Cafàrnao, gli venne incontro un centurione che lo scongiurava e diceva: «Signore, il mio servo è in casa, a letto, paralizzato e soffre terribilmente». Gli disse: «Verrò e lo guarirò».
    Ma il centurione rispose: «Signore, io non sono degno che tu entri sotto il mio tetto, ma di’ soltanto una parola e il mio servo sarà guarito. Pur essendo anch’io un subalterno, ho dei soldati sotto di me e dico a uno: “Va’!”, ed egli va; e a un altro: “Vieni!”, ed egli viene; e al mio servo: “Fa’ questo!”, ed egli lo fa».
    Ascoltandolo, Gesù si meravigliò e disse a quelli che lo seguivano: «In verità io vi dico, in Israele non ho trovato nessuno con una fede così grande! Ora io vi dico che molti verranno dall’oriente e dall’occidente e siederanno a mensa con Abramo, Isacco e Giacobbe nel regno dei cieli».

    Sulle Offerte
    Accogli, o Signore, il pane e il vino,
    dono della tua benevolenza,
    e concedi che il nostro sacrificio spirituale
    compiuto nel tempo
    sia per noi pegno della redenzione eterna.
    Per Cristo nostro Signore.

    Oppure:
    Accogli, o Signore, il sacrificio del tuo popolo,
    perché i doni che offriamo alla tua gloria
    siano per noi sorgente di salvezza eterna.
    Per Cristo nostro Signore.

    Prefazio dell’Avvento I oppure IA

    Antifona alla Comunione Cf. Sal 105, 4-5; Is 38, 3

    Vieni, o Signore, a visitarci nella pace,
    perché possiamo gioire davanti a te con cuore integro.

    Oppure: Mt 8, 11
    Molti verranno dall’oriente e dall’occidente
    e siederanno a mensa
    con Abramo, Isacco e Giacobbe nel regno dei cieli.

    Dopo la Comunione
    La partecipazione a questo sacramento,
    che a noi pellegrini sulla terra
    rivela il senso cristiano della vita,
    ci sostenga, o Signore, nel nostro cammino
    e ci guidi ai beni eterni.
    Per Cristo nostro Signore.

    Oppure:
    Il sacramento che abbiamo ricevuto, o Padre,
    ci renda vigilanti e alimenti le lampade della nostra fede,
    perché possiamo attendere la venuta del tuo Figlio
    ed essere introdotti al banchetto delle nozze eterne.
    Per Cristo nostro Signore.

  4. #4
    Moderatore Globale L'avatar di Vox Populi
    Data Registrazione
    Apr 2006
    Località
    casa mia
    Messaggi
    61,165
    30 novembre 2021
    SANT’ANDREA, apostolo
    Festa

    Antifona d'Ingresso
    Cf. Mt 4, 18-19
    Mentre camminava lungo il mare di Galilea,
    il Signore vide due fratelli, Pietro e Andrea, e disse loro:
    «Venite dietro a me e vi farò pescatori di uomini».

    Si dice il Gloria.

    Colletta

    Umilmente ti invochiamo, o Signore:
    il santo apostolo Andrea, che fu annunciatore del Vangelo
    e guida per la tua Chiesa,
    sia presso di te nostro perenne intercessore.
    Per il nostro Signore Gesù Cristo, tuo Figlio, che è Dio,
    e vive e regna con te, nell’unità dello Spirito Santo,
    per tutti i secoli dei secoli.

    Prima Lettura Rm 10, 9-18
    La fede viene dall’ascolto e l’ascolto riguarda la parola di Cristo.


    Dalla lettera di san Paolo apostolo ai Romani
    Fratello, se con la tua bocca proclamerai: «Gesù è il Signore!», e con il tuo cuore crederai che Dio lo ha risuscitato dai morti, sarai salvo. Con il cuore infatti si crede per ottenere la giustizia, e con la bocca si fa la professione di fede per avere la salvezza.
    Dice infatti la Scrittura: «Chiunque crede in lui non sarà deluso». Poiché non c’è distinzione fra Giudeo e Greco, dato che lui stesso è il Signore di tutti, ricco verso tutti quelli che lo invocano. Infatti: «Chiunque invocherà il nome del Signore sarà salvato».
    Ora, come invocheranno colui nel quale non hanno creduto? Come crederanno in colui del quale non hanno sentito parlare? Come ne sentiranno parlare senza qualcuno che lo annunci? E come lo annunceranno, se non sono stati inviati? Come sta scritto: «Quanto sono belli i piedi di coloro che recano un lieto annuncio di bene!».
    Ma non tutti hanno obbedito al Vangelo. Lo dice Isaìa: «Signore, chi ha creduto dopo averci ascoltato?». Dunque, la fede viene dall’ascolto e l’ascolto riguarda la parola di Cristo. Ora io dico: forse non hanno udito? Tutt’altro:
    «Per tutta la terra è corsa la loro voce,
    e fino agli estremi confini del mondo le loro parole».

    Salmo Responsoriale Dal Salmo 18 (19)
    Per tutta la terra si diffonde il loro annuncio.

