Lo Staff del Forum dichiara la propria fedeltà al Magistero. Se, per qualche svista o disattenzione, dovessimo incorrere in qualche errore o inesattezza, accettiamo fin da ora, con filiale ubbidienza, quanto la Santa Chiesa giudica e insegna. Le affermazioni dei singoli forumisti non rappresentano in alcun modo la posizione del forum, e quindi dello Staff, che ospita tutti gli interventi non esplicitamente contrari al Regolamento di CR (dalla Magna Charta). O Maria concepita senza peccato prega per noi che ricorriamo a Te.
Pagina 1 di 8 123 ... UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 74

Discussione: Cronache dell'Arcidiocesi di Agrigento - 2022

  1. #1
    Iscritto L'avatar di Doctor Subtilis
    Data Registrazione
    Sep 2021
    Località
    Agrigento
    Messaggi
    435

    Cronache dell'Arcidiocesi di Agrigento - 2022

    Cronache dell'Arcidiocesi Metropolitana di Agrigento
    -
    Anno 2022
    Regione ecclesiastica:
    Sicilia
    Provincia ecclesiastica:
    Agrigento
    Diocesi suffraganee:
    Caltanissetta e Piazza Armerina
    Superficie:
    3.042 km²
    Erezione:
    I secolo
    Rito:
    Romano
    Santi Patroni:
    San Gerlando e Sant'Alfonso de' Liguori
    In spiritu et veritate oportet adorare.

  2. #2
    Iscritto L'avatar di Doctor Subtilis
    Data Registrazione
    Sep 2021
    Località
    Agrigento
    Messaggi
    435
    Arcivescovo Metropolita
    S.E. Rev.ma Mons. Alessandro Damiano
    Biografia
    S.E. Mons. Alessandro Damiano è nato a a Trapani il 13 luglio 1960. È stato ordinato diacono nella Basilica San Giovanni in Laterano il 25 ottobre del 1986, per l’imposizione delle mani e la preghiera consacratoria di S. Em. Cardinale Ugo Poletti. È stato ordinato presbitero nella Cattedrale San Lorenzo in Trapani, il 24 aprile 1987, da mons. Emanuele Romano. Ha conseguito Il Baccalaureato in Teologia presso la Pontificia Università Lateranense, Roma 1986; Specializzazione con Licenza in Teologia Morale presso l’Accademia Alfonsiana, Istituto Superiore di Teologia Morale, Roma 1995; Licenza in Diritto Canonico presso la Pontificia Università degli Studi San Tommaso, Roma 2002; parroco/Moderatore per la Prima unità pastorale, 20 settembre 1990; Vicario Giudiziale, Tribunale Ecclesiastico Diocesano – Trapani; Parroco della parrocchia Cristo Re, in Erice – Casa Santa dal 2003 al 2009; Parroco della parrocchia S. Teresa del Bambino Gesù, in Trapani dal 20.09.2009; Parroco della parrocchia Maria SS. Ausiliatrice, in Trapani – 20.12.2009. Papa Francesco, il 30.04.2020 lo nomina Arcivescovo coadiutore dell’Arcidiocesi di Agrigento. Il 05.09.2020, nella Basilica Cattedrale di Agrigento, mediante l’imposizione delle mani e la preghiera di ordinazione del card. Francesco Montenegro, arcivescovo di Agrigento, che ha presieduto la celebrazione e i vescovi mons. Pietro Maria Fragnelli, vescovo di Trapani e mons. Giuseppe Mani, arcivescovo emerito di Cagliari è stato ordinato vescovo. Il 22 maggio 2021, nella Cattedrale di Agrigento, al termine della messa Crismale, viene annunciato che Papa Francesco ha accetta la rinuncia al governo pastorale dell’Arcidiocesi Metropolitana di Agrigento presentata dal Card. Francesco Montenegro. Mons. Alessandro Damiano, finora Arcivescovo Coadiutore della medesima Arcidiocesi, contestualmente gli succede nel governo pastorale.
    In spiritu et veritate oportet adorare.

