Lo Staff del Forum dichiara la propria fedeltà al Magistero. Se, per qualche svista o disattenzione, dovessimo incorrere in qualche errore o inesattezza, accettiamo fin da ora, con filiale ubbidienza, quanto la Santa Chiesa giudica e insegna. Le affermazioni dei singoli forumisti non rappresentano in alcun modo la posizione del forum, e quindi dello Staff, che ospita tutti gli interventi non esplicitamente contrari al Regolamento di CR (dalla Magna Charta). O Maria concepita senza peccato prega per noi che ricorriamo a Te.
Pagina 1 di 3 123 UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 23

Discussione: Cronaca dell'Arcidiocesi Metropolitana Ravenna-Cervia - Anno 2022

  1. #1
    Cronista di CR L'avatar di Carpense
    Data Registrazione
    Nov 2014
    Località
    Carpi
    Messaggi
    3,009

    Cronaca dell'Arcidiocesi Metropolitana Ravenna-Cervia - Anno 2022

    ARCIDIOCESI DI RAVENNA-CERVIA
    (Ravennatensis - Cervensis)



    Circoscrizione ecclesiastica eretta con Decreto della Congregazione per i Vescovi in data 30.09.1986


    ORIGINE:

    Ravenna II-III sec.; Sede Metropolitana nel V sec.
    Cervia VI sec.
    Attuale Circoscrizione 30.09.1986
    Provincia Ecclesiastica Ravenna-Cervia

    Santi Patroni dell'Arcidiocesi:
    S. APOLLINARE (23 luglio)
    S. PATERNIANO (13 novembre)
    S. PIETRO CRISOLOGO (30 luglio)
    MADONNA GRECA (giovedì dopo la II domenica di Pasqua)
    MADONNA DEL PINO (martedì dopo la II domenica di Pasqua)

    Superficie in kmq: 1.185 Abitanti: 219.524

    Parrocchie: 89

    Numero dei sacerdoti secolari: 74

    Numero dei sacerdoti regolari: 22

    Numero dei diaconi permanenti: 12
    Virtus ex Alto

  2. #2
    Cronista di CR L'avatar di Carpense
    Data Registrazione
    Nov 2014
    Località
    Carpi
    Messaggi
    3,009

    Cronotassi dei vescovi di Ravenna:

    ARCIDIOCESI DI RAVENNA-CERVIA

    (Ravennatensis - Cervensis)


    CRONOTASSI DEI VESCOVI DI RAVENNA:

    Sant'Apollinare †
    Aderito †
    Sant'Eleucadio †
    Marciano †
    San Calogero †
    Procolo †
    San Probo I †
    Dato †
    Liberio I †
    Agapito †
    Marcellino †
    San Severo † (circa 308 - 344/346)
    Liberio II †
    Probo II †
    Fiorenzo †
    Liberio III † (circa 380 - ?)
    Sant'Orso † (primo quarto del V secolo)
    San Pietro I Crisologo † (433 - 450)
    Neone † (menzionato nel 458)
    Sant'Esuperanzio † (dopo il 458 - maggio 477 deceduto)
    Giovanni I Angelopte † (luglio 477 - 5 giugno 494 deceduto)
    Pietro II † (15 settembre 494 - 519 deceduto)
    Uvimundo † (menzionato nel 514 circa) (vescovo ariano)

    Celio Aureliano † (519 - 26 maggio 521 deceduto)
    San Celio Ecclesio † (febbraio 522 - 27 luglio 532/533 deceduto)
    Ursicino † (febbraio 533 - 5 settembre 536 deceduto)
    Vittore † (538 - 15 febbraio 545 o 546 deceduto)
    Massimiano † (14 ottobre 546 - 22 febbraio 556 deceduto)
    Agnello † (22 giugno 556 - 1º agosto 569 o 570 deceduto)
    Pietro III † (settembre 569 o 570 - 17 agosto 578 deceduto)
    Giovanni II[28] † (4 dicembre 578 - 11 gennaio 595 deceduto)
    Mariniano[29] (o Mauriano)[30] † (prima del 5 luglio 595 - 23 ottobre o novembre 606 deceduto)
    Giovanni III † (607 - 22 agosto 625 deceduto)
    Giovanni IV † (625 - 631)
    Bono † (631 - 25 agosto 642 deceduto)
    Mauro[31] † (dicembre 642 - ottobre 671 deceduto)
    Reparato † (ottobre 671 - 30 giugno 677 deceduto)
    Teodoro † (settembre 677 - 18 gennaio 691 deceduto)
    Damiano[32] † (febbraio 692 - 13 maggio 708 deceduto)
    San Felice † (31 marzo 709 - 25 novembre 725 deceduto)
    Giovanni V[33] † (726 - 744)
    Sergio † (744 - 25 agosto 769 deceduto)
    Michele † (antivescovo)[34]

    Leone I[13] † (770 - 14 febbraio 777 deceduto)
    Giovanni VI † (777 - 784)
    Grazioso † (784 - 23 febbraio 789 deceduto)
    San Valerio † (789 - 15 marzo 810 deceduto)
    Martino[35] † (giugno 810 - 10 novembre 818 deceduto)
    Petronace † (prima del 19 luglio 819 - 13 marzo 837 deceduto)
    Giorgio[15] † (prima del 1º maggio 838 - 20 gennaio 846 deceduto)
    Deusdedit † (846 - fine 849)
    Giovanni VII[36] † (prima di aprile 850 - fine 878 deceduto)
    Romano di Calcinaria † (ottobre 878 - fine 888 deceduto)
    Domenico Ublatella † (fine 889 - fine 897 deceduto)
    Giovanni VIII Kailone † (inizio 898 - fine 904)
    Giovanni IX da Tossignano † (fine 904 - marzo 914, eletto papa con il nome di Giovanni X)
    Costantino † (giugno 914 - fine 926 deceduto)
    Pietro IV † (927 - aprile 971 dimesso)
    Onesto I † (971 - 983 deceduto)
    San Giovanni X da Besate † (metà del 983 - dopo l'8 aprile 998 dimesso)
    Gerberto da Aurillac † (prima del 28 aprile 998 - 2 aprile 999 eletto papa con il nome di Silvestro II)
    Leone II, O.S.B. † (999 - 1001 dimesso)
    Federico di Ravenna[37] † (autunno 1001 - 1004 deceduto)
    Etelberto † (1004 - 21 gennaio 1014)[38]
    Arnoldo di Sassonia[39][40] † (21 gennaio 1014 - 17 novembre 1019 deceduto)
    Eriberto † (1019 - inizio 1027 deceduto)
    Gebeardo da Eichstätt[41] † (maggio 1027 - 16 febbraio 1044 deceduto)
    Witgero † (maggio 1044 - maggio 1046) (antivescovo)

    Unfrido da Embrach † (ottobre 1046 - 23 agosto 1051 deceduto)
    Enrico[42] † (prima metà del 1052 - 1º gennaio 1072 deceduto)
    Guiberto da Parma † (luglio 1072 - 8 settembre 1100 deceduto; dal 1080 antipapa con il nome di Clemente III)
    Ottone Boccatorta † (1100 - 1110)
    Geremia † (1110 - 1117)
    Gualtiero[43] † (7 agosto 1118 - 13 febbraio 1144 deceduto)
    Mosè da Vercelli † (giugno 1144 - 26 ottobre 1154 deceduto)
    Anselmo da Havelberg, O.Praem. † (maggio 1155 - 12 agosto 1158 deceduto)
    Guido di Biandrate[44] † (febbraio 1159 - 9 luglio 1169 deceduto)
    Gerardo[45] † (1169 - 1190 deceduto)
    Guglielmo di Cabriano † (11 febbraio 1191 - 1201 deceduto)
    Alberto Oselletti[46] † (10 marzo 1202 - gennaio 1207 deceduto)
    Egidio de Garzoni † (16 aprile 1207 - ottobre 1208 deceduto)
    Ubaldo † (21 dicembre 1208 - 21 marzo 1216)
    Picinino † (marzo 1216 - estate 1216)
    Simeone † (5 marzo 1217 - 31 maggio 1228 deceduto)
    Teodorico † (luglio 1228 - 28 dicembre 1249 deceduto)[47]
    Filippo Fontana † (5 aprile 1250 - 18 settembre 1270 deceduto)
    Bonifacio Fieschi[48], O.P. † (4 settembre 1275 - 24 dicembre 1294 deceduto)
    Obizzo Sanvitale † (23 luglio 1295 - 30 ottobre 1303 deceduto)
    Beato Rinaldo da Concorezzo † (19 novembre 1303 - 18 agosto 1321 deceduto)
    Rinaldo da Polenta † (1321 - 1322 deceduto) (vescovo eletto)[49]

