Lo Staff del Forum dichiara la propria fedeltà al Magistero. Se, per qualche svista o disattenzione, dovessimo incorrere in qualche errore o inesattezza, accettiamo fin da ora, con filiale ubbidienza, quanto la Santa Chiesa giudica e insegna. Le affermazioni dei singoli forumisti non rappresentano in alcun modo la posizione del forum, e quindi dello Staff, che ospita tutti gli interventi non esplicitamente contrari al Regolamento di CR (dalla Magna Charta). O Maria concepita senza peccato prega per noi che ricorriamo a Te.
Pagina 5 di 13 PrimaPrima ... 34567 ... UltimaUltima
Risultati da 41 a 50 di 123

Discussione: Costituzione apostolica di Papa Francesco "Praedicate Evangelium" sulla Curia Romana

  1. #41
    Cronista di CR L'avatar di Paolo_MS
    Data Registrazione
    Jan 2014
    Località
    Carrara
    Messaggi
    900
    Sono un giurista e mi associo ai commenti critici. Una Legge generale di questo tipo contiene troppi articoli molto sintetici che lasciano aperte le porte a varie interpretazioni.Alcune brevi considerazioni tra le tante .. chiedo venia per la lettura ancora sommaria del testo, non ho capito se in futuro i consultori saranno tutti laici.Vediamo le prime nomine..visto che molti degli attuali prefetti sono ampiamente scaduti.Credo che i prefetti continueranno ad essere nominati cardinali..anche perchè altrimenti quali saranno i cardinali residenti a Roma da convocare nei congressi dei dicasteri?Secondo me presto vedremo il primo prefetto donna. Comunque alcuni dicasteri possono prestarsi ad una guida laica (Comunicazione, Laici, economia, Sviluppo umano, Educazione) ..resta il tema dell'esonero o fin anche licenziamento che non è da sottovalutare.

  2. #42
    Collaboratore di "Dottrina della Fede" L'avatar di SantoSubito
    Data Registrazione
    Sep 2008
    Località
    Padova
    Età
    30
    Messaggi
    3,468
    Citazione Originariamente Scritto da Laus Deo Visualizza Messaggio
    Un'altra perla che fa capire con quanta approssimazione è stata scritta la Costituzione Apostolica è la seguente.

    Come tutti sappiamo, nel luglio scorso con il m.p. Traditionis custodes il Papa ha stabilito che «i libri liturgici promulgati dai santi Pontefici Paolo VI e Giovanni Paolo II, in conformità ai decreti del Concilio Vaticano II, sono l’unica espressione della lex orandi del Rito Romano» (art. 1), di conseguenza in tutto il m.p. non si parla più di "forma straordinaria", e anche il nostro forum ne ha preso atto, modificando di conseguenza il titolo del corrispondente sottoforum di Liturgia.

    Ora, nella nuova Costituzione Apostolica, all'art. 93 (nell'ambito della trattazione del Dicastero per il Culto Divino e la Disciplina dei Sacramenti) si stabilisce che «Il Dicastero si occupa della regolamentazione e della disciplina della sacra liturgia per quanto riguarda la forma straordinaria del Rito romano». È stato forse aggiornato Traditionis custodes?
    Qui nella Conferenza stampa è stato risposto: Mons. Mellino ha chiesto scusa perchè il testo è precedente a TC e non ha aggiornato. Quindi si, è stato corretto già in un certo senso. Certo che dover correggere un testo nel tempo record di 48 ore dalla pubblicazione...
    Crediamo in un solo Dio, non in un Dio solo!

  3. #43
    CierRino di diamante L'avatar di Servus Servorum
    Data Registrazione
    Dec 2009
    Località
    Aggius (SS) e Assisi (PG)
    Età
    48
    Messaggi
    17,097
    Citazione Originariamente Scritto da cisnusculum Visualizza Messaggio
    .... Peccato che a quasi ogni domanda, dopo aver chiesto lumi a Bruni dato che non ne ha mai capita una che fosse una...
    Forse il Card. Semeraro chiedeva continuamente lumi per il fatto che non ci sente bene e quindi non aveva capito appieno la domanda!
    Pace e Bene!

