Lo Staff del Forum dichiara la propria fedeltà al Magistero. Se, per qualche svista o disattenzione, dovessimo incorrere in qualche errore o inesattezza, accettiamo fin da ora, con filiale ubbidienza, quanto la Santa Chiesa giudica e insegna. Le affermazioni dei singoli forumisti non rappresentano in alcun modo la posizione del forum, e quindi dello Staff, che ospita tutti gli interventi non esplicitamente contrari al Regolamento di CR (dalla Magna Charta). O Maria concepita senza peccato prega per noi che ricorriamo a Te.
Pagina 3 di 9 PrimaPrima 12345 ... UltimaUltima
Risultati da 21 a 30 di 81

Discussione: Cronache della Diocesi di Roma - 2022

  1. #21
    Cronista di CR L'avatar di gabrielearcangelo
    Data Registrazione
    Aug 2007
    Località
    Lecce
    Messaggi
    3,551
    La bellezza della liturgia: al via un percorso formativo

    Tre appuntamenti, dal 23 febbraio al 23 marzo, promossi dall’Ufficio liturgico diocesano a Sant’Enrico.
    Relatori: padre Midili, suor Viviano e monsignor Aperti


    «La Chiesa evangelizza con la bellezza della liturgia». Questa affermazione di Evangelii gaudium spiega il senso e dà il nome al percorso di formazione alla celebrazione eucaristica proposto dall’Ufficio liturgico diocesano. Tre incontri in tutto, tenuti da tre diversi relatori, che si terranno nella parrocchia di Sant’Enrico (viale Ratto delle Sabine 7).

    Il primo appuntamento
    è in programma per mercoledì 23 febbraio alle 19: padre Giuseppe Midili, direttore dell’Ufficio diocesano, terrà una relazione su “Partecipare alla celebrazione eucaristica”.

    Secondo incontro il 9 marzo, allo stesso orario, con suor Emmanuela Viviano che rifletterà su “La liturgia della Parola”.

    La conclusione con monsignor Riccardo Aperti, il 23 marzo sempre alle 19, su “La liturgia eucaristica”.

    Per informazioni:
    Ufficio liturgico diocesano, tel. 06.69886214.

    fonte
    Benedicat tibi Dominus et custodiat te!

  2. #22
    Cronista di CR L'avatar di gabrielearcangelo
    Data Registrazione
    Aug 2007
    Località
    Lecce
    Messaggi
    3,551
    Cammino sinodale, l’invito alle claustrali

    Dal Cardinale vicario la richiesta di pregare per l’itinerario diocesano
    e di organizzare momenti comunitari sul tema “Un mandato speciale a intercedere”


    «L’intercessione è come “lievito” nel seno della Trinità. È un addentrarci nel Padre e scoprire nuove dimensioni che illuminano le situazioni concrete e le cambiano. Possiamo dire che il cuore di Dio si commuove per l’intercessione, ma in realtà Egli sempre ci anticipa, e quello che possiamo fare con la nostra intercessione è che la sua potenza, il suo amore e la sua lealtà si manifestino con maggiore chiarezza nel popolo». Parte da questa citazione di Evangelii gaudium la lettera che il Cardinale vicario Angelo De Donatis ha inviato ai monasteri di clausura; sono 26 nella diocesi. di Roma. Al centro della missiva, il tema del cammino sinodale e della «preghiera incessante» che deve accompagnarlo.

    «La richiesta di pregare
    per il cammino sinodale – scrive il vicario del Papa per la diocesi di Roma – è rivolta in particolare alle vostre realtà claustrali, che vivono già il servizio dell’orazione e dell’intercessione come missione principale, affinché costituiscano “il respiro della città”. Vi chiedo, anche a nome della équipe sinodale, di inserire tra le intenzioni di preghiera quella per il cammino della diocesi, affinché l’ascolto dei lontani e dei vicini possa avvenire sotto l’azione dello Spirito Santo. Vi chiedo inoltre di organizzare, ove possibile, momenti comunitari di preghiera e di riflessione dedicati al tema del cammino sinodale e, se le condizioni lo consentono, di coinvolgere anche i fedeli».Non solo la preghiera, dunque, ma la proposta concreta di pregare insieme ai laici.

