Lo Staff del Forum dichiara la propria fedeltà al Magistero. Se, per qualche svista o disattenzione, dovessimo incorrere in qualche errore o inesattezza, accettiamo fin da ora, con filiale ubbidienza, quanto la Santa Chiesa giudica e insegna. Le affermazioni dei singoli forumisti non rappresentano in alcun modo la posizione del forum, e quindi dello Staff, che ospita tutti gli interventi non esplicitamente contrari al Regolamento di CR (dalla Magna Charta). O Maria concepita senza peccato prega per noi che ricorriamo a Te.
Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 13

Discussione: Pontificale Romano: Rito dell'Istituzione dei Catechisti

  1. #1
    Collaboratore di "Dottrina della Fede" L'avatar di SantoSubito
    Data Registrazione
    Sep 2008
    Località
    Padova
    Età
    30
    Messaggi
    3,361

    Pontificale Romano: Rito dell'Istituzione dei Catechisti

    Caput I
    DE INSTITUTIONE CATECHISTARUM INTRA MISSAM CELEBRANDA

    1. Ad ritum peragendum parentur:
    a) ea quæ pro Missæ celebratione necessaria sunt;
    b) Pontificale Romanum;
    c) Crux Catechistis tradenda;
    d) sedes pro Episcopo;
    e) sedes pro Catechistis instituendis, in apto presbyterii loco sic dispositæ, ut actio liturgica a fidelibus bene conspici possit;
    f) si Communio sub utraque specie distribuitur, calix sufficientis magnitudinis.

    2. Dici potest Missa pro ministris Ecclesiæ vel pro laicis, vel pro evangelizatione populorum, vel pro nova evangelizatione, mutatis, præsertim in quibusdam orationibus, genere aut numero, pro cuiusvis circumstantiæ opportunitate, cum lectionibus propriis, colore albo vel festivo adhibito.
    Opportune Episcopus instituet Catechistas in ipsa parœcia ubi perseveranter adlaboraverunt et a fidelibus cognoscuntur.
    Occurrentibus vero diebus qui sub nn. 1-9 tabulæ dierum liturgicorum recensentur, dicitur Missa de die.
    Quando Missa pro variis necessitatibus vel ad diversa non dicitur, una e lectionibus sumi potest ex iis quæ in Lectionario pro ritu institutionis proponuntur, nisi occurrat dies qui sub nn. 1-4 tabulæ dierum liturgicorum recensetur.

    3. Ritus initiales et liturgia verbi, usque ad Evangelium inclusive, fiunt more consueto.

    4. Textus qui in ritibus institutionis proponuntur aptandi sunt mutatis genere et numero.

    5. Dicto Evangelio, Episcopus sedet ad cathedram vel ad sedem aptiore loco paratam, accipit mitram et convenienter baculum. Omnibus item sedentibus, diaconus vel presbyter ad hoc deputatus candidatos vocat, dicens:
    Accédant qui [-æ] instituéndi [-æ] sunt in ministério Catechistárum.
    Candidati nominatim vocantur. Singuli autem respondent:
    Adsum.
    Et ad Episcopum accedunt, cui reverentiam faciunt et ad sedes suas redeunt.

    6. Tunc Episcopus homiliam habet, in qua tum Sacræ Scripturæ textus prolati tum ministerium Catechistæ populo illustrantur. Quam homiliam concludit his vel similibus verbis, candidatos ipsos alloquens:
    Fílii [et Fíliæ] caríssimi,
    Dóminus Iesus Christus, ante réditum suum ad Patrem, discípulis suis mandávit ut Evangélium prædicárent usque ad fines terræ. A die Pentecóstes Ecclésia, Spíritu Sancto suffúlta, hoc mandátum fidéliter implévit, omni témpore et loco, fidem tradens per innumerabílium téstium verba exemplúmque. Ipse Spíritus Ecclésiam varietáte charísmatum suórum pro commúni bono ditáre non désinit.
    Utpote partícipes múneris Christi sacerdótis, prophétæ et regis, baptizáti omnes suas partes actívas habent in Ecclésiæ vita et actióne. Aliqui, inter eos, singulárem vocatiónem accípiunt ad ministéria ab Ecclésia institúta exercitánda.
    Nunc quidem vos, qui iam assídue óperam impénditis in christiánam communitátem, ad stábile Catechístæ ministérium vocámini ut spíritum apostólicum valde alácriter vivátis, iuxta exémplum illórum virórum mulierúmque qui Paulum aliósve apóstolos adiuvérunt ad Evangélium diffundéndum.
    Ministérium vestrum in profúnda oratiónis vita semper consístat, in sana doctrína ædificétur et a germáno zelo apostólico animétur.
    Hómines longe fortásse versántes, ad Ecclésiam adducétis; in verbo Dei tradéndo, impénse cooperabímini; sensum ecclésiæ locális, cuius paroécia velut céllula est, constánter colétis.
    Fídei testes, magístri et mystagógi, cómites et pædagógi in nómine Ecclésiæ docéntes, operam vestram consociáre debébitis cum minístris ordinátis in váriis apostolátus formis, corresponsábiles missiónis a Christo Ecclésiæ commíssæ, semper paráti ad respondéndum omni poscénti vos ratiónem de ea quæ in vobis est spe.

