Lo Staff del Forum dichiara la propria fedeltà al Magistero. Se, per qualche svista o disattenzione, dovessimo incorrere in qualche errore o inesattezza, accettiamo fin da ora, con filiale ubbidienza, quanto la Santa Chiesa giudica e insegna. Le affermazioni dei singoli forumisti non rappresentano in alcun modo la posizione del forum, e quindi dello Staff, che ospita tutti gli interventi non esplicitamente contrari al Regolamento di CR (dalla Magna Charta). O Maria concepita senza peccato prega per noi che ricorriamo a Te.
Pagina 2 di 2 PrimaPrima 12
Risultati da 11 a 17 di 17

Discussione: Disciplina dei Sacramenti

  1. #11
    Saggio del Forum L'avatar di Laus Deo
    Data Registrazione
    Jan 2008
    Località
    Bologna
    Età
    58
    Messaggi
    2,473
    Citazione Originariamente Scritto da Abbas S:Flaviae Visualizza Messaggio
    Ripeto il diritto è quello di ricevere la Comunione, punto, tutto il resto è contingenza.
    Non esistono diritti a ricevere la Comunione in mano, in bocca o sub utraque.
    Se veramente comprendessimo la grandezza del dono che ci viene fatto con l'Eucaristia non ci faremmo problemi a riceverla neanche se il sacerdote la tirasse su dal fango, tutte queste fisime, mascherate di "santo timore", fanno capire quanto ancora non abbiamo capito nulla di questo grande mistero.
    Fatta salva la situazione della pandemia (che è, questa sì, contingenza) riconosciuta anche da cattoliciromani333, ritengo doveroso sottolineare che in condizioni di normalità, quindi - lo ripeto a scanso di equivoci - prescindendo dall'attuale situazione di pandemia, quanto affermato da Abbas non è vero, e c'è un preciso diritto del fedele di ricevere la Comunione in bocca, mentre è il riceverla in mano che rappresenta l'eccezione, possibile solo se la Conferenza episcopale locale lo ha consentito e purché non ci sia rischio di profanazione. Lo dice chiaramente il n. 92 dell'istruzione Redemptionis Sacramentum: «Benché ogni fedele abbia sempre il diritto di ricevere, a sua scelta, la santa Comunione in bocca, se un comunicando, nelle regioni in cui la Conferenza dei Vescovi, con la conferma da parte della Sede Apostolica, lo abbia permesso, vuole ricevere il Sacramento sulla mano, gli sia distribuita la sacra ostia. Si badi, tuttavia, con particolare attenzione che il comunicando assuma subito l’ostia davanti al ministro, di modo che nessuno si allontani portando in mano le specie eucaristiche. Se c’è pericolo di profanazione, non sia distribuita la santa Comunione sulla mano dei fedeli».

  2. #12
    Moderatore e Cronista di CR L'avatar di Abbas S:Flaviae
    Data Registrazione
    Apr 2009
    Località
    Civitas Calatanisiadensis
    Messaggi
    9,527
    Citazione Originariamente Scritto da Laus Deo Visualizza Messaggio
    quanto affermato da Abbas non è vero, e c'è un preciso diritto del fedele di ricevere la Comunione in bocca
    Il termine, utilizzato in Redemptionis Sacramentum è "ius", la cui traduzione ha particolari sfaccettature che vanno lette alla luce dei due numeri 91 e 92.
    L'utilizzo è reso necessario dalle regole linguistiche ma non va inteso come diritto da impugnare, tanto che il numero dell'Istitutio Generalis, a cui la nota fa riferimento, non parla affatto di diritto. Dice infatti:

    "Se la Comunione si fa sotto la sola specie del pane, il sacerdote, eleva alquanto l’ostia e la presenta a ciascuno dicendo: Il Corpo di Cristo. Il comunicando risponde: Amen, e riceve il sacramento in bocca o, nei luoghi in cui è stato permesso, sulla mano, come preferisce. Il comunicando appena ha ricevuto l’ostia sacra, la consuma totalmente".

