Lo Staff del Forum dichiara la propria fedeltà al Magistero. Se, per qualche svista o disattenzione, dovessimo incorrere in qualche errore o inesattezza, accettiamo fin da ora, con filiale ubbidienza, quanto la Santa Chiesa giudica e insegna. Le affermazioni dei singoli forumisti non rappresentano in alcun modo la posizione del forum, e quindi dello Staff, che ospita tutti gli interventi non esplicitamente contrari al Regolamento di CR (dalla Magna Charta). O Maria concepita senza peccato prega per noi che ricorriamo a Te.
Pagina 10 di 11 PrimaPrima ... 891011 UltimaUltima
Risultati da 91 a 100 di 110

Discussione: Cronaca della Arcidiocesi Metropolitana di Modena-Nonantola - Anno 2022

  1. #91
    Cronista di CR L'avatar di Carpense
    Data Registrazione
    Nov 2014
    Località
    Carpi
    Messaggi
    3,298

    FIORANO - VERSO l'8 SETTEMBRE

    INIZIANO I PREPARATIVI PER LA FESTA DELLA MADONNA

    NOVENA IN PREPARAZIONE ALLA SOLENNITA DELLA BEATA VERGINE DEL CASTELLO DI FIORANO



    A parte alcuni anni della dominazione napoleonica, si svolge ininterrottamente dal 1639 la Festa in onore della Beata Vergine del Castello di Fiorano, nel giorno dello 8 Settembre, nel quale si celebra la Natività di Maria.

    Quel giorno fedeli e pellegrini affluiscono al Santuario e gli stessi Fioranesi sono pellegrini di un cammino, seppure breve fra il centro del paese e il colle, sempre coinvolgente perché al Santuario si va, non ci si passa.

    Il pellegrinaggio è anche la caratteristica della Novena che prepara alla festa, un percorso nelle vie fioranesi e spirituale che inizia con una processione che parte da un diverso quartiere alle ore 20 o da una vicina parrocchia, con arrivo alla basilica alle ore 20.30 per la celebrazione della Messa.
    Lunedì 29 agosto la processione parte dalloratorio della Madonna del Ponte, in Via Gramsci. Martedì 30 agosto arriva da Sassuolo un pellegrinaggio a cui si uniscono i Fioranesi presso lanfiteatro del Parco Fabrizio De Andrè, di fronte al Ristorante Touring .
    Mercoledì 30 agosto si parte dalla maestà di via Poliziano; giovedì 1 settembre: da Piazza dei Ciliegi; venerdì 2 settembre dalla maestà di via Magellano.
    Sabato 3 settembre, la Messa della novena è alle ore 19, preceduta alle ore 17.30 da una catechesi su Maria donna Sinodale e alle ore 18,30 dalla recita del Rosario.
    Domenica 4 settembre la Messa è alle ore 17.30, seguita dalla Liturgia Penitenziale (E possibile ottenere lindulgenza plenaria attraverso la confessione, la comunione sacramentale, la recita del Credo, del Pater, Ave e Gloria secondo le intenzioni del Pontefice.
    Lunedì 5 settembre la processione parte da Villa Pace, mentre martedì 6 settembre è la parrocchia di Spezzano a venire in pellegrinaggio a piedi; il ricongiungimento con i Fioranesi è presso I Parioli, davanti alla farmacia Bavutti, per proseguire insieme.
    Mercoledì 7 settembre, i solenni vespri alle ore 20 precedono lincoronazione dellImmagine miracolosa e, alle ore 20,30, la Messa.
    Come scrive il parroco Don Antonio Lumare: L8 settembre del 2021 è stato un momento di festa, con la speranza che fosse lultimo della pandemia. Mai avrei pensato che la celebrazione della Natività di Maria per lanno 2022, avverrà con la guerra in Ucraina e linvasione russa, la caduta del governo, i disastri ambientali e il cambiamento climatico, laumento speculativo dei prezzi e dellinflazione iniziato ben prima della guerra. La situazione ci appare più grave dellanno scorso. Di fronte a questo scenario, la festa della Natività della Beata Vergine Maria allarga il nostro orizzonte; porta il nostro sguardo alle cose eterne. Ci ricorda che Dio ha tanto amato il mondo da donare il suo figlio, perché la nascita di Maria, per noi, è festa in quanto ordinata allincarnazione del Verbo. Così il Signore risveglia in noi, che troppe volte ci appiattiamo sulle cose del tempo che viviamo, il desiderio delle cose grandi. Il desiderio di santità, il desiderio di una speranza che non muore anche di fronte alla morte (virus, guerre, economie disumane), perché la nostra speranza è fondata nei cieli”.
    Sono cambiati i tempi e i modi, ma il santuario continua ad essere un rifugio di conforto, di silenzio, di speranza soprattutto in momenti di incertezza e fatica - ed è proprio dallImmagine Miracolosa e dalla domanda di Dio che alberga in ogni uomo, che l8 Settembre trova il suo motivo di continuare il cammino secolare; lesteriorità, i lustrini, i fuochi artificiali e le altre iniziative sono il contorno, ma lo zoom è su quella Immagine, quella (Ma)donna, il suo bambino e il soldatino, che siamo noi.