    7. Allocutione expleta, Episcopus, dimissis baculo et mitra, surgit, omnesque cum eo. Candidati ante ipsum genua flectunt. Episcopus fideles ad orandum invitat, dicens, manibus iunctis:
    Dóminum, fratres caríssimi,
    supplíciter deprecémur,
    ut, quos [-as] ad ministérium Catechistárum elégit,
    sua benedictióne replére dignétur,
    et, grátia Baptísmi suffúltos [-as],
    ad fidéliter ministrándum in Ecclésia N. N. confírmet.
    Tunc omnes per aliquod temporis spatium in silentio orant.

    8. Deinde Episcopus, stans et manus extensas tenens, dicit super candidatos orationem benedictionis:
    Pater,
    qui partícipes missiónis Christi Fílii tui nos facis
    et multiplícibus Spíritus donis Ecclésiæ tuæ próspicis,
    bénedic + hos [has] fílios [fílias] tuos [tuas]
    ad ministérium Catechistárum eléctos [eléctas].
    Præsta, quæsumus, ut pénitus baptísmum suum vivant,
    cum pastóribus cooperántes
    in divérsis apostolátus genéribus
    ad Regnum tuum ædificándum.
    Per Christum Dóminum nostrum.
    R/. Amen.

    9. Deinde omnes sedent. Episcopus sedet et accipit mitram. Candidati surgunt et accedunt ad Episcopum, qui singulis tradit crucem, dicens:
    Accipe hoc fídei nostræ signum,
    cáthedram veritátis et caritátis Christi,
    eúmque vita, móribus et verbo annúntia.
    Catechista respondet:
    Amen.
    Interim, præsertim si multi sunt candidati, cani potest psalmus 98 vel alius cantus aptus.

    10. His expletis, Missa prosequitur more solito vel symbolo, si dicendum sit, vel oratione universali, in qua peculiares fiunt supplicationes pro Catechistis nuper institutis.

    Caput II
    DE INSTITUTIONE CATECHISTARUMCUM CELEBRATIONE VERBI DEI PERAGENDA

    11. Episcopus induere potest crucem pectoralem, stolam et pluviale coloris convenientis, super albam; aut tantum crucem et stolam super rochetum et mozetam assumere; hoc in casu non utitur mitra et baculo.

    12. Ante salutationem Episcopi, celebratio initium sumere potest antiphona vel cantu apto.

    13. Deinde Episcopus dicit:
    Orémus.
    Deus, qui minístros Ecclésiæ tuæ docuísti
    non ministrári velle, sed frátribus ministráre,
    illis, qu?sumus, concéde et in actióne sollértiam,
    et cum mansuetúdine ministérii in oratióne constántiam.
    Per Christum Dóminum nostrum.
    R/. Amen.