  4. #44
    Iscritto L'avatar di Sacro Collegio
    Data Registrazione
    Jan 2020
    Località
    Monza
    Età
    34
    Messaggi
    233
    Citazione Originariamente Scritto da Paolo_MS Visualizza Messaggio
    Sono un giurista e mi associo ai commenti critici. Una Legge generale di questo tipo contiene troppi articoli molto sintetici che lasciano aperte le porte a varie interpretazioni.Alcune brevi considerazioni tra le tante .. chiedo venia per la lettura ancora sommaria del testo, non ho capito se in futuro i consultori saranno tutti laici.Vediamo le prime nomine..visto che molti degli attuali prefetti sono ampiamente scaduti.Credo che i prefetti continueranno ad essere nominati cardinali..anche perchè altrimenti quali saranno i cardinali residenti a Roma da convocare nei congressi dei dicasteri?Secondo me presto vedremo il primo prefetto donna. Comunque alcuni dicasteri possono prestarsi ad una guida laica (Comunicazione, Laici, economia, Sviluppo umano, Educazione) ..resta il tema dell'esonero o fin anche licenziamento che non è da sottovalutare.
    Fosse stato per il Papa, il primo prefetto donna ci sarebbe stato già da tempo, ma ovviamente come fatto notare da altri utenti prima di me, per partecipare alla potestà di governo è necessario possedere certi "attributi".

    Anche io nel mio messaggio precedente in questo thread segnalavo che la modifica più problematica riguarda proprio questo termine "laici", che così scrive, ma potrebbe essere letto con "donne".

    Un mediocre canonista sa che per partecipare alla potestà di governo del Santo Padre, di cui la Curia romana è l'espressione massima, bisogna avere alcuni requisiti precisi.
    Ultima modifica di Sacro Collegio; 22-03-2022 alle 11:00

  5. #45
    Iscritto L'avatar di Sacro Collegio
    Data Registrazione
    Jan 2020
    Località
    Monza
    Età
    34
    Messaggi
    233
    Vorrei dare la mia impressone globale dopo aver letto con attenzione la Costituzione nuova.
    Tecnicamente vedo due problemi:
    1. la gerarchia delle fonti, la dove si presentano evidenti antinomie;
    2. il criterio dell'abrogazione (criterio temporale) che a mio avviso crea alcune lacune.
    Cercherò di approfondire meglio nelle prossime settimane.

    Ad esempio, per un semplice principio di diritto, potremmo porre la questione di una reviviscenza di SP, poiché questa Costituzione parla di forma straordinaria del rito romano, opera forse una abrogazione parziale di TC?

    L'impressione, poco tecnica e molto epidermica, è che si sia arrivati a questa promulgazione di corsa e in gran segreto: mi pare che la vaghezza di molte disposizioni sarà demolita dalla solidità giuridica delle altre norme ancora vigenti, che troveranno spazio nelle molte lacune di questa nuova Costituzione.
    Ultima modifica di Sacro Collegio; 22-03-2022 alle 11:10

  6. #46
    Collaboratore di "Dottrina della Fede" L'avatar di SantoSubito
    Data Registrazione
    Sep 2008
    Località
    Padova
    Età
    30
    Messaggi
    3,468

    Scusate se mi ripeto, ma c'è stata già stata la presa in carico dell'espressione "forma straordinaria". É stato detto chiaramente che è un refuso perché quel pezzo di testo è precedente a TC.

    Ci sono altre simpatiche perle, ma chiedo umilmente chi voglia commentarla di seguire (o di leggere) la presentazione, e soprattutto le domande, ad alcune cose è stata già data la risposta o almeno si comprende la vaghezza della norma.

    Per quanto riguarda le altre leggi, è ovvio che ora molte cose dovranno essere adattate a PE. Per esempio, penso immediatamente a Universi Dominici Gregis e s.m., quando parla della Camera Apostolica, o dei tre Cardinali, uno per ordine che devono essere eletti come collaboratori del Camerlengo.
    Crediamo in un solo Dio, non in un Dio solo!

