Lo Staff del Forum dichiara la propria fedeltà al Magistero. Se, per qualche svista o disattenzione, dovessimo incorrere in qualche errore o inesattezza, accettiamo fin da ora, con filiale ubbidienza, quanto la Santa Chiesa giudica e insegna. Le affermazioni dei singoli forumisti non rappresentano in alcun modo la posizione del forum, e quindi dello Staff, che ospita tutti gli interventi non esplicitamente contrari al Regolamento di CR (dalla Magna Charta). O Maria concepita senza peccato prega per noi che ricorriamo a Te.
Pagina 108 di 122 PrimaPrima ... 85898106107108109110118 ... UltimaUltima
Risultati da 1,071 a 1,080 di 1213

Discussione: Le nomine di Papa Francesco

  1. #1071
    Nuovo iscritto
    Data Registrazione
    Jul 2022
    Località
    Arcidiocesi di Milano
    Età
    37
    Messaggi
    16
    Citazione Originariamente Scritto da cisnusculum Visualizza Messaggio
    Leggendo l'articolo della Praedicate Evangelium relativo alla struttura del Dicastero per la dottrina della Fede, avevo inteso che il dicastero fosse diviso in due sezioni e ogni sezione avesse i relativi superiori (Segretario, Sottosegretario ed eventuali aggiunti).



    Leggendo il profilo sia sul vecchio sito:
    https://www.vatican.va/roman_curia/c...071997_it.html

    sia sul nuovo sito:
    https://www.vatican.va/content/roman...struttura.html

    entrambi aggiornati di recente (anche se è scritto in attesa di aggiornamenti, è già stato aggiunto il sottosegretario nominato dopo l'entrata in vigore della riforma), si dedurrebbe che solo i Segretari sono specificatamente nominati in una delle due sezioni, mentre il Sottosegretario e il Promotore di Giustizia sono "sovrasezionali". Quindi il dicastero non è composto da due sezioni, ma, da alcune strutture comuni e comprende anche due sezioni specifiche. Sinceramente faccio fatica a capire come possa un grado gerarchico inferiore (il sottosegretario) fare parte di una struttura superiore (il dicastero nel suo complesso) rispetto a quella a cui sono a capo di suoi diretti superiori (la sezione).
    Tra l'altro, rileggendo ex-post l'articolo, parrebbe che i segretari siano necessariamente due mentre il sottosegretario sia comunque uno solo. Infatti ci chiedevamo allora come mai non fosse stata specificata la sezione di appartenenza di Mons. Cuberlié. La risposta sembrerebbe quindi che non c'è una sezione per il sottosegretario, che si occupa di tutto. Quindi, l'altra domanda ossia se Mons. Cubelié sostituisse Mons. Visioli o meno, direi che ha risposta nel fatto che Mons. Visioli non è più contemplato nella struttura. Quindi Mons. Curbelié è l'unico Sottosegretario e Mons. Visioli è presumibilmente tornato in diocesi.

    Volendo ci sarebbe l'ulteriore complicazione dei Segretari aggiunti che sembrerebbero ancora in carica ma senza sezione assegnata. Credo e spero che questo sia dovuto solo al fatto che al tempo della nomina non ci fossero le sezioni distinte e che Mons. Di Noia e Mons. Scicluna non siano mai stati assegnati ad una sezione. E' da sperare che eventuali futuri Segretari Aggiunti lo siano solo per una sezione, altrimenti sarebbe ancora più assurdo che per il sottosegretario il fatto di avere un aggiunto che abbia più competenze dell'ordinario.

    Come annunciato ieri dal Vescovo di Parma (https://www.diocesi.parma.it/diocesi...-2&Itemid=1948), don Matteo Visioli è stato nominato parroco delle Parrocchie della Assunzione di Maria Vergine in Fornovo, San Giovanni Battista in Riccò-Vizzola, San Michele in Piantonia e Santa Maria Maddalena in Respiccio e Moderatore della Nuova Parrocchia n. 45 di Santa Maria Assunta. Quindi è confermato quanto dici tu, circa il rientro di mons. Visioli.