    14. Liturgia verbi eadem ratione ac in Missa peragitur, cantibus inter lectiones opportune insertis.

    15. Institutio Catechistarum fit modo supra, nn. 4-9.

    16. Ritus institutionis concluditur oratione universali et oratione dominica. Deinde Episcopus accipit, si ea utitur, mitram et, extendens manus, salutat populum, dicens:
    Dóminus vobíscum.
    Omnes respondent:
    Et cum spírito tuo.
    Tunc Episcopus manibus super fideles benedicendos extensis, prosequitur:
    Pax Dei, quæ exsúperat omnem sensum,
    custódiat corda vestra et intellegéntias vestras
    in sciéntia et caritáte Dei
    et Fílii eius Dómini nostri Iesu Christi.
    Omnes respondent:
    Amen.
    Tunc Episcopus, accepto, si eo utitur, baculo, dicit:
    Benedícat vos omnípotens Deus,
    ter signum crucis super populum faciens, addit:
    Pater, + et Fílius, + et Spíritus + Sanctus.
    Omnes respondent:
    Amen.
    Deinde diaconus, manibus iunctis, versus ad populum dicit:
    Ite et Ecclésiæ Dei servíte.
    Omnes respondent:
    Deo grátias.
    et recedunt.

    Caput III
    LECTIONES BIBLICÆ

    LECTIONES E VETERE TESTAMENTO
    1. Ex 3, 1-6. 9-12: «Ego ero tecum».
    In diebus illis: Pascebat Moyses oves Iethro…
    2. Is 52, 7-10: «Videbunt omnes fines terræ salutare Dei nostri».
    Quam pulchri super montes pedes annuntiantis…
    3. Sap 13, 1-9: «Si potuerunt æstimare saeculum, quomodo huius Dominum non invenerunt?».
    Vani sunt natura omnes homines…
    LECTIONES E NOVO TESTAMENTO
    1. Act 18, 23-28: «Ostendebat Apollo per Scripturas esse Christum Iesum».
    Facto Antiochiæ aliquanto tempore, profectus est Paulus perambulans ex ordine…
    2. 1 Cor 1, 22-31: «Nos prædicamus Christum crucifixum».
    Fratres: Iudæi signa petunt…
    3. Phil 4, 4-9: «Quæcumque casta, hæc cogitate».
    Fratres: Gaudete in Domino sempre…
    PSALMI RESPONSORII
    1. Ps 15, 1-2a et 5. 7-8. 11
    R/ (cf. 5a): Tu es, Domine, pars hereditatis meæ».
    2. Ps 18, 2-3. 4-5
    R/ (5a): In omnem terram exivit sonus eorum.
    3. Ps 99, 2.3.4.5.
    R/ (3c): Nos populus eius et oves pascuæ eius.
    ALLELUIA ET VERSUS ANTE EVANGELIUM
    1. Io 8, 12: Ego sum lux mundi, dicit Dominus:
    qui sequitur me, habebit lucem vitae.
    2. Io 12, 26: Si quis mihi ministrat, me sequatur, dicit Dominus:
    et ubi sum ego illic et minister meus erit.
    EVANGELIA
    1. Lc, 12, 39-48: «Omni cui multum datum est, multum quæretur ab eo».
    In illo tempore: Dixit Iesus discipulis suis: Hoc scitote…
    2. Io 12, 44-50: «Ego lux in mundum veni, ut omnis, qui credit in me, in tenebris non maneat».
    In illo tempore: Clamavit Iesus et dixit…

    Fonte
    Dirige nos, Domine, ad augusta per angusta, sic itur ad astra excelsior!

  2. #2
    Collaboratore di "Dottrina della Fede" L'avatar di SantoSubito
    Data Registrazione
    Sep 2008
    Località
    Padova
    Età
    30
    Messaggi
    3,361
    Viene di seguito pubblicata una mia traduzione di lavoro appena fatta del Rito di istituzione durante la Messa (quindi il Primo Capitolo del Rito appena pubblicato), che ovviamente non ha la pretesa di correttezza (sono bene accette correzioni a tutti i livelli e da parte di tutti) e soprattutto ribadisco sia di lavoro. Si ricorda che non può essere utilizzata, in nessuna maniera, se non per comprendere più immediatamente quello che il Rito nella Editio Typica riporta.

    1- Per il rito siano preparati:
    a- Tutto il necessario per la celebrazione della Messa
    b- Pontificale Romano
    c- La croce da consegnare ai catechisti
    d- La sede per il Vescovo
    e- La sede per il rito di istituzione dei catechisti, disposta in un luogo adatto del presbiterio così che l’azione liturgica possa essere bene vista dai fedeli
    f- Un calice di sufficiente grandezza, se è distribuita la comunione sotto entrambe le specie.