  7. #47
    Iscritto L'avatar di Sacro Collegio
    Data Registrazione
    Jan 2020
    Località
    Monza
    Età
    34
    Messaggi
    233
    Citazione Originariamente Scritto da SantoSubito Visualizza Messaggio

    Scusate se mi ripeto, ma c'è stata già stata la presa in carico dell'espressione "forma straordinaria". É stato detto chiaramente che è un refuso perché quel pezzo di testo è precedente a TC.
    Se non fosse tragico, sarebbe comico.
    Parlare di refuso in un atto normativo va contro ogni principio base del diritto, tra cui, per esempio, la certezza del diritto.
    In questi casi la forma é anche sostanza.
    La Costituzione così è stata pubblicata, così la riceviamo.
    Le interpretazioni si fanno nelle aule di giustizia, non nelle sale stampa.
    Esibizione davanti ai giornalisti che è stata la cartina di tornasole di tutto il pressapochismo da cui siamo vittime ormai da anni.

    Questo è l'ennesimo esempio di confusione che regna sovrana nella Chiesa.

  8. #48
    Collaboratore di "Dottrina della Fede" L'avatar di SantoSubito
    Data Registrazione
    Sep 2008
    Località
    Padova
    Età
    30
    Messaggi
    3,468
    Citazione Originariamente Scritto da Sacro Collegio Visualizza Messaggio
    Se non fosse tragico, sarebbe comico.
    Parlare di refuso in un atto normativo va contro ogni principio base del diritto, tra cui, per esempio, la certezza del diritto.
    In questi casi la forma é anche sostanza.
    La Costituzione così è stata pubblicata, così la riceviamo.
    Le interpretazioni si fanno nelle aule di giustizia, non nelle sale stampa.
    Esibizione davanti ai giornalisti che è stata la cartina di tornasole di tutto il pressapochismo da cui siamo vittime ormai da anni.

    Questo è l'ennesimo esempio di confusione che regna sovrana nella Chiesa.
    Su questo, come puoi immaginare, concordo. Lo affermo da almeno 10 post .
    Crediamo in un solo Dio, non in un Dio solo!

  9. #49
    Saggio del Forum
    Data Registrazione
    Sep 2007
    Località
    Arcidiocesi di Milano
    Messaggi
    10,508
    Citazione Originariamente Scritto da Servus Servorum Visualizza Messaggio
    Forse il Card. Semeraro chiedeva continuamente lumi per il fatto che non ci sente bene e quindi non aveva capito appieno la domanda!
    Purtroppo questa è solo una aggravante al massimo. E' proprio questione di incompetenza e ignoranza (scusate se sono brutale ma è questa la sensazione di ogni volta che lo sento). Ad esempio a Bruni chiedeva cosa fossero le congregazioni generali del conclave che gli erano state chieste da un giornalista (per poi rispondere tanto per cambiare che non se lo ricordava). Per non parlare della figura infima che fa quando chiede a Bruni (e si sente benissimo) "chi è questo" dopo che Magister si è presentato. E potrei andare avanti a lungo ma non è il caso. Una riforma così complessa, lunga e articolata richiedeva la presenza di persone colte, preparate, competenti. E Semeraro non ha minimamente questi requisiti.

  10. #50
    Cronista di CR L'avatar di Salvator mundi
    Data Registrazione
    Oct 2018
    Località
    Sicilia
    Messaggi
    1,388
    Il “refuso” (così l’ha definito Mons. Mellino durante la conferenza stampa) sulla forma straordinaria del Rito Romano è stato corretto come segue:

    Il Dicastero si occupa della regolamentazione e della disciplina della sacra liturgia per quanto riguarda l’uso – concesso secondo le norme stabilite – dei libri liturgici precedenti alla riforma del Concilio Vaticano II.

    (Art. 93)

Tag per Questa Discussione

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
>