    Autore: Paolo Ruini
    paoloruini@canaledisecchia.it

    (FONTE: dal sito - Portale "Canale di Secchia")
    Virtus ex Alto

  2. #92
    Cronista di CR L'avatar di Carpense
    Data Registrazione
    Nov 2014
    Località
    Carpi
    Messaggi
    3,298

    8 settembre - L’Arcivescovo Erio a Fiorano


    (Immagine relativa al 2020)

    Come da tradizione consolidata sarà l’Arcivescovo di Modena a presiedere la solenne concelebrazione e la processione che segue presso la Basilica Santuario di Fiorano Modenese nella solennità della Natività di Maria SS. il giorno 8 settembre a partire dalle 17,30 e sino alle ore 19,00 circa.
    Il programma completo delle celebrazioni in onore della B.V. del Castello di Fiorano è riportato nel precedente post di questa cronaca diocesana.
    Virtus ex Alto

  3. #93
    Cronista di CR L'avatar di Carpense
    Data Registrazione
    Nov 2014
    Località
    Carpi
    Messaggi
    3,298

    Santuario di San Clemente – Bastiglia (MO)



    FESTA DELLA NATIVITÀ DI MARIA - 2022

    TRIDUO DI PREPARAZIONE

    - lunedì 5 settembre ore 20,00 pellegrinaggio partendo dalla chiesa parrocchiale di Bastiglia e S. Messa al Santuario

    - martedì 6 settembre S. Messa ore 20,30
    - mercoledì 7 settembre S. Messa ore 20,30

    8 SETTEMBRE 2022

    • Ore 8 S. Messa a cura delle parrocchie di Bomporto e Sorbara
    • Ore 9 S. Messa
    • Ore 10 S. Messa a cura della parrocchia di Albareto
    • Ore 11 S. Messa presieduta da don Mario, parroco di Bastiglia e priore del Santuario
    • Ore 17,30 S. Rosario
    • Ore 18 S. Messa a cura della parrocchia di S. Matteo
    • Ore 20 S. Messa

    NELLA GIORNATA SARANNO APERTE LA PESCA DI BENEFICENZA E LA BANCARELLA DEI LIBRI

    (Fonte: sito della Parrocchia di Bastiglia)
    Virtus ex Alto

  4. #94
    Cronista di CR L'avatar di Carpense
    Data Registrazione
    Nov 2014
    Località
    Carpi
    Messaggi
    3,298

    Il 1° settembre è iniziato il Tempo dedicato alla cura della casa comune

    <<IL TEMPO DEL CREATO È UN MOMENTO PER RINNOVARE LA NOSTRA RELAZIONE CON IL NOSTRO CREATORE E TUTTO IL CREATO ATTRAVERSO LA CELEBRAZIONE, LA CONVERSIONE E L’IMPEGNO INSIEME. DURANTE QUESTO TEMPO, CI UNIAMO AI NOSTRI FRATELLI E SORELLE NELLA FAMIGLIA ECUMENICA, NELLA PREGHIERA E NELL’AZIONE PER LA NOSTRA CASA COMUNE.>>