    Aymeric de Chalus (Aimerico di Castel Lucio) † (24 settembre 1322 - 13 maggio 1332 nominato vescovo di Chartres)
    Guido de Roberti † (27 giugno 1332 - settembre 1333 deceduto)
    Francesco Michiel † (14 ottobre 1333 - prima del 25 settembre 1342 nominato arcivescovo di Creta)
    Nicola Canal † (25 settembre 1342 - 23 maggio 1347 nominato arcivescovo di Patrasso)
    Fortanier de Vassal, O.F.M. † (24 ottobre 1347 - 20 maggio 1351 nominato patriarca di Grado)
    Fortanier de Vassal, O.F.M. † (20 maggio 1351 - 16 ottobre 1361 deceduto) (amministratore apostolico)

    Petrocino Casalesco, O.S.B. † (26 aprile 1362 - 1369 deceduto)
    Pietro Pileo da Prata † (23 gennaio 1370 - 1387 deposto)
    Ludovico di Casale † (circa 1380 - circa 1389 deceduto) (antivescovo)

    Cosimo dei Migliorati † (4 novembre 1387 - 19 giugno 1389 nominato vescovo di Bologna)
    Cosimo dei Migliorati † (19 giugno 1389 - 15 settembre 1400 dimesso) (amministratore apostolico)

    Giovanni Migliorati † (15 settembre 1400 - 16 ottobre 1410 deceduto)
    Tommaso Perondoli[50] † (2 gennaio 1411 - 20 ottobre 1445 deceduto)
    Bartolomeo Roverella † (26 settembre 1445 - 9 gennaio 1475 dimesso)
    Filiasio Roverella † (9 gennaio 1475 - 1516 dimesso)
    Niccolò Fieschi † (1516 - novembre 1517 dimesso)
    Urbano Fieschi † (4 novembre 1517 - 23 gennaio 1524 deceduto)
    Pietro Accolti † (15 giugno 1524 - agosto 1524 dimesso) (amministratore apostolico)

    Benedetto Accolti † (17 agosto 1524 - 21 settembre 1549 deceduto)
    Ranuccio Farnese, O.S.Io.Hieros. † (11 ottobre 1549 - 28 aprile 1564 nominato amministratore apostolico di Bologna) (amministratore apostolico)
    L'interim viene assunto dal Santo Padre Pio IV[51]

    Giulio della Rovere † (6 marzo 1566 - 3 settembre 1578 deceduto)
    Cristoforo Boncompagni † (15 ottobre 1578 - 3 ottobre 1603 deceduto)
    Pietro Aldobrandini † (13 settembre 1604 - 10 febbraio 1621 deceduto)
    Luigi Capponi (3 marzo 1621 - 1645 dimesso)
    Luca Torrigiani (18 settembre 1645 - 12 dicembre 1669 deceduto)
    Paluzzo Paluzzi Altieri Degli Albertoni † (19 maggio 1670 - prima del 19 febbraio 1674 dimesso)
    Fabio Guinigi † (19 febbraio 1674 - 28 agosto 1691 deceduto)
    Raimondo Ferretti † (9 gennaio 1692 - 24 marzo 1719 deceduto)
    Girolamo Crispi † (16 dicembre 1720 - 13 marzo 1727 dimesso)
    Maffeo Nicolò Farsetti † (17 marzo 1727 - 6 febbraio 1741 deceduto)
    Ferdinando Romualdo Guiccioli, O.S.B.Cam. † (5 aprile 1745 - 7 novembre 1763 deceduto)
    Niccolò Oddi † (20 febbraio 1764 - 25 maggio 1767 deceduto)
    Antonio Cantoni † (28 settembre 1767 - 2 novembre 1781 deceduto)
    Antonio Codronchi † (14 febbraio 1785 - 22 gennaio 1826 deceduto)
    Chiarissimo Falconieri Mellini † (3 luglio 1826 - 22 agosto 1859 deceduto)
    Enrico Orfei † (23 marzo 1860 - 22 dicembre 1870 deceduto)
    Vincenzo Moretti † (27 ottobre 1871 - 22 settembre 1879 dimesso)
    Giacomo Cattani † (22 settembre 1879 - 14 febbraio 1887 deceduto)
    Sebastiano Galeati † (23 maggio 1887 - 25 gennaio 1901 deceduto)
    Agostino Gaetano Riboldi † (15 aprile 1901 - 25 aprile 1902 deceduto)
    San Guido Maria Conforti † (9 giugno 1902 - 14 novembre 1904 nominato arcivescovo titolare di Stauropoli)
    Pasquale Morganti † (14 novembre 1904 - 18 dicembre 1921 deceduto)
    Antonio Lega † (18 dicembre 1921 succeduto - 16 novembre 1946 deceduto)


    Cronotassi dei vescovi di Cervia:

    Sant'Apollinare †
    Aderito †
    Sant'Eleucadio †
    Marciano †
    San Calogero †
    Procolo †
    San Probo I †
    Dato †
    Liberio I †
    Agapito †
    Marcellino †
    San Severo † (circa 308 - 344/346)
    Liberio II †
    Probo II †
    Fiorenzo †
    Liberio III † (circa 380 - ?)
    Sant'Orso † (primo quarto del V secolo)
    San Pietro I Crisologo † (433 - 450)
    Neone † (menzionato nel 458)
    Sant'Esuperanzio † (dopo il 458 - maggio 477 deceduto)
    Giovanni I Angelopte † (luglio 477 - 5 giugno 494 deceduto)
    Pietro II † (15 settembre 494 - 519 deceduto)
    Uvimundo † (menzionato nel 514 circa) (vescovo ariano)

    Celio Aureliano † (519 - 26 maggio 521 deceduto)
    San Celio Ecclesio † (febbraio 522 - 27 luglio 532/533 deceduto)
    Ursicino † (febbraio 533 - 5 settembre 536 deceduto)
    Vittore † (538 - 15 febbraio 545 o 546 deceduto)
    Massimiano † (14 ottobre 546 - 22 febbraio 556 deceduto)
    Agnello † (22 giugno 556 - 1º agosto 569 o 570 deceduto)
    Pietro III † (settembre 569 o 570 - 17 agosto 578 deceduto)
    Giovanni II[28] † (4 dicembre 578 - 11 gennaio 595 deceduto)
    Mariniano[29] (o Mauriano)[30] † (prima del 5 luglio 595 - 23 ottobre o novembre 606 deceduto)
    Giovanni III † (607 - 22 agosto 625 deceduto)
    Giovanni IV † (625 - 631)
    Bono † (631 - 25 agosto 642 deceduto)
    Mauro[31] † (dicembre 642 - ottobre 671 deceduto)
    Reparato † (ottobre 671 - 30 giugno 677 deceduto)
    Teodoro † (settembre 677 - 18 gennaio 691 deceduto)
    Damiano[32] † (febbraio 692 - 13 maggio 708 deceduto)
    San Felice † (31 marzo 709 - 25 novembre 725 deceduto)
    Giovanni V[33] † (726 - 744)
    Sergio † (744 - 25 agosto 769 deceduto)
    Michele † (antivescovo)[34]