  3. #3
    Iscritto L'avatar di Doctor Subtilis
    Data Registrazione
    Sep 2021
    Località
    Agrigento
    Messaggi
    435
    Lo stemma
    Partito - semitroncato a sinistra:nel 1° d’azzurro, alla torre d’argento merlata di cinque pezzi, murata di nero aperta e finestrata del campo, fondata sul mare fasciato ondato d’argento e del campo di 8 pezzi e attraversata da una sbarra diminuita d’oro;nel 2° d’argento, al ramo di mandorlo reciso e fiorito al naturale;nel 3° d’oro, al melograno gambuto e fogliato di 4 pezzi al naturale.
    Il motto
    SERVARE UNITATEM SPIRITUS
    Le parole scelte da mons. Damiano per il proprio motto episcopale sono tratte dalla lettera agli Efesini di San Paolo apostolo laddove diceObsecro itaque vos ego, vinctus in Domino, ut digne ambuletis vocatione, qua vocati estis[...]solliciti servare unitatem spiritus in vinculo pacis...“Io dunque, il prigioniero del Signore, vi esorto a comportarvi in modo degno della vocazione che vi è stata rivolta, [...], sforzandovi di conservare l'unità dello Spirito con il vincolo della pace.”
    In spiritu et veritate oportet adorare.

  4. #4
    Iscritto L'avatar di Doctor Subtilis
    Data Registrazione
    Sep 2021
    Località
    Agrigento
    Messaggi
    435
    Arcivescovi Metropoliti Emeriti
    S.E. Rev.ma Mons. Carmelo Ferraro
    Biografia
    Nato a Santa Croce Camerina (RG), diocesi di Ragusa, il 12 settembre 1932; ordinato presbitero il 3 luglio 1955; eletto alla sede vescovile di Patti il 30 marzo 1978; ordinato vescovo il 13 maggio 1978; trasferito ad Agrigento il 3 novembre 1988; promosso arcivescovo il 2 dicembre 2000; divenuto emerito il 23 febbraio 2008.
    Sua Em.za Rev.ma Card. Francesco Montenegro
    Biografia
    Nato a Messina, arcidiocesi di Messina - Lipari - Santa Lucia del Mela, il 22 maggio 1946; ordinato presbitero l'8 agosto 1969; eletto alla Chiesa titolare di Aurusuliana e nominato ausiliare di Messina - Lipari - Santa Lucia del Mela il 18 marzo 2000; ordinato vescovo il 29 aprile 2000; promosso ad Agrigento il 23 febbraio 2008; da Francesco creato cardinale nel Concistoro del 14 febbraio 2015; divenuto emerito il 22 maggio 2021.
    In spiritu et veritate oportet adorare.

  5. #5
    Iscritto L'avatar di Doctor Subtilis
    Data Registrazione
    Sep 2021
    Località
    Agrigento
    Messaggi
    435
    Cenni Storici
    Sull’origine della Chiesa Agrigentina non possediamo notizie precise; ma i monumenti antichi, come le catacombe di Agrigento e Naro, le tombe sicuramente cristiane di parecchie zone del territorio e, soprattutto, la basilichetta paleocristiana rinvenuta dal Prof. Pietro Griffo a sud del tempio di Giunone, con le monete che vi si trovarono e altri reperti archeologici provenienti da varie zone della Provincia e dell’antica Diocesi, da Licata a Caltabellotta, da Agrigento a Canicattì, a Sutera, a Casteltermini, a Castronovo, ci danno la sicurezza storica della diffusione del cristianesimo nell’agrigentino, per lo meno, tra il II e III secolo.
    La tradizione del suo proto Vescovo San Libertino da collocare, almeno, tra il III e il IV secolo, già accettata da C. Mercurelli, anche se cronologicamente non la si può stabilire in età apostolica, può essere così confermata e forse anche fatta giungere alla fine del sec. II, o anche prima.
    Il Prof. Ernesto De Miro avanza la suggestiva ipotesi che la basilichetta cristiana sia una “memoria martyrum ” e che i due loculi paralleli del pavimento potrebbero essere stati i sepolcri di San Libertino e di San Pellegrino, perché la sua struttura originaria la pone più vicino alle sepolture del III secolo che alle basiliche costantiniane.
    Nel primo millennio cristiano, avanti la invasione araba (sec. IX), nel territorio della Diocesi fiorirono le Chiese di Agrigento e di Triocala. Di questa furono Vescovi San Pellegrino, Pietro, ricordato nelle lettere di San Gregorio Magno, Massimo che partecipò al Sinodo di S. Martino I (649), Gregorio che firmò gli atti del III Concilio Costantinopolitano (680-81) e Giovanni quelli del Niceno II (787).
    Tra i Vescovi agrigentini più sicuri del I millennio si ricordano Eusanio dei tempi di San Gregorio Magno, Potamione, Teodoro, Giorgio, Ermogene e San Gregorio Agrigentino (559-630), autore di un commento all’Ecclesiaste, per cui è considerato “l’ultimo grande esegeta della patristica greca, come Gregorio Magno lo è di quella latina” (Sandro Leanza).
    Dopo la dominazione araba che distrusse quasi ogni traccia del cristianesimo, il nostro popolo fu rievangelizzato da San Gerlando di Besançon (circa 1030-1100), che fu il primo Vescovo del II millennio cristiano.
    La Diocesi di Agrigento, anche se nel 1844, durante il pontificato di Gregorio XVI, per un nuovo ordinamento di confini, cedette 13 Comuni per la formazione della Diocesi di Caltanissetta, 5 all’Archidiocesi di Monreale e uno all’Archidiocesi di Palermo, rimane una delle più vaste della Sicilia.
    Si estende su una superficie di Kmq. 3.052,59 e i suoi confini corrispondono a quelli dell’ex Provincia di Agrigento e ne abbraccia tutti i 43 Comuni.
    Situata nella parte sud-occidentale della Sicilia, è delimitata a sud da un lungo tratto della costa mediterranea che va da Licata a Portopalo di Menfi, quasi a contatto con le rovine classiche di Selinunte, a est confina con la Diocesi di Piazza Armerina, a nord-est con la Diocesi di Caltanissetta, a nord con le Archidiocesi di Palermo e Monreale e a nord-ovest con la Diocesi di Mazara del Vallo.
    Il 2 dicembre 2000 in forza della bolla Ad maiori consulendum di papa Giovanni Paolo II la sede agrigentina è stata elevata a sede arcivescovile e metropolitana con suffraganee le diocesi di Caltanissetta e Piazza Armerina.
    In spiritu et veritate oportet adorare.