    2-
    Si può dire la messa per i ministri della Chiesa o per i laici, o per l’evangelizzazione dei popoli, o per la nuova evangelizzazione, mutando genere e numero se è necessario in ogni orazione, con le proprie letture, utilizzando il colore bianco o festivo.
    Opportunamente il Vescovo istituisca i catechisti nella stessa parrocchia dove hanno lavorato con costanza e sono conosciuti dai fedeli.
    Se ricorrono i giorni 1-9 della tabella dei giorni liturgici, si dice la messa del giorno.

    Quando non si dice la messa per varie necessità o ad diversa, una delle due si letture può prendere dal lezionario proposto nel rito dell’istituzione, a meno che non ricorrano i giorni 1-4 della tabella delle precedenze liturgiche.

    3- I riti iniziali e la Liturgia della Parola, fino al Vangelo incluso, si svolgono nel modo consueto.

    4- Il testo che è qui proposto può essere adattato mutando genere e numero.

    5- Proclamato il Vangelo, il Vescovo siede alla Cattedra o alla sede preparata nel luogo migliore, assume la mitria e convenientemente il pastorale. Tutti siedono; il diacono o il presbitero deputato chiama i candidati, dicendo:

    Si presentino coloro che devono essere istituiti al ministero del catechista.

    I candidati sono chiamati per nome. I singoli rispondono: Eccomi.
    E si presentano al Vescovo, al quale fanno la reverenza e ritornano al loro posto.

    6- Allora il Vescovo tiene l’omelia, nella quale vengono illustrati al popolo i testi della sacra scrittura proclamati per il ministero del catechista. Conclusa l’omelia, con queste o simili parole, si rivolge ai candidati:

    Figli [e figlie] carissimi,

    Il Signore Gesù Cristo, prima del suo ritorno al Padre, comandò ai suoi discepoli di predicare il Vangelo fino ai confini della terra. Dal giorno di Pentecoste, la Chiesa, sorretta dallo Spirito Santo, ha fedelmente adempiuto questo comando, in ogni tempo e luogo, consegnando la fede e l'esempio attraverso le parole di innumerevoli testimoni. Lo stesso Spirito non cessa di arricchire la Chiesa con la varietà dei suoi carismi per il bene comune.

    Come partecipi del dono di Cristo sacerdote, profeta e re, tutti i battezzati hanno il loro ruolo attivo nella vita e nell'attività della Chiesa. Alcuni, tra loro, ricevono una chiamata speciale dalla Chiesa per la formazione nei ministeri.

    Ora infatti voi, che siete già dediti al lavoro quotidiano nella comunità cristiana, siete chiamati al ministero stabile dei catechisti, a vivere con grande gioia il ministero degli Apostoli, secondo l'esempio di quegli uomini e quelle donne che aiutarono Paolo e altri apostoli per diffondere il Vangelo.

    Il vostro ministero dovrebbe sempre stare nel profondo della vita di preghiera, sia esso costruito su un sano insegnamento ed essere incoraggiato da un autentico zelo apostolico.

    Condurrete alla Chiesa uomini che abitano lontano; nel trasmettere la parola di Dio, lavorerete insieme seriamente; coltiverete costantemente il senso della chiesa locale, la cui parrocchia è come una cellula vitale.

    Come testimoni della fede, maestri e mistagoghi, insegnando come compagni e pedagoghi in nome della Chiesa, collaborerete nella vostra opera con i ministri ordinati nelle varie forme di apostolato, corresponsabili nella missione consegnata da Cristo alla Chiesa, sempre pronti a rispondere a tutti coloro che vi domandino ragione della speranza che è in voi.


    7- Terminata l’allocuzione, il Vescovo lasciato il pastorale e tolta la mitria, si alza. Tutti si alzano con lui. I candidati si mettono in ginocchio davanti a lui. Il Vescovo invita i fedeli a pregare, dicendo a mani giunte:

    Fratelli carissimi,
    preghiamo umilmente il Signore
    perché si degni di ricolmare della sua benedizione
    coloro che ha eletto al ministero dei catechisti,
    e sostenuti dalla grazia del Battesimo
    confermi la fedeltà del ministero nella Chiesa N.N.