    Leone I[13] † (770 - 14 febbraio 777 deceduto)
    Giovanni VI † (777 - 784)
    Grazioso † (784 - 23 febbraio 789 deceduto)
    San Valerio † (789 - 15 marzo 810 deceduto)
    Martino[35] † (giugno 810 - 10 novembre 818 deceduto)
    Petronace † (prima del 19 luglio 819 - 13 marzo 837 deceduto)
    Giorgio[15] † (prima del 1º maggio 838 - 20 gennaio 846 deceduto)
    Deusdedit † (846 - fine 849)
    Giovanni VII[36] † (prima di aprile 850 - fine 878 deceduto)
    Romano di Calcinaria † (ottobre 878 - fine 888 deceduto)
    Domenico Ublatella † (fine 889 - fine 897 deceduto)
    Giovanni VIII Kailone † (inizio 898 - fine 904)
    Giovanni IX da Tossignano † (fine 904 - marzo 914, eletto papa con il nome di Giovanni X)
    Costantino † (giugno 914 - fine 926 deceduto)
    Pietro IV † (927 - aprile 971 dimesso)
    Onesto I † (971 - 983 deceduto)
    San Giovanni X da Besate † (metà del 983 - dopo l'8 aprile 998 dimesso)
    Gerberto da Aurillac † (prima del 28 aprile 998 - 2 aprile 999 eletto papa con il nome di Silvestro II)
    Leone II, O.S.B. † (999 - 1001 dimesso)
    Federico di Ravenna[37] † (autunno 1001 - 1004 deceduto)
    Etelberto † (1004 - 21 gennaio 1014)[38]
    Arnoldo di Sassonia[39][40] † (21 gennaio 1014 - 17 novembre 1019 deceduto)
    Eriberto † (1019 - inizio 1027 deceduto)
    Gebeardo da Eichstätt[41] † (maggio 1027 - 16 febbraio 1044 deceduto)
    Witgero † (maggio 1044 - maggio 1046) (antivescovo)

    Unfrido da Embrach † (ottobre 1046 - 23 agosto 1051 deceduto)
    Enrico[42] † (prima metà del 1052 - 1º gennaio 1072 deceduto)
    Guiberto da Parma † (luglio 1072 - 8 settembre 1100 deceduto; dal 1080 antipapa con il nome di Clemente III)
    Ottone Boccatorta † (1100 - 1110)
    Geremia † (1110 - 1117)
    Gualtiero[43] † (7 agosto 1118 - 13 febbraio 1144 deceduto)
    Mosè da Vercelli † (giugno 1144 - 26 ottobre 1154 deceduto)
    Anselmo da Havelberg, O.Praem. † (maggio 1155 - 12 agosto 1158 deceduto)
    Guido di Biandrate[44] † (febbraio 1159 - 9 luglio 1169 deceduto)
    Gerardo[45] † (1169 - 1190 deceduto)
    Guglielmo di Cabriano † (11 febbraio 1191 - 1201 deceduto)
    Alberto Oselletti[46] † (10 marzo 1202 - gennaio 1207 deceduto)
    Egidio de Garzoni † (16 aprile 1207 - ottobre 1208 deceduto)
    Ubaldo † (21 dicembre 1208 - 21 marzo 1216)
    Picinino † (marzo 1216 - estate 1216)
    Simeone † (5 marzo 1217 - 31 maggio 1228 deceduto)
    Teodorico † (luglio 1228 - 28 dicembre 1249 deceduto)[47]
    Filippo Fontana † (5 aprile 1250 - 18 settembre 1270 deceduto)
    Bonifacio Fieschi[48], O.P. † (4 settembre 1275 - 24 dicembre 1294 deceduto)
    Obizzo Sanvitale † (23 luglio 1295 - 30 ottobre 1303 deceduto)
    Beato Rinaldo da Concorezzo † (19 novembre 1303 - 18 agosto 1321 deceduto)
    Rinaldo da Polenta † (1321 - 1322 deceduto) (vescovo eletto)[49]

    Aymeric de Chalus (Aimerico di Castel Lucio) † (24 settembre 1322 - 13 maggio 1332 nominato vescovo di Chartres)
    Guido de Roberti † (27 giugno 1332 - settembre 1333 deceduto)
    Francesco Michiel † (14 ottobre 1333 - prima del 25 settembre 1342 nominato arcivescovo di Creta)
    Nicola Canal † (25 settembre 1342 - 23 maggio 1347 nominato arcivescovo di Patrasso)
    Fortanier de Vassal, O.F.M. † (24 ottobre 1347 - 20 maggio 1351 nominato patriarca di Grado)
    Fortanier de Vassal, O.F.M. † (20 maggio 1351 - 16 ottobre 1361 deceduto) (amministratore apostolico)

    Petrocino Casalesco, O.S.B. † (26 aprile 1362 - 1369 deceduto)
    Pietro Pileo da Prata † (23 gennaio 1370 - 1387 deposto)
    Ludovico di Casale † (circa 1380 - circa 1389 deceduto) (antivescovo)

    Cosimo dei Migliorati † (4 novembre 1387 - 19 giugno 1389 nominato vescovo di Bologna)
    Cosimo dei Migliorati † (19 giugno 1389 - 15 settembre 1400 dimesso) (amministratore apostolico)

    Giovanni Migliorati † (15 settembre 1400 - 16 ottobre 1410 deceduto)
    Tommaso Perondoli[50] † (2 gennaio 1411 - 20 ottobre 1445 deceduto)
    Bartolomeo Roverella † (26 settembre 1445 - 9 gennaio 1475 dimesso)
    Filiasio Roverella † (9 gennaio 1475 - 1516 dimesso)
    Niccolò Fieschi † (1516 - novembre 1517 dimesso)
    Urbano Fieschi † (4 novembre 1517 - 23 gennaio 1524 deceduto)
    Pietro Accolti † (15 giugno 1524 - agosto 1524 dimesso) (amministratore apostolico)

    Benedetto Accolti † (17 agosto 1524 - 21 settembre 1549 deceduto)
    Ranuccio Farnese, O.S.Io.Hieros. † (11 ottobre 1549 - 28 aprile 1564 nominato amministratore apostolico di Bologna) (amministratore apostolico)
    L'interim viene assunto dal Santo Padre Pio IV[51]

    Giulio della Rovere † (6 marzo 1566 - 3 settembre 1578 deceduto)
    Cristoforo Boncompagni † (15 ottobre 1578 - 3 ottobre 1603 deceduto)
    Pietro Aldobrandini † (13 settembre 1604 - 10 febbraio 1621 deceduto)
    Luigi Capponi (3 marzo 1621 - 1645 dimesso)
    Luca Torrigiani (18 settembre 1645 - 12 dicembre 1669 deceduto)
    Paluzzo Paluzzi Altieri Degli Albertoni † (19 maggio 1670 - prima del 19 febbraio 1674 dimesso)
    Fabio Guinigi † (19 febbraio 1674 - 28 agosto 1691 deceduto)
    Raimondo Ferretti † (9 gennaio 1692 - 24 marzo 1719 deceduto)
    Girolamo Crispi † (16 dicembre 1720 - 13 marzo 1727 dimesso)
    Maffeo Nicolò Farsetti † (17 marzo 1727 - 6 febbraio 1741 deceduto)
    Ferdinando Romualdo Guiccioli, O.S.B.Cam. † (5 aprile 1745 - 7 novembre 1763 deceduto)
    Niccolò Oddi † (20 febbraio 1764 - 25 maggio 1767 deceduto)
    Antonio Cantoni † (28 settembre 1767 - 2 novembre 1781 deceduto)
    Antonio Codronchi † (14 febbraio 1785 - 22 gennaio 1826 deceduto)
    Chiarissimo Falconieri Mellini † (3 luglio 1826 - 22 agosto 1859 deceduto)
    Enrico Orfei † (23 marzo 1860 - 22 dicembre 1870 deceduto)
    Vincenzo Moretti † (27 ottobre 1871 - 22 settembre 1879 dimesso)
    Giacomo Cattani † (22 settembre 1879 - 14 febbraio 1887 deceduto)
    Sebastiano Galeati † (23 maggio 1887 - 25 gennaio 1901 deceduto)
    Agostino Gaetano Riboldi † (15 aprile 1901 - 25 aprile 1902 deceduto)
    San Guido Maria Conforti † (9 giugno 1902 - 14 novembre 1904 nominato arcivescovo titolare di Stauropoli)
    Pasquale Morganti † (14 novembre 1904 - 18 dicembre 1921 deceduto)
    Antonio Lega † (18 dicembre 1921 succeduto - 16 novembre 1946 deceduto)