    I cieli narrano la gloria di Dio,
    l’opera delle sue mani annuncia il firmamento.
    Il giorno al giorno ne affida il racconto
    e la notte alla notte ne trasmette notizia.

    Senza linguaggio, senza parole,
    senza che si oda la loro voce,
    per tutta la terra si diffonde il loro annuncio
    e ai confini del mondo il loro messaggio.

    Canto al Vangelo Cf. Mt 4, 19
    Alleluia, alleluia.
    Venite dietro a me,
    vi farò pescatori di uomini.
    Alleluia.

    Vangelo Mt 4, 18-22
    Essi subito lasciarono le reti e lo seguirono.


    Dal Vangelo secondo Matteo
    In quel tempo, mentre camminava lungo il mare di Galilea, Gesù vide due fratelli, Simone, chiamato Pietro, e Andrea suo fratello, che gettavano le reti in mare; erano infatti pescatori. E disse loro: «Venite dietro a me, vi farò pescatori di uomini». Ed essi subito lasciarono le reti e lo seguirono.
    Andando oltre, vide altri due fratelli, Giacomo, figlio di Zebedèo, e Giovanni suo fratello, che nella barca, insieme a Zebedèo loro padre, riparavano le loro reti, e li chiamò. Ed essi subito lasciarono la barca e il loro padre e lo seguirono.

    Sulle Offerte
    Dio onnipotente, nella festa di sant’Andrea
    portiamo questi doni al tuo altare;
    fa’ che, offrendoli, siamo a te graditi
    e, ricevendoli da te santificati, otteniamo la vita.
    Per Cristo nostro Signore.

    Prefazio degli apostoli I-II.

    Antifona alla ComunioneCf. Gv 1, 41-42

    Disse Andrea a Simone, suo fratello:
    «Abbiamo trovato il Messia, il Cristo». E lo condusse da Gesù.

    Dopo la Comunione
    La comunione al tuo sacramento, o Signore,
    ci fortifichi, perché, portando in noi i patimenti di Cristo
    sull’esempio del santo apostolo Andrea,
    possiamo vivere con lui nella gloria.
    Per Cristo nostro Signore.

    Si può utilizzare la formula della benedizione solenne Nelle feste degli apostoli.

  5. #5
    Moderatore Globale L'avatar di Vox Populi
    Data Registrazione
    Apr 2006
    Località
    casa mia
    Messaggi
    61,165
    1 dicembre 2021
    Mercoledì della I settimana di Avvento

    Antifona d'Ingresso
    Cf Ab. 2, 3; 1 Cor 4, 5
    Il Signore viene, non tarderà:
    metterà in luce i segreti delle tenebre
    e si rivelerà a tutte le genti.

    Colletta
    Signore Dio nostro,
    con la tua divina potenza prepara i nostri cuori,
    perché, alla venuta di Cristo tuo Figlio,
    siamo trovati degni del banchetto della vita eterna
    e, da lui serviti, possiamo gustare il pane del cielo.
    Egli è Dio, e vive e regna con te,
    nell’unità dello Spirito Santo,
    per tutti i secoli dei secoli.

    Prima Lettura Is 25, 6-10a
    Il Signore invita tutti al suo banchetto e asciuga le lacrime su ogni volto.


    Dal libro del profeta Isaìa
    In quel giorno,
    preparerà il Signore degli eserciti
    per tutti i popoli, su questo monte,
    un banchetto di grasse vivande,
    un banchetto di vini eccellenti,
    di cibi succulenti, di vini raffinati.
    Egli strapperà su questo monte
    il velo che copriva la faccia di tutti i popoli
    e la coltre distesa su tutte le nazioni.
    Eliminerà la morte per sempre.
    Il Signore Dio asciugherà le lacrime su ogni volto,
    l’ignominia del suo popolo
    farà scomparire da tutta la terra,
    poiché il Signore ha parlato.
    E si dirà in quel giorno: «Ecco il nostro Dio;
    in lui abbiamo sperato perché ci salvasse.
    Questi è il Signore in cui abbiamo sperato;
    rallegriamoci, esultiamo per la sua salvezza,
    poiché la mano del Signore si poserà su questo monte».

    Salmo Responsoriale Salmo 22 (23)
    Abiterò nella casa del Signore tutti i giorni della mia vita.

    Il Signore è il mio pastore:
    non manco di nulla.
    Su pascoli erbosi mi fa riposare,
    ad acque tranquille mi conduce.
    Rinfranca l’anima mia.

    Mi guida per il giusto cammino
    a motivo del suo nome.
    Anche se vado per una valle oscura,
    non temo alcun male, perché tu sei con me.
    Il tuo bastone e il tuo vincastro
    mi danno sicurezza.

    Davanti a me tu prepari una mensa
    sotto gli occhi dei miei nemici.
    Ungi di olio il mio capo;
    il mio calice trabocca.

    Sì, bontà e fedeltà mi saranno compagne
    tutti i giorni della mia vita,
    abiterò ancora nella casa del Signore
    per lunghi giorni.

    Canto al Vangelo
    Alleluia, alleluia.
    Ecco, viene il Signore a salvare il suo popolo:
    beati coloro che sono preparati all’incontro.
    Alleluia.

