Lo Staff del Forum dichiara la propria fedeltà al Magistero. Se, per qualche svista o disattenzione, dovessimo incorrere in qualche errore o inesattezza, accettiamo fin da ora, con filiale ubbidienza, quanto la Santa Chiesa giudica e insegna. Le affermazioni dei singoli forumisti non rappresentano in alcun modo la posizione del forum, e quindi dello Staff, che ospita tutti gli interventi non esplicitamente contrari al Regolamento di CR (dalla Magna Charta). O Maria concepita senza peccato prega per noi che ricorriamo a Te.
Pagina 2 di 31 PrimaPrima 123412 ... UltimaUltima
Risultati da 11 a 20 di 303

Discussione: Le celebrazioni con il popolo dopo la fine dello stato di emergenza per COVID-19

  1. #11
    CierRino di platino L'avatar di Pellegrina
    Data Registrazione
    Nov 2010
    Località
    a casa mia
    Età
    68
    Messaggi
    13,261
    Citazione Originariamente Scritto da Verbum Domini Visualizza Messaggio
    Senza voler far polemica e andando un po’ OT, non ricevere Gesù da più di due anni quando ogni giorno, ogni domenica si ha la possibilità bellissima di riceverlo la vedo francamente come una assurdità. Ci sono modi per ricevere l’Eucarestia senza che Essa tocchi la mano. Fare la Comunione Spirituale quando si ha Gesù davanti vuol dire rifiutare il Suo amore e lo vedo come una cosa profondamente sbagliata e (scusatemi) da non seguire assolutamente..
    Condivido ogni parola!! Un conto è avere delle preferenze, delle particolari esigenze (?), un altro è privarsi di ricevere Gesù Eucarestia solo per principio, senza un valido motivo!
    Il Signore è il mio pastore, non manco di nulla (Salmo 23)

  2. #12
    Cronista di CR L'avatar di PaoVac
    Data Registrazione
    Nov 2007
    Località
    Archidioecesis Taurinensis
    Età
    48
    Messaggi
    8,091
    Ma poi, scusa, qual è il problema di ricevere la comunione sulla mano??
    Quid quaeritis viventem cum mortuis? (Lc 24, 5)

  3. #13
    CierRino L'avatar di Verbum Domini
    Data Registrazione
    Jul 2020
    Località
    Casa mia
    Età
    20
    Messaggi
    6,232
    Citazione Originariamente Scritto da PaoVac Visualizza Messaggio
    Ma poi, scusa, qual è il problema di ricevere la comunione sulla mano??
    "perchè è un sacrilegio"
    "è peccato mortale"

    Queste sono le scuse più utilizzate.
    Amare Dio è, dunque, un viaggiare col cuore verso Dio! (Beato Giovanni Paolo I)

  4. #14
    Cronista di CR L'avatar di Laudato Si’
    Data Registrazione
    Jan 2020
    Località
    Bergamo.
    Messaggi
    21,856
    Posto che concordo pienamente con Verbum, mi permetto di ricordare che ricevere l’Eucaristia almeno una volta all’anno (a Pasqua) è un precetto della Chiesa, la cui osservanza obbliga sotto peccato grave (questo, sì, è un peccato grave reale, non inventato come nell’atteggiamento di chi considera il peggior delitto ricevere la Comunione in mano). Siccome so che tu, Pivialista, sei caratterizzato da una sensibilità molto tridentina e tradizionalista, mi permetto di ricordare cosa afferma il Catechismo Romano al riguardo: «Per evitare che taluni diventino troppo negligenti e tardi a ricevere questo sacramento, con il pretesto che la preparazione al medesimo è troppo grave e difficile, i fedeli devono essere avvertiti che tutti sono obbligati a ricevere l’Eucaristia. Anzi la Chiesa ha stabilito che coloro i quali non si comunicheranno almeno una volta l’anno, a Pasqua, siano espulsi dalla Chiesa» (n. 231). Ed è un precetto non perché lo dice la legge, ma perché il Signore disse che non ha in sé la vita chi non mangia la Carne e beve il Sangue del Figlio dell’uomo (cfr. Gv 6, 53). L’uomo che non riceve mai l’Eucaristia priva sé stesso di tantissime grazie che Dio gli offre ed ha più probabilità di cedere alle tentazioni dell’antico avversario.
    E, no, andare a cercare coloro che disobbediscono alle norme per potersi comunicare in bocca non è una soluzione corretta.
    Regina Sacratissimi Rosarii,
    ora pro nobis.




  5. #15
    Moderatore Globale L'avatar di Ambrosiano
    Data Registrazione
    May 2006
    Località
    Milano
    Messaggi
    11,968
    Per favore, non ricominciamo con tutta la polemica che era già stata fatta qualche pagina fa.

    Pivialista, secondo me sbagliando per un senso di devozionismo errato, non ha detto che non ha fatto più la Comunione.
    Ha detto che non l'ha fatta nella sua parrocchia.
    Dato che, a quanto sembra, frequenta le celebrazioni in rito antico, l'avrà fatta con sua estrema gioia colà, nel modo tradizionale (tradizionale nel senso deteriore del termine).

    Prendiamo nota e passiamo oltre che i problemi son ben altri e più seri.