    Ai consacrate e alle consacrati delle comunità claustrali, «chiamati per vocazione a costituire con la vostra stessa vita incenso che arde e sale al cielo», il cardinale De Donatis riconosce infatti «un mandato speciale a intercedere affinché, attraverso la vostra preghiera, la Misericordia di Dio abbracci Roma e lo Spirito apra il cuore di chi è invitato ad ascoltare». Da qui un ulteriore suggerimento: potrebbe essere utile, in questo senso, costituire dei «gruppi di condivisione» che si avvalgano anche «del supporto delle schede bibliche elaborate dall’équipe per il cammino sinodale diocesano che vertono sulle Beatitudini matteane – si legge ancora nella lettera -, compiendo quel comune discernimento che risponde alla domanda: “Cosa lo Spirito sta dicendo alla comunità e alla Chiesa?”».


    fonte


    Benedicat tibi Dominus et custodiat te!

  3. #23

  4. #24
    Cronista di CR L'avatar di gabrielearcangelo
    Data Registrazione
    Aug 2007
    Località
    Lecce
    Messaggi
    3,551
    Volontariato: il Corso base di Caritas Roma

    Dal 26 febbraio al via i 9 incontri, strutturati in moduli base e approfondimenti, nella sede della Cittadella della carità

    Nove incontri – strutturati in moduli base e approfondimenti – dal 26 febbraio al 1° aprile. Una proposta, spiegano dall’organismo pastorale diocesano, indirizzata a quanti desiderano impegnarsi come volontari nei centri Caritas ma anche a tutti coloro che sono interessati ad approfondire le tematiche e i diversi aspetti legati al mondo del volontariato.

    Gli incontri, con
    operatori e animatori della Caritas, si svolgeranno nella sede della Cittadella della carità, in via Casilina vecchia 19 (metro C Lodi), in tre diverse fasce orarie orari (mattina, pomeriggio e sera) per favorire il più possibile la partecipazione. Al termine del corso, chi lo desidera potrà operare come volontario nelle 52 opere-segno promosse dalla diocesi di Roma in attività a favore dei senza dimora, dell’integrazione dei cittadini immigrati, nella promozione della solidarietà al fianco dei giovani in difficoltà, delle famiglie, degli anziani soli.

    Per informazioni: Area educazione, volontariato e cittadinanza attiva, telefono 06.88815150, dal lunedì al venerdì ore 9-16, e-mail: volontariato@caritasroma.it.



    fonte
    Benedicat tibi Dominus et custodiat te!

  5. #25

  6. #26
    Cronista di CR L'avatar di gabrielearcangelo
    Data Registrazione
    Aug 2007
    Località
    Lecce
    Messaggi
    3,551
    10 accoliti e un lettore per la diocesi di Roma

    L’istituzione dei nuovi ministri il 19 febbraio a San Giovanni in Laterano.
    Presenti anche i due lettori istituiti da Francesco nella Domenica della Parola

    Dieci nuovi accoliti e un nuovo lettore – che si aggiunge ai due istituiti da Papa Francesco nella Domenica della Parola – per la diocesi di Roma. I ministri verranno istituiti sabato 19 febbraio, durante la celebrazione eucaristica delle ore 17.30, nella basilica di San Giovanni in Laterano. L’animazione liturgica sarà affidata al Coro della diocesi di Roma diretto da monsignor Marco Frisina; il servizio liturgico a lettori e accoliti della diocesi.

    Saranno presenti alla
    Messa anche i due lettori istituiti dal Santo Padre. Paolo Gioffreda, della parrocchia di Santa Paola Romana, è invece il lettore che verrà istituito il 19. Con lui, come anticipato, dieci accoliti. Si tratta di Giorgio Beccaloni, di San Giovanni Maria Vianney; Antonio Bosco, della comunità del Santissimo Redentore a Val Melaina; Ugo Canetti, di San Crispino da Viterbo; Erik Conte, di San Francesco Saverio alla Garbatella; Luigi Pallante, anche lui di San Francesco Saverio alla Garbatella come pure Filippo Zammitti; Paolo Parlagreco, della parrocchia di San Timoteo; Massimiliano Perugia, di San Gregorio Magno; Girolamo Valguarnera, di Santa Maria della Salute; Patrick Weyermuller, di San Carlo da Sezze.