    Allora tutti pregano in silenzio per un breve tempo.

    8- Allora il Vescovo, in piedi e allargando le braccia, dice sui candidati l’orazione di benedizione:

    Padre,
    che ci fai partecipi della missione del Cristo tuo Figlio
    e doni alla tua Chiesa molteplici doni dello Spirito,
    benedici + questi tuoi figli (queste tue figlie)
    eletti al ministero del Catechista.
    Concedi, ti supplichiamo, che vivano interamente nel loro battesimo,
    lavorando con i pastori
    nei diversi tipi di apostolato
    per edificare il tuo regno.
    Per Cristo nostro Signore.


    9- Tutti siedono. Il Vescovo siede e assume la mitria. I candidati si alzano e si avvicinano al Vescovo, che a ciascuno consegna la croce dicendo:

    Ricevi questo segno della nostra fede,
    cattedra di verità e di carità di Cristo,
    e annunzia la sua vita, i suoi gesti e la sua parola.

    Il Catechista risponde: Amen.
    Durante la consegna, se i candidati sono molti, si può cantare il salmo 98 o un altro canto adatto.

    10- Terminato ciò, la Messa prosegue nel modo solito o con il Simbolo se deve essere detto, o con la preghiera dei fedeli, nella quale si facciano particolari suppliche per i catechisti appena istituiti.
    Ultima modifica di SantoSubito; 13-12-2021 alle 15:48
    Dirige nos, Domine, ad augusta per angusta, sic itur ad astra excelsior!

  3. #3
    Fedelissimo di CR L'avatar di Verbum Domini
    Data Registrazione
    Jul 2020
    Località
    Casa mia
    Età
    19
    Messaggi
    4,974
    Fatemi capire una cosa... io che sono catechista dal 2016 e rinnovo il mandato ogni anno, devo essere "ammesso" dal Vescovo?
    «Perché cercate tra i morti colui che è vivo? Non è qui, è risorto!»

  4. #4
    Moderatore Globale L'avatar di Vox Populi
    Data Registrazione
    Apr 2006
    Località
    casa mia
    Messaggi
    60,959
    La Lettera della Congregazione per il Culto Divino e la Disciplina dei Sacramenti ai Presidenti delle Conferenze dei Vescovi sul Rito di istituzione dei Catechisti, afferma quanto segue:

    3. La “stabilità” del ministero di Catechista è analoga a quella degli altri ministeri istituiti. Definire tale ministero come stabile, oltre ad esprimere il fatto che nella Chiesa esso è “stabilmente” presente, significa anche affermare che i laici che abbiano l’età e le doti determinate con decreto dalla Conferenza Episcopale, possono essere assunti in modo stabile (come i Lettori e gli Accoliti) al ministero di Catechista: ciò avviene mediante il rito di istituzione che, pertanto, non può essere ripetuto. Tuttavia, l’esercizio del ministero può e deve essere regolato nella durata, nel contenuto e nelle modalità dalle singole Conferenze Episcopali secondo le esigenze pastorali.

    Non mi è chiara una cosa: il rito di istituzione va compiuto una volta sola, questo è chiaro. Però, dato che si parla di esercizio del ministero che va regolato nella durata, nel contenuto e nelle modalità, qualora, per giustificati motivi, il catechista istituito interrompesse per un certo periodo di tempo il suo ministero e poi volesse riprenderlo, non essendo più possibile ripetere il rito di istituzione dovrebbe ricevere un nuovo mandato secondo il rito del Benedizionale?
    «Sicut dilexi vos, ut et vos diligatis invicem».
    (Io. 13,34)

  5. #5
    Collaboratore di "Dottrina della Fede" L'avatar di SantoSubito
    Data Registrazione
    Sep 2008
    Località
    Padova
    Età
    30
    Messaggi
    3,361
    Citazione Originariamente Scritto da Verbum Domini Visualizza Messaggio
    Fatemi capire una cosa... io che sono catechista dal 2016 e rinnovo il mandato ogni anno, devo essere "ammesso" dal Vescovo?
    Non necessariamente. Leggiti la lettera di accompagnamento al Rito della Congregazione per il Culto Divino che ha pubblicato Vox nella sezione "Catechismo".
    Dirige nos, Domine, ad augusta per angusta, sic itur ad astra excelsior!

