Lo Staff del Forum dichiara la propria fedeltà al Magistero. Se, per qualche svista o disattenzione, dovessimo incorrere in qualche errore o inesattezza, accettiamo fin da ora, con filiale ubbidienza, quanto la Santa Chiesa giudica e insegna. Le affermazioni dei singoli forumisti non rappresentano in alcun modo la posizione del forum, e quindi dello Staff, che ospita tutti gli interventi non esplicitamente contrari al Regolamento di CR (dalla Magna Charta). O Maria concepita senza peccato prega per noi che ricorriamo a Te.
Pagina 1 di 20 12311 ... UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 197

Discussione: San Francesco d'Assisi, diacono, patrono d’Italia

  1. #1
    CierRino L'avatar di Marcianus
    Data Registrazione
    Jul 2006
    Località
    Garbatella MA ANCHE Irlanda
    Età
    38
    Messaggi
    5,243

    San Francesco d'Assisi, diacono, patrono d’Italia

    San Francesco d’Assisi
    diacono, fondatore dei tre Ordini, patrono d’Italia



    Francesco nasce ad Assisi nell'inverno del 1182 da Pietro di Bernardone e Madonna Pica, una delle famiglie più agiate della città.
    Il padre commerciava in spezie e stoffe. La nascita di Francesco lo coglie lontano da Assisi, mentre era in Provenza, occupato nella sua professione. La madre scelse il nome di Giovanni, nome che fu subito cambiato in Francesco quando tornò il padre. La fanciullezza trascorse serenamente in famiglia e Francesco potè studiare il latino, il volgare, il provenzale e la musica; le sue note insieme alle sue poesie, furono sempre apprezzate nelle feste della città. Il padre desiderava avviarlo al più presto all'attività del commercio. Un giorno era intento nel fondaco paterno a riassettare la merce quando alla porta si presentò un mendicante che chiedeva elemosina in nome di Dio. Dapprima Francesco lo scacciò in malo modo, ma poi pentitosi lo seguì e raggiuntolo vi si intrattenne, scusandosi ed elargendogli dei denari. All'età di vent'anni partecipò alla guerra tra Assisi e Perugia, e fu fatto prigioniero. La prigionia e gli stenti plasmarono l'animo del giovane e più il corpo si indeboliva, più cominciava a subentrare in lui il senso della carità e del bene verso gli altri.Tornò a casa gravemente malato e solo le amorevoli cure della madre ed il tempo lo ristabilirono, ma la vita spensierata, che nel frattempo aveva riassunto, gli sembrò vuota. Spinto da idee battagliere decise di seguire un condottiero nel sud Italia, ma giunto a Spoleto, ebbe un'apparizione del Signore, che gli ordinava di tornare indietro, fu questo l'inizio di una graduale conversione. Durante una breve permanenza a Roma si spogliò dei suoi abiti e dei denari, più tardi in Assisi davanti ad un lebbroso non fuggì come facevano tutti, ma gli si avvicinò e lo baciò. Gli amici lo schernivano e deridevano, il padre manifestava apertamente la sua delusione, solo la madre lo confortava. Francesco scelse il silenzio e la meditazione tra le campagne e le colline di Assisi, facendo spesso tappa nella Chiesetta di San Damiano nei pressi della città, e il crocifisso che era nella cappellina gli parlò: "Va, ripara la mia casa che cade in rovina". Francesco vendette allora le stoffe della bottega paterna e portò i denari al sacerdote di San Damiano, ma l'ira di Pietro di Bernardone costrinse Francesco a nascondersi. La diatriba col padre fu risolta solo con l'intervento del Vescovo di Assisi, davanti al quale Francesco rinuncia a tutti i beni paterni. Cominciò un periodo di spostamenti: di quel periodo è l'episodio del lupo di Gubbio, un animale che incuteva terrore e morte ammansito dalle parole del santo. Le gesta di Francesco non passarono inosservate e dopo qualche tempo, si affiancarono i primi seguaci: Bernardo da Quintavalle, Pietro Cattani, poco dopo Egidio e Filippo Longo. Le prime esperienze con i compagni si ebbero nella piana di Assisi, nel Tugurio di Rivotorto e alla Porziuncola, tutti i compagni vestivano come Francesco di un saio e di stracci. La data ufficiale della nascita dell'Ordine dei Frati Minori è il 1210 quando Francesco ed i compagni vengono ricevuti dal papa Innocenzo III che verbalmente approva la Regola. Il Papa, in sogno, ebbe la visione della Basilica Lateranense in rovina ed un uomo che la sorreggeva per evitarne la distruzione, quell'uomo era Francesco. Iniziano i contatti con Chiara d'Assisi e nasce così l'Ordine delle Povere Dame di San Damiano, chiamate Clarisse dopo la morte di Chiara. Nel 1213 Francesco riceve dal Conte Orlando di Chiusi il Monte della Verna. Inizia la sua predicazione a più lungo raggio che lo spinge a recarsi in Marocco, ma una malattia lo ferma in Spagna. Nel 1216 ottiene da Onorio III l'indulgenza della Porziuncola, Il Perdono di Assisi, la più importante della cristianità dopo quella di Terra Santa. Nel 1219 Francesco parte per Acri e Damietta al seguito della crociata e giunge in Egitto alla corte del sultano Melek el-Kamel, per poi raggiungere la Palestina. Nel frattempo l'Ordine ha i suoi primi martiri, uccisi in Marocco. Nel 1220 Francesco torna ad Assisi dove i suoi ideali di povertà, di carità, di semplicità hanno fatto presa su molti, inizia così un nuovo ciclo di predicazioni in tutta Italia. A Fontecolombo, nei pressi di Rieti, redige una nuova Regola, approvata poi da Onorio III. A Greccio, in dicembre, istituisce il Presepio, una tradizione cara alla cristianità. Nel 1224 sul Monte della Verna riceve le stimmate, il segno di Cristo e della santità. Francesco è stanco ed ammalato, il peregrinare per le predicazioni l'ha provato fuori misura, viene così curato a San Damiano, ospite di Chiara e delle Sorelle. Qui compone il Cantico delle Creature opera di alta religiosità e lirismo, che contiene tutti gli ideali dell'umiltà e della grandezza francescana. Sentendo prossima la fine terrena, Francesco si fa portare alla Porziuncola, in Santa Maria degli Angeli, dove muore al tramonto della giornata del 3 ottobre 1226.
    Il 16 luglio di due anni dopo veniva dichiarato Santo dal papa Gregorio IX.