  6. #6
    Iscritto L'avatar di Doctor Subtilis
    Data Registrazione
    Sep 2021
    Località
    Agrigento
    Messaggi
    435
    Cronotassi dei Vescovi
    San Libertino † (I-II secolo)
    San Gregorio I †
    Macario †
    San Potamio † (nel 570)
    Eusanio † (570 – 580 deposto)
    Teodoro o Teodosio † (prima del 590 deceduto)
    San Gregorio II † (prima del 591 – dopo il 603)
    Esilirato †
    Liberio † (menzionato nel 616)
    Massimo † (menzionato nel 649)
    Felice † (menzionato nel 651)
    Gregorio (o Giorgio) † (menzionato nel 678/681)
    Giovanni † (menzionato nel 787)
    Sant’Ermogene † (circa 800)
    Dominazione araba
    San Gerlando† (1088 – 1100)
    Drogone † (1100 – 1104)
    Alberto † (1104 – 1105)
    Guarino, O.S.B. † (1105 – 1128 ?)
    Gualtiero I † (1128 – 17 aprile circa 1141 deceduto)
    Rogerio † (1142)
    Gentile † (1154 – 1171 deceduto)
    Bartolomeo † (1171 – 1191 nominato arcivescovo di Palermo)
    Urso † (1191 – 1239 deceduto)
    Rainaldo D’Acquaviva † (1240 – circa 1264 deceduto)
    Goffredo, O.F.M. † (1265 – 28 gennaio 1271 deceduto)
    Guglielmo de Morina † (1271 – 1272)
    Guido † (2 giugno 1273 – agosto 1274 deceduto)
    Gualtiero II † (1278) (substitus episcopi)
    Goberto † (1275 – 23 agosto 1286 nominato vescovo di Capaccio)
    Lamberto, O.S.A. † (1287 – 1294 deceduto)
    Roberto † (1298 – 1302) (amministratore apostolico)
    Bertoldo di Labro † (10 gennaio 1304 – circa 27 marzo 1326 deceduto)
    Giacomo Musca † (1326 – 1326 deceduto) (vescovo eletto)
    Matteo Orsini, O.P. † (20 ottobre 1326 – 15 giugno 1327 nominato vescovo di Manfredonia)
    Filippo Hambaldi, O.P. † (6 giugno 1328 – circa 1348 deceduto)
    Ottaviano di Labro † (12 maggio 1350 – 8 novembre 1362 nominato arcivescovo di Palermo)
    Matteo de Fugardo † (16 marzo 1362 – 1390 o 1392 deceduto)
    Gilforte Riccobono † (6 marzo 1392 – 23 ottobre 1395 nominato arcivescovo di Palermo)
    Pietro de Corti, O.S.A. † (2 giugno 1393) (antivescovo)
    Nicolò, O.S.B. † (1395 – 23 agosto 1398 nominato vescovo di Orvieto)
    Nicolò de Burellis † (3 giugno 1398 – 1400 deceduto)
    Giovanni Cardella † (19 ottobre 1400 – 1401 nominato vescovo di Castro)
    Giovanni de Pinu, O.F.M. † (1º ottobre 1401 – 1412 ?)
    Filippo de Ferrario, O.Carm. † (4 luglio 1414 – 1421)
    Lorenzo di Mesassal, O.Cist. † (16 marzo 1422 – 1441 deceduto)
    Bernardo Bosco † (1442) (vescovo eletto)
    Beato Matteo de Gallo e Gimarra o Gimena, O.F.M. † (17 settembre 1442 – 1445 dimesso)
    Antonio Ponticorona, O.P. † (23 luglio 1445 – circa 1451 deceduto)
    Domenico Xarth, O.Cist. † (10 gennaio 1452 – 1471 deceduto)
    Giovanni de Cardellis, O.S.B. † (11 dicembre 1472 – febbraio 1479 deceduto)
    Juan de Castro † (19 febbraio 1479 – 2 ottobre 1506 deceduto)
    Giuliano Cybo † (5 ottobre 1506 – circa 1537 deceduto)
    Pietro Tagliavia d’Aragona † (28 maggio 1537 – 10 ottobre 1544 nominato arcivescovo di Palermo)
    Rodolfo Pio di Carpi † (10 ottobre 1544 – 2 maggio 1564 deceduto) (amministratore apostolico)
    Luigi Suppa, O.P. † (13 aprile 1565 – 29 settembre 1569 deceduto)
    Giovanni Battista de Hogeda (Juan Bautista Ojeda) † (27 agosto 1571 – 1574 deceduto)
    Cesare Marullo † (14 luglio 1574 – 11 settembre 1577 nominato arcivescovo di Palermo)
    Giovanni de Roxas (Juan Rojas) † (9 ottobre 1577 – 21 maggio 1578 deceduto)
    Antonio Lombardo † (30 marzo 1579 – 23 gennaio 1585 nominato arcivescovo di Messina)
    Diego Haëdo † (23 gennaio 1585 – 14 agosto 1589 nominato arcivescovo di Palermo)
    Luigi de Amato † (1589 – 1590 deceduto) (vescovo eletto)
    Francesco del Pozzo † (23 gennaio 1591 – 7 marzo 1593 deceduto)
    Juan Orozco Covarrubias y Leiva † (2 dicembre 1594 – 16 gennaio 1606 nominato vescovo di Guadix)
    Vincenzo Bonincontro, O.P. † (25 giugno 1607 – 27 maggio 1622 deceduto)
    Ottavio Ridolfi † (20 marzo 1623 – 16 luglio 1624 deceduto)
    Francesco Traina † (2 marzo 1627 – 4 ottobre 1651 deceduto)
    Ferdinando Sanchez de Cuellar, O.S.A. † (26 maggio 1653 – 4 gennaio 1657 deceduto)
    Francesco Gisulfo e Osorio † (30 settembre 1658 – 17 dicembre 1664 deceduto)
    Ignazio d’Amico † (15 dicembre 1666 – 15 dicembre 1668 deceduto)
    Johann Eberhard Nidhard, S.J. † (1671 – 16 novembre 1671 nominato arcivescovo titolare di Edessa di Osroene) (vescovo eletto)
    Francesco Giuseppe Crespos de Escobar † (2 maggio 1672 – 17 maggio 1674 deceduto)
    Francesco Maria Rini, O.F.M. † (19 ottobre 1676 – 4 agosto 1696 deceduto)
    Francesco Ramírez, O.P. † (26 agosto 1697 – 27 agosto 1715 deceduto)
    Sede vacante (1715-1723)
    Anselmo de la Peña, O.S.B. † (27 settembre 1723 – 4 agosto 1729 deceduto)
    Lorenzo Gioeni d’Aragona † (11 dicembre 1730 – ottobre 1754 deceduto)
    Andrea Lucchesi Palli † (21 luglio 1755 – 4 ottobre 1768 deceduto)
    Antonio Lanza, C.R. † (20 novembre 1769 – 24 maggio 1775 deceduto)
    Antonio Branciforte Colonna † (15 aprile 1776 – 31 luglio 1786 deceduto)
    Antonio Cavaleri † (15 settembre 1788 – 11 dicembre 1792 deceduto)
    Saverio Granata, C.R. † (1º giugno 1795 – 29 aprile 1817 deceduto)
    Baldassare Leone † (2 ottobre 1818 – 22 luglio 1820 deceduto)
    Pietro Maria d’Agostino † (17 novembre 1823 – 18 luglio 1835 deceduto)
    Ignazio Montemagno, O.F.M.Conv. † (2 ottobre 1837 – 21 agosto 1839 deceduto)
    Sede vacante (1839-1844)
    Domenico Maria Lo Jacono, C.R. † (17 giugno 1844 – 24 marzo 1860 deceduto)
    Sede vacante (1860-1872)
    Domenico Turano † (23 febbraio 1872 – 2 febbraio 1885 deceduto)
    Gaetano Blandini † (2 febbraio 1885 succeduto – 19 maggio 1898 deceduto)
    Bartolomeo Lagumina † (28 novembre 1898 – 5 maggio 1931 deceduto)
    Giovanni Battista Peruzzo, C.P. † (15 gennaio 1932 – 20 luglio 1963 deceduto)
    Giuseppe Petralia † (14 ottobre 1963 – 2 maggio 1980 dimesso)
    Luigi Bommarito † (2 maggio 1980 – 1º giugno 1988 nominato arcivescovo di Catania)
    Carmelo Ferraro (3 novembre 1988 – 23 febbraio 2008 ritirato)
    Francesco Montenegro (23 febbraio 2008- 22 Maggio 2021)
    Alessandro Damiano , dal 22 Maggio 2021
    In spiritu et veritate oportet adorare.