    Cronotassi dei vescovi di Ravenna-Cervia:

    Giacomo Lercaro † (31 gennaio 1947 - 19 aprile 1952 nominato arcivescovo di Bologna)
    Egidio Negrin † (24 maggio 1952 - 4 aprile 1956 nominato vescovo di Treviso)
    Salvatore Baldassarri † (3 maggio 1956 - 22 novembre 1975 dimesso)
    Ersilio Tonini † (22 novembre 1975 - 30 settembre 1986 nominato arcivescovo di Ravenna-Cervia)


    CRONOTASSI DEGLI ARCIVESCOVI DI RAVENNA-CERVIA:

    ERSILIO TONINI † (30 SETTEMBRE 1986 - 27 OTTOBRE 1990 RITIRATO)
    LUIGI AMADUCCI † (27 OTTOBRE 1990 - 9 MARZO 2000 RITIRATO)
    GIUSEPPE VERUCCHI (9 MARZO 2000 - 17 NOVEMBRE 2012 RITIRATO)
    LORENZO GHIZZONI, DAL 17 NOVEMBRE 2012
    Virtus ex Alto

  3. #3
    Cronista di CR L'avatar di Carpense
    Data Registrazione
    Nov 2014
    Località
    Carpi
    Messaggi
    3,009

    Archidiocesi di Ravenna-Cervia - Cenni storici

    ARCIDIOCESI DI RAVENNA-CERVIA

    (Ravennatensis - Cervensis)

    CENNI STORICI: RAVENNA:

    La costante tradizione della Chiesa di Ravenna ha sempre avuto come riferimento, circa le sue origini, le due sedi petrine: Antiochia e Roma. Sia l’una che l’altra metropoli hanno una forte valenza: la prima è la città da cui provenivano classiarii e mercanti, la seconda è il riferimento territoriale della cristianità in occidente. Non sappiamo quando il messaggio evangelico sia comparso nelle nostre coste, ma tutto fa supporre una presenza nella primissima ora, proprio per questa presenza di soldati dalla Siria nei componenti della flotta. Quando il numero dei fedeli cominciò ad essere di una minima consistenza, giunse Apollinare.
    La tradizione ci mostra un Vescovo itinerante, un Isapostolo, il cui territorio di predicazione abbraccia non solo l’Adriatico, ma anche la parte orientale dell’Impero Romano. Egli visse con ogni probabilità nei primi anni trenta del II secolo e da lui prese origine la successione episcopale ravennate.
    Apollinare è certamente la presenza pontificale più antica nell’Italia settentrionale e nello stesso nord dell’Europa.
    Poco sappiamo dei vescovi dopo di lui, morto martire per un linciaggio, ma abbiamo la significativa presenza a Sardica nel 342-343 dell’undicesimo suo successore: Severo, il quale sottoscrive gli atti di quel Concilio, terzo per decananza. Severo è certamente colui che ha istituzionalizzato la Chiesa di Ravenna dopo la pace costantiniana.
    Poche sono le notizie che noi possediamo relative al IV secolo, ma è nel 402 che un avvenimento di natura civile coinvolgerà anche la Chiesa della città: la sede imperiale viene trasferita da Milano a Ravenna. Era vescovo il quale provvede ad edificare, entro le mura, con il concorso quasi certo della Corte, la grande Cattedrale che dedicherà alla Aghìa Anàstasis, con il relativo battistero. Durante il suo lungo episcopato la Chiesa di Ravenna vive un contatto molto intenso con le altre Chiese dell’ecumene romana per l’andirivieni di papi e di vescovi a corte.
    Al vescovo Orso succede uno dei più grandi presuli del V secolo: Pietro, soprannominato
    Crisologo. Diciottesimo dopo Apollinare, egli fu il vescovo di un periodo difficile, ma estremamente positivo per la cristianità ravennate: circa nel 430 il Papa Celestino e l’augusto Valentiniano III erigono la metropolia di Ravenna sotto gli auspici dell’augusta Galla Placidia, che di fatto, fino alla morte, detenne il potere supremo.
    Presenze monastiche significative, presenze etniche diverse, resero la città e la sua
    Chiesa un ricco mondo cosmopolita. Man mano che l’autorità civile veniva meno, la Chiesa di Ravenna si trovò ad essere l’unico punto di riferimento certo nel territorio. Non fu certamente solo spettatrice nella caduta del potere imperiale in Occidente nel 476, era allora metropolita Esuperanzio, come non stette inerte, alla venuta del re Teoderico, il grande metropolita Giovanni Angelopte, il quale mediò fra i due re Odoacre e Teoderico un accordo per alleviare, dopo tre anni di assedio, le sofferenze della città, ottenendo garanzie di sicurezza per la popolazione cattolica.
    L’evolversi della situazione politica non arrestò l’espansione edilizia della Chiesa Ravennate, non solo nella sede metropolitana, ma anche nel suo territorio.
    Con il grande vescovo Massimiano furono costruite o terminate basiliche insigni, giunte fino a noi: S. Apollinare in Classe e S. Vitale: fu insignito del potere di Arcivescovo e cioè di Vicario Papale per le Metropolie dell’Italia settentrionale: Milano, Aquileia e Ravenna, al pari dei Metropoliti di
    Tessalonica, Giustiniana Prima, e Cartagine. Quando morì nel 556 l’importanza della Chiesa di Ravenna era talmente consolidata che la stessa Chiesa di Roma doveva spesso chiedere i suoi buoni uffici presso l’Esarca bizantino. Il trentaquattresimo successore dell’Isapostolo, Mauro (642-671), ottenne dall’augusto Costante II, il 1° marzo 666, il tomos di Autocefalia della Chiesa di Ravenna. L’atto, pienamente legale, perché ottemperava al canone XVII del IV Sinodo Ecumenico, non fu
    mai accolto, per ovvie ragioni di politica ecclesiastica, dalla Sede Romana, ma lo fu dalle altre Chiese: Ravenna ai Sinodi Generali firmava all’ottavo posto.
    Il secolo X, il tempo degli Ottoni, fu per Ravenna un periodo di grande fiorire che si protrasse almeno per due secoli. A metà del secolo nacquero il grande Romualdo dal duca Sergio, nello stesso periodo Guido, futuro grande abate di Pomposa e Giovanni abate di Fécamp, nipote di S. Guglielmo di Volpiano, considerato il più grande scrittore di spiritualità del suo tempo.
    Nel secolo successivo nasce Pietro Damiano, il più grande teologo del suo tempo, eremita, vescovo, cardinale e fecondo scrittore. Gli stessi arcivescovi: S. Giovanni di Besate (983-998, morto eremita); Gerberto d’Aurillac (998-999) divenuto il grande papa Silvestro II; Leone (999-1001) amico di S. Adalberto di Praga e di S. Nilo di Grottaferrata, illustrano la città insieme all’augusta Teofano, madre di Ottone III, che vi soggiornava lungamente e spesso con il figlio. Nel secolo XI il beato Pietro Peccatore fonda o riforma la Canonica con i suoi presbiteri presso S. Maria in Porto (fuori) ove è venerata la preziosa immagine della Madonna Greca che la tradizione ricorda essere giunta miracolosamente da Costantinopoli la Domenica in Albis (20 aprile 1096).
    Ravenna in quel passaggio di millennio ospita inviati dei sovrani polacchi, russi, ungheresi; è transito verso Roma dei pellegrini provenienti dalle nazioni entrate da poco nella cristianità, per i quali vengono costruiti ospizi e relative chiese. Anche a sì degni personaggi si deve l’elevato grado culturale del momento, che trova non solo nella teologia con Pietro Damiani, ma anche nella musica, altissima espressione nel monaco Guido di Pomposa che, ad Arezzo, con il vescovo Teodaldo di Canossa, formalizza per iscritto il nuovo sistema pentagrammatico.
    Il secolo XI trova presenti in città una serie di vescovi di origine tedesca, imposti dall’autorità imperiale, alcuni dei quali indubbiamente degni di menzione, anche se si distinsero quasi sempre per essere pedissequi dell’Impero e quindi, a seconda della politica imperiale, per essere con o contro il Papa di Roma. Questa alterna vicenda raggiunge il suo culmine con l’Arcivescovo Guiberto (1072-1100) il quale usurpa, quale antipapa, col nome di Clemente III (1080-1100), la cattedra di S. Pietro. Questo lungo lasso di tempo aveva dato luogo ad un susseguirsi di cambiamenti politici nel territorio passando dal comune, sotto l’alto dominio dell’Arcivescovo, alle signorie dei Traversari prima e dei Polenta poi. In un periodo pur critico, che vede l’interesse ad occupare la Sede di Ravenna più per le sue ricchezze che per lo spirito evangelico, abbiamo tuttavia una precoce presenza Francescana, Domenicana e Servita che si associa a quella tradizionale Benedettina e Canonicale.
    È però soltanto nel periodo in cui la città è sottomessa a Venezia (1441-1509), che inizia un risveglio religioso dovuto ad un laicato sensibile e ad un clero più conscio della propria vocazione, significativamente sostenuto dalla grande Abbazia Canonicale di S. Maria in Porto. Le beate Margherita Molli (1442-1505) e Gentile Giusti (1471-1530), laiche, propongono ai ravennati un modello di vita che le associa a quel tipo di spiritualità che fu di Angela Merici (1474-1540) e di altre notevoli figure femminili, che quasi sempre accompagnarono i fondatori dei nuovi Ordini Clericali.
    Da loro nacque, per opera del presbitero diocesano Girolamo Maluselli, la Congregazione
    dei Preti del Buon Gesù, che acquisì grandi meriti a Ravenna ed in Romagna, sia per il rinnovamento spirituale, che quello culturale. Nel secolo XVI operarono in Ravenna l’abbadessa Felicia Rasponi (1522-1579), il grande storico Girolamo Rossi (1539-1607), archiatra di Clemente VIII e nipote del p. Giovanni Battista Rossi (1578) che, quale generale dei Carmelitani, permise alla grande Teresa d’Avila la riforma dell’ordine.
    Il secolo XVII espresse, nel presbiterio ravennate, uomini di grande spessore culturale: don Francesco Negri (1623-1698), esploratore e scrittore; il protonotario Girolamo Fabri (1627-1679), il più importante storico ravennate dopo il Rossi; Mons. Francesco Ingoli (1578-1649), dotto giurista e primo segretario della Congregazione per la Propagazione della Fede. Nel 1744 fu abbattuta l’antica Basilica Metropolitana della Aghìa Anàstasis e fu costruita l’attuale, consacrata il 13 aprile 1749 dal ravennate Ferdinando Romualdo Guiccioli, Arcivescovo della città (1745-1763). Alla fine del secolo siede sulla cattedra di S. Apollinare un grande arcivescovo, Antonio Codronchi (1785-1826). Il suo lunghissimo episcopato fu segnato dalla rivoluzione francese, da Napoleone I (di cui fu grande elemosiniere nel
    nuovo Regno d’Italia) e di nuovo dalla restaurazione pontificia. Il suo agire fu spesso non compreso, ma egli operò con grande equilibrio e salvò la città dalla distruzione, intervenendo con il suo patrimonio personale, con il quale fondò e dotò l’ospedale di S. Maria delle Croci, tuttora esistente. Anche la pastorale diocesana fu da lui rinnovata in risposta al tumultuoso mutare dei tempi.
    Suo successore fu il card. Chiarissimo Falconieri (1826-1859) il cui episcopato fu segnato da un profondo senso pastorale e dalla sua santità personale.
    La seconda metà del secolo XIX visse con difficoltà il problema della caduta dello Stato Pontificio ed anche una, forse conseguente, profonda divisione nel clero ravennate. La Chiesa di Ravenna seppe comunque essere presente con alcuni dei suoi membri di indubbio valore: Girolamo Zattoni (1874-1905) che, pur morto giovanissimo, resta uno dei grandi archivisti e storici della cristianità ravennate, Giuseppe Ravaglia (1836-1900), inventore geniale ed uno dei primi ad applicare l’elettricità a meccanismi pratici; Antonio Tarlazzi (1802-1888), archivista arcivescovile, storico e paleografo e il Patriarca di Gerusalemme Lodovico Piavi (1833-1900).
    Il secolo successivo si apre con il grande Arcivescovo card. Agostino Gaetano Riboldi (1901-1902), il cui breve pontificato aprì al sociale la diocesi e dopo di lui emerge una serie di uomini di grande levatura: Giovanni Genocchi (1860-1926), Giulio Morelli (1868-1951), Angelo Lolli (1880-1958), Giovanni Minzoni (1885-1923), Giovanni Mesini (1879-1969), che sia per la santità, la carità e la cultura hanno illustrato non solo la Chiesa ravennate, ma anche la città e la Romagna intera.Per quanto riguarda gli Arcivescovi dello scorso secolo è ormai compito degli storici analizzare l’opera di Pasquale Morganti (1904-1921), Antonio Lega (1921-1946), Giacomo Lercaro (1947-1952),
    Egidio Negrin (1952-1956), Salvatore Baldassarri (1956-1975), (del vivente) card. Ersilio Tonini (1975-1990) e di Luigi Amaducci (1990-2000). Pur nella diversità dei caratteri e delle attitudini pastorali essi seppero reggere, nella difficoltà di quel difficile secolo, la cattedra di S. Apollinare con zelo illuminato e grande respiro nell’ambito ecclesiale.
    Ci piace infine chiudere questa breve memoria con il ricordo di due fra i tanti laici che, nel secolo passato, lasciarono in diocesi il preciso segno di una vita cristiana: Cornelia Fabri (1869-1915), grande matematica e studiosa di idraulica, ma soprattutto donna di intemerata fede e suor Argia Drudi (1901-1957), «la dottoressa dei poveri», testimone della carità eroica e della donazione totale.