    Fonte: Ordine dei Frati Minori, Provincia Siciliana del Ss.mo Nome di Gesù.
    www.ofmsicilia.it

    ------------------------------------------------------------------------------------------------------

    Altra biografia dal sito: www.san-francesco.it

    San Francesco d'Assisi nacque ad Assisi nel 1182 ca. e morì nel 1226. Giovanni Francesco Bernardone, figlio di un ricco mercante di stoffe, istruito in latino, in francese, e nella lingua e letteratura provenzale, condusse da giovane una vita spensierata e mondana; partecipò alla guerra tra Assisi e Perugia, e venne tenuto prigioniero per più di un anno, durante il quale patì per una grave malattia che lo avrebbe indotto a mutare radicalmente lo stile di vita: tornato ad Assisi nel 1205, Francesco si dedicò infatti a opere di carità tra i lebbrosi e cominciò a impegnarsi nel restauro di edifici di culto in rovina, dopo aver avuto una visione di san Damiano d'Assisi che gli ordinava di restaurare la chiesa a lui dedicata.

    Il padre di Francesco, adirato per i mutamenti nella personalità del figlio e per le sue cospicue offerte, lo diseredò; Francesco si spogliò allora dei suoi ricchi abiti dinanzi al vescovo di Assisi, eletto da Francesco arbitro della loro controversia. Dedicò i tre anni seguenti alla cura dei poveri e dei lebbrosi nei boschi del monte Subasio. Nella cappella di Santa Maria degli Angeli, nel 1208, un giorno, durante la Messa, ricevette l'invito a uscire nel mondo e, secondo il testo del Vangelo di Matteo (10:5-14), a privarsi di tutto per fare del bene ovunque.

    Tornato ad Assisi l'anno stesso, Francesco iniziò la sua predicazione, raggruppando intorno a sé dodici seguaci che divennero i primi confratelli del suo ordine (poi denominato primo ordine) ed elessero Francesco loro superiore, scegliendo la loro prima sede nella chiesetta della Porziuncola. Nel 1210 l'ordine venne riconosciuto da papa Innocenzo III; nel 1212 anche Chiara d'Assisi prese l'abito monastico, istituendo il secondo ordine francescano, detto delle clarisse. Intorno al 1212, dopo aver predicato in varie regioni italiane, Francesco partì per la Terra Santa, ma un naufragio lo costrinse a tornare, e altri problemi gli impedirono di diffondere la sua opera missionaria in Spagna, dove intendeva fare proseliti tra i mori.

    Nel 1219 si recò in Egitto, dove predicò davanti al sultano, senza però riuscire a convertirlo, poi si recò in Terra Santa, rimanendovi fino al 1220; al suo ritorno, trovò dissenso tra i frati e si dimise dall'incarico di superiore, dedicandosi a quello che sarebbe stato il terzo ordine dei francescani, i terziari. Ritiratosi sul monte della Verna nel settembre 1224, dopo 40 giorni di digiuno e sofferenza affrontati con gioia, ricevette le stigmate, i segni della crocifissione, sul cui aspetto, tuttavia, le fonti non concordano.