  7. #7
    Iscritto L'avatar di Doctor Subtilis
    Data Registrazione
    Sep 2021
    Località
    Agrigento
    Messaggi
    435
    Il territorio
    L'arcidiocesi di Agrigento (in latino: Archidioecesis Agrigentina) è una sede metropolitana della Chiesa cattolica in Italia appartenente alla regione ecclesiastica Sicilia. Nel 2020 contava 410.330 battezzati su 434.870 abitanti. Sede arcivescovile è la città di Agrigento, dove si trova la cattedrale di San Gerlando. In città si trova anche l'antica cattedrale bizantina, oggi chiesa di Santa Maria dei Greci. In arcidiocesi sorgono tre basiliche minori: la basilica dell'Immacolata ad Agrigento, la basilica di Maria Santissima del Soccorso a Sciacca, e la basilica di San Calogero a Monte di Sciacca. Allo stesso santo è dedicata una chiesa ad Agrigento, dichiarata santuario diocesano nel 1972. Il territorio dell'arcidiocesi corrisponde a quello del Libero consorzio comunale di Agrigento ed è uno dei più vasti della Sicilia. Si estende su una superficie di 3.041,89 km² ed è suddiviso 10 Vicariati foranei raggruppati in 5 Zone pastorali.
    Zona 1-San Gerlando:
    - Vicariato foraneo di Agrigento
    - Vicariato foraneo di Aragona
    - Vicariato foraneo di Porto Empedocle
    Zona 2-Sant'Angelo:
    - Vicariato foraneo di Licata
    Zona 3-Padre Gioacchino La Lomia:
    - Vicariato foraneo di Canicattì
    - Vicariato foraneo di Ravanusa
    Zona 4-San Giacinto Giordano Ansalone:
    - Vicariato foraneo di Cammarata
    - Vicariato foraneo di Santo Stefano Quisquina
    Zona 5-San Calogero:
    - Vicariato foraneo di Ribera
    - Vicariato foraneo di Sciacca
    In spiritu et veritate oportet adorare.