    «Questi ministeri sono
    uno dei modi del Concilio di superare una visione clericale della liturgia, che ne faceva azione riservata solo ai chierici – riflette padre Giuseppe Midili, direttore dell’Ufficio liturgico diocesano -. Il conferimento di questi ministeri ai battezzati (uomini e donne, grazie alla lettera apostolica Spiritus Domini di Papa Francesco) sottolinea la dimensione comunitaria della liturgia: tutti partecipano all’offerta della vita, che Cristo fa al Padre. I ministeri divengono espressioni particolari della condizione sacerdotale e regale propria di ogni battezzato. Tutti siamo chiamati a vivere l’azione liturgica, il servizio ai poveri e l’annuncio del Vangelo nella fedeltà al mandato del Signore Gesù Cristo, come ci raccomandava Papa Francesco in una lettera che ha firmato a gennaio dell’anno scorso e che affronta questo tema».

    fonte
    Benedicat tibi Dominus et custodiat te!

  7. #27
    Cronista di CR L'avatar di gabrielearcangelo
    Data Registrazione
    Aug 2007
    Località
    Lecce
    Messaggi
    3,551
    Le stazioni quaresimali

    Con la Quaresima, riprende l’antico rito. Il primo appuntamento il Mercoledì delle Ceneri a Santa Sabina alle 16.30.
    Le date della prima settimana



    Inizia la Quaresima e con questa l’antico rito delle “stationes”: cioè fermarsi, “sostare” prima di intraprendere il pellegrinaggio quotidiano in atteggiamento di preghiera. Secondo la tradizione, i fedeli si fermano in una delle diverse chiese del centro storico dove sono custodite le memorie dei martiri; qui viene celebrata la Messa, preceduta da una processione durante la quale vengono cantate le litanie dei santi.

    La prima delle stazioni quaresimali è prevista il Mercoledì delle Ceneri, come di consueto nella basilica di Santa Sabina all’Aventino, alle 16.30. Quindi, la settimana prosegue giovedì 3 marzo, alle 17 a San Giorgio al Velabro; venerdì 4 alle 17.30 ai Santi Giovanni e Paolo al Celio; sabato 5 alle 18 a Sant’Agostino in Campo Marzio; domenica 6 a San Giovanni in Laterano alle 17.15.

    fonte testo e foto
    Benedicat tibi Dominus et custodiat te!

  8. #28
    Cronista di CR L'avatar di gabrielearcangelo
    Data Registrazione
    Aug 2007
    Località
    Lecce
    Messaggi
    3,551
    Al Divino Amore giornata per le famiglie

    Gervasi, Rosini, Criscuoli domenica 6 marzo per la preghiera, riflessione e condivisione sul tema dell’Incontro mondiale.
    Il pellegrinaggio del 29 maggio


    Una giornata dedicata alle famiglie romane, in vista dell’Incontro mondiale che si terrà nella Città Eterna dal 22 al 26 giugno, sarà quella di domenica 6 marzo al Santuario del Divino Amore. Il Centro diocesano per la pastorale familiare propone infatti una mattinata di preghiera, riflessione e condivisione attorno al tema dell’evento di giugno: “L’amore familiare: vocazione e via di santità”.

    I partecipanti si ritroveranno alle 9 per l’accoglienza nell’auditorium, dove don Dario Criscuoli, direttore del Centro diocesano per la pastorale familiare, terrà una breve introduzione alla giornata. Poi, alle 9.30, al Santuario Nuovo, il vescovo Dario Gervasi, delegato diocesano per la Pastorale familiare, presiederà la celebrazione eucaristica. Le famiglie torneranno poi nell’auditorium per ascoltare, alle 10.45 circa, la catechesi di don Fabio Rosini, direttore del Servizio diocesano per le vocazioni. Per i bambini è previsto un servizio di babysitting. «Siamo entrati nel vivo della preparazione del X Incontro mondiale – riflette don Criscuoli – e Roma si prepara con gioia ed entusiasmo a vivere l’evento. Si tratta di accompagnare le comunità parrocchiali nel percorso di avvicinamento al mese di giugno, per questo si è pensato ad alcuni eventi preparatori, che vogliono servire da stimolo e da incoraggiamento per le singole famiglie e le parrocchie». E invita all’appuntamento seguente, previsto per domenica 29 maggio: un pellegrinaggio per le famiglie che partirà alle 17 dalla basilica di San Giovanni in Laterano. Da lì genitori, nonni e figli si metteranno in cammino verso la basilica di Santa Croce in Gerusalemme, poi ancora verso la vicina Santa Maria Maggiore per tornare infine alla cattedrale di Roma. «A Santa Maria Maggiore – annuncia il sacerdote – faremo un affidamento di tutte le famiglie alla Vergine Maria».

