Lo Staff del Forum dichiara la propria fedeltà al Magistero. Se, per qualche svista o disattenzione, dovessimo incorrere in qualche errore o inesattezza, accettiamo fin da ora, con filiale ubbidienza, quanto la Santa Chiesa giudica e insegna. Le affermazioni dei singoli forumisti non rappresentano in alcun modo la posizione del forum, e quindi dello Staff, che ospita tutti gli interventi non esplicitamente contrari al Regolamento di CR (dalla Magna Charta). O Maria concepita senza peccato prega per noi che ricorriamo a Te.
Risultati da 1 a 2 di 2

Discussione: “La Breccia di Porta Pia. Raccolta di Studi nel 150° anniversario (1870-2020)”.

  1. #1
    Cronista di CR L'avatar di Laudato Si’
    Data Registrazione
    Jan 2020
    Località
    Bergamo.
    Messaggi
    20,854

    “La Breccia di Porta Pia. Raccolta di Studi nel 150° anniversario (1870-2020)”.

    Pontificio Comitato di Scienze Storiche


    Presentazione del libro

    La Breccia di Porta Pia. Raccolta di Studi nel 150° anniversario (1870-2020)


    Pontificio Collegio Teutonico in Vaticano

    20 aprile 2022, ore 17:00


    Comunicato Stampa

    Il Pontificio Comitato di Scienze Storiche promuove, in collaborazione con l’Istituto di Studi Politici «S. Pio V» di Roma, la presentazione del volume «La Breccia di Porta Pia. Raccolta di Studi nel 150° anniversario (1870-2020)», a cura di Francesco Anghelone, Pierantonio Piatti ed Emilio Tirone, pubblicato nella Collana «Atti e Documenti», per i tipi della Libreria Editrice Vaticana.

    In occasione del 150° anniversario dell’episodio di Porta Pia e a poco più di 90 anni dalla firma dei Patti Lateranensi, attraverso questa Miscellanea di Studi internazionale e pluridisciplinare si è desiderato offrire un aggiornamento storiografico e un approccio libero da condizionamenti ideologici all’analisi di un evento storico nonché delle sue conseguenze, che hanno inciso sulla storia successiva del Papato, della Santa Sede e delle relazioni della Chiesa cattolica con le diverse componenti del mondo civile su scala mondiale. Come mai prima, infatti, la figura del Papa divenne, nel mondo intero, quella del Padre Universale, libero da ogni interesse particolare legato ad un suo Stato, e proteso verso l’umanità tutta. Sul versante istituzionale, dopo il 1870 numerosi Stati mantennero una propria rappresentanza diplomatica presso la Santa Sede, che continuò a essere soggetto operante nella comunità internazionale, anche se priva di un proprio territorio. Gli Studi raccolti in questo volume consentono di ripercorrere con certezza documentaria i complessi eventi che ormai 150 anni fa avviarono il progressivo cambiamento nelle relazioni internazionali del Papato con il mondo, un cambiamento che nella memoria storica della Santa Sede si è compiuto certamente sotto l’azione della Provvidenza, come posto in rilievo nella Prolusione al volume di S.E.R. Card. Pietro Parolin, Segretario di Stato di Sua Santità.

    Aprono la presentazione del volume i Saluti di Bernard Ardura, Presidente del Pontificio Comitato di Scienze Storiche, del Gen. B. Fulvio Poli dello Stato Maggiore dell’Esercito e del Prof. Paolo De Nardis, Presidente dell’Istituto di Studi Politici «S. Pio V» di Roma. Intervengono i Professori Francesco Bonini, Magnifico Rettore della LUMSA-«Libera Università Maria SS.ma Assunta» di Roma, e Massimo De Leonardis dell’Università Cattolica del S. Cuore di Milano. Il Prof. Alberto Melloni della Fondazione per le Scienze Religiose «Giovanni XXIII» di Bologna pronuncerà delle parole conclusive.

    La partecipazione è consentita unicamente a quanti in possesso di Certificazione verde Covid-19 (Super Green Pass). La registrazione previa va effettuata scrivendo all’indirizzo di posta elettronica: applicato@historia.va

    Modalità di accreditamento: I giornalisti e gli operatori Media che intendono partecipare devono inviare richiesta, entro 24 ore dall’evento, alla email: pierantonio.piatti@gmail.com

    […].


    «Facciamo che la nostra vita sia una luce di Cristo;
    insieme porteremo la luce del Vangelo all’intera realtà» (Papa Francesco).



  2. #2
    Moderatore e Cronista di CR L'avatar di Abbas S:Flaviae
    Data Registrazione
    Apr 2009
    Località
    Civitas Calatanisiadensis
    Messaggi
    9,542
    Quanti controsensi che siamo costretti a leggere ogni giorno, così tanti che spesso neanche ce ne accorgiamo.
    Nella nota si afferma che si tratta di uno studio "libero da condizionamenti ideologici", ma proprio nel periodo successivo si afferma: "Come mai prima, infatti, la figura del Papa divenne, nel mondo intero, quella del Padre Universale, libero da ogni interesse particolare legato ad un suo Stato, e proteso verso l’umanità tutta".
    Cosa non totalmente falsa, ma nel modo di esprimerla chiaramente frutto di un condizionamento ideologico, soprattutto nell'inciso "libero da ogni interesse particolare legato ad un suo Stato".
    Come diceva il buon nonno Libero: "Una parola è troppa e due sono poche!".
    vi prego, vi imploro con umiltà e con fiducia – permettete a Cristo di parlare all’uomo.

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
>