    Vangelo Mt 15, 29-37
    Gesù guarisce molti malati e moltiplica i pani.


    Dal Vangelo secondo Matteo
    In quel tempo, Gesù giunse presso il mare di Galilea e, salito sul monte, lì si fermò. Attorno a lui si radunò molta folla, recando con sé zoppi, storpi, ciechi, sordi e molti altri malati; li deposero ai suoi piedi, ed egli li guarì, tanto che la folla era piena di stupore nel vedere i muti che parlavano, gli storpi guariti, gli zoppi che camminavano e i ciechi che vedevano. E lodava il Dio d’Israele.
    Allora Gesù chiamò a sé i suoi discepoli e disse: «Sento compassione per la folla. Ormai da tre giorni stanno con me e non hanno da mangiare. Non voglio rimandarli digiuni, perché non vengano meno lungo il cammino». E i discepoli gli dissero: «Come possiamo trovare in un deserto tanti pani da sfamare una folla così grande?».
    Gesù domandò loro: «Quanti pani avete?». Dissero: «Sette, e pochi pesciolini». Dopo aver ordinato alla folla di sedersi per terra, prese i sette pani e i pesci, rese grazie, li spezzò e li dava ai discepoli, e i discepoli alla folla.
    Tutti mangiarono a sazietà. Portarono via i pezzi avanzati: sette sporte piene.

    Sulle Offerte
    Sempre si rinnovi, o Signore,
    l’offerta di questo sacrificio
    che attua il santo mistero da te istituito,
    e con la sua divina potenza
    renda efficace in noi l’opera della salvezza.
    Per Cristo nostro Signore.

    Oppure:
    Guarda con bontà, o Signore,
    l’offerta che presentiamo al tuo altare,
    perché a noi ottenga il perdono e al tuo nome renda gloria.
    Per Cristo nostro Signore.

    Prefazio dell’Avvento I oppure IA.

    Antifona alla Comunione Cf. Is 40, 10; 35, 5

    Ecco, il Signore nostro viene con potenza,
    perché si aprano gli occhi dei suoi servi.

    Oppure: Mt 15, 32
    Sento compassione per la folla:
    non voglio rimandarli digiuni,
    perché non vengano meno lungo il cammino.

    Dopo la Comunione
    Imploriamo, o Signore, la tua misericordia:
    la forza divina di questo sacramento
    ci purifichi dal peccato
    e ci prepari alle feste del Natale.
    Per Cristo nostro Signore.

    Oppure:
    Custodisci in noi il tuo dono, o Signore,
    e il sacramento che abbiamo ricevuto dalla tua bontà
    diventi per noi sorgente di salvezza e di pace.
    Per Cristo nostro Signore.

  6. #6
    Moderatore Globale L'avatar di Vox Populi
    Data Registrazione
    Apr 2006
    Località
    casa mia
    Messaggi
    61,165
    2 dicembre 2021
    Giovedì della I settimana di Avvento

    Antifona d'Ingresso
    Cf. Sal 118, 151-152
    Tu sei vicino, o Signore, e tutte le tue vie sono verità;
    fin dal principio, dalle tue testimonianze
    ho conosciuto che in eterno tu sei.

    Colletta
    Risveglia la tua potenza, o Signore,
    e con grande forza vieni in nostro soccorso,
    perché la tua grazia vinca le resistenze dei nostri peccati
    e affretti il momento della salvezza.
    Per il nostro Signore Gesù Cristo, tuo Figlio, che è Dio,
    e vive e regna con te, nell’unità dello Spirito Santo,
    per tutti i secoli dei secoli.

    Prima Lettura Is 26, 1-6
    Entri una nazione giusta che si mantiene fedele.


    Dal libro del profeta Isaia
    In quel giorno si canterà questo canto nella terra di Giuda:
    «Abbiamo una città forte;
    mura e bastioni egli ha posto a salvezza.
    Aprite le porte:
    entri una nazione giusta,
    che si mantiene fedele.
    La sua volontà è salda;
    tu le assicurerai la pace,
    pace perché in te confida.
    Confidate nel Signore sempre,
    perché il Signore è una roccia eterna,
    perché egli ha abbattuto
    coloro che abitavano in alto,
    ha rovesciato la città eccelsa,
    l’ha rovesciata fino a terra,
    l’ha rasa al suolo.
    I piedi la calpestano:
    sono i piedi degli oppressi,
    i passi dei poveri».

    Salmo Responsoriale Dal Salmo 117 (118)
    Benedetto colui che viene nel nome del Signore.

    Rendete grazie al Signore perché è buono,
    perché il suo amore è per sempre.
    È meglio rifugiarsi nel Signore
    che confidare nell’uomo.
    È meglio rifugiarsi nel Signore
    che confidare nei potenti.

    Apritemi le porte della giustizia:
    vi entrerò per ringraziare il Signore.
    È questa la porta del Signore:
    per essa entrano i giusti.
    Ti rendo grazie, perché mi hai risposto,
    perché sei stato la mia salvezza.

    Ti preghiamo, Signore: dona la salvezza!
    Ti preghiamo, Signore: dona la vittoria!
    Benedetto colui che viene nel nome del Signore.
    Vi benediciamo dalla casa del Signore.
    Il Signore è Dio, egli ci illumina.