  6. #16
    Veterano di CR L'avatar di Pivialista
    Data Registrazione
    Jun 2015
    Località
    Arcidiocesi di Milano
    Età
    22
    Messaggi
    1,649
    Come ha giustamente sottolineato Ambrosiano, il mio messaggio è stato confuso e non è la prima volta che accade. Dire “Non mi comunico in parrocchia” non significa “Non mi comunico”. Ciò detto, il mio post non voleva essere sulla comunione in mano in generale, ma sugli sviluppi futuri delle indicazioni della CEI. Ho dato la mia previsione, indipendentemente da come la si possa pensare in merito.

  7. #17
    Cronista di CR L'avatar di Laudato Si’
    Data Registrazione
    Jan 2020
    Località
    Bergamo.
    Messaggi
    21,856
    Intanto la Diocesi di Bergamo, conformemente a quanto indicato dalla CEI, ha pubblicate le proprie norme su come regolarsi dopo la cessazione dello stato d’emergenza:
    https://diocesibg.it/coronavirus-att...in-parrocchia/.
    Regina Sacratissimi Rosarii,
    ora pro nobis.




  8. #18
    Gran CierRino di Platino e Diamanti L'avatar di sere85
    Data Registrazione
    Mar 2010
    Località
    provincia Brescia
    Età
    36
    Messaggi
    10,675
    https://www.diocesi.brescia.it/aggio...rus-quaresima/

    Anche la Diocesi di Brescia ha copiato paro paro le line guida della cei riguardo la Settimana Santa e alle celebrazioni in generale.
    Trovo inutile il "non partecipi alle celebrazioni chi ha sintomi influenzali.." io non andavo a Messa neppure pre covid quando ero malata, ma magari il resto del mondo si dato che hanno sentito il bisogno di specificarlo.

    Hanno sottolineato di esortare la partecipazione in presenza e di limitare le riprese e dirette delle celebrazioni.... eggià... dopo 2 anni a dire che tanto è uguale, che Dio è ovunque, che si può pregare anche a casa, che una Messa alla TV e una in presenza si equivalgono, che la Comunione spirituale è uguale all'altra mi sà che ci vorrà qualcosa di più di una sottolineatura su un foglio....
    Chi vuol esser lieto sia, di doman non c'è certezza

  9. #19
    Veterano di CR L'avatar di Pivialista
    Data Registrazione
    Jun 2015
    Località
    Arcidiocesi di Milano
    Età
    22
    Messaggi
    1,649
    Nella gloriosa arcidiocesi di Milano si perpetua purtroppo la costrizione della S. Eucarestia in mano. Un contributo, di critica, ma soprattutto di proposta: (https://www.ecclesiadei.it/comunione...lla-normalita/) cosa che mi fa molto arrabbiare è che le critiche presentate da chi è in linea col mio pensiero sono sempre propositive, con nuove proposte...ma tutte rigettate! Ma allora, dove cavolo si trovano la sinodalità, il processo decisionale che coinvolge i laici...?

  10. #20
    Moderatore L'avatar di Carbonate
    Data Registrazione
    Nov 2010
    Località
    Carbonate
    Messaggi
    8,778
    Citazione Originariamente Scritto da Pivialista Visualizza Messaggio
    Nella gloriosa arcidiocesi di Milano si perpetua purtroppo la costrizione della S. Eucarestia in mano. Un contributo, di critica, ma soprattutto di proposta: (https://www.ecclesiadei.it/comunione...lla-normalita/) cosa che mi fa molto arrabbiare è che le critiche presentate da chi è in linea col mio pensiero sono sempre propositive, con nuove proposte...ma tutte rigettate! Ma allora, dove cavolo si trovano la sinodalità, il processo decisionale che coinvolge i laici...?
    Sulle Comunioni non mi pronuncio oltre. Credo che - come abbiamo detto più volte - la fine dello stato di emergenza non è la fine della pandemia: è solo il passaggio da una gestione emergenziale ad una gestione - finalmente - ordinaria di un virus che continua a circolare e che continua a rappresentare un pericolo per le (ancora tante) persone senza copertura vaccinale per scelta o perché costrette dalle condizioni di salute. Siccome quello che ci aspetta adesso è una fase transitoria, l'invito alla prudenza che la stessa CEI ha fatto nel dettare le sue linee guida deve essere la stella polare in tutte le scelte che si faranno nelle prossime settimane, da parte di tutti e in tutti i campi. Tutti abbiamo voglia di lasciarci definitivamente alle spalle questi due anni ma troppe fughe in avanti rischiano di farci tornare non al punto di partenza - perché a quello, grazie ai vaccini, alle opzioni di cura e alle conoscenze che abbiamo acquisito è improbabile che ci torneremo - ma a situazioni meno rosee di quelle che oggi possiamo prevedere per l'immediato futuro.

    Sul resto dell'articolo mi permetto: "le acquasantiere le si deve continuare a tenere vuote, contro ogni evidenza scientifica"... quando mai?

    Già da molto prima della pandemia, con sommo dispiacere, ma io avevo smesso di infilare la mano nelle acquasantiere, perché mi è capitato di guardarci dentro più di una volta per svuotarle e sostituire l'acqua, e se si lascia passare troppo tempo tra una pulizia e l'altra - soprattutto nei mesi estivi - in quell'acqua ci si trova la vita. E non in senso spirituale...

    É esattamente il contrario: sostenere che un contenitore di acqua ferma nella quale centinaia di persone diverse infilano le mani non possa essere un veicolo di contagio - di questo o di qualsiasi altro patogeno - è contro ogni evidenza scientifica.

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
>