    ARCIDIOCESI DI RAVENNA-CERVIA

    (Ravennatensis - Cervensis)

    CENNI STORICI: CERVIA:

    L’origine documentata della diocesi risale alla fine del V secolo, quando è ricordato il vescovo Geronzio (495-501). Sin verso la fine del sec. VIII la diocesi dipese direttamente da Roma; sicuramente nel 948 divenne suffraganea di Ravenna, con il privilegio di papa Agapito per l’arcivescovo Pietro IV.
    Sino al Mille è nota con il nome di Ficocle (Ficoclensis Ecclesia) e solo con il secolo XI compare il
    nome di Cervia.
    Nel territorio cervese le antiche pievi sono quelle di S. Paterniano di Ficocle, S. Andrea in Domoculta, S. Pellegrino e S. Tommaso in Laderclo. Al tempo di papa Lucio III (1181-1185) risale l’unione alla diocesi del territorio non confinante della Massa Fiscaglia, con le pievi di S. Vitale e di S. Pietro.
    La zona di Massafiscaglia ha mantenuto nei secoli una notevole importanza. Era la sede alternativa del vescovo per diversi mesi dell’anno, con un suo palazzo, un seminario e un luogo di celebrazione dei sinodi diocesani dal 1573 al 1670. Ciò a seguito del progressivo peggioramento delle condizioni climatiche del territorio cervese reso malsano dalle saline e da zone paludose; tanto che nel 1697 la vecchia Cervia fu abbandonata e la città fu ricostruita nella sede attuale e vi fu edificata la nuova cattedrale dedicata a S. Maria Assunta. Nel sec. XVI era entrata a far parte della diocesi la pieve di S. Stefano di Pisignano già nel territorio di Cesena. È del 1828 l’istituzione del seminario a Cervia da parte del vescovo Cadolini.
    Salvo un breve periodo di dipendenza da Bologna dal 1582 al 1604, la diocesi è sempre rimasta suffraganea di quella ravennate. Nel 1908 dopo la morte del vescovo Federico Foschi, la diocesi fu posta sotto l’amministrazione dell’arcivescovo di Ravenna. Nel 1947 la Congregazione dei Vescovi sancì il passaggio della zona di Massafiscaglia alla diocesi di Comacchio, mentre la parte cervese fu unita definitivamente alla diocesi di Ravenna «aeque et principaliter et servato dignitatis ordine».
    In epoca moderna, alle tre parrocchie di S. Maria Assunta di Cervia nuova, di S. Antonio abate di Castiglione di Cervia e di S. Stefano di Pisignano si sono aggiunte quelle della Beata Vergine di Cannuzzo (dal 1830), di S. Severo di Savio (dal 1832), di S. Andrea apostolo di Montaletto (dal 1920) e di recente quelle di S. Maria della Neve di Cervia, di Stella Maris di Milano Marittima, del Sacro Cuore di Gesù di Pinarella e di S. Teresa di Gesù Bambino in Tagliata. L’ormai celebre e tradizionale festa dello «Sposalizio del Mare» nel giorno dell’Ascensione, risale al 1445 quando fu introdotta dal vescovo Pietro Barbo poi papa Paolo II.