    Da questo numero è chiaro che, come tutti sappiamo, la prassi è quella di ricevere il sacramento in bocca e, laddove è permesso (ormai praticamente ovunque), sulla mano.
    L'Istitutio, più opportunamente della RS, parla di "preferenza" non di diritto, che sono due cose assai diverse.
    Il numero, peraltro, è identico sia nella Seconda che nella Terza edizione del Messale Romano, ed è quindi l'indicazione più recente, che fa fede sulle altre.

    L'Istitutio, di fatto, pone la preferenza alla stregua di un diritto, dicendo che bisogna assecondare la preferenza del fedele, ma la differenza fra diritto e preferenza è che un diritto si esercita a prescindere in virtù della facoltà di pretendere, che deriva da una particolare condizione, mentre la preferenza è sempre frutto di una concessione.

    Non so se adesso è più chiaro il motivo per cui dico - e ripeto - che il diritto è quello di ricevere la Comunione, il "come" non è un diritto ma una preferenza.
    vi prego, vi imploro con umiltà e con fiducia – permettete a Cristo di parlare all’uomo.

  3. #13
    Saggio del Forum L'avatar di Laus Deo
    Data Registrazione
    Jan 2008
    Località
    Bologna
    Età
    58
    Messaggi
    2,473
    Personalmente ritengo discutibile questa interpretazione di "ius"; così come non ritengo che tra RS 92 e le due stesure (seconda e terza) della Institutio ci sia difformità, per cui è secondario disquisire su quale sia l'indicazione più recente.
    In ogni caso, anche usando la tua terminologia, mi pare evidente che la Institutio consente di esercitare la "preferenza" per la Comunione ricevuta in bocca sempre e dovunque, mentre quella per la Comunione ricevuta in mano solo dove è stato permesso; che poi ciò sia "praticamente ovunque" è secondario, tanto più che il permesso dato a suo tempo potrebbe teoricamente essere revocato, diversamente dalla possibilità della Comunione in bocca che non nasce da un permesso accordato.

  4. #14
    Moderatore e Cronista di CR L'avatar di Abbas S:Flaviae
    Data Registrazione
    Apr 2009
    Località
    Civitas Calatanisiadensis
    Messaggi
    9,527
    Citazione Originariamente Scritto da Laus Deo Visualizza Messaggio
    In ogni caso, anche usando la tua terminologia, mi pare evidente che la Institutio consente di esercitare la "preferenza" per la Comunione ricevuta in bocca sempre e dovunque, mentre quella per la Comunione ricevuta in mano solo dove è stato permesso
    Non ho mai detto il contrario, sei tu che hai introdotto la questione delle mani, io ho solo specificato che pretendere la Comunione in bocca come un "diritto" è errato e va contro le indicazioni. Se l'Istitutio (2020) non ha ritenuto di modificare il termine "preferenza" in "diritto" (2004), significa che quel termine non è stato ritenuto idoneo a spiegare cosa si intende con quella indicazione, quindi è più che mai utile disquisire sulle questioni temporali.
    Non possiamo prendere le leggi che piacciono a noi da qualunque tempo senza considerare cosa è accaduto dopo.
    vi prego, vi imploro con umiltà e con fiducia – permettete a Cristo di parlare all’uomo.

  5. #15
    Saggio del Forum L'avatar di Laus Deo
    Data Registrazione
    Jan 2008
    Località
    Bologna
    Età
    58
    Messaggi
    2,473
    Citazione Originariamente Scritto da Abbas S:Flaviae Visualizza Messaggio
    Non ho mai detto il contrario, sei tu che hai introdotto la questione delle mani,
    Veramente sei stato tu a scrivere