    L'IMPEGNO DELLA NOSTRA ARCIDIOCESI

    «I cieli narrano la gloria di Dio, l’opera delle sue mani annuncia il firmamento. Il giorno al giorno ne affida il racconto e la notte alla notte ne trasmette notizia… senza che si oda la loro voce, per tutta la terra si diffonde il loro annuncio e ai confini del mondo il loro messaggio» (Salmo 19, 2-5). Durante il Tempo del Creato, iniziato lo scorso 1° settembre, la nostra preghiera sarà in particolare per ascoltare le voci di coloro che sono messi a tacere. Nella diocesi di Modena-Nonantola l’Ufficio per la pastorale sociale e del lavoro, di concerto con l’Ufficio per l’ecumenismo e il dialogo interreligioso, il «Laboratorio per le parrocchie sostenibili» e la parrocchia di Castelnuovo Rangone organizzano un tempo lungo oltre un mese intenso di attività, eventi, riflessioni e momenti artistici.

    Il simbolo scelto quest’anno è il roveto ardente. In una Europa e in un mondo percorsi da devastanti incendi, quale segno, tra i tanti, della drammatica emergenza climatica, occorre fare i conti con la incapacità della nostra specie di prendere adeguata coscienza della gravità della situazione. Il crepitio del fuoco è il segno della distruzione per eccellenza: dove passa il fuoco per moltissimo tempo nulla risorge, una città la si annienta mettendola a ferro e fuoco. Piante, animali, ambienti interi e la terra stessa, sono dapprima annientate dalla forza del fuoco per poi risorgere, solo dopo, diverse e trasformate. Il fuoco che chiamò Mosè mentre pascolava il gregge sul monte Oreb, al contrario, non consumò né distrusse il roveto. Questa fiamma dello Spirito ha rivelato la presenza di Dio. Questo fuoco sacro ha affermato che Dio ha ascoltato le grida di tutti coloro che hanno sofferto e ha promesso di restare con noi, mentre perseguivamo fedelmente la nostra liberazione dall’ingiustizia.

    In questo tempo speciale siamo chiamati quindi ad ascoltare la voce del Creato e ad adottare tutte quelle azioni e quei comportamenti che sono propri della vita, insieme, sulla terra e nella casa comune che il Padre ci ha dato. Il Tempo del Creato è un momento per rinnovare la nostra relazione con il nostro Creatore e tutto il creato attraverso la celebrazione, la conversione e l’impegno insieme. Durante questo tempo, ci uniamo ai nostri fratelli e sorelle nella famiglia ecumenica, nella preghiera e nell’azione per la nostra casa comune. Il Patriarca ecumenico Dimitrios I nel 1989 ha proclamato, per gli ortodossi, il 1° settembre «Giornata di preghiera per il creato». In effetti, l’anno liturgico della chiesa ortodossa inizia quel giorno con una commemorazione di come Dio creò il mondo. Seguendo la guida del Patriarca ecumenico Dimitrios I e del Consiglio mondiale delle Chiese, i cristiani di tutto il mondo hanno abbracciato questo tempo come parte integrante del proprio calendario annuale.

    Papa Francesco lo ha accolto nella Chiesa cattolica romana e reso ufficiale nel 2015, anno in cui è sta- ta data anche la Laudato si’, lettera enciclica sulla cura della casa comune. Negli ultimi anni, dichiarazioni di leader reli- giosi di tutto il mondo hanno anche incoraggiato i fedeli a prendersi del tem- po per occuparsi del creato durante questo mese di celebrazione.

    IL TEMPO DEL CREATO INIZIA IL 1° SETTEMBRE, GIORNATA MONDIALE DI PREGHIERA PER LA CURA DEL CREATO, HA UN SUO APICE IL 4 OTTOBRE, FESTA DI SAN FRANCESCO D’ASSISI, PA- TRONO DELL’ECOLOGIA AMATO DA MOLTE CONFESSIONI CRISTIANE, E PER LA NOSTRA DIOCESI CULMINA E TERMINA IL 9 OTTOBRE CON UNA CELEBRAZIONE DI PREGHIERA ECUMENICA AL PARCO JOHN LENNON PRESSO LA PARROCCHIA SAN CELESTINO DI CASTELNUOVO RANGONE. DURANTE questo mese di celebrazione, ol- tre due miliardi di cristiani del mondo si riuniscono per prendersi cura della no- stra casa comune. Nella nostra diocesi vivremo un momento in comune con le nostre sorelle ed i nostri fratelli delle altre confessioni cristiane per pregare, riflettere, renderci consapevoli, agire. Il programma della attività sarà pubblicato nel prossimo numero di «Nostro Tempo».
    _____________________
    Fonte: sito dell'Arcidiocesi
    Virtus ex Alto