  8. #8
    Iscritto L'avatar di Doctor Subtilis
    Data Registrazione
    Sep 2021
    Località
    Agrigento
    Messaggi
    435
    La CattedraleCattedrale di San Gerlando
    In spiritu et veritate oportet adorare.

  9. #9
    Iscritto L'avatar di Doctor Subtilis
    Data Registrazione
    Sep 2021
    Località
    Agrigento
    Messaggi
    435
    Beato Matteo (patrono del Settimanale diocesano), Lettera del Vicario: gli auguri e un invito
    In data 7 gennaio 2022, memoria liturgica del Beato Matteo, patrono del Settimanale diocesano, “L’Amico del Popolo”, il Vicario Generale, don Giuseppe Cumbo, ha indirizzato una lettera alla Chiesa agrigentina, pubblicata nel seguente link:
    In spiritu et veritate oportet adorare.

  10. #10
    Iscritto L'avatar di Doctor Subtilis
    Data Registrazione
    Sep 2021
    Località
    Agrigento
    Messaggi
    435
    Arcidiocesi di Agrigento: sarà sospeso l’ufficio di padrino e di madrina nella celebrazione dei sacramenti del battesimo e della confermazione
    A comunicarlo è l’Arcivescovo di Agrigento, mons. Alessandro Damiano in una lettera, datata 9 gennaio 2022, indirizzata ai Presbiteri, ai Diaconi, ai Religiosi, agli Operatori pastorali e a tutti i Fedeli della Chiesa Agrigentina.
    Per maggiori informazioni andare nel seguente link:
    In spiritu et veritate oportet adorare.

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
>