  2. #1072
    Veterano di CR L'avatar di Card.Luciani
    Data Registrazione
    Apr 2007
    Località
    (RM)
    Messaggi
    1,589
    Citazione Originariamente Scritto da Card.Bellarmino Visualizza Messaggio
    Come annunciato ieri dal Vescovo di Parma (https://www.diocesi.parma.it/diocesi...-2&Itemid=1948), don Matteo Visioli è stato nominato parroco delle Parrocchie della Assunzione di Maria Vergine in Fornovo, San Giovanni Battista in Riccò-Vizzola, San Michele in Piantonia e Santa Maria Maddalena in Respiccio e Moderatore della Nuova Parrocchia n. 45 di Santa Maria Assunta. Quindi è confermato quanto dici tu, circa il rientro di mons. Visioli.
    Se non sbaglio, ha terminato il servizio quinquennale. È bene che rientri in diocesi..
    In necessariis unitas, in dubiis libertas, in omnibus charitas!

  3. #1073
    Cronista di CR L'avatar di Laudato Si’
    Data Registrazione
    Jan 2020
    Località
    Bergamo.
    Messaggi
    21,726
    Rinunce e nomine, 20.08.2022


    Rinuncia e nomina del Vescovo dell’Eparchia di Newton dei Greco-Melkiti (U.S.A.)

    Il Santo Padre ha accettato la rinuncia al governo pastorale dell’Eparchia di Newton dei Greco-Melkiti (U.S.A.) presentata da S.E.R. Nicholas James Samra.

    Il Santo Padre ha nominato Vescovo dell’Eparchia di Newton dei Greco-Melkiti il Rev.do François Beyrouti, del clero della medesima Eparchia, finora Parroco della Holy Cross Melkite Catholic Church a Placentia, California.

    Curriculum vitae

    S.E.R. François Beyrouti è nato il 3 luglio 1971 a Hadath-Beirut, Libano. Dopo essere emigrato con la famiglia in Canada, a Vancouver, British Columbia, ha frequentato la Saint Thomas Aquinas Catholic High School. Dal 1989 al 1993 ha studiato nel Seminario Christ the King a Mission, B.C.. Ha conseguito la Laurea e il Dottorato in Teologia Biblica presso la Saint Paul University di Ottawa, Ontario.

    È stato ordinato sacerdote il 4 ottobre 1998 per l’Eparchia Saint-Sauveur de Montréal dei Greco-Melkiti. Successivamente è stato Vice-Parroco della Saints Peter and Paul Catholic Church, ad Ottawa, Membro del Collegio dei Consultori e Incaricato della pastorale giovanile.

    Nel dicembre 2011 si è incardinato nell’Eparchia di Newton dei Greco-Melkiti, dove è stato eletto Membro nel Consiglio Presbiterale e nominato Parroco della Holy Cross Melkite Catholic Church a Placentia, California.

    Oltre all’inglese conosce il francese, il tedesco e l’arabo.

    [01213-IT.01]


    [Fonte, dal Bollettino quotidiano del: 20.08.2022 della Sala Stampa della Santa Sede].
    Ultima modifica di Laudato Si’; 20-08-2022 alle 11:09
    «Ci raduni, Signore, intorno alla mensa, ci doni di tornare al gusto del pane:
    frutto della terra, segno del Tuo Amore, che diffonde il profumo del lavoro dell’uomo».



  4. #1074
    Cronista di CR L'avatar di Laudato Si’
    Data Registrazione
    Jan 2020
    Località
    Bergamo.
    Messaggi
    21,726
    Dalle Chiese Orientali, 20.08.2022


    […].

    Elezione dell’Arcivescovo di Tyr dei Greco-Melkiti (Libano)

    Il Santo Padre ha posto termine all’ufficio dell’Amministratore Apostolico sede vacante dell’Arcieparchia di Tyr dei Greco-Melkiti (Libano) di S.E.R. Elie Béchara Haddad, B.S., Arcivescovo di dei Greco-Melkiti.