  5. #95
    Cronista di CR L'avatar di Carpense
    Data Registrazione
    Nov 2014
    Località
    Carpi
    Messaggi
    3,298

    I cento anni degli scout a Modena

    I CENTO ANNI DEGLI SCOUT - IN CORSO LE CELEBRAZIONI

    Cento anni col fazzolettone al collo all’ombra della Ghirlandina, cento anni di solidarietà, di servizio ed impegno civile, di tende, di calzettoni di lana e pantaloncini corti; gli scout modenesi si preparano a celebrare il loro primo centenario. Il 9, il 10 e l’11 di settembre infatti i nove gruppi cittadini di Modena, insieme a quelli di tutta la provincia, invaderanno le strade della nostra città per spegnere le prime cento candeline dello scoutismo modenese.
    Dal 1922, quando pochi giovani rover decisero di seguire le orme di sir.Baden Powell, fondatore del movimento scoutistico internazionale, al ritorno in uniforme nel 1945, dopo la fine della seconda guerra mondiale, fino ad oggi, Modena è stata casa di chi, con il fazzolettone al collo, vive la sua vita nel servizio.

    In migliaia, in questi primi cento anni, hanno indossato l’uniforme, un tempo grigio verde militare ed oggi azzurra, con l’intento di mantenere i valori di fratellanza e pace della legge scout. Il weekend dal 9 all’11 di settembre rappresenterà quindi un momento di ricordo, festa e celebrazione di un movimento giovanile che ha segnato generazioni su generazioni nel nostro territorio, in tutta Italia, in tutto il mondo. Per tre giorni infatti, presso il parco della Resistenza a Modena, saranno allestiti una serie di spazi che conterranno il grande numero di giovani scout che parteciperanno a questa importante manifestazione. Il programma delle attività è fittissimo e si aprirà con una serata davvero speciale venerdì 9 settembre. I ragazzi della pattuglia «Bene Possibile», che in questo ultimo anno hanno lavorato a stretto contatto con le amministrazioni politiche e sociali del nostro territorio, adoperandosi per cercare di portare a termine alcuni dei punti definiti dall’Agenda 2030 dell’Onu, presenteranno infatti una sorta di magna longa internazionale. Durante la cena dunque verranno presentati i piatti tipici delle tante comunità straniere che sono presenti sul nostro territorio, dando la possibilità a tutti di apprezzare i sapori ed i colori delle culture culinarie più svariate. Un momento quindi di integrazione sociale, fronte su cui gli scout modenesi sono da sempre molto attivi.

    Per concludere la serata si potrà assistere alconcerto dei «Una Band a casu», aperto solo per i ragazzi dei Clan (dai 16 ai 21 anni circa).

    La giornata di sabato invece sarà segnata da un evento davvero unico presso l’area spettacoli allestita nel parco della Resistenza. Alle ore 21 andrà infatti in scena lo spettacolo «Cantando con le Aquile Randagie», in cui verranno raccontati, attraverso il linguaggio artistico del teatro, il valore ed il coraggio di chi perpetrò lo scoutismo clandestino durante il regime fascista. Tuttavia il fulcro principale del centenario modenese, aperto a tutti i tesserati ed ex-tesserati Agesci, ma anche a chiunque voglia passare una giornata di festa, sarà domenica 11 settembre.

    Dalle 9 di mattina infatti fino al tardo pomeriggio, si susseguiranno una serie di attività, tavole rotonde e laboratori che tratteranno le tematiche più varie e che intratterranno tutti i ragazzi dei vari gruppi della provincia, dai più piccoli fino agli adolescenti. L’intero evento si concluderà con la Messa presieduta dal vescovo Erio Castellucci, in cui, oltre ai capi provinciali Agesci, saranno presenti i rappresentanti delle massime cariche pubbliche, politiche e militari del nostro territorio.