    Canto al Vangelo Is 55 ,6
    Alleluia, alleluia.
    Cercate il Signore, mentre si fa trovare,
    invocatelo, mentre è vicino.
    Alleluia.

    Vangelo Mt 7, 21.24-27
    Chi fa la volontà del Padre mio, entrerà nel regno dei cieli.


    Dal Vangelo secondo Matteo
    In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli:
    «Non chiunque mi dice: “Signore, Signore”, entrerà nel regno dei cieli, ma colui che fa la volontà del Padre mio che è nei cieli.
    Perciò chiunque ascolta queste mie parole e le mette in pratica, sarà simile a un uomo saggio, che ha costruito la sua casa sulla roccia. Cadde la pioggia, strariparono i fiumi, soffiarono i venti e si abbatterono su quella casa, ma essa non cadde, perché era fondata sulla roccia.
    Chiunque ascolta queste mie parole e non le mette in pratica, sarà simile a un uomo stolto, che ha costruito la sua casa sulla sabbia. Cadde la pioggia, strariparono i fiumi, soffiarono i venti e si abbatterono su quella casa, ed essa cadde e la sua rovina fu grande».

    Sulle Offerte
    Accogli, o Signore, il pane e il vino,
    dono della tua benevolenza,
    e concedi che il nostro sacrificio spirituale
    compiuto nel tempo
    sia per noi pegno della redenzione eterna.
    Per Cristo nostro Signore.

    Oppure:
    Volgi il tuo sguardo su di noi, o Signore,
    perché l’offerta di questo sacrificio,
    che toglie i peccati del mondo,
    giovi alla salvezza del tuo popolo.
    Per Cristo nostro Signore.

    Prefazio dell’Avvento I oppure IA.

    Antifona alla Comunione Cf. Tt 2, 12-13

    Viviamo in questo mondo con giustizia e pietà,
    nell’attesa che si compia la beata speranza
    e venga nella gloria il nostro Dio.

    Oppure: Mt 7, 21
    Non chiunque mi dice: «Signore, Signore»,
    entrerà nel regno dei cieli,
    ma colui che fa la volontà del Padre mio che è nei cieli.

    Dopo la Comunione
    La partecipazione a questo sacramento,
    che a noi pellegrini sulla terra
    rivela il senso cristiano della vita,
    ci sostenga, o Signore, nel nostro cammino
    e ci guidi ai beni eterni.
    Per Cristo nostro Signore.

    Oppure:
    O Padre, la forza del tuo Spirito,
    operante in questi santi misteri,
    sia per noi sostegno nella vita presente
    e pegno sicuro della felicità eterna.
    Per Cristo nostro Signore.

  7. #7
    Moderatore Globale L'avatar di Vox Populi
    Data Registrazione
    Apr 2006
    Località
    casa mia
    Messaggi
    61,165
    3 dicembre 2021
    San Francesco Saverio, presbitero
    Memoria

    Antifona d'Ingresso
    Cf. Sal 17, 50; 21, 23
    Ti loderò, Signore, tra le genti, e annuncerò il tuo nome ai miei fratelli.

    Colletta
    O Dio, che hai chiamato alla fede molti popoli
    con la predicazione di san Francesco Saverio,
    concedi che il cuore dei tuoi fedeli
    arda dello stesso fervore missionario
    e che la santa Chiesa si allieti su tutta la terra di nuovi figli.
    Per il nostro Signore Gesù Cristo, tuo Figlio, che è Dio,
    e vive e regna con te, nell’unità dello Spirito Santo,
    per tutti i secoli dei secoli.

    Prima Lettura Is 29, 17-24
    In quel giorno gli occhi dei ciechi vedranno.


    Dal libro del profeta Isaìa
    Così dice il Signore Dio:
    «Certo, ancora un po’
    e il Libano si cambierà in un frutteto
    e il frutteto sarà considerato una selva.
    Udranno in quel giorno i sordi le parole del libro;
    liberati dall’oscurità e dalle tenebre,
    gli occhi dei ciechi vedranno.
    Gli umili si rallegreranno di nuovo nel Signore,
    i più poveri gioiranno nel Santo d’Israele.
    Perché il tiranno non sarà più, sparirà l’arrogante,
    saranno eliminati quanti tramano iniquità,
    quanti con la parola rendono colpevoli gli altri,
    quanti alla porta tendono tranelli al giudice
    e rovinano il giusto per un nulla.
    Pertanto, dice alla casa di Giacobbe il Signore,
    che riscattò Abramo:
    “D’ora in poi Giacobbe non dovrà più arrossire,
    il suo viso non impallidirà più,
    poiché vedendo i suoi figli l’opera delle mie mani tra loro,
    santificheranno il mio nome,
    santificheranno il Santo di Giacobbe
    e temeranno il Dio d’Israele.
    Gli spiriti traviati apprenderanno la sapienza,
    quelli che mormorano impareranno la lezione”».

    Salmo Responsoriale Dal Salmo 26 (27)
    Il Signore è la mia luce e mia salvezza.

    Il Signore è mia luce e mia salvezza:
    di chi avrò timore?
    Il Signore è difesa della mia vita:
    di chi avrò paura?