    Il Sinodo dei Vescovi della Chiesa Patriarcale di Antiochia dei Greco-Melkiti ha eletto Arcivescovo di Tyr dei Greco-Melkiti il Rev. Georges Iskandar, B.S., finora Superiore del Convento di Sant’Elia di Zahle.

    Curriculum vitae

    S.E.R. Georges Iskandar è nato il 4 febbraio 1968 ad Ain El Mir, Jezzine (Libano). Dopo aver conseguito un Baccalaureato in Matematica e un Diploma in Gestione Informatica presso l’Università Statale, è entrato nell’Ordine Basiliano Salvatoriano. Ha seguito i corsi istituzionali in Filosofia e Teologia all’Università Saint Esprit di Kaslik e ha ottenuto la Licenza in Diritto Canonico alla Saint Paul University di Ottawa.

    Ordinato sacerdote l’11 luglio 1998, dopo il periodo di studio in Canada dove ha collaborato nella Parrocchia Saints Peter and Paul di Ottawa (1999-2003), è ritornato in Libano, dove è stato nominato Rettore del Seminario Minore dell’Ordine e della scuola di Joun ed in seguito Responsabile del Foyer de l’Amitié a Zahlé.

    È stato inoltre Vicario Generale dell’Ordine e dal 2007 Presidente del Tribunale Unificato Greco-Melkita.

    Oltre all’arabo, parla l’inglese e il francese.

    [01212-IT.01]

    Elezione del Vescovo dell’Eparchia di Kamichlié degli Armeni (Siria)

    Il Santo Padre ha posto termine all’ufficio di Amministratore Apostolico sede vacante et ad nutum Sanctae Sedis dell’Eparchia di Kamichlié degli Armeni (Siria) di S.E.R. Boutros Marayati, Arcivescovo di Aleppo degli Armeni.

    Il Sinodo della Chiesa Patriarcale di Cilicia degli Armeni ha eletto Vescovo dell’Eparchia di Kamichlié degli Armeni il Rev.do Antranig Ayvazian, del clero della medesima circoscrizione, finora Parroco di Saint-Joseph di Kamichlié e Cappellano della Chiesa Sainte-Famille di Hassaké.

    Curriculum vitae

    S.E.R. Antranig Ayvazian è nato il 29 agosto 1947 a Hassaké (Siria) ed è entrato nel Seminario di Bzommar, in Libano, seguendo gli studi presso l’Università Saint-Joseph a Beirut e alla Pontificia Università Gregoriana a Roma.

    Ordinato sacerdote il 18 marzo 1972 per l’Eparchia di Kamichlié, ha svolto il proprio ministero tra l’Eparchia e le Parrocchie di Hassaké e di Deir-el-Zor. Nel 1984 è stato nominato Arciprete. Ha fondato alcune realtà per l’assistenza pastorale dei giovani e dei disabili. È stato Direttore di scuole parrocchiali e annualmente tiene corsi come Professore Invitato alla Yerevan State University (Armenia). Ha fondato il Santuario Saint-Georges a Hayko-Derbassie ed è il Direttore di Radio Maria Armenia.

    Oltre all’arabo e all’armeno parla il francese e l’italiano.

    [01214-IT.01]

    [B0603-XX.01]


    [Fonte, dal Bollettino quotidiano del: 20.08.2022 della Sala Stampa della Santa Sede].
    Ultima modifica di Laudato Si’; 20-08-2022 alle 11:08
    «Ci raduni, Signore, intorno alla mensa, ci doni di tornare al gusto del pane:
    frutto della terra, segno del Tuo Amore, che diffonde il profumo del lavoro dell’uomo».



  5. #1075
    Nuovo iscritto
    Data Registrazione
    Jul 2022
    Località
    Arcidiocesi di Milano
    Età
    37
    Messaggi
    16
    Citazione Originariamente Scritto da Laudato Si’ Visualizza Messaggio
    Dalle Chiese Orientali, 20.08.2022


    Elezione del Vescovo dell’Eparchia di Kamichlié degli Armeni (Siria)

    Il Santo Padre ha posto termine all’ufficio di Amministratore Apostolico sede vacante et ad nutum Sanctae Sedis dell’Eparchia di Kamichlié degli Armeni (Siria) di S.E.R. Boutros Marayati, Arcivescovo di Aleppo degli Armeni.