  6. #6
    Collaboratore di "Dottrina della Fede" L'avatar di SantoSubito
    Data Registrazione
    Sep 2008
    Località
    Padova
    Età
    30
    Messaggi
    3,361
    Citazione Originariamente Scritto da Vox Populi Visualizza Messaggio
    La Lettera della Congregazione per il Culto Divino e la Disciplina dei Sacramenti ai Presidenti delle Conferenze dei Vescovi sul Rito di istituzione dei Catechisti, afferma quanto segue:
    3. La “stabilità” del ministero di Catechista è analoga a quella degli altri ministeri istituiti. Definire tale ministero come stabile, oltre ad esprimere il fatto che nella Chiesa esso è “stabilmente” presente, significa anche affermare che i laici che abbiano l’età e le doti determinate con decreto dalla Conferenza Episcopale, possono essere assunti in modo stabile (come i Lettori e gli Accoliti) al ministero di Catechista: ciò avviene mediante il rito di istituzione che, pertanto, non può essere ripetuto. Tuttavia, l’esercizio del ministero può e deve essere regolato nella durata, nel contenuto e nelle modalità dalle singole Conferenze Episcopali secondo le esigenze pastorali.

    Non mi è chiara una cosa: il rito di istituzione va compiuto una volta sola, questo è chiaro. Però, dato che si parla di esercizio del ministero che va regolato nella durata, nel contenuto e nelle modalità, qualora, per giustificati motivi, il catechista istituito interrompesse per un certo periodo di tempo il suo ministero e poi volesse riprenderlo, non essendo più possibile ripetere il rito di istituzione dovrebbe ricevere un nuovo mandato secondo il rito del Benedizionale?
    Non saprei. Dipendesse da me, chiederei al catechista in aspettativa () di accodarsi al mandato pubblico che pure viene chiesto nella medesima lettera per tutti quelli che non sono istituiti ma che prestano servizio come catechisti "de facto".
    Cfr. n. 9 della Lettera

    È, piuttosto, assolutamente conveniente che tutti costoro ricevano all’inizio di ogni anno catechistico un pubblico mandato ecclesiale con il quale viene loro affidata tale indispensabile funzione
    E anche su questo argomento, se ne sentiranno delle belle: "Io sono catechista"; "Io pure, ma con l'istituzione"; "Ma io ho più anni di esperienza"...etc.
    Dirige nos, Domine, ad augusta per angusta, sic itur ad astra excelsior!

  7. #7
    Campione di Passaparola di Cattolici Romani L'avatar di Gerensis
    Data Registrazione
    Jan 2011
    Località
    Casa
    Età
    50
    Messaggi
    8,448
    Segnalo la pubblicazione in pdf del rito d'istituzione (in latino) sul sito della CCDDS:
    http://www.cultodivino.va/content/cu...um/latino.html

  8. #8
    Moderatore Globale L'avatar di Vox Populi
    Data Registrazione
    Apr 2006
    Località
    casa mia
    Messaggi
    60,959
    Uno dei primi vescovi (se non il primo in assoluto) ad utilizzare il nuovo rito sarà Papa Francesco, il quale conferirà il ministero di catechista (e anche quello del lettorato) il prossimo 23 gennaio, Domenica della Parola di Dio:
    http://www.pcpne.va/content/pcpne/it...1392063649.jpg

    Dato che, almeno per ora, la traduzione ufficiale in lingua italiana a cura della CEI non è ancora stata pubblicata, vedremo se verrà utilizzata l'editio typica latina oppure se verrà effettuata una traduzione ad hoc da parte dell'Ufficio delle Celebrazioni del Sommo Pontefice (magari Mons. Ravelli frequenta il forum e adotterà la traduzione del nostro SantoSubito ).
    «Sicut dilexi vos, ut et vos diligatis invicem».
    (Io. 13,34)