    Una cosa ho chiesto al Signore,
    questa sola io cerco:
    abitare nella casa del Signore
    tutti i giorni della mia vita,
    per contemplare la bellezza del Signore
    e ammirare il suo santuario.

    Sono certo di contemplare la bontà del Signore
    nella terra dei viventi.
    Spera nel Signore, sii forte,
    si rinsaldi il tuo cuore e spera nel Signore.

    Canto al Vangelo
    Alleluia, alleluia.
    Il Signore viene, andiamogli incontro:
    egli è la luce del mondo.
    Alleluia.

    Vangelo Mt 9,27-31
    Gesù guarisce due ciechi che credono in lui.


    Dal Vangelo secondo Matteo
    In quel tempo, mentre Gesù si allontanava, due ciechi lo seguirono gridando: «Figlio di Davide, abbi pietà di noi!».
    Entrato in casa, i ciechi gli si avvicinarono e Gesù disse loro: «Credete che io possa fare questo?». Gli risposero: «Sì, o Signore!».
    Allora toccò loro gli occhi e disse: «Avvenga per voi secondo la vostra fede». E si aprirono loro gli occhi.
    Quindi Gesù li ammonì dicendo: «Badate che nessuno lo sappia!». Ma essi, appena usciti, ne diffusero la notizia in tutta quella regione.

    Sulle Offerte
    Accogli, o Signore, i doni che ti presentiamo
    nella memoria di san Francesco Saverio,
    che raggiunse terre lontane sospinto
    dallo zelo per la salvezza degli uomini,
    e concedi anche a noi di essere efficaci testimoni del Vangelo,
    per venire incontro a te con molti fratelli.
    Per Cristo nostro Signore.

    Antifona alla Comunione Mt 10, 27
    Quello che io vi dico nelle tenebre, ditelo nella luce,
    quello che ascoltate all’orecchio, annunciatelo dalle terrazze.

    Dopo la Comunione
    I tuoi santi misteri, o Dio,
    accendano in noi l’ardore di carità
    che infiammò il cuore di san Francesco Saverio
    per la salvezza delle anime,
    perché, camminando più fedelmente nella nostra vocazione,
    conseguiamo insieme a lui il premio
    promesso ai buoni operai del Vangelo.
    Per Cristo nostro Signore.

  8. #8
    Moderatore Globale L'avatar di Vox Populi
    Data Registrazione
    Apr 2006
    Località
    casa mia
    Messaggi
    61,165
    4 dicembre 2021
    Sabato della I settimana di Avvento

    Antifona d'Ingresso
    Cf. Sal 79, 4.2
    Vieni, e fa’ splendere il tuo volto su di noi,
    o Signore, che siedi nei cieli, e noi saremo salvi.

    Colletta
    O Dio, che per liberare l’uomo dalla schiavitù del peccato
    hai mandato il tuo Figlio unigenito in questo mondo,
    concedi a noi, che attendiamo con fede
    il dono della tua misericordia,
    di giungere al premio della vera libertà.
    Per il nostro Signore Gesù Cristo, tuo Figlio, che è Dio,
    e vive e regna con te, nell’unità dello Spirito Santo,
    per tutti i secoli dei secoli.

    Prima Lettura Is 30, 19-21.23-26
    A un tuo grido di supplica il Signore ti farà grazia.


    Dal libro del profeta Isaìa
    Popolo di Sion, che abiti a Gerusalemme,
    tu non dovrai più piangere.
    A un tuo grido di supplica [il Signore] ti farà grazia;
    appena udrà, ti darà risposta.
    Anche se il Signore ti darà il pane dell’afflizione
    e l’acqua della tribolazione,
    non si terrà più nascosto il tuo maestro;
    i tuoi occhi vedranno il tuo maestro,
    i tuoi orecchi sentiranno questa parola dietro di te:
    «Questa è la strada, percorretela»,
    caso mai andiate a destra o a sinistra.
    Allora egli concederà la pioggia per il seme
    che avrai seminato nel terreno,
    e anche il pane, prodotto della terra, sarà abbondante e sostanzioso;
    in quel giorno il tuo bestiame pascolerà su un vasto prato.
    I buoi e gli asini che lavorano la terra
    mangeranno biada saporita,
    ventilata con la pala e con il vaglio.
    Su ogni monte e su ogni colle elevato
    scorreranno canali e torrenti d’acqua
    nel giorno della grande strage,
    quando cadranno le torri.
    La luce della luna sarà come la luce del sole
    e la luce del sole sarà sette volte di più,
    come la luce di sette giorni,
    quando il Signore curerà la piaga del suo popolo
    e guarirà le lividure prodotte dalle sue percosse.

    Salmo Responsoriale Dal Salmo 146 (147)
    Beati coloro che aspettano il Signore.

    È bello cantare inni al nostro Dio,
    è dolce innalzare la lode.
    Il Signore ricostruisce Gerusalemme,
    raduna i dispersi d’Israele.

    Risana i cuori affranti
    e fascia le loro ferite.
    Egli conta il numero delle stelle
    e chiama ciascuna per nome.