    Vivere lo scoutismo è da sempre una sfida importante ed il centenario degli scout modenesi sarà proprio questo: una sfida. Un modo per ricordare alla cittadinanza modenese la loro presenza sul territorio, per uscire dalle loro parrocchie, per tornare a vivere la vita di comunità, fondamentale nel metodo scout, dopo le tante difficoltà del Covid, senza maschere, senza paura, ma con il fazzolettone al collo.
    ______________________
    FONTE: sito dell'Arcidiocesi
    Virtus ex Alto

  6. #96
    Cronista di CR L'avatar di Carpense
    Data Registrazione
    Nov 2014
    Località
    Carpi
    Messaggi
    3,298

    Nuove nomine in Diocesi

    LE NUOVE NOMINE DELL’ARCIVESCOVO ERIO CASTELLUCCI



    Nelle ultime settimane, l’arcivescovo-abate Erio Castellucci ha provveduto a diverse nomine per quanto concerne il Capitolo Metropolitano e il governo pastorale di alcune comunità parrocchiali.
    Per il Capitolo, costituito dai sacerdoti ai quali compete l’officiatura solenne della Cattedrale, nonché l’amministrazione della medesima e delle sue pertinenze, l’arcivescovo ha nominato quali nuovi canonici don Gian Paolo Sambri, don Claudio Arletti e don Carlo Bertacchini. L’arcivescovo ha inoltre nominato arciprete del Capitolo dei canonici della Basilica Metropolitana il canonico Giuliano Gazzetti, vicario generale. Monsignor Castellucci ha inoltre nominato don Maurizio Trevisan, che è vicario episcopale per l’ambito pastorale e rettore del Seminario metropolitano, quale amministratore parrocchiale delle comunità di Castagneto, Iddiano, Montorso, Niviano e Verica, nel pavullese. Don Davide Cerfogli, già vicario parrocchiale a Pavullo, è stato nominato vicario parrocchiale per le parrocchie spilambertesi di Sant’Adriano III Papa e San Giovanni Battista, con particolare mandato per la pastorale dei ragazzi e dei giovani. Anche Zocca ha un nuovo vicario parrocchiale: si tratta di don Andrzej Adam Dudek, del clero diocesano di Tarnow (Polonia), nominato vicario delle parrocchie di Zocca, Ciano, Missano, Montalbano, Monteombraro, Montetortore e Rosola. Sono sei parrocchie rette dal parroco don Marcin Andrzej Wojciechowski, che dallo scorso 22 agosto ne ha assunto anche l’incarico di legale rappresentante a seguito del conferimento della cittadinanza italiana. La parrocchia della Beata Vergine Addolorata in Modena si prepara ad accogliere quale collaboratore nell’ambito pastorale dei ragazzi, dei giovani e delle famiglie padre Daniele Gaiola, sacerdote della Comunità Dehoniana di Modena.
    ______________________
    (Fonte: sito dell'Arcidiocesi)
    Virtus ex Alto

  7. #97
    Cronista di CR L'avatar di Carpense
    Data Registrazione
    Nov 2014
    Località
    Carpi
    Messaggi
    3,298

    Gli arcivescovi Castellucci e Morandi al Santuario della Madonna del Murazzo

    TORNA LA SAGRA DELLA MADONNA DEL MURAZZO

    Torna la sagra della Madonna del Murazzo.

    Questi gli appuntamenti principali: giovedì 15, venerdì 16 e sabato 17, in occasione del Triduo di preparazione, si terrà alle 17.30, la devozione alla Madonna del Murazzo. GIOVEDÌ ALLE 18.30, LA MESSA SARÀ PRESIEDUTA DA GIACOMO MORANDI, VESCOVO DI REGGIO EMILIA-GUASTALLA. Venerdì celebrerà Maurizio Trevisan, vicario episcopale; a seguire, Francesco Sala presenterà il libro «Il ladro dei miracoli». Sabato la Messa sarà presieduta da don Mattia Ferrari, seguirà una testimonianza. DOMENICA 18 SETTEMBRE alle 12 la Messa sarà celebrata da padre Luigi Carletti, rettore del Santuario della Madonna del Murazzo; alle 17 verrà inaugurato l’organo restaurato e il Vespro musicale sarà eseguito dalla Corale Puccini, diretta dal maestro Saguatti. ALLE 18.30 MESSA SOLENNE PRESIEDUTA DAL VESCOVO CASTELLUCCI ;a seguire cena e serata di osservazione astrornomica.
    ___________________________
    Fonte: sito dell'Arcidiocesi
    Virtus ex Alto