    CARTINA GEOGRAFICA:

    Sul sito diocesano la mappa dei Vicariati è interattiva perché "cliccando" sul Vicariato si trovano le indicazioni delle singole parrocchie, i riferimenti del Vicario foraneo e gli orari delle Messe.


    ARCIDIOCESI DI RAVENNA-CERVIA

    (Ravennatensis - Cervensis)

    La geografia della nostra Diocesi

    La divisione in otto Vicariati:

    Portomaggiore;
    Argenta;
    Mezzano,
    del Mare;
    Suburbano;
    Campiano;
    Cervia;
    Urbano (città di Ravenna)


    ARCIDIOCESI DI RAVENNA-CERVIA

    (Ravennatensis - Cervensis)


    BREVE BIOGRAFIA DELL'ATTUALE ARCIVESCOVO DI RAVENNA-CERVIA, SUA ECCELLENZA REVERENDISSIMA MONSIGNOR LORENZO GHIZZONI

    Mons. Ghizzoni è nato a Cognento (comune di Campagnola, nella Provincia di Reggio Emilia) il 03.04.1955.
    È entrato nel seminario minore di Reggio Emilia, ed ha frequentato gli studi classici al liceo pubblico cittadino.
    Dopo l’esame di maturità ha studiato Teologia nello Studio Teologico Interdiocesano, conseguendo il Baccellierato.
    È stato ordinato sacerdote il 14.09.1979.
    Dopo l’ordinazione ha proseguito gli studi alla Pontificia Università Gregoriana, conseguendo la Licenza in Diritto Canonico e in Psicologia.
    Rientrato in Diocesi nel 1984, ha assunto l’insegnamento di Diritto Canonico nel Seminario diocesano di Reggio Emilia e di Psicologia nell’Istituto di Scienze Religiose della stessa città.

    Dal 1984 al 1994 ha ricoperto anche l’incarico di Vice Cancelliere in Curia e, dal 1986 al 1996, è stato Direttore del Servizio diocesano Vocazioni.
    Dal 1987 è Difensore del Vincolo nelle cause matrimoniali del Tribunale Ecclesiastico. È anche docente all’Istituto Superiore per Formatori sponsorizzato dalla Pontifìcia Università Gregoriana.
    Dal 1992 è Vice Direttore del Centro Nazionale Vocazioni e, dal 1994, Rettore del seminario vescovile di Reggio Emilia. Inoltre, dal 1998 è Assistente diocesano dei Giuristi Cattolici.
    Eletto Vescovo alla sede titolare vescovile di Ottana e nominato Ausiliare del Vescovo di Reggio Emilia-Guastalla il 17.02.2006.
    Viene ordinato Vescovo a Reggio Emilia il 29.04.2006, solennità del Primo miracolo della B.V. della Ghiara.

    Dal 17.11.2012 nominato Vescovo dell’Archidiocesi di Ravenna-Cervia, prende possesso canonico il 20.01.2013.
    Il 29 giugno successivo riceve il pallio, nella basilica di San Pietro in Vaticano, da papa Francesco.
    Dal 5 ottobre 2015 ricopre anche l’incarico di vicepresidente della Conferenza episcopale dell’Emilia-Romagna; presso la stessa è anche delegato per i beni culturali e l’edilizia di culto.
    Nel settembre 2017 è designato referente della Conferenza Episcopale Italiana per la Pontificia commissione per la tutela dei minori.
    Il 16 gennaio 2019 è nominato primo presidente del Servizio nazionale per la tutela dei minori e degli adulti vulnerabili nella Chiesa.

    BREVE BIOGRAFIA DELL' ARCIVESCOVO EMERITO DI RAVENNA-CERVIA, SUA ECCELLENZA REVERENDISSIMA MONSIGNOR GIUSEPPE VERUCCHI

    Nato il 23.11.1937 a Miceno di Pavullo nel Frignano, sulle colline del modenese.
    Ordinato sacerdote il 29.06.1961.
    Cappellano a Castelnuovo Rangone dal 1961 al 1971. Parroco di Formigine dal 1971 al 1986. Vicario Foraneo della Pedemontana Ovest dal 07.07.1984 e Vicario Generale dell’Archidiocesi di Modena-Nonantola dal 1986 al 1997.
    Più volte membro del Collegio dei Consultori, è stato anche Canonico e poi Arciprete maggiore del Capitolo Metropolitano, membro del Consiglio Presbiterale.
    Nel 1992 ha ricevuto la nomina di Prelato d’Onore di Sua Santità.
    Dal 16.09.1997 è stato parroco di Fiorano Modenese. Nello stesso giorno è stato nominato Direttore dell’Ufficio Diocesano di Arte Sacra e Beni Culturali e Delegato arcivescovile per i rapporti con le Soprintendenze e gli Enti Culturali.
    Il 09.03.2000 è eletto Arcivescovo Metropolita di Ravenna-Cervia.
    Ordinato il 13.05.2000, prende possesso canonico il 03.06.2000.
    Arcivescovo emerito dal 20.01.2013.
    __________________________
    Le notizie riportate sono tratte dalla Cronaca del 2021 a cura di Gregorius Paulus, che sentitamente ringrazio
    Virtus ex Alto

  4. #4
    Cronista di CR L'avatar di Carpense
    Data Registrazione
    Nov 2014
    Località
    Carpi
    Messaggi
    3,009

    Nota

    Purtroppo il mio sistema operativo e il browser ad esso associato non mi consentono di assegnare una formattazione più chiara e funzionale ai testi inseriti nella Cronaca.
    Me ne rammarico assai.
    Virtus ex Alto

  5. #5
    Cronista di CR L'avatar di Carpense
    Data Registrazione
    Nov 2014
    Località
    Carpi
    Messaggi
    3,009

    News diocesane

    10 GENNAIO: ALLA SFT CAMMINO SINODALE CON MONS. BULGARELLI

    Scuola di Formazione Teologica “San Pier Crisologo”

    LUNEDÌ 10 GENNAIO 2022
    SEMINARIO ARCIVESCOVILE PIAZZA DUOMO, 4 – RAVENNA
    DALLE 20,45 ALLE 22,20

    Per un noi ecclesiale
    in ascolto delle comunità
    In dialogo con Mons. Valentino Bulgarelli, Sottosegretario CEI, Direttore Ufficio Catechistico Nazionale

    (Fonte: sito dell'Arcidiocesi)
    Virtus ex Alto

  6. #6
    Cronista di CR L'avatar di Carpense
    Data Registrazione
    Nov 2014
    Località
    Carpi
    Messaggi
    3,009

    Settimana di preghiera per l’unità dei cristiani

    18-25 GENNAIO: SETTIMANA DI PREGHIERA PER L’UNITÀ DEI CRISTIANI

    In questa Settimana, la Chiesa di Cristo invita i suoi figli a pregare per la così tanto desiderata, ma così lacerata nei secoli, unità visibile della Chiesa. Rivolge questo invito sempre inalterato nei momenti felici, nei momenti di guerra, di carestie, di malattie. Non lo rivolge riferendosi all’uomo, stressato da tante preoccupazioni e dalle tentazioni tramite le quali la nostra epoca cerca di distrarlo, rendendolo indifferente verso le questioni di fede, ma lo rivolge, perlopiù, alle conseguenze che queste distrazioni e tentazioni, in generale, portano, come la paura, l’angoscia, la mancanza di fiducia verso il prossimo, che potenzialmente rischia di diventare la causa della nostra sofferenza. L’umanità di oggi si richiude in se stessa, cerca di recidere i rapporti con il prossimo e vivere non soltanto in una separatezza fisica, ma in un isolamento spirituale, che fa crescere a dismisura la sua solitudine e la sua sofferenza psicofisica.
    ___________________
    Dal sito dell'Archidiocesi
    Virtus ex Alto