    Grande è il Signore nostro,
    grande nella sua potenza;
    la sua sapienza non si può calcolare.
    Il Signore sostiene i poveri,
    ma abbassa fino a terra i malvagi.

    Canto al Vangelo Cf. Is 33, 22
    Alleluia, alleluia.
    Il Signore è nostro giudice,
    nostro legislatore, nostro re:
    egli ci salverà.
    Alleluia.

    Vangelo Mt 9, 35-38 – 10, 1.6-8
    Vedendo le folle, ne sentì compassione.


    Dal Vangelo secondo Matteo
    In quel tempo, Gesù percorreva tutte le città e i villaggi, insegnando nelle loro sinagoghe, annunciando il vangelo del Regno e guarendo ogni malattia e ogni infermità.
    Vedendo le folle, ne sentì compassione, perché erano stanche e sfinite come pecore che non hanno pastore. Allora disse ai suoi discepoli: «La messe è abbondante, ma sono pochi gli operai! Pregate dunque il signore della messe, perché mandi operai nella sua messe!».
    Chiamati a sé i suoi dodici discepoli, diede loro potere sugli spiriti impuri per scacciarli e guarire ogni malattia e ogni infermità.
    E li inviò ordinando loro: «Rivolgetevi alle pecore perdute della casa d’Israele. Strada facendo, predicate, dicendo che il regno dei cieli è vicino. Guarite gli infermi, risuscitate i morti, purificate i lebbrosi, scacciate i demòni. Gratuitamente avete ricevuto, gratuitamente date».

    Sulle Offerte
    Sempre si rinnovi, o Signore,
    l’offerta di questo sacrificio
    che attua il santo mistero da te istituito,
    e con la sua divina potenza
    renda efficace in noi l’opera della salvezza.
    Per Cristo nostro Signore.

    Oppure:
    L’offerta di questo sacrificio, o Signore,
    ci liberi dall’antica schiavitù del peccato,
    perché possiamo camminare in novità di vita.
    Per Cristo nostro Signore.

    Prefazio dell’Avvento I oppure IA.

    Antifona alla Comunione Ap 22, 12

    «Ecco, io vengo presto e ho con me il mio salario», dice il Signore,
    «per rendere a ciascuno secondo le sue opere».

    Oppure: Mt 10, 7. 8
    Il regno dei cieli è vicino.
    Gratuitamente avete ricevuto, gratuitamente date.

    Dopo la Comunione
    Imploriamo, o Signore, la tua misericordia:
    la forza divina di questo sacramento
    ci purifichi dal peccato
    e ci prepari alle feste del Natale.
    Per Cristo nostro Signore.

    Oppure:
    Ci hai nutriti, Dio onnipotente, al tuo santo convito;
    fa’ che ti onoriamo con fedele servizio
    e ci prodighiamo verso tutti con carità instancabile.
    Per Cristo nostro Signore.

    _________________________________

    Memoria facoltativa:
    San Giovanni Damasceno, presbitero e dottore della Chiesa


    Dal Comune dei pastori: per un pastore, o dal Comune dei dottori della Chiesa.

    Colletta

    Concedi a noi, o Signore, di essere sostenuti dalle preghiere
    del santo presbitero Giovanni [Damasceno],
    perché la vera fede,
    che egli ha mirabilmente insegnato,
    sia sempre nostra luce e nostra forza.
    Per il nostro Signore Gesù Cristo, tuo Figlio, che è Dio,
    e vive e regna con te, nell’unità dello Spirito Santo,
    per tutti i secoli dei secoli.

  9. #9
    Moderatore Globale L'avatar di Vox Populi
    Data Registrazione
    Apr 2006
    Località
    casa mia
    Messaggi
    61,165
    5 dicembre 2021
    II DOMENICA DI AVVENTO

    Antifona d'Ingresso
    Cf. Is 30, 19.30
    Popolo di Sion, il Signore verrà a salvare le genti,
    e farà udire la sua voce maestosa
    nella letizia del vostro cuore.

    Non si dice il Gloria.

    Colletta

    Dio grande e misericordioso,
    fa’ che il nostro impegno nel mondo
    non ci ostacoli nel cammino verso il tuo Figlio,
    ma la sapienza che viene dal cielo
    ci guidi alla comunione
    con il Cristo, nostro Salvatore.
    Egli è Dio, e vive e regna con te,
    nell’unità dello Spirito Santo,
    per tutti i secoli dei secoli.

    Oppure:
    O Dio, grande nell’amore,
    che conduci gli umili alla luce gloriosa del tuo regno,
    donaci di raddrizzare i sentieri e di appianare la via
    per accogliere con fede la venuta del nostro Salvatore,
    Gesù Cristo tuo Figlio.
    Egli è Dio, e vive e regna con te,
    nell’unità dello Spirito Santo,
    per tutti i secoli dei secoli.

    Prima Lettura Bar 5, 1-9
    Dio mostrerà il suo splendore a ogni creatura.