  9. #9
    Collaboratore di "Dottrina della Fede" L'avatar di SantoSubito
    Data Registrazione
    Sep 2008
    Località
    Padova
    Età
    30
    Messaggi
    3,361
    Citazione Originariamente Scritto da Vox Populi Visualizza Messaggio
    Uno dei primi vescovi (se non il primo in assoluto) ad utilizzare il nuovo rito sarà Papa Francesco, il quale conferirà il ministero di catechista (e anche quello del lettorato) il prossimo 23 gennaio, Domenica della Parola di Dio:http://www.pcpne.va/content/pcpne/it...1392063649.jpgDato che, almeno per ora, la traduzione ufficiale in lingua italiana a cura della CEI non è ancora stata pubblicata, vedremo se verrà utilizzata l'editio typica latina oppure se verrà effettuata una traduzione ad hoc da parte dell'Ufficio delle Celebrazioni del Sommo Pontefice (magari Mons. Ravelli frequenta il forum e adotterà la traduzione del nostro SantoSubito ).
    Mons. Ravelli, da bravo Dottore in Liturgia quale è, spero non guardi nemmeno quella sottospecie di traduzione di bassa lega
    Dirige nos, Domine, ad augusta per angusta, sic itur ad astra excelsior!

  10. #10
    Collaboratore di "Dottrina della Fede" L'avatar di SantoSubito
    Data Registrazione
    Sep 2008
    Località
    Padova
    Età
    30
    Messaggi
    3,361
    Viene di seguito pubblicata una mia traduzione di lavoro appena fatta del Rito di istituzione durante la Liturgia della Parola (quindi il Secondo Capitolo del Rito appena pubblicato), che ovviamente non ha la pretesa di correttezza (sono bene accette correzioni a tutti i livelli e da parte di tutti) e soprattutto ribadisco sia di lavoro. Si ricorda che non può essere utilizzata, in nessuna maniera, se non per comprendere più immediatamente quello che il Rito nella Editio Typica riporta.

    11. Il Vescovo può indossare sul camice la croce pettorale, la stola e il piviale del colore adatto; oppure può indossare la croce e la stola sopra rocchetto e mozzetta. In questo caso non si usano mitria e pastorale.

    12. Prima del saluto liturgico del Vescovo, la Celebrazione può avere inizio con una antifona o un canto adatto.


    13. Quindi il Vescovo dice:
    Preghiamo.
    O Dio, che ai ministri della tua Chiesa
    insegni non a essere serviti ma a servire i fratelli,
    concedi loro di essere instancabili nell’azione,
    miti nel servizio,
    perseveranti nella preghiera.
    Per Cristo nostro Signore
    *. (Colletta della Messa per i Ministri della Chiesa, con conclusione breve)
    R/. Amen.

    14. La Liturgia della Parola avviene come per la Messa, con i canti tra le letture inseriti opportunamente.

    15. L'istituzione dei Catechisti avviene come sopra, numeri 4-9.

    16. Il Rito di istituzione si conclude con la preghiera universale e la preghiera del Signore. Quindi il Vescovo assume, se si è usata, la mitria e allargando le braccia saluta il popolo dicendo:
    Il Signore sia con voi.
    Tutti rispondono:
    E con il tuo spirito.
    Allora il Vescovo, con le mani stese sui fedeli da benedire, prosegue:

    La pace di Dio, che supera ogni intelligenza,
    custodisca i vostri cuori e le vostre menti
    nella conoscenza e nell’amore del Padre
    e del suo Figlio, il Signore nostro Gesù Cristo
    *. (Benedizione solenne "Nel Tempo Ordinario II")

    Tutti rispondono:
    Amen.

    Allora il Vescovo, ricevuto il pastorale, se lo si è usato, dice:
    Vi benedica Dio Onnipotente
    facendo tre segni di croce sul popolo, aggiunge:
    Padre + e Figlio + e Spirito + Santo.
    Tutti rispondono:
    Amen.

    Allora il Diacono, con le mani giunte, verso il popolo dice:

    Andate e servite la Santa* Chiesa di Dio. (Ho tradotto di proposito in più l'aggettivo Santa, per licenza poetica)
    Tutti rispondono:
    Rendiamo grazie a Dio.

    E si scioglie l'assemblea.

    Ultima modifica di SantoSubito; 09-01-2022 alle 22:42
    Dirige nos, Domine, ad augusta per angusta, sic itur ad astra excelsior!

Tag per Questa Discussione

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
>