  7. #7
    Cronista di CR L'avatar di Carpense
    Data Registrazione
    Nov 2014
    Località
    Carpi
    Messaggi
    3,009

    Quando l'arte incontra la fede

    SIGNIFICATIVO EVENTO CULTURALE

    SFT: INCONTRI DI ARTE E FEDE. DA LUNEDÌ 24 GENNAIO

    SCUOLA DI FORMAZIONE TEOLOGICA SA PIER CRISOLOGO

    Storia dell’arte e della fede
    Spazi sacri e “giardini dello spirito”

    UN PERCORSO TRA IL MAUSOLEO DI GALLA PLACIDI, L’ORATORIO DI SANT’ANDREA E LA BASILICA DI SANT’APOLLINARE NUOVO

    Lunedì 24/31 gennaio
    Lunedì 7/14 febbraio 2022

    Prof. Costanza Fabbri
    Storia dell’arte – Docente Storia dell’arte Liceo classico Dante Alighieri

    Prof. Beatrice Minotta
    Membro Pietre Vive – Studi di Archeologia Cristiana – Docente Lettere

    (Dal sito dell'Arcidiocesi)
    Virtus ex Alto

  8. #8
    Cronista di CR L'avatar di Carpense
    Data Registrazione
    Nov 2014
    Località
    Carpi
    Messaggi
    3,009

    News diocesane

    2 FEBBRAIO: GIORNATA DELLA VITA CONSACRATA.

    5 FEBBRAIO: CELEBRAZIONE EUCARISTICA

    SABATO 5 FEBBRAIO 2022
    ore 11 nella suggestiva cornice della Basilica di San Francesco – Ravenna si terrà la solenne:
    CELEBRAZIONE EUCARISTICA
    presieduta da
    S.E. Mons. Lorenzo Ghizzoni
    con Festa dei Giubilei

    Seguirà:
    ore 12,30 – Convento di San Francesco
    Pranzo comunitario
    con tutti i religiosi/e (Euro 15,00)
    __________________
    Dal sito dell'Arcidiocesi
    Virtus ex Alto

  9. #9
    Cronista di CR L'avatar di Carpense
    Data Registrazione
    Nov 2014
    Località
    Carpi
    Messaggi
    3,009

    Prospettive ed impegni per il 2022. La parola dell'Arcivescovo

    PROSPETTIVE 2022. INTERVISTA A 360 GRADI ALL’ARCIVESCOVO: “SIAMO NELLE MANI DI DIO NON DEL VIRUS”

    Dal sinodo all’aumento dei contagi da Covid, dal rilancio dei monumenti diocesani alla riforma delle parrocchie, passando per la Commissione sui santi della nostra Chiesa e le nuove povertà. È un dialogo a 360 gradi quello al centro di quest’ampia intervista all’arcivescovo di Ravenna-Cervia, monsignor Lorenzo Ghizzoni. Prospettive e orizzonti che vanno ben oltre il 2022. A partire dalle paure e dalla domande di oggi.

    Partiamo dal sinodo: quali frutti concreti potrebbe dare questo cammino nella nostra diocesi? Cosa auspica per questo percorso?

    Si stanno muovendo i primi passi. Purtroppo però la questione Covid sta fermando tante attività sociali e rischia di mettere in crisi anche questo percorso, pensato appunto come occasione di incontro, dialogo e ascolto. Il lavoro preparatorio l’abbiamo fatto, gli strumenti ci sono, ma nelle parrocchie si fatica a fare l’ordinario, difficile chiedere anche di più. Forse a causa dell’emergenza sarà necessario prendere decisioni per il nostro contributo al sinodo della Chiesa universale come ad esempio chiedere a organismi diocesani precostituiti di fare un gruppo loro e lavorare. Occorre dire che il cammino sinodale della Chiesa italiana dura tre anni. Avremo tempo di proseguire con i gruppi sinodali anche oltre, in un percorso programmato. Credo che il sinodo sia un’opportunità importante per ridare alle comunità l’occasione di incontrarsi e affrontare il tema dell’evangelizzazione oggi nelle nostre terre, la vita della Chiesa e i problemi pastorali, coinvolgendo anche i laici, una vera novità.

    Sarebbe un bel passo avanti, che può aprire nuove potenzialità, creare gruppi di preghiera e di formazione anche per il futuro.

    La riforma della parrocchie è conclusa: è stato un percorso lungo, molto studiato e fortemente voluto. In alcuni casi non è stato facile farlo interiorizzare. Cosa si aspetta per il prossimo futuro? Come non lasciare indietro nessuno?

    Con questo percorso abbiamo anticipato quello che forse si farà altrove. In tanti si stanno ponendo questo problema, soprattutto in certe zone d’Italia dove ci sono parrocchie piccolissime. Alcuni vescovi mi hanno chiesto il materiale per poter fare lo stesso percorso. Di fatto, le unità pastorali camminavano in questo modo già da tempo: c’è più continuità che discontinuità in questo percorso.

    Abbiamo dato indicazioni su come costituire il consiglio pastorale e il consiglio degli affari economici. Ora si tratta di orientare sempre più le attività verso un unico centro pastorale per abituarsi a lavorare e a celebrare insieme. I sacerdoti devono iniziare a ragionare nell’ottica di un’unica attività pastorale. Per il resto, ho sentito poche lamentele. Abbiamo consigliato anche una certa flessibilità sull’apertura delle chiese secondarie, con possibilità di continuare a celebrare lì funerali e feste parrocchiali. Non c’è la necessità o la volontà di chiudere luoghi di culto.

    Quale ruolo giocheranno i laici in questa nuova geografia diocesana? E i diaconi? Avremo dei diaconi “parroci”?

    Per ora non ce n’è la necessità. Dal punto di vista canonico solo un sacerdote può essere parroco, ma certamente può condividere la responsabilità pastorale con diaconi, religiose, religiosi. Già oggi qualche diacono si occupa della liturgia della Parola, ma si tratta più di situazioni di passaggio che definitive. D’altra parte il nostro territorio è pianeggiante, gli spostamenti sono piuttosto semplici.

    Le vocazioni al sacerdozio e alla vita consacrata calano e i preti sono sempre più anziani. Che succederà in un domani che forse stiamo già vivendo?

    E chi può dirlo? È impossibile rispondere. Magari ci sarà una ripresa delle vocazioni o, più probabilmente, nuove forme di vita consacrata che già si sono mosse. Le vocazioni sono in netto calo, da tutti i punti di vista. Occorre aiutare i giovani a crescere nella fede, con percorsi adatti a loro. Camminare con loro. Anche se è vero che siamo nel mezzo di un cambiamento d’epoca. Fino a pochi anni fa la fede veniva veicolata attraverso comportamenti, tradizioni, comunità che la vivevano. La trasmissione tra le generazioni oggi è sempre più difficile. Così anche i giovani si trovano a vivere in un mondo diverso con un’invasione di campo dei social che veicolano altri valori. Su questo purtroppo siamo piuttosto disarmati perché non possiamo rinunciare ai contenuti: il messaggio cristiano è fatto di cuore e ragione.

    La pandemia ha fatto diminuire la frequenza alla liturgia e alle attività pastorali, in particolare di giovani e di anziani. La sua linea è sempre stata quella della prudenza. Saranno necessari altri provvedimenti per ridurre il rischio contagi in ambito ecclesiale? Come dialogare con chi, nelle nostre comunità, non vuole vaccinarsi?