    Dal libro del profeta Baruc
    Deponi, o Gerusalemme, la veste del lutto e dell'afflizione,
    rivestiti dello splendore della gloria che ti viene da Dio per sempre.
    Avvolgiti nel manto della giustizia di Dio,
    metti sul tuo capo il diadema di gloria dell'Eterno,
    perché Dio mostrerà il tuo splendore a ogni creatura sotto il cielo.
    Sarai chiamata da Dio per sempre:
    «Pace di giustizia» e «Gloria di pietà».
    Sorgi, o Gerusalemme, sta' in piedi sull'altura
    e guarda verso oriente; vedi i tuoi figli riuniti,
    dal tramonto del sole fino al suo sorgere,
    alla parola del Santo, esultanti per il ricordo di Dio.
    Si sono allontanati da te a piedi, incalzati dai nemici;
    ora Dio te li riconduce in trionfo come sopra un trono regale.
    Poiché Dio ha deciso di spianare
    ogni alta montagna e le rupi perenni,
    di colmare le valli livellando il terreno,
    perché Israele proceda sicuro sotto la gloria di Dio.
    Anche le selve e ogni albero odoroso
    hanno fatto ombra a Israele per comando di Dio.
    Perché Dio ricondurrà Israele con gioia alla luce della sua gloria,
    con la misericordia e la giustizia che vengono da lui.

    Salmo Responsoriale Salmo 125 (126)
    Grandi cose ha fatto il Signore per noi.

    Quando il Signore ristabilì la sorte di Sion,
    ci sembrava di sognare.
    Allora la nostra bocca si riempì di sorriso,
    la nostra lingua di gioia.

    Allora si diceva tra le genti:
    «Il Signore ha fatto grandi cose per loro».
    Grandi cose ha fatto il Signore per noi:
    eravamo pieni di gioia.

    Ristabilisci, Signore, la nostra sorte.
    come i torrenti del Negheb.
    Chi semina nelle lacrime
    mieterà nella gioia.

    Nell'andare, se ne va piangendo,
    portando la semente da gettare
    ma nel tornare, viene con gioia,
    portando i suoi covoni.

    Seconda Lettura Fil 1, 4-6.8-11
    State integri e irreprensibili per il giorno di Cristo.


    Dalla lettera di san Paolo apostolo ai Filippési
    Fratelli, sempre, quando prego per tutti voi, lo faccio con gioia a motivo della vostra cooperazione per il Vangelo, dal primo giorno fino al presente. Sono persuaso che colui il quale ha iniziato in voi quest'opera buona, la porterà a compimento fino al giorno di Cristo Gesù.
    Infatti Dio mi è testimone del vivo desiderio che nutro per tutti voi nell'amore di Cristo Gesù. E perciò prego che la vostra carità cresca sempre più in conoscenza e in pieno discernimento, perché possiate distinguere ciò che è meglio ed essere integri e irreprensibili per il giorno di Cristo, ricolmi di quel frutto di giustizia che si ottiene per mezzo di Gesù Cristo, a gloria e lode di Dio.

    Canto al Vangelo Lc 3, 4.6
    Alleluia, alleluia.
    Preparate la via del Signore,
    raddrizzate i suoi sentieri!
    Ogni uomo vedrà la salvezza di Dio!
    Alleluia.

    Vangelo Lc 3, 1-6
    Ogni uomo vedrà la salvezza di Dio!


    Dal Vangelo secondo Luca
    Nell'anno quindicesimo dell'impero di Tiberio Cesare, mentre Ponzio Pilato era governatore della Giudea. Erode tetràrca della Galilea, e Filippo, suo fratello, tetràrca dell'Iturèa e della Traconìtide, e Lisània tetràrca dell'Abilène, sotto i sommi sacerdoti Anna e Càifa, la parola di Dio venne su Giovanni, figlio di Zaccaria, nel deserto.
    Egli percorse tutta la regione del Giordano, predicando un battesimo di conversione per il perdono dei peccati, com'è scritto nel libro degli oracoli del profeta Isaia:
    «Voce di uno che grida nel deserto:
    Preparate la via del Signore,
    raddrizzate i suoi sentieri!
    Ogni burrone sarà riempito,
    ogni monte e ogni colle sarà abbassato;
    le vie tortuose diverranno diritte
    e quelle impervie, spianate.
    Ogni uomo vedrà la salvezza di Dio!».

    Si dice il Credo.

    Sulle Offerte

    Guarda con benevolenza, o Signore,
    alle preghiere e al sacrificio
    che umilmente ti presentiamo:
    all’estrema povertà dei nostri meriti
    supplisca l’aiuto della tua misericordia.
    Per Cristo nostro Signore.

    Prefazio dell’Avvento I oppure IA.

    Antifona alla Comunione Bar 5, 5; 4, 36

    Sorgi, o Gerusalemme, sta’ in piedi sull’altura,
    osserva la gioia che ti viene da Dio.

    Oppure: Mt 3, 3; Mc 1, 3; Lc 3, 4
    Voce di uno che grida nel deserto:
    Preparate la via del Signore,
    raddrizzate i suoi sentieri!

    Dopo la Comunione
    Saziati del cibo spirituale, o Signore,
    a te innalziamo la nostra supplica:
    per la partecipazione a questo sacramento,
    insegnaci a valutare con sapienza i beni della terra
    e a tenere fisso lo sguardo su quelli del cielo.
    Per Cristo nostro Signore.