  8. #98
    Cronista di CR L'avatar di Carpense
    Data Registrazione
    Nov 2014
    Località
    Carpi
    Messaggi
    3,298

    Un significativo evento

    ACCOGLIENZA: MONS. CASTELLUCCI E LA CARITAS DIALOGANO CON LE AUTORITÀ

    Domenica 18 settembre a San Pio X si terrà il più importante di una serie di appuntamenti organizzati dalla Caritas diocesana

    Poco più di sei mesi fa si consumava l’invasione russa del territorio ucraino, e l’apertura di un nuovo conflitto «alle porte di casa»; pochi giorni dopo iniziava il viaggio di centinaia di migliaia di donne e bambini che, fuggendo dalla guerra, cercavano accoglienza nei paesi occidentali. Iniziava anche una generosa gara di solidarietà in Italia e nel nostro territorio modenese. Mai la Caritas locale aveva ricevuto quasi un migliaio di telefonate di candidati ad un’accoglienza per compassione e senso di solidarietà verso chi si vedeva costretto a migrare forzatamente, lasciando affetti, case e lavoro. Dopo mesi di prassi concrete di accoglienza, abbiamo proposto una serie di eventi dall’8 a il 18 Settembre per mettere a fuoco gli apprendimenti che abbiamo fatto, accoglienti, accolti e comunità cristiane in queste esperienze. Una mostra fotografica e una serie di appuntamenti che avranno come filo rosso un interrogativo «Accoglienza: dono o contratto?».
    TUTTO CULMINERÀ NELL’EVENTO DI DOMENICA 18 SETTEMBRE, ALLE 14.30, NELLA PARROCCHIA DI SAN PIO X CHE VEDRÀ DIALOGARE LA CHIESA DI MODENA, CON IL VESCOVO CASTELLUCCI E LA DIREZIONE CARITAS DIOCESANA CON LE ISTITUZIONI LOCALI, RAPPRESENTATE DAL PREFETTO ALESSANDRA CAMPOROTA E DA ROBERTA PINELLI, ASSESSORA ALLE POLITICHE SOCIALI.
    Un dialogo che verrà stimolato da interrogativi e riflessioni poste da famiglie e persone che, nell’arco di questi mesi, hanno aperto le porte delle proprie abitazioni ai rifugiati in fuga dalla guerra. Parteciperanno al dialogo quindici famiglie che hanno aderito al progetto di accoglienze diffuse e solidali promosso da Caritas diocesana secondo le linee della Cei insieme ad altre esperienze di accoglienza realizzate nel territorio che, come vedremo, non si esauriscono nell’atto stesso dell’ospitalità ma aprono sentieri di incontro quotidiano con l’altro. (E.T.)

    FONTE: sito dell'Archidiocesi
    Virtus ex Alto

  9. #99
    Cronista di CR L'avatar di Carpense
    Data Registrazione
    Nov 2014
    Località
    Carpi
    Messaggi
    3,298

    News diocesane

    LA SFIDA DI SERVIRE CON GIOIA

    INAUGURATO SABATO SCORSO A GESÙ REDENTORE IL NUOVO ANNO PASTORALE

    «Solo un servizio gioioso, privo di affanni, è la vera testimonianza». Con queste parole nella chiesa di Gesù Redentore a Modena, l’arcivescovo Erio Castellucci ha dato avvio al nuovo anno pastorale, commentando il Vangelo e consegnando le linee guida per le comunità cristiana dell’arcidiocesi di Modena-Nonantola. Il testo di riferimento è stato il brano del Vangelo di Luca (10,38-42) che narra l’incontro di Gesù con Marta e Maria nella casa di Betania e costituisce il punto di riferimento del Sinodo dei vescovi italiani: don Giacomo Violi, direttore dell’Ufficio servizio biblico, ha condotto l’esegesi sul testo evangelico.

    (Testo completo sull'ultimo numero di Nostro Tempo, settimanale diocesano)

    - Dal sito diocesano -
    Virtus ex Alto

  10. #100
    CierRino
    Data Registrazione
    Apr 2012
    Località
    Italia
    Messaggi
    5,509
    Ho letto oggi della sospensione di due sacerdoti della chiesa di San Benedetto Abate. Non sono stati chiariti i motivi del provvedimento.

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
>