    “L’amore familiare: vocazione e via di santità…. In cammino verso il X Incontro mondiale delle famiglie” è il tema che farà da filo conduttore a entrambi gli appuntamenti. Iniziative analoghe stanno nascendo in tante diocesi del mondo perché l’evento di giugno, come stabilito da Papa Francesco, si svolgerà in forma «multicentrica e diffusa». Una novità pensata a causa della pandemia, ma che si sta rivelando una grande opportunità pastorale, rendendo protagoniste comunità locali, gruppi, associazioni. Tutti i sussidi pastorali per l’Incontro mondiale, preparati dalla diocesi di Roma e dal dicastero vaticano per i Laici, la famiglia e la vita, sono disponibili in diverse lingue e scaricabili gratuitamente dal sito internet: sette catechesi con altrettanti cortometraggi di accompagnamento, il vademecum, il logo, l’inno ufficiale “We believe in love” composto da monsignor Marco Frisina, l’immagine dipinta da padre Marco Ivan Rupnik.

    fonte




    Benedicat tibi Dominus et custodiat te!

  9. #29

  10. #30
    Cronista di CR L'avatar di gabrielearcangelo
    Data Registrazione
    Aug 2007
    Località
    Lecce
    Messaggi
    3,551
    Per il clero di Roma la liturgia penitenziale il 3 marzo

    Appuntamento nella basilica di San Giovanni in Laterano, giovedì 3 marzo alle ore 9.45, per tutti i presbiteri di Roma per «vivere la liturgia comunitaria della misericordia del Padre». L’invito arriva dal cardinale vicario Angelo De Donatis, che il 24 febbraio ha scritto ai sacerdoti e ai diaconi.

    «Sta per iniziare il tempo di Quaresima – esordisce il porporato – e ci prepariamo a viverlo nel modo migliore». Un tempo in cui «stiamo per ricevere – si legge ancora – la ricompensa per tutte le nostre fatiche pastorali, per tutto l’impegno e la dedizione con cui abbiamo affrontato questo tempo di pandemia e abbiamo aiutato gli altri ad affrontarlo. Non mi riferisco solo al fatto che, finalmente, possiamo con una certa sicurezza sperare che si ritorni ad una vita senza distanziamento e senza mascherine. La ricompensa promessa da Gesù per il tempo di Quaresima è di un altro genere, ci è donata nel segreto dello sguardo di Dio. È ancora una volta il dono, offertoci dal tempo di Quaresima, di rientrare in noi stessi e ricollocarci davanti al Signore, tra le braccia dell’abbraccio del Padre, per ricevere dal bacio della sua misericordia nuova vita e nuovo slancio».

    Ecco, allora, l’appuntamento di giovedì prossimo, durante il quale «ci aiuteranno a metterci davanti a Dio – spiega il cardinale De Donatis – le parole di Papa Francesco sulle quattro vicinanze del prete, un tema a lui e a noi molto caro e del quale ne ha parlato di recente in un discorso al “Simposio per una teologia fondamentale del sacerdozio” organizzato dalla Congregazione per i Vescovi. Sarà anche l’occasione – aggiunge – per rincontrarci tutti insieme e sentire l’abbraccio degli altri fratelli. Per molti è stato un tempo difficile, segnato da mille difficoltà. La consolazione che ci viene dall’affetto degli altri sarà una parte fondamentale della ricompensa che il Padre vorrà donarci».

    Leggi il testo integrale della lettera

    fonte
    Benedicat tibi Dominus et custodiat te!

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
>