    Le regole per ora non cambiano, anche perché hanno funzionato nel contenere i contagi. Una modifica che io chiederei è l’introduzione della mascherina Ffp2 per le celebrazioni. Liturgia a parte, per tutte le attività, feste religiose, conferenze, incontri divario genere è richiesto il Green pass. Per il catechismo si seguono i provvedimenti pubblici per le scuole, ma ho chiesto ufficialmente con un documento a catechisti e adulti che hanno a che fare con l’attività pastorale di vaccinarsi, come impegnomorale. È sempre più necessario.Dopo l’estate c’è stato un ritorno di persone nelle parrocchie. Ho fatto tante Cresime, molto frequentate.

    A dicembre, invece, la nuova diminuzione: c’è una comprensibile paura da parte di anziani e di famiglie e anche un po’ di scoraggiamento da parte di chi credeva che fosse tutto finito. Come di fronte a tutte le prove della vita, gli atteggiamenti sono fondamentalmente tre: o si nega la realtà, e qualcuno la nega, o ci si dispera e si abbandona la vita sociale, culturale e religiosa. Oppure possiamo affrontare la realtà guardando ai dati, con i mezzi che abbiamo a disposizione e con quelli che verranno. E il coraggio di vivere della fede e della speranza nella consapevolezza che la storia è nelle mani di Dio e non solo di un virus. E che gli uomini possono dare il loro contributo e attraverso la condivisione e la solidarietà possono affrontare molto meglio questa situazione. È vero, la variante Omicron blocca e isola le persone che invece vanno sostenute e incoraggiate. E questo modo di affrontare le difficoltà aiuta a far crescere il senso di comunità. Poi, come ho scritto nel mio messaggio per Natale, credo che con le persone che non si vogliono vaccinare occorre tenere aperto il dialogo, anche se i ragionamenti sono diversissimi, perché spesso quei ragionamenti sono difese, per giustificare le proprie posizioni o pregiudizi. Spesso la gente si attacca a questo per difendersi, mentre la realtà cambia ed è complessa.

    C’è una commissione in diocesi che sta lavorando sulla revisione delle Celebrazioni Proprie della Chiesa diocesana: perché l’ha voluta?

    Il nostro Proprio della Messa e della Liturgia delle ore contenevano diversi anacronismi perché mentre è cambiato il Messale ed è uscito il nuovo martirologio, il nostro Proprio era fermo a quasi 40 anni fa.

    C’era il desiderio di migliorare alcune interpretazioni storiche di figure importanti per la nostra Chiesa: abbiamo ad esempio riportato la festa di San Vitale al suo giorno corretto, abbiamo inserito un Santo come San Guido Maria Conforti e valorizzato meglio la Madonna Greca come festa diocesana. La commissione, guidata da don Rosino Gabbiadini, ha finito il suo lavoro. Ora attendiamo l’approvazione della Santa Sede. Poi ci metteremo al lavoro sul Proprio della Liturgia delle ore.

    Le difficoltà per le famiglie non mancano, sia sul fronte sociale che sulle nuove povertà. Come la Chiesa è presente e cosa fa su questi fronti?

    Il mondo della Caritas sta evolvendo velocemente. La pandemia è stata l’occasione anche lì per ripensarsi. Nel 2022 aprirà il nuovo emporio. I bisogni si sono ampliati e il centro d’ascolto così com’è è in difficoltà. Come sono state messe alla prova tante Caritas parrocchiali. La consegna di un pacco viveri fuori da una porta non basta più. Abbiamo bisogno di ripensare il nostro metodo di aiutare. Nel frattempo, i giovani sono stati coinvolti in iniziative di carità che hanno avuto successo. L’attività caritativa è una delle vie di coinvolgimento dei ragazzi e va sostenuta e alimentata. L’altro grande progetto è quello della mensa e delle opere all’interno di Santa Teresa. Anche in città ci sono tante persone che hanno bisogni primari e occorre andare loro incontro.

    Monumenti e beni culturali: la nostra Diocesi, attraverso l’Opera di Religione, è custode di un patrimonio importantissimo per la fede e per la crescita culturale delle persone, oltre che un attore cruciale del turismo in città. La pandemia ha dato un colpo pesantissimo. Da dove ripartire?

    Durante e dopo l’estate c’è stata una ripartenza importante che è proseguita in autunno ma purtroppo a dicembre tutto è stato rallentato dalla risalita dei contagi.

    Da tempo come Opera cerchiamo di valorizzare i monumenti come luoghi di fede e cercheremo di farlo di più, con le celebrazioni e anche con l’impegno nella formazione delle guide: stiamo cercando di alzare il livello, anche con strumenti come i sussidi, che in qualche caso sono stati ristampati e sono disponibili. Penso che nei prossimi mesi possa esserci un’altra ripresa, perché l’abbiamo visto: quando alla gente si dà la possibilità di venire, viene. Il Green pass funziona, non ci sono rischi, il costo del biglietto continua ad essere basso e fruibile anche dalle famiglie perché i bambini sotto i 10 anni non pagano.

    Cosa fare di più? Magari sarebbe utile favorire ulteriormente il turismo, con un collegamento diretto al mare e alle crociere.

    Infine, eccellenza, una parola sul primo anno dei nostri settimanali assieme: di Cesena, Faenza e Ravenna. Che giudizio dà di questa esperienza nuova?

    Io sono soddisfatto del prodotto che è migliorato in questo tempo. C’è collaborazione, c’è scambio con le altre realtà della Romagna e questo arricchisce tutti. Se dovessi dire un traguardo ulteriore, mi piacerebbe un collegamento più forte tra il giornale cartaceo e il sito con un allargamento alle altre redazioni.
    ____________________
    Fonte: Risveglio 2000, settimanale diocesano
    Di Daniela Verlicchi - 26 Gennaio 2022
    Virtus ex Alto

  10. #10
    Cronista di CR L'avatar di Carpense
    Data Registrazione
    Nov 2014
    Località
    Carpi
    Messaggi
    3,009

    News diocesane

    19-21 FEBBRAIO: SAN PIER DAMIANO, PROGRAMMA DELLE CELEBRAZIONI

    Parrocchia di San Pier Damiano

    PROGRAMMA DELLE CELEBRAZIONI IN ONORE DEL PATRONO DELLA PARROCCHIA. RAVENNATE, MONACO CAMALDOLESE, CARDINALE E DOTTORE DELLA CHIESA (RAVENNA 1007- FAENZA 1072)

    • Sabato 19 Febbraio
    Ore 15.00
    “Pomeriggio Damianeo”: giochi e attività sulla vita del Santo con i bambini dell’Iniziazione cristiana
    Ore 18.15
    Santa Messa con la presenza dei Lupetti di alcuni gruppi AGESCI di Ravenna
    Ore 20.30
    Veglia Vocazionale Diocesana. Preghiamo per le vocazioni al sacerdozio, alla vita consacrata e alla vita matrimoniale.
    • Domenica 20 Febbraio
    Ore 8.30
    Santa Messa della Domenica
    Ore 10.00
    Santa Messa della Domenica in ricordo dei volontari ed assistiti defunti della Caritas
    Ore 12.30
    Santa Messa della Domenica in inglese con la Comunità Nigeriana
    Ore 18.15
    Santa Messa della vigilia della Solennità di San Pier Damiano

    • LUNEDÌ 21 FEBBRAIO – SOLENNITÀ DI SAN PIER DAMIANO
    ORE 8.30
    SANTA MESSA NELLA SOLENNITÀ. SEGUE ADORAZIONE EUCARISTICA PERSONALE CON DISPONIBILITÀ DELLE CONFESSIONI FINO ALLE ORE 11.00.
    ORE 18.15
    SANTA MESSA SOLENNE BILINGUE IN INGLESE E IN ITALIANO PRESIEDUTA DA S. E. MONS. LORENZO GHIZZONI, ARCIVESCOVO DI RAVENNA-CERVIA, CON PRESENTAZIONE DEI CRESIMANDI E DEL NUOVO CONSIGLIO PASTORALE PER GLI AFFARI ECONOMICI E IL LANCIO DEL NUOVO CONSIGLIO PASTORALE DELL’UNITÀ PASTORALE SALESIANA.
    _______________________
    FONTE:sito dell'Arcidiocesi
    Virtus ex Alto

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
>