    Si può utilizzare la formula della benedizione solenne Nell'Avvento.

  10. #10
    Moderatore Globale L'avatar di Vox Populi
    Data Registrazione
    Apr 2006
    Località
    casa mia
    Messaggi
    61,165
    6 dicembre 2021
    San Nicola, vescovo
    Memoria


    Dal Comune dei pastori: per un vescovo.

    Colletta

    Imploriamo umilmente la tua misericordia, o Signore:
    per intercessione del santo vescovo Nicola
    salvaci da tutti i pericoli,
    perché procediamo sicuri sulla via della salvezza.
    Per il nostro Signore Gesù Cristo, tuo Figlio, che è Dio,
    e vive e regna con te, nell’unità dello Spirito Santo,
    per tutti i secoli dei secoli.

    Prima Lettura Is 35, 1-10
    Il nostro Dio viene a salvarci.


    Dal libro del profeta Isaia
    Si rallegrino il deserto e la terra arida,
    esulti e fiorisca la steppa.
    Come fiore di narciso fiorisca;
    sì, canti con gioia e con giubilo.
    Le è data la gloria del Libano,
    lo splendore del Carmelo e di Saron.
    Essi vedranno la gloria del Signore,
    la magnificenza del nostro Dio.
    Irrobustite le mani fiacche,
    rendete salde le ginocchia vacillanti.
    Dite agli smarriti di cuore:
    «Coraggio, non temete!
    Ecco il vostro Dio,
    giunge la vendetta,
    la ricompensa divina.
    Egli viene a salvarvi».
    Allora si apriranno gli occhi dei ciechi
    e si schiuderanno gli orecchi dei sordi.
    Allora lo zoppo salterà come un cervo,
    griderà di gioia la lingua del muto,
    perché scaturiranno acque nel deserto,
    scorreranno torrenti nella steppa.
    La terra bruciata diventerà una palude,
    il suolo riarso sorgenti d’acqua.
    I luoghi dove si sdraiavano gli sciacalli
    diventeranno canneti e giuncaie.
    Ci sarà un sentiero e una strada
    e la chiameranno via santa;
    nessun impuro la percorrerà.
    Sarà una via che il suo popolo potrà percorrere
    e gli ignoranti non si smarriranno.
    Non ci sarà più il leone,
    nessuna bestia feroce la percorrerà o vi sosterà.
    Vi cammineranno i redenti.
    Su di essa ritorneranno i riscattati dal Signore
    e verranno in Sion con giubilo;
    felicità perenne splenderà sul loro capo;
    gioia e felicità li seguiranno
    e fuggiranno tristezza e pianto.

    Salmo Responsoriale Dal Salmo 84 (85)
    Ecco il nostro Dio, egli viene a salvarci.

    Ascolterò che cosa dice Dio, il Signore:
    egli annuncia la pace.
    Sì, la sua salvezza è vicina a chi lo teme,
    perché la sua gloria abiti la nostra terra.

    Amore e verità s’incontreranno,
    giustizia e pace si baceranno.
    Verità germoglierà dalla terra
    e giustizia si affaccerà dal cielo.

    Certo, il Signore donerà il suo bene
    e la nostra terra darà il suo frutto;
    giustizia camminerà davanti a lui:
    i suoi passi tracceranno il cammino.

    Canto al Vangelo
    Alleluia, alleluia.
    Ecco verrà il Signore,
    strapperà via il giogo della nostra schiavitù.
    Alleluia.

    Vangelo Lc 5, 17-26
    Oggi abbiamo visto cose prodigiose.


    Dal Vangelo secondo Luca
    Un giorno Gesù stava insegnando. Sedevano là anche dei farisei e maestri della Legge, venuti da ogni villaggio della Galilea e della Giudea, e da Gerusalemme. E la potenza del Signore gli faceva operare guarigioni.
    Ed ecco, alcuni uomini, portando su un letto un uomo che era paralizzato, cercavano di farlo entrare e di metterlo davanti a lui. Non trovando da quale parte farlo entrare a causa della folla, salirono sul tetto e, attraverso le tegole, lo calarono con il lettuccio davanti a Gesù nel mezzo della stanza.
    Vedendo la loro fede, disse: «Uomo, ti sono perdonati i tuoi peccati». Gli scribi e i farisei cominciarono a discutere, dicendo: «Chi è costui che dice bestemmie? Chi può perdonare i peccati, se non Dio soltanto?».
    Ma Gesù, conosciuti i loro ragionamenti, rispose: «Perché pensate così nel vostro cuore? Che cosa è più facile: dire “Ti sono perdonati i tuoi peccati”, oppure dire “Àlzati e cammina”? Ora, perché sappiate che il Figlio dell’uomo ha il potere sulla terra di perdonare i peccati, dico a te – disse al paralitico –: àlzati, prendi il tuo lettuccio e torna a casa tua». Subito egli si alzò davanti a loro, prese il lettuccio su cui era disteso e andò a casa sua, glorificando Dio.
    Tutti furono colti da stupore e davano gloria a Dio; pieni di timore dicevano: «Oggi abbiamo visto cose prodigiose».

Tag per Questa Discussione

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
>