    Citazione Originariamente Scritto da Abbas S:Flaviae Visualizza Messaggio
    Ripeto il diritto è quello di ricevere la Comunione, punto, tutto il resto è contingenza.
    Non esistono diritti a ricevere la Comunione in mano, in bocca o sub utraque.
    e io ho ribattuto a questa tua affermazione.
    Anche la questione del succedersi di disposizioni ritenute non consonanti è di lana caprina: o la Congregazione per il Culto Divino, a cui si deve sia l'Institutio sia Redemptionis Sacramentum, è schizofrenica, e oggi dice una cosa diversa da ieri per poi tornare domani a quel che ha detto ieri, oppure bisogna concludere che la "preferenza" (termine utilizzato nel 1970 e poi nel 2002 [2008]) è equivalente al termine "diritto" utilizzato nel 2004.
    Per inciso, l'ultimo intervento è precisamente quello del 2004 (RS), in quanto l'Institutio della terza edizione del Messale è del 2002; al 2008 risale una reimpressio emendata, ma senza modifiche nel testo della Institutio.
    In ogni caso, qui come tante altre volte in passato, non mi interessa proseguire in polemiche che facilmente rischiano di essere sterili. Ciascuno di noi due ha espresso il suo punto di vista, e chi legge potrà farsi la sua opinione sulla questione. Io non intendo intervenire ulteriormente.

  6. #16
    Gran CierRino di Platino e Diamanti L'avatar di sere85
    Data Registrazione
    Mar 2010
    Località
    provincia Brescia
    Età
    36
    Messaggi
    10,530
    Citazione Originariamente Scritto da cattoliciromani333 Visualizza Messaggio
    Continueranno a perseguitare chi umilmente vuole riceverla sulla Lingua?
    Quando ricevevo la Comunione pre covid la ricevevo quasi sempre sulla lingua (in minuscolo), come molti qui dentro. Mai stata perseguitata per questo.
    A volte mi sembra di vivere su un altro pianeta.
    Chi vuol esser lieto sia, di doman non c'è certezza

  7. #17
    Moderatore e Cronista di CR L'avatar di Abbas S:Flaviae
    Data Registrazione
    Apr 2009
    Località
    Civitas Calatanisiadensis
    Messaggi
    9,527
    Citazione Originariamente Scritto da Laus Deo Visualizza Messaggio
    Veramente sei stato tu a scrivere
    e io ho ribattuto a questa tua affermazione.
    Hai ribattuto come se io avessi scritto che ricevere la Comunione in mano è un diritto e in bocca non lo è, ma ho scritto questo? mi pare proprio di no:

    Citazione Originariamente Scritto da Abbas S:Flaviae Visualizza Messaggio
    Non esistono diritti a ricevere la Comunione in mano, in bocca o sub utraque.
    Impara a leggere bene ciò che scrivono gli altri.


    Citazione Originariamente Scritto da Laus Deo Visualizza Messaggio
    Anche la questione del succedersi di disposizioni ritenute non consonanti è di lana caprina
    ...
    In ogni caso, qui come tante altre volte in passato, non mi interessa proseguire in polemiche che facilmente rischiano di essere sterili. Ciascuno di noi due ha espresso il suo punto di vista, e chi legge potrà farsi la sua opinione sulla questione. Io non intendo intervenire ulteriormente.
    Da quanto esistono le "regole", laddove vi siano più indicazioni su una questione, fa fede l'indicazione più recente. Non è questione di lana caprina, né polemica, né tantomeno punto di vista.
    Ripeto e dico che non esiste un diritto (inteso come qualcosa su cui avanzare una pretesa) sul modo in cui si riceve la Comunione. Il diritto del Cristiano è quello di avere accesso ai Sacramenti, il modo in cui questo accesso avviene dipende dalle varie contingenze del momento.
    Se un cristiano ha veramente il desiderio di far Comunione con il Signore, non guarda a queste cosucce secondarie e davvero inutili.
    L'impossibilità per mesi di ricevere la Santa Comunione avrebbe dovuto avere l'effetto di farci comprendere l'importanza del Sacramento e, invece, poniamo l'attenzione sull'inutile contorno delle cose. E' davvero penoso e vergognoso.
    C'erano santi che piangevano pensando alla mirabilità dell'Eucaristia e noi facciamo i piagnoni perché non ci vogliono dare la Comunione in bocca...
    Fai bene a non intervenire ulteriormente, perché non c'è proprio nient'altro da dire.
    vi prego, vi imploro con umiltà e con fiducia – permettete a Cristo di parlare all’uomo.

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
>