    Il Sinodo della Chiesa Patriarcale di Cilicia degli Armeni ha eletto Vescovo dell’Eparchia di Kamichlié degli Armeni il Rev.do Antranig Ayvazian, del clero della medesima circoscrizione, finora Parroco di Saint-Joseph di Kamichlié e Cappellano della Chiesa Sainte-Famille di Hassaké.
    Per chi si lamenta dei tempi lunghi nelle nomine dei Vescovi italiani, questa sede era vacante dal 1992...

  6. #1076
    CierRino di diamante L'avatar di Servus Servorum
    Data Registrazione
    Dec 2009
    Località
    Aggius (SS) e Assisi (PG)
    Età
    48
    Messaggi
    17,245
    Citazione Originariamente Scritto da Card.Bellarmino Visualizza Messaggio
    Per chi si lamenta dei tempi lunghi nelle nomine dei Vescovi italiani, questa sede era vacante dal 1992...
    Si, ma a che pro nominare un 75enne? In pratica deve presentare le dimissioni di rito già prima di prendere possesso dell'ufficio!
    Possibile che non c'era qualcuno più giovane e quindi con una prospettiva di lavoro più lunga?
    Pace e Bene!

  7. #1077
    Partecipante a CR L'avatar di Doctor Subtilis
    Data Registrazione
    Sep 2021
    Località
    Agrigento
    Messaggi
    645
    Citazione Originariamente Scritto da Servus Servorum Visualizza Messaggio
    Si, ma a che pro nominare un 75enne? In pratica deve presentare le dimissioni di rito già prima di prendere possesso dell'ufficio!
    Possibile che non c'era qualcuno più giovane e quindi con una prospettiva di lavoro più lunga?
    Per le Chiese Orientali non c'è il limite dei 75 anni come per quelle Latine
    In spiritu et veritate oportet adorare.

  8. #1078
    Moderatore Globale L'avatar di Vox Populi
    Data Registrazione
    Apr 2006
    Località
    casa mia
    Messaggi
    61,573
    Citazione Originariamente Scritto da Doctor Subtilis Visualizza Messaggio
    Per le Chiese Orientali non c'è il limite dei 75 anni come per quelle Latine
    Non c'è il limite di età per i Patriarchi e gli Arcivescovi maggiori (ovviamente entrambi possono presentare rinuncia per salute o altra grave causa).
    Per i Vescovi eparchiali, invece, sussiste la presentazione della rinuncia al compimento dei settantacinque anni, a norma del Can. 210 del CCEO.
    Oboedientia et Pax

  9. #1079
    CierRino di diamante L'avatar di Servus Servorum
    Data Registrazione
    Dec 2009
    Località
    Aggius (SS) e Assisi (PG)
    Età
    48
    Messaggi
    17,245
    Citazione Originariamente Scritto da Doctor Subtilis Visualizza Messaggio
    Per le Chiese Orientali non c'è il limite dei 75 anni come per quelle Latine
    Capisco, però sempre 75 anni sono e non penso che un prelato delle Chiese Orientali a quell'età sia più fresco e performante di uno della Chiesa Latina. Sarebbe il caso di svecchiare anziché perpetuare questa gerontocrazia!
    Pace e Bene!

  10. #1080
    CierRino
    Data Registrazione
    Apr 2012
    Località
    Italia
    Messaggi
    5,382
    Citazione Originariamente Scritto da Card.Bellarmino Visualizza Messaggio
    Per chi si lamenta dei tempi lunghi nelle nomine dei Vescovi italiani, questa sede era vacante dal 1992...
    Sono eparchie con pochissimi preti e fedeli. Non si possono paragonare a quelle italiane, che pure soffrono la crisi di vocazioni e la secolarizzazione.

Tag per Questa Discussione

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
>