    Francesco venne portato ad Assisi, dove rimase per anni segnato dalla sofferenza fisica e da una cecità quasi totale, che non indebolì tuttavia quell'amore per Dio e per la creazione espresso nel Cantico di frate Sole, probabilmente composto ad Assisi nel 1225; in esso il Sole e la natura sono lodati come fratelli e sorelle, ed è contenuto l'episodio in cui il santo predica agli uccelli. Francesco, che è patrono d'Italia, venne canonizzato nel 1228 da papa Gregorio IX. Viene sovente rappresentato nell'iconografia tradizionale nell'atto di predicare agli animali o con le stigmate.
    Ultima modifica di Marcianus; 17-10-2009 alle 15:25

  2. #2
    Adriana 53
    visitatore
    Sul Serafico Padre ci sarebbe da scrivere enciclopedie su enciclopedie e rimarrebbero delle cose da scoprirte.
    Io sono Terziaria Francescana dal 1978. Il mio attuale avatar è l'Immagine di Santa Elisabetta d'Ungheria Patrona dell'OFS.
    Dal 1978 ad oggi, la gioia di essere francescana è sempre in aumento e di tutto ciò ne ringrazio il Signore.

  3. #3
    Bannato
    Data Registrazione
    Dec 2006
    Età
    38
    Messaggi
    43,267
    Secondo voi, il famoso episodio della vita di S.Francesco ossia la conversione del lupo a Gubbio, riguarda un lupo vero e proprio oppure come alcuni affermano un assassino detto "Il lupo" e quindi convertito dal Santo?

  4. #4
    Senatore del Forum Metafisica L'avatar di Marcus2007
    Data Registrazione
    Mar 2007
    Località
    Ex Stato Pontificio
    Messaggi
    335
    Questo è per me un grandissimo giorno, preghiamo tutti e molto!
    Il mio santo preferito! Grazie di aver postato la sua biografia!

  5. #5
    qualcuno mi saprebbe dire se la celebrazione del Transito di San Francesco ha un rito proprio e codificato (magari cortesemente anche postando le preghiere previste! grazie!) o se essendo una funzione di carattere devozionale è lasciata alla libera iniziativa di chi la celebra? grazie!

  6. #6
    Iscritto L'avatar di Nuovo Cerimoniere
    Data Registrazione
    Jun 2007
    Località
    Apulia
    Età
    33
    Messaggi
    199
    Grazie Signore x la straordinaria figura di S.Francesco. Aiutaci con il suo esempio a dire di no alle facili comodità che la vita ci offre, aiutaci a essere sempre contemplatori del tuo Creato, aiutaci sempre a chiamare gli altri con il nome di fratello.
    San Francesco, prega x noi..

  7. #7
    Iscritto L'avatar di utunumsint
    Data Registrazione
    Jan 2007
    Località
    Diocesi di Francoforte(D)
    Età
    51
    Messaggi
    397
    grazie Signore per Francesco.
    e per i tantissimi santi francescani conosciuti e sconosciuti
    ut

  8. #8
    Gran CierRino L'avatar di Ismael
    Data Registrazione
    Oct 2007
    Località
    Groningen
    Età
    42
    Messaggi
    8,393
    Da alcuni è adirittura stato nominato il 'Secondo Cristo'

    Ovviamente cosa esagerata ma che dimostra l'impatto che questo santo ha avuto sulla Chiesa.

  9. #9
    Iscritto L'avatar di Nuovo Cerimoniere
    Data Registrazione
    Jun 2007
    Località
    Apulia
    Età
    33
    Messaggi
    199
    Esiste un antico detto medievale che dice: Cor Christi, Cor Francisci. Egli ha saputo cogliere appieno il messaggio di umiltà dettato da Nostro Signore...

  10. #10
    Veterano di CR L'avatar di Humus
    Data Registrazione
    Sep 2007
    Località
    Monferrato
    Età
    37
    Messaggi
    1,073

    San Francesco - Dolciniani ed eresie

    Salve cercavo due libri. Una buona biografia su San Francesco, prima di tutto. Intendo leggibile più che ben dettagliata.

    Un libro che tratti le varie eresie, o in particolare i dolciniani.

Discussioni Simili

  1. Risposte: 242
    Ultimo Messaggio: 15-07-2020, 22:55
  2. San Francesco - Dolciniani ed eresie
    Di Humus nel forum Lo Scaffale di CR
    Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 02-04-2008, 17:36
  3. Domande su San. Francesco D'Assisi
    Di panzerkardinal nel forum Storia della Chiesa e Agiografia
    Risposte: 7
    Ultimo Messaggio: 01-10-2006, 19:39

Tag